Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Destrage
The Chosen One
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/06/19
BLOODY HAMMERS
The Summoning

26/06/19
H.E.A.T
Live at Sweden Rock Festival

26/06/19
ROB MORATTI
Renaissance

27/06/19
ORDER OF THE EBON HAND
VII: The Chariot

28/06/19
HOLY TIDE
Aquila

28/06/19
TURILLI/LIONE RHAPSODY
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)

28/06/19
HE IS LEGEND
White Bat

28/06/19
DREAMS IN FRAGMENTS
Reflections Of A Nightmare

28/06/19
DENIAL OF GOD
The Shapeless Mass

28/06/19
VICTIMS
The Horse And Sparrow Theory

CONCERTI

25/06/19
LACUNA COIL + DAWN OF MEMORIES
PARK NORD STADIO EUGANEO - PADOVA

25/06/19
FLOGGING MOLLY + DESCENDENTS
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

25/06/19
CANNIBAL CORPSE + SADIST
Parma Music Park c/o Villa del Fulcino - Parma

27/06/19
SLIPKNOT + AMON AMARTH + TESTAMENT + TRIVIUM + LACUNA COIL + ELUVEITIE + GUESTS TBA
ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

27/06/19
ELUVEITIE
SONIC PARK - BOLOGNA

27/06/19
KADAVAR (GER) + THE OBSESSED + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

29/06/19
GODS OF MEL
LOCALITA' PIAN DEL TORO - MEL (BL)

02/07/19
KISS
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

04/07/19
CROWBAR + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

05/07/19
ROCK THE CASTLE (day 1)
CASTELLO SCALIGERO - VILLAFRANCA (VR)

MORBID ANGEL - Magazzini Generali, Milano, 01/12/2011
08/12/2011 (2572 letture)
Cose e persone su cui fai cieco affidamento un giorno ti tradiranno.
Cose e persone che oggi tradiscono domani ti staranno di fronte implorando perdono.
(Anonimo, 1998)


Con questa frase si concluse, anni or sono, un lungo e faticoso discorso legato al tema dei rapporti umani.
Vi risparmio i fatti al contorno ed i soggetti in causa: vi basti sapere che, quanto predetto, si è manifestato per filo e per segno. Molte volte!

I Morbid Angel.
Loro nella mia vita ci sono sempre stati e sempre ci saranno. Sono una di quelle certezze che credevo di aver perduto con Illud Divinum Insanum, cocente tradimento venuto dopo anni di fredde ma superabili incomprensioni, che ieri sera ho però ritrovato. Confortante, in questo senso, soprattutto considerando che la band si è esibita in un locale che ha più di "qualche" lacuna, sia strutturale (i Magazzini Generali sono un lungo e stretto corridoio), sia fonico (spesso ho dovuto NON apprezzare la restituzione).
Anticipo subito che non ho avuto la possibilità di constatare la bontà (o meno) dei suoni e delle performance antecedenti, essendo arrivato sul posto poco prima dell’esibizione degli Angeli Morbosi.
Su questa mi fiondo senza ulteriori preamboli.

Avvolti in una soffocante coltre di ghiaccio secco, si parte con Immortal Rites ed il boato è fragoroso. Apprezzo molto questo primo salto indietro nel tempo (Altars Of Madness), tuttavia aspetto a cantare vittoria, dato che sullo sfondo capeggia - ben visibile - un immenso telone ritraente la cover art dell’ultimo aborto. Aborto, sì, avete capito bene: così voglio chiamare Illud Divinum Insanum! La paura che la serata si trasformi in uno spot promozionale a suon di Too Extreme, Radikult e Beauty Meets Beast è ancora molto forte.
Così, diciamolo pure, non sarà!
In formissima David che canta i vari brani in modo divino e che si muove con potenza e precisione sul suo Dean a quattro corde: ispiratissimo nelle parti "baritonali" (God Of Emptiness su tutte) e corposo nel growling. Anche i brani più vecchi, che su supporto godono di un vocalism meno profondo (Angel Of Disease, Chapel Of Ghouls e Lord Of All Fevers And Plague), sono restituiti perfettamente da un Vincent che, da buon padrone della old-school americana, riduce al minimo le chiacchierate tra un brano e l’altro, limitandosi a presentare i pezzi. Ultima registrazione a riguardo: un solo microfono sul palco e nessun chorus. David fa tutto da sé, aiutato solo dalla grande partecipazione del pubblico. Primadonna!
Pazzeschi i chitarristi: Trey è la solita macchina sparatutto e Destructhor è uno dei migliori compagni che lo abbiano affiancato negli anni: perfino lo stile nelle porzioni soliste è paragonabile, tanto egli si è immerso nella parte. Sul movimento chitarristico di Azagthoth va detto, una volta per tutte, che è talmente particolare da divenire incriticabile. Le caratteristiche impuntate sulle corde singole riescono perfettamente anche in sede live, così come il portentoso riffing “sporcato” dagli storici effetti di flanger. Assoli isterici ed apocalittici guidano la sua prestazione che spesso si interseca con quella del compagno: tra i due c’è molto feeling e l’effetto si sente, espresso principalmente in continuità e compattezza del guitarism.
Unica piccola pecca, rimanendo sulla line-up, è l'assenza di Commando. All'ingresso, sbirciando tra il merchandise ufficiale, ho scorto la maglietta (stupenda) a lui dedicata: per qualche istante ho creduto (o forse semplicemente sperato) in un suo possibile rientro, ma niente. Alle pelli si è presentato il “ragazzetto” che ha suonato su Illud Divinum Insanum (Tim Yeung) che, seppur bravo, nei mid-tempo con uso intenso del double-bass è lontano anni luce da Pete. Nei blast-beat invece la differenza si assottiglia. Va accettato così, dato che il confronto con Sandoval porterebbe sicuro imbarazzo a chiunque!

La scaletta.
Di per sé l'argomento sarebbe interessante e molto lungo da dibattere. Tre soli brani da Illud Divinum Insanum (Existo Vulgore, Nevermore e I'm Morbid), tutti snocciolati l'uno di seguito all'altro a metà setlist. Il resto proveniente esclusivamente dai capitoli A, B, C e D, salvo Bil Ur-Sag da Formulas Fatal To The Flesh. La cosa mi fa riflettere impedendomi di comprendere appieno l'operazione new album, che con il death ci azzecca poco nulla fuori dalle 3 tre tracce di cui sopra. Pentimento? Ci starebbe tutto se non sapessi dell’imminente operazione di remix! Il risultato, comunque, è l'assalto frontale che tutti, a bocce ferme, avrebbero sperato. La depravazione satanica di Immortal Rites si compie con il rispolvero delle storiche ed invocanti Lord Of All Fevers And Plague e Angel Of Disease ("very early morbid"); l'attacco frontale di Maze Of Torment conclude la sua opera dopo il mitragliante assalto anticlericale di Chapel Of Ghouls; e la monoliticità di Day Of Suffering crepa le membra dell'ascoltatore solo dopo aver evocato le ritualistiche God Of Emptiness e World Of Shit (The Promise Land), entrambe tratte dal meraviglioso e mitico Covenant che, in totale, conta ben sei esemplari suonati.

Buono, come si diceva, il comportamento fonico del pacchetto locale/impianto/ingegneria del suono che risulta chiarissimo nei momenti meno tirati e che si impasta solo quando i Morbid Angel chiamano a sé le proprie derive grind. Nel complesso, tenendo anche conto delle aspettative, sono soddisfatto.
Merito dunque anche ai Magazzini Generali.

In poche parole, uno stupefacente massacro "annunciato". L'unica mia colpa è stata quella di non crederlo più possibile.
Miscredente fino in fondo. Proprio come piacerebbe ai Morbid!

SETLIST
Immortal Rites
Fall From Grace
Rapture
Day Of Suffering
Blasphemy
Maze Of Torment
Existo Vulgore
Nevermore
I'm Morbid
Angel Of Disease
Lord Af All Fevers And Plague
Where The Slime Live
Blood On My Hands
Bil Ur-Sag
God Of Emptiness
World Of Shit (The Promise Land)

Encore:
Sworn To The Black
Chapel Of Ghouls



Uranius Ferox
Giovedì 15 Dicembre 2011, 19.16.22
15
Peccato davvero per lo scivolone ultimo album, anche se i pezzi spediti mi piaccionO!
Ariete76
Giovedì 15 Dicembre 2011, 19.15.49
14
Buon concerto, era la prima volta che li vedevo e mi son parsi una macchina rullasassi!
Absynthe6886
Venerdì 9 Dicembre 2011, 19.52.27
13
Pardon: decelerare*.
Absynthe6886
Venerdì 9 Dicembre 2011, 19.48.18
12
Non sono un batterista, anche se sono un fissato dello strumento, ma qualsiasi strumentista sarebbe in disaccordo su quanto scritto da Giasse. Rispetto l'opinione ma un conto è il gusto ed un altro l'oggettiva abilità tecnica per correre a quelle velocità: Sandoval è legnoso e spesso sporco e se ci mettiamo che Yeung suona più potente e dinamico con la metà dei trigger usati dal vivo da Sandoval (quest'ultimo ne ha due per pezzo!) e che coi Morbid Angel è costretto a decellerare, direi che il confronto con Pedro, per gli amici Pete, risulta impietoso. Poi, ovviamente, gran rispetto per un batterista che ha definito uno stile, quello non glielo può togliere nessuno: resta leggendario.
Undercover
Giovedì 8 Dicembre 2011, 23.41.26
11
@Nagash si sono accorti che l'album fa talmente schifo da allontanare i fan e allora contromossa da "old schooler" buttando via la merda e riportando in scaletta MUSICA!!!
Hellion
Giovedì 8 Dicembre 2011, 20.22.59
10
...io da batterista, tutta sta differenza tra Pete e Tim proprio non la vedo!
nonchalance
Giovedì 8 Dicembre 2011, 14.38.17
9
Anch'io mi son meravigliato dell'ottimo audio dei Magazzini di quella sera..c'avrò visto una trentina di concerti in quel corridoio di merda però questa volta devo ammettere che l'audio é stato perfetto per tutta la serata! Solo i Necrophobic hanno avuto qualche problema: la chitarra del vocalist non si sentiva proprio.. Per quanto riguarda l'esibizione dei Morbid Angel non avevo dubbi (conoscevo già la scaletta..), me li son ritrovati in ottima forma come 3 anni fa..Tim non corre sulla batteria come fa Pete ma é comunque un ottimo batterista!
MrFreddy
Giovedì 8 Dicembre 2011, 14.14.25
8
Si saranno accorti che sarebbe stato il supporto ad una cagata pazzesca, suppongo
NagasH
Giovedì 8 Dicembre 2011, 14.12.09
7
La domanda che mi viene naturale è...Perchè lo chiami "Tour di Supporto", "Illus Divinum Insanus European Tour"...zan zan zaaaan san...e poi fai tre pezzi che non rappresentano nemmeno l'album che supporti? Se non è una auto-presa di posizione questa...
NeuRath
Giovedì 8 Dicembre 2011, 14.10.37
6
Se non fosse stato in giovedì sarei venuto volentieri!
Sheckter93
Giovedì 8 Dicembre 2011, 12.26.24
5
avre voluto presenziare anch'io però con quell'aborto del genre che hanno ho preferito esitare e a quanto pare ho fatto male!!!!! spero di rivederli la prossima volta!
USER
Giovedì 8 Dicembre 2011, 12.22.06
4
promossi i Magazzini generali e i Morbid Angel? quando decido di saltare ecco che faccio una stron...ta
Giasse
Giovedì 8 Dicembre 2011, 12.10.48
3
Lo spettacolo e' stato proprio bello. Ero con un amico che anche lui e' della "vecchia scuola" ed entrambi ne siamo uscoti caricatissimi!
alzailcorno93
Giovedì 8 Dicembre 2011, 12.04.43
2
@Giasse: un mio amico che li ha visti al new age mi ha detto le stesse cose che hai scritto tu..io però non ho voluto andarci e adesso me ne pento
MrFreddy
Giovedì 8 Dicembre 2011, 11.32.34
1
La prossima volta vedrò di esserci, questa volta ho preferito indugiare per sapere il loro comportamento a proposito della tracce di Illudschifo
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina del tour
RECENSIONI
40
30
50
85
80
96
95
73
92
ARTICOLI
18/11/2014
Live Report
MORBID ANGEL + METHEDRAS
Estragon, Bologna - 13/11/14
18/11/2012
Live Report
KREATOR + MORBID ANGEL + NILE + FUELED BY FIRE
Demodè Club, Bari / Live Club, Trezzo sull'Adda. 14-12/11/2012
08/12/2011
Live Report
MORBID ANGEL
Magazzini Generali, Milano, 01/12/2011
13/04/2005
Live Report
MORBID ANGEL
Estragon, Bologna, 05/04/2005
25/11/2004
Articolo
MORBID ANGEL
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]