Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina dell'evento
Clicca per ingrandire
I Dobermann
Clicca per ingrandire
I Sanurya
Clicca per ingrandire
Blaze Bayley
Clicca per ingrandire
L'interpretazione è importante
Clicca per ingrandire
La grinta di Blaze
Clicca per ingrandire
Una delle tipiche espressioni di Blaze
Clicca per ingrandire
La giovanissima chitarra solista
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/01/18
FACELESS BURIAL
Grotesque Miscreation

19/01/18
ARKONA
Khram

19/01/18
UNSHINE
Astrala

19/01/18
RISE OF AVERNUS
Eigengrau

19/01/18
VERHEERER
Maltrér

19/01/18
WALKING PAPERS
WP2

19/01/18
DEATHLESS LEGACY
Rituals of Black Magic

19/01/18
SONIC PROPHECY
Savage Gods

19/01/18
XENOSIS
Devour and Birth

19/01/18
PERFECT BEINGS
Vier

CONCERTI

17/01/18
ARCH ENEMY + WINTERSUN + TRIBULATION + JINJER
ALCATRAZ - MILANO

17/01/18
KREATOR + VADER + DAGOBA
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/01/18
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO + HAMNESIA + LA STANZA DI IRIS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

20/01/18
FATES WARNING + METHODICA
LEGEND CLUB - MILANO

20/01/18
VEXOVOID + EXPLORER + SHENANIGANS
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

20/01/18
AMRAAM + A TASTE OF FEAR + TRACTORS
ALVARADO STREET - ROMA

20/01/18
SAIL AWAY + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

20/01/18
RAW POWER + TRUTH STARTS IN LIES
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

20/01/18
ALEA JACTA + METHEDRAS + CRUENTATOR
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/01/18
FATES WARNING + METHODICA
ORION - CIAMPINO (RM)

BLAZE BAYLEY + DOBERMANN + SANURYA - Il Peocio, Trofarello (TO), 13/04/2012
17/04/2012 (3471 letture)
Venerdì 13. E poi dicevano che se non sei in America questo giorno porta fortuna. Eppure è proprio il giorno in cui il mio fidato tom tom smette di funzionare. E più esattamente ha scelto di farlo pochi minuti prima della partenza: c’era da aspettarselo. Per fortuna che vaghi ricordi del tragitto da percorrere mi erano rimasti in testa dall’ultima volta che sono stato a Trofarello, quando al Peocio ci dovevo suonare io col mio gruppo. Ora che in quello stesso locale mi aspetta niente di meno che un concerto di Blaze Bayley, non sembra più un posto così sperduto nel nulla.
Arrivato in largo anticipo, nonostante pensassi di essere in largo ritardo, in compagnia della mia ragazza, faccio il mio ingresso nel locale dopo aver giustamente suonato il campanello, primo effettivo segnale che quella sarebbe stata una serata molto particolare. All’interno, invece di trovare una folla scalpitante in attesa del concerto, vedo semplicemente una lunga tavola imbandita con Bayley e compagni di band intenti a mangiarsi un piatto di penne al sugo. Cibo italiano, il non plus ultra per qualsiasi inglese. Dopo un primo attimo di smarrimento, mi capacito immediatamente del fatto che le voci di corridoio erano vere: il singer britannico, ex Maiden, è un artista del tutto eccezionale. Nel senso che è una vera eccezione, almeno prendendo a confronto altri nomi della sua levatura. Quanti altri sarebbero stati così umili e coerenti da sedersi a tavola in mezzo a “comuni mortali” (perché non c’erano solo i compagni di band, ma anche altri amici e sconosciuti del posto) a consumare la cena prima di esibirsi in una data del proprio tour mondiale? D’accordo, il locale è davvero piccolo -e, come si dice in questi casi, anche accogliente- e non esiste certo uno spazio adibito al backstage; qui tutti stanno in mezzo agli altri. Tutti vicini, tutti amici, senza distinzioni o favoritismi di sorta. Il gestore del locale, Tony Scantamburlo, è un personaggio con conoscenze inaspettate e negli ultimi anni è riuscito a portare al Peocio gente come Kee Marcello, Carl Palmer (che tornerà anche il 28 aprile), Mike Terrana, i nostrani Brain Dead e Highlord, John Macaluso, Vinnie Moore, Pat Travers, gli House of Lords, Carmine Appice, Richie Kotzen. Insomma, non cose da tutti i giorni.

SANURYA
La pausa cena termina intorno alle 22, costringendo a stravolgere una prima volta (non l’ultima, quindi) i miei piani per il ritorno, e a scaldare il pubblico (una ventina di persone ad esser generosi) ci pensano i Sanurya, cover band del torinese che questa sera non può fare a meno di proporre in toto pezzi del repertorio maideniano andando a pescare specialmente dai più classici brani d’inizio anni 80. E così, tra piacevoli esecuzioni delle varie Killers, Phantom of the Opera, Wasted Years, tutte suonate ad una velocità leggermente superiore alle versioni originali, la mezz’oretta impegnata dai Sanurya trascorre con crescente attesa per la successiva esibizione di Bayley, più volte inneggiato dai cinque, spesso ironicamente, ma il tutto, come sempre, in amicizia. C’è da dire che, scherzi a parte, il singer Raffaele Gastaldi, detto “Reuso”, è tutt’altro che un mediocre cantante: gli acuti di Di’Anno e Dickinson sono infatti riprodotti quasi fedelmente, nonostante nel finale la sua voce un po’ ne risenta. Ma tra un sorso di birra e un abbraccio con gli amici durante i momenti “strumentali”, la serata sembra scorrere più che bene. Molto buone anche le esecuzioni dei chitarristi e della sezione ritmica, con un bassista, Marcello Gianinetti, che sembra cavarsela egregiamente nonostante le ironiche prese in giro dei suoi compagni di band ed un batterista, Raniero Rizzolo, che dimostra di essere sicuramente più a suo agio con i tempi degli Slayer più che con quelli dei Maiden.

DOBERMANN
“E questi che c’entrano?” è’ il pensiero comune, condiviso dalla mia ragazza e da certe espressioni stranite lì intorno, al momento della salita sul palco dei Dobermann, un trio dallo stile assai vario, a metà tra glam, funk, rock’n’roll e punk, con testi in italiano che tutto sembravano fuorché adatti al contesto della serata. Perdonatemi se non ricordo i titoli, ma l’ascolto si faceva ogni canzone più arduo. Il cantante, dalla fluente chioma rossiccia, sembrava uno di quei personaggi da film americano in cui è presente una band glam rock che ambisce al successo, venendo osannata però più dalle ragazzine che da un pubblico realmente interessato. Discorsi stilistici a parte, il suo lavoro al basso era sicuramente più utile alla causa rispetto a quanto mostratoci da dietro al microfono. Una strana presenza era anche quella del chitarrista, uno che a vederlo da fuori non gli avresti dato due soldi, ma a sentirlo suonare capivi che era il punto forte di ogni composizione e soprattutto era in grado di fare praticamente qualsiasi cosa. Strana band, ancora adesso cerco invano di capirne il senso. Non così male comunque, la loro figura l’hanno fatta e qualche sincero applauso sono riusciti infatti ad ottenerlo.

BLAZE BAYLEY
Siamo ormai intorno a mezzanotte quando arriva finalmente sul palco Blaze Bayley, preceduto dai componenti della sua band, ovvero Claudio Tirincanti alla batteria, Matteo “Lehmann” Grazzini al basso ed il duo formato da Thomas Zwijsen e Andrea Neri alle chitarre. Il fatto di avere di fronte la stessa identica formazione che ha suonato sull’ultimo recente disco, The King of Metal, è senz’altro il miglior modo per comprovare le impressioni non molto positive che il nuovo album ha destato quasi all’unanimità. Una roboante Will to Win è posta come sempre ad inizio scaletta, facendo sì che quei pochi ma convinti presenti cantassero tutti insieme una delle migliori canzoni dell’era Blaze, datata 2004. La serata -o, per meglio dire, la nottata- si preannuncia quindi assai calda e noto con piacere quanto sia alta la partecipazione del pubblico, forse anche grazie al fatto di essere a stretto contatto con Bayley, visto che ci saranno stati sì e no dieci centimetri tra il cantante e la prima fila... Inevitabili le urla di gioia sulle prime note di Lord of the Flies, ottima canzone del repertorio maideniano, così come risulta gradita la bella Dimebag, tratta dal nuovo studio album, forse proprio il pezzo migliore di quest’ultimo. E l’applauso unanime verso la figura del compianto Darrell aleggia subito nell’aria. Bisogna comunque dire che nessuno dei pezzi proposto durante la serata è risultato sottotono o fuori posto. Lo stesso Bayley trovava qualcosa da dire per ognuno di essi, nella sua solita instancabile fame di metal e schiettezza. E così la breve The Launch o la più apprezzata Ghost in the Machine fanno tuonare il locale, al pari della nuova The King of Metal, con la quale si scatena un piccolo ma intenso pogo proprio davanti all’imponente figura del singer britannico. Le successive Silicon Messiah, Fate e The Brave sono tra i momenti migliori e più intensi, soprattutto quando Bayley non esita dal dedicare quest’ultima a ognuno dei presenti, ringraziandoci una volta di più per averlo supportato e sorretto in tutti questi anni. Visti gli incassi della serata, oserei dire che si tratta quasi di un paradosso. Ma certo con una persona di tale integrità morale c’è poco da fare, sai già che continuerà a fare ciò che ama per il resto della sua esistenza terrena, indipendentemente da quanti biglietti possano essere venduti alle sue date. The Black Country è l’ultimo dei pezzi estratti dal nuovo disco, seguito da una terremotante Faceless e da una eterea Stare at the Sun. Ovviamente lo spazio finale è lasciato ai successi della Vergine di Ferro, ovvero The Clansman, in cui il singer ci ricorda di dimenticare il domani, di dimenticare ogni cosa e di pensare solo all’oggi, al momento che condividevamo quella sera (riporto l’esatto incipit della sua frase: “Forget domani”), dando così inizio al momento più epico dell’intera esibizione. Al contrario di quanto mi sarei aspettato le due chitarre sono riuscite a rendere davvero bene la canzone (lo ammetto, temevo il peggio sui pezzi degli Iron Maiden), facendoci così gustare ancor meglio Man on the Edge e Futureal, con un Blaze Bayley evidentemente divertito e felice nel cantare quei pezzi per lui immortali.

Vista l’ora (eravamo ormai vicini alle 2 di notte), decidiamo di andare via non appena concluso quest’ultimo brano, rivolgendo ancora uno sguardo a quella strana figura al centro del palco, sorridente e quasi commossa per l’affetto dimostratogli. Dal punto di vista vocale, inutile negarlo, sembra non essere cambiato nulla dai tempi d’oro. Bisognerebbe davvero smettere una volta per tutte di paragonare il suo cantato a quello inarrivabile di Bruce Dickinson, in quanto sono dotati di voci totalmente differenti tra loro. Ma il marchio di Blaze Bayley merita di risplendere ancora oggi, magari con un supporto più concreto da parte dei tanti fans invisibili. Una serata a suo modo indimenticabile.

SETLIST BLAZE BAYLEY
1. Will to Win
2. Lord of the Flies
3. The Launch
4. Dimebag
5. Ghost in the Machine
6. The King of Metal
7. Silicon Messiah
8. Fate
9. The Brave
10. The Black Country
11. Faceless
12. Stare at the Sun
13. The Clansman
14. Man on the Edge
15. Futureal
ENCORE
16. Virus
17. Leap of Faith



Arrraya
Domenica 25 Gennaio 2015, 21.15.55
74
klostridiumtetani@ ma infatti!! chi ti stava cagando?
Sambalzalzal
Domenica 25 Gennaio 2015, 17.54.22
73
Arrraya@ ehh oramai pensa agli affari, magari riesce a sfogare la sua foga con altre attività secondarie ma sono sicuro che in cuor suo non è felice. Una cosa come The Chemical Wedding o il più immediato Accident con i Maiden oggi non riuscirebbe mai a tirarli fuori considerato che Harris non accetterebbe mai il ruolo di gregario nelle composizioni. Peccato.
klostridiumtetani
Domenica 25 Gennaio 2015, 17.38.53
72
@Arrraya ti prego! Ignorami... Dichiaro ora e per sempre che per me "Avrai sempre ragione!", tanto parli sempre e solo del nulla... lanci il sasso e poi nascondi la mano, avendo poi la faccia tosta di dare la colpa agli altri, ma ignorami, anzi ignoriamoci a vicenda d'ora in poi
Arrraya
Domenica 25 Gennaio 2015, 16.12.54
71
Già Samba@. A mio avviso, Dickinson avrebbe fatto meglio a proseguire come solista, ma evidentemente con il passare del tempo, i suoi numerosi interessi hanno compensato quella spinta al rinnovamento e ricerca che è venuta completamente a mancare con il rientro alla casa madre. Comunque, visto che va tanto di moda (purtroppo) il termine BRAND, la reunion successiva non è stata altro che una riunione d'affari e strategie.
Sambalzalzal
Domenica 25 Gennaio 2015, 15.59.27
70
Infatti Dickinson dopo scrisse Skunkworks che suonava molto radiofonico alternative americano, se non sbaglio fu l'album che andò peggio dei suoi solisti. Da quello capì che forse era meglio restare nel campo in cui era capace di muoversi meglio
Arrraya
Domenica 25 Gennaio 2015, 1.27.46
69
cuffietta*
Arrraya
Domenica 25 Gennaio 2015, 1.22.53
68
Se non sbaglio nella copertina di "Balls To Picasso", Disckinson aveva una cufietta di lana e una camicia a quadri tipica dell' iconografia della scena di Seattle. Lui lo diceva che un suo rammarico era il non riuscire a sfondare in USA con un singolo bomba. "e pensare che basta poco, un singolo"...cosi diceva all'epoca. Un pezzo di presa immediata che Harris non poteva certo avere nelle sue corde, magari Smith. Sicuramente Bruce era quello piu propenso ad evolvere e provare nuove strade, mentre dall' altro c'era il boss sempre piu ottuso. PS: Klostry@ sinceramente, che risposta vuoi meritare dopo che esordisci scrivendo: "Sei veramente ridicolo!! Almeno taci!". Quello che dai poi ricevi.
Sambalzalzal
Sabato 24 Gennaio 2015, 20.52.27
67
Spiderman@ si è una band che ha fatto sempre scelte piuttosto oculate, a parte il calo compositivo su No Prayer e Fear che ci può stare, capita a tutte le bands ad un certo punto della carriera ma con la scelta di Bayley sono stati credo gli unici ad aver arruolato un cantante che con il loro stile non centrava assolutamente nulla senza fare nulla per uniformarlo/si. Anche il fatto delle non dichiarazioni suona stonato. Sarebbe interessante sapere quali erano i termini di contratto. Vabè sono speculazioni tanto oramai quello che è fatto è fatto ma penso sia una delle vicende più strane mai capitate (assieme a St Anger dei Metallica) nel mondo della musica.
Vitadathrasher
Sabato 24 Gennaio 2015, 19.50.09
66
Blaze nei maiden è un flop clamoroso. Di certo la colpa non è solo sua, anzi.... Se consideriamo la portata della band e manager, non si può scegliere bayley per cantare un xfactor, che sembra sia stato composto senza sapere chi avrebbe dovuto cantarlo. La voce è fuori contesto, moscia e pure stonata. Il peggior lavoro dei maiden.
spiderman
Sabato 24 Gennaio 2015, 18.42.09
65
@Samba, e' proprio quello il punto centrale della questione, il perche' non lo abbiano mai messo completamente a suo agio, musicalmente parlando, Steve sapeva benisssimo che tipo di musica interpretava precedentemente Blaze, e anchevtutte le sue sfumature riguardonla vice, qusto rimarra' sempre un mistero insoluto, e credo (almeno cosi' sembra) nessuno dei 2 si sia mai sbottonato in interviste al riguardo.
Sambalzalzal
Sabato 24 Gennaio 2015, 16.36.45
64
Nel caso di Bayley io penso che lavorare con i Maiden per un cantante sia una di quelle opportunità che capitano una volta ogni 50.000 anni, quindi non mi stupisco più di tanto che abbia accettato. A parte i soldi ma anche a livello di visibilità, senza aver militato nei Maiden una carriera solista non sarebbe riuscito a metterla su. Sapeva ad ogni modo che avrebbe dovuto mettersi sulle spalle una discografia vocale che non era la sua ma Riguardo a questo per esempio non ho mai capito come mai Harris e famiglia non abbiano abbassato la tonalità dei pezzi per farlo cantare meglio. Se prendi uno con il range di Dickinson non ce n'è bisogno ma in casi come il suo?
sadwings
Sabato 24 Gennaio 2015, 15.24.24
63
In effetti la scelta di Harris in merito a Blaze non l'ho mai capito, perché ovviamente quest'ultimo ha dovuto confrontarsi con repertorio di canzoni non alla sua portata. C' è anche da dire che lo stesso Blaze ha accettato di far parte di un gruppo importante pur sapendo di non essere all'altezza di cantare i brani di Dickinson (per contro lo trovo più adatto a cantare i brani dell'era Di Anno) e che quindi forse si doveva aspettare di vivere una situazione non facile. Anche per quanto riguarda i lavori in studio con i maiden anche se apprezzo the x factor ammetto che in alcuni punti faccio fatica ad elogiare la sua prestazione vocale.
hj
Sabato 24 Gennaio 2015, 14.24.36
62
ma ovviamente ci sono stati screzi personali da prime donne perchè bruce oltre ad essere uno straordinario cantante è innanzitutto una persona molto colta e intelligente, un vero maschio alfa. La stessa cosa successe tra Gillan e Blackmore, solo che in quel caso l'antipatia reciproca era insanabile. Steve ha fatto come quella ragazza che per fare ingelosire l'ex si mette con l'amico più brutto e più nerd in modo da riavvicinare il fidanzato colpito nell'orgoglio. Ha preso Blaze in attesa che Bruce cuocesse a fuoco lento, tanto sapeva sarebbe tornato.
klostridiumtetani
Sabato 24 Gennaio 2015, 14.21.27
61
Ah! Ho visto adesso uno dei chitarristi è Thomas Zwijsen , che ha fatto album acustici delle canzoni dei Maiden! Molto molto bravo!
Sambalzalzal
Sabato 24 Gennaio 2015, 14.17.56
60
klostridiumtetani@ ma sicuramente ci siamo fraintesi, guarda io come ho risposto ora ad hj@ (non avevo visto il tuo post che è comparso mentre scrivevo) avrei preferito che fosse stato lui a rimanere nella band, come si sono comportati non mi è piaciuto e mi è crollato un mito, tutto qua. Il primo articolo che lessi riguardo a tutta questa storia fu su HM ed uscì prima del tour di addio a Dickinson, un intervistone a Dickinson per la precisione. Poi ancora su Flash e Metal Shock Europa, Metal Hammer. Ricordo i commenti increduli degli amici (che poi erano anche i miei perché mi sembrava il plot per un film di fantascienza). Da li in poi tra Harris e Dickinson ogni volta che venivano intervistati non si risparmiavano (specialmente Bruce) battute ed attacchi di ogni tipo. Dickinson che tagliò i capelli per dare un taglio radicale col passato ecc Poi ci fu X Factor che mi piacque, Virtual sembrava composto invece in maniera affrettata e amatoriale e ci rimasi di merda. Mi chiedevo come fosse stato possibile che una band del calibro dei Maiden e con un tipo professionale come Harris avesse potuto uscirsene con un disco del genere. Di li a poco il ritorno di Bruce. Ci rimasi male e mollai la band. Ora se tu pensi che il tutto sia successo in maniera genuina hai ovviamente tutto il diritto, assolutamente non ho niente da dire al riguardo e come dicevo non mi sono mai sognato di andare a dire a nessuno "ah segui i Maiden vergogna". Eh mi sono incazzato, hai aperto il post con risata in grande dicendo che prima dei Maiden ci sono altri meno credibili e che voglio fare le paternali. E' indubbiamente così riguardo alla credibilità ma qua parlavamo di loro, altrimenti che ne so, potevo mettermi a fare esempi sul come mentre i Maiden uscivano con No prayer e Fear of the dark che gusti a parte credo di poter dire siano diciamo discutibili, gli WASP (visto che parlavo di Lawless) davano alla luce quel capolavoro di The Crimson Idol e prima ancora The Headless Children che secondo me sono due tra i dischi più maturi e raffinati dell'intero panorama metal. Io assolutamente non ho nessun tipo di problema ad ascoltare le opinioni degli altri e neanche ho la presunzione di dire che le mie valgano di più o siano quelle giuste, per questo ogni volta che scrivo inizio con "secondo me". Secondo me significa che la cosa vale per come l'ho vista e percepita io, poi ognuno di noi nella musica ha fatto un cammino diverso e quindi ci sono opinioni diverse, tutto qua. Ripeto, senza sarcasmo, l'unica cosa che mi sono sempre chiesto è il motivo del reclutamento di un tipo come Bayley considerando che i Maiden avrebbero potuto avere qualsiasi tipo di cantante sulla piazza. Da un Arch che è il clone di Dickinson a un Kiske fino ad un Blackie Lawless. Non posso credere che Harris abbia fatto una cosa così solo perché era inglese. Ammesso sia successo davvero, ma almeno continuate con lui e fatelo sentire a proprio agio, componete cose tagliate per la sua voce come in parte era successo con The X Factor. Niente invece. E' per questo che mi sono fatto l'idea che sia servito esclusivamente come elemento tappa buchi in attesa di tempi migliori. tra l'altro non ho mai letto nessuna dichiarazione di Bayley in proposito e mi farebbe ancora oggi piacere sapere cosa sia veramente successo. Per il resto per me siamo apposto così, né astio né nulla
hj
Sabato 24 Gennaio 2015, 14.00.27
59
bruce ha fatto lavori incredibili, ma è stato "strano" vederlo aprire lo show di cesena degli Helloween con il nuovo Andi Deris...gli stessi helloween erano in quegli anni in confusione ed hanno scommesso su deris per riprendersi dal divorzio con Kiske, ma avevano conservato comunque il brand. Infatti sia loro che I maiden hanno comunque sempre attirato più attenzione dei rispettivi cantanti proprio grazie al nome della band che trascende dall'enorme carisma dei rispettivi cantanti defezionari. Tutto il pistolotto è per ribadire che dickinson ha fatto grandi cose, soprattuttto quel capolavoro di accidenth at birth che flirtava con i maiden in maniera ruffiana a dir poco...ha preso addirittura Smith per mandare messaggini sublimali a Steve e preparare le scene al grande ritorno. Steve ha raccontato nel dvd the early days che quando andarono a vedere uno show dei samson per parlare con Bruce, appena lo viderò sul palco Steve esclamò: "è lui!" Nessuno, nemmeno kiske avrebbe potuto scalzare sua maestà Bruce dal trono...il resto è storia odierna
Sambalzalzal
Sabato 24 Gennaio 2015, 13.48.30
58
hj@ ma infatti non penso sia un gomblotto, io l'ho vista come una pianificazione di mosse dirette a portare nuova luce alla band. Ovvio che ognuno ha la propria visione della faccenda, io li avrei stimati un miliardo di volte di più se avessero continuato con Blaze imboccando la strada che avevano cominciato con The X factor e componendo musica adatta alla sua timbrica. A quel modo avremmo avuto sia Maiden che un solista come Bruce che ha tirato fuori in quegli stessi tempi degli albums incredibili. Ciò che hanno fatto non mi è piaciuto ed ho tagliato, non credo di avere detto chissà cosa
klostridiumtetani
Sabato 24 Gennaio 2015, 13.43.35
57
Figurati Arrraya, ormai lo so che non sai andare oltre... non è colpa tua! @Samba, credo ci sia un grosso fraintendimento. Non ho preso proprio niente sul personale, volevo solo dire che la tua opinione rispettabilissima a mio avviso si basa su dicerie che hanno poco se non nulla di veramente tangibile. Io ad esempio non ho tutti questi ricordi che hai tu dell'epoca dove ancor prima dello split di Dickinson si vociferava di "operazioni" studiate a tavolino e cose del genere, eppure quel periodo l'ho vissuto anch'io. Poi scusami se mi permetto di dire (senza pretendere di aver ragione assoluta) che non condivido affatto alcune teorie. Sempre a mio avviso, poi il casino l'hai iniziato proprio tu, solo perché ho detto che secondo me parlare di perdita di credibilità dei Maiden per i motivi da te citati, lo trovo privo di fondamenta solide, e ti sei incazzato iniziando a blaterare di lesa maestà... ma de che?! ma chi se ne frega! Ho altro da fare che non essere il "Paladino dei Maiden", come mi descrivi, non sapendo che oggi come oggi ho ben altre preferenze e ho abbandonato i "gruppi preferiti" da una vita prediligendo i "dischi preferiti", ma essendo comunque un gruppo che ho sempre seguito, ne conosco abbastanza la storia. Comunque guarda, io parlavo tranquillamente e placidamente dell'era Blaze nei Maiden, e sei stato tu a portare l'argomento su queste questioni... ora vado a cercare una corda bella grossa...
hj
Sabato 24 Gennaio 2015, 12.22.23
56
veramente io non sono mai e poi mai per la teoria del gombloddo, penso siano un'accozzaglia di bufale, quindi lo stesso criterio lo applico ai Maiden. Io non penso che Steve abbia voluto gombloddare contro la sua creatura (e ripeto sua!) per poi speculare di un ennesimo ritorno di Bruce (che per chi non ha visto i documentari sui dvd ufficiali egli stesso spiega più volte la sua enorme stima per il cantante pilota). I maiden venivano da un album (fear) che aveva allontanato una sacco di fan storici per avvicinarne un sacco di nuovi, poi ci furono un sacco di cambiamenti, ricordo bene il periodo di confusione che si respirava in quegli anni, tutto era stato messo in discussione, crescevano nuove correnti musicali con spinte inerziali pazzesche, molte band storiche o erano agonizzanti o cercavano di scimmiottare ciò che non erano in cerca di un'identità, molte altre finirono semplicemente nell'oblio. I maiden erano ai minimi storici di popolarità perchè le nuove tendenze musicali tendevano a polarizzare l'attenzione. Cosa ha fatto Steve secondo me (e ripeto secondo me!!)? Ha preso atto della follia di Dickinson (e smith) di abbandonare la band e lo ha lasciato fare in attesa di tempi migliori, ha fatto come un imprenditore in un periodo di crisi, mette in congelatore la sua azienda, tira il freno a mano in attesa di tempi migliori, aspetta la ripresa. Ha preso un onesto gregario (blaze) senza troppe aspettative e lo ha messo a fare il compitino, ha messo in cassa integrazione persino il mitico eddie, ha scommesso sul ritorno di Bruce che egli ha sempre considerato il vero cantante della band...e ci ha preso. Con Brave new world non hanno speculato, hanno semplicemente ripreso da dove si erano fermati e si sono ripresi il loro ruolo di leader. Ricordo che lo stesso smith è stato ripreso con la formula delle tre chitarre per accontentare Bruce, Steve ne avrebbe fatto sicuramente a meno.
Arrraya
Sabato 24 Gennaio 2015, 9.15.50
55
Klostry@ esci di casa, dirigiti verso il primo negozio di ferramenta, metti mano al portafogli, comprati una corda bella resistente e poi cercati un albero robusto e lasciati andare verso l' ignoto ah ah ah. scherzo eh, non si sa mai che ci credi veramente e devo averti sulla coscienza.
Sambalzalzal
Sabato 24 Gennaio 2015, 8.15.16
54
Boh vabbè c'è qualcosa che non va,leggi quello che ho scritto io che non era neanche diretto a te e renditi conto di come hai risposto con tutta la storia di gente che vuole farti la paternale, me e Arrraya@ facce della stessa medaglia del male,le risate da pazzo ed i parallelismi con gruppi che hanno meno credibilità dei Maiden. Non sarai tu magari che esageri un pó quando si mette in mezzo il nome Maiden? Sembrerebbe di sì da quello che è venuto fuori nei commenti precedenti.la credibilità Con me l'hanno persa quando BB venne buttato fuori e non capisco quale è la parte che ti ha scosso tanto. Tu hai un opinione diversa e tienitela non capisco perché devi venire ad attaccare la mia peró addirittura immaginandoti che sia riferita a te,assurdo. Leggi quello che scrivo e non andare a trovarci significati alternativi,se volevo scrivere che chi ascolta i Maiden è un povero scemo (ergo anche me stesso perché con quanto fatto in passato sono ancora tra i preferiti) lo facevo senza problemi.
klostridiumtetani
Sabato 24 Gennaio 2015, 0.15.40
53
No, scusa @Samba, ma che cazzo stai a dire! Qua mi sembra che l'afflitto da persecuzione sei tu! Evidentemente con gente come te e Arrraya quado si parla di certe cose, scatta automaticamente una "imprescindibile incomunicabilità" ... Ti metti a farmi un ritratto che non mi corrisponde affatto, e che non traspare affatto dalle mie affermazioni, ma che mi attribuisci solo perché esprimo concetti non offensivi, ma che ti danno fastidio? L'autocontrollo e l'equilibrio cerca di trovarlo tu, che ogni volta che si parla di Iron te ne salti fuori (insieme al tuo "amico" Arraya) con ipotesi di complotti, raggiri di "incapaci di intendere e di volere", fantomatiche operazioni di lavaggio del cervello e minchiate varie!!! E vieni a dire a ME di mantenere il controllo e l'equilibrio? Ma dai... Dimmi poi che "polemica" avrei fatto io! Io discutevo e la "polemica" l'hai tirata fuori tu dal nulla!!! Per farti dormire sereno cosa devo dirti? "Fanculo 'sti fottuti Maiden del cazzo, rompicoglioni e venduti di merda?" Ok! figurati che me ne frega!
Sambalzalzal
Venerdì 23 Gennaio 2015, 23.47.02
52
Ma guarda stai tirando fuori una polemica da spararsi sulle palle,secondo me soffri un pizzichino di manie di persecuzione. Uno esprime opinioni che divergono dalle tue e tu percepisci la cosa come paternale, non mi sembra normalissima come cosa. Quando ho scritto il commento che tanto ti ha turbato neanche Parlavo con te, se ti sei sentito attaccato che colpa ce n'ho io? La prossima volta scrivo warning explicit iron Maiden criticism così se c'è qualche debole di cuore passa.Poi, dico, secondo me hanno perso di credibilità e tu rispondi con la risata in grosso dicendo che prima di arrivare a loro ci sono un milione di anni luce di bands ecc ecc quello non significa ridere e fare a gara a chi ha fatto peggio tanto per evidenziare che i Maiden stanno fuori dalla questione? Oh a meno che qualcuno non ha scritto a posto tuo il post è uscito da te. Non ti capisco veramente ti dico, a volte hai delle botte che non hanno motivo alcuno. Si parla di Bayley, hj@ dice una cosa, io rispondo e tu te ne esci che sei stato messo in mezzo in un complotto paternalistico. Vabè che è tardi però cavolo un minimo di autocontrollo cerchiamo di mantenerlo.
klostridiumtetani
Venerdì 23 Gennaio 2015, 23.14.51
51
@Samba. Ma chi parla di gara! Da dove saltano fuori queste insinuazioni? Parli di lesa maestà, quando ho solo parlato ed espresso opinioni sulla base di cose vissute e cose che conosco! Non mi sembra di aver detto che la mia è la VERITA' assoluta e non ho riso di nessuno (a parte @Arraya, che effettivamente mi fa ridere il più delle volte , perché non argomenta mai , ma pretende di "sbattere" in faccia delle realtà che esistono solo nella sua testa), ma ripeto che secondo me in queste critiche non c'è niente di oggettivo! E il tour di Virtual XI, fu uno dei più curati e in cui investirono un fottio, sia come scenografia che come "martellamento" di date (in Italia credo sia il tour in cui fecero più date, andando da nord a sud) . Secondo me vuol dire che ci credevano (come hanno sempre dimostrato di fare) , quindi mi risulta difficile pensare ad una "macchinosa operazione" rivolta a "svalutare" il brand Iron Maiden per poi specularci sopra! Tu la pensi in altro modo? Ok! E chi se ne frega! Ma non venire a fare la paternale a chi "ha vissuto " le cose in maniera diversa e vuole solo rendere partecipi gli altri delle proprie esperienze e di come la pensa, travisando sempre il tutto come frutto di "fanboysmo" (mi sembra che oggi si dica così...).
Sambalzalzal
Venerdì 23 Gennaio 2015, 22.20.13
50
Ma che me frega a me degli altri gruppi Klostridiumtetani@ che è una gara a chi a fatto peggio?qua sto parlando dei Maiden e come li ho vissuti io. Pazienza gridare alla lesa maestà ogni volta che vengono criticati ma andare a ridere pure sulle opinioni degli altri no dai, è una cagata. Se ai miei occhi hanno perduto credibilità che te devo fa, non è che mi devo sentire a disagio. Quando uscì X Factor si parlava dei Maiden ovunque ed in ogni salsa, concerti del tour di supporto che andarono a gonfie vele, poi con Virtual XI andó veramente male e se nn sbaglio il tour fu fatto ai minimi termini.
klostridiumtetani
Venerdì 23 Gennaio 2015, 22.18.38
49
Ma dai! Arrraya! E basta! Sei veramente ridicolo!! Almeno taci!
HMF LucaR16
Venerdì 23 Gennaio 2015, 22.15.27
48
Mah, a me piacciono molto sia 'The X Factor che Virtual XI. Riguardo ai vecchi classici penso che come Dickinson sia inadatto a cantare i pezzi scritti per Di 'Anno, Blaze sia inadatto a cantare le canzoni scritte per Bruce e Paul. Poi, le interpretazioni di Hallowed Be Thy Name, The Evil That Men Do e altre canzoni sono comunque gradevoli, visto che la timbrica di Bayley non mi ha mai dato noie. Fatto sta che per 'The X Factor', Dickinson, od un cantante con una timbrica simile, sarebbe completamente inadatto, visto che i due hanno timbriche molto differenti. Per Virtual Xi, magari anche Bruce avrebbe buone possibilità di cantare i brani in modo ottimale. Il paragone fra i due non sta in piedi: due voci diverse, come mettere a confronto Beatles e Metallica: grandi artisti, ma poco a che fare l'uno con l'altro.
Arrraya
Venerdì 23 Gennaio 2015, 22.10.41
47
Ha venduto un botto appena uscito. poi è chiaro che a distanza di anni non lo ha piu comprato nessuno ah ah ah, quindi facendo la media è uno di quelli che ha venduto di meno. Ma poi cazzo...dopo gli album con Martin Birch all' autoproduzione veramente non altezza della fama della band. Insomma, il buon Bailey capitò nel periodo peggiore, e dovette subire critiche ingiuste che andavano oltre i suoi demeriti.
klostridiumtetani
Venerdì 23 Gennaio 2015, 22.01.49
46
AHAHAHAH!!! Credo che se vogliamo parlare di "perdita di credibilità" dovremmo inserire una lista di gruppi lunga almeno milioni di anni luce, prima di arrivare agli Iron! Poi non so le tue fonti, ma Xfactor è quello che ha venduto meno dopo Virtual, che è quello che ha venduto meno in assoluto! Non so come fai a dire che ha venduto un "botto"!
Arrraya
Venerdì 23 Gennaio 2015, 22.00.35
45
Uno dei pezzi migliori di Xfactor è proprio quello scritto da Bailey, 2 A.M, che guarda caso si discostava un pò, sia dall' album (veramente mediocre), che dal repertorio della band, forse perchè piu adatto alle sue corde. Diciamola tutta, anche Dickinson aveva difficoltà a cantare i suoi stessi pezzi dal vivo, risultando certe volte monocorde, figuriamoci un ocome Bailey. dopo il fallimento della scelta di Gers, arrivò pure il fallimento nella scelta della voce. Un pò troppi fallimenti. Mi chiedo come sia potuto capitare una cosa del genere. Dico: credo che qualche milionata di musicisti sparsi per il mondo avrebbe fatto carte false per suonare nei Maiden, musicisti preparati dico. La realtà è che harris sceglieva in base al lato umano, gente non troppo protagonista, dei buoni gregari che portavano legna. Cosi fu con McBrain, fin troppo statico rispetto al piu dinamico Burr.
hj
Venerdì 23 Gennaio 2015, 21.58.48
44
Comunque penso sarebbe un acido sentire una run to the hills o una Flight of icarus cantate da sua maestà kiske...anche se è un clone di tate sarebbe stato un bel rimpiazzo di Bruce...come d'altronde scheepers al posto di halford
Sambalzalzal
Venerdì 23 Gennaio 2015, 21.47.14
43
Appunto o Damian Wilson dei Treshold. Io alla storia della all english band nn ci ho mai creduto del resto sia Murray che Nicko già da tempo vivevano fuori confine, non sarebbe stato un problema avere un altro membro esterno. Poi se alla base c'erano discorsi nazionalistici non so. Bayley con i Wolfsbane era una furia ma non ci voleva un genio a capire che in altri territori si sarebbe rivelato un mezzo catafalco. Uscì X Factor che comunque vendette un bordello se non altro x la curiosità ed alla fine per dirla tutta non è male. Con il successivo mi sembró che avessero realizzato una merda di proposito, quando lessi del rientro di Dickinson peró ricordo che mi misi a ridere. La profezia si era dunque avverata. Da lì in poi secondo me hanno perso di credibilità
hj
Venerdì 23 Gennaio 2015, 21.22.34
42
beh se avesse voluto puntare su un inglese di razza poteva sempre ripiegare su Steve Grimmet
Argo
Venerdì 23 Gennaio 2015, 21.19.53
41
Da quello che ho sempre letto e saputo, Harris voleva che la band rimanesse rigorosamente inglese, quindi escluse a priori nomi stranieri. Rimane il mistero di come abbia potuto dare l'ok a Blaze per entrare nella band: o il poveretto durante i provini cantò come non fece mai in vita sua, o ebbe solamente la fortuna di essere inglese...
hj
Venerdì 23 Gennaio 2015, 21.17.20
40
perchè in quegli anni le grandi band storiche erano praticamente tutte in sofferenza, i maiden erano l'ombra di loro stessi, tutti rincorrevano sonorità grunge o alla machine head e il mondo metal era in una fase di confusione...l'arrivo di blaze non avrebbe creato grosse aspettative, avrebbe permesso di tenere viva la band rivolgendosi ad un target di pubblico ridotto. Tutto era di basso profilo, non a caso Steve abbandonò anche la tradizioone delle mitiche copertine di Riggs.
klostridiumtetani
Venerdì 23 Gennaio 2015, 21.16.44
39
Beh! All'epoca era reduce da "Slave to the grind", dove diede una prova di forza e talento da vendere, superiore a tutti quelli dell'epoca (Bruce compreso), secondo me. I "problemi" da quello che so vennero dopo.
Sambalzalzal
Venerdì 23 Gennaio 2015, 21.09.51
38
Veramente la cosa parlando poi con gente del nord seppi che era circolata pure su. Personalmente parlando li mollai proprio quando ritornó in casa Bruce. Escludendo la cosa pianificata o un attacco bello brutale di arteriosclerosi di Harris un'idea delle logiche che abbia seguito nella scelta di prendere Bayley ancora non riesco a farmela. Lui che sappia io almeno nn si è mai sbottonato sugli altri in lizza ma pare che dei nomi certi erano l'allora cantante dei Treshold e Lawless degli WASP.
Arrraya
Venerdì 23 Gennaio 2015, 21.08.41
37
Tra l'altro ora è in tour insieme a Rip Owens, Udo e Mike Vescera. il tour dei ripudiati
Arrraya
Venerdì 23 Gennaio 2015, 21.07.37
36
Povero Bailey. ho avuto il piacere di conoscerlo in una delle sue frequenti date in Italia. Ha pagato lui l' ottusità di Harris e le sue scellerate scelte stilistiche. In realtà nei Wolfsbane era un grande, e li doveva rimanere. End of the century è un grande brano rock
hj
Venerdì 23 Gennaio 2015, 21.06.47
35
no la tesi di kiske non era campata per aria, come non lo era la tesi di scheepers nei priest. Il problema secondo me è stato di tipo geografico linguistico, almeno così dissero i priest all'epoca. Per ciò che riguarda i maiden io penso invece che Steve abbia voluto congelare la sua creatura anche perchè il metal classico in quell'epoca non se la passava benissimo, Steve è sempre stato il primo fan di Bruce e la sua dipartita non è stata indolore, in cuor suo l'ha sempre voluto indietro, talmente tanto da riprendersi pure il desaparecido smith. La tesi Kiske era in cantiere come dice giustamente Samba
spiderman
Venerdì 23 Gennaio 2015, 20.52.42
34
@klostri Ahahah! Credo che Steve l'avrebbe radiato subito dopo, visto che in quanto a tutta la roba che si sparava dentro, avrebbe fatto la fine di DiAnno nei Maiden, ma forse sarei stato smentito chissa'.
klostridiumtetani
Venerdì 23 Gennaio 2015, 20.38.41
33
@Spiderman, io ero (e sono) un fan e ti dico che l'addio di Dickinson non mi "turbò" più di tanto e speravo che il nuovo singer fosse Sebastian Bach, che era in rottura con gli Skid Row! pensa tu!
spiderman
Venerdì 23 Gennaio 2015, 20.17.50
32
Capisco tutti i discorsi fatti finora ma Secondo voi chi avrebbe dovuto scegliere Steve come cantante al posto di Bruce? Se a voi sembra una cosa facile!?, senza pensare alla pressione continua dei fans, che non giriamoci attorno, credo nella stragrande maggioranza, rivolevano Dickinson e nessun altro, o sbaglio?
klostridiumtetani
Venerdì 23 Gennaio 2015, 20.11.54
31
Quindi una mera operazione di marketing, per fare speculazione sul mercato? Se ho ben capito è questo che intendete?! Tesi affascinante, ma purtroppo senza riscontri oggettivi. "In quel periodo", secondo me a fare speculazioni del cazzo erano proprio i giornalisti (italiani specifico, perché quelle insinuazioni le leggevi solo sulle 'zine italiche, all'estero era fantascienza!) Si sa che a spararne a migliaia di pallini, uno bene o male fa anche centro!
Sambalzalzal
Venerdì 23 Gennaio 2015, 20.03.37
30
hj@ infatti se seguivi i vari HM, Metal Shock Europa di quel periodo quella era la voce che circolava
klostridiumtetani
Venerdì 23 Gennaio 2015, 19.23.57
29
No scusa riguardo a Dave Murray, non lo riteneva "uno dei migliori" ma "il migliore in assoluto che avesse mai sentito! Faceva cose incredibili con una semplicità estrema" (parole sue)
klostridiumtetani
Venerdì 23 Gennaio 2015, 19.20.53
28
No @hj non sono d'accordo con la tua tesi, i casi non sono solo due , perché come ho detto credo che Steve abbia scelto Blaze proprio perché adatto al tipo di sound che voleva creare co Xfactor. Ha sbagliato solo nel non tener conto che nei classici di Bruce, Blaze sarebbe "scoppiato"! Forse, peccando di ottimismo, pensava ce l'avrebbe fatta! Che poi non abbia mai gradito dover sostituire componenti (e specialmente i cantanti quando questi sapevano "catturare" le folle) è un dato risaputo: a causa dei capricci di Dennis Wilcock licenziò praticamente l'intera band controvoglia solo per non dover mettersi a cercare un cantante che potesse eguagliarlo sul palco come carisma e personalità. Licenziò perfino Dave Murray, cosa di cui si pentì ancor prima di farlo, perché ritenuto da lui già all'epoca uno dei migliori chitarristi della scena. In seguito ammise la cazzata che aveva fatto!
spiderman
Venerdì 23 Gennaio 2015, 18.43.53
27
@Argo, Klostri, si avete ragione per carita', pero' Io penso che "imitare" Bruce nelle sue canzoni, sia molto difficile, ha infatti una impostazione,interpretazione, tessitura, e timbrica del tutto particicolari, direi uniche, veramente speciale tipica dei fuori classe, una voce cosi' nasce ogni morte di papa,penso sia difficile per chiunque , anche tra i piu' bravi, non solo per bailey, cosy come quella di DiAnno nei primi album, per curiosita' , chi avrebbero dovuto scegliere al posto di Blaze!?
hj
Venerdì 23 Gennaio 2015, 18.38.42
26
i casi sono due, o allora Steve ha assunto Blaze perchè amico personale oppure perchè ha voluto preparare il terreno per un eventuale ritorno di Bruce che ricordiamo è sempre stato per Steve il solo e unico singer dei Maiden. Altrimenti gli sarebbe bastato assumere un Kiske qualsiasi.
klostridiumtetani
Venerdì 23 Gennaio 2015, 18.07.40
25
Completamente d'accordo con Argo, il povero Blaze faceva delle figure meschine quando cantava i classici di Bruce, e non per colpa sua! Forse l'unica che gli riusciva abbastanza bene era Fear of the dark. Comunque lo stesso Harris durante i concerti aveva delle espressioni di "disapprovazione" sulle performance del compagno... credo che capì troppo tardi di aver fatto una cazzata. Comunque Blaze era la persona giusta per il "nuovo corso" voluto da Steve e Xfactor secondo me è li a dimostrarlo. Checchè se ne dica un grande album, vittima di detrazioni solo perché non c'era Bruce. Virtual è un capitolo a parte perché fu un album raffazzonato in fretta e furia . Tra l'altro dirò che le canzoni del periodo Blaze cantate da Bruce nei live non rendono come l'originale. A differenza di quello che molti affermano secondo me Xfactor e Virtual furono scritti proprio tenendo conto della voce di Blaze
Argo
Venerdì 23 Gennaio 2015, 10.51.33
24
Se Blaze fosse rimasto coi Maiden, questi avrebbero dovuto proporre negli anni a venire nei live solo le canzoni da X-Factor in poi, perchè Blaze cantava le canzoni di Bruce in modo osceno e imbarazzante. Inutile girarci intorno: ma la colpa non sta nel povero Blaze, ma chi ha deciso di mettere lui nella band come cantante.
spiderman
Giovedì 22 Gennaio 2015, 20.44.14
23
Dipese tutto dai fans dei Maiden, Blaze ha una buona voce, ma sfortuna volle per lui che non si chiamava Bruce.
spiderman
Giovedì 22 Gennaio 2015, 20.26.39
22
Harris, sara' pure uomo di "carattere", molti lo chiamano il dittatore, ma a mio modesto modo di vedere, ha dovuto sempre prendere decisioni difficili, comandare e' piu' difficile che criticare,piaccia o non piaccia ha preso le decisioni giuste, la storia non si fa con i se e con i ma.
Philosopher3185
Giovedì 22 Gennaio 2015, 18.39.57
21
Grande persona e ottimo cantante.E' una cosa stupida accanirsi contro di lui,perchè nei maiden non era adatto....credo che sia dipeso da harris..se gli avesse lasciato piu' spazio(cosa che dovrebbe fare anche ora con smith e dickinson),dopo l'ottimo X factor,i Maiden avrebbero' potuto fare ancora meglio!
Oberyn Martell
Martedì 2 Ottobre 2012, 21.39.40
20
c'è di peggio tipo il nuovo pelato scoperto da harris
Oberyn Martell
Martedì 2 Ottobre 2012, 21.39.18
19
@... gli album di blaze con i maiden, sono probabilmente meglio di quelli con dickinson post fear of the dark e i suoi album con i wolfsbane mi piacciono molto
...
Martedì 2 Ottobre 2012, 19.49.55
18
c'è ancora gente che perde tempo con sto cantantucolo che l'unico culo che ha avuto nella sua vita è di essere scelto da Harris, non avendo neanche lontanamente doti, timbrica e potenza del suo Predecessore?? Virtual XI è la più gran ciofeca che un gruppo metal a livello dei maiden (insieme all'ttimo St.Anger dei Popallica) potesse fare. Poi Balze a ridursi a fare un tour con Di Anno che è ridotto com'è ridotto, è troppo triste..
Reuso
Martedì 2 Ottobre 2012, 19.03.27
17
grazie della bella recensione!
Matocc
Venerdì 11 Maggio 2012, 18.20.33
16
@ Fiamma 83: magari lo sai già, sul suo sito c'è scritto che suonerà a Roma il 1 giugno
Fiamma 83
Venerdì 11 Maggio 2012, 16.12.44
15
Io non vedo l'ora che passi per Roma !!!Up The Blaze
Elluis
Sabato 21 Aprile 2012, 11.04.26
14
@Matocc in verità ci andrei per pura curiosità: non conosco niente della discografia di Bayley (a parte i vecchi dischi con i Wolfsbane, che non sento da anni), però leggendo questo report mi ha fatto venire voglia di andarci. Mi piace questo approccio molto "friendly" con il pubblico, lo stesso che ho visto con Agnostic Front, Misfits e pochi altri.
Matocc
Venerdì 20 Aprile 2012, 23.20.04
13
@ CapitanBaldoria : son munfrìn, cmq se vuoi rivedere Bayley sappi che suonerà il 24 maggio a Ornavasso (per restare in Piemonte)
CapitanBaldoria
Venerdì 20 Aprile 2012, 18.19.07
12
Ok perdo i pezzi perché al momento sono ubriaco come pochi e ho messo invia il commento, comunque... (lol!) Per il periodo maiden, Virus è una canzone assolutamente da rivalutare, Blaze ha fatto un lavoro ottimo secondo me, forse una song atipica ma passata troppo in sordina ai tempi, almeno secondo me. Per quanto riguarda The X Factor è un discone, The Man Who Would Not Die è un discone anche quello!
CapitanBaldoria
Venerdì 20 Aprile 2012, 18.12.47
11
Ah! me lo sono perso! L'avevo visto nel 98 con i maiden nel tour di virtual 7 lol! Mi girano le palle pensare che trofarello è ad un paio di chilometri da casa mia!!! Matocc asd! Erano secoli che non sentivo quella parola Dalle mie parti si dice "gagno" lol, di che del piemonte sei?
Matocc
Venerdì 20 Aprile 2012, 17.53.14
10
bravo Elluis! massimo supporto a Blaze!!!!!!!!!!!!!!!
Elluis
Giovedì 19 Aprile 2012, 20.05.38
9
Grande Matocc !! Ho già visto la mia serata, 27 maggio a Bresso, verrrry gooood !!
Matocc
Giovedì 19 Aprile 2012, 19.56.37
8
@ brainfucker & non solo: tra il 24 maggio e il 3 giugno Bayley farà un'altra serie di 7 date qui in Italia girando un po' dappertutto (nord, centro e sud) -basta guardare sul suo sito... è una bella occasione no?
Flight 666
Mercoledì 18 Aprile 2012, 22.37.03
7
Concordo col tuo pensiero e sulla birrozza!
Matocc
Mercoledì 18 Aprile 2012, 21.58.41
6
grandissima serata, sono felice di esserci stato! quando sono entrato nel locale mi sono trovato di fronte Blaze che vendeva il suo merchandising e la cosa mi ha fatto un po' strano pensando ai tempi che furono. dopo essermi fatto autografare i 2 album con i Maiden -ci tenevo a fargli sapere che The X Factor è uno dei miei preferiti- più un paio di singoli compro anche i suoi The King of Metal e The Man Who Would Not Die (quest'ultimo un disco stupendo,per me il suo capolavoro) quindi scendo per il concerto. il posto era davvero piccolo e mi sono ritrovato a fare un confronto mentale con le location in cui suonava ai tempi degli Iron Maiden; ma quando ho visto che il suo impegno e la sua dedizione non erano proporzionali alla grandezza del luogo mi si è allargato il cuore: Blaze ci ha messo l'anima come sempre, era riconoscente per il periodo passato nella più grande heavy metal band del mondo, ci ha ringraziato per il supporto, aizzava le diverse "ali" del pubblico prendendoci in giro se il boato non era abbastanza forte e la performance sua e della band è stata grandiosa! alla fine gli ho detto sinceramente che mi ero davvero divertito oltre ogni mia aspettativa e quando prima di tornare a casa sono andato a salutarlo ero felicissimo. Bayley non ha vie di mezzo, la sua voce la si odia o la si ama... io personalmente la adoro e avendo conosciuto la grande persona che è ho un motivo di più per apprezzarlo. @ Flight 666 : la prossima volta ci becchiamo e ci facciamo una birrozza insieme!
brainfucker
Mercoledì 18 Aprile 2012, 21.35.42
5
ancora mi manca un concerto di blaze porca puttana..uno degli ultimi puri rimasto sulla scena
Pasko
Mercoledì 18 Aprile 2012, 17.12.16
4
Concordo con i due qui sotto riguardo l'onestà artistica, l'impegno, la simpatia e la disponibilità di Blaze. Per me è e resterà un grande, qualsiasi cosa farà...
Nightblast
Mercoledì 18 Aprile 2012, 9.30.46
3
Concordo in assoluto con Aleister93... Blaze è una persona squisita che merita supporto, oltre che un ottimo cantante (aldilà della sua esperienza nei Maiden)...
Aleister93
Mercoledì 18 Aprile 2012, 8.54.22
2
Massimo rispetto per Blaze, che supperterò sempre e cmq comprando i suoi cd e andandolo a vedere, per quanto mi sarà possibile, dal vivo. Quando lo andai a vedere un paio di anni fa qui nel Veneto, eravamo si e no una ventina di persone, ma questo non volle dire nulla per Blaze, che fece un'esibizione strabiliante ed intensa come poche ne ho viste in vita mia (e di concerti ormai ne ho visti tanti in 33 anni di vita). Per non parlare della sua disarmante semplicità e disponibilità prima del concerto con noi fans. Immenso!
Flight 666
Mercoledì 18 Aprile 2012, 3.09.44
1
Per dovere di cronaca, mi è stato segnalato che subito dopo che me n'ero andato Bayley ha suonato ancora Virus e Leap of Faith! Quando la sfortuna si accanisce non c'è nulla da fare...
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Bayley ed il suo pubblico sono una cosa sola
Clicca per ingrandire
La figura imponente di Bayley
Clicca per ingrandire
Sudore e passione
Clicca per ingrandire
Thomas Zwijsen
Clicca per ingrandire
Primo piano di Bayley
Clicca per ingrandire
Un altro primo piano
Clicca per ingrandire
Un sorridente Blaze Bayley saluta il pubblico italiano
ARTICOLI
17/04/2012
Live Report
BLAZE BAYLEY + DOBERMANN + SANURYA
Il Peocio, Trofarello (TO), 13/04/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]