Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
I Genesis "qualche annetto" fa
Clicca per ingrandire
Chaterhouse School
Clicca per ingrandire
Cover del singolo 'The Knife'
Clicca per ingrandire
L'artwork di 'From Genesis To Revelation'
Clicca per ingrandire
L'artwork di 'Trespass'
Clicca per ingrandire
L'artwork di 'Nursery Crime'
Clicca per ingrandire
L'artwork di 'Wind & Wuthering'
Clicca per ingrandire
Il logo della Charisma Records
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

26/11/17
MESS EXCESS + AENIGMA
RIFF CLUB - PRATO

27/11/17
MASTODON
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

LEGENDS OF ROCK - # 13 - Genesis, prima parte
28/03/2011 (6682 letture)
Can you tell me where my country lies?
Said the unifaun to his true love's eyes.
“It lies with me!”, cried the Queen of Maybe
For her merchandise, he traded in his prize.


Puoi dirmi dov’è la mia Patria?
Disse l’unifauno alla persona amata.
'E’ nel mio letto!', gridò la Regina del Forse
Per le sue mercanzie, egli le diede una ricompensa.

(liriche tratte da Dancing With The Moonlit Knight, dall’album Selling England By The Pound)

A Godalming, una località vicino Londra nella contea del Surrey, si trova la storica scuola privata Charterhouse improntata da sempre su un’educazione molto severa. Gli esigui tempi liberi tra una lezione di greco o di latino vengono sovente riempiti da cori religiosi intonati dagli studenti in divisa. In un ambiente tanto austero, dalla metà degli anni sessanta in poi si incontrarono alcuni giovani vogliosi di formare una band. Gli Anon (Michael Rutheford, Anthony Phillips, Rob Tyrrel e Rivers Job) riuscirono addirittura a registrare un singolo intitolato Pennsylvania Flickhouse. Altri due ragazzi (Peter Gabriel e Tony Banks) si dilettavano a scrivere canzoni ed iniziarono a suonare insieme al batterista Chris Stewart in un gruppo che si chiamava Garden Wall. Alcune defezioni nella line up degli Anon convinsero il chitarrista Phillips ed il bassista Rutheford a far confluire nella formazione dapprima Gabriel e Banks, poi anche Stewart. Accadde che il noto scopritore di talenti Jonathan King si presentò un giorno del 1967 alla Charterhouse per salutare alcuni suoi ex compagni di scuola, un’occasione ghiotta per un qualificato giudizio della musica proposta dal nuovo combo. Gli furono consegnati alcuni demo in cassetta che impressionarono a tal punto il produttore da mettere immediatamente sotto contratto questi ragazzi pieni di belle speranze. Un primo problema da affrontare era quello del nome da dare alla band: King rimase talmente stupito dal carisma del cantante Gabriel che propose il monicker Gabriel’s Angels, ma l’idea fu subito scartata perché avrebbe messo troppo in ombra il resto della formazione. Si optò, quindi, per Genesis, una scelta chiaramente ispirata alla religione, tematica che sarà costantemente presente nelle liriche della formazione inglese.

La direttrice musicale intrapresa, convenzionalmente denominata progressive, fu fortemente influenzata dalla commistione tra la musica classica (adorata dal tastierista Banks) ed il rock, sperimentata brillantemente dai Procol Harum nella famosissima A White Shade Of Pale. Nel febbraio del 1968 fu pubblicato il primo singolo intitolato The Silent Sun, successivamente fu la volta di That’s Me, pezzi che non suscitarono il benché minimo interesse. Il primo album, From Genesis To Revelation, con alla batteria il nuovo entrato John Silver, uscì nel marzo 1969 per la casa discografica Decca ed era sin troppo pretenziosamente un concept album sulla storia dell’universo. Ricorda in merito Tony Banks:

Ormai avevamo un bel po’ di canzoni, poi ci venne la grande idea di comporre un album basato sulla storia della Bibbia, una cosa patetica. Eppure era qualcosa su cui concentrare gli sforzi per restare uniti. Riscrivemmo parte dei testi per adattarli al tema. E siccome eravamo dei bravi ragazzi inglesi della scuola privata, piuttosto introversi, trovavamo difficile scrivere del mondo reale. Ci riusciva più facile nasconderci dietro una grande storia.

L'album fu un flop clamoroso, con sole 619 copie vendute. La musica proposta era acerba, poco originale e l’idea di King di aggiungere dei violini ebbe come conseguenza di rendere più indigesto il risultato complessivo. Tanto per complicare le cose il disco dovette uscire con un’anonima copertina nera, sul quale non compare il nome del gruppo al fine di evitare controversie legali con una band americana blues chiamata, per l’appunto, Genesis (in molti negozi il platter finì erroneamente sugli scaffali di musica religiosa!)... Un inizio di carriera davvero catastrofico, al punto di sciogliere il sodalizio con King. A credere, per fortuna, nelle possibilità della band fu Tony Stratton-Smith, fondatore della mitica Charisma Records (The Nice, Van Der Graaf Generator), il cui conosciutissimo logo è il Cappellaio Matto di Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll. Con il nuovo batterista John Mayhew il 23 ottobre 1970 uscì Trespass, dalla stupenda cover disegnata dall’illustratore Paul Whitehead. Il salto di qualità è evidente, le composizioni abbandonano il consueto stilema strofa/ritornello e diventano più lunghe e composite. Ognuno dei sei pezzi è una storia a se stante: si passa dalla favola alla fantascienza, dalla religione alla guerra. La sognante Stagnation e The Knife, un pezzo sorprendentemente aggressivo, in aperta contrapposizione con l’atmosfera quasi bucolica dei rimanenti brani, sono i primi capolavori dei Genesis.

STAGNATION


La via della notorietà rimane comunque una chimera, soprattutto in Patria, mentre in altri Paesi -tra cui il Belgio, l’Olanda e l’Italia- la band si andava affermando sempre più. Peter Gabriel assurge ad assoluto protagonista e magistralmente intrattiene la platea con storie fantasiose tra un pezzo ed un altro, ammaliando gli spettatori, tuttavia una serie di imprevisti tecnici durante le esibizioni live, la defezione del talentuoso Anthony Phillips -per motivi ansiosi/depressivi- e del batterista John Mayhew fecero precipitare la situazione. Il batterista Phil Collins stupì subito tutti durante un provino per la sua grande tecnica, ed entrò in pianta stabile nel gruppo, mentre il chitarrista Steve Hackett venne arruolato da Peter Gabriel affascinato dal suo annuncio su Melody Maker: "Chitarrista/compositore cerca musicisti determinati ad andare oltre le attuali stagnanti forme d’espressione musicale" (da notare, tra l’altro, l’uso del termine "stagnante", che riporta inevitabilmente alla canzone Stagnation. Un segno del destino?). La line up più famosa dei Genesis si era così formata! La solarità di Collins ebbe anche il merito di portare serenità all’interno del gruppo, che già evidenziava lievi incrinature tra Gabriel ed il resto della formazione. Nel novembre 1971 esce Nursery Cryme, un lavoro in bilico tra la favola ed il macabro con ancora una cover disegnata splendidamente da Paul Whitehead. Il salto di qualità rispetto al passato è netto, basta ascoltare l’immensa The Musical Box e la movimentata The Return Of The Giant Hogweed, dove il tema dominante è la fantascienza. Sotto il profilo musicale gli strumentisti mettono in mostra tutto il loro mostruoso talento, mentre le eleganti liriche spaziano dalla mitologia alla filosofia, passando dall’immancabile religione ad argomenti delicati quali la senilità: è il caso della breve, delicata For Absent Friends.

FOR ABSENT FRIENDS


I Genesis diventano una della band più influenti del movimento progressivo, ancora ignorati in Inghilterra e veri idoli nella nostra beneamata Italia (come sono cambiati i tempi!). Le seguenti parole di Gabriel descrivono benissimo la situazione dell’epoca:

Quando non riuscivano a farci lavorare nel Regno Unito c’era sempre qualche ignoto locale italiano che ci voleva per l’estate. Deve essere lì che è nata la mia passione per l’Italia.

[Continua nella prossima puntata]



hm is the law
Giovedì 31 Gennaio 2013, 21.01.00
13
@ Minerva '61: grazie a te per l'attenzione
Minerva '61
Giovedì 31 Gennaio 2013, 16.34.03
12
...EMOZIONANTE...per me,che mentre li ascoltavo leggevo i testi e cantavo con loro...e indugiavo incantata sulle copertine dei vinili fino a memorizzarne ogni dettaglio! Grazie infinite Fabio!
dannyboy
Mercoledì 30 Marzo 2011, 9.46.24
11
ancora devo capire come suona Collins su Supper's Ready...roba da putro godimento musicale. Di tutta la musica bellissima da ascoltare al mondo (e ce n'è davverto molta) i genesis sono una delle maggiori delizie per orecchie e cervello.
Richard
Martedì 29 Marzo 2011, 21.04.59
10
L'articolo riferito a quel concerto dovrebbe essere ancora on-line su questo sito. Provate a cercarlo (se c'è ancora)
Autumn
Martedì 29 Marzo 2011, 18.42.53
9
Suonarono anche a Travagliato se non ricordo male.......
ayreon
Martedì 29 Marzo 2011, 15.37.30
8
in italia erano venerati al pari dei van der graaf generator,i genesis suonarono in un locale a courgnè nel canavese ,roba da rubare il cervello a chi c'era andato
metal4ever
Martedì 29 Marzo 2011, 15.14.33
7
Una delle band Progressive che preferisco, e a dirla tutta il primo album non lo trovo male, anche se è vero che manca di originalità. Non vedo l'ora di leggere il 2 capitolo.
hm is the law
Martedì 29 Marzo 2011, 14.16.52
6
@ Richard: Il supporto del nostro Paese per il movimento prog è stato determinante per la sua affermazione mondiale; solo i diversamente giovanii come te, me e Raven possono saperlo. Ciao!
Richard
Martedì 29 Marzo 2011, 13.36.41
5
quota ogni parola di Raven
pincheloco
Martedì 29 Marzo 2011, 13.12.54
4
Quoto ogni parola di Lambruscore.
LAMBRUSCORE
Martedì 29 Marzo 2011, 12.56.42
3
ritengo collins la rovina dei genesis , bravissimo batterista, ma la svolta commerciale a metà anni 80 mi ha fatto perdere stima in questa band, che ascolto volentieri fino ad abacab.
Raven
Martedì 29 Marzo 2011, 9.27.09
2
Italia fondamentale per i Genesis e per il progressive tutto.
Lizard
Martedì 29 Marzo 2011, 0.28.05
1
Finalmente i Genesis: era l'ora!!!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
L'illustratore Paul Whitehead
Clicca per ingrandire
Peter Gabriel travestito da fiore
Clicca per ingrandire
Mike Rutheford
Clicca per ingrandire
Peter Gabriel
Clicca per ingrandire
Steve Hackett
Clicca per ingrandire
Tony Banks
Clicca per ingrandire
Una curiosa foto di Phil Collins
Clicca per ingrandire
La band on stage
ARTICOLI
04/09/2017
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 41 - David Bowie, Parte terza
12/06/2017
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 40 - David Bowie, parte seconda
07/03/2017
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 39 - David Bowie, parte prima
12/07/2016
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 38 - Atomic Rooster
14/06/2016
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 37 - High Tide
19/02/2015
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 36 - Scorpions, parte seconda
10/02/2015
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 35 - Scorpions, parte prima
11/11/2014
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 34 - Black Widow
16/08/2014
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 33 - Dick Wagner
28/04/2014
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 32 - Lou Reed, prima parte
20/10/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 31 - Il Rovescio della Medaglia
02/10/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 30 - Queen, terza parte
27/09/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 29 - Queen, seconda parte
23/09/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 28 - Queen, prima parte
12/08/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 27 - Gentle Giant, seconda parte
24/07/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 26 - Gentle Giant, prima parte
21/06/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 25 - Van Der Graaf Generator, seconda parte
06/06/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 24 - Van Der Graaf Generator, prima parte
13/03/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 23 - Thin Lizzy
30/07/2012
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 22 - Rory Gallagher
28/06/2012
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 21 - Tommy Bolin
19/09/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 20 - Pink Floyd, seconda parte
17/09/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 19 - Pink Floyd, prima parte
23/08/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 18 - Ramones, seconda parte
01/08/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 17 - Ramones, prima parte
12/06/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 16 - Yes, seconda parte
23/05/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 15 - Yes, prima parte
05/04/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 14 - Genesis, seconda parte
28/03/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 13 - Genesis, prima parte
14/02/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 12 - Deep Purple, seconda parte
04/02/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 11 - Deep Purple, prima parte
21/01/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 10 - Syd Barrett
15/11/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 9 - Jethro Tull, seconda parte
02/11/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 8 - Jethro Tull, prima parte
15/10/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 7 - Frank Zappa, seconda parte
06/10/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 6 - Frank Zappa, prima parte
28/05/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 5 - Black Sabbath, seconda parte
22/05/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 4 - Black Sabbath, prima parte
18/04/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 3 - Led Zeppelin, seconda parte
26/03/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 2 - Led Zeppelin, prima parte
16/02/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 1 - Jimi Hendrix
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]