Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Hamferd
Támsins likam
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/01/18
APOPHYS
Devoratis

22/01/18
ROTHEADS
Sewer Fiends

23/01/18
ENEMYNSIDE
Dead Nation Army

25/01/18
VORACIOUS SCOURGE
Our Demise

26/01/18
REBELLION
A Tragedy In Steel Part II: Shakespeares King Lear

26/01/18
AN EVENING WITH KNIVES
Serrated

26/01/18
LABYRINTH
Return To Live

26/01/18
LIONE-CONTI
Lione-Conti

26/01/18
STRAY BULLETS
Shut Up

26/01/18
VICTORIUS
Dinosaur Warfare - Legend Of The Power Saurus

CONCERTI

20/01/18
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO + HAMNESIA + LA STANZA DI IRIS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

20/01/18
FATES WARNING + METHODICA
LEGEND CLUB - MILANO

20/01/18
VEXOVOID + EXPLORER + SHENANIGANS
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

20/01/18
AMRAAM + A TASTE OF FEAR + TRACTORS
ALVARADO STREET - ROMA

20/01/18
SAIL AWAY + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

20/01/18
RAW POWER + TRUTH STARTS IN LIES
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

20/01/18
ALEA JACTA + METHEDRAS + CRUENTATOR
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/01/18
FATES WARNING + METHODICA
ORION - CIAMPINO (RM)

21/01/18
ASTRAL FIRE + STINS
BIRRERIA HB - PISTOIA

23/01/18
ACCEPT + NIGHT DEMON + IN.SI.DIA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

PAROLA DI OZZY - La recensione
23/03/2012 (3498 letture)
Nel reparto “musica” delle librerie, oltre agli intramontabili e poco utili metodi per suonare la chitarra, il basso e il sassofono, è possibile trovare i classici libri con i testi tradotti di svariati gruppi, dizionari con tanto di voti e giudizi su album e band di ogni tipo (cosa che trovo a dir poco arrogante e da tuttologi…), oltre una gran quantità di biografie e autobiografie dei nostri musicisti heavy metal preferiti. Ce ne sono per tutti i gusti, dal profeta del metallo degli anni ’80 alla nuova stella del firmamento hard & heavy, passando per i diari decisamente falsi di rockers annoiati e volumi fotografici relativi all’evoluzione della chitarra elettrica, dai primi anni di vita ad oggi.

Un fenomeno in continuo aumento, quello dell’editoria musicale, che può e deve essere considerato un fattore positivo. Ricordo con chiarezza quando, all’epoca adolescente e ben lontano dalle grandi città, cercavo libri che parlassero di rock e metal, dei gruppi e dei musicisti, in quanto non completamente soddisfatto dalle cinque riviste che acquistavo mensilmente. In effetti a metà anni ’90 c’erano ben pochi libri disponibili in italiano, e quasi tutti trattavano sempre e solo dei “soliti” nomi: Ac/Dc, Jimi Hendrix, Deep Purple, Led Zeppelin, Guns n’Roses (quasi tutta roba per fan isteriche, in verità) e Nirvana, il più delle volte libricini con i testi in inglese e relativa traduzione; andava grassa quando come introduzione si trovavano dieci pagine di biografia. Ovviamente qualcosa di ottima fattura c’era, mi riferisco in particolare all’entusiasmante Led Zeppelin – Il Martello degli Dei del 1985, disponibile in italiano tre anni più tardi, all’elettrico Ac/Dc – Shock al Sistema del 1993 e a Sepultura dello stesso anno, all’epoca il massimo dell’estremismo sonoro su carta.
E tutta la scena death o black? I gruppi thrash americani? Non interessavano a molti, evidentemente, o almeno non da farci un libro in italiano.

Proprio qualche giorno fa ho visitato un paio di belle libreria al centro di Roma, buttando un occhio anche al reparto “musica”. Centinaia di titoli, per tutti i gusti: da Samuele Bersani al death metal, passando per Korn, Iggy Pop, Cliff Burton, U2, Lingalad e black metal norvegese.

In pochi si possono permettere un testo composto unicamente da frasi pronunciate durante oltre quaranta anni di carriera, Ozzy Osbourne è uno di questi.

Il libro Parola di Ozzy presenta, infatti, una lunga serie di dichiarazioni rilasciate alla stampa e alla televisione, suddivise per argomenti, partendo da “Il Folle Delle Midlands” dove il madman per antonomasia racconta la propria gioventù a Birmingham, per concludere con il triste show televisivo The Osbourne (“Casa Osbourne”), passando attraverso tutti gli step di una curriculum straordinario, capace com’è stato di costruirsi una grande carriera solista dopo aver chiuso bruscamente con i Black Sabbath.

Ci sono aneddoti di quando lavorava in un macello (“c’era questa gigantesca montagna di interiora di pecora, e il mio lavoro consisteva nel prendere un coltello, tagliarle e svuotarle di tutta la roba che avevano nello stomaco. Ero stanco di continuare a vomitare, e gli occhi mi uscivano fuori dalle orbite per lo sforzo. Tutti quelli che mangiano carne dovrebbero farsi un giro in un mattatoio. Tempo quattro passi, e vomiti anche l’anima. Te lo garantisco.” - 2001), storielle di fan pericolosi e su come Ozzy si relaziona con l’amata moglie e i suoi tre figli. Particolarmente interessante, ovviamente, quando parla di musica, dai passi iniziali degli Earth (“Sabbath Lives!”), prima incarnazione del sabba nero alla reunion del 1997 (“Quella Vecchia Magia Nera…”) e seguente tour (in questo caso posso dire io c’ero!!! Gods Of Metal 1998…), attraversando in lungo e largo la sua discografia solista (“Volare In Solitaria”), compresi commenti e giudizi sui singoli musicisti (“Ozzy: La Musica”).

Molte delle frasi contenute in Parola di Ozzy sono note a chi si è tenuto informato attraverso le riviste degli anni passati, essendo il libro del 2002 e contenendo espressioni fino al 2001, anche se pubblicato in Italia solamente nel 2010 dalla Tsunami Edizioni. Alcune cose invece, soprattutto quelle più datate, sono interessanti in quanto mostrano un John Michael Osbourne piuttosto irruente e a tratti quasi ingenuo.
Curioso poi vedere come nel corso degli anni abbia cambiato parere su determinate situazioni o gruppi, fermo restando il disprezzo per gli Stryper e l’ammirazione per i Def Leppard (“una grande band, amico. Lo sa solo Cristo il culo che ci faranno stasera.” - 1981).

Divertente notare come in diverse interviste si sia poi contraddetto, ad esempio parlando di Stati Uniti e armi: nel 1975 disse “l’America mi piace, ma non ci vivrei mai perché ci sono in giro un sacco di armi e di gente che le userebbe senza problemi. La violenza mi spaventa.”, per poi cambiare idea nel 1991 rilasciando la frase “se qualcuno provasse a entrarmi in casa qui, non avrei alcuna esitazione a fargli saltare la testa. Non ho mai tenuto una pistola nella mia casa in Inghilterra, ma ne terrò una a Los Angeles.
Molto rilievo ha il capitolo “Peccati Capitali”, dove nella quasi totalità delle dieci pagine è trattato il demone numero uno del cantante inglese, l’alcool: “qualsiasi cosa ti venga in mente, io l’ho bevuta. Dal whisky sino al gin e al sidro. Non mi importava di morire” - 1989. In realtà ci sono diverse dichiarazioni dove Ozzy si dimostra timoroso della Nera Signora, e poco coraggioso in generale.

Poco interessanti i capitoli “I Sabbath Dicono La Loro!”, “Istinto Animale” e “Invecchiando Ignobilmente”, dove sono riportate frasi ormai note da tempo.
Si è rivelata sinistramente profetica la frase a pagina 84, quando il mangia pipistrelli (non mancano ovviamente pagine dedicate allo storico morso!) nel 1998 disse: “mi sentirei onorato se una delle mie figlie volesse seguire le mie orme, ma ti immagini se avesse la mia voce? Purtroppo Kelly, la figlia minore di Ozzy e Sharon, ci ha “deliziato” nel 2002 e 2005 con un paio di album piuttosto banali, dove, tra gli altri, compare anche un certo Zakk Wylde, guarda un po’!.

Purtroppo la copia in mio possesso presenta un grande, grave errore di stampa, in quando ben sedici pagine sono rimaste bianche, rovinando così la lettura, e mozzando di fatto alcuni dei passaggi probabilmente più interessanti, almeno per il sottoscritto. Mancano, infatti, le pagine dove Ozzy parla di Randy Rhoads e Jake E Lee, oltre che dei primi due album solisti Blizzard Of Ozz e Diary Of A Madman.

Graficamente Parola di Ozzy si presenta bene – come solito per l’intraprendente Tsunami Edizioni –, con tante foto (le otto pagine centrali sono a colori), alcune decisamente rare, altre invece “classiche” del macellaio di Birmingham.
Dispiace che il libro non sia stato aggiornato, in quanto, come precedentemente detto, è stato edito nel 2002, e dal 2002 ad oggi il buon Ozzy avrà sicuramente arricchito il mondo con nuove perle di saggezza.
Ultima cosa, non di poco conto, il prezzo. Quindici euro per appena centoventotto pagine sono decisamente troppi.

Considerando i punti a sfavore del libro, consiglio l’acquisto di Parola di Ozzy unicamente ai fan sfegatati dello storico singer dei Black Sabbath, per tutti gli altri è maggiormente indicata la biografia Io Sono Ozzy.

È davvero tristissimo che siano morte così tante star, e solamente a causa della loro stupidità. Io non sono migliore di John Bonham o di Keith Moon, sono solo più fortunato” - 2009

::: RIFERIMENTI :::
Titolo: Parola di Ozzy
Anno di pubblicazione: 2010
Autore: Harry Shaw
Editore: Tsunami Edizioni
Prezzo di vendita: € 15,00



jek
Domenica 25 Marzo 2012, 20.19.17
21
Anch'io ho "io sono Ozzy" e l'ho trovato bellissimo in tutti gli aspetti e visto che alcuni estratti li ritrovo su quel libro investirò i miei soldi per altre letture.
Elluis
Domenica 25 Marzo 2012, 11.18.35
20
Io ho preso anni fa un libro in inglese di questo Harry Shaw che si intitola "Lemmy...in his own words" e credo che sia un libro gemello di questo di Ozzy. Riporta un po di frasi e pensieri del buon Lemmy presi qua e là negli anni, propone belle foto, alcune per me inedite, tutto sommato è carino, ma sicuramente non fondamentale. Questo di Ozzy non l'ho mai visto, ma immagino che sia la stessa cosa: tra l'altro dalle frasi che leggo nell'articolo alcune sono riportate pari pari nella sua biografia "Io sono Ozzy". Tutto sommato concordo in pieno con le ultime tre righe scritte da Fabriziomagno: semmai mi capiterà sotto mano cmq gli darò un'occhiata
fabriziomagno
Sabato 24 Marzo 2012, 22.09.29
19
dai ragazzi, basta con quella stupida palla rotonda, per favore...
Radamanthis
Sabato 24 Marzo 2012, 20.34.11
18
Ah ah...sinceramente non so chi scegliere!!!!
il vichingo
Sabato 24 Marzo 2012, 20.30.06
17
Ma anche no! Dai che dobbiamo recuperare il distacco dai vostri cugini
Radamanthis
Sabato 24 Marzo 2012, 20.28.19
16
Hola amigo Billo...domani sarà guerra totale....e che le forze di Ozzy (non quelle attuali, quelle del passato) siano con NOI!!!!
BILLOROCK Fci.
Sabato 24 Marzo 2012, 16.10.19
15
Vichingo / Celtic : ma h vedremo vedremo ahahahahah , cmq quoto Metalforever 90; anche io ho la biografia di ozzy e fa pisciare dal ridere, ma anche commuovere e riflettere !!
Metal4ever90
Sabato 24 Marzo 2012, 15.53.51
14
Mah, secondo me è più utile la biografia (fa scompisciare per i numerosi anedotti), non sento il bisogno di averlo questo.
il vichingo
Sabato 24 Marzo 2012, 14.10.00
13
Con il cuore in mano (in senso figurato eh ) quoto, riquoto e ancora quoto il commento n.7 di Billorock. PS: beh Billo, se la forza è la solita... e poi giochiamo in casa
Celtic Warrior
Sabato 24 Marzo 2012, 13.58.40
12
si speriamo che la vostra forza sia la solita ... and kill ..ih ih ih !!!
BILLOROCK Fci.
Sabato 24 Marzo 2012, 13.55.44
11
hail celtic warrior, che domenica sera la forza assista noi e non voi ih ih ih !!
Celtic Warrior
Sabato 24 Marzo 2012, 13.53.24
10
ahahah mitico Billo
BILLOROCK Fci.
Sabato 24 Marzo 2012, 13.46.55
9
Purtroppo è giunta l ora di farsi da parte, ma le tue folli gesta rimarranno sempre nei miei ricordi, ma oramai anche tu sei vittima di tua moglie, come lo siamo tutti
Ozzo
Sabato 24 Marzo 2012, 13.41.38
8
Per Odino!!! pure tu ? mio fedele adepto .....
BILLOROCK Fci.
Sabato 24 Marzo 2012, 13.35.03
7
Purtroppo, Jimi tg e Radamanthis, hanno ragione, (il detto dice: non cè peggior cieco di colui che non vuol vedere ) ed è così, oramai ozzy è l ombra di se stesso, difatti istintivamente sono felice per la reunion dei Sabbath, ma razionalmente so che non sa da fare, oramai il tempo è passato anche per loro, è come sperare che l inter di quest anno facesse iltriplete, un utopia !! Voglio quindi ricordare il madman per lo scellerato che era, non quello che è andato su mtv, come un justin Bibier del cazzo...
Celtic Warrior
Sabato 24 Marzo 2012, 12.19.48
6
Ciao !! Metallosi Grande !! Ozzy un ICONA del metal .
Jimi The Ghost
Sabato 24 Marzo 2012, 12.07.34
5
Giusta considerazione del sempre attento Radamantihis ....Ennesimo prodotto della signora Sharon...ma quando lo capire che questo è solo un cadavere, uno zombi ambulante, una marionetta nelle mani dei sistemi musicali-capialistici? Oh, rispetto tutti....quindi se a voi sta bene.............Jimi
Radamanthis
Sabato 24 Marzo 2012, 12.02.27
4
Ah ah Ozzo...dai, non prendertela così...gli anni passano per tutti...anche per te caro Madman...non crederai mica che mangiando pipistrelli fermavi la tua mente, la tua voce e il tuo fisico a 25 anni...
Ozzo
Sabato 24 Marzo 2012, 11.59.28
3
tse tse tse ...ma andè a ciapà i ratt........
Radamanthis
Sabato 24 Marzo 2012, 10.25.10
2
Mi scuserà di certo l'amico Billo che stravede per il madman ma l'Ozzy di oggi purtroppo non è nè vocalmente, nè a livello di personaggio paragonabile al GRANDISSIMO OZZY di un pò d'anni fa...Quello era il vero Madman, oggi sembra ripeto purtroppo, la parodia di se stesso.
Dave Insane
Sabato 24 Marzo 2012, 3.57.34
1
Ozzy è meglio che non parli, già a cantare fa abbastanza schifo...
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La cover artwork del libro
Clicca per ingrandire
I Black Sabbath
Clicca per ingrandire
Shhhh!
Clicca per ingrandire
V
Clicca per ingrandire
Amici di Ozzy
ARTICOLI
23/03/2012
Articolo
PAROLA DI OZZY
La recensione
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]