Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Cimitero militare americano: un campo coperto di morti (fonte 123rf.com)
Clicca per ingrandire
Il leggendario artwork di 'Master Of Puppets
Clicca per ingrandire
Soldato burattino, da un'opera di Stravinsky
Clicca per ingrandire
Un soldato in Vietnam
Clicca per ingrandire
Vietnam - marine ferito, aggrappato al suo M16. Gli occhi dicono tutto.
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

CRYPTIC WRITINGS - # 11 - Disposable Heroes - Metallica
14/09/2011 (6211 letture)
Il dibattito circa l'importanza dei testi nel metal è sempre vivo, almeno su queste pagine, e dal canto nostro ci teniamo talmente tanto ad esaminare anche questo aspetto -considerato da alcuni addirittura ininfluente (così come in generale teniamo alla nostra cifra letteraria, nel rispetto del diversissimo modo di esprimersi di ognuno di noi) da dedicargli una rubrica come Cryptic Writings. Siamo d'accordo sul fatto che, almeno in prima battuta, è la musica ad avere un ruolo preminente sui testi, anche a causa della scarsa fruibilità di questi ultimi per una larga fascia d'utenza che trova difficile seguire le liriche in una lingua come l'inglese. Personalmente trovo inammissibile che un artista -magari con una carriera più che decennale, come spesso accade- non abbia nulla da dire, nulla da comunicare a voce, nessuna critica sociale, nessun pensiero personale su qualsivoglia aspetto della vita, pubblico o privato che sia, e che non possa/voglia metterlo in una forma letterale che, almeno una volta, possa innalzare la simbiosi musica/testo a livelli degni di essere ricordati. Che vi interessino o meno i testi (ma se state leggendo questa rubrica presumo di si) quello di Disposable Heroes è certamente tra quelli che meritano una annotazione particolare, una disamina più attenta, ed è proprio quello che ci accingiamo a fare.
Contenuto nel masterpiece dei Metallica che risponde al nome di Master Of Puppets, Disposable Heroes rappresenta una delle punte di diamante dell'album, sia dal punto di vista musicale che da quello testuale, ponendosi nei confronti dell'ascoltatore come valido esempio di thrash di grande atmosfera e veicolo di un messaggio tanto scontato, se volete, quanto sistematicamente violato, ignorato, stuprato dall'umanità in tutte le epoche storiche, e proprio per questo vale la pena di ribardirlo ed analizzarlo ogni volta che è possibile, così come già fatto in questa rubrica, ad esempio in occasione dell'analisi del testo di American Soldier dei Queensryche.

Bodies fill the fields I see, hungry heroes end
No one to play soldier now, no one to pretend
Running blind through killing fields, bred to kill them all
Victim of what said should be, a servant till I fall


I cadaveri riempiono i campi che vedo, [questa è] la fine di eroi affamati
Ora nessuno gioca a fare il soldato, nessuno fa finta.
Correre alla cieca attraverso campi assassini, addestrato ad ucciderli tutti
Vittima di ciò che dovrebbe essere un ordine, un servo finchè non cadrò.


La scena è già post-battaglia. Un ragazzo osserva una scena fatta di morte e di morti, e si rende già conto di essere solo una pedina di carne e sangue, mossa da altri su una scacchiera che porta solo verso una fine inane, la cui utilità consiste solo nel guadagno di chi controlla dall'ombra.

Soldier boy, made of clay
Now an empty shell
Twenty-one, only son
But he served us well
Bred to kill, not to care
Do just as we say
Finished here. Greetings, Death,
He's yours to take away


Giovane soldato, fatto d’argilla
Ora un guscio vuoto.
Ventun'anni, figlio unico
Ma ci ha servito bene
Addestrato ad uccidere, non a preoccuparsene
Fai solo quello che ti diciamo
Finisce qui. Salve, morte,
puoi portarlo via con te


Il punto di vista si sposta da quello della vittima a quello dei carnefici, al burattinaio che tira i fili, la scena raffigurata sulla cover del disco. L'uomo è solo argilla da modellare per i propri scopi, non importa che prezzo questo dovrà pagare, è solo un pupazzo privo di volontà, e quando questo non è più in grado di contribuire allo scopo, o quando lo scopo è raggiunto, allora è vantaggioso che muoia, basta che abbia fatto ciò che serviva.

Back to the front
You will do what I say, when I say
Back to the front
You will die when I say, you must die
Back to the front
You coward, you servant, you blind man


Torna al fronte
Farai quel che ti dirò io, quando te lo dirò io
Ritorna al fronte
Morirai quando te lo dirò io, tu devi morire
Ritorna al fronte,
Codardo, servo, cieco.


Ed infatti lo scopo è proprio quello, la pedina DEVE morire, perchè il fine non è la meta da raggiungere, ma il controllo. Si, il sadico controllo degli altri, l'esercizio sterile del potere cieco, il mandare qualcuno a morire sublimando la propria inferiorità e debolezza, ribadendo la propria esistenza eliminando quella altrui, controllando il proprio complesso di inferiorità esercitando il controllo, senza altro scopo che quello di convincersi di esistere oltre la fisicità. Un esercizio questo che può tradursi in malgoverno, guerra, o solo nel capoufficio bastardo che ricorre al mobbing contro l'impiegato bisognoso, l'importante è avere qualcuno da poter schiavizzare, per non pensare a quanto si è inutili, soli, inadeguati.

Barking of machine-gun fire does nothing to me now
Sounding of the clock that ticks, get used to it somehow
More a man, more stripes you wear, glory-seeker trends
Bodies fill the fields I see
The slaughter never ends


Il latrato della mitragliatrice ora non mi fa nessun effetto.
Al ticchettio dell’orologio, in qualche modo mi ci sono abituato
Tanto più sei uomo quanto più esibisci le medaglie, mode da cacciatori di gloria
Cadaveri riempiono i campi che vedo
Il massacro non finisce mai.


Si ritorna al punto di vista della vittima/pedina, ormai abituata a tutto, anche alla morte. Ed anche il vedere i morti coprire i campi, il capire la vacuità dell'esibizione di inutile medaglie, non muove quasi più nulla dentro, tanto "Il massacro non finisce mai".

Why am I dying?
Kill, have no fear
Lie, live off lying
Hell, hell is here
I was born for dying
Life planned out before my birth, nothing could I say
Had no chance to see myself, molded day by day
Looking back I realize, nothing have I done
Left to die with only friend
Alone I clench my gun


Perché sto morendo?
Uccidi, non aver paura
Menti, vivi sulle menzogne
Inferno, l’Inferno è qui
Sono nato per morire
Una vita stabilita prima ancora che nascessi, non ho potuto dire niente
Non ho avuto la possibilità di capirmi, modellato giorno dopo giorno
Guardandomi alle spalle mi rendo conto di non aver concluso nulla
Lasciato a morire con una sola amica
Da solo, impugno la pistola


Ma c'è un momento in cui anche un burattino -se ha conservato un barlume di umanità e di capacità di provare qualcosa- si chiede semplicemente "perchè?"; ecco, quello è il momento in cui il burattinaio ha perso. Non c'è modo di riprendere il controllo ("Uccidi, non aver paura"), non c'è modo di nascondere la verità ("Menti, vivi di menzogne"). Ed allora, quando nulla può essere fatto per rimediare a quanto commesso, rimane solo un gesto possibile. L'ultimo, estremo, disperato grido di indipendenza, orgoglio e libertà, in nome del proprio essere uomo, togliendo a chi muove i fili il suo potere, sottraendogli il quel controllo che è la sua ragione di esistere. Ed allora: "Da solo, afferro la pistola".

La tematica della guerra è una di quelle cui ho sempre tenuto molto, specie se associata a quella della disinformazione e del controllo delle menti, e che sia trattata in questa maniera cruda, da figli di una generazione che aveva visto il Vietnam, od in maniera poeticamente aulica come nel caso già trattato nella puntata di questa rubrica dedicata al Banco Del Mutuo Soccorso, la fine è sempre la stessa, la lezione è sempre la stessa, così come è sempre la stessa la nostra pervicace capacità di non apprenderla.



Raven
Venerdì 15 Agosto 2014, 10.55.59
21
Siamo sempre noi a ringraziare i lettori per l'attenzione che ritengono di doverci dedicare
wil
Giovedì 14 Agosto 2014, 17.01.18
20
La canzone è stupenda, ma il vostro lavoro è strepitoso. Ottimo e grazie.
Raven
Mercoledì 2 Gennaio 2013, 13.50.52
19
Ti ringrazio
Gaia
Mercoledì 2 Gennaio 2013, 13.47.04
18
Ottimo lavoro, finalmente una traduzione fatta come si deve, con tanto di significato esatto e coerente. Davvero, complimenti.
Matocc
Sabato 17 Settembre 2011, 21.20.24
17
grande articolo come sempre. l'ho potuta ascoltare live nel 2009 a Milano, ero felicissimo. una delle mie canzoni preferite di MOP e dei 'TallicA in generale: musica a martello, testo da paura. immortale capolavoro
Screamforme77
Sabato 17 Settembre 2011, 20.18.03
16
Ho sempre amato questa canzone anche se non ha avuto la stessa fama di tanti altri loro classici.I Metallica hanno sempre avuto a cuore le tematiche contro la guerra,One ne è un altra dimostrazione lampante.
Blue
Giovedì 15 Settembre 2011, 22.19.10
15
Non posso aggiungere molto ai commenti precedenti..capolavoro la musica,capolavoro le lyrics,capolavoro di album!
dani
Giovedì 15 Settembre 2011, 19.14.35
14
bellissimo pezzo, come bellissimo è il testo ed il messaggio che manda!
Fede
Giovedì 15 Settembre 2011, 17.16.56
13
Rubrica davvero interessante, e il testo in questione, per quanto possa sembrare latore di un messaggio scontato, lo rende in modo efficace combinando testo crudo e senza compromessi con una musica stupenda.
letypaxxa metallica 4e
Giovedì 15 Settembre 2011, 15.41.28
12
recensione fantastica, profonda, veritiera. canzone meravigliosa, unica,indimenticabile.
Raven
Giovedì 15 Settembre 2011, 14.47.26
11
Vedo con piacere con non sono il solo a prendermi a cuore certe tematiche
MIB
Giovedì 15 Settembre 2011, 11.25.50
10
Uno dei pezzi che mi ha reso il fan autistico dei MetallicA che sono oggi. E mi considererò per sempre fortunato ad averla sentita live ad Imola nel 2006... Brividi
Radamanthis
Giovedì 15 Settembre 2011, 10.44.31
9
Canzone favolosa nel suo incedere e nel suo significato. canzoni come questa restano nella storia, ci si ficcano dentro e non la lasciano piu'...proprio come i segni della guerra su un popolo!
fabio II
Giovedì 15 Settembre 2011, 9.52.24
8
Canzone memorabile, disco a dir poco epocale. La cover ed il titolo dell'album spiegano come, da sempre, siamo controllati da società segrete ( anche i Queensryche erano sulla stessa onda ). Come diceva Jimi Hendrix: 'Quando il potere dell'amore supererà l'amore per il potere, il Mondo conoscerà la pace'
Nightblast
Giovedì 15 Settembre 2011, 9.08.33
7
"Solo i morti hanno visto la fine della guerra" - Platone.
MAIDEN
Giovedì 15 Settembre 2011, 8.03.58
6
Disposable Heroes critica le contraddizioni di ogni guerra . Giusto "Pace ", grandissimo pezzo .
Jimi The Ghost
Giovedì 15 Settembre 2011, 7.23.33
5
"La guerra non si può umanizzare, si può solo abolire". Jimi TG -"Restiamo Umani"- "Stay Human"-
ok
Giovedì 15 Settembre 2011, 0.16.12
4
bei tempi
Metal4ever90
Giovedì 15 Settembre 2011, 0.08.36
3
Ottima analisi, uno dei testi più belli dei Metallica! e anch'io l'ho cantata per molto questa canzone.
Khaine
Mercoledì 14 Settembre 2011, 23.47.42
2
Già, un vero masterpiece. Molto evocativa oltretutto...
Lizard
Mercoledì 14 Settembre 2011, 23.44.24
1
Ho cantato questa canzone tutte le mattine per 10 mesi, anni fa. Testo perfetto nella sua semplicita': esplicito, duro, diretto, vero. Canzone meravigliosa, un vero inno.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Vietnam, 1969 - una madre piange il figlio morto
Clicca per ingrandire
I Metallica al tempo di Master Of Puppets
Clicca per ingrandire
Metallica - colazione
Clicca per ingrandire
Metallica - relax
ARTICOLI
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]