Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Grand Magus
Wolf God
Demo

The Core
Flesh and Bones
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/19
LUCE D`INVERNO
Ljetzan

26/04/19
NORSEMEN
Bloodlust

26/04/19
LOST IN KIEV
Persona

26/04/19
CHEVALIER
Destiny Calls

26/04/19
IMMINENCE
Turn The Light On

26/04/19
PARAGON
Controlled Demolition

26/04/19
THE DAMNED THINGS
High Crimes

26/04/19
VAURA
Slabes

26/04/19
DARK HERESY
Abstract Principles Taken To Their Logical Extremes

26/04/19
DEEP SUN
Das Erbe Der Welt

CONCERTI

20/04/19
EVERGREY + BLOODRED HOURGLASS + GENUS ORDINIS DEI + CROSSING ETERNITY
DAGDA - RETORBIDO (PV)

20/04/19
ATLAS PAIN
LEGEND CLUB - MILANO

20/04/19
ENTOMBED A.D. + DISTRUZIONE + ULVEDHARR
TRAFFIC CLUB - ROMA

20/04/19
WAYFARER + ENTROPIA
BLOOM - MEZZAGO (MB)

20/04/19
ACCIAIO ITALIANO
ARCI TOM - MANTOVA

20/04/19
ZAUM + GUESTS
MAMIWATA - PESCARA

20/04/19
FARNARU METAL FEST
L'ISOLA CHE NON C'E' - ALESSANO (LE)

21/04/19
EVERGREY + BLOODRED HOURGLASS + GENUS ORDINIS DEI + CROSSING ETERNITY
BLUEMOON - VERONA

21/04/19
WRONG (USA) + COILGUNS + GUEST
EKIDNA - CARPI (MO)

21/04/19
ENTOMBED A.D. + GUEST
CUEVAROCK - CAGLIARI

ABORYM - #1 - Psychogrotesque e molto altro
31/10/2011 (4486 letture)
Roma Divina Urbs (Pantheon) , una vecchia chitarra gitana nell’aria (la melodia è quella dell’anonimo autore di Giochi Proibiti), un paio di birre ghiacciate e un caldo crepuscolo d’estate: ecco la scena della nostra conversazione con Fabban (che, con grande coraggio, non si è, neppure una volta, avvalso della facoltà di non rispondere!). Dal 1992 ad oggi, tutto su: il prossimo ventennale di Aborym, i pensieri e i progetti del controverso mastermind della band e l’immediato futuro dei nostri.

Persephone: A dieci mesi dall’uscita di Psychogrotesque, quinto delirante inno alla follia targato Aborym, in che modo pensi che le ultime innovazioni attuate all’interno della band, in termini tanto di line-up quanto di songwriting, siano state recepite dal vostro pubblico?
Fabban: Io credo che Psychogrotesque sia stato recepito al di sopra di ogni aspettativa, specie se si considera che si tratta di un disco abbastanza coraggioso, difficile e che, essendo costituito da un unico brano, ha bisogno di più e più ascolti perché il contenuto possa essere pienamente assimilato. All’inizio avevamo non pochi dubbi sul fatto di volerne fare un unico pezzo. In realtà l’idea è nata da un testo che avevo scritto, un testo piuttosto lungo, una sorta di romanzo breve. Il tutto, pur essendo stato sintetizzato, rimaneva comunque impossibile da splittare in più parti: l’unica cosa da fare era crearne un concept costituito da un solo brano in cui la musica avrebbe dovuto seguire in qualche maniera il testo. In altre parole, una vera e propria storia raccontata da un unico lungo pezzo. Sono tanto soddisfatto di tutto ciò che ho letto su questo album... recensioni, ma soprattutto commenti di singoli ascoltatori, le cui mail sono spesso le cose che mi colpiscono di più. Ho avuto a che fare con persone che veramente hanno “sentito” il disco in una maniera molto profonda, tirandone fuori quello che io volevo che venisse fuori e la cosa è tanto più gratificante proprio perché stiamo parlando di un album davvero difficile da capire. È un disco, ripeto, molto particolare. Ho ricevuto qualche giorno fa il press-kit da Season of Mist. Ci sono centinaia di recensioni. Non le ho lette tutte, ma sembrano davvero ottime recensioni.

Persephone: Ci sono stati commenti negativi relativamente alla nuova line-up e, in particolare, riguardo alla scelta di occuparti, per la prima volta, personalmente del discorso vocals?
Fabban: C’è sempre qualche nostalgico. Attila è stato un membro importante in Aborym, non solo per le doti vocali, ma anche per il carisma. Per quanto mi riguarda, però, non credo che sarei stato in grado di spiegare le voci di questo disco a nessun altro cantante, quindi ho preferito fare da me, perché quello che avevo in testa era talmente complicato da non rendere possibile la presenza di un altro che non fossi io, al quale spiegare quello che io volevo che lui facesse. Diciamo che se ascolti bene la voce di questo disco, ti rendi conto che non si tratta della classica voce: è molto particolare, quasi drammatica a tratti, a volte incazzata, a volte riflessiva, è una voce che narra un racconto e, essendo il racconto concepito da me, non me la sono sentita di spiegare a qualcun altro come avrebbe dovuto narrarlo. Ho preso, pertanto, questa decisione, ma sono molto soddisfatto, anche perché, comunque, avendo cantato negli ultimi anni con Malfeitor, un po’ di esperienza l’ho acquisita e, tra l’altro a me piace la mia voce! Eh eh eh… Riguardo ai restanti cambi di line-up, io credo di aver trovato uno dei chitarristi più bravi e talentuosi non solo di Roma, ma anche d’Italia: me la tiro parecchio su questa cosa! Hell:IO:Kabbalus è un ragazzo giovane, tecnicamente spaventoso e pieno d’idee: senza di lui questo disco non sarebbe venuto fuori così. In ogni caso, siamo tutti e tre molto amici, cosa che per me, se suoni in un gruppo, è fondamentale, e poi abbiamo obiettivi comuni. Nessuno di noi ha la testa che punta a derive più commerciali, siamo uguali, siamo tre cloni che lavorano per lo stesso scopo. Dunque, ognuno è libero di pensare quello che vuole, ma io non cambierei mai la gente con cui suono, assolutamente!

Persephone: E il cambiamento in ambito di songwriting è stato, secondo te, ben accolto? Si tratta, infatti, di un disco molto diverso dai precedenti, forse proprio perché condizionato dalla forma del racconto…
Fabban: Sì, in gran parte il motivo è questo. Ti posso garantire che non è assolutamente facile strutturare un pezzo di cinquanta minuti che segue la dinamica e l’andamento di Psychogrotesque. Per quanto riguarda il songwriting, più o meno noi lavoriamo così: cerchiamo di costruire la musica sul testo e non il contrario. Molti creano prima la musica e, poi, su di essa ricavano le metriche di voce, noi, invece, cerchiamo di dare molta importanza al testo. Le lyrics per me sono fondamentali, la musica alla fine è questo: un concetto universale, un messaggio che vai a sparare nell’universo, sperando che magari qualcuno lo recepisca. Quindi concepire prima la musica e poi metterci su il testo è un modo di procedere che rispetto, ma non contemplo affatto nella mia personale visione di fare musica: è attorno al testo che deve nascere la musica, componendo dinamiche e sensazioni ora disgustose, ora solari, ora oscure, a seconda di quello che in momenti diversi viene sputato fuori da parole diverse. E se è difficile procedere in questo modo per un pezzo, figurati per una suite di cinquanta minuti: è stato un lavoro più che complesso e sottolineo ancora che se non fosse stato Paolo Hell:IO:K, sarebbe stato ancora più duro.

Persephone: Avete operato in perfetta simbiosi, quindi…
Fabban: Sì, sì, assolutamente. Faust di solito interviene dopo. Siamo io e Paolo a preparare tutti gli scheletri e, una volta che il pezzo è stato completato, studiamo le parti di batteria e cerchiamo di sistemarle al meglio. Faust è quasi sempre abbastanza veloce, viene generalmente in studio dopo essersi già preparato: è un professionista e un grande batterista, ma anche un grande amico e un grande uomo.

Persephone: E proprio a proposito di Faust, allora, il cui nome, pur non volendo peccare di mitomania, è senz’altro uno di quelli che sono stati fondamentali all’interno della scena, cosa mi dici? Come ha avuto origine il rapporto con lui e come penseresti di poterlo definire da un punto di vista sia professionale che umano?
Fabban: Noi ci siamo conosciuti in Norvegia tanti anni fa, era il periodo in cui uscì With No Human Intervention, 2003 o giù di lì, e lui all’epoca, come puoi immaginare, era ancora dentro. Eravamo in contatto prettamente via mail, ma non eravamo ancora amici. Quelli che ci legavano erano semplicemente fattori quali la stima e il rispetto reciproco: per me In the Nightside Eclipse è uno dei dischi più belli che siano mai stati concepiti in ambito black metal, quindi avere a che fare con qualcuno che l’aveva suonato per me era già tanto. Poi ci fu questa collaborazione molto fugace su With No Human Intervention: lui diede il titolo al disco, scrisse dei testi e fece anche delle spoken words su qualche passaggio. Ma la cosa finì là e si ibernò per non so quanti mesi, fino a quando, poi, non decisi di dare una virata un pochino più acustica ad Aborym, optando per provare per la prima volta un batterista vero, in carne ed ossa. La prima persona a cui pensai fu lui. Lui in quel periodo faceva i provini con i riformati Dissection e sarebbe dovuto essere il batterista del loro ritorno, ma, come sai, decise di non accettare l’incarico, scelta che fece per una questione prettamente morale: lui, infatti, non era assolutamente d’accordo con le idee tanto del gruppo quanto di Jon Nödtveidt e disprezzava fermamente ogni cosa relativa al movimento MLO (Misanthropic Luciferian Order, ndr), per parte mia, una vera e propria pazzia e stupidità ideologica. A me non interessa avere a che fare con gente che ammazza gli animali in nome di chissà quale dio oscuro. Detto questo, lui non accettò l’incarico, quindi rimase libero. A questo punto, io gli mandai una mail, me la ricordo ancora, e gli scrissi: “Se ti va, mi piacerebbe che suonassi la batteria su Aborym”. La sua risposta fu: “Fuck yes!”. Ed ecco come nacque la cosa. In seguito, poi, è stato bello, perché prima di registrare ci siamo incontrati e abbiamo passato diverso tempo insieme, diventando amici, e questa per me, come ti ho detto, è una cosa molto importante, perché, ripeto, io non riesco a suonare con gente che non stimo e che non mostra amicizia e rispetto reciproco. Riguardo a lui, che dire? Faust è un personaggio che ha fatto qualcosa di veramente storico, quindi è inutile che stia qui a dire quanto lui è un grande e blablabla, quello che piuttosto mi va sempre di precisare quando parlo di lui è che una delle persone più educate e signorili che abbia mai incontrato in vita mia. Spesso sono io a dover imparare da lui, perché è veramente un grande uomo, dotato di un’educazione che ti disarma, ti immobilizza. La gente che sta in piazza ad ascoltare la musica con gli amici, quando pensa a lui, pensa magari a quel mostro colpevole di aver ammazzato. Ma, premesso che io con lui non ho mai parlato di questo, il nostro rapporto è, invece, basato sul presente, io non so niente delle sue questioni passate, né m’interessa saperne niente, io so piuttosto con chi ho a che fare ora e quello che ho adesso sia come amico sia come collega è, senz’altro, un gentleman a tutti gli effetti.

Persephone: Hai altro, invece, da dichiarare su Hell:IO:Kabbalus?
Fabban: Lui ora è chitarrista in pianta stabile di uno dei gruppi più interessanti di Roma e d’Italia a livello di death metal di un certo tipo, gli Hour of Penance, che da poco hanno concluso il tour estivo. Non mi stancherò mai di dire che sono molto contento per lui, sono felice che faccia un po’ di scorribande qua e là con loro. Tra l’altro è tutta gente che conosco, tutti miei amici!

Persephone: Questa situazione, poi, non mi pare che infici in alcun modo la collaborazione tra te e lui per il futuro…
Fabban: L’ho blindato, spero, a vita!

Persephone: Tornando, invece, all’album, come è nata l’ispirazione per questo concept sulla follia?
Fabban: Il tutto mi è venuto in mente nel traffico. Mentre guidi pensi sempre a un sacco di cose e, spesso, ti capita di soffermare lo sguardo sulle persone, su ciò che accade. A me piace molto osservare la gente e, in genere, nel traffico, volente o nolente, essendo blindato nella mia macchina, ho modo di guardarmi intorno e percepire con più attenzione il contesto che mi circonda. Di qui un concept, più che sulla follia, sul culto dei falsi miti. Se osservi la gente, infatti, basta un attimo per realizzare quanto ognuno sia protetto da una maschera, quanto ognuno cerchi di essere ciò che gli altri vorrebbero vedere e, se ci rifletti, questo ragionamento è estensibile a qualsiasi ambito sociale: a vincere sono i falsi miti, quelli della bellezza, del potere, del denaro, della lussuria, dell’edonismo, dell’egocentrismo. In giro ci sono persone completamente assorbite da questo sistema, da questo modo di vedere le cose non con i propri occhi, ma con gli occhi degli altri e, di conseguenza, è come osservare tanti burattini che si muovono e impostano la loro vita alla mercé di dinamiche malatissime, al di sopra delle quali il sistema regna sovrano, controllando ogni cosa: comunicazioni, persone, bisogni, etc. Sta quindi a te capire se hai un ego abbastanza forte da riuscire a lottare contro tutto questo. In caso contrario, potrai solo decidere di farne parte. Io, purtroppo, ho avuto a che fare con tante persone che in questa merda ci stanno bene e non ti nascondo che la cosa mi spaventa tantissimo. Ti parlo di amici, conoscenti, gente che magari ho avuto intorno negli ultimi anni… io non riesco ad uniformarmi a questo schifo ed, essendo la musica una delle cose più potenti al mondo a livello di comunicazione, come, se non attraverso di essa, avrei potuto spiegare questo senso di disgusto che provo? Senso di disgusto dal quale io stesso cerco di guardarmi bene: caderci è un attimo. In questo sistema o sopravvivi per quello che realmente sei o sei destinato a soccombere. Dunque, il concept di fondo dell’album non è esattamente sulla pazzia: quest’ultima, infatti, subentra nel momento in cui tu ti aggreghi a questa merda, nel momento in cui tu pensi che il mito della bellezza, del denaro, del potere siano tutto. In altre parole, quando tu sei convinto che ottenere tutto quello che vuoi significhi aver vinto nella vita, altro non sei che un uomo di merda, uno che ha miseramente fallito. La storia parla di questo, non della follia, che è solo lo step terminale di tutto il processo. Tu diventi pazzo nel momento in cui non sai chi sei e, se non sai chi sei, sei fottuto, non c’è scampo, perché solo chi conosce se stesso può tentare di essere capito ed “accolto” dagli altri intorno. Credo che sia fondamentale non perdere le occasioni che hai per dimostrare qualcosa, la musica diventa uno strumento ancora più importante. Le persone comuni, infatti, possono parlare tra loro e dialogare per esprimere la propria opinione, ma la musica, anche se tu non vendi neanche due copie, fissa comunque qualcosa, quindi è importante che quello che tu stai dicendo attraverso di essa abbia un messaggio forte, un messaggio importante. Vent’anni fa parlavo di tante altre stronzate, adesso non ce la faccio più, ho bisogno di concentrarmi su cose importanti, cose che, alla fine, riguardano veramente chiunque: me, te, tutta la gente che c’è qua, nessuno escluso.

Persephone: Se posso dire, però, vorrei farti un’obiezione su questa cosa: come concili tutto questo che hai appena detto con la ben più cupa essenza del progetto Malfeitor?
Fabban: Quello che volevo dire l’ho detto e, dato che per me il black metal è strettamente legato ad un discorso esoterico, discorso che io ho portato avanti per un bel po’ di anni, facendo le mie esperienze e i miei studi, ora non credo di volere mantenere il culo piantato in tutto questo, non rinnegando nulla, per carità, ma partendo dal presupposto che la gente cambia, il karma si modifica. Ho fatto molte esperienze, sia positive che negative, quello che volevo capire l’ho capito, non devo dimostrare nulla a nessuno. Malfeitor è stata una bella avventura per me, ma non c’è solo l’oscurità, ci sono tante altre cose ed esiste molta più oscurità e negatività in quelle che possono sembrare cose quotidiane, normali, cose che riguardano chiunque, da sempre e per sempre. La vita di ognuno di noi è fatta di luci e di buio. Non esiste solo il buio. E spesso la luce ottenuta attraverso il buio è molto più accecante. Io adesso vorrei guardare ad altro: non sono uno dei classici sfigati che stanno sempre lì vestiti di nero eh ehh. Sono convinto che solo gli stupidi non cambiano, anche se, in ogni caso, io non rinnego niente. È stata un’esperienza, due dischi, secondo me, molto molto profondi, con dei testi senza dubbio particolari e anch'essi molto profondi e legati a tutta una serie di studi e di fattori esperienziali decisamente oscuri. Insomma, si è trattato di una situazione che è durata tanti, anche forse troppi anni e che ora, nella maniera più assoluta, non mi sento più in grado di voler continuare. E’ un ciclo che per quanto mi riguarda è chiuso. Credo che in qualche maniera ogni cosa che faccio e che farò in futuro avrà sempre e comunque il suo dark-side. Anche se cerco di evitarlo non credo sarei in grado di separarmi da questo. Per me sono cambiati i canali, non la sostanza e l'essenza delle idee.

Persephone: Andando ora, invece, al tema collaborazioni, è evidente che su Psychogrotesque non vi siete certo risparmiati… in particolare, a me ne incuriosisce una su tutte: il sassofono di Marcello Balena. Qual è la genesi di un’idea tanto improbabile? Forse conoscevi già Marcello?
Fabban: Marcello Balena tuttora non lo conosco, nel senso che lui è venuto da noi in qualità di professionista: lui lavora come turnista per grossi gruppi italiani e, come puoi immaginare, oltre che una persona molto preparata, è anche un ottimo musicista. L’idea del sassofono è venuta fuori semplicemente perché credo che si tratti di uno strumento molto erotico. Ovviamente ho proposto la cosa e, poi gli altri, che sono folli come me, hanno detto: “Ok, facciamolo”. Si tratta di uno strumento molto difficile da suonare, ma che dà quel tocco di classe in più. Non a caso, le parti in cui suona quel sassofono, sono sofisticate ed emozionanti, senza considerare il fatto che anche il testo che le accompagna è altrettanto particolare. L’intenzione era quella di aggiungere raffinatezza, io lo chiamo erotismo, ma nel senso di erotismo musicale, un vero e proprio pathos che arricchisce il tutto con un’irripetibile e intensa profondità… d’altronde il sassofono è per me uno degli strumenti più emozionanti che esistano… io non sarò mai capace di suonarlo, ma adoro sentire uno che lo fa e, di conseguenza, l’ho chiesto a Marcello. In realtà, comunque, è stato tutto improvvisato: lui è venuto in studio da noi senza conoscere le parti in cui avrebbe dovuto suonare, cosa che è stata una mia scelta, in quanto non mi andava che lui si preparasse prima sul pezzo. Il mio intento era, come si dice, one shot, buona la prima! Non è stata buona la prima, ma è stata buona la seconda e il tutto è venuto bene proprio per questo, perché è spontaneo e naturale.

Persephone: Altrove hai dichiarato che il sax di Psychogrotesque è fondamentalmente più vicino al blues che al jazz. Perché?
Fabban: Secondo me è così, lo vedo più simile al blues, perché il jazz suonato da un sax, per quello che è il jazz che ascolto io, è un pochino più psicopatico, mentre le parti in questione non sono molto psicopatiche, anzi, le trovo abbastanza lineari, calde e profonde, ovvero tutto quello che io penso sia il blues. Ecco perché lo associo più a quello, però, de gustibus, ognuno, come sempre, può dire quello che vuole, non c’è problema!

Persephone: E veniamo, a questo punto, alle altre collaborazioni. Quali sono le modalità d’impostazione? Avviene tutto come una sorta di jam-session tra amici oppure ogni cosa è minuziosamente pilotata allo scopo di arricchire al massimo il prodotto finale?
Fabban: Non si tratta di arricchire o meno qualcosa. Si tratta di scambi di idee, scambi di emozioni, una sorta di simbiosi che si crea tra musicisti e persone che si conoscono. Tutte le collaborazioni di Aborym, non solo quelle di questo disco, ma anche quelle passate, non sarebbero tali se non ci fosse stima e amicizia reciproca e, infatti, sarà difficile che in futuro ci sia una collaborazione con qualcuno che non conosco e con cui non ho qualcosa da condividere. Premesso questo, ogni collaborazione è stata studiata in maniera differente. Prima ti ho parlato, ad esempio, di Marcello Balena: lì per il sax era esplicitamente richiesta la totale spontaneità della cosa, quindi siamo stati in studio un paio d’ore ed è venuto fuori quello che sappiamo, in maniera assolutamente schietta. Altre cose ovviamente sono state pianificate anche in base a quelle che sono le caratteristiche di ogni persona che ha collaborato con noi. Mi viene in mente Karyn Crisis, che per me è, a parte una grande amica, una donna di un’energia inspiegabile, una bomba al napalm di adrenalina. Io l’ho sempre seguita da fan, quindi per me lavorare con lei è stato veramente grandioso, non solo per quello che lei ha fatto in Psychogrotesque, ma soprattutto per quello che lei è. Non ci dimentichiamo che Karyn è stata una fautrice del movimento femminile sui palchi, in ambiti che, tra l’altro, sono sempre stati maschili, come il crossover (il genere che lei faceva coi Crisis, ndr). Averla in Aborym è stato per me motivo di grande soddisfazione. Lei ha lavorato in maniera abbastanza autonoma. Non le abbiamo dato molti input, abbiamo soltanto definito le parti in cui avremmo voluto che cantasse, il resto lo ha fatto tutto da sola: io le ho mandato il testo e le ho spiegato bene in quali punti avrei voluto sentire la sua voce – inizialmente soltanto due parti che, in seguito, su sua entusiastica proposta, si sono felicemente moltiplicate –, dopodiché lei ha registrato il tutto in California, egregiamente seguita da Davide Tiso (leader degli Ephel Duath, ndr), altro personaggio che io amo alla follia, sia come persona che come artista. D’altra parte, credo che gli Ephel Duath siano uno dei miei gruppi preferiti in Italia: lui è un autentico genio e un grandissimo musicista e considerando che, tra le altre cose, è anche il marito di Karyn, ho preso, come si dice, due piccioni con una fava (risate a go go, ndr)! All’inizio, infatti, la collaborazione che avevamo era solo con Davide, poi Karyn ha ascoltato le bozze del disco ed è rimasta anche parecchio colpita dal concept di fondo, quindi tutto si è svolto in maniera assolutamente easy e spontanea. Riguardo agli altri ospiti, abbiamo avuto Narchost che, bassista dei Malfeitor, impegnato anche nei progetti Stormcrow e Demon’s Shade, è uno dei miei migliori amici, oltre che un validissimo musicista: lui si è occupato di alcune parti electro. Lavoreremo di sicuro con lui anche per il prossimo album. Non riesco a stare troppo lontano da lui eh eh. E ancora: c’è stato Emiliano Natali, il nostro fonico, al quale mi è sembrato doveroso dare un giusto spazio: il suo lavoro è stato fondamentale in fase di post-produzione, anche perché lui ha una pazienza infinita e, d’altronde, per lavorare con noi che siamo molto pignoli e precisi, bisogna averne davvero tanta. Tra l’altro, anche se noi siamo abituati ad andare in studio con il novanta per cento del disco già strutturato, molte dritte, specie sulle frequenze di voci e chitarre, ci sono state suggerite da lui. In particolare, Emiliano è stato per me una presenza importantissima, soprattutto nelle due settimane in cui ho registrato la voce. Certo è che la sua collaborazione non si è fermata al mero lato musicale, sono le sue idee che vanno principalmente premiate! Abbiamo ospitato ancora una volta Richard K. Szabo, che ormai ci conosce bene, e poi Pete Michael Kolstad Vegen di Blood Tsunami-Mongo Ninja e ancora Giulio Moschini di Hour of Penance nonchè Marc Urselli Scharer, mio amico sin dai tempi di Funeral Oration e M.e.m.o.r.y. Lab. Marc, oltre ad aver partecipato con diverse idee e diversi inserti electro si è occupato della supervisione e della post-produzione presso gli studi in cui lavora come fonico, gli Eastside Sound studios, tra i più prestigiosi a New York. Studi in cui lui si occupa di gente del calibro di Lou Reed, Eliane Elias, John Zorn, Laurie Anderson, Sting, ZZ Top e altri.

Persephone: La fine di Psychogrotesque è dominata dalla graduale – e aggiungerei kafkiana – metamorfosi in mosca del protagonista. Si tratta di una conclusione che sembra non lasciare alcuna speranza. C’è, invece, a tuo parere, un modo per sfuggire a questo inesorabile decadimento?
Fabban: Solo conoscere se stessi, è questo il messaggio del disco: se non conosci te stesso, sei fottuto, ovverosia, nel momento in cui tu non sai chi sei, il sistema ti schiaccia e, di conseguenza, tu diventi una mosca e… si sa bene dove volano le mosche… è un po’ una metafora ovviamente, nel senso che, trattandosi di un racconto, mi sono dovuto necessariamente servire di figure allegoriche, ma il concetto di fondo resta sempre quello: chi non conosce se stesso ha fallito. Nella vita.

To be continued



Khaine
Giovedì 10 Novembre 2011, 14.48.01
84
@ Dave: perchè il fato ha voluto così 8-) no no, i commenti liberi non si toccano! PS cmq puoi anche passare il tuo tempo libero a leggere gli articoli oltre che a leggere i commenti (è una battuta eh )
Dave Insane
Giovedì 10 Novembre 2011, 4.27.43
83
ma perchè sto sito l'ho scoperto solo pochi mesi fa?! è troppo divertente leggere tutti i commenti!!! e x la redazione: guai a voi se un giorno levate la possibilità di commentare tutto! dopo io come mi passo il tempo libero?!
Beppe
Domenica 6 Novembre 2011, 9.38.53
82
Che disco ragazzi!!
piggod
Giovedì 3 Novembre 2011, 12.01.22
81
Beh, effettivamente non hanno mai fatto due dischi uguali. La mia impressione (pertanto facilmente confutabile) è che negli ultimi tre un marchio di fabbrica c'è, però comprendo il tuo punto di vista. Ad ogni modo, mi sembra inutile protrarre questa discussione anche perché ritengo che le posizioni siano più che chiare. Passo.
Sambalzalzal
Giovedì 3 Novembre 2011, 10.10.27
80
piggod- ok, appunto si tratta di gusti. A me il primo piacque e piace ancora per le atmosfere, lo ascolto ancora molto volentieri. Poi non so, forse non sono riuscito ad apprezzare i successivi proprio perchè ho dato troppo peso a certe dichiarazioni. Qua e la ho ascoltato pezzi degli altri album durante gli anni ma la sensezione che ho provato era quella di ascoltare ogni volta un gruppo diverso. Cantanti diversi, suoni delle chitarre diversi. Voglio dire, non c'è un marchio di fabbrica vero che li contraddistingue se capisci il mio punto di vista. Questo, unito al fatto delle dichiarazioni che ogni volta accompagnano la release di un lavoro mi hanno portato a pensare che alla base ci siano solo mosse commerciali. Ti ripeto, è una mia opinione.
piggod
Giovedì 3 Novembre 2011, 9.18.39
79
@Sambalzalzal: parlando di musica: secondo me gli album deboli degli Aborym sono proprio i primi due (ok, Roma divina urbs è un eccezione) ed è con il terzo che fanno il salto di qualità, consolidato in seguito con Generator.
Sambalzalzal
Giovedì 3 Novembre 2011, 9.05.29
78
Io ripeto, possono piacere ma come dicevo a SNEITNAM, quello che non riesco a fare io è dividere la musica dalla persona che c'è dietro. Dalla presa per il culo che c'è dietro. Quoto NIGHTBLAST quindi. A parte Kali Yuga che per quegli anni fu innovativo in Italia, genuino e suonato col cuore, al pari con altri prodotti europei, quello che è venuto dopo non mi è piaciuto. Si punta ai guests che suonano sull'album, si gioca a fare i criptici e a volerne sempre sapere una più degli altri. Stormlord ed Aborym, diciamolo, sono arrivati al punto in cui sono ora per gli agganci con le persone giuste, con le testate giornalistiche. veritiero il fatto che l'underground brulica di musicisti validissimi che non riescono ad emergere. Poi x DAVE- capisco il tuo punto di vista ma cosa ti aspetti scusa? "fate pena" "siete capaci a parlare solo sui forums" beh, questo è un forum ed è fatto per esporre critiche e commenti in positivo e negativo. Tu non puoi prendertela con le persone solo perchè non apprezzano la musica che ascolti tu. E' normale incazzarsi leggendo commenti che non piacciono ma se permetti dovendo spendere dei soldi preferisco acquistare album di persone che tengono alla propria audience e non di quelli che da anni ci buttano merda sopra facendo discorsi folli.
Undertuononno
Giovedì 3 Novembre 2011, 9.02.20
77
La cosa che mi ridere è vedere quanto tempo passate per scrivere sta' marea di assurdità! E'incredibile! Odiate Fabban però parlate costantemente di lui! Come se a sto tizio gli postesse importare qualcosa
piggod
Giovedì 3 Novembre 2011, 8.55.13
76
@Nightblast: un minimo di obiettività: With no human intervention, Generator e Psychogrotesque fanno trasparire una personalità pazzesca, altroché parti rubate. Poi produzione e postproduzione fanno parte del lavoro, quindi me ne frego se la batteria è triggerata, se ci sono non so quante sovraincisioni, ecc. In fin dei conti stiamo parlando degli Aborym (e io chiedo questo a loro), mica degli Aaskereia.
Nightblast
Giovedì 3 Novembre 2011, 1.58.03
75
Orgoglio nazionale, band mostruosa, band che ha creato la scena..."IL gruppo italiano"...gli Aborym..? Mah...Tralasciando lo spessore delle dichiarazioni rilasciate dal mastermind della band in questione che lasciano il tempo che trovano, dato che fino ad un lustro fa dichiarava esattamente il contrario, vogliamo occuparci della musica, che poi è la cosa fondamentale? Vi siete mai soffermati ad ascoltare bene come sono costruite le canzoni degli Aborym...Brani ultraeffettati, batteria piena zeppa di trigger, chitarre ipercompresse e voce filtrata. Questo per quanto riguarda la parte "sperimentale" (?!?!?!). Per quanto riguarda la composizione dei pezzi: siamo di fronte a nulla di particolare, a cui se si tolgono i super effetti di post produzione non rimane un bel niente. Le canzoni sono assolutamente lineari, con parti prese in prestito da Limbonic Art, Dimmu Borgir, Arcturus ed Emperor (quelli di IX Equilibrium). Inoltre l'esecuzione in alcuni passaggi di ciascun album è anche approssimativa...Lo ribadisco, supportiamo sempre il Metal nostrano, ma cerchiamo anche di essere obiettivi...Ci sono decine di band underground che li spazzerebbero via se solo avessero gli agganci e le "pedate" che hanno loro...
piggod
Giovedì 3 Novembre 2011, 0.26.19
74
@Undercover: ti leggo, tranquillo, però dai... sugli Aborym si esagera.
Undercover
Giovedì 3 Novembre 2011, 0.12.03
73
@piggod ma nessuno li legge i miei messaggi allora o guardate solo che volete il dubbio mi sorge? Ho detto trenta volte che musicalmente può piacere non l'ho mai negato, non ho detto che non debba piacere ho sottolineato che anche sotto quell'aspetto a me non interessa ma leggere una valanga di cazzate non è cosa buona, adesso scappo che il letto mi attende e come dice il buon Dave devo continuare a sognare, notte.
Undercover
Giovedì 3 Novembre 2011, 0.09.26
72
Si si c'è gente che fa altro sono 20 anni che ascolto questa bella e inventata storiella... torno a sognare dai non preoccuparti anzi grazie ancora per la preoccupazione, essendo a conoscenza del tuo interesse nel preservare la mia salute mi sento confortato, buona notte e rilassati prima che improvvisamente ti parta qualche vena... Notte.
Undercover
Giovedì 3 Novembre 2011, 0.09.26
71
Si si c'è gente che fa altro sono 20 anni che ascolto questa bella e inventata storiella... torno a sognare dai non preoccuparti anzi grazie ancora per la preoccupazione, essendo a conoscenza del tuo interesse nel preservare la mia salute mi sento confortato, buona notte e rilassati prima che improvvisamente ti parta qualche vena... Notte.
piggod
Giovedì 3 Novembre 2011, 0.05.46
70
Beg, se ci inoltriamo nella scena bm italiana, purtroppo, ci sopno tanti personaggi che sembra facciano gara a chi la spara più grossa, però dai non è una prerogativa esclusivamente italiana, anzi... L'esempio più eclatante era la scena statunitense fino a qualche anno fa. In quel caso si spalvano veramente merda l'un con l'altro a vagonate. Però, ripeto, non sono gli unici casi e a me pare che il far gara a chi la spara più grossa sia una parte integrante di gran parte della scena bm. Quindi, lasciando stare il discorso folkloristico e andando in dettaglio su quello musicale, mi chiedevo perché mai non dovrei valutare come pregevole o, addirittura, straordinaria, l'operato artistico di un musicista che dal lato personale non apprezzo. Buttandola sul lato artistico pittorico, ragionando in questi termini dovrei svalutare considerevolmente l'opera di Giotto di Bondone, perché era un profittatore spregevole? Direi di no, però posso anche sbagliare...
DAVE
Mercoledì 2 Novembre 2011, 23.58.03
69
E allora fà una roba Undercover, riunisciti con i tuoi amici e passati le tue serate a rovinarti il fegato. Ma fà che cazzo ti pare. Ma quanti hai, 6? 7? Intanto c'è gente che fa altro, cose che tu puoi solo sognarti e continuerai sempre a distruggerti il fegato. Se volete parlare di musica fatelo in modo serio.
Undercover
Mercoledì 2 Novembre 2011, 23.55.25
68
Ok adesso sono fascio pure XD, va beh quando non si ha più che dire è fantastico... meglio delle comiche... io non devo insegnare niente a nessuno, sono uno che la segue la scena da tempo come altri e mi son fatto un'idea a parte che una scena metal in Italia in qualsiasi genere: NON ESISTE.
DAVE
Mercoledì 2 Novembre 2011, 23.53.40
67
Undercover, ma falla tu la scena! Insegnaci tu a vivere. Ma chi diavolo ti credi di essere? Abbiamo il luminare qui e non lo sapeva nessuno! Ma rilassati! Sei patetico! Questo qui qualcosa di buono l'ha fatto. Tu no. E fino a quando ci saranno persone come te in giro sarà sempre così. Una cosa patetica e permettimi di dire che sei molto più fascio te di molti altri.
Undercover
Mercoledì 2 Novembre 2011, 23.53.17
66
@Dave a me non brucia ma grazie per l'interessamento , resta il fatto che non sia il solo a pensarla così, sarà mica che più di un fondo di verità nelle mie parole ci sia? Non ti sta bene... chi se ne frega, goditi gli Aborym e supportali mica ti si sta vietando di farlo. Per la gente che risponde l'artista non ti piace bla bla bla non dovresti commentare etc etc, se i commenti fossero aperti solo a chi piace la sua musica, ai cosidetti "followers" e agli scendiletto ripeto ancora una volta che siti come questo non avrebbero alcun senso d'esistere.
Undercover
Mercoledì 2 Novembre 2011, 23.53.16
65
@Dave a me non brucia ma grazie per l'interessamento , resta il fatto che non sia il solo a pensarla così, sarà mica che più di un fondo di verità nelle mie parole ci sia? Non ti sta bene... chi se ne frega, goditi gli Aborym e supportali mica ti si sta vietando di farlo. Per la gente che risponde l'artista non ti piace bla bla bla non dovresti commentare etc etc, se i commenti fossero aperti solo a chi piace la sua musica, ai cosidetti "followers" e agli scendiletto ripeto ancora una volta che siti come questo non avrebbero alcun senso d'esistere.
DAVE
Mercoledì 2 Novembre 2011, 23.50.20
64
Ma quanto vi brucia il culo eh? Ma tanto tanto!
Undercover
Mercoledì 2 Novembre 2011, 23.49.39
63
Ce n'è di gente valida dai su adesso son diventati tutti dei cazzoni nella scena black, avanti siamo un attimo seri, non è che tutti si son messi a sparare le vagonate di sentenze e di stronzate di sto qua... neanche uno come Satyr da sempre attaccato ai soldi o gente come gli Ancient che son finiti praticamente subito hanno un atteggiamento sbruffone e irritante così. Oppure vogliamo paragonare l'importanza "storica" di un'artista come Burzum e le sue dischiarazioni anche folli con quelle rilasciate da Fabban? Secondo me un tizio simile che ha sempre sputato sopra in un modo o nell'altro su chi ascolta musica estrema, si veste in un certo modo etc etc non se lo merita proprio il rispetto di chi ha questa passione e stile di vita ma proprio per nulla. Poi ripeto a me musicalmente non piace a te sì, la musica può anche godersela uno ma da qui a inneggiare all'artista ce ne passa e stesso discorso potrei farlo per un altro come Argento. Dove vuole andare la scena italica se questi sono i personaggi di riferimento? A puttane, forse.
piggod
Mercoledì 2 Novembre 2011, 23.38.09
62
Scusate, ma se devo ascoltare la musica e valutare la coerenza filosofico-ideologica (senza quindi scindere il lato artistico da quello umano/personale) chi mi rimane nella scena bm? Poi, tant per dare fuoco alle ceneri, perché in determinati casi l'incoerenza è tollerata ad oltranza e in altri no?
Rotten
Mercoledì 2 Novembre 2011, 22.35.30
61
@DAVE guarda bene non facciamo di tutta l'erba un solo fascio!!
Ulvolc
Mercoledì 2 Novembre 2011, 21.58.18
60
Possono piacere o non piacere, ma perchè se uno li critica deve essere invidioso?? Come si può essere invidiosi di Fabban??? Quanti cuggini deve avere Fabban....
Sambalzalzal
Mercoledì 2 Novembre 2011, 21.55.46
59
DAVE hai dimenticato il numero 60! Quello che hai scritto tu adesso! Asso piglia tutto!
DAVE
Mercoledì 2 Novembre 2011, 21.24.13
58
Voi siete bravi solo a parlare sui forum. 59 commenti per dire solo cazzate. Mi complimento. L'unico che ha scritto qualcosa di serio è SNEITNAM. Fate veramente pena.
Sambalzalzal
Mercoledì 2 Novembre 2011, 20.56.32
57
SNEITNAM io ti faccio i complimenti, è non sono sarcastico credimi, perchè sei riuscito a scindere il comportamento della persona dalla musica che produce. Io non ci riesco purtroppo. Ascolto ancora volentieri kali yuga (album genuino e fatto bene) ma non mi sento di dare appoggio finanziario a questo tipo. Lui o è veramente pazzo o è un paraculo numero uno che sfrutta le critiche a scopo promozionale. In ogni caso non credo sia una persona degna di nota. Non ho MAI letto, dico MAI un'intervista sobria da parte sua. C'è sempre la presa in giro sugli ex membri, su quelli nuovi che sono i migliori in assoluto, su faust che è una persona bellissima, su attila che è un parassita, sul chi non conosce il proprio io è un perdente. Che cazzo, sembra di leggere un estratto di una seduta dallo psicanalista! UNDERCOVER- purtroppo io rimango senza parole davanti a certi fatti... quando ho iniziato ad ascoltare metal il valore alla base era la coerenza. Qua non ne vedo proprio.
SNEITNAM
Mercoledì 2 Novembre 2011, 19.17.16
56
Seguo gli Aborym da dodici anni e ciò che ho letto non è mai stato "chi ascolta Black Metal è un ragazzino". Ha avuto atteggiamenti da superiore, ha criticato autentiche idiozie, ti do ragione, gente che se ne va in giro con la maglia dei Dark Throne quando lui anni addietro magari se ne andava in giro con quella di Burzum. Ma a me non me ne frega un cazzo perchè tanto si dà la zappa sui piedi da solo. Nell'ultima intervista dà degli sfigati chi si veste di nero e sul mio commento (sempre se lo leggerà ma chi se ne importa alla fine) l'ho ringraziato chiarendo qualche cosa giusto perchè ci stava. Anch'io sono rimasto irritato a mio tempo dal suo modo di fare ma ho iniziato a fregarmene quando alla fine mi sono reso conto che il suo lato artistico (e chi con lui ha collaborato) ha un bell'effetto magnetico su di me perchè tutto ciò che hanno fatto gli Aborym a me piace, e molto. Ripeto, a voi non piacciono e vi da fastidio il suo modo di fare? Non leggete le sue interviste e non comprate i suoi dischi. Semplice, senza stare a criticare gli altri perchè se uno poi te lo viene a far notare non mi sembra il caso di fare lo stizzito, anzi
Undercover
Mercoledì 2 Novembre 2011, 19.11.03
55
Inneggiava all'Olocausto prima di rinnegare Burzum e dirigersi verso lande filo-rosse che comunque saranno di facciata anche quelle, è una banderuola del cazzo come personaggio ma lascia perdere la colpa è nostra che non supportiamo gente simile, uno che non mi piace musicalmente e che in più è una testa di cazzo conclamata gli dobbiamo anche portare rispetto ma portasse lui rispetto alla musica che suona e a quelli che gli comprano i dischi pur sapendo che uomo sia. Se poi è un personaggio anche quello oddio, sta proprio perso sto qui.
Sambalzalzal
Mercoledì 2 Novembre 2011, 19.01.50
54
Sneitnam- non la prendere in modo così personale per carità. Io la cosa la vedo da un punto di vista molto razionale: se leggo un'intervista di un musicista a cui ho comprato album e trovo scritto "chi ascolta black metal è un ragazzino" (come spesso e volentieri ha ribattuto Fabban durante gli ultimi 10 anni) va da se che penso "hey, questo mi prende per il culo!" ed allo stesso modo credo la pensino molte persone visti i commenti dietro il mio! Se poi tu ti offendi per cose che ho solo riportato ma che in realtà sono state dette proprio dal leader di quel gruppo che posso farci? Io nell'altro articolo riguardante la recensione dell'ultimo aborym avevo solamente detto di non farsi prendere per il culo da persone che per nulla tengono ai propri fans. A 38 anni posso dirti che ne ho lette parecchie di cose dette da F e non mi sembra una persona che merita plausi di nessun tipo. Allora, i membri del MLO sono dei coglioni xchè a sua detta sacrificano animali, però quando lui inneggiava all'olocausto andava tutto bene. "Non suono black metal" "la gente che gira nel mondo black è grottesca". Per favore! Ho 38 anni ora ma certi atteggiamenti e parole mi davano fastidio anche quando ne avevo 20!!!
SNEITNAM
Mercoledì 2 Novembre 2011, 18.43.27
53
Per me acquistare gli album degli Aborym non è infantile, lo sarà per te. Ripeto, grazie per il tuo rispetto quando ti bastava tenerti sul "non mi piacciono e non mi piace Fabban come persona" invece che andare a criticare chi come me li ascolta e li apprezza dandoli dei ragazzini. Ma alla fine in questo caso, con quello che hai scritto, la parte del ragazzino l'hai fatta te nonostante tu abbia ben 38 anni
Sambalzalzal
Mercoledì 2 Novembre 2011, 13.53.17
52
...fatto sta che ogni volta che si parla di Aborym la musica passa in secondo piano. Io salvo il primo album, non nego la genialità (nemmeno poi tanta) dietro ad alcuni passaggi compositivi che sono "nuovi" nel metal italiano ma quello che proprio non riesco a capire e non accetto sono queste dichiarazioni da due soldi che puntualmente vengono rilasciate da fabban. perdio e negate se avete il coraggio che nessun musicista di nessuna band conosciuta a mia memoria (di 38enne!) ha mai sparato a zero e insultato membri e proposte musicali di altri gruppi. Non ho neanche mai letto di musicisti che parlano male della scena di cui fanno parte. SNEITNAM- tu mi sei andato a rispondere su un articolo che nulla aveva a che fare con Aborym x un commento che avevo fatto su aborym. Gusti a parte, se non è infantile acquistare musica di un personaggio che continua a ripetere che il black metal è una musica per persone grottesche e ragazzini fomentati perlomeno è masochistico! Quoto: MLO (Misanthropic Luciferian Order, ndr), per parte mia, una vera e propria pazzia e stupidità ideologica. A me non interessa avere a che fare con gente che ammazza gli animali in nome di chissà quale dio oscuro. Quando la cosa è riferita a Watain (che guarda caso vede in combo Set ex aborym) Ma che cazzo di dichiarazioni sono!??! Bah
BILLOROCK fci.
Mercoledì 2 Novembre 2011, 8.13.43
51
è ufficile, su questo articolo Sneitnam ha fatto Okkupazione...
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 20.47.20
50
Tornando a parlare di musica ho letto su una risposta di Fabban che per lui il Sax è psicopatico all'interno del Jazz. Questo perchè avrà ascoltato solamente quello che viene definito Free Jazz o anche Avantgarde Jazz, sottogeneri venuti fuori verso la seconda metà degli anni '60. Un esempio è Ascension di John Coltrane. Se invece ascoltasse il Jazz che va almeno dagli anni '50 a quelli '60 di sicuro sentirebbe il Sax assumere tutto un altro ruolo che quello dello psicopatico. Per me i capolavori leggendari di Miles Davis e John Coltrane dettano legge e la tromba e il sassofono fanno cornice e quadro di dipinti assolutamente monumentali e fantastici
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 20.11.08
49
Poi Kvmetternich non mi sembra che si stia parlando dei soliti discorsi politici che fanno i molti. E poi, dici che le cose sono molto più complicate di così. Questo è perchè io le ho riassunte in maniera semplice perchè se si va a fondo di tutto scopri che più complicato e assurdo di così questo sistema non poteva essere
DAVE
Lunedì 31 Ottobre 2011, 19.55.09
48
Intervista stupenda. Questo è un gruppo cresciuto non solo musicalmente (arrivando a livelli qui qui in Italia ci possiamo solo sognare!) ma anche come mentalità, come persone. Cazzate ne abbiamo dette tutti e ci sono gruppi molto più grossi che ne hanno sparate di molto più grosse, ma quando un gruppo cambia e lo fa in questo modo io mi inchino. Andatevi a leggere il testo dell'ultimo disco che hanno fatto. Nessuno in Italia ha fatto una cosa del genere. Leggetevelo e poi tornate a parlane se volete, ma evitiamo di sparare assurdità senza conoscere le cose. Se rispettavo e stimavo Aborym in passato ora per me sono IL GRUPPO ITALIANO di sempre. Continuate pure a blaterare, il fatti sono questi. Questa è gente che vola alto. Lasciate stare! Tra dieci anni vedrete.
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 19.51.59
47
E alla fine credi che il marcio alla fine riesce sempre ad emergere e a farsi conoscere, quindi ok al non credere alle menzogne che cercano di propinarci ma neanche di chiudere occhi e orecchie su quello che alla fine ti rendi conto essere la risposta a tutto
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 19.25.34
46
Ok Comunque che ci danno da leggere, non vi danno perchè ci sei anche te dentro. Report mi ha solo dato veridicità su due punti che supponevo e che faccio fatica a credere possa essere il contrario sinceramente. Anzi le menzogne secondo me stavano quando facevano credere che erano gli islamici di Bin Laden ad aver organizzato l'attentato alle Torri Gemelle, che Pearl Harbor era il giorno dell'infamia per colpa dei giapponesi e che Kennedy è stato semplicemente ucciso da uno squilibrato, che la guerra in Vietnam serviva e che i soldati impegnati nel Medio Oriente combattono per la democrazia. Anche John Lennon secondo me è stato una loro vittima visto ciò che aveva fatto negli anni '70
kvmetternich
Lunedì 31 Ottobre 2011, 19.22.14
45
@ Cuoredipietra : Il pensiero controrivoluzionario (tipo Evola o Junger o Schmitt)per quanto sia stato affine al fascimo e al nazismo per un certo periodo non può essere affiancato all'estremismo di destra populista come lo vuoi fare intendere tu, visto che gli assunti di base sono agli antipodi.
kvmetternich
Lunedì 31 Ottobre 2011, 19.15.39
44
Sei tu che dici "l'ho visto su ieri sera su report". Sai come la penso? che tutto quello che vi danno da leggere sui giornali e sulle tv è solo marketing. E' un assunto di base di tale materia che "l'usufruitore della pubbilcità deve sentirsi superiore ad essa". Tutta questa teoria del complotto, delle mafie , delle guerre e dei governi ladri è solo per far "sentire superiori" i cittadini che non hanno studiato per capire quello che sta succedendo DAVVERO nel mondo. (e no, non è niente che non si possa spiegare con una buona dose di logica, matematica e finanza) . Vedo la gente che incontro per strada lanciarsi in discorsi politici senza capo ne coda che posso sentire fare da altri 10 milioni di persone senza che cambi una virgola. E sai cos'è che succedere quando finisce la sparata politica? Che ti senti SFOGATO. Hai presente emanuel Goldstein in 1984 e i 10 minuti di odio? ripetere un assunto che deve essere vero per dieci minuti in maniera frenetica e che quando finisci ti senti stranamente calmo. Uguale identico. Naturalmente ti dico questo non per essere offensivo o altro, ci mancherebbe
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 19.15.19
43
Comunque mi rendo conto che è giusto seppellire quà il discorso e continuare a parlare di musica per rispetto verso questa webzine visto che non è intelligente parlare di certi argomenti in internet
Cuordipietra
Lunedì 31 Ottobre 2011, 19.14.05
42
Raga,non siate pudici! Evitate giri di parole come "determinate idee", "tematiche non convenzionali" e chiamiamo le cose con il loro nome: "ESTREMISMO DI DESTRA".
piggod
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.59.29
41
@kvmetternich: guarda, adoro gli ultimi tre Aborym, ma gli Spite Extreme Wing non mi hanno mai detto nulla (musicalmente sono discreti, ma nulla di più), anzi alzo il tiro: il glorificare determinate idee li ha portati alla notorietà nella scena bm italiana, dominata da certe correnti di pensiero, pertanto li reputo un gruppo che deve il suo successo (almeno nei confini italiani) più a motivi di matrice ideologica che a meriti artistici.
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.49.50
40
Poi scusa esponi le tue idee allora, no? Visto che dici così un minimo di idea le avrai? Se non è come ho scritto io ma è molto più complicato allora dimmi. Secondo te non è il sistema con tutte le sue organizzazioni a tenerci per le palle? E tutti dico, compreso il presidente degli USA?
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.46.57
39
Beh intanto gettare le basi eliminando un pò di ignoranza non fa male, no? Sempre meglio che prima. Poi lo storico che prende in considerazione report. Questa è una tua minchiata tanto per sfottere ciò che ho detto e non ti fa onore di certo
kvmetternich
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.41.36
38
Scusami, ma se pensi che uno storico fra cento anni prenderà report come fonte attendibile secondo me sei fuori strada. Il mondo è MOLTO, MA MOLTO più complicato di queste tesi del complotto. Di base, i giornali e le tv sparano solo minchiate, sopratutto in materie politiche ed economiche..
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.39.51
37
Sì ed è tutto in chiave metaforica, basta leggere o ascoltare la genialità che ha avuto Fabban nel mettere il IV Canto di Maldoror. Dico io, come fai a migliorare questo mondo mettendo come mentalità universale il buon senso unito alla considerazione e al rispetto? In una mentalità che per la maggiore non ha problemi a farsi corrompere? Mi viene da dire che mi sa che siamo fottuti ma NON CI VOGLIO CREDERE!
kvmetternich
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.37.38
36
@Piggod: C'entrano perché, ognuno dei due gruppi a modo suo, hanno entrambi una proposta musicale estrema e senza compromessi e mettono in PRIMO PIANO tematiche "non convenzionali" . Se ti piace uno, ti piace anche l'altro. Se li odi, probabilmente è per il CONTENUTO, più che per la musica in sé. secondo me !
Undertuononno
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.29.10
35
SNEITNAM, finalmente si inzia a discutere di qualcosa di serio. il testo di questo pychogrotesque è difficile da capire ma i contenuti sono penso tutte cose di cui parli. stasera lo rileggo.
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.27.57
34
E saranno come minimo da quasi 70 anni che le cose vanno in questa maniera, sempre peggio man mano che si andava avanti. Ma la soluzione qual'è una volta che un cancro ha reso il corpo in fase terminale? E non parlatemi di rivoluzione perchè per me è impossibile visto che ti ucciderebbero senza che neanche si riuscisse a muovere un fottuto dito visto che ti controllano dovunque. Film come Vivono tra noi, Visitors, Matrix, sem,brano cagate ma ecco dove stava il pericolo e che noi ignoravamo, nel sistema. Nelle Multinazionali, nella Mafia mondiale, nella CIA, magari anche nella Chiesa...
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.22.10
33
Certo Freedom però dipende sempre come esponi le tue critiche. E' quello essenzialmente a fare la differenza. Poi direi di finirla quà con questo discorso e parlare di un qualcosa di più importante e che riguarda comunque il concept di quest'album. Il sistema. Tutti quanti noi siamo praticamente imbrigliati in un cancro che non ci permette di vivere liberamente. Un cancro che è dappertutto e che non ha nessuno scrupolo ad uccidere chiunque o perchè diventi un pericolo o per vantaggi di potere. Ieri sera su Report c'era un tizio che faceva parte dei servizi segreti (se non sbaglio) che appunto ha affermato che una volta che si è reso conto che manopolizzavano la gente e facevano gettare un intero paese nella povertà ha dato le dimissioni. Ha appunto detto che tutti quanti i soldati impegnati nelle guerre che tutti noi conosciamo credono che questo sia per patriottismo ma non fanno nient'altro che gli interessi delle corporations. Poi non è che ci si è svegliati adesso però c'è un qualcuno che mette i puntini sulle i e da veridicità a ciò che si suppone. Praticamente si vive nella paranoia perchè qualsiasi porcata può essere perpetrata da questo sistema. Un paese può esser messo l'uno contro l'altro per colpa di infiltrati che fanno scatenare apposta questa cosa per un loro tornaconto. Vi rendete conto in che schifo di meccanismo viviamo? Credete che questo sistema sia meglio del Nazismo? Un paese e tutti noi possiamo ritrovarci vittime di qualsiasi merdata se facciamo il tornaconto del sistema, basta guardare a ciò che è successo l'11 Settembre 2001! E' anche per questo che i politici cercano di tenersi come alleati questo sistema perchè sanno che sennò saltiamo tutti perr aria!
NagasH
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.15.45
32
TMK (Textbook Of Modern Karate AKA Thee Maldoror Kollective)...Ephel Duath...tutto il resto è noia francamente.
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 18.10.18
31
@Luca: i Necromass secondo te sono niente di che? Secondo te Mysteria Mystica Zothyriana e Abyss Calls Life sono niente di che? Mysteria Mystica Zothyriana è uno dei capolavori nella storia del Black Metal e per te è niente di che?
piggod
Lunedì 31 Ottobre 2011, 16.55.20
30
@kvmetternich: scusami, ma dal punto di vista musicale cosa c'entrano Aborym e Spite Extreme Wing?
kvmetternich
Lunedì 31 Ottobre 2011, 16.31.42
29
Gli Aborym (e gli Spite extreme wing) non sono gruppi per tutti. Al di la della musica, hanno posizioni che trovano consensi fra poche persone e che richiedono anche una certa preparazione per poterli analizzare CON CALMA e un occhio davvero critico. E' inevitabile che tutti gli altri si limitano a sparare merda tanto per fare.
freedom
Lunedì 31 Ottobre 2011, 15.09.35
28
Mi permetto di spendere due parole al riguardo...SNEITNAM e Undercover: avete entrambi una parte di ragione. Non è vero che chi non suona o compone musica, non ha le basi per criticare, ma è vero che il musicista prende in considerazione altri aspetti della cosa...ad esempio, Undercover tiene molto alla coerenza e a tutto quello che ruota attorno ad un artista (sempre, non solo in qst caso, per come lo conosco io), SNEITNAM giudica più la parte prettamente musicale, tralasciando e "perdonando" gli strafalcioni che, è vero, tutti possono commettere. Per quanto mi riguarda, essendo anch'io nel mio piccolo un musicista, mi sento più vicino a quest'ultima linea di pensiero, ma qst non significa che gli altri non abbiano la competenza necessaria per criticare. Sono solo punti di vista.
Undertuononno
Lunedì 31 Ottobre 2011, 15.02.06
27
te sei con gli aborym come Gabriele Paolini con le telecamere della rai, evidente che ti brucia tanto. poi se vuoi parlare di musica siamo tutti qui. musica però no cazzate
Undercover
Lunedì 31 Ottobre 2011, 14.44.20
26
Ah quindi sei un mio fan? Ottimo buono a sapersi , uno che mi segue. Mah è strano che tu possa parlare così dato che ho rilasciato a stento tre commenti sotto la rece di "Psychogrotesque" e ho mollato la presa praticamente subito... i persecutori sono altri. C'è anche un'altra rece della band di Fabban non ho neanche scritto una riga, dove la vedi questa cosa? E soprattutto è la prima intervista che commento degli Aborym cosa sei un veggente e parli in linea futura?... misteri Ripeto mi diverto a parlare, mi scaldo ma tanto mi passa subito, adesso scappo che ho altro da fare di più interessante.
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 14.40.50
25
Vabbè Undercover quando uno critica anche la musica in una determinata maniera dimostra ignoranza e stupidità, sopratutto se uno nella musica non si dedica sia nel comporla che nel suonarla. Ti ripeto, è come quei saccenti alle trasmissioni sportive che parlano tanto di sport facendo la parte di chi meglio di loro non può sapere quando quel determinato sport magari non lo praticano neanche ma si limitano a guardarlo in televisione. Non è il mettersi su un piedistallo, non me ne frega niente è questo anche che voglio farti capire perchè non mi do nessun tono e nemmeno mi atteggio solo perchè suono e compongo in un gruppo Undercover. Poi guarda che essenzialmente suono e compongo perchè ne ho necessità e quando la mia espressione artistica è sincera ed esprime me stesso al 100% non me ne frega niente se "me lo canto da solo", non so se mi sono spiegato. Quando componi e suoni ti rendi conto di determinate cose importantissime che non consideri quando la musica non la vivi al 100%, è questo il discorso Undercover e non un fatto di tirarsela come vuoi far intendere te fra le righe. Quando hai obbiettivi concreti col tuo gruppo i gruppi che ai oivelli che punti ci sono arrivati credimi che li consideri diversamente da come fai te, aldilà che un album possa piacere o meno. Il giudicare con rispetto è ciò che ti renderebbe molto più intelligente e dotato di buon senso Undercover perchè non sei una persona stupida ma quando commenti in certe maniere dimostri un astio incomprensibile neanche il gruppo o la persona in questione ti avrebbe fatto chissà cosa
Undertuononno
Lunedì 31 Ottobre 2011, 14.36.07
24
ma perchè ti da così noia se qualcuno esalta questo gruppo? non riesci ad ignorarlo se proprio ti fa così cagare? ho notato che sei sempre pronto con quintali di cacca non appena c'è una recensione o un intervista a sto gruppo qui! per questo penso tu sia solo tanto ma tanto invidioso e evidentemente ti brucia tanto i' sedere per qualcosa
Undercover
Lunedì 31 Ottobre 2011, 14.25.26
23
Sempre per il discorso che solo chi suona ha il diritto di porsi quesiti e farsi un'opinione forte su tali ambiti, mi dispiace voi suonate ma senza chi vi ascolta rimanete voi che ve la cantate da soli, è questo il mondo dell'arte in genere, se uno fa l'artista e nessuno ne apprezza l'operato rimane solo uno che sa fare qualcosa e chi se ne fotte? L'arte, la musica come qualsiasi altra forma vive dell'opera dell'artista e di chi ne usufruisce, signori fatevene una ragione, in caso contrario evitate di produrre musica se chi non è al vostro "livello" non può permettersi un giudizio formato su altre basi, si chiama pensare ma vedo che vi da fastidio. L'ho detto e lo ripeto me ne frega un cazzo se sapete suonare, potreste anche essere dei provetti Steve Vai, io vado dritto per la mia strada ascoltando ciò che mi piace e per me sì contano le azioni esterne alla musica da parte di un'artista, ne godrò piacevolmente dell'arte prodotta qualora mi piaccia ma se devo dargli del coglione, incoerente e altro perché ha dimostrato d'esserlo facendo il serpente mangiacoda ogni trenta secondo lo faccio e senza troppi rimorsi, così come se penso che una grande band abbia toppato un album perché lo sento vuoto e non m'arriva un cavolo faccio altrettanto, ripeto se il metal vivesse solo grazie a chi lo suona allora sarebbe inutile anche parlarne e avere siti come questo per poterne dialogare. Poi scusatemi mi dite per favore chi dei due è sotto contratto con la Earache, Peaceville o quale altra potenza del mondo metal? Non lo so... gente che ha militato e milita nella scena da 30 anni le pippe mentali che vi fate voi non se le fa e lo so per certo avendoci parlato, prendi Panigada, Mille Petrozza e Frank Mullen quando si affrontarono discussioni di questo tipo anche su cosa piacesse o meno anche con toni tutt'altro che da educadende, si fecero quattro risate. scendete da sto cazzo di piedistallo del "musicista", suonate, fate quello che vi piace ma accettate che il vostro mondo non è l'unico che conta. Oltrettutto la mia "critica" è rivolta a Fabban e con dati oggettivi decisamente extra musicali ma difficilmente contestabili, per quanto riguarda la musica se leggi più sotto SNEITNAM ho precisato che può tranquillamente piacere ma esaltare una band simile con termini esagerati sarebbe come il millantare che quest'uomo abbia sorretto la scena black in Italia e non mi sembra proprio che sia così. Stesso discorso potrei farlo anche per artisti internazionali come Kvarforth uno che di danni ne ha fatti quanto la Germania "nazista" in ogni release pubblicata dopo "IV The Eerie Cold"... e mi auguro vivamente0 non distrugga la mia speranza di ascoltare un altro album dei Diabolicum composto e suonato con le contropalle come avveniva ai bei tempi.
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 14.03.33
22
Undercover le conosco le dichiarazioni di Fabban e non me ne frega. Ho sottolineato quest'ultima perchè è giusto che impari a considerare diversamente le persone che ancora si vestono in una determinata maniera. Sulla sua persona penso e sono certo che tutti quanti diciamo e facciamo cazzate, siamo esseri umani apposta per imparare dai nostri errori, e io guardo il lato artistico di una band che seguo dal '99, ovvero da quando è uscito Kali-Yuga Bizarre. Secondo me Fabban, e chi per lui ha collaborato e collabora tutt'ora in questo progetto artistico, ha dimostrato uno spessore notevole di sicuro superiore alla maggior parte dei gruppi italiani e uno tra i migliori in campo internazionale. Ogni loro album adoro perchè ripeto è un passo in avanti, un evoluzione artistica coerente con l'inizio del progetto e sinceramente non è facile arrivare a quei livelli. L'ultimo loro lavoro è eccezionale e Fabban nelle sue parti vocali mi ha sorpreso perchè ha gettato molta interpretazione rendendo perfette determinate parti in cui doveva testimoniare una sorta di disagio insano. Questi sono gusti miei come è giusto che tu abbia i tuoi ma Undercover ti avevo già detto di mostrare più rispetto nei tuoi commenti quando vuoi per forza criticare un gruppo perchè se dopo ti ritrovi chi ti sbatte in faccia la ovvia domanda "ma tu musicalmente cos'hai fatto?" è perchè te la sei andata a cercare
Undertuononno
Lunedì 31 Ottobre 2011, 13.54.22
21
è ancora più chiaro: tu devi sicuramente suonare in un gruppino da due soldi, Fabban ti avrà stroncato il tuo demino o il tuo dischino e ora lo detesti è sempre più chiaro. neanche una parolina in più meriti, bimbetto
Khaine
Lunedì 31 Ottobre 2011, 13.52.07
20
Cerchiamo di tornare su binari di discussione civili. Nessuno vi impedisce di scannarvi, ma fatelo con signorilità, per piacere.
Undertuononno
Lunedì 31 Ottobre 2011, 13.46.34
19
undercover, è chiaro.. sei tanto invidioso, poverino Prova con una vacanza o magari prova anche a farti meno pippette davanti a youporn ciao bimbo
Undercover
Lunedì 31 Ottobre 2011, 13.37.55
18
Va beh dai, ti lascio cuocere nel tuo brodo da troll... buona giornata e divertiti. SNEITNAM " Comunque Mr. Fabban grazie per lo sfigato visto che sono uno che si veste sempre di nero perchè è la mia naturale espressione e non è come dici te che ognuno si veste per come gli altri vogliono vederci, non tutti sono così. Impara anche te il rispetto visto come ti vestivi perchè se il tuo era un modo per atteggiarti allora capisco del perchè della tua considerazuione verso chi continua a vestirsi di nero", fosse solo questa la dichiarazione da poter definire contestabile sarebbe quasi un signor artista, rileggiti le interviste dei primi anni dove si dichiarava quasi un figlio di Burzum per poi rinnegarne in toto l'operato, rileggi le dichiarazioni in cui ci mancava poco fosse un "nazionalista" convinto e successivamente si mette dentro la band un "sinistroide" dichiarato qual è Prime Evil (grandissimo artista, i Mysticum non si toccano). Diciamo che la coerenza non è mai stata il suo forte. Questa è la punta dell'iceberg, certo mi si potrà insultare quanto si vuole, potrò non saper suonare ma le interviste, le dichiarazioni e le recensioni scritte (ahimè) da questo tizio e dal signor Cristiano Borchi altro esempio di personaggio troppo pompato della "SCEMA ITALICA" rimangono quindi molti se ne dovranno fare una ragione a meno che non vogliano smentire anche le stesse azioni messe in atto da Fabban...
Undertuononno
Lunedì 31 Ottobre 2011, 13.26.46
17
undercover, di sicuro sono molto più esperto di te e soprattutto molto più intelligente di te. Io non smerdo la gente su forum se qualcuno o se un disco mi fan schifo. cresci e spara meno stronzate SNEITNAM, il tuo commento è veramente intelligente. era ora
Undercover
Lunedì 31 Ottobre 2011, 13.22.23
16
@Rotten non parlavo di te ma di Undertuononno... @Undertuononno quindi se non suono o non ho mai prodotto nulla non posso parlare di musica? Ah ok allora ti lascio campo libero che sei un esperto, pardon... ahahah che stronzata allucinante.
Rotten
Lunedì 31 Ottobre 2011, 13.06.42
15
@Undercover perché devi considerare chi non la pensa come te, a priori, un troll? Che senso ha? @Nightblast non so per chi tu mi prenda ma stra conosco e in certi casi addirittura amo le band che mi hai citato. Poi forse non hai mai ascoltato bene, ed intendo affondo, dischi come Fire Walk With Us o With No Human Intervention, che non si limitano come sostieni tu ad aggiungere il metal all'elettronica. Questo gli Aborym lo lasciano ad altri... in Aborym metal ed elettronica (definizione troppo universale di un genere, che a sua volta si divide in milioni di generi differenti) sono plasmati alla perfezione, assieme ad altri elementi, Death Metal, Classica ecc; La musica di Aborym è un monolite sonoro, molto particolare e ricercata, che ha dato i natali a ciò che i Mysticum in parte avevano intrapreso, il cosiddetto Industrial Black, che però è riduttivo rispetto a ciò che gli Aborym suonano. Concordo con te sul fatto che altri gruppi innovano e sperimentano...ci mancherebbe! Ma io vedo gli Aborym come la punta di diamante di questo movimento (se così si può dire) di innovatori, sebbene reputi Aborym unici stilisticamente (e pure imitati in certi casi). Poi ovviamente de gustibus... ognuno ha le proprie opinioni e le proprie preferenze in ambito musicale!
SNEITNAM
Lunedì 31 Ottobre 2011, 12.54.06
14
Per quel che mi riguarda a livello artistico adoro tutti e 5 gli album che hanno fatto gli Aborym e ogni loro album li ho sempre trovati un passo in avanti rispetto al precedente. Per quel che riguarda la persona mi è piaciuto il modo di spiegare da cosa è nato Psychogrotesque perchè è vero che siamo attorniati da uno schifo di sistema che ha i suoi tentacoli dappertutto e che fa quel cazzo che vuole mettendo in prim'ordine soldi e potere. Multinazionali, Mafia CIA e chissà quale altro schifo è ciò che tiene per le palle da decenni questo sistema e loro hanno potere su tutti, presidente degli Stati Uniti compreso. Pensate poi che gli USA dopo la II guerra mondiale hanno messo le mani dapertutto vi renderete conto di come ci ritroviamo con un tumore che si è espanso dapertutto perchè la maggior parte delle Corporations sono americane come la CIA. Dopo ce ne sono altre in giro per il mondo ma sono gli States a dettar legge. E questo è dai tempi del massacro a Pearl Harbor perchè conoscevano l'interesse economico che avrebbero conseguito una volta che avrebbero vinto la guerra. Ragazzi tutte quelle persone morte alle Torri Gemelle sono vittime di questo sistema appunto per giustificare l'intervento in Iraq e in Afghanistan. Se il Presidente degli States è con loro ok e si piglia anche un bel mucchio di soldi (anche per levarsi di torno) altrimenti lo ammazzano esattamente come è successo a Kennedy nel '63. Siamo di fronte a un tumore che ha ridotto un corpo in fase terminale e quanti rivoluzionari ci vorrebbero per annientare tutta questa merda? Questop sistema purtroppo è anche lo specchio della nostra mentalità quindi per quanto tu possa decidere dio lottare ci vorrebbe un organizzazione su scala mondiale e la maggior parte della gente che ti appoggerebbe tirerebbe il culo indietro non appena gli propongono salva la vita e magari qualche soldo invece che ammazzarli tutti e tu ti ritroveresti con le spalle al muro. Però è anche vero che vale sempre lottare contro la merda. Comunque Mr. Fabban grazie per lo sfigato visto che sono uno che si veste sempre di nero perchè è la mia naturale espressione e non è come dici te che ognuno si veste per come gli altri vogliono vederci, non tutti sono così. Impara anche te il rispetto visto come ti vestivi perchè se il tuo era un modo per atteggiarti allora capisco del perchè della tua considerazuione verso chi continua a vestirsi di nero
Undertuononno
Lunedì 31 Ottobre 2011, 12.53.47
13
Quello poco educato e rispettoso sia proprio tu Undercover. Noto astio nelle tue parole, se offensivo e inconcludente. Parli parli parli e alla fine non sei nessuno e da questo capisco che tu sia invidioso. Se un gruppo non mi garba non vado certo nei forum a smerdarli. Se un gruppo mi sta sui coglioni ascolto altre cose che mi prendono meglio. E' tanto semplice, ma capisco pure che evidentemente non ci arrivi. Piuttosto, parlaci di te, dimmi quanti dischi hai fatto (compri dischi, vai ai concerti e paghi.. e che credi di essere l'unico???????) e come si chiama il tuo gruppo così la discussione diventerebbe interessante no? O devo pensare che non hai mai fatto niente. neanche un disco o un demo????
Nightblast
Lunedì 31 Ottobre 2011, 12.52.15
12
@rotten: rispetto ciò che dici, ma ti inviterei, sempre che tu non li conosca di già, a dare un ascolto agli Inchiuvatu, dato che hai tirato in ballo l'innovazione...Oltre ai già citati Inchiuvatu, ti consiglio band come Handful of Hate, Necromass, Guru of Darkness, In tormentata quiete...Specialmente questi ultimi, se cerchi innovazione troverai davvero molto...Ripeto, supportiamo lascena nostrana, ma restiamo coi piedi a terra...Io reputo gli Aborym una band indubbiamente buona, ma che non abbia portato chissà quale aria di innovazione, se non l'uso dell'elettronica in alcuni brani...Cose che in linea di massima sono state fatte tempo prima...
Undercover
Lunedì 31 Ottobre 2011, 12.42.58
11
E iniziano i troll... parlare di certe band è veramente come sparare sulla croce rossa: divertente. Perché i fan di alcune realtà sono così poco oggettivi sempre e comunque? @Nightblast causa persa, inutile, non si può mai dire che una cosa non ti piace, arriva sempre il pirla che dice la sua ma non motiva per un cazzo e tira fuori le solite argomentazioni trite e ritrite. @Undertuononno, io i dischi li compro non li scarico, io a concerti ci vado e pago, non supporto il metal solo a parole... quindi dico la mia se questo da fastidio, chissene, sono artisti si mettono in gioco e come vale un complimento vale una critica soprattutto se motivata da atteggiamenti del cazzo perpetuati negli anni, ti rispondo educatamente anche se so che non farai lo stesso.
Rotten
Lunedì 31 Ottobre 2011, 12.42.57
10
Io li considero un orgoglio nazionale. Pochi altri gruppi hanno il merito di essere così innovatori e avanguardisti in italia, pochi altri hanno il coraggio di osare come la band di Fabban. 5 dischi 5 sigilli indelebili, non un passo falso non una ripetizione, una band che cambia continuamente forma ma che da 20 anni regala agli ascoltatori sempre e solo qualità e puro estremismo sonoro. E ripeto, solo pochi altri ci sono riusciti in Italia ad innovare un genere, a unire contemporaneamente così tante sfaccettature musicali, a creare un roccioso ibrido sonoro che all'estero ci invidiano e per il quale le solite critiche lasciano il tempo che trovano..dopotutto l'italiano medio non è mai contento: se un gruppo si rinnova, non capiscono l'evoluzione, se fa sempre le stesse cose ovviamente dicono che è ripetitivo..poi ovviamente abbiamo un gruppo come gli Aborym e ovvio che dai più non viene esaltato. Ma la musica è soggettiva... per fortuna!!!!
Nightblast
Lunedì 31 Ottobre 2011, 12.26.43
9
Supportiamo sempre la scena nostrana...Però stiamo coi piedi a terra...Gli Aborym un gruppo mostruoso? Orgoglio estremo nazionale??? Ragazzi, ma la conoscete la scema estrema italiana?
Undertuononno
Lunedì 31 Ottobre 2011, 12.25.01
8
Undercover, ma tu cosa hai fatto nella vita? Quanti dischi hai fatto? Chi sei? Come si chiama il tuo gruppo?
Rotten
Lunedì 31 Ottobre 2011, 12.24.08
7
Grande Fabban e grandi Aborym, per me il più grande orgoglio estremo nazionale, sempre anni luce avanti. Fabban un grande musicista, un professionista e soprattutto una grande persona. Fanculo a chi ci sputa sopra e a chi infama, gli Aborym sono così, amare od odiare.. e poi basta sentire macigni come Psychogrotesque per zittire le solite critiche dei soliti italiani bolliti ed esterofili!!
Undercover
Lunedì 31 Ottobre 2011, 12.03.35
6
Non mi piacciono ma non nego che possano piacere Enry però di qui a esaltarli come se sto tizio fosse un genio mi che ci passa un camio, due camion, una filarata e se posso osare anche una galassia... oltrettutto i Malfeitor sono quanto di più noioso la scena italica abbia prodotto, mazza si è reinventato figlio della Norvegia che fu? Ma per favore. Si i voltaggabana ci sono sempre stati e sempre ci saranno e come giustamente dici te se la musica è buona si ascolta e via, purtroppo per quanto riguarda lui non vedo né l'una, né l'altra cosa oltre il fatto che per me pende come sentenza capitale, l'aver maltrattato migliaia di band ingiustamente in chiave di "importante" recensore come al tempo veniva visto questo signore. Era da internare già al tempo.
enry
Lunedì 31 Ottobre 2011, 11.48.40
5
Comunque, senza entrare nel merito che non me ne può fregare di meno, di stronzate e 'voltagabbanismi' il mondo del Metal e dintorni è pieno, mi ricordo una intervista al signor Bjorkman (Arditi, Algaion ecc...) che dovrei lanciare fuori dalla finestra i suoi lavori, non lo faccio perchè mi piace la sua musica, idem per Aborym (di cui però non mi piace tutto, anzi...). Ovviamente Undercover ha ragione su Silencer e Bethlehem, ma bisogna prendere atto che Aborym hanno un buon seguito anche all'estero, qualcosa di buono l'avranno pur fatto (per me il debut resta di gran lunga la cosa migliore).
barnaba
Lunedì 31 Ottobre 2011, 11.38.56
4
Fabban sei bollito da tempo.... sò risate le tue chiacchiere
enry
Lunedì 31 Ottobre 2011, 11.32.55
3
1-1 palla al centro XD
Undercover
Lunedì 31 Ottobre 2011, 10.49.40
2
Il commento non so se sia reale o di un troll, spero la seconda, perché se gli Aborym sono un gruppo mostruoso i Darkthrone nel 93 suonavano glam... XD. Detto questo al solito è buono a vendersi a parlare bene del momento celando l'enormita di stronzate che gli sono uscite dalla bocca anno dopo anno, chi segue ormai la scena da più di "un semplice anno" sa che tipo di personaggio sia il signor Fabban, uno che neanche Pirandello e le sue maschere potrebbe descrivere visto che ne ha cambiate talmente tante da non poterle contare più. Il concept sulla follia è una cosa assurda... cavolo e io che pensavo che gente come i Bethlehem e Silencer ne avessero già parlato ampiamente, si vede che avevo ascoltato e letto male, avrà mica scoperto l'acqua calda sto qui?
enry
Lunedì 31 Ottobre 2011, 10.04.01
1
Mi aspetto un 150 commenti tra le due fazioni pro-Aborym e anti-Aborym...è solo questione di tempo. Cazzo è 'sta cosa del MLO? Sacrificare animali? E' uno scherzo vero?
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Frammento dell'artwork di 'Psychogrotesque'
RECENSIONI
73
88
86
80
90
ARTICOLI
11/02/2017
Intervista
ABORYM
Raccontare la precarietà e l'inadeguatezza
09/11/2011
Intervista
ABORYM
# 2 – L’ispirazione non si ingabbia
31/10/2011
Intervista
ABORYM
#1 - Psychogrotesque e molto altro
19/02/2006
Intervista
ABORYM
Parla Malfeitor Fabban
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]