Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Enslaved
Utgard
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/11/20
ONDSKAPT
Grimoire Ordo Devus

27/11/20
SCOUR
Black

27/11/20
EAST TEMPLE AVENUE
Both Sides of Midnight

27/11/20
ULTIMATIUM
Virtuality

27/11/20
DARKNESS
Over and Out

27/11/20
CARNAGE ALPHA
From There to Oblivion

27/11/20
DIAMOND HEAD
Lightning to the Nations 2020

27/11/20
WITHIN THE RUINS
Black Heart

27/11/20
ARRAYAN PATH
The Marble Gates to Apeiron

27/11/20
WRECK-DEFY
Powers That Be

CONCERTI

26/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

RACCONTARE IL MITO - # 20, Chet Baker, Teatro In Fiera, Messina, 1979
22/06/2011 (4108 letture)
Puntata assolutamente inconsueta della nostra rubrica Raccontare Il Mito, dato che stavolta ci occuperemo di qualcuno che non solo non aveva nulla a che vedere col metal, ma che non aveva nulla a che vedere nemmeno col rock in generale, dato che Chet Baker era uno dei più grandi trombettisti jazz di tutti i tempi, ed anche questo (per età e per una botta di fortuna) ha suonato davanti al sottoscritto. So bene di chiedervi uno sforzo attitudinale, perchè -per l'appunto- di metal/rock stavolta non tratteremo, ma credo valga la pena di sapere qualcosa di un personaggio assolutamente peculiare che si muoveva a modo suo (in un certo senso con un atteggiamento ed uno stile di vita ben più rock delle cosidette rockstar odierne) in un ambiente musicale elitario.
Chi era Chet Baker? Semplice: un grandissimo, inimitabile, fantastico disadattato con un talento mostruoso per la tromba e per il Jazz. Per maggiori dettagli su di lui e sulla sua vita border line, tuttavia, vi rimando al mio articolo uscito alcuni anni fa, dove già accennai a questo concerto in un contesto più ampio.

Nel 1979 avevo appena dodici anni, ed ero appena rientrato da una esperienza di alcune settimane trascorse in Inghilterra, un fatto assolutamente inconsueto per la Sicilia dell'epoca. La mia permanenza nella terra d'Albione ed alla scoperta di musica strana come quella dei Bauhaus, unita ad una sommaria conoscenza di gruppi quali Deep Purple, Genesis, Yes ed altri mi aveva predisposto alla curiosità verso il nuovo, specialmente in campo musicale, e, quando la supplente di storia dell'arte (un vero pezzo di... supplente, per inciso) annunciò alla classe che Chet Baker avrebbe suonato in città la sera successiva presso il Teatro in Fiera (un'altra della tante strutture che sarebbe stata chiusa di lì a poco per non riaprire mai più), e che sarebbe stato opportuno per noi ascoltarlo dal vivo, pur non conoscendolo affatto e sapendo solo molto vagamente cosa fosse il jazz, decisi di andarci insieme agli altri due compagni su trentatre che risposero all'invito del pezzo... ehm, della professoressa. Siamo i soli minorenni presenti in sala o giù di lì, incontriamo la prof. nell'atrio, e con nostro profondo rammarico notiamo che è già accompagnata, mentre nei nostri sogni... lasciamo perdere. Ci sistemiamo a metà circa della sala, il teatro è piccolo, e l'acustica discreta, almeno per le sonorità che ci apprestiamo a sentire. Le luci si abbassano: comincia lo spettacolo. Non ricordo chi accompagnava Chet quella sera, sia perchè all'epoca non me ne interessai, sia perchè sono passati 32 anni ed in rete non sono riuscito a reperire alcuna notizia circa quel concerto. In compenso ho trovato la formazione del concerto romano tenuto dopo circa una settimana che vedeva, oltre al trombettista, Jacques Pelzer al flauto, Michel Grailler alle percussioni, e Jean-Lous Rassinfosse al contrabbasso. Tuttavia quella che ho visto all'opera potrebbe anche essere una line up differente perchè, nelle date precedenti di Palermo, alcuni musicisti non giunsero in tempo per problemi aerei, e furono sostituiti da musicisti della scena Siciliana reperiti in fretta e furia, anche se non sono sicurissimo delle date.

Il Baker che ho davanti è già ridotto allo stato semi-larvale. Incredibilmente magro, specialmente in volto, simile a quello di Pastorius, di aspetto malaticcio, senza denti (se avete letto l'articolo che ho linkato sapete già il perchè), sembra più un drogato che un musicista. In effetti la droga e Chet formano un tutt'uno, come mi ha raccontato in confidenza Pino Scotto -che lo ha conosciuto nell'ambiente musicale Milanese di metà anni 70- durante una delle nostre chiaccherate. Tuttavia egli forma un tutt'uno anche con la sua tromba, ed anche se probabilmente ha vissuto tempi e musica migliori, quel tizio che se ne sta seduto un po' in disparte su una sedia sul lato destro del palco rispetto al mio punto di osservazione, quando si alza e porta la sua tromba alle labbra sembra un altro. Fisicamente è lo stesso, e sembra che possa crollare al suolo da un momento all'altro, ma il volto assume un'espressione sofferta, profondissima, e non è solo per la contrazione delle labbra necessaria all'esecuzione dei pezzi, è proprio il travaglio interiore dell'uomo che passa attraverso il suo soffio nello strumento e raggiunge il pubblico, sia quello già smaliziato ed a conoscenza della sua storia, sia quello assolutamente "bianco" come me, a digiuno di certe sonorità, ma ricettivo nei confronti della musica e della sofferenza. Baker non batte il tempo, sembra che attacchi i pezzi che gli passano per la testa lì per lì, i musicisti appaiono quasi in difficoltà nel seguirlo, ma lo swing e l'intensità delle note che suona sono incredibili, rotonde, tormentate, vive, ed anche per un piccolo neofita come me l'emozione è indescrivibile. I miei compagni staranno vedendo la televisione con mamma e papà, io sto guardando ed ascoltando un mito, ed anche se me ne renderò conto molto più tardi, so già che anche questo mi renderà sempre un po' differente dai miei coetanei.

La scaletta dei pezzi? Francamente non ne ho idea, un dodicenne non si pone di questi problemi, ma immagino di aver sentito le versioni di Chet di una serie di standard Jazz, che certamente avrà compreso Almost Blue, come pochi possono dire di aver ascoltato, ed anche se alla gran parte di chi sta leggendo questo pezzo probabilmente il nome del trombettista non dice niente, anche quella serata -formando il mio gusto per le note e per la musica vera- ha contribuito alla mia formazione; si, anche metal.



Raven
Domenica 9 Settembre 2012, 15.55.04
10
Grazie. Si, in questo caso ho avuto fortuna, ma anche la voglia di scoprire qualcosa che non conoscevo. Forse se i giovani ne avessero di più oggigiorno -in tutti i campi- sarebbe un guadagno per tutti
-Cobray
Domenica 9 Settembre 2012, 1.07.31
9
Hai avuto l'enorme fortuna di vedere all'opera un grande musicista! Con la sua tromba suona veri e propri inni di morbosa tristezza e malinconia! Ottimo articolo, come sempre.
Raven
Giovedì 23 Giugno 2011, 7.44.37
8
No, purtroppo non ho visto Petrucciani , circa la droga....discorso difficile, ne abbiamo parlato già nel pezzo su LSD e musica, anche se qui si parla di altra sostanza. Quanto all'orecchio: immagino che il mio giudizio sulla sua musica si sia formato in base essenzialmente alle esperienze successive.
jek
Mercoledì 22 Giugno 2011, 20.39.57
7
Rimango sempre nel dubbio se la droga per geni come Chet abbia contribuito alla creatività o l'abbia spenta. Onestamente non sono mai stato un amante di Chet, fa un jazz non molto comprensibile per un non esperto (certo che a 12 anni avevi già un buon orecchio), preferisco un jazz meno controverso, ma tecnicamente Baker era un genio.
Syrmet
Mercoledì 22 Giugno 2011, 17.29.23
6
Mannaggia, quanto mi sarebbe piaciuto assistere a un concerto di Chet Baker. Prima Jaco Pastorius, adesso Chet Baker...sei stato anche al concerto di Michel Petrucciani a Palermo?
BILLOROCK fci.
Mercoledì 22 Giugno 2011, 17.24.43
5
bravo e dannato......
Persephone
Mercoledì 22 Giugno 2011, 17.18.28
4
Semplicemente straordinario...Almost Blue è da brividi...
Raven
Mercoledì 22 Giugno 2011, 15.37.01
3
Seeeee... e dove la trovo? Era una supplente
Mika
Mercoledì 22 Giugno 2011, 12.02.01
2
Grande Baker, intramontabile...adesso però vorrei vedere una foto della tua prof...
Lizard
Mercoledì 22 Giugno 2011, 9.37.23
1
Musicista straordinario dall'anima tormentata, come ben illustrato. Uno dei grandissimi del Jazz. Complimenti alla prof per avervi spinto a godere di un evento unico!!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Chet Baker
ARTICOLI
26/05/2016
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 30 Gods of Metal, Arena Estiva Forum di Assago (MI), 5-6/06/1999
22/09/2012
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 29 Deep Purple, Palazzo della Civiltà Italiana (RM), 05/09/1987
08/09/2012
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 28 Pink Floyd - Cinecittà (Roma), 21/09/1994
20/06/2012
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 27 - Black Sabbath, Palaeur, Roma, 1987
16/05/2012
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 26 - Genesis, Palaeur, Roma, 1982
05/02/2012
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 25 - Black Sabbath, Cross Purposes Tour, Palasport di Firenze, 23/05/1994
19/11/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 24 - HM Festival, Palasport, Bologna, 23/06/1986
03/09/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 23 - Coroner, Cinema Moderno, Cassino (FR), 11/01/1992
18/07/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 22 - Frank Zappa, Foro Boario, Roma, 09/07/1982
07/07/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 21 - Ramones, Castel S. Angelo, Roma, 14/09/1980
22/06/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 20, Chet Baker, Teatro In Fiera, Messina, 1979
18/06/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 19, Iron Maiden + W.A.S.P., Napoli, 1986
30/05/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 18 - Jaco Pastorius, Reggio Calabria, 1986
25/04/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 17, Iron Maiden, Real Live Tour, 1993, Firenze
24/12/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 16, Monsters Of Rock, Modena, 1991
13/12/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 15 - Saxon, Napoli, 1985
06/12/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 14 - Bauhaus, Messina, 1982
23/11/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 13 - The Cure, Milano, 1992
08/11/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 12 - Monsters Of Rock, Modena, 1988
31/10/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 11 - Europe, Torino, 1989
22/10/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 10 - KISS ed Iron Maiden, Roma, 1980
08/10/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 9 - Metallica, Milano, 1992
23/08/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 8 - Death, Milano, 1995
16/08/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 7 - Cradle Of Filth, Biella, 1994
09/08/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 6 - Guns N` Roses, Torino, 1992
02/08/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 5 - KISS, Losanna, 1983
26/07/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 4 - Sepultura, Milano, 1993
19/07/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 3 - Clash Of The Titans, Firenze, 1990
12/07/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 2 - AC/DC, Nettuno, 1984
06/07/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 1 - Iron Maiden, World Slavery Tour, 1984, Bologna
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]