Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Nicko McBrain
Clicca per ingrandire
Un sorridente Nicko McBrain
Clicca per ingrandire
Il drummer col suo kit
Clicca per ingrandire
Nicko in azione
Clicca per ingrandire
Nel suo regno
Clicca per ingrandire
Sudore sul palco
Clicca per ingrandire
Nicko da giovanissimo
Clicca per ingrandire
Espressione simpatica del drummer
Clicca per ingrandire
Concentrato ed in azione!
Clicca per ingrandire
Grinta dietro le pelli
Clicca per ingrandire
All'epoca degli spandex...
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

IRON MAIDEN - Nicko McBrain, la biografia
13/04/2012 (10818 letture)
Preciso ed infaticabile sul palco, pazzo, giocherellone e assolutamente divertente nella vita privata, Nicko McBrain é l'imprevedibile batterista degli Iron Maiden fin dal 1982, anno in cui sostituì Clive Burr dietro i tamburi di una macchina da guerra lanciatissima, che si era appena svestita dei panni di leader della NWOBHM per rivestirsi di borchie e pelle dal fatturato internazionale. Un ragazzone dal cuore d'oro ed un batterista eccellente, come garantisce il manager Ron Smallwood, capace di fermarsi ore e ore assieme ai fans, per firmare autografi o per suonare assieme a qualche coverband. La leggenda vuole che il soprannome Nicko gli sia stato dato dal tastierista Billy Day, che soleva presentarlo con una frase a effetto priva di logica apparente (Questo é il mio batterista italiano, si chiama Nicko), mentre in realtà sembra che tale appellativo derivi dall'orsetto Nicholas, che il futuro batterista portava sempre con sè: furono i suoi genitori, affettuosamente, ad iniziare a chiamarlo con quel nomignolo simpatico. Il Nostro nasce come Michael Henry McBrain ad Hackney (Londra, la stessa zona di Adrian Smith) nel 1952 ed inizia a picchiare pentole e coperchi dopo esser rimasto colpito dall'operato del jazzista Joe Morello; quando finalmente dispone di un vero e proprio drumkit, prende lezioni di batteria e si incammina in un percorso musicale contraddistinto da diverse apparizioni in band prevalentemente blues e discostanti dall'hard rock: é attraverso queste esperienze che entra in contatto con membri dei Family e dei Cockney Rebel, ritrovandosi presto negli Streetwalkers nel 1975. La band si scioglie dopo aver inciso due dischi, ma il drummer -che già aveva messo in luce ottime qualità- passa alla Pat Travers Band (con cui registra altri due album) e, successivamente, nei Blazer Blazer e negli Stretch (con questi ultimi arriva un altro full length); tra il 1978 ed il 1980 McBrain si esibisce dal vivo con la cantante Jenny Darren, con Marshall Fury e col trio di Donovan McKitty, calcando lo stesso palco degli Iron Maiden ad un festival dell'aprile 1980. Un incontro forse inevitabile, che sembra propiziato dal destino. La sua carriera procede abbastanza fitta di impegni e con continui cambi di band: incide un disco con i punk Trust, affronta una breve esperienza negli Informer e supporta proprio i Maiden nei tour di Killers e The Number Of The Beast, guadagnandosi il diritto di sostituire il partente Clive Burr nella corazzata di Steve Harris, fresca di nuova direzione stilistica (più maestosa, strutturata e stratificata dal punto di vista lirico, tecnico e sonoro). In realtà, la collaborazione tra l'ensemble britannico ed il biondo batterista era iniziata in maniera alquanto singolare: McBrain, infatti, aveva vestito i panni del diavolo sia nel videoclip della epocale The Number of The Beast che nelle esibizioni live della Vergine di Ferro (ed in seguito vestirà anche i panni del mietitore nel videoclip di Flight of Icarus), dando ai suoi futuri fans un gustoso assaggio della sua goliardia.

Del tutto singolare é anche il debutto sul seggiolino, avvenuto in una session televisiva registrata per un'emittente spagnola: non essendo ancora stata ufficializzata la dipartita da Burr, Nicko suonò con una maschera di Eddie calata sul volto. Con il suo apporto, la band registra il tecnico e melodico Piece Of Mind, confermandosi successivamente a livelli spaziali con il sontuoso Powerslave, il disco della maturità ormai raggiunta, sublimata da una musica cristallina, potente, armoniosa ed avvolgente, che ancora trainava con carisma l'intero movimento hard'n'heavy mondiale. Le caratteristiche del batterista furono evidenti fin da subito: McBrain eccelle per le rapide rullate sui tom e per l'utilizzo del pedale singolo, anche se i video live degli ultimi anni hanno in parte smentito la voce secondo la quale esso suonerebbe sempre e solo con un unico pedale, evitando dunque l'apporto del doppio, strumento mai amato in maniera particolare. Immediata é stata la sua fantasia nell'amalgamarsi con le linee di basso, ma anche l'abilità spiccata nell'utilizzare l'intero drumkit, tanto da meritarsi il nickname di Piovra da parte di Tommy Lee. Di lui, Steve Harris ha detto che il più delle volte non guarda nemmeno dove colpisce, perché ha il suo kit: avere uno come lui alla batteria rende le cose molto più facili per chi scrive le canzoni. Ragazzone dal cuore d'oro, dunque, come si diceva, un allegro cronico che ama le goliardate, i party, le smorfie esilaranti, dotato di un gusto per lo scherzo veramente straripante, ma anche attento ai problemi della gente comune: dopo un'apparizione ad un programma per bambini, The Sooty Show, tiene rigorosamente un pupazzetto di Sooty sulla batteria, vestito a seconda del tema del tour. Nicko ha partecipato a svariate clinic di batteria (una di queste fu registrata col titolo Rhythms Of The Beast) per stupire e coinvolgere i fans con le sue lezioni, ed in queste sessioni lo abbiamo visto suonare in mutande, dialogare col drumkit, raccontare aneddoti buffi sui compagni e suonare vecchi classici degli Iron Maiden. Nel 1983 ha conosciuto la sua Rebecca, americana sposata nel 1989 dopo i successi conclamati del moderno Somewhere In Time e del progressivo Seventh Son of A Seventh Son: lei lo ha reso padre di due figli, Nicholas (nato proprio nel 1983) e Justin (1992), ma soprattutto lo ha coinvolto in una conversione spirituale che, nel 1999, lo ha portato a convertirsi alla chiesa cristiana. La celebrazione si tenne in una chiesa della Florida, Paese in cui Nicko risiede, invitato dalla moglie. Riguardo la sua fede, egli stesso ha dichiarato: 'Stare in una band come gli Iron Maiden non significa fare nulla di malvagio. Siamo come una famiglia. Poi diventare un cristiano non significa non peccare più, siamo tutti peccatori. Fino al giorno del giudizio non potremo mai essere puri, l'impegno é di peccare il meno possibile. Per quanto mi riguarda, io cerco di vivere la mia vita. Cado, qualche volta violentemente, e devo inginocchiarmi per chiedere perdono. Non é semplice, ma nessuno ha detto che lo sia. Non sono nella band per convertire i miei compagni: abbiamo avuto delle discussioni su temi molto profondi. Li porto sulla mia strada, poi starà a loro capire se vogliono seguire Gesù Cristo'. Piccole differenze tra una fede 'sentita' ed una 'imposta'.

Oggi il drummer é molto fedele e credente, anche se ammette di sbagliare, come tutti: nel 2003, per esempio, litigò con una guardia del parcheggio del Jones Beach Theater (USA) e la investì con l'automobile, finendo per essere arrestato (ma fortunatamente riuscì in ogni caso a suonare nello show di quella sera). Assieme alla moglie, quest'ultima nelle vesti di cantante, ha inciso anche due dischi; possiede una licenza da pilota d'aereo (come Bruce Dickinson), è un bravo golfista ed un intenditore di vini, in Florida possiede anche un ristorante zeppo di cimeli maideniani e negli anni Novanta e Duemila ha proseguito in grande stile la sua prolifica carriera con il combo di Steve Harris, realizzando una nuova sequela di album, più o meno buoni (come Fear of The Dark), forse sottovalutati (come The X Factor) o addirittura capaci di risollevare vecchi entusiasmi ormai sopiti (é il caso di Brave New World), mantenendosi sempre coerente con il proprio stile ma, al contempo, tenendosi al passo con i tempi ed aumentando in potenza e robustezza ritmica. Canzoni come Dreams of Mirror stanno proprio a dimostrare l'imponente evoluzione tecnica che ha spinto il biondo di Hackney a rafforzare -con notevole potenza, poliritmia e compattezza sonora- la già straripante sezione ritmica del combo londinese, enfatizzandone ulteriormente le celebri e mirabolanti galoppate epiche. Ancora Steve Harris ha più volte voluto elogiarlo, sostenendo che Nicko può suonare qualsiasi genere di musica, i batteristi di altre band si siedono dietro di lui per capire cosa stia facendo: un giudizio importante, che conferma la bontà di questo musicista brillante. Del resto, la longevità inesauribile di cui sembrano godere le band di questo lignaggio trova le proprie fondamenta anche nel profondo rispetto reciproco e nella stima professionale che deve cementare i rapporti tra i vari esponenti della band: e in questa ottica, la Vergine di Ferro é rappresentabile alla stregua di una famiglia, se é vero come é vero che neppure il ritorno del guru Adrian Smith ha permesso la separazione da quell'altro folletto che é Janik Gers, tanto per fare un esempio di quanto rodate e forti siano le relazioni tra questi giganti dell'hard'n'heavy.



klostridiumtetani
Mercoledì 28 Ottobre 2015, 13.02.38
33
@Enomis ha ragione, ha usato il doppio pedale solo su Face in the sand. Una cosa che invece ho scoperto recentemente di cui ero all'oscuro è che suona con la bacchetta sinistra al contrario per conferire un suono più "potente"...
Galilee
Mercoledì 28 Ottobre 2015, 9.58.54
32
Buon batterista e poi...Come si fa a non volergli bene?
Christian Death Rivinusa
Mercoledì 28 Ottobre 2015, 8.54.55
31
lo aveva anche dichiarato in un'intervista sui giornali di quel periodo che ha usato il doppio pedale in bnw… . comunque lui se usa il singolo è bravissimo e lo usa anche scalzo… ..
Enomis
Mercoledì 28 Ottobre 2015, 1.03.25
30
@Christian Sicuro di non voler dire il contrario? "Non ha fatto un gran esordio con Piece of Mind"? Pezzi come Where Eagles Dare, The Trooper, To tame a land hanno un drumming più che ottimo Altra mia perplessità: siete sicuri che su BNW usi il doppio pedale? A me risulta che ne faccia uso solo in Face in the Sand su DoD, tant'è che non l'hanno mai suonata live; in Rock in Rio Nicko usa una sola cassa per replicare i pezzi di Brave New World.
Christian Death Rivinusa
Martedì 27 Ottobre 2015, 20.03.50
29
un grande… .non dimentichiamo la sua carta d'identità… . clive burr e' stato un batterista più potente e adatto ai primi 3 capolavori,poi e subentrato nico e devo dire che non ha fatto un grande esordio con piece of mind… .e sicuramente con uno stile perfetto per la realizzazione dei capolavori successivi…… in brave new world e' stata una novità vederlo all' opera con il doppio pedale,in cui dal vivo a fornito prestazioni ottime
Painkiller
Lunedì 26 Ottobre 2015, 23.52.38
28
Mah, Nicko è personaggio strepitoso, divertente, positivo. A pelle il drumming pestone di Burr mi ha sempre colpito e preso di più, eppure credo che Nicko abbia perso fantasia da BNW in poi. Credo che quello sia l'ultimo disco (tra l'altro usa il doppio pedale su quelle canzoni, specie dal vivo, rock in rio docet) in cui si aia inventato qualcosa di potente e fantasioso. Poi da lì in poi mi pare di poter dire che sia diventato davvero ripetitivo. Puoi ascoltare un disco per la prima volta e sai già in ogni istante cosa farà. Ed è un peccato, perché il suo lavoro su piece of mind e Powerslave è tato superlativo.
Psychosys
Lunedì 26 Ottobre 2015, 22.42.59
27
Un buon batterista, con un particolare ma azzeccato groovie sul ride che fornisce dinamicità a molti pezzi degli Iron. Altra caratteristica fondamentale del suo sound è il doppio colpo con il singolo pedale. Un maestro in questo aspetto. Quando la band suona sullo standard compositivo impostato da Dickinson, McBrain trova il suo apice: apportare uno stile grintoso ì, ma allo stesso tempo delicato, e quadrato. Il problema di Nicko è il tempo: se inizialmente i tocchi di "Caught Somewhere In Time" erano dinamici, con il passare del tempo lo stile è diventato statico, La grinta di "The Trooper" è diventata monotonia, i cambi di tempo di "The Rime Of The Ancient Mariner" sono diventati ordinaria amministrazione. Insomma, lo stile è diventato prevedibile con il passare del tempo: che evoluzione c'è stata da Piece Of Mind a The Book of Souls?
G
Mercoledì 11 Marzo 2015, 16.51.11
26
Un grande. Peccato solo che ai concerti non lo vedrai mai perché è sempre coperto dai piatti
Dennis68
Domenica 18 Maggio 2014, 15.48.33
25
Ragazzi avete visto che roba?! Da non credere....! Il caro buon vecchio Nicko è stato beccato con le mani su di una ragazzamolto giovane e poco vestita...!!! Lui ha risposto che si tratterebbe di una vendetta nei suoi confronti da parte del ex-socio del Rock n Roll Ribs, e che come al solito non c'entra nulla perchè gia' da tempo si era distaccato dalla gestione del suddetto. Cmq quello che è scandaloso è veder come dopo 30 anni certe notizie non siano piu' cosi importanti per il Sergente Harris, che in fatto di disciplina ha sempre preteso ordine e pulizia morale( i cari vecchi Paul e Clive se la giocarono per molto poco..) e aldila' di tutto quello che poi i fans diranno, cmq non ci fanno proprio una bella figura!!!!! Notizia pubblicata su internet il 5 maggio 2014
Luca
Lunedì 16 Luglio 2012, 19.18.19
24
secondo me però i pezzi che erano suonati con clive erano meglio con clive quando li fa nicko semrano piu lenti..... mentre invece i pezzi dal 1983 in poi vanno bene fatti da lui... sarà anche che magari erano studiati apposta per il suo stile....
eddie82
Lunedì 16 Aprile 2012, 15.24.26
23
nulla da togliere a burr,era il classico drummer potente,ma mc brain è +versatile,può sonare qllo ke vuole....!se ascoltate i pezzi dei maidenesempio dell 82 tipo la grande hallowed be thy name capirete la differenza,mc è + riempitivo anche chi ha fatto cover dei maiden,parlo di mostri sacri della musica e nn dillettanti,nn sno riempitivi come li fà lui!!!!
Elluis
Domenica 15 Aprile 2012, 20.04.57
22
QUANDO AVETE UN ATTIMO andate su rocknrollribs.org, il sito del ristorante di Nicko a Coral Springs, in Florida............ e buon appetito !!
Matocc
Domenica 15 Aprile 2012, 12.28.11
21
Oltre che ai concerti dei Maiden, l'ho visto qualche anno fa a Moncalieri (TO) in un pub dove ha suonato insieme a una cover band italiana. Arrivati sulla soglia del locale lo vediamo uscire -aveva appena finito una clinic che purtroppo mi sono perso-, gli corriamo dietro per un autografo (tra l'altro lui era disponibile) ma la tipa dell'organizzazione ci dice che stanno andando in hotel e ce lo farà dopo il concerto... scherzando -ma non troppo- le ho detto "Se non riesco ad averlo ti vengo a prendere a casa!" e lui ci ha salutato "See you later guys!". Più tardi, giunto il momento dello show, io e i miei amici ci trovammo a lato del palco a neanche 3 metri da lui -ovviamente suonava scalzo- e mentre rullava ogni tanto si girava e ci faceva delle smorfie buffissime, un grande! poi mi ha autografato un CD e così facendo ha salvato la vita della promoter grande personaggio!
Arrraya
Domenica 15 Aprile 2012, 2.27.24
20
Nessuna polemica ,ci mancherebbe, ma Io invece penso l'esatto contrario.Tenendo presente che io non sto affatto sminuendo Nicko, dico solo l'esatto contrario.Clive era piu dinamico e meno...Noioso, ma forse perchè non erano noiosi i pezzi nell'epoca in cui suonò.Se comunque faccio un confronto degli stessi pezzi suonati da entrambi devo dire che Nicko li ha resi piu prevedibili.Ripeto, è solo una questione di gusti perchè Nicko non si discute come batterista.La solidità è sicuramente l'arma in piu rispetto a Burr, ma Clive rendeve i pezzi piu spinti,piu freschi, piu Maiden per come gli intendo io.
Argo
Domenica 15 Aprile 2012, 2.03.11
19
@Arrraya: non voglio assolutamente scatenare polemiche, ma ok, nessuno dimentica il grande Clive, ma tra i 2 non c'è paragone, Clive aveva un modo di suonare molto "statico" e calcolato, niente a che vedere con l'oggettiva forza della natura di Nicko. Poi vabè, le sviolinate si fanno sempre! Ripeto: niente polemiche e up the irons!
Arrraya
Sabato 14 Aprile 2012, 21.34.46
18
A me piaceva di piu Clive Burr.McBrain è sicuramente piu solido e preciso tanto da risultare statico.Una garanzia di affidabilità che tutti i musicisti sperano di trovare in un batterista, però ho sempre preferito la dinamicità di Burr
Screamforme77
Sabato 14 Aprile 2012, 18.15.29
17
Un altro grande punto di forza.Un altro che con la sua simpatia, bravura e umiltà, incarna l'essere Maiden.Ovvero una band che ha nelle sue doti quello di non prendersi troppo sul serio e che si sa divertire nonostante lavorino sodo, perchè amano quello che fanno.Conoscevo già la sua conversione al cristianesimo,conoscevo già anche il suo travestimento del diavolo in TNOTB, il che fa sì che faceva già parte della famiglia Maiden ancor prima di entrarci;così come sapevo gia della sua interpretazione di "attore protagonista" nal clip di Fliht Of Icarus.Sono praticamente tutte sue la voci inserite nei "solchi" dei pre e post tracce (Wldest Dreams,Still Life, Different World, The Thin Line Of Love And Hate...per citarle alcune), così come è sua la voce narrante sulla storia dei loro singoli quando essi vennero ristampati nel 1990: in pratica se Dickinson è la voce cantata Nicko è quella parlata.Però la straordinaria grandezza di Nicko Mc Brain non deve mettere in ombra tutto ciò di buono che ha fatto il suo predecessore Clive Burr.A proposito sarebbe interessante che questa saga continuasse dedicando articoli anche agli ex membri dei Maiden dei quali alcuni hanno rivestito dei ruoli fondamentali.Up The Irons !!!
jek
Sabato 14 Aprile 2012, 13.59.10
16
Gran personaggio e gran batterista. Mi ha commosso la foto con DIO. Ottimo racconto e scritto bene; non conoscevo la conversione, cos'era prima anglicano, ateo o cosa?
Celtic Warrior
Sabato 14 Aprile 2012, 13.35.02
15
Grande Niko , una forza della natura !!!
The Nightcomer
Sabato 14 Aprile 2012, 10.36.53
14
Bravo Rino per questo ricco ed interessantissimo tributo ad un drummer entrato nella storia, riguardo il quale ho appreso alcune cose che non conoscevo. Di Nicko, oltre alla lunga esperienza nei Maiden, ricordo con piacere anche il periodo trascorso nei francesi Trust. L'album Savage del 1982 era un ottimo esempio di heavy metal classico (cantato in lingua madre), le cui principali attinenze con il punk consistevano nella marcata impronta politico/sociale delle liriche.
ok
Venerdì 13 Aprile 2012, 23.36.25
13
mitico Nicko , per me il più simpatico insieme ad Adrian Smith, 2 signori. mitiche le sue tutine aderenti . a 30 anni facevano la sua bella figura. adesso mettono in risalto una notevole pancia
Argo
Venerdì 13 Aprile 2012, 22.29.43
12
Senza Nicko i Maiden non sarebbero gli stessi... è un grandissimo batterista, l'unico forse a fare la doppia cassa con un piede solo...! L'ho comunque visto invecchiatissimo sull'ultimo dvd, accidenti, 60 anni non sono pochi!
il vichingo
Venerdì 13 Aprile 2012, 21.02.11
11
Mitico Nicko, è sempre stato il mio preferito dei Maiden, nonchè uno dei miei batteristi preferiti. Non spendo parole per l'articolo del Thrasher, dato che ormai ho esaurito i complimenti
Metal4ever90
Venerdì 13 Aprile 2012, 17.01.12
10
Grande Nicko. La tipica persona con la quale è sicuro che ti diverti, oltre essere un batterista di ottima qualità. Lui tra l'altro provò la doppia cassa nella bellissima "Face In The Sand" con ottimi risultalti; peccato che dichiarò che non l'avrebbero eseguita dal vivo perché la ritenesse troppo difficile farla.
Radamanthis
Venerdì 13 Aprile 2012, 14.50.53
9
Onore a Niko, il ritmo della Vergine di Ferro!
the Thrasher
Venerdì 13 Aprile 2012, 14.35.59
8
ahahah grazie BILLOROCK! \m/
brainfucker
Venerdì 13 Aprile 2012, 14.17.50
7
ahahah oddio nicko con la maglia dei nuclear assault!!!cmq è un grandissimo..curioso poi pensare che non usa il doppio pedale perchè lo ritiene troppo difficile e poi vedere quello che combina con un solo pedale XD
Subhuman
Venerdì 13 Aprile 2012, 14.16.36
6
Di sicuro il più simpatico dei Maiden, specie per quell'accento da fattore dell'East England ahah.
Flight 666
Venerdì 13 Aprile 2012, 13.58.24
5
Ignoravo la sua conversione religiosa, ma è giusto che ognuno abbia la propria libertà, specialmente se per averla non viola quella altrui. Un grand'uomo e un eccellente batterista...nonché mio idolo da sempre!
BILLOROCK fci.
Venerdì 13 Aprile 2012, 13.57.54
4
beh direi.. !! Grande Rino, vai col coro: Ri-no...Ri-no.. Ri-no... \-/
the Thrasher
Venerdì 13 Aprile 2012, 13.35.04
3
lui se la può permettere....
BILLOROCK fci.
Venerdì 13 Aprile 2012, 12.16.11
2
mi ha impressionato la 5 foto a sinistra a partire dall alto, che batteria della madonna....
gianmarco
Venerdì 13 Aprile 2012, 12.04.29
1
grazie x aver approfondito uno dei più grandi drummers del metal
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Solare foto promozionale
Clicca per ingrandire
Nicko nei Maiden, oggi
Clicca per ingrandire
Ancora Nicko sul palco
Clicca per ingrandire
Esuberanza giovanile
Clicca per ingrandire
Il drummer è nato nel 1952
Clicca per ingrandire
Nicko ed i Maiden negli anni 80
Clicca per ingrandire
Il batterista ad inizio anni 90
Clicca per ingrandire
McBrain nella Blaze-Era
Clicca per ingrandire
Col compianto R.J. Dio
Clicca per ingrandire
Un'altra vecchia foto della band
Clicca per ingrandire
Tutta l'energia del batterista
RECENSIONI
72
80
81
81
90
s.v.
s.v.
69
53
90
69
81
75
71
99
86
85
99
80
90
95
83
85
92
96
ARTICOLI
27/07/2016
Live Report
IRON MAIDEN + THE RAVEN AGE
Lisbona/Assago (MI), 11-22/07/2016
24/01/2015
Articolo
IRON MAIDEN
757 Stranger in the... Maiden - La logistica della Bestia
14/03/2013
Articolo
IRON MAIDEN
Run to the Hills: In Memory of Clive Burr
11/05/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Paul Di'Anno, la biografia
13/04/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Nicko McBrain, la biografia
19/03/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Janick Gers, la biografia
18/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 4
11/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Dave Murray, la biografia
01/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 3
24/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Adrian Smith, la biografia
14/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 2
08/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Steve Harris, la biografia
04/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 1
23/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN DALLA A ALLA Z
La recensione
06/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Bruce Dickinson, la biografia
20/04/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Nel nome di Eddie
07/01/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Le Origini Del Mito - Lettura, analisi e critica
20/08/2010
Articolo
IRON MAIDEN
Sia santificato il loro nome
14/02/2008
Editoriale
IRON MAIDEN!
Vinci 2 t-shirt esclusive
03/07/2007
Live Report
IRON MAIDEN + MOTORHEAD + MACHINE HEAD
Stadio Olimpico, Roma, 20/06/2007
22/03/2003
Articolo
IRON MAIDEN
La biografia
10/10/2002
Articolo
IRON MAIDEN
Le interviste del Rock in Rio
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]