Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
EMBR
1823

17/07/20
U.D.O.
We Are One

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
RUMAHOY
Time II: Party

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
WORSHIP
Tunnels

CONCERTI

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

RACCONTARE IL MITO - # 22 - Frank Zappa, Foro Boario, Roma, 09/07/1982
18/07/2011 (8508 letture)
Salite sulla mia macchina del tempo, stavolta vi porto nel lontano 1982 per parlarvi di uno show straordinario!
Avevo un caro amico coetaneo di nome Luigi che, purtroppo, ormai molti anni fa, è deceduto a seguito di un terribile incidente stradale. Anche lui, come me, aveva una viscerale passione per il rock ed è per merito suo che ebbi modo di assistere ad un concerto memorabile di uno dei più grandi artisti di tutti i tempi.
Un giorno si presentò da me, con quel suo sorriso inconfondibile, e mi disse: "Fabio, Fabio, guarda, guarda che cosa ho in mano!". Si trattava di due biglietti per un concerto da lui acquistati e, considerato che non erano così tristi e anonimi come quelli attuali, capì subito di cosa si trattasse: c’era raffigurata la ben nota immagine baffuta di Frank Zappa! Rimasi letteralmente di stucco perché l’artista americano si sarebbe esibito nella Capitale il 9 luglio 1982 al Foro Boario, presso l’ex mattatoio nel quartiere Testaccio: al colmo della gioia abbracciai felice il mio amico.
In quell’anno Zappa fece una lunghissima tournee nel nostro Paese e fortunatamente anche Roma, sovente bistrattata, poteva finalmente accogliere un mostro sacro del rock di tale fattura. Queste, per i più curiosi, sono nel dettaglio le altre date: 2 luglio, Torino - Stadio Comunale, 3 luglio, Bolzano - Stadio Comunale, 4 luglio, Bologna - Quartiere Fieristico, 5 luglio, Genova - Stadio Marassi, 7 luglio, Milano - Parco Redecesio, 8 luglio, Pistoia - Stadio Comunale, 12 luglio, Napoli - Stadio San Paolo, 14 luglio, Palermo - Stadio Comunale La Favorita. Come credo potrete ben constatare la location peggiore era di gran lunga quella romana: incomprensibile ancora oggi a distanza di tanto tempo trovare una giustificazione logica per una scelta così infausta.
Il fatidico giorno ci presentammo nel primo pomeriggio presso l’ex mattatoio dove la sporcizia regnava sovrana. C’era già moltissima gente, ragazzi, ma anche persone più attempate (come me adesso e allora chiamiamole diversamente giovani che è meglio!) che si ammassò a ridosso del palco per stare il più vicino possibile al mitico Zappa. Ci sedemmo in terra e si alzò immediatamente una nube di polvere (tanto per farvi ulteriormente capire l’indecenza di un sito simile per un evento di tale portata) e spesso si starnutiva che era una bellezza. A complicare la situazione ci si mise il fumo, e che fumo! Praticamente la maggior parte dei presenti nell’attesa si era arrotolato la sua bella cartina per farsi una canna, con conseguente arrossamento degli occhi, mentre il caratteristico odore acre dello spinello ti entrava allegramente nei polmoni (per chi non fuma, tipo il sottoscritto, è un po’ una tragedia, ma avrei sopportato qualsiasi cosa quella sera!). E’ passato così tanto tempo, ma rammento come se fosse oggi l’entrata sul palco di Zappa, con indosso degli improponibili pantaloni con le pences; rivolto al pubblico, Frank disse ironicamente:

Hello there, Rome, welcome to the show tonight… in this ‘most lavishly aparted area’… We hope that you’ll be ‘comfortable’ during the show… because you’re gonna be here for at least two hours... So relax! (Ciao a tutti, Roma ... Benvenuti allo spettacolo di stasera ... in questa 'zona più riccamente appartata' ... Speriamo che sarete 'comodi' durante il concerto... perché sarete qui per almeno due ore ... Quindi rilassatevi!)

In tal modo iniziò uno spettacolo pazzesco. La Frank Zappa's Band era composta da Ed Mann – percussioni, Tommy Mars - tastiere, Bobby Martin - tastiere, sassofono, voce e alphorn (per chi non lo sapesse si tratta di uno strumento musicale a fiato, di legno, a tubo conico lungo anche fino a quattro metri), Scott Thunes – basso e voce, Steve Vai – chitarra (si, si avete letto bene, e proprio lui! Aveva solo 22 anni e indossava una stravagante maglietta leopardata), Chad Wackerman – batteria, Ray White – chitarra e voce e, naturalmente, Zappa – chitarra e voce. Non conoscevo ancora chi fosse Steve Vai e bastò poco per capire le sue invidiabili doti alla sei corde, tanto è vero che con Luigi commentammo molto favorevolmente la sua esibizione. Zappa ebbe il grande merito di individuarne subito il talento, prima come trascrittore di partiture e poi come esecutore dei suoi brani che richiedevano capacità tecniche mostruose. Come ho avuto modo di ricordare nella seconda puntata dell’articolo Legends Of Rock dedicato a Zappa in cui ho anche accennato a questo concerto, il momento più esaltante è stato quanto un gruppo di scalmanati faceva talmente casino al punto che Frank, che in quel preciso istante, come era sua consuetudine, si deliziava e dirigere la sua band alla stregua di un direttore d’orchestra, improvvisamente con un solo gesto fece interrompere la musica. Una volta raggiunta finalmente la tranquillità dispose la ripresa del pezzo esattamente nello stesso punto da dove l’aveva interrotto! Spettacolare! Lo show fu di assoluto livello e di grande intensità emotiva. Ho conservato per tutti questi anni la setlist che ora sono ben felice di farvi conoscere:

The Mammy Anthem (Volare)
Band Intros (Volare, Happy Birthday)
Dancin’ Fool
RDNZL (inclusa Royal March From Aida)
Advance Romance
Joe's Garage
Why Does It Hurt When I Pee?
Marqueson's Chicken
Easy Meat
Dead Girls Of London
Shall We Take Ourselves Seriously?
What's New In Baltimore?
Moggio
Broken Hearts Are For Assholes
Sinister Footwear
Stevie's Spanking
Tell Me You Love Me
The Closer You Are
Johnny Darling
King Kong
Sofa

--- Encore 1 ---

No No Cherry
The Man From Utopia Meets Mary Lou

--- Encore 2 ---

Strictly Genteel
The Illinois Enema Bandit

Frank Zappa complessivamente suonò un po’ di più rispetto alle due ore preannunciate concedendo, come avete notato, ben due bis. Vederlo dal vivo è stata davvero un’esperienza unica: molto raramente ho trovato altri artisti in grado di dare emozioni intense allo stesso livello del musicista di Baltimora. Le sue composizioni, talvolta ironiche, sono mutevoli, non le assimili tanto facilmente e malgrado le ascolti da tantissimo tempo c’è sempre qualche sfumatura che precedentemente mi era sfuggita, insomma ti sorprende in continuazione: d’altronde non sono certo sonorità easy listening!

Siamo giunti al termine di un nuovo viaggio tra i miei ricordi; vi ho raccontato un momento particolarmente bello della mia vita trascorso insieme ad un grande amico che, come già menzionato, ha abbandonato questo mondo troppo giovane ed al quale voglio dedicare commosso questo mio articolo.
Ciao Luigi! (E mentre digito il suo nome come degna chiosa del mio articolo, un rivolo di lacrima scende furtiva dai miei occhi finendo la sua corsa sulla tastiera del PC: l’emozione non ha età se si hanno dentro sentimenti veri).



sandro old for progressive, young to die
Lunedì 22 Gennaio 2018, 0.03.05
24
C' ero anch' io ragazzi , riuscii a entrare senza pagare perchè il partito comunista (organizzatore dell' evento) intorno alle 20,30 decise di aprire il cancello d' ingresso del mattatoio e consentì l' ingresso a tutti.Ricordo che in attesa dell' inizio la musica mandata dal mixer era l lp TOTO IV e tutto ad un tratto la la musica sfumò ed entrò Zio Frank e le Mothers accolti ti da un' ovazione.. Ricordo ancora che il secondo o terzo brano era un reggae, ragazzi di gran lunga più bello dei brani reggae dell' epoca. Zio frank quando suonava a Roma faceva capire che lo show stava per finire accennando le note di Arrivederci Roma, era un momento veramente emozionante e triste al contempo. Uno o due giorni dopo il concerto mi trovavo a via Veneto e in un bar vidi zio frank seduto alticcio, mi volevo avvicinare per salutarlo, ma subito dopo vidi un' energumeno di colore al suo fianco era il body guard e ho rinunciato. Questi i miei ricordi di quel giorno. Grazie e ciao.
Roberto
Venerdì 15 Settembre 2017, 7.53.49
23
C'ero anche io! E ricordo benissimo il momento in cui Frank si fermò con tutta la band per far calmare un gruppetto che faceva casino. Ricordo ancora di più (purtroppo) il casino che c'era a terra. Essendo un po' scalmanato anche io, mi misi a correre per cercare un posto migliore ed incappai in un gruppo di tegole che erano, appunto, in terra. ne presi una che mi rimbalzò su uno stinco così forte che pensai di essermi rotto la gamba. Rimasi a terra per 5 minuti, se ricordo bene sono rimasto così, mugolando dal dolore senza che nessuno si accorgesse di me. Poi mi ripresi, entrò Frank con la band e fu storia! Confermo tutto.
ConcertoFrankZappa1982Bolzano
Giovedì 14 Settembre 2017, 14.35.59
22
Salve, 🎼l'articolo fà viaggiare nei tempi che furono 😍👍 É stato creato un gruppo in FB per ricreare uno spazio dedicato per chi c'era il 3 Luglio 1982 al campo Druso di Bolzano per il fantastico concerto del gigante FRANK ZAPPA🎸! Chissà se attraverso il tam tam tra di noi qualche testimone dell'evento verrà a raccontarci i suoi ricordi 🎹 Karin Keim Bolzano (Avventura con Donne Duster)
Giuseppe
Martedì 1 Novembre 2016, 20.24.46
21
c'ero anch'io ( 19 anni ) e tanta passione per il più grande di sempre
Franke
Lunedì 28 Dicembre 2015, 13.28.48
20
Io conservo il biglietto di un concerto di Frank Zappa di MERCOLEDI 10 OTTOBRE h 21 ( £ 15000) tenutosi al Teatro Tenda-Parco Nord di Bologna , ma non ne trovo traccia in rete . Com'è possibile ?
raven
Lunedì 23 Febbraio 2015, 16.22.04
19
Chiaramente ispirata da una ciabattata sulla nuca da parte della consorte
Lizard
Lunedì 23 Febbraio 2015, 13.41.51
18
Bellissima la specifica
sergio
Lunedì 23 Febbraio 2015, 13.23.30
17
specifico,porco cane per il fatto che non ho assistito al concerto,per il matrimonio è ancora tutto ok
sergio
Lunedì 23 Febbraio 2015, 13.20.55
16
non sono andato a quel concerto ,al foro boario,perchè la mattina dopo mi dovevo sposare ,porco cane
vinicio
Martedì 24 Settembre 2013, 22.13.49
15
C'ero anch'io a quel concerto e rimasi senza fiato per tutto il tempo...volevo solo aggiungere un particolare di non poco conto: verso le 18 o giù di lì improvvisamente tra le grida del pubblico uscì Zappa con tutto il gruppo e fecero, credo, quasi un'ora di prove che ci lasciarono a bocca aperta. Credo che Zappa si impietosì delle pessime condizioni in cui eravamo costretti a sedere tra sassi e polvere e così decise di alleviare la triste situazione e ci riuscì alla grande, mitico Frank!!!!
pirropino
Domenica 18 Novembre 2012, 17.18.15
14
un grande della musica....un genio immortale....grazie per averlo post.............
carla63
Domenica 22 Luglio 2012, 14.11.52
13
Bellissimo ricordo...ottima e coinvolgente descrizione..mi sembrava di esserci..!
fabio II
Venerdì 14 Ottobre 2011, 13.53.55
12
Grande Frank, 'Hot Rats' e 'The Grand Wazoo' probabilmente i lavori che preferisco. Alla stampa era solito dire:'il giornalismo musicale è fatto da persone che non sanno scrivere, che intervistano persone che non sanno parlare, per persone che non sanno leggere'
BILLOROCK fci.
Venerdì 22 Luglio 2011, 13.41.29
11
frank zappa è un artista a 360 !!
Radamanthis
Venerdì 22 Luglio 2011, 12.02.51
10
Bellissimo articolo Fabio, complimenti! Un GENIO della musica come Frank Zappa che ad ogni ascolto insegna qualcosa...
AdemaFilth
Mercoledì 20 Luglio 2011, 0.18.39
9
Complimenti Fabio, memoria davvero interessante, oltre che toccante.
Lizard
Lunedì 18 Luglio 2011, 21.35.30
8
Uno dei pochissimi artisti a cui il titolo di genio va quasi stretto. Semplicemente meraviglioso e dissacrante, ancora da scoprire, e lo sarà sempre.
ayreon
Lunedì 18 Luglio 2011, 18.13.46
7
a torino andò a mangiare in una pizzeria di mirafiori sud vicino a casa mia perchè il padrone era dell'organizzazione. A quell'epoca non lo conoscevo,avevo visto solo dei video su "Mister fantasy".Porca miseria,lui e Vai vicino a casa mia ...................................
hm is the law
Lunedì 18 Luglio 2011, 17.58.45
6
Grazie ragazzi dei complimenti, sono davvero contento che vi sia puiaciuto quest'articolo a cui tenevo tantissimo.
Croptic
Lunedì 18 Luglio 2011, 17.39.36
5
Vedendo i Zappa plays Zappa sono rimasto senza parole per una settimana..non oso immaginare cosa mi avrebbe provocato la visione sul palco del mio artista preferito. Bell'articolo ma ti invidio tantissimo!
xutij
Lunedì 18 Luglio 2011, 16.47.19
4
grandissimo frank uno dei miei idoli, ma non dimentichiamoci di Don Van Vliet meglio conosciuto al mondo col nome di capitan beefheart, amico di zappa stesso, un genio allo stesso livello di zappa che purtroppo si è spento l'anno passato. due geni che dovrebbero essere studiati a scuola, altro che lezioni di flauto cribbio
Jimi The Ghost
Lunedì 18 Luglio 2011, 16.04.52
3
« La verità non sta in un solo sogno ma in molti sogni. » [P.P. Pasolini]. Se volessi azzardare nei sillogismi, Pasolini e Zappa avevano in comune la voglia di amare "mostruosamente la vita" cercando non di "risolvere i problemi, ma di viverli...fino alla fine" portandoli ad osare verso mete solitarie ed incomprensibili per molti, e forse per tuttii. Comico dissacratore, ossessivo compulsivo nelle composizioni e nelle esecuzioni, Frank Z ha cercato di non rendere facile l'ascolto dei suoi paradossi musicali. Nella storia verrà ricordato sicuramente solo lui, il front guitar che ha fatto da apri-pista ai Guitar Hero di oggi (pensiamo allo studente Steve, ai I Residents ed ai concerti dei G3 (live in denver Satriani-Vai-Jhonson) coverizzati sempre nella parte dei Jam sui pezzi di Zappa a causa della superbia struttura e qualità compositiva delle spartiture. Una musica modale, amelodica, psichedelica, tempi sospesi, inluenze beffarde provenienti dal teatro buffo regalando all'ascoltaore non solo una provocazione tecnica, concetto proprio della avanguardie classiche (e mi riferisco alle ritmiche in particolare), ma con lui si sono non solo superate, ma espressamente contestate. Rappresenta ancora oggi l'esempio alla critica del consumismo, del rifiuto di lavorare per ragioni puramente economiche. Dall' effetto ejzensteiniano alla "Parodia e collage" utilizzate magistralmente come unico mezzo di comunicazione ed interazione con l'uditore, tipico della struttura costruttiva di Zappa e meticolosamente arrangiata dopo ore di lavoro in studio. Ottimo. adesso si che Metallized mi piace. Bravi ragazzi, ottimo, ottimo lavoro. Bravo Fabio per la recensione. Mi raccomando ragazzi.... ..."My Guitar Wants To Kill Your Mama". Jimi TG
Metal4ever90
Lunedì 18 Luglio 2011, 15.17.41
2
Frank Zappa, un artista immenso!! che onore e piacere dev'essere stato assistere allo show di quel genio. Quoto l'ultima frase....
alzailcorno93
Lunedì 18 Luglio 2011, 14.12.03
1
ragazzi che articolo!! mi hai fatto commuovere nel finale avendo perso anch'io da poco uno dei miei migliori amici (18 anni) in un'incidente stradale...grande Fabio!!!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Frank Zappa
ARTICOLI
26/05/2016
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 30 Gods of Metal, Arena Estiva Forum di Assago (MI), 5-6/06/1999
22/09/2012
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 29 Deep Purple, Palazzo della Civiltà Italiana (RM), 05/09/1987
08/09/2012
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 28 Pink Floyd - Cinecittà (Roma), 21/09/1994
20/06/2012
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 27 - Black Sabbath, Palaeur, Roma, 1987
16/05/2012
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 26 - Genesis, Palaeur, Roma, 1982
05/02/2012
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 25 - Black Sabbath, Cross Purposes Tour, Palasport di Firenze, 23/05/1994
19/11/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 24 - HM Festival, Palasport, Bologna, 23/06/1986
03/09/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 23 - Coroner, Cinema Moderno, Cassino (FR), 11/01/1992
18/07/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 22 - Frank Zappa, Foro Boario, Roma, 09/07/1982
07/07/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 21 - Ramones, Castel S. Angelo, Roma, 14/09/1980
22/06/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 20, Chet Baker, Teatro In Fiera, Messina, 1979
18/06/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 19, Iron Maiden + W.A.S.P., Napoli, 1986
30/05/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 18 - Jaco Pastorius, Reggio Calabria, 1986
25/04/2011
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 17, Iron Maiden, Real Live Tour, 1993, Firenze
24/12/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 16, Monsters Of Rock, Modena, 1991
13/12/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 15 - Saxon, Napoli, 1985
06/12/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 14 - Bauhaus, Messina, 1982
23/11/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 13 - The Cure, Milano, 1992
08/11/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 12 - Monsters Of Rock, Modena, 1988
31/10/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 11 - Europe, Torino, 1989
22/10/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 10 - KISS ed Iron Maiden, Roma, 1980
08/10/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 9 - Metallica, Milano, 1992
23/08/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 8 - Death, Milano, 1995
16/08/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 7 - Cradle Of Filth, Biella, 1994
09/08/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 6 - Guns N` Roses, Torino, 1992
02/08/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 5 - KISS, Losanna, 1983
26/07/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 4 - Sepultura, Milano, 1993
19/07/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 3 - Clash Of The Titans, Firenze, 1990
12/07/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 2 - AC/DC, Nettuno, 1984
06/07/2010
Articolo
RACCONTARE IL MITO
# 1 - Iron Maiden, World Slavery Tour, 1984, Bologna
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]