Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

10/07/20
MERIDIAN DAWN
The Fever Syndrome

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
EXECUTIONERS MASK
Despair Anthems

10/07/20
INTER ARMA
Garber Days Revisited

10/07/20
ROAD SYNDICATE
Smoke

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
BATTLE DAGORATH
Abyss Horizons

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

NICKO MCBRAIN - Centro Turistico Integrato, Atri, 06/11/2002
10/11/2002 (8014 letture)
Per tutti i fan degli Iron Maiden il 6 novembre 2002 sarà una data sicuramente da ricordare: un centinaio di persone sono presenti ad assistere alla clinic del mitico batterista dei Maiden. Forse ci si sarebbe aspettata una maggiore affluenza, ma considerando che il luogo non era molto conosciuto, trattandosi di un piccolo paese non facilmente raggiungibile e che il giorno era in mezzo alla settimana, si può comunque affermare che si è trattato di un successo, anche grazie al coinvolgimento che Nicko ha saputo immediatamente trasmettere ai presenti.
Serata davvero fredda, già alle ore 19 era presente fuori dal palazzetto un nutrito gruppo di metallari i quali danno segni di comprensibile insofferenza dovuta all’attesa al freddo, in quanto i cancelli verranno aperti solo alle ore 20:30
Si comincia a suonare alle 21:00 quando a salire sul palco sono un gruppo di black metal melodico locale; ma l’attesa è tutta per Nicko McBrain, il quale fa la sua comparsa sul palco alle ore 22:00.
Dopo i saluti al pubblico che lo acclama ad alta voce, il batterista comincia a deliziare le orecchie dei presenti con la sua tecnica; la prima sorpresa della serata avviene quando Nicko attacca con “The wicker man” che non passa inosservata al pubblico il quale segue il batterista cantando i cori, con McBrain che sta al gioco, alzandosi dalla batteria e incitando la gente.
Dopo l’iniziale dimostrazione, Nicko si avvicina al pubblico e tra una battuta e l’altra si prodiga a impartire lezioni di tecnica sui singoli componenti della sua batteria; si dimostra molto esauriente e sicuramente i ragazzi accorsi a vederlo non potranno che essere stati soddisfatti della serata dal momento che quel burlone di Nicko non si è dimostrato solo uno sterile insegnante, ma deve essergli dato pure merito di aver coinvolto il pubblico in maniera davvero esaltante!
In questo frangente, Nicko ci presenta la batteria, una Premiere di formato “ridotto” rispetto quella che usualmente utilizza dal vivo con i Maiden: la descrizione è davvero accurata tant’è che McBrain non tralascia davvero nulla, dal legno di cui è composta, dal tipo di pelli, passando per le bacchette e il pedale!
Da notare che Nicko suonerà per tutto il tempo, clinic e concerto, a piedi nudi!
E per tornare al discorso della simpatia che lo caratterizza, non si può non menzionare almeno la “scenetta”, molto apprezzata da tutti i presenti, quando invita i batteristi a esercitarsi sempre, in quanto, da testuali parole, le bacchette non sono necessarie per imparare a suonare bene la batteria…e allora assistiamo quel matto di Nicko che per farci comprendere ciò che intende dire si abbassa i pantaloncini e mimando come se fosse in bagno, seduto sul…ehm…gabinetto, fa vedere che spesso molti di noi usualmente leggiamo, mentre lui ci consiglia di esercitarci con mani e piedi, tenendo il tempo…allo splash dell’acqua del water! Immenso Nicko!
E cosi, tra un suggerimento, una battuta e altre dimostrazioni alla batteria (tra cui una “Where eagles dare” eseguita per intero), la clinic termina dopo poco più di un’ora e ci si prepara ad assistere al concerto ancora in sua compagnia.
Dopo circa dieci minuti ecco salire sul palco gli Anthenora con alla batteria sempre lui, Mr McBrain! Si comincia subito alla grande con “The number of the Beast”, con il classico intro a irrompere l’attesa dei presenti.
All’inizio l’accoglienza è un po’ tiepida in quanto la maggior parte dei presenti non conosce gli Anthenora, una della tantissime cover band degli Iron ma sicuramente dei ragazzi in gamba con tantissima esperienza live sulle canzoni dei Maiden (e chi è di Torino può confermare quanto siano seguiti).
La band si presenta subito in forma e così vengono proposti alcuni tra i più grandi classici della Vergine di Ferro, ovvero “22 Acacia Avenue”, “Heaven can wait”, “2 minute to midnight”, “Wrathchild”, “Fear of the dark” amatissima e cantata da tutti, “Hallowed be thy name”, “The trooper” con il cantante a imitare Dickinson, sventolando la bandiera inglese e italiana.
Il concerto volge quasi al termine, se ne ha il sentore quando il chitarrista attacca con il riff straconosciuto di “Iron Maiden”! È un boato, neanche la security questa volta riesce a tenere a freno il pogo, nelle precedenti songs riuscito a contenere a malapena.
Ma quando si pensa che il concerto sia terminato, ecco rispuntare tutti sul palco per salutarci con “Running free”!
Che dire, la soddisfazione era evidente sul viso di tutti ma a chi credeva che la serata fosse finita ci pensa ancora una volta Mr McBrain che non facendo assolutamente pesare il fatto di suonare in una band di fama come gli Iron Maiden, si trattiene ancora a firmare autografi, fare foto e stringere le mani.
Nicko McBrain non ha dimostrato di essere solo un bravo musicista ma un gran signore per cominciare, cortese e disponibile verso il proprio pubblico: un grande!
Vorrei concludere ringraziando Stefania e Giovanna dello staff che scontrandosi contro la gretta burocrazia per aver voluto portare a tutti i costi un personaggio del calibro di Nicko McBrain in un piccolo centro come Atri, si sono prodigate perché la serata volgesse nel migliore dei modi: io credo che queste iniziative vanno incoraggiate e sostenute le persone che le portano avanti con tanta costanza soprattutto in un paese come l’Italia dove l’Heavy Metal è tenuto ancora ai margini: spero tanto che possano venir loro date altre possibilità.

See ya!




IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Nicko McBrain
ARTICOLI
10/11/2002
Live Report
NICKO MCBRAIN
Centro Turistico Integrato, Atri, 06/11/2002
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]