Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/20
STEVE HACKETT
elling England By The Pound & Spectral Mornings: Live at Hammersmith

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
TRANSCENDENCE
Towards Obscurities Beyond

25/09/20
ATLAS
Parallel Love

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

PINO SCOTTO + CRIMSONWIND - Zsa Zsa, Palermo, 18/02/2011
26/02/2011 (5356 letture)
Gran bella serata quella dello scorso 18 Febbraio allo Zsa Zsa Mon Amour in compagnia di Pino Scotto e dei CrimsonWind. Una piovosissima Palermo ci riserva un'accoglienza inusualmente umida, ma un paio di birre provvedono a riattivare prontamente la circolazione, censura assoluta invece sugli arancini locali. Dopo qualche piacevole convenevole con i CrimsonWind ed un'ora circa di attesa trascorsa in maniera rilassata chiacchierando con i ragazzi intervenuti, Pino arriva al locale, ma di quanto accaduto dietro le quinte parleremo in separata sede.

Tocca ovviamente ai CrimsonWind aprire le ostilità, con il loro power metal di stampo classico e di sapore Teutonico. Fresca di uscita del loro primo Cd ufficiale (anche di questo parleremo in separata sede) la band mostra un certo spessore tecnico, causato dalla presenza in formazione di elementi come Claudio Florio, drummer dei Trinakrius, Emanuele "Izzy" Bonura dei Der Geist ed altre band, Alessio Taormina (Thy Majestie), più Niky Zummo ed il nuovo tastierista Diego Galati, ambedue elementi noti nel giro metal-rock Palermitano. L'esibizione della band ha sofferto di un settaggio acustico imperfetto, relativo in particolare alla sproporzione dei volumi tra chitarra e tastiera, con la prima costantemente a soverchiare il resto della strumentazione, e la seconda talvolta ai limiti dell'udibile, con conseguente resa sonora contenuta. Del resto è risaputo che nei locali è sempre difficile trovare un equilibrio acustico accettabile, ed in ogni caso il pubblico non ha mostrato di patirne molto. La band padrona di casa si è data molto da fare, potendo contare su un robusto set, su un buon front-man, su una cifra tecnica di cui ho già detto, e su una partecipazione calorosa degli astanti che non si sono risparmiati nello scatenare un discreto mosh nei primi metri sotto lo stage. Sul palco in qualità di ospite anche Fabio Sparacello degli Ephenya, in occasione dell'esecuzione di Rain From The Universe . L'unica nota un po' stonata: gli applausi fomentati a tratti da bordo palco che, se possono essere accettati come nota di colore all'interno di una esibizione davanti ai propri concittadini, potrebbero risultare diversamente in altri contesti, ma è un particolare. L'esibizione dei CrimsonWind ad ogni modo si è conclusa tra meritati applausi.

Sala che si riempie quasi al massimo della capienza per Pino Scotto e la sua band, e concerto che mantiene in pieno le forti aspettative del pubblico Palermitano. Quella del club è probabilmente la dimensione più congeniale sia alla musica che al personaggio Scotto, che in questa dimensione trova molto più facilmente quello stretto contatto col pubblico che è fondamentale per scambiare l'energia posta alla base della sua proposta musicale. La platea ha dimostrato chiaramente di apprezzare lo slancio e la convinzione dei musicisti, ripagandoli con momenti di massiccio e generale mosh; larga profusione di cori per brani conosciuti evidentemente a memoria, con tanto di microfono lasciato per qualche tratto ad alcuni esponenti della prima fila. In particolare i momenti con la maggiore partecipazione del pubblico sono stati quelli relativi alle esecuzioni di Get Up Shake Up,Piazza San Rock, Diatribal Rock e per la conclusiva We Want Live Rock'n'Roll. Non posso però esimermi dal sottolineare che, per ciò che mi riguarda, il meglio offerto dall'audience è rappresentato dallo spettacolo del quale godevo da fondo palco, riguardante una deliziosa ragazza la cui mise striminzita e la posizione sdraiata sullo stage, mi consentiva una visione... a tutto tondo, e devo aggiungere che né Pino né gli altri sembravano infastiditi dalla sua presenza. Considerazioni "di contorno" a parte, sul palco Pino è incontenibile e ne ha per tutti, tra le solite invettive contro il governo, il perbenismo, le veline, l'ignoranza generale, le considerazioni contro chi quella sera era a vedere San Remo (il concerto coincideva con la serata finale del Festival) i ladri di rock rappresentati da Ligabue, Vasco, etc, ma soprattutto contro la piaga delle cover band; il concerto è stato un continuo flusso di adrenalina pura sulle note dei migliori pezzi tratti dai suoi album solisti, (in particolare dagli ultimi due) ed alcuni estratti ad hoc dalla produzione targata Vanadium e Fire Trails. Immancabile la solita bottiglia di Jack Daniel’s posta a fondo palco, da cui il rocker non ha mancato di attingere con continuità per tutta la serata. Molto coesa, convinta e palesemente divertita la band, con Frank Kopo a far da solito, affidabile metronomo al basso, Steve Volta preciso e rasoiante alla chitarra ed ai cori, e Marco Di Salvia -del quale ho apprezzato lo stile molto "ampio" e spettacolare- devastante dietro le pelli, in particolare durante il suo assolo. Finale dell'esibizione con platea letteralmente in delirio e fisicamente difficile da contenere fuori dal palco, insomma: tutti contenti.

Conclusione della serata rilassata ed informale con l'intera band che, dopo un breve riposo in camerino, non si è affatto sottratta al contatto con la gente, non lesinando a nessuno una foto ricordo o una parola. Un tipo di concerto che amo molto vedere, e che ancora una volta dimostra come il metal possa produrre un'atmosfera di fratellanza e di condivisione, che molto difficilmente può essere replicato in altri contesti ed in questi termini. Brave ambedue le band, bravo il pubblico, e bravi anche noi, che sfidando un'autostrada ai limiti della praticabilità (un viaggio molto... rock) siamo riusciti a coprire l'evento.

SETLIST CRIMSONWIND
Endless Déjà vu
Hold Your Dreams
I Want Out (Helloween cover)
Rain From The Universe
Abyss of Fire
Black Sheep (Sonata Arctica cover)
Rebirth
Mask of Hatred


SETLIST PINO SCOTTO
Quore di RNR
Morta è La Città
Fighter
Get Up Shake Up
Spaces And Sleeping Stones
On Fire
Piazza San Rock
Come Noi
Che Figlio di Maria
Diatribal Rock
Tempi Lunghi
Il Grido Disperato Di 1000 Band
We Want Live RNR


Foto: Carmelo Currò.



5th Horseman
Sabato 26 Febbraio 2011, 18.01.53
11
Io li ho visti al Lido delle Nazioni l'anno scorso, è stata una serata veramente piacevole. Musicalmente la band spacca e Pino tiene ancora duro, vocalmente parlando.
AdemaFilth
Sabato 26 Febbraio 2011, 17.35.05
10
Certo, si scherza ovviamente...
Raven
Sabato 26 Febbraio 2011, 17.02.19
9
Non ho detto che era un'ochetta, anzi, era una ragazza molto simpatica. La foto c'è, ma la tengo per me, non mi pare il caso di pubblicare qualcosa senza il consenso dell'interessata.
AdemaFilth
Sabato 26 Febbraio 2011, 17.00.21
8
Beh potevi anche farla una foto all'ochetta!
Raven
Sabato 26 Febbraio 2011, 16.32.17
7
Lui da la sua opinione, ma almeno quando si tratta di un live report dovrebbe essere in discussione la qualità del suo concerto, poi il personaggio ha i suoi pregi e i suoi difetti. Mi pare che si spari su Pino a prescindere, ormai sento sempre più raramente un giudizio musicale, quasi solo giudizi sulla persona.
Flag Of Hate
Sabato 26 Febbraio 2011, 16.09.17
6
@Raven: a me pare che sia lui a gettare fiele contro tutto & tutti!
Raven
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.37.40
5
Non so... sento sempre troppo astio verso di lui.
Goran
Sabato 26 Febbraio 2011, 15.02.14
4
@ Io - il tuo commento è molto interessante
Flag Of Hate
Sabato 26 Febbraio 2011, 14.16.20
3
I casi sono due: o è un vecchio signore pieno di rancore e livore verso TUTTO il mondo, o uno scaltro musicista che coltiva il suo persoaggio, la sua maschera pirandelliana di "antitutto". Mi risulta pure simpatico, a tratti, ma sembra un Beppe Grillo versione rock gerontocratico. Sugli ultimi 2 album, poi, meglio stendere il proverbiale velo pietoso.
zoso82
Sabato 26 Febbraio 2011, 14.12.40
2
francamente, io ho sempre adorato i vanadium, ma ma non vado troppo matto per il progetto solista di pino scotto.
Io
Sabato 26 Febbraio 2011, 14.00.15
1
Ancora 'sto buffone di Pino Scotto. Troppo facile prendersela con tutti, con una platea di imbecilli che ti applaude solo per le sentenze gratuite e le scemenze che escono dalla tua bocca. A Palermo poi tutti vogliono essere protagonisti, ormai i concerti metal sono diventati come le serate in discoteca dove ci si vuol mettere in mostra, e poco interessa della musica e della qualità di essa. Idioti!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina del concerto
ARTICOLI
26/02/2011
Live Report
PINO SCOTTO + CRIMSONWIND
Zsa Zsa, Palermo, 18/02/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]