Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/10/18
MORBID MESSIAH
Demoniac Paroxysm

23/10/18
BAD BONES
High Rollers

26/10/18
BLOODBATH
The Arrow of Satan is Drawn

26/10/18
HOLY SHIRE
The Legendary Shepherds of the Forest

26/10/18
ICARUS WITCH
Goodbye Cruel World

26/10/18
FIFTH ANGEL
The Third Secret

26/10/18
KMFDM
Live In The USSA

26/10/18
CARCHARODON
Bukkraken

26/10/18
EISREGEN
Fegefeuer

26/10/18
WESTFIELD MASSACRE
Salvation

CONCERTI

22/10/18
HALESTORM
ALCATRAZ - MILANO

25/10/18
KILLING JOKE
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

26/10/18
HOLY SHIRE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

26/10/18
THOMAS SILVER + SMALL JACKETS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/10/18
AEVUM + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

27/10/18
LIFE OF AGONY
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

27/10/18
INFERNAL FORCES
LIVE CLUB - TREZZO SULL`ADDA (MI)

27/10/18
GLI ATROCI
SOUND CLUB - MILANO

27/10/18
AFFLUENTE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

27/10/18
BARBARIAN + INGROWN
CSOA ANGELINA CARTELLA - REGGIO CALABRIA

NECRODEATH + RAZA DE ODIO + DATAKILL + SHAKE WELL BEFORE - Bulldog, Serra Riccò (GE), 05/03/2011
10/03/2011 (2404 letture)
Il 5 marzo poteva essere una data importantissima per il metal genovese: una città che molto ha dato alla musica, sia in termini metal (giusto per citarne alcune, vorrei ricordare nomi quali Sadist, Spite Extreme Wing e, per l'appunto, i protagonisti di questo live report) che extra-metal (una scena cantautorale senza pari in Italia, e non solo), ma che ha sempre sofferto di una notevole apatia per quanto riguarda il settore live, relegato a locali spesso decentrati e destinati ad accogliere sparuti fedelissimi.

Poteva, e in parte lo è stata, grazie all'apporto di quattro band locali -due più o meno emergenti e due più affermate- seriamente determinate a dare il massimo per difendere l'orgoglio metal ligure, nonostante problemi di vario tipo.

SHAKE WELL BEFORE
L'apertura della serata, giunta puntualissima alle 22.00, tocca ai Shake Well Before, band piuttosto giovane -sia come formazione che come età media- che ci propone sonorità vicine al deathcore, in cui grande protagonista -anche a causa di suoni tutt'altro che ben bilanciati- è il cantante Silvio Musso, molto bravo sia in growl che in scream -nonostante alcune incursioni su clean vocals a mio avviso da riconsiderare- e dotato di una grande presenza scenica che sopperisce alla staticità dei compagni. Il tempo a disposizione è molto poco e non ci si riesce a fare una grande idea sulla loro proposta, che nonostante appaia un po' monotona in fase di songwriting beneficia di una buona prestazione tecnica di tutto il comparto strumentale, in grado di dare la giusta carica a brani sicuramente trascinanti. A conti fatti la band supera la difficile di prova di iniziare a scaldare gli ancora pochi presenti, e per questo ci sentiamo di promuoverli.

DATAKILL
Dopo un rapido cambio di palco entrano in scena i Datakill, band con diversi anni di attività alle spalle; essendo i ragazzi che compongono questo trio miei compaesani e amici, mi tiro in disparte e lascio parlare di loro il mio compagno di viaggio Diego Trubia "Er Trucido":

Il secondo gruppo a salire sul palco sono i sanremesi Datakill, autori di un hardcore furioso con inserti melodici e cantato in italiano. Purtroppo la loro esibizione è penalizzata dai volumi, troppo alti quelli della batteria e delle voci, con chitarra e basso in secondo piano. Anche sul palco sembra che i suoni non siano regolati bene, dato che entrambi i cantanti si lamentano per l'impossibilità di sentirsi dalle spie. Nonostante i problemi tecnici il trio fa il suo ed ha il merito di radunare un po' di gente sotto il palco, il tempo a disposizione sfuma rapidamente ed è l'ora di un nuovo cambio di palco.

RAZA DE ODIO
Il ruolo di opener più importante spetta ai genovesi (anche loro) Raza De Odio, autori di un thrash/death metal con influenze "particolari": la presenza di una chitarra classica aggiunge al risultato totale una componente latino-americana ben resa anche grazie a suoni finalmente davvero buoni (non a caso le ultime due band avevano a disposizione un fonico differente rispetto alle prime), e l'ottima prova di Christo Machete dietro le pelli fornisce una strabordande irruenza agli ottimi brani proposti; in generale comunque più che buono il lavoro di tutta la band, dall'ottimo Zanna, aggressivo in pieno stile death/thrash a tutto il comparto ritmico; degna di nota l'esecuzione di una gran cover di Matando Gueros degli storici Brujeria, forse non conosciuta da tutti i presenti -almeno valutando le reazioni all'annuncio- ma accolta molto bene.

NECRODEATH
Il cambio di palco è ancora molto veloce, e dopo pochi minuti il dialogo dell'opener di 100% Hell -che, vi ricordo, vede come guest nientemeno che un tale Cronos- scalda l'atmosfera per l'entrata sul palco della storica band, che avviene sulle note di Forever Slaves, ottimo brano opener accolto a gran voce dal pubblico, nonostante una partecipazione ancora solo "parziale" (niente pogo e un po' di vuoto nelle immediate vicinanze del palco). L'atmosfera si fa comunque sempre più accesa grazie alla grande presenza scenica della band: Flegias non è solo ottimo nell'interpretare i brani vocalmente, ma è anche dotato di una mimica facciale molto "teatrale", perfettamente adottata al contesto; il vero trascinatore è però il bassista GL, sempre impegnato a fomentare i presenti invocando la partecipazione di tutti.

La band è decisa a fornire un concerto tirato e devastante, in piena obbedienza al proprio thrash/black metal furioso che da oltre 20 anni scuote l'Italia, e la prestazione dei quattro ragazzi non conosce quasi sosta: l'esecuzione dei brani è solo raramente interrotta da dialoghi di Flegias col pubblico, mentre numerosi pezzi sono eseguiti di fila senza soluzione di continuità: Forever Slaves, Necrosadist, la spettacolare Mater Tenebrarum (lasciatemelo dire, il pezzo meglio riuscito di tutto il live, giudizio forse viziato dal mio amore per questa canzone), si snodano scaldando sempre di più il non troppo numeroso pubblico, fino ad una graditissima sorpresa. Ad un certo punto Flegias chiama sul palco nientemeno che Claudio -primo chitarrista della band- e John - ex bassista, nonchè quello attuale dei Raza De Odio- per la riproposizione live della bellissima At The Roots Of Evil, tratta dal primo disco con Flegias alla voce, ossia Mater Of All Evil; i due vengono accolti calorosamente dal pubblico e ricambiano con un'ottima prestazione, finita la quale scambiano abbracci e strette di mano con Flegias e compagni, il che non può che farci piacere, testimoniando che uno split all'interno della band non deve necessariamente rovinare un'amicizia.

Si continua poi con una scaletta che spazia dai classici del passato (Red As Blood, Church's Black Book, ... Agony / The Flag of the Inverted Cross) a momenti più recenti, sui quali una nuova, gradita sorpresa, viene riservata ai presenti: il chitarrista Andy -presente su 100% Hell sale infatti sul palco per deliziarci con la spettacolare Master Of Morphine, pezzo che più di ogni altro riceve una totale partecipazione da parte del pubblico; si continua e l'atmosfera è sempre più di festa: salgono a suonare sul palco metà dei Raza De Odio, con uno scatenato Zanna al microfono che probabilmente batte il record di bestemmie al minuto, mentre un grandissimo Marco "Peso" Pesenti, lasciando la batteria a Christo Machete dei Raza De Odio va a godersi i meritatissimi complementi delle prime file.

L'esecuzione si chiude con la grandiosa Sodomy And Lust, cover dei seminali Sodom e presente nell'ultimo disco della band Old Skull; anche qua, un po' altalenante la reazione del pubblico -ma possibile la conoscessero così in pochi?- ma imbattibile l'esecuzione; da parte mia, sentitissimi complimenti alla band!

Finisce così una serata che, per l'appunto, poteva essere grandissima, ma inficiata da alcuni elementi negativi: il tutt'altro che sufficiente lavoro del fonico sulle prime due band -niente di personale, ma vista la giovane età forse mancava di esperienza per certi eventi- e la partecipazione del pubblico che non premia a dovere gli organizzatori che hanno riportato a casa uno dei nomi storici del metal italiano, ligure, genovese. Alla prossima Necrodeath, sperando che i vostri compaesani smettano di guardare sempre lontano e capiscano la qualità del metal nostrano.



Golem
Sabato 12 Marzo 2011, 13.19.10
20
io eviterei discorsi inutili,non è questa la sede enon ci deve interessare..
Elluis
Sabato 12 Marzo 2011, 13.05.04
19
@ Trucido, no problem, figurati ! La mia era pura curiosità, ma per quanto mi riguarda può tranquillamente finire qui: al limite, per completezza della notizia, se hai novità e vuoi farcele sapere, bene, e sennò va bene anche così.
Er Trucido
Sabato 12 Marzo 2011, 13.03.23
18
@Flag Of Hate: dimentichi le due birre
Flag Of Hate
Sabato 12 Marzo 2011, 12.57.22
17
@Tutti: grazie per aver perso tempo per rispondere a una mia curiosità! Comunque, senza entrare nel merito di quanto ho letto,(non conoscendo l'ambiente della provincia di Genova, non giudico), ma parlando del report, deve essere stata una gran bella serata! I Necrodeath dei primi album furono una band seminale, che riuscì a lasciare il segno anche sul piano europeo. @Trucido: effettivamente 15 euro per vedersi Necrodeath & Raza de Odio sanno molto di ottimo affare!
Er Trucido
Sabato 12 Marzo 2011, 12.47.35
16
@Elluis: ho fatto due ricerche e le cose sembrano combaciare, farò altri controlli per curiosità personale. Detto questo vorrei che chiudessimo questa parentesi per due motivi: tutto quello che c'era da dire l'abbiamo detto (e c'entra parzialmente col report, nessuno ha fatto cenno alla presenza di Claudio, una delle persone che hanno contribuito maggiormente al metal italiano) e questa non è la sede adatta per fare pubblicità (seppur involontaria) al blog. Grazie a tutti
Elluis
Sabato 12 Marzo 2011, 11.32.45
15
@ Edmondhonda ho letto l'articolo sul blog, il problema è che per ovvie ragioni, spiegate sul blog stesso, il pub non viene nominato, e cmq è indicato come un locale di Genova, non di Serra Riccò, potrebbe essere un locale diverso, no? E' solo una domanda la mia.
Gamer
Sabato 12 Marzo 2011, 10.56.08
14
non è quello il locale..
EdmondHonda
Sabato 12 Marzo 2011, 10.47.12
13
il blog si chiama "mabastablog" e l'articolo "beneficienza e bastardaggine"....googlato..
Blaster
Sabato 12 Marzo 2011, 1.22.32
12
Grandissimi Necrodeath grandissimo Peso grandissimo Pier Gonella eroe della sei corde
DEVILHOT
Venerdì 11 Marzo 2011, 20.45.50
11
Cercate sul blog "mobbasta",si parla di un articolo riguardo una serata dibeneficienza organizzata al bulldog.....vedrete com'è andata..
Er Trucido
Venerdì 11 Marzo 2011, 19.33.49
10
Ehheheh, immaginavo che qualcuno avrebbe risposto così (io però sono di sangue siculo )
Elluis
Venerdì 11 Marzo 2011, 19.31.25
9
Eh, belàn, che 15€ per un zenèise son palanche, eh !! HAHAHA ! (Scusami, Trucido, ma per un momento è prevalsa la mia metà genovese )
Er Trucido
Venerdì 11 Marzo 2011, 18.57.58
8
@Flag Of Hate: guarda io sono fuori dal giro dei locali da un po', so solo che con la precedente gestione si era creato un brutto giro di persone e che la proprietaria faceva un po' la "furba" con i gruppi. Di questo boicottaggio non so niente e da avventore non m'interessa se devo dirti la verità: io sabato sera ho passato una bella serata, con 15 € mi sono bevuto 2 birre e ho visto 4 gruppi e tanto mi basta.
metal4ever
Venerdì 11 Marzo 2011, 0.38.03
7
Mi sono già lasciatso sfuggire i Necrodeath quando vennero a suonare a Roma, mo basta!! la prossima volta me li vedrò sicuramente.
Flag Of Hate
Venerdì 11 Marzo 2011, 0.12.21
6
@Chi ne sa più di me: non conosco Genova quindi, per pura curiosità, posso sapere da cosa deriva la cattiva fama del locale, al punto da giustificare un boicottaggio di massa come dice Edmond? Scusate la leggerezza della domanda, ma sono curioso
andrea
Giovedì 10 Marzo 2011, 23.43.23
5
per noi del bulldog è stato proprio un bel concerto, complimenti a tutte e 4 le band e un plauso particolare a PESO che mi ha sopportato nei momenti di mia ostentata follia....., grazie a tutti voi, credo che si possa ripetere, e credo anzi sono certo che i clienti del locale pur non essendo metal abbiano apprezzato comunque lo show di queste 4 band.... vi ringrazio e mi scuso per gli inconvenienti tecnici....un abbraccio andrea
EdmondHonda
Giovedì 10 Marzo 2011, 21.28.46
4
no no ti posso assicurare che la brutta fama ce l'ha anche questa gestione..pensa che le band genovesi(la maggior parte)hanno addirittura organizzato un boicotaggio di massa del Bullog..
Er Trucido
Giovedì 10 Marzo 2011, 20.53.58
3
La brutta fama ce l'aveva tempo fa, col cambio di gestione la situazione è migliorata (o almeno così mi sembra). sicuramente certe cose sono difficili da far passare, però per una volta che c'è qualcuno che suona qui a genova...
Altir
Giovedì 10 Marzo 2011, 20.40.20
2
Non è colpa nè della gente,ne delle band, ma della brutta,bruttissima fama che ha il locale...chiedi in giro....
Er Trucido
Giovedì 10 Marzo 2011, 20.22.06
1
Gran bella serata, Raza de odio e Necrodeath grandiosi. Peccato per l'affluenza, tra l'altro il costo era tutt'altro che proibitivo.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina della serata
ARTICOLI
10/03/2011
Live Report
NECRODEATH + RAZA DE ODIO + DATAKILL + SHAKE WELL BEFORE
Bulldog, Serra Riccò (GE), 05/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]