Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

CRYPTIC WRITINGS - # 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
16/10/2011 (5729 letture)
Non impareremo mai dalla storia, ma continueremo sempre a commettere i nostri errori. A vent’anni di distanza, le parole scritte da Dave Mustaine per la strepitosa Holy Wars... The Punishment Due, perla introduttiva dell’ultra-technical thrash di Rust In Peace, sono ancora molto attuali ed adattabili al contesto storico-politico in cui viviamo. Del resto, una ‘guerra santa’ resta sempre un paradosso, in qualsiasi epoca la si collochi: dalle crociate medievali alle azioni militari con cui Saddam Hussein annetteva il Kuwait all’Iraq. Nel 1988 il chitarrista dei Megadeth, sotto il dannoso effetto degli stupefacenti, si era lasciato andare ad un rischioso attacco verbale: a Belfast (Irlanda), scenario di sanguinose e famigerate guerre civili nel nome della religione, osò chiedere il ritiro di alcune magliette non ufficiali che venivano vendute per supportare la causa delle lotte tra cristiani e protestani, meritandosi in cambio sputi e l’esilio dai palchi irlandesi per un decennio buono. Già allora, però, il carismatico californiano si era lasciato trasportare dalla collera anche in funzione di un ragionamento che gli sembrava tutto fuorchè logico.

Come cazzo può una religione permettersi di dire qualcosa contro un’altra religione?

Capolavoro di tecnica, velocità, perizia stilistica e incisività lirica, Rust In Peace è da molti ritenuto il masterpiece assoluto del tormentato quartetto di Los Angeles. In realtà tutti o quasi i pezzi contenuti in scaletta trattano tematiche delicate e socialmente impegnate, ma quello che meglio identifica l’intero pensiero di Mustaine è proprio Holy Wars... The Punishment Due, l’intricata opener che diventa uno dei cavalli di battaglia più conosciuti ed ammirati del combo d’oltreoceano. La canzone esplode con una combinazione di riff al vetriolo mitragliati a folle velocità, sui quali il rosso chitarrista di La Mesa inizia a cantare dopo circa un minuto e mezzo, nel quale si vedono rallentamenti, una prima riaccelerazione, certi riffs più pesanti ed una breve sezione melodica. Sul campo di battaglia, ogni soldato si trova di fronte un proprio fratello: ragazzi come lui, che combattono per la propria patria e sono portati a neutralizzare un altro uomo, soltanto nel nome di una battaglia decisa da altri. Il sangue che macchia la terra nel nome di Dio: Dave Mustane, lo dice esplicitamente, non riesce in nessun modo a comprendere come questo sia possibile, dato che la religione dovrebbe insegnare ad amare il prossimo e rispettare chi crede in qualcosa di diverso. E allora il leader della band americana si mette nei panni di un soldato, forse volontario, che attraversa l’oceano guidato da una folle inconsapevolezza di ciò a cui va incontro. Paragonando le masse ad un gregge di pecore, che accetta mestamente qualsiasi fandonia gli venga propinata, Mustaine continua a chiedersi come si possa uccidere nel nome di Dio. E’ evidente che la religione è solo il pretesto dietro il quale si celano i veri interessi. Economici, politici. Ma la massa non se ne accorge, perché basta sbandierare il nome del Creatore per aizzare le folle e spegnere i lumini della ragione, generando panico, rivoluzione, movimentazione pubblica.

Brother will kill brother
Spilling blood across the land
killing for religion
Something i don't understand

Fools like me, who cross the sea
And come to foreign lands
Ask the sheep, for their beliefs
Do you kill on God's command?


Fratello che uccide fratello
Spargendo sangue in tutto il paese
Uccidere per la religione
E’ qualcosa che non capisco

Pazzi come me, che attraversano il mare
Ed arrivano in terre straniere,
Chiedete alle pecore se nel loro Credo
Si uccide al comando di Dio?


Sul medesimo canovaccio ritmico, e senza sosta alcuna rispetto alle prime due strofe, Mustaine continua la sua arringa iniziale, spostando le sue accuse in un contesto più dettagliato, che inizia ad indirizzare le coordinate geografiche della canzone nei Paesi arabi contro i quali la sua America ha puntato i cannoni. Sembra quasi che la grande potenza statunitense prometta ai propri cittadini un conflitto col quale saranno spazzati via, definitivamente, tutti i problemi, tutte le disgrazie e senza alcuna polemica: del resto un paese diviso non può reggere, per cui tanto vale calare le proprie truppe in Medioriente e assumere tutte le decisioni. Emergono qui quelli che sembrano essere i riferimenti ai conflitti tra arabi ed israeliani, che hanno portato il pensiero comune ad associare questa composizione alla Guerra del Golfo: in realtà Mustaine dichiarerà in seguito di aver vergato questi versi un paio di anni prima, dunque nel 1988, facendo in parte crollare questa tesi e, invece, rafforzando quanto si diceva in incipit: sono parole senza tempo, che calzano a pennello su qualsiasi tipo di conflitto nel quale gli interessi economici vengono mascherati nel nome di Dio. Per difendere l’ordine internazionale e la libertà di credo, le potenze occidentali si sono spesso scagliate contro i paesi orientali, rei di terrorismo e crociate anacronistiche: ma è evidente che sotto queste missioni ‘doverose’ ci sia anche una forte attrattiva per l’oro nero situato sotto i piedi del nemico.

A country that's divided
Surely will not stand
My past erased, no more disgrace
No foolish naive stand

The end is near, it's crystal clear
Part of the master plan
Don't look now to Israel
It might be your homelands

Holy wars


Un Paese che è diviso
Sicuramente non reggerà
Il mio passato e' cancellato,non ci saranno più disgrazie
Non rimane più nessun folle ingenuo

La fine è vicina, è chiaro cristallino
Fa parte del piano generale
Ora non guardate Israele
Potrebbe essere la vostra patria

Guerre sante


La canzone rallenta e s’affievolisce, accarezzata da alcuni arpeggi, sui quali Mustaine riprende la narrazione, prima con vocione cupo e cadenzato e poi con un approccio più aperto e nasale tipico della sua pronuncia, incastonato su un sottofondo melodico sinistro e decadente, che cresce con un assolo molto acuto e torvo; facile decidere i destini delle nazioni seduti sulle proprie poltrone, o all’interno dei tribunali, sembra accusare Mustaine, che inquadra il suo mirino sulla figura di un emblematico leader politico. Naturalmente, nella testa di Mustaine, la figura rispecchia il volto di Saddam Hussein, che dall’alto del suo pulpito e di fronte ad una folla oceanica, s'impegna a cambiare il mondo, incarnando in sé quella tipica immodestia che porta dittatori e governanti a sentirsi veri e propri messaggeri della giustizia divina. La popolazione non può che acclamare, credere ciecamente alle promesse di chi guida la nazione barricato nelle stanze dei bottoni, mentre missili e bombe andranno a colpire proprio loro, i civili, che tra le campagne e le città vedranno i propri cari morire, strisciare per terra in pozze di sangue, disperdersi nel panico. Anche se Holy Wars è stata scritta qualche anno prima della guerra del golfo, lo stesso Mustaine ha lasciato che la gente la accostasse proprio al contesto storico iracheno, utilizzandola come manifesto contro ogni sorta di guerra ‘santa’ o civile (appellativi che, a ben pensarci, sono privi di ogni senso logico) e presentandola come ‘dedica’ allo stronzo numero uno, ovvero lo stesso Saddam, colpevole di una dittatura pressante e di laceranti faide religiose nel proprio paese.

Upon my podium, as the “I know it all” scholar
Down in my seat of judgement
Gavel's bang, uphold the law
Up on my soapbox, a leader
Out to change the world
Down in my pulpit as the
Holier-than-thou could-be-messenger of God


Sul mio podio, come uno studente saputello
Seduto sul mio trono del giudizio,
il suono del martello del giudice difende la legge
In piedi sul mio palco per il comizio, un leader
si impegna a cambiare il mondo
Giù nel mio pulpito,
come un bigotto messaggero di Dio


A questo punto arriva dunque un nuovo verso, stilisticamente nel medesimo fatturato del precedente. Dal pulpito del leader ci si sposta in uno scenario di guerra, e sembra quasi di correre davvero tra le rocce per schivare gli attacchi. L’obiettivo si focalizza sulle figure dei mercenari, personaggi che si muovono su linee sottili e pericolose: c’è chi rischia pur di averli dalla propria parte e chi punta solo alla loro distruzione. La morte è il filo conduttore che accomuna entrambi gli schieramenti. Strategie ed errori di calcolo si accavallano, mietendo vittime innocenti con l’unico scopo di ottenere la testa del nemico: non c’è tempo per riflettere, non c’è tempo per la compassione, e infatti –quasi a voler imitare l’impellenza di un’azione che spazzi via ogni ostacolo senza più alcuna concessione- si salta a piè pari in una serie improvvisa di riff secchi e adrenalinici, i quali portano a mille la tensione.

Wage the war on organized crime
Sneak attacks, repel down the rocks
Behind the lines
Some people risk to employ me
Some people live to destroy me
Either way they die

The killed my wife, and my baby
With hopes to enslave me
First mistake... last mistake!
Paid by the alliance, to slay all the giants
Next mistake… no more mistakes!


Dichiarare guerra al crimine organizzato
Fare imboscate, fuggire oltre le rocce
Dietro le linee
Alcuni rischiano per ingaggiarmi
Alcuni vivono per distruggermi
In entrambi i casi muoiono

Hanno ucciso mia moglie e mio figlio
Nel la speranza di rendermi loro schiavo
Primo errore… ultimo errore!
Pagati dagli alleati per massacrare tutti i giganti
Al prossimo errore… niente più errori!


L’headbangers medio non potrà che perdere la ragione davanti a una mitragliata di riffs e fischi da capogiro, che vengono fomentati dagli ultimi stralci lirici, professati dopo un contorto assolo, tra i migliori dell’intera produzione della band americana; aggressivo e marziale, Mustaine corre a capofitto in una strofa di criptica interpretazione, nella quale lascia intendere come siamo soltanto delle marionette alle quali l’unica cosa che non si può strappare è la ragione. Il verso Riempi le crepe con granito giudiziario sembra alludere alla tendenza, da parte dei governi, di nascondere gli scandali e i reali interessi sotto il pretesto della guerra, intesa come autodifesa e mezzo per assicurela libertà individuale ai propri cittadini. Nell’arco dell’intero testo emerge la grande coscienza sociale e policia di <>Dave, che del resto non è mai venuta meno negli album della sua band; nonostante uscisse da un periodo veramente letale a causa delle sue dipendenze devastanti, il musicista riusciva comunque a mantenere la lucidità e scrivere dei brani interessanti e attuali anche a distanza di anni, segnale inequivocabile di come sia sbagliato, talvolta, generalizzare e accusare i tossicodipendenti di essere persone prive di coscienza e morale. La verità è che nella tossicodipendenza, spesso, finiscono persone con problemi e annesse fragilità d’animo, che non sarebbero da attaccare ma che, anzi, meritano un aiuto e una comprensione in più rispetto a chi sa fronteggiare le difficoltà della vita in modo più sobrio.

Fill the cracks in, with judicial granite
Because I don't say, I don't mean it I ain't Thinkin' it
Next thing you know, they'll take my thoughts away
I know what I said, now I must scream of the overdose
And the lack of mercy killings
Next thing you know, they'll take my thoughts away


Riempi le crepe con granito giudiziario
Il fatto che non ne parlo non significa che non ci penso
La prossima cosa che saprete è che si prenderanno i miei pensieri
So quello che ho detto, ora devo gridare per l’overdose
E della mancanza di morti indolori
La prossima cosa che saprete è che si prenderanno i miei pensieri


In oltre sei minuti di riff e trame labirintiche viene concentrata l’essenza di una band da sempre in prima linea quando si parla di politica corrotta, di guerre spacciate per ‘giuste’, di pietose bugie date in pasto alla massa ignorante. E allora è bello concludere con una dichiarazione di Mustaine, tesa a spiegare il titolo del disco e il messaggio che esso cercava di trasmettere:

Stavo tornando dal lago Elsanon e, mentre in autostrada cercavo di prendere la scia di un’altra vettura, feci caso ad un adesivo sul suo paraurti. Riportava uno slogan di quelli umoristici: da un lato diceva ‘’una sola bomba atomica potrebbe rovinarti l’intera giornata’’, dall’altro invece ‘’possano tutte le vostre armi arrugginire in pace’’. Pensai: ‘Rust In Peace’, dannazione, questo si che è un buon titolo! E poi ancora: che cosa intenderanno con ‘’arrugginire in pace’’? mi sono figurato una scena simile: tutte queste testate abbandonate, depositate in qualche posto tipo Seal Beach, coperte di ruggine e sporcizia, con i ragazzini che ci dipingono graffiti sopra. Penso che sia una delle prese di posizione più profonde che potessimo prendere, così come lo era 'Holy Wars'. E’ la mia visione ideale: vorrei che tutte le armi nucleari fossero eliminate, che qualcuno disattivasse le testate. Dopo ci sarebbero da fare i conti con l’uranio e il plutonio, ma è un problema che in realtà abbiamo già adesso.



gianmarco
Venerdì 29 Gennaio 2016, 13.46.43
25
l'ho cercato ma non l'ho trowato
gianmarco
Venerdì 29 Gennaio 2016, 13.45.33
24
gran bella ps potete darmi il link esatto della copertina di holy wars
gianmarco
Venerdì 29 Gennaio 2016, 13.45.32
23
gran bella ps potete darmi il link esatto della copertina di holy wars
Psychosys
Domenica 23 Agosto 2015, 2.17.59
22
In verità, la seconda strofa (Fools like me...), si riferisce al fatto che durante una data irlandese nell'88, Mustaine gridò "Ridate l'Irlanda agli irlandesi!", sperando di aizzare la folla. Ottenne l'effetto opposto, in quanto cattolici e protestanti si divisero ed iniziò una memorabile rissa. La band fu scortata fuori dall'edificio e messa al sicuro.
Stefano75
Mercoledì 17 Ottobre 2012, 12.00.12
21
brano che rappresenta una delle vette storiche e inarrivabili del metal. grande e interessante articolo, ci voleva!
the Thrasher
Giovedì 4 Ottobre 2012, 23.47.56
20
molto interessanti, guarda caso li sto 'studiando' proprio in questi giorni!
Cristiano
Giovedì 4 Ottobre 2012, 22.48.06
19
Secondo me partendo da questo tema e affini potrebbero essere molto interessanti anche i testi dei Kreator
Screamforme77
Martedì 25 Ottobre 2011, 18.10.29
18
Canzone Epocale,punta di diamante di un album Epocale.IL mio preferito dei 'Deth,uno dei miei preferiti in assoluto !
BILLOROCK fci.
Venerdì 21 Ottobre 2011, 12.34.28
17
Eh anche Gheddafy fatto fuori, eh brava America, improvvisamente vengono beccati tutti i dittatori e affini !! bah bah..
AL
Giovedì 20 Ottobre 2011, 11.12.15
16
ottimo articolo! una canzone della madonna che non mi stancherò mai di ascoltare...
Matocc
Martedì 18 Ottobre 2011, 18.53.54
15
testo incredibile + musica meravigliosa = Holy Wars... The Punishment Due
fabio II
Lunedì 17 Ottobre 2011, 16.00.15
14
Hi billo! Bravo Rino! non smettete di correlazionare la musica con la società, può essere una chiave di volta verso la salvezza. La gente non ha ancora capito che chi lotta, lotta contro se stesso non contro qualcosa di esterno; visto l'ennesima figura di merda che l'Italia ha fatto a Roma? Sulla grandezza di 'Rust' e, specificatamente, 'Holy Wars' inutile spendere ulteriori ovvietà da parte mia. Bello l'aneddoto che Rino riporta alla fine dell'articolo
BILLOROCK fci.
Lunedì 17 Ottobre 2011, 14.34.06
13
Bell articolo !! Tematiche toste e scottanti !! il metal è la più grande fucina di dicerie e luoghi comuni, niente di più errato !! Rock/ metal is the law!!
BLS Furlan Chapter
Lunedì 17 Ottobre 2011, 10.44.02
12
Un autentico capolavoro, che unisce un testo ricco di significato a delle partiture meravigliose per potenza e tecnica!
the Thrasher
Lunedì 17 Ottobre 2011, 8.56.00
11
grazie a tutti per i complimenti ragazzi!
Thrash Maniac
Domenica 16 Ottobre 2011, 23.50.24
10
Il mio brano preferito in assoluto. Il mio disco preferito. La mia band preferita. Complimenti per l'articolo!
Radamanthis
Domenica 16 Ottobre 2011, 20.14.02
9
NickyDarrell ti quoto al 1000000 %!!! Un paluso a Rino x l'ottimo articolo e a MegaDave x l'ottimo testo!!!
Maurilio
Domenica 16 Ottobre 2011, 19.43.49
8
Canzone bellissima e album strepitoso. Concordo sulla stupenda copertina e io ho il vinile picture-disc!
xutij
Domenica 16 Ottobre 2011, 19.26.49
7
ottimo lavoro Rino, giusto ieri stavo ripensando al testo di Holy Wars, che combinazione !!!, testo favoloso
Blue
Domenica 16 Ottobre 2011, 17.53.38
6
Che album capolavoro..dalle tematiche alle canzoni e non dimentichiamo anche la cover magnifica (anche l'occhio vuole la sua parte ).Questa canzone è veramente devastante,pochi cazzi..prende chiunque
Ian666 Metal in the blood
Domenica 16 Ottobre 2011, 15.46.14
5
Rust in peace insieme a peace sell ... Uno dei capolavori di Mega Dave mai così attuali e moderni capace di criticare la politica guerrafondaria e i religiosi bigotti
Metal4ever90
Domenica 16 Ottobre 2011, 15.11.31
4
Il masterpiece per eccellenza dei Megadeth. Testo da brividi, e canzone veramente intrisa di riffs veloci micidiali e assoli bellissimi. Quando la sentii al concerto di Roma stavo per svenire dall'emozione! Bravo Rino!!
Pino Biscotto
Domenica 16 Ottobre 2011, 15.04.41
3
metallo = satana ed è cosa buona e giusta.
NickyDarrell
Domenica 16 Ottobre 2011, 14.51.10
2
Questi articoli strepitosi sarebbero da far leggere a tutte quelle persone che pensano metallo=satana....... Bellissimo......e grande Dave!
Valar Morghulis
Domenica 16 Ottobre 2011, 14.45.47
1
Una delle canzoni più belle di sempre del panorama metal. Un vero capolavoro, tristemente attuale per quanto concerne le lyrics... Ero al concerto con gli Slayer l'aprile scorso; quando e' partita la mitragliata di riff stavo impazzendo, credo di aver accidentalmente ucciso un paio di persone che mi stavano vicino nel fare moshing Complimenti a The Thrasher, ottimo articolo!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Osama Bin Laden, simbolo moderno di 'guerra santa'
Clicca per ingrandire
Il leggendario artwork di 'Rust In Peace'
Clicca per ingrandire
L'artwork del singolo inglese di 'Holy Wars' (fonte: okaimononikki.at.webry.info
Clicca per ingrandire
I Megadeth di 'Rust In Peace' (fonte: megadeth.com)
ARTICOLI
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]