Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/05/20
OCTOBER FALLS
A Fall of an Epoch

30/05/20
CONCEIVED BY HATE
Putrid Realms of the Occult

30/05/20
KRYPTAMOK
Verisaarna

01/06/20
INSTIGATE
Echoes of a Dying World

05/06/20
THE GHOST INSIDE
The Ghost Inside

05/06/20
DEVIN TOWNSEND
Empath - The Ultimate Edition

05/06/20
HAKEN
Virus

05/06/20
GRUESOME/EXHUMED
Twisted Horror (split)

05/06/20
FROST*
Others

05/06/20
MAKE THEM SUFFER
How To Survive A Funeral

CONCERTI

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

ANTHRAX - Joey Belladonna, la biografia
29/06/2011 (7067 letture)
A volte, nella vita, ci si accorge che certi legami sono indissolubili. Ci sono delle persone che, pur essendo ‘soltanto’ un ingranaggio di un meccanismo perfetto e ben oliato, rappresentano un tassello insostituibile in un puzzle. Se quell’ingranaggio viene a mancare, il meccanismo potrebbe continuare a funzionare, ma in modo tutt’altro che egregio: è quanto successo agli Anthrax dopo la dipartita del loro vocalist storico, Joey Belladonna, avvenuta nel 1992. La band newyorkese stava già andando incontro ad un ineluttabile declino, ma la separazione dal singer ha dato a entrambi la mazzata finale, portando le loro carriere in un buco nero dal quale sembrava difficile rialzarsi. I fili della storia vanno riannodati fino al 1981, quando nella Grande Mela Scott Ian e Dan Lilker fondano questa band dai connotati NWOBHM che, con l’ingresso in line-up della voce stridula e acuta di Neil Turbin, inizia ad accelerare decisamente le ritmiche, ponendosi tra gli ideali pionieri del thrash metal, che nel frattempo iniziava a fare proseliti sulle sponde dell’altro oceano che bagna gli Stati Uniti, nella Baia di San Francisco. La mazzata virulenta di Fistful of Metal è una delle più poderose e farneticanti sfuriate del nascente movimento fast’n’furious, che nel 1984 innalza gli Anthrax tra i più accreditati capisaldi della rivoluzione. Eppure lo scarso carisma di Turbin imponeva dei limiti evidenti nell’ascesa di questa band, che doveva a tutti i costi prendere una direzione personale e particolare per evitare di restare invischiata nell’enorme mole di uscite thrash nella media che inflazionava il mercato dell’epoca. Contraddistinti da debut album irruenti, sporchi e ruvidi, i giganti del genere si stavano evolvendo: i Metallica stratificarono le loro composizioni inserendo strutture più complesse, melodie ed armonie, i Megadeth portarono il loro suono a livelli tecnici sorprendenti, mentre gli Slayer saturarono il loro tasso di violenza oltre i limiti dell’estremo. E gli Anthrax?

La svolta coincide con l’ingresso in formazione di Joey Belladonna, all’anagrafe Joseph Bellardini nel 1984: il cantante, nativo di Oswego (1960), possiede un’estensione vocale notevole ed una timbrica che si allontana parecchio dagli standard del thrash, essendo fortemente melodica, ariosa, tutt’altro che sinistra o aggressiva come quelle dei suoi colleghi. Lo stile della band svolta verso un thrash più melodico e variegato, fortemente influenzato da testi ironici e giocosi, oltre che da un atteggiamento ed un look molto ‘happy’, in controtendenza rispetto agli infuriati ribelli che popolavano la scena thrash tradizionale. Con Spreading The Disease (1985), gli Anthrax danno l’assalto al successo e Belladonna si candida tra le migliori ugole del panorama musicale internazionale. Il successivo Among The Living è il capolavoro che consacra ufficialmente il combo Americano tra i Quattro pilastri del thrash, dimostrazione di una maturazione ormai completata e di una personalità raffinata, in perfetto equilibrio tra thrash martellante iperveloce e testi ironici di grande spessore. La voce di Belladonna è inconfondibile e diventa un tratto distintivo nello stile dell’act newyorkese, una delle pochissime band thrash a potersi avvalere di un singer di stampo addirittura power, di derivazione priestiana, ma che avrebbe potuto fare una meravigliosa figura anche in band di ben altro stile. Purtroppo questo fortunato connubio stava per andare incontro ad un declino seguito dall’inevitabile separazione: l’ammorbidimento stilistico di dischi come State of Euphoria e Persistence Of Time, quest’ultimo privato delle influenze thrash e tendente ad uno strano crossover con l’hard rock, non va troppo giù al singer, che esplode il suo malcontento in maniera definitiva dopo la collaborazione con i rappers Public Enemy. Pressati dall’Elektra, sporcati dall’avvento del grunge, gli Anthrax vanno incontro al grande successo commerciale che, in ambito metal, significa l’ineluttabile decadenza. Belladonna sbotta ed è costretto a lasciare la band, rimpiazzato da John Bush degli Armored Saints. Qualcuno disse che il singer rivestiva un ruolo abbastanza passivo nella band: non interveniva nelle composizioni e si limitava a fare il suo lavoro in studio e sul palco, senza troppa passione per il sound del gruppo. Verità o leggenda, di certo nel 1992 o giù di lì Joey Belladonna fu addirittura vicino a diventare il sostituto di Bruce Dickinson negli Iron Maiden, band nella quale la sua voce power oriented avrebbe rappresentato un connubio interessante tra due leggende dell’heavy metal. Alla fine, non se ne fece nulla, probabilmente a causa del nazionalismo della vergine di Ferro (alla quale fu accostato anche il tedesco Michael Kiske). Forse Joey Belladonna avrebbe fatto molto meglio del comunque ‘incolpevole’ Blaze Bayley, ma questo resterà un dubbio senza risposta.

La carriera solista di Belladonna, con una band dal nome omonimo, non sarà esaltante: tre dischi, dei quali soltanto il primo destò qualche interesse. Ancora peggio andò agli Anthrax, occupati con una serie di dischi rock commerciali scadenti, nei quali ammassavano confusamente tutti i vari stili da loro abbracciati nel corso degli anni, dal thrash al rap. Nel 2005, la reunion in grande stile, per la gioia dei vecchi fans: una serie di concerti live in cui la band, con Belladonna alla voce, riproponeva l’intera scaletta di Among The Living. Qualcosa di epocale e memorabile, ma ancora una volta a tempo determinato: nel 2007 il vocalist se ne va di nuovo, perché il tempo non aveva evidentemente limato i dissapori. Ma, altrettanto evidentemente, la storia degli Anthrax non è proprio ipotizzabile senza il proprio storico cantante. Gli anni tra 2007 e 2010 vedono la band invischiata in polemiche, incomprensioni, un microfono rimasto vuoto, affidato prima nuovamente a Bush, poi a tale Dan Nelson, quindi ancora a Bush dopo la cacciata inspiegabile di Nelson; un nuovo disco ritardato misteriosamente per anni e ancora non pubblicato, poi, finalmente, qualcosa che si muove: si parla, si mormora, qualcuno sogna: Big Four Of Thrash, oh yeah, il tour che tutti noi avremmo sempre voluto vedere ma che non abbiamo mai nemmeno osato immaginare. Diventa realtà, e chi sale sul palco a guidare gli Anthrax dietro al microfono? Joey Belladonna, ovvio. Chi, se non lui? L’uomo e la voce più indicati per trainare il groove thrash-fun della corazzata newyorkese, che ormai da un paio di decenni è lontanissima dai suoi standard classici e non fa che leccarsi le ferite. E’ ora di rimboccarsi le maniche e ricuperare l’antico splendore, e forse questa volta Belladonna e gli Anthrax si guarderanno da un nuovo divorzio, che non farebbe bene a nessuno. I brani nuovi sono già pronti, vanno solo riadattati alla timbrica power di Belladonna, e poi forse potremmo sognare di riavere gli Anthrax tra noi.



the Thrasher
Martedì 5 Luglio 2011, 23.59.59
33
@nerkiopiteco grazie del complimento. cmq si, tornare agli antichi fasti è assai arduo e, cmq, risulta a sua volta un tentativo di batter cassa, dunque commerciale. secondo me nn è completamente da attaccare come 'sbagliata' la scelta di curare cmq i propri interessi economici, perchè nessuno rinuncerebbe alla possibilità di vendere di più. se questi gruppi avessero fatto pop, x far soldi, sarebbero stati da criticare, ma se si resta cmq nwel giro del metal è comprensibile e affatto scandaloso, entro certi limiti (load e risk, x es., erano oltre questi limiti anche se si potrebbe discutere a lungo anche qui).
nerkiopiteco
Venerdì 1 Luglio 2011, 20.00.23
32
@the Thrasher: come giustamente fatto notare in un altro articolo- quello relativo al concerto dei big four- i Metallica hanno una visibilità e notorietà ben maggiore dei gruppi che hai nominato e quindi è fisiologico che si parli più di loro ed è fisiologico che siano messi sempre sotto pressione e sotto torchio molto più degli altri(è il prezzo che devono pagare, giusto o ingiusto che sia). Quanto alle motivazioni da te menzionate, a parte "la voglia di sperimentare cose nuove" sono tutte collegate in qualche modo ai soldi e ai problemi commerciali, teoricamente tutte da condannare a prescindere dal gruppo. Possono e devono essere tutti messi in discussione, e per quanto possa contare la mia opinione (di parte) , credo che gli Anthrax sperimentando (volutamente, forzatamente, perchè avevano bisogno di soldi per la bici nuova) hanno fatto "meno danni" e i nuovi Metallica (visto che li hai tirati in ballo), ahimè, non riesco proprio a mandarli giù...sorry!! Anzi per dirla tutta penso che gli Overkill forse sono quelli che hanno resistito di più alla mutazione....domanda: è così difficile tornare agli antichi fasti? P.s.: dilungati quanto vuoi, i tuoi interventi sono sempre apprezzati
the Thrasher
Venerdì 1 Luglio 2011, 19.08.38
31
Non capisco perchè -e non mi riferisco a qualcuno degli ultimi commenti- se i metallica fanno load e st. anger sono dei poser, delle merde, dei venduti, dei traditori, sono finiti, vecchi, ricconi incompetenti e incapaci di suonare metal mentre i megadeth di risk o cryptic writings, gli slayer di diabolus in musica o gli anthrax degli ultimi 3-4 dischi non debbano essere messi in discussione. hanno avuto tutti la medesima parabola, caduta e tentativo di ritorno al thrash compresi, eppure i metallica ne escono sempre con le ossa molto più rotte degli altri.. questo per collegarmi col discorso che è in ballo. è fisiologico, per chiunque, avere un calo anche rovinoso seguito a molteplici fattori come la crisi del metal e del thrash nei '90, la voglia di speruimentare cose nuove senza fossilizzarsi, e, perchè no, la voglia di far qualche bel soldino (quanti di noi rinuncerebbero ad un bel gruzzolo in più, quando ormai 'ce l'abbiamo fatta' e siamo a un passo dal successo?). Per me hanno influito tutti questi elementi in maniera combinata. Cazzo, mi dilungo sempre troppo
Sbiriguda
Venerdì 1 Luglio 2011, 17.20.27
30
Se hanno tradito il trash, evidentemente sono dei netturbini in sciopero selvaggio. Prima di sparacchiare paroloni a sfregio, non sarebbe male farsi una minima cultura sulla corretta terminologia a corredo della propria tesi.
nerkiopiteco
Venerdì 1 Luglio 2011, 12.20.07
29
la domanda alla quale dobbiamo rispondere è una : perchè fare dischi così diversi dai primi? Le risposte possono essere molteplici e tutte ugualemente esatte: perchè hanno subito passivamente le pressioni della casa discografica, perchè si erano stufati di fare solo trash, perchè semplicemente volevano esplorare e fare un altro tipo di musica, perchè una volta un tizio gli ha detto " voi questo non lo sapete fare" e si sono voluti cimentare per dimostrare che possono fare di tutto, perchè hanno voluto cambiare strada con un disco (Sound of White Noise) per poi ritornare verso il trash attraverso quella stessa nuova strada. Io voglio credere all'ultima opzione e so curioso di vedere dove andrann oa parare e comunque Sound of White Noise tecnicamente (per quanto ne possa capire io) è un buon album. E se l'hanno fatto per la casa discografica allora : TRADIMENTO
warrior
Venerdì 1 Luglio 2011, 10.11.18
28
@Painkiller: ok.giusto.quanto ho amato Among the living ..e tuttora lo adoro.solo che l'epoca Bush secondo me è qualitativamente superiore.e non credo che le canzoni di quel periodo siano commerciali o radiofoniche .è solo il mio parere.
Sbiriguda
Venerdì 1 Luglio 2011, 9.40.49
27
Considerando le vagonate di dischi thrash che si vendevano ai tempi di 'Among The Living' e la caduta in disgrazia del metal tutto ai tempi di 'Sound Of White Noise', a parità di semplicità nelle composizioni e di ritornelli orecchiabili, mi riesce difficile credere che il primo sia un album purista e il secondo una marchetta da niente. Al massimo si può discutere sulla qualità dell'ispirazione, che innegabilmente pende a favore del capolavoro datato 1987 (comunque senza che Belladonna abbia scritto una nota, correggetemi se sbaglio), ma è come dire che 'Master Of Puppets' sia superiore al Black Album, troppo banale anche solo per pensare di discuterne...
Painkiller
Venerdì 1 Luglio 2011, 9.34.53
26
@warrior: dare alla "gente" metallara quello che si aspetta di avere significa non cedere magari alle pressioni delle etichette che ti vorrebbero più "leggeri" per vender di più nel mercato americano...sommariamente: se una band mi piace perchè suona thrash e poi cambia genere per me è un TRADIMENTO, se continua a suonare il genere per il quale l'ho amata lo definisco RISPETTO. Ma suonare lo stesso genere non significa scrivere sempre lo stesso disco per vent'anni, sappiamo bene che si può spaziare attraverso una miriade di influenze ed arrangiamenti diversi senza snaturare se stessi.....
warrior
Venerdì 1 Luglio 2011, 9.09.38
25
secondo me commerciale è dare alla gente quello che si aspetta di avere.
nerkiopiteco
Giovedì 30 Giugno 2011, 21.46.58
24
il discorso di the trasher, per me, può essere valido per il primo album con bush: Sound of White Noise. Ma, come accennato nell'articolo, che sia stata colpa della nuova etichetta??insomma, nuovo cantante, nuova etichetta discografica = disco così e così, anche se non lo definirei "commerciale": io però tendo sempre a difenderli quindi il mio giudizio è troppo di parte
jek
Giovedì 30 Giugno 2011, 20.32.44
23
Quoto l'ultimo intervento di " The Thrasher" e sottoscrivo il senso di tutto l'articolo.
the Thrasher
Giovedì 30 Giugno 2011, 16.58.49
22
@warrior: i dischi con bush li ritengo 'commerciali' perchè dotati di pezzi assai ruffiani e radiofonici. di sicuro non sono metal, ancora meno thrash. hanno QUALCOSA, a tratti, di metallico, ma in genere sono rock secondo me, per la maggiore. commerciale, appunto, per le forti tinte radiofoniche.
Radamanthis
Giovedì 30 Giugno 2011, 16.43.56
21
@Lord_of_all_fevers: e invece se ci fai caso quando tira i finali e tiene le note medio-alte per qualche secondo ha una naturalezza nel prendere le note "da sopra" che non è da tutti. Poi riesce sia a "sporcare" i finali sia a tenerli puliti e, non da meno, è molto bravo nei pezzi veloci, riesce a cantare in maniera perfetta (anche grazie alla tecnologia dirà qualcuno...vero, c'è, usiamola...) strofe piene di parole risultando chiaro e non cadendo mai di intensità. Forse dire che li potrebbe fare in maniera perfetta è stato un mio azzardo ma sicuramente avrebbe fatto un ottimo lavoro. Detto ciò è statunitense e dato che i Maiden vogliono solo inglesi...non lo sapremo mai...
Lord_of_all_fevers
Giovedì 30 Giugno 2011, 14.55.38
20
bah, secondo me dire che belladonna avrebbe cantato in modo perfetto perfetto i classici dei maiden è sopravvalutarlo un po troppo, comunque li ho visti al sonisphere l'annio scorso e sono stati una bomba, veramemte coinvolgenti, anche se quest'impressione positiva verra offuscata con l'uscita del nuovo cd
warrior
Giovedì 30 Giugno 2011, 12.38.43
19
dischi di rock commerciale quelli con bush??????arrivo a 50 anni x sentire queste cose...
Diddi Verni
Mercoledì 29 Giugno 2011, 22.22.58
18
a me a loro modo sono piaciuti tutti i cantanti degli anthrax , anche dan nelson... (ascoltate fight 'em til you can't con lui alla voce, secondo me il pezzo acquista molto)... cmq non si può mettere su un piano così oggettivo il cambio di stile degli anthrax, io ho apprezzato molto il loro cammino contestabile per quanto sia, e sinceramente ormai ero abituato agli anthrasx con john bush che è un cantante co due enormi cojoni sotto, non sono entusiasta di questo ritorno agli anni 80..tornare a un genere che avevano seppellito .. mbah secondo me è oggi che si può veramente parlare di una loro svolta commerciale ... però se propio ci deve stare non posso dire altro che ben tornato belladonna
Hangar1893
Mercoledì 29 Giugno 2011, 21.52.17
17
Non mi potrei immaginare gli anthrax senza joey, anche se questa reunion, come tutto il big 4 (che comunque non vedo l'ora di vedere) è solo una grande trovata commerciale... non c'è anima in questo show, e chi segue le band da tempo lo capisce subito. Comunque sono sicuro che finiti i tour del big 4 e del nuovo album, joey se ne andrà di nuovo senza motivo apparente... ok indiano, ci vediamo a milano.. sarò in prima fila a qualunque costo
the Thrasher
Mercoledì 29 Giugno 2011, 21.44.01
16
@lizard e radamanthis: aggiungo che, come si può leggere anche nei miei articoli sui metallica, loro cercarono un cantante almeno fino al 1986, perchè james avrebbe preferito dedicarsi solo alla chitarra. di ellefson l'avevo sentito anch'io, mentre di lombardo è possibile: io avevo sentito che prima della morte di cliff i 'tallica stavano pensando di sostituire lars, solo che la morte del bassista ha reso evitabile questo 'siluramento', insomma 'non era il caso': e dopo reign in blood lombardo aveva lasciato gli slayer x dissapori, x cui era libero...
nonchalance
Mercoledì 29 Giugno 2011, 21.14.04
15
commento stupido..quanto curioso! Non ho mai capito perché Joey ora ha la faccia quasi carbonizzata, qualcuno lo sa?
Lizard
Mercoledì 29 Giugno 2011, 21.08.14
14
Mah... Io invece Radamanthis, se non lo avessi già fatto, ti consiglio di riascoltare i dischi di Suicidal Tendencies ed Infectious Grooves in cui Trujillo dimostra appieno di essere un musicista di portata superiore
Radamanthis
Mercoledì 29 Giugno 2011, 20.14.36
13
@DiddiVerni: mah, ti dirò...se ti basi ascoltando i Metallica da Load in poi non sembrano certo dei grandi musicisti...se ascolti una canzone qualunque dei primi 4 dischi non direi...poi secondo me musicalmente parlando Mustaine straccia Hetfield e Hammett messi insieme ma questo è un altro discorso! Se poi mi dici che Lars non sa suonare non posso che confermare...credo che il batterista del mio gruppo sia molto piu' valido di lui...anzi, ne sono certo!
Mr.Darcy85
Mercoledì 29 Giugno 2011, 20.12.19
12
siamo tutti qui a sperare che WOM sia degno delle gloriose aspettative che tanti sognano....io per primo...adoro gli anthrax 80-90
Diddi\\\\\\\\\\\\\\\' Verni
Mercoledì 29 Giugno 2011, 19.48.32
11
@Radamanthis quello scimmione come lo chiami tu è sprecato nei metallica, come musicista li mangia tutti e tre come niente
Radamanthis
Mercoledì 29 Giugno 2011, 19.37.33
10
Mah, ho scritto un post ed è sparito...magari riapparirà...comunque dicevo: Se Lombardo avesse "fantascentificamente" accettato i Metallica ne avrebber giovato alla grande; Ellefson è un grande bassista ma anche Newsted mi piaceva parecchio (al contrario dello scimmione che suona adesso). Comunque questa di Bush mi mancava...grazie x l'info raga! PS: Belladonna rules!
BILLOROCK fci.
Mercoledì 29 Giugno 2011, 19.17.14
9
beh, belladonna, è fondamentale per il sound della band!!
Er Trucido
Mercoledì 29 Giugno 2011, 19.03.48
8
Confermo tutto quello che dice lizard, in realtà era proprio hetfield a non trovarsi inizialmente a suo agio nel ruolo di frontman. Glielo chiesero in due/tre occasioni e la risposta fu sempre picche. Ci sono altre leggende metropolitane che parlano di una presunta sostituzione di Ulrich dopo Kill'em all da parte di Dave Lombardo (fantascienza) e dell'autocandidatura di Ellefson dopo la morte di Burton che mandò su tutte le furie Megadave. Però se ricordo bene quella di Bush è l'unica confermata da entrambe le parti
Radamanthis
Mercoledì 29 Giugno 2011, 18.59.59
7
@Metal4ever: Certamente si adattava di piu' al maiden-sound rispetto a Blaze (a me X factor piace tantissimo comunque) e avrebbe riproposto i classici in modo credo perfetto!
Radamanthis
Mercoledì 29 Giugno 2011, 18.58.46
6
@Lizard: grazie dell'info...questa proprio mi mancava...Mah, fortunatamente Hetfield è rimasto, la sua voce mi piaceva parecchio!
Lizard
Mercoledì 29 Giugno 2011, 18.35.05
5
@Radamanthis: dopo la pubblicazione di Kill'em All. Hetfield non è mai stato troppo convinto della sua voce... Ma Bush che credeva moltissimo negli Armored Saint non volle lasciare la SUA band. Per fortuna dico io, perché secondo me Hetfield è un buonissimo cantante -in studio- e io adoro gli Armored Saint!!!!
Metal4ever
Mercoledì 29 Giugno 2011, 18.31.32
4
La mia voce preferita del Thrash!! Ce lo avrei visto bene dei Maiden....
Radamanthis
Mercoledì 29 Giugno 2011, 18.31.06
3
@Lizard: ma veramente i metallica carcavano un cantante?In che periodo?Strano però...c'era James e eventualmente Mustaine...
Lizard
Mercoledì 29 Giugno 2011, 18.28.24
2
Bush è un cantante s-t-r-a-o-r-d-i-n-a-r-i-o!!!! Rifiutò l'offerta di entrare nei Metallica per restare nei suoi Armored Saint e solo quando questi si sciolsero fece il grande passo di entrare negli Anthrax. Sfortunatamente per lui, la vena compositiva della band era in netto calo (ma già ai tempi di Belladonna, in realtà) e il genere stava "passando di moda", contribuendo alla crisi di identità della band. Sicuramente Joey ha firmato con la sua voce i dischi del periodo d'oro e merita il giusto riconoscimento. Ps anch'io ho sempre adorato Neil Turbin e come urla "Metal Thrashing Maaaaaaad" lui non lo fa nessuno!!!!!!
Radamanthis
Mercoledì 29 Giugno 2011, 18.19.41
1
Bell'articolo Rino! Gli Anthrax han sempre avuto signori cantanti: Turbin, Belladonna e Bush, tra questi (anche se ha fatto un solo disco) il mio preferito è Neil Turbin, ma forse perchè il loro primo album lo reputo insuperabile nella sua grezzezza. Belladonna è ovviamente un cantante straordinario, una timbrica piu' power che thrash, decisamente versatile ed abile nelle parti melodiche molto di piu' che in quelle aggressive, ma dando un imput di ascolto differente a questo genere. Se uno cerca un cantante "strillante" con sotto dei massicci riff thrash ecco a voi gli Anthrax con Joey. Bush non mi è mai piaciuto invece, ma qui va a gusti...
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Joey Belladonna
RECENSIONI
68
58
50
55
84
85
75
90
87
80
ARTICOLI
25/11/2018
Live Report
SLAYER + LAMB OF GOD + ANTHRAX + OBITUARY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 20/11/2018
12/11/2015
Live Report
SLAYER + ANTHRAX + KVELERTAK
Alcatraz, Milano (MI) , 05/11/2015
26/06/2014
Live Report
ANTHRAX
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/06/2014
18/06/2014
Live Report
SLAYER + ANTHRAX
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 15/06/2014
17/07/2011
Articolo
ANTHRAX
Scott Ian, la biografia
09/07/2011
Live Report
THE BIG 4 - METALLICA - SLAYER - MEGADETH - ANTHRAX
Arena Fiera, Rho (MI), 06/07/2011
29/06/2011
Articolo
ANTHRAX
Joey Belladonna, la biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]