Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

CONCERTI

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

HYBRID CIRCLE - # 5 - Progetto Esca
16/02/2011 (2133 letture)
PROGETTO ESCA
Il droide ci abbandonò quasi subito e questo fatto ci tirò giù il morale, anche se grazie a quella esperienza scoprimmo molte cose. Fummo costretti a cominciare la progettazione e la preparazione di una nuova missione esterna per recuperare un nuovo Liberatore. Intanto la situazione in superficie iniziò a mettersi abbastanza male. Le zone limitrofe alla Tana cominciarono ad essere “visitate” sempre più spesso dai Liberatori. Questo si rivelò un perché non potemmo salire in superficie nei tempi previsti. Sperammo che la situazione tornasse alla normalità, cioè, due o massimo tre Liberatori nella zona, e questa volta la fortuna girò dalla nostra parte. Probabilmente l’affluenza anomala dei Liberatori fu solo un controllo a tappeto di routine.

Seguimmo le istruzioni del droide per costruire la trappola che ci avrebbe garantito la cattura di un nuovo Liberatore. Prendemmo lo stesso VWC con il fucile elettrico per l’attacco alle guardie di “The Hole” e Derek preparò le bobine per la generazione del campo elettromagnetico. Tutto fu pronto in pochi giorni e decidemmo, quindi, di appostarci in superficie di notte e di attendere l’alba. Questo fu necessario in quanto non avevamo a disposizione le batterie per attivare le bobine e di conseguenza l’utilizzo di un pannello solare fu una scelta obbligata. Uscimmo solo io e Harvey, Derek restò a casa per sorvegliare il materiale. Le informazioni in nostro possesso erano diventate troppo importanti e non potevamo permetterci nessun imprevisto.
Appena usciti in superficie sistemammo le bobine sotto terra e le collegammo ai pannelli solari. Fu una notte insolitamente tranquilla, la terra in superficie ci sembrò quasi casa nostra ed allo stesso tempo ci sentimmo soli, piccoli e spauriti. Io ebbi la sensazione di combattere un esercito di immortali con una fionda e non sapevo se questa sarebbe stata abbastanza forte da abbattere CyberVAC.
Forse la notte era davvero insolita come sembrava, lo sguardo di Harvey era strano, sembrava parlarmi ma io non riuscivo a capirlo. Lo sorpresi spesso mentre mi osservava come se stesse per rivolgermi la parola, ma non lo fece mai, così decisi di rispondere io al suo sguardo.
≪Avanti Harvey, che c’è? Ti vedo turbato. Ti va di parlarne?≫
Parlare a volte fa male≫
≪Non penserai che io non ti capisca?≫
≪Non potresti capirmi nemmeno in dieci vite. Vedi ragazzo, voglio solo dirti che io durante il mio percorso ho visto le cose più orribili≫
Lo guardai ancora una volta curiosamente, sempre come se fosse la prima volta. I suoi occhi erano troppo magnetici per distogliere lo sguardo, così dissi: ≪Harvey, qualcosa non va. Prenditela con le persone che vivono nella tana, prenditela con i liberatori, prenditela anche con me. Però immagino che c’è qualcosa che non è andato nel tuo passato≫
≪Ah, il passato. Io non ce l’ho il passato, ed un uomo senza passato è destinato a non avere nemmeno un futuro≫
≪Dimmi Harvey, se sempre stato solo?-
≪No≫
≪È forse questo che ti turba? Evidentemente se non sei stato sempre solo quella o quelle persone ti mancano molto≫
≪Avrebbe la tua età ora≫
≪Stai parlando del ragazzo nell’ologramma, vero? È per quello che ti sei arrabbiato quando l’abbiamo toccato? Non volevi che si rompesse?≫
≪No, non sto parlando di un semplice oggetto. Sto parlando di mio figlio, il mio passato ed il mio futuro. Non mi sono arrabbiato per paura che si rompesse, mi sono arrabbiato per paura che voi lo capiste. Nessuno sa niente di me e quindi nessuno può ferirmi. Ho sofferto per anni prima di costruirmi questa corazza e voi in poco tempo siete riusciti ad annientarla≫
≪Forse perchè tu hai voluto annientarla. Come si chiamava?≫
≪Si chiamava, Thomas ed aveva la tua stessa curiosità, e purtroppo fu proprio quella ad ucciderlo. Morì in una missione esterna a causa di un liberatore. Thomas usciva da solo proprio come faccio io. Un giorno lo vidi uscire e non lo vidi più tornare, così decisi di andarlo a cercare. Impiegai giorni per trovare i suoi resti. Fui costretto ad onorarlo li dove lo trovai≫
≪E dov’è ora?≫
≪Li, nella città vecchia. Molto vicino al luogo dove avete trovato i libri≫
≪Per questo motivo uscivi da solo?≫
≪Si, iniziai ad uscire da solo perchè avevo bisogno di andarlo a trovare. Molte volte mi scontrai con i liberatori, e fu proprio questo che mi indusse a continuare il lavoro di mio figlio. Quei rottami maledetti oltre ad avermi tolto mio figlio non mi permettevano nemmeno di andarlo a piangere. Il mio obiettivo è alimentato dalla pura vendetta, non mi interessa la libertà, mentre tu, come mio figlio, vuoi combatterli per restituire la libertà a tutti≫
≪Non dire così, sono convinto che vogliamo entrambi la stessa cosa!≫
≪Si, ma il sentimento che la anima è diverso. Guarda Lex, si sta facendo giorno ed i pannelli si stanno attivando. Prepariamoci≫

La nottata fu carica di emozioni. Harvey mise allo scoperto il suo passato ed io capii la provenienza della sua determinazione. Fui felice di vedere che quel pazzo si fidava di me, ma allo stesso tempo ebbi paura di un suo possibile crollo. La vicenda del figlio probabilmente lo tormentava spesso ed allora più che mai. Mi resi conto che Harvey stette proiettando l’immagine di suo figlio su di me e questo poteva essere un ostacolo alle mie azioni, temevo che potesse diventare iperprotettivo nei miei confronti. Inizialmente sarei dovuto andare con Derek, ma Harvey insistette per venire al posto suo, ed iniziai a comprenderne le ragioni. Lui non volle che io corressi dei rischi, voleva proteggermi.
Insieme al sole si alzò il vento e con lui la sabbia. Non mi era mai successo prima di provare questa sensazione. Tutti i miei sensi furono offuscati, avevo paura. D’un tratto sentii Harvey sussurrarmi che qualcosa si muoveva all’orizzonte. Forse i liberatori avevano captato l’ombra localizzatore di uno dei nostri VWC.

≪È il momento Lex, attiva i sensori ottici. Voglio vederlo in faccia! Attiva anche le bobine per generare il campo elettromagnetico, io mi posizionerò nel mezzo, così il liberatore cadrà in trappola!≫
≪Harvey non c’è bisogno che tu resti li! Vieni via!≫
≪Fai quello che ti ho detto, Lex! E’ una questione personale≫

E prima che io potessi controbattere, Harvey strappò il fucile elettrico dal VWC ed inizio a correre in contro al liberatore. In tutto quel turbine di avvenimenti persi l’attimo fondamentale per attivare il campo elettromagnetico.

≪Harvey! Vieni via! Il campo elettromagnetico non è attivo!≫
≪Attiva quelle maledette bobine, Lex! Al resto ci penso io!≫

Le bobine si attivarono, ma il liberatore era già fuori dal raggio di azione, Harvey stava andando incontro ad una morte certa. Fu allora che mi sorprese, era un vecchio che correva più di un giovane, ma non era solo questo che mi stupì. Harvey si girò di scatto, mirò al petto del liberatore e scaricò una serie di impulsi che lo riportarono nel campo elettromagnetico, e mentre il liberatore si dimenava per liberarsi Harvey si avvicinò con passo sicuro e puntando il fucile a bruciapelo sulla testa del Liberatore, scaricò l’intera potenza del fucile sul cervello del droide, disattivandolo. Immediatamente corsi verso di lui per posizionare la gabbia attorno al Liberatore.

≪Fanculo! Sei un vecchio pazzo! Volevi farti ammazzare? Speriamo che non l’hai danneggiato con quella scarica!≫
≪Lex, sono anni che non mi sento così vivo! Non togliermi questa soddisfazione! Anzi, ti dirò di più. Lo dobbiamo rifare!≫
≪Allora è vero quello che pensa la gente di te. Tu sei pazzo da legare!≫

L’avevamo catturato. Caricammo la gabbia sul VWC e ci dirigemmo di corsa verso la tana.
Il piano prevedeva un diversivo per rientrare con il droide senza che nessuno ci notasse, Derek si era piazzato vicino ad un imbocco della tana in attesa di un nostro segnale. Quando avrebbe visto il riflesso di uno specchio avrebbe tagliato i cavi principali del generatore di corrente della tana. E così fu. La tana entrò nel caos totale, la gente scappava in tutte le direzioni e la paura fu persino maggiore di quella causata dal furto nel “The Hole”. Il blackout non durò molto, ma ci diede il tempo di rientrare senza essere visti.
Forse quella volta oltrepassammo il limite ed i saggi probabilmente sarebbero andati al fondo della questione. Dovemmo nascondere tutto ancora una volta.



IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Il vero volto di Hybrid Circle
RECENSIONI
70
70
ARTICOLI
14/10/2014
Intervista
HYBRID CIRCLE
Questioni di Fede
31/05/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 12 - CySquare Zero / Epilogo
17/05/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 11 - Mai Più Come Prima
02/05/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 10 - L'assalto
18/04/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 9 - La Fabbrica
02/04/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 8 - Il PIano Di CyberVac
18/03/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 7 - Gioco di Squadra
02/03/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 6 - Saggi, Popolo e Saggezza Popolare
16/02/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 5 - Progetto Esca
02/02/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 4 - Non Tanto Diversi Da Noi
15/01/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 3 - Il Predicatore
03/01/2011
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 2 - Ouverture 209
15/12/2010
Articolo
HYBRID CIRCLE
# 1 - Una Buona Ragione Per Fuggire
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]