Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/02/21
STEVE LUKATHER
I Found the Sun Again

26/02/21
INFERNALIZER
The Ugly Truth

26/02/21
MOS GENERATOR
The Lanter (EP)

26/02/21
RICHARD BARBIERI
Under A Spell

26/02/21
WALK THE WALK
Walk the Walk

26/02/21
MELVINS
Working with God

26/02/21
SISTER
Vengeance Ignited

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
JOURS PALES
Eclosion

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

MAXIMUM ROCK FEST - # 2 - Parco del Palazzetto dello Sport, Novara, 21-24/07/2011
25/07/2011 (2272 letture)
MAXIMUM ROCK FEST 2011
FREAK KITCHEN + DESTRAGE + GOLEM + RHYME + ONELEGMAN + TRY TO BE

Doverosa premessa per scusarmi con i lettori e con le band per l’impossibilità di potervi offrire un report completo in quanto, per cause di forza maggiore, sono potuto essere sul luogo del festival solo intorno alle 20:20, a ridosso dell’esibizione dei Golem. È sempre intenzione principale poter condividere con voi l’evento nella sua interezza, ma potete comprendere come spesso non tutto si sussegua nell’ordine programmato, e che anche a rincorrere gli eventi a volte questi ci superano. Detto questo, rinnovo soprattutto il mio dispiacere ai Rhyme, ai OneLegMan ed ad i Try To Be, sperando che ci sia ancora occasione in futuro per rimediare a questa trama di eventi sfavorevoli.

GOLEM
Appena giunto, come già accennato, il palco è praticamente pronto ad accogliere il set dei pugliesi Golem, freschi vincitori del contest WOA Metal Battle 2011 - Italy. La band barese propone un ibrido, in sostanza, tra il classico melodic death di matrice svedese ed un, banale a dire il vero, metalcore d’oltreoceano, conditi da richiami nemmeno troppo velati a melodie e riffing (specialmente nelle parti solistiche) agli Iron Maiden. Gli ancora pochi accorsi all’evento non dimostrano praticamente nessun coinvolgimento, se non qualche isolato metal head (che dovrebbero essere d’esempio) che risponde a gli sproni del frontman Matteo De Bellis. Il combo tiene con personalità il palco e dimostra buona intesa, ripropone i brani dal vivo con una fedeltà (soprattutto i clean chorus) invidiabile. La proposta per quanto orecchiabile e moderna è però caratterizzata da una eccessiva eterogeneità delle direzioni musicali dei singoli brani. Sicuramente ottime, per resa, One Bullet Left e la “core-ish” We Say No, così come Psychoporn. Va segnalata invece, per chi scrive, una nota dolente, costituita dall’eccessivamente commerciale (purtroppo nell’accezione negativa del termine) No Remorse, brano fuori dalle corde della band, che strizza più l’occhio ad un certo gothic rock sotto steroidi (nemmeno troppi). Degna di nota la prova vocale di De Bellis che delizia, il sottoscritto in tal senso, con un growl veramente corposo e definito, assolutamente senza sbavature.

DESTRAGE
Grande attesa, personalmente parlando, nutrivo per l’esibizione dei milanesi Destrage. Band che su disco, con l’ultimo The King Is Fat And Old, era riuscita in qualche modo a stupirmi con diverse soluzioni e la cui vena core riusciva ad essere ben smorzata da un’ottima cura delle ritmiche e del groove. Spiace dirlo, soprattutto perché parliamo del nuovo che avanza, e che deve avanzare, ma i suddetti mi hanno sinceramente deluso. Innocui, i brani proposti live giungevano più come accozzaglia di ritmiche distorte senza capo né coda, le clean vocals hanno preso una deriva emo sinceramente banale e in aggiunta a ciò molte parti di chitarra acustica (riproducibili tranquillamente con il pulito delle elettriche) sono state affidate ai sample, che andrebbero a mio modo di vedere tollerati solo per quanto concerne basi elettroniche o per strumenti/orchestrazioni realmente non riproducibili dal vivo. Per come intendo io il live, quel che suoni in studio va riproposto anche on stage altrimenti, come direbbero in molti, 'siamo buoni tutti'. Tecnicamente i cinque non si discutono, la partecipazione del pubblico c’è stata, ma al sottoscritto alla fine non è rimasto praticamente nulla, se non l’unica vera canzone degna di tal nome, ovvero il singolo Jade’s Place, unica traccia accolta con un reale boato dagli astanti. In definitiva? Rimandati! La complessità deve essere un elemento controllabile e gestibile anche dal vivo, non basta la perizia tecnica; a ciò si aggiunga che una maggior cura dei suoni live eviterebbe passi falsi come questo. Inoltre il mood eccessivamente serioso abbinato a determinate soluzioni cozza eccessivamente con quanto poi arriva a chi osserva ed ascolta. Ed anche in questo senso, non basta essere freak musicalmente se non si è tali anche nella personalità. Tanto fumo e poco arrosto.

FREAK KITCHEN
Ed eccoci alla portata principale della notte novarese! I Freak Kitchen sono magici, sono unici e soprattutto sono bravi, sono maledettamente bravi. Se a questo aggiungiamo follia, gusto, simpatia a non finire potete comprendere da voi che quello dei nostri svedesi non è un concerto ma un vero e proprio show, fatto di grande musica, ironia, cabaret, dialogo e anima. La capacità di Mattias Eklundh di trasformare la spaziosa area concerti in un intimo locale di città è dote rara ed esperienza unica. Ed ecco che a suon di cori intonanti “Macchiato Espresso”, “Quattro Formaggi”, “Capricciosa”, digressioni sulle bellissime parole italiane (cibi per lo più), grab dance da parte di Örtefors, imitazioni del traffico italiano (con la chitarra) e diversi inviti a ballare e cantare con la band canzoni in 4/4 (i Freak Kitchen hanno un’idea di 4/4 tutta loro) il trio di Goteborg mette in piedi una prova maiuscola, raffinata e muscolare, passando in rassegna brani dalla carica e dal mood unici. Dalla opener God Save The Spleen alla spassosissima My New Hair Cut passando per Propaganda Pie, The Rights To You, Razors Flowers, Silence, Speak When Spoken To, Chest Pain, Porno Daddy, Blind fino alla conclusiva ed acclamatissima Nobody’s Laughing. Crampi agli zigomi, il groove e l’energia dei Freak Kitchen nelle vene, assisto probabilmente al rock show più divertente a cui mi sia mai capitato di presenziare da lungo tempo a questa parte. Un po’ Pantera, un po’ Red Hot Chili Peppers, musicalmente nemmeno una sbavatura, dalle vocals di Eklundh e Örtefors, mai scadenti o deboli, alla prova strumentale imponente dei tre (Fryklund dietro le pelli ha dato semplicemente spettacolo) e nemmeno un piccolo impaccio con il cavo del basso durante un solo è riuscito a scalfire o interrompere lo show, merito, questo, del carisma e delle doti oratorie di Eklundh.
Come detto da quest’ultimo: i tre sono assieme da vent’anni, sono una famiglia e si vede. Epici! MACCHIATO ESPRESSO!!!

Infine un plauso all’organizzazione, che ha garantito lo svolgimento della serata in un clima sereno, disteso e senza alcuna situazione sgradevole o spiacevole.



Lizard
Martedì 26 Luglio 2011, 14.52.35
1
Bella questa "staffetta" per un festival che si rivela eclettico e di buonissimo livello!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Frammento della locandina del fest
ARTICOLI
28/07/2011
Live Report
MAXIMUM ROCK FEST
# 4 - Parco del Palazzetto dello Sport, Novara, 21-24/07/2011
26/07/2011
Live Report
MAXIMUM ROCK FEST
# 3 - Parco del Palazzetto dello Sport, Novara, 21-24/07/2011
25/07/2011
Live Report
MAXIMUM ROCK FEST
# 2 - Parco del Palazzetto dello Sport, Novara, 21-24/07/2011
24/07/2011
Live Report
MAXIMUM ROCK FEST
# 1 - Parco del Palazzetto dello Sport, Novara, 21-24/07/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]