Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Selvans
Faunalia
Demo

Bullet Ride
The Choice
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

16/11/18
SKULL PIT
Skull Pit

16/11/18
DIVINE ASCENSION
The Uncovering

16/11/18
ARTILLERY
The Face Of Fear

16/11/18
AFIRE
On The Road From Nowhere

16/11/18
ESBEN AND THE WITCH
Nowhere

16/11/18
THE TANGENT
Proxy

16/11/18
THE SMASHING PUMPKINS
Shiny and Oh So Bright Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun.

16/11/18
OF GRACE AND HATRED
Toxic Vows

16/11/18
SLEGEST
Introvert

16/11/18
SACRIFICIUM CARMEN
Hermetica

CONCERTI

15/11/18
BRANT BJORK
SPAZIO 211 - TORINO

15/11/18
LACUNA COIL + AMBERIAN DAWN
SANTERIA - MILANO (MI)

15/11/18
IGORRR
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

16/11/18
MYSTIFIER + CRAVEN IDOL
CENTRALE ROCK PUB - ERBA

16/11/18
SIRENIA + TRIOSPHERE + GUEST TBA
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/11/18
SHINING (NOR) + ALITHIA
LEGEND CLUB - MILANO

16/11/18
SISKA
BIRRERIA TRENTI - POVE DEL GRAPPA (VI)

16/11/18
IGORRR
SPAZIO211. BUILT TO R-ESIST AREA - TORINO

16/11/18
ELECTRIC WIZARD + CARONTE
ORION CLUB - CIAMPINO (RM)

16/11/18
MADNESS OF SORROW
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

IRON MAIDEN - Paul Di'Anno, la biografia
11/05/2012 (17620 letture)
Faccia da duro, il ciuffo irriverente, i boccoli scurissimi, il chiodo d’ordinanza, spesso e volentieri calato sul petto nudo, un’irruenza ed una rabbia immediatamente percepibili e, tutt’attorno, un manipolo di ragazzini scatenati, una testa di zombie che grondava sangue sullo sfondo, diverse schegge metalliche pronte a saturare l’atmosfera, l’ennesima serata da trionfatori: è così che Paul Di’Anno guidava da frontman i primi passi degli Iron Maiden, è così che ha impresso negli archivi della memoria un’immagine ribelle, giovanile, istantanea di un adolescente perfettamente a suo agio nei panni del macho. Di tutti i suoi colleghi è, probabilmente, quello più discusso, quello più criticato, ma anche quello che più ha subito lo scorrere del tempo, tanto che oggi è fisicamente quasi irriconoscibile, appesantito e rasato, confinato nei piccoli pub mentre i vecchi leoni ancora riempiono le arene: una scelta, forse, ma anche una conseguenza della cronica incapacità di costruirsi una strada solida e personale all’indomani dell’addio ad Eddie e compagnia. Eppure grosse medaglie al valore stanno appuntate a pieno titolo anche sul suo petto, sia per aver dato voce ai tumultuosi albori di una leggenda, che per averne rappresentato la primissima componente visiva: ed è sempre stata un’istantanea di forza e vigore, virile con orgoglio, bardato di pelle e cuoio nonostante fosse circondato dagli spandex. Nato a Londra nel 1958, all’anagrafe Paul Andrews, il controverso vocalist britannico rivela origini per metà italiane e per metà brasiliane e scelse il nome d’arte col quale è divenuto celebre proprio in omaggio al Belpaese; la sua travagliata adolescenza lo ha visto crescere nella complicata periferia londinese, definita “un posto completamente razzista” nel quale anche i poliziotti maltrattavano lui ed il suo amico Mercado solo a causa delle loro origini. Il ragazzino ammira Bon Scott ma, per sua stessa ammissione, impugna il microfono soltanto quando si accorge quanto questo sia utile per far colpo sulle ragazze, e nel frattempo prova a lavorare come cuoco e come macellaio. Collabora con diverse band, come i Paedophiles, e viene presentato -dal drummer Doug Samson- a Steve Harris nel 1978: stando alle parole dello stesso Di’Anno, la musica degli Iron Maiden, ascoltata al pub o in sala prove dopo i primi incontri, non gli piaceva granché, ed anzi tendeva a sfotterla in compagnia dei suoi amici. Si era anche presentato all’audizione senza grande interesse, cantando Dealer dei Deep Purple e All Right Now dei Free prima di andare ad ubriacarsi, cosa che amerà fare spesso nel corso della sua esistenza movimentata: alla band piacque, ed il debutto avvenne sul palco del Ruskin Arms, sfoggiando immediatamente la sua attitudine rabbiosa. Il suo approccio punk, il look in leather ed il suo concentrato di vita burrascosa conferiscono un tocco di asprezza e durezza stradaiola al sound del combo inglese, che timbra con la sua voce ultra-rock i due primissimi album di una discografia leggendaria, Iron Maiden e Killers, che lasciavano intravedere tutta la classe e la melodia insita nelle corde di un ensemble rivoluzionario, fresco e vivace. Il debut è un colpo da knockout che spedisce nel dimenticatoio i rigurgiti del punk e promette di pensionare i dinosauri dell’hard’nheavy, rinvigorendo con forza, fluidità e struttura superiore un genere che aveva profondo bisogno di rinnovamento. L’energia sprigionata dal singer era indubbiamente incontenibile: con la sua grinta era capace di dare una marcia in più alle abrasive scorrerie dei propri compagni, mentre il suo sguardo latino ed i suoi boccoli neri lo dotavano di quel sex appeal decisivo per attirare anche nugoli di ragazzine arrapate, completamente assopite di fronte al suo torso nudo sudaticcio. Dal suo stile verranno influenzati artisti strepitosi: Udo delle leggende teutoniche Accept, James Hetfield dei thrasher californiani Metallica, il loro acerrimo rivale Dave Mustaine, il valido Bush degli Armored Saints, il ringhioso Phil Anselmo, persino Tom Araya e Max Cavalera, cantori di un metal sempre più estremo che ha però radici comuni. Eppure la carriera di Paul Di’Anno fu da subito minata dai suoi abusi, specchio di una personalità inaffidabile che ne sprecava le doti e rallentava l’attività della band: nel Killers World Tour si arrivò al punto di non ritorno, e lo strappo fu inevitabile; in seguito, il singer affermerà che Harris ed il manager Smallwood “sono come Hitler e Mussolini, sottolineando come il bassista non reggesse la sua tempra d’acciaio e la guerra continua che ne conseguiva. La versione del bassista è leggermente diversa: “La decisione di licenziare Paul è stata presa da tutta la band. Iniziava a rompersi di fare grandi tour, aveva problemi in famiglia, con la droga, non era più felice di stare nella band e allo stesso modo noi non eravamo felici. Così, alla fine del tour del nostro secondo album Killers ci siamo semplicemente separati. Non volevamo davvero che se ne andasse via, perché la band stava funzionando bene, pensavo che la line-up fosse veramente stabile; lui però era veramente instabile, non credo volesse dare tutto sé stesso e questo creava problemi sul palco perché qualche serata ci dava dentro, altre no. È stato un periodo molto difficile per noi, ma alla fine sapevamo che se non ci fossimo divisi la band avrebbe iniziato a precipitare. Non c’è una colpa vera e propria, ma penso solamente che Paul sia stato stupido nei confronti di se stesso, perché ritengo che abbia un mucchio di talento e all’epoca lo stava buttando via. D’altro canto non credo che la band sarebbe stata così bene con lui come frontman, forse lo stavamo superando ed è stato triste quando ci siamo divisi. Ma era diventato ormai necessario per il bene della band”.

Il 10 settembre 1981 tenne il suo ultimo concerto con la Vergine di Ferro, a Copenaghen, e si tuffò in una vita solista ancor più ingestibile e biograficamente lacunosa, infarcita di leggende metropolitane e dichiarazioni contraddittorie. Il suo sostituto Bruce Dickinson verrà da lui definito come “il cantante perfetto per gli Iron Maiden, aggiungendo che “se fossi rimasto con loro, certamente non avremmo ottenuto ciò che hanno raggiunto con lui”; si definisce “troppo duro e grezzo per i Maiden e non ha comunque mai lesinato critiche al modo che Dickinson avrà di interpretare i “suoi” pezzi. La coerenza non sarà certo una sua dote riconosciuta: su diversi argomenti tornerà ad esprimersi in maniera diametralmente opposta a distanza di anni. Dopo lo split, Di’Anno se ne andò in vacanza in Norvegia; tornerà all’attivo e sfornerà una miriade di dischi con altrettante band, rimanendo però legato al periodo negli Iron Maiden ed alle canzoni dei primi due full length, rigorosamente riproposte fino ai giorni nostri assieme a eserciti di cover band e fedeli imitatori. Il tourbillon inizia nel 1983 con i Di’Anno, con i quali pubblica un album, alcuni singoli ed un live in VHS; nel 1985 l’infaticabile cantante mette in piedi il progetto Gogmagog -nel quale militva il guitarist Janick Gers, poi ribattezzati Strike ed in seguito Battlezone: il ruolino di marcia si ancorò su due album nel volgere di quattro anni, live costanti ed un heavy rock abbastanza gradevole. Ma intanto continuavano anche gli abusi e la dipendenza , tanto che il Nostro si ritrova da solo nel tour del secondo disco ed è costretto a sciogliere la band (1989) nonostante i tentativi di ultimare le date fissate: si riparte così nel 1990, affiancato da Dennis Stratton nel tentativo di rilanciare i decaduti Praying Mantis. In quel periodo, Paul Di’Anno sfoggiava una lunga criniera di riccioli neri, spesso avvolti un una bandana piratesca. Venne registrato il Live at Last, una sorta di best of live della NWOBHM, che permise alla band inglese di rilanciarsi in Giappone, ma non ebbe un seguito concreto per il cantante, che scomparse fino al 1991: il ritorno possedeva il profetico moniker di Killers (che rilasciarono un album live, da molti additato come falso), scritturati dalla BMC e artefici del disco Murder One, uno degli episodi migliori della carriera solista del cantante britannico. La band muore e rinasce in continuazione, assumendo di volta in volta nomi differenti (Paul Di’Anno’s Band, Paul Di’Anno’s Killers, Paul Di’Anno & Killers, Paul Di’Anno’s Battlezone, The Almighty Inbredz), mentre l’ex frontman dei Maiden stringeva una profonda amicizia con Lea Hart, ex singer dei Fastaway, che diventerà anche il suo manager. Dal 2000 inizia una serie di attività concertistica con cover band locali, che variavano a seconda della Nazione: in Italia, per esempio, il vocalist si esibisce spesso e volentieri con i Children of the Damned; la cosa desta non poche critiche da chi lo accusa di campare con immobilismo su un repertorio ventennale, oltre che di non saper dare vita ad un progetto solista dalle basi veramente solide. È proprio lui a parlare di sé stesso: “C’è un momento della vita in cui, che tu lo voglia o meno, devi renderti conto che la gente vuole da te certe cose e non altre. Sono rassegnato al fatto di dover cantare i brani dei Maiden, quelli di Iron Maiden e Killers, che io lo voglia o no questo è quello che vogliono i miei fans. In Sudamerica facciamo anche concerti con dieci o quindicimila persone. Non vengono a vedermi solo perché sono stato il cantante degli Iron Maiden, ma se non facessi sentire loro almeno un paio di brani certamente non andrebbero a casa contenti. Ci sono un mucchio di persone che sembrano dimenticare che la mia voce era ed è una grossa parte del passato dei Maiden ed io sono felice e fiero del fatto che siano arrivati in alto con il mio contributo, ma come mai qualche coglione si lamenta del fatto che io continui ancora a cantare Running Free e gli altri classici della mia epoca, mentre Bruce è la fuori a cantare i primi due album, provando a clonare la mia voce, e lo ritiene accettabile”?

Voci di corridoio lo hanno dato vicino al microfono degli Anthrax nei primi anni 2000, persino dei brasiliani Sepultura, ma il gossip più affascinante sarebbe restato quello che lo avrebbe visto rientrare alla casa madre dopo la separazione tra Harris e Dickinson: invece, il prescelto fu Bayley. Nel corso del primo decennio del nuovo millennio, Di’Anno registra anche alcuni brani per album-tributo, scegliendoli personalmente tra i classici del rock: omaggia così, oltre ai soliti Iron Maiden, anche Thin Lizzy, Van Halen, Led Zeppelin e ZZ Top; nel 2008, assumendo il nickname di Paulo Baiano, va in tour con i Rockfellas, tre musicisti brasiliani tra cui spiccava il drummer Jean Dolabella (oggi ex dei Sepultura), arricchendo il proprio curriculum con l’ennesima esperienza singolare. Il vecchio Paul possiede oggi un internet café ed un hotel-ristorante in Inghilterra, anche se la sua residenza principale è in Brasile; si è sposato per ben sei volte e vanta un numero insensato di figli e figliastri. Ha scritto un’autobiografia infarcita di storie di droga ed avventure romanzate, cosa tipica della sua personalità e del suo ricamare sui fatti reali. C’è chi parla di una conversione all’Islam seguita, negli anni novanta, alla lettura del Corano: il diretto interessato ha però dichiarato di non aver mai seguito l’Islam, ma di aver tentato di migliorare la propria esistenza attraverso alcuni principi di quel credo, per esempio smettendo di bere; tuttavia è stato dichiarato alternativamente musulmano, cattolico, ebreo e pure aborigeno, tanto per non farsi mancare proprio nulla. Le rogne non sembrano finite neppure nel 2011: ormai grasso, pelato e ricoperto di tatuaggi, Paul Di’Anno è stato processato per aver frodato in sussidi lo Stato Britannico, con aggravante di falsa testimonianza; infatti, tra il 2002 ed il 2008 si era dichiarato affetto da disturbi alle terminazioni nervose della schiena ed impedito al lavoro ed aveva percepito i relativi sussidi. Al dipartimento per il lavoro e le pensioni inglese, evidentemente, non sono piaciuti i filmati su Youtube che lo ritraevano pimpante e saltellante sui palchi di mezza Europa, ricevuti da una segnalazione anonima. L’11 marzo 2011 è stato incarcerato, non certo per la prima volta, e scarcerato dopo due dei nove mesi di pena inizialmente previsti. Ha così fatto in tempo a tornare più volte nella sua vecchia Italia, dove l’affetto e le discussioni sul suo conto non vengono mai meno: ad ogni modo, è un pezzo di storia. La sua voce rimarrà per sempre su due album fondamentali della cronologia metallica mondiale, la sua vita di eccessi, alcool e droga non smetterà mai di destare curiosità, risvegliare aneddoti, fruttare biografie e dare adito a polemiche, discussioni, controversie. Perché, alla fine, stiamo parlando di Paul Di’Anno, e allora la logica è meglio metterla da parte.



Mulo
Venerdì 17 Agosto 2018, 19.21.55
170
Ancora a discutere se è “meglio” Paul o Bruce? Miiii che fantasia 🤣. Uno è un rocker l’altro e’un grande professionista/performer che ha sempre usato il cervello per fare le scelte giuste. Comunque Paul fa un lavoro mostruoso sui primi due dei Maiden,idem Bruce che è sempre stato mostruoso (anche solo pensare di fare tutte quelle date che ha fatto....). Il premio carriera va ovviamente a Dickinson,mentre il premio “vita gestita male” a Paul. Passo e chiudo.
Silvia
Venerdì 17 Agosto 2018, 17.56.02
169
Lucignolo ancora una volta condivido le tue parole, molto sagge e veritiere x me. Anche essere fragili non è una scelta, e spesso a questo non c'è scampo
Lucignolo
Venerdì 17 Agosto 2018, 17.16.33
168
Oscure, davanti ad una birra fresca sono sicuro ci divertiremmo,qui sembra tutto più serioso, c'è chi se la prende per un non nulla,ma stiamo parlando di musica,sono e resteranno gusti personali,e nessuno credo sia in diritto di contestarli o di imporre i suoi.di anno e Bruce sono due persone completamente diverse,scelte diverse,vite diverse.Poteva andare diversamente,ma certe volte la vita non si può scegliere.Amy,ho sempre pensato quando era ancora fra noi che fosse una grande artista,fra una miriade di tette e culi da sagra Delle zoccole,poi se ne è andata, malamente, tristemente,forse non lo voleva nemmeno lei,ma alle volte purtroppo dalla vita non si scappa.ciao
tino
Venerdì 17 Agosto 2018, 16.56.31
167
Appunto un cantante come lui che prova ad imitare in modo un po' furbesco qualcun'altro evidentemente ha poca fiducia in se stesso, peccato perché io invece non lo considero un bluff perché aveva un potenziale enorme ma non è un artista completo e competitivo come invece è risultato essere un ozzy che non era certo superiore tecnicamente ed espressivamente a lui. Come la vecchia pubblicità dei pneumatici la potenza e' nulla senza controllo.
Vitadathrasher
Venerdì 17 Agosto 2018, 14.39.48
166
Ho la cassetta di quel disco, la voce di dianno non si presta per quel tipo di arrangiamenti. Se non sporca la voce diventa anonimo, io lo sento più per un genere tipo il thrash o un heavy alla motorhead. Ma uno come lui andava seguito con un manager/badante/dittatore, ma valeva poco la pena investirci.
tino
Venerdì 17 Agosto 2018, 12.11.32
165
mentre cazzeggio al pc mi sto ascoltando children of madness dei battlezone sul tubo (mai sentiti prima), nei primi 19 secondi parte già con lo stesso punch punch punch di nm156 dei queenryche (identico) e acuto alla tate...anzi canta proprio come tate...andando avanti con gli ascolti sembrano i ryche di the warning, mah
ObscureSolstice
Venerdì 17 Agosto 2018, 11.59.45
164
@lucignolo, si capisce dai..anche se scritto di fretta. Però forse non è chiaro che per me il Paul DiAnno dei primi due album è ok, poi purtroppo non ha portato i suoi frutti, e calcolando in toto la sua vita non e' quello che molti ingenuamente lo reputano come te. Di certo se paragoni quel Paul a quello del futuro non è raffrontabile, non sembrerebbe neanche lui..la magia è finita, perché erano quei due dischi e quel gruppo la magia, quelle canzoni. Come molti altri dischi fatti piu' avanti degli Iron Maiden. Canzoni sensazionali ne sono uscite e melodie coi suoi stacchi e cambi di tempo che hanno fatto scuola dell'heavy metal. Il gruppo e le canzoni sono importanti, perche' puoi mettere pure la voce più meravigliosa del pianeta ma se sotto non c'è un bel pezzo che si stampa nella mente non ha alcun effetto la voce splendida. Rimane il fatto che a quarant'anni Paul era già rammollito amico dell'ispettore dell'inail che gli autografava le cover dei dischi coi caratteri rossi dei Maiden col suo nome, mentre un Bruce a sessant'anni ancora salta e ha voglia di fare in ogni cosa faccia, quella si che è personalità
Silvia
Giovedì 16 Agosto 2018, 20.03.54
163
@TheRealThing #156 esatto, neppure io riesco a pensare ad un altro cantante né x i primi né x i successivi, entrambi hanno marchiato a fuoco quei capolavori con la loro personalità . @Buried Alive stai portando il discorso su altri lidi, nessuno ha mai parlato di superiore/inferiore, ripeto sono discorsi che io non faccio mai e sulla carriera di Bruce penso che nessuno potrebbe avere qualcosa da dire. Il discorso verteva sul fatto che Paul Di'Anno non vale nulla, beh io non la penso così, x me è stato molto importante e le emozioni che la sua voce ha regalato nel metal secondo me non hanno tempo. Io la penso così, se x altri la sua espressione artistica non ha valore beh ognuno ha i suoi preferiti. ciao a tutti
lucignolo
Giovedì 16 Agosto 2018, 19.59.55
162
Obscure,sono sicuro che le tue parole hanno un tuo senso.
ObscureSolstice
Giovedì 16 Agosto 2018, 19.27.18
161
#151: sempre la storia di Amy winehouse gran talento...io non credo. Alla fine chi e'? Le vere cantanti talentuose che hanno lasciato qualcosa anche come canzoni che ancora si ricordano nel soul e in Musica sono whitney houston (anche lei ha avuto seri problemi legati all'alcool), aretha franklin (una delle protagoniste venuta a mancare oggi)..etc,...quelle si. Ma amy winehouse proprio no, ha creato solo scalpore per la sua morte e non per la sua vita musicale. Ma chi la conosce. Tuttavia i primi due dischi dei Maiden non sono usciti per grazia divina per il cantante Paul DiAnno bisogna metterselo in testa questo, non grazie a lui, ma bisogna essere devoti a tali canzoni e tali riffs solo a Steve Harris in collaborazione con Dave Murray che si sono ripetuti ancora e ancora in continua composizione dello zio Harris per anni che certi "Paul DiAnno's fan" non vogliono neanche sentire, ma che gran peccato. La cialtroneria (in senso buono), l'ardore, ribellione, sempre ste cavolate che si dicono su DiAnno, e il senso di protagonismo in senso buono..anzi..io l'ho sempre trovato in Bruce Dickinson gran mattatore e matto carismatico, un vero frontman che in fatto di personalità ha piu' frecce nel suo arco, è più fuori di testa e ribelle di DiAnno per come lo si dipinge ancora quest'ultimo, pero' bisogna giustificare la sua pochezza di fallimento delle sue lacune. Ma quale ribelle, è solo uno scansafatiche che non voleva neanche cantare e provare in sala prove, manco fosse Jim Morrison (lui rocker ahah), figuriamoci per altre cose. E se fai così non a casa tua, cioè in una band come gli Iron Maiden dove il fondatore e la band è di Harris sei fuori, ma di chiunque altro. C'è bastato poco a trovarne un altro migliore -e il migliore- che ha fatto la vera e propria storia. Gli Iron Maiden vanno dal 1980 ad oggi, non vanno solo dal 1980 all'81. Altrimenti sono solo fan sfegatati di Paul DiAnno e basta, ma non degli Iron Maiden. La voce di Dickinson non è prettamente operistica perche' non e' musica dell'opera, e' heavy metal. Come il classico repertorio rock classico, non c'è niente di strano se si é abituati a tale genere heavy metal e se gusta. DiAnno invece lui si che e' un rocker ahah. Ah beh..poi i Battlezone gran carriera..sai che hai nominato. Persino il peggior disco solista di Bayley e' meglio riuscito o il più melodico disco solista di Bruce ha più riscontro. Purtroppo per lui, dovrebbe ringraziare Steve per un po' di notorietà strappata a un cantante italo-inglese che non ha saputo ripetersi senza una guida
tino
Giovedì 16 Agosto 2018, 18.04.13
160
io invece rimasi traumatizzato quando ho aperto la copertina a libro del live after death con eddie mummia che usciva dal palco, erano giustamente già grandi da qualche hanno ma da lì in poi hanno cominciato a dettar legge
Buried Alive
Giovedì 16 Agosto 2018, 16.24.48
159
Sì beh, come performance possiamo dire che i picchi iniziano nel 81 col primo concerto con Dickinson alla voce Effettivamente il World Slavery Tour è qualcosa già di immenso e hai ragione, ma resterò sempre "traumatizzato" dalla mano gigante sul palco del Somewhere In Time... dettagli comunque, anno prima o anno dopo, conta che siamo nell'era Bruce.
tino
Giovedì 16 Agosto 2018, 15.49.47
158
Picchi iniziati a vedere dal tour di somewhere in time? Il picco e' stato nell'85 con il tour di powerslave ma già erano grandissimi nel 82-83.
Buried Alive
Giovedì 16 Agosto 2018, 15.25.52
157
Silvia e Lisablack, ma sinceramente, cosa state dicendo? Ho scritto TRE VOLTE in due commenti che è perfettamente legittimo che piaccia di più Di Anno a Dickinson (il confronto tra Schifano, Picasso e Kandisky era proprio per chiarire), perchè dovete saltartene fuori con la solita manfrina che discuto i gusti altrui? Non lo faccio mai, io discuto quando si vogliono mettere davanti i propri gusti alla realtà dei fatti, quando si fanno confronti tra diversi artisti, o tra diversi momenti della carriera di diversi artisti. In questo caso si parla di Di Anno e di ciò che ha fatto coi Maiden e cosa ha fatto dopo da solo, quindi ovvio che ci sia da paragonare con Dickinson: ecco, in questo caso è oggettivo che Di Anno sia un artista inferiore, sotto ogni punto di vista. Tralsciando la sua incapacità di gestirsi e di fare il garnde salto come ha invece fatto Harris (poi oh, magari neanche aveva voglia di farlo, lecito), ma canzoni scritte coi Maiden, carriera solista, performance sul palco... tutto è favore di Dickinson. Di Anno andava bene con il suo fiero atteggiamento punk per i primi spettacoli dei primi anni, ma senza Dickinson non avrebbero mai raggiunto quei livelli infinitamente superiori che abbiamo iniziato a vedere dal tour di Somewhere In Time in poi, con spettacoli che lui stesso in parte progetta. Per non parlare del fatto che Dickinson ha scritto o co-scritto alcuni dei piùgrandi capolavori dei Maiden. La carriera solista di Di Anno è iniziata anche bene, ma non si è mai staccata veramente dallo style Maiden dei primi due album: e qui mi chiedo se Silvia abbia davvero mai ascoltato i Battlezone, perchè dire che sono molto pià leggeri dei Maiden è una invenzione, basta sentire Fighting Back. Invece ascoltando I Will Be There dei Gogmagog, meno pesanti dei Batllezone, si sente subito il Maiden style del 1980-81 e ancora le influenze punk che lui ha sempre voluto mantenere: ache qui, lecito, ma artisticamente inferiore all'eleganza e alla complessità di Dickinson. Si può preferire tranquillamente Di Anno e il suo più facile metal-punk a Dickinson, la sua voce, il suo stile... si può anche preferire la musica dei Battezone e dei Gogmagog a quella dei Maiden, questi sì che sono gusti e "emozioni", ma dire che da The Number in poi i Maiden sono di un altro pianeta grazie in buona misura a Dickinson, che è SUPERIORE a Di Anno è un altro discorso e che non può essere taciuto o messo dietro alla questione dei gusti personali, c'è ben poco da argomentare qui, i fatti sono fatti.
TheRealThing
Giovedì 16 Agosto 2018, 15.17.38
156
Non serve sfottersi per un opinione diversa...che poi la storia e i fatti hanno ampiamente dimostrato tutto, per cui non mi sembra neanche il caso di prendersela così tanto comunque PS Da assoluto fan di Bruce ammetto che quei due album non sarebbero stati la stessa cosa con lui alla voce, come credo che chi preferisca Di Anno non possa non ammettere che senza Bruce non avrebbero certe vette, sia a livello di fama che a livello artistico
lisablack
Giovedì 16 Agosto 2018, 14.36.52
155
Dire che non vale nulla..mah. Forse chi non era in vita negli anni 80 o 81, può pensare cosi, ma chi 'ha vissuto l'uscita di quei dischi, credo che la pensi diversamente. Poi ovvio che Bruce ha fatto una carriera immensa con il suo carisma, la sua capacità di trascinare le folle, e tutto il resto..ma insomma, ad ognuno bisogna riconoscere cio' che ha fatto.
Silvia
Giovedì 16 Agosto 2018, 14.26.06
154
Buried Alive i Battlezone sono molto più leggeri dei Maiden e sinceramente x me migliore/peggiore non esiste, non è girarci intorno. Capisco che oggi migliore faccia rima con maggiore tecnica ma x me non è così. Io valuto più la timbrica che la tecnica, che si può pure esercitare mentre giocare col colore della voce è qualcosa di unico. Poi nessuno discute le doti professionali, manageriali e canore di Bruce ma la musica è emozione non competizione. Dovresti accettare che c'è gente che preferisce altri a Bruce senza x questo volerlo sminuire o voler "aver ragione", concetto che x me non esiste in ambito musicale. @Lisa esatto, dire che non vale nulla quando si parla ancora di lui dopotutto questo tempo mi sembra fuori luogo
lisablack
Giovedì 16 Agosto 2018, 14.15.51
153
Io non appiattisco il discorso Buried, ho detto come la penso. Poi se tu come al solito, difficilmente accetti le opinioni degli altri, ognuno tiene le sue idee sai? Non è tanto difficile da capire..
lucignolo
Giovedì 16 Agosto 2018, 14.14.54
152
rispondo un pò in generale,poi è giustissimo che ciascuno abbia una propria idea,SE ascoltassi un album (musica in generale) solo con il cervello vi darei perfettamente ragione,ma considero la musica ben altro e quello che mi trasmette,se mi tramette qualcosa,non lo recepisco solo con il cervello,lo stesso nel valutare le persone,magari qualche volta sbagliando,ingenuamente,però non sempre.fine,comunque rispetto per tutti.
Silvia
Giovedì 16 Agosto 2018, 14.12.59
151
Beh ma x sfruttare le occasioni ci vuole un minimo di disciplina, lui è una testa calda proprio come dice lisa. Guardiamo Amy Whinehouse, un incredibile talento sprecato nei vizi. Non ha saputo gestirsi neppure lei ma la sua voce era comunque pazzesca secondo me.
lisablack
Giovedì 16 Agosto 2018, 14.12.46
150
Le doti ce l'aveva..chi di noi sa cantare come lui all'epoca? Nessuno..il cervello un po' di meno..poi se per tutti voi Bruce è superiore, lo capisco. Io non li paragono..come dice Silvia c'è differenza dal giorno alla notte. Dire che non ha doti è esagerato, non è facile fare quel lavoro. Difficile pure mantenerselo..
Buried Alive
Giovedì 16 Agosto 2018, 14.11.12
149
Ma per favore: i Battlezone propongono una musica prettamente sulla linea dei primi due album dei Maiden, ma cosa stai dicendo Silvia? Ci sono canzoni che sono quasi version 2 di alcune dei Maiden, più pesanti ok, ma dai su non giriamoci dall'altra parte. Adesso va bene tutto, ci sta che piaccia e pure tanto Di Anno, ma non neghiamo la realtà dei fatti. E comunque non porsi la questione se globalmente sia meglio Di Anno o Dickinson con la scusa dei gusti è voler appiattire il discorso. E comunque sì, globalmente è oggettivo che Di Anno sia inferiore: come del resto è oggettivo che Schifano sia inferiore a Picasso o Kandisky, che poi possano piacere di più le opere di Schifano è inopinabile ma resta comunque inferiore.
Vitadathrasher
Giovedì 16 Agosto 2018, 13.59.11
148
Guarda che l'occasione ce l'ha avuta proprio quando è stato scacciato dai maiden, solo che bisogna avere doti e cervello.
Silvia
Giovedì 16 Agosto 2018, 13.58.10
147
Esatto lisa. Esempio io preferisco Hansen ma non lo paragonerei mai a Kiske, sono lontani come il giorno e la notte. Sì Paul non solo si è rovinati con le sue mani ma deve ringraziare di non aver fatto una fine ben peggiore secondo me
Silvia
Giovedì 16 Agosto 2018, 13.54.50
146
@tino The Number of the Beast è sicuramente un album spaziale e Bruce offre una prova magnifica, non volevo sminuirlo. Preferire uno dei due non significa sminuire l'altro. Comunque prova ad ascoltare i dischi post Maiden di Paul perché penso che lo stile vocale ti possa piacere
lisablack
Giovedì 16 Agosto 2018, 13.49.59
145
Io rimango del parere che se non si rovinava con le sue mani..avrebbe fatto una grande carriera coi Maiden. Di sicuro era una testa calda e si è giocato un'occasione "d'oro" che tanti non si sarebbero lasciati scappare. Dalle mie parti si dice" Chi non ha cervello abbi gambe"..Perciò per me non era un "bluff" un buono a nulla..Le sue doti c'erano tutte, e poi io in 35 anni e più, non l'ho mai paragonato a Bruce. Un po' come faccio con gli Helloween, non mi faccio troppe domande su chi è meglio tra Kiske e Deris o Hansen..mi piacciono tutti a prescindere, ognuno è stato fondamentale. Così come Di Anno a suo tempo..e questo lo dovrebbe pensare anche il più sfegatato fan di Bruce.
Silvia
Giovedì 16 Agosto 2018, 13.47.14
144
Vabbè vedo che quando si parla di Di'Anno lo si affossa x partito preso e non si leggono neppure i post altrui. Dire che i Battlezone sono copie dei Maiden significa non averli ascoltati quindi passo. Una discussione in cui poi lo si paragona costantemente e forzatamente a Bruce non ha proprio senso. Saluti.
ObscureSolstice
Giovedì 16 Agosto 2018, 12.44.11
143
Ahah la visionaria immaginaria Silvia, ma tirala fuori questa discografia chilometrica di DiAnno del prima e dopo Iron Maiden. Falla vedere...
Buried Alive
Giovedì 16 Agosto 2018, 12.22.15
142
Paul Di Anno è un ottimo ricordo del passato, la voce che lanciò i Maiden, ma è stato un grande bluff come qualcuno ha già detto. Era uno che passava lì per caso, che ha dimostrato di avere un grande potenziale ma solo quello: oltre a Iron Maiden e Killers non avrebbe potuto fare di più. Testa zero, presenza sul palco buona finchè non si va oltre a un certo di livello, songwriting elementare: ma li avete ascoltati gli album dei Batllezone e dei Gogmagog? Scopiazzatura del metal con infuenze punk che faceva coi Maiden degli esordi, non è in grado di andare oltre: se piace ok niente da dire, ma per favore non mettiamolo neanche nella stessa frase del songwriting di Dickinson, personaggio e cantante e autore e frontman mille volte meglio di Di Anno e senza il quale i Maiden sarebbero durati forse altri 5 anni dopo quel fatidico 1981.
TheRealThing
Giovedì 16 Agosto 2018, 12.13.42
141
Obscure io ho un'idea molto simile alla tua in realtà, solo che non mi sembra giusto andarci così pesanti, considerando che c'è gente che qui lo adora, mi sembra brutto sfottere così i miti altrui, tutto qui. Avere una discografia chilometrica vuol dire gran poco, l'importante è la validità di quello che si produce e, per quanto mi riguarda, un album a livello di Chemical Wedding non lo ha mai prodotto, e si, gli ho ascoltati per completezza di giudizio personale...comunque la voce di Bruce nel corso degli anni ha acquisito molte sfumature e colori che prima non aveva, per chi li ha visti quest'anno e ha avuto il piacere di ascoltare live The Clansman e Sign Of The Cross non credo che questo fattore sia passato inosservato... però si sa che che per molta gente è sempre migliore quello che c'era per forza, bah...
tino
Giovedì 16 Agosto 2018, 12.11.24
140
mah io ricordo che da ragazzino (nel 1982) quando ho comprato the number of the beast (killers e il primo li ho presi dopo) e lo ascoltavo in casa con lo stereo portatile, quando arrivava il pezzo cadenzato di 22 acacia avenue dove Bruce canta "Charlotte can't you get out from all this madness" e poi replica con "I bet you'll regret the days when you were laying"...beh le urla che fa lì mi imbarazzavano al punto di abbassare il volume dello stereo se i miei erano in casa...ma comunque tutto il disco aveva picchi di agressività vocale che paul secondo me non ha mai raggiunto tranne giustamente in killers o ad esempio drifter. Poi mi sembra sia il caso che dia un'ascoltata a quei dischi dei battlezone da te citati ma sarebbe comunque interessante capire se è un compositore come può essere bruce dickinson o si limita ad aggiungere i testi sulle musiche altrui, ammetto che non lo so
Silvia
Giovedì 16 Agosto 2018, 11.47.51
139
Non sono ipotetiche tino, ha una discografia chilometrica, che non piaccia poi e’ un altro discorso. Io non l’ho mai paragonato a Bruce, non ha senso, sono proprio diversi, Bruce gioca sulla tecnica e infatti le sue interpretazioni dei pezzi di Paul o anche dei Free, esempio, non hanno la stessa personalita’ e timbrica, è un altro genere che sfrutta altre caratteristiche vocali. Invece Paul punta sui colori della sua voce, ha uno stile molto grintoso, il suo timbro e’ ricco di sfumature, e negli album coi Battlezone si arricchisce ancora di piu’. Comunque il concetto di aggressivita’ è soggettivo, esempio le urla di cui parli tu non le trovo rabbiose, mentre l’interpretazione di Killers x me lo è, esempio. Poi sul siluramento riascolta l’Early Days, Steve ha detto di aver pazientato x tantissimo tempo
tino
Giovedì 16 Agosto 2018, 11.27.13
138
secondo me le capacità di compositore di paul di anno sono ipotetiche e tutte da dimostrare, intanto bisognerebbe capire dove c'è la sua firma in cosa ha contribuito, perchè una cosa è aggiungere un testo, un altro è comporre. Poi ho molte perplessità sul discorso rabbia pura (intesa come vocalmente), a parte gli acuti io l'ho sempre sentito molto malinconico e profondo specie sui passaggi più introspettivi, viceversa ho sempre trovato il primo Buce molto più aggressivo specie quando utilizzava quelle urla sguaiate (22 acacia avenue...), poi, a parte il cattivissimo finale di flight of icarus, ha cominciato a limare le parti più aggressive. Poi anche sul discorso che steve se lo voleva tenere a tutti i costi ho qualche dubbio. Ho visto la parte sul dvd di the early days dove spiegano che erano andati a vedere i samson e quando Steve lo ha sentito avrebbe detto "è lui"...ma io penso che invece steve aveva già addocchiato Bruce e il siluramento di Paul sarebbe avvenuto comunque.
TheRealThing
Giovedì 16 Agosto 2018, 10.46.06
137
Quando parlavo di Mustaine era solo per il discorso della sregolatezza, non per altro...
ObscureSolstice
Giovedì 16 Agosto 2018, 10.09.40
136
Forse non si sa cosa significa interprete.
Silvia
Giovedì 16 Agosto 2018, 9.44.17
135
In realta’ Paul non è solo un interprete, ovviamente e’ anche un songwriter ma sicuramente non del calibro di Mustaine, intendevo questo
Silvia
Giovedì 16 Agosto 2018, 9.38.41
134
Concordo con lucignolo, hai ragione, un talento unico che non ha avuto la minima regola ma questo non scalfisce la preziosa carriera coi Maiden e anche quella successiva in cui ci sono alcune belle cose, il fatto che non abbia avuto successo non significa nulla. x quanto riguarda il paragone con Mustaine (che comunque aveva disciplina) x me non ha senso, quello con Bruce (super professionale) ancora meno. Anche artisticamente, Paul è istinto, rabbia pura, voce basata sul suo timbro unico, mentre Bruce ha puntato sulla sua voce operatica, totalmente diversa. Paul è soprattutto un interprete, Mustaine un mastermind e un grande songwriter. Paul è anche un vero rocker senza regole, anticonformista sul serio che faceva tutto quello che gli passava x la testa, odiava i tour e le programmazione e invece amava i vizi.x questo non sarebbe mai potuto andare d’accordo con Steve che, ricordiamo, lo ha pregato di tagliare gli eccessi perche’ lo voleva tenere a tutti i costi x il suo grande talento. lucignolo, da quel che sapevo e’ scomparso dalla scena x via dei problemi di salute al ginocchio l’anno scorso se non erro... Comunque x me uno dei piu’ grandi cantanti di sempre e da giovane anche un grande frontman. Come dice lucignolo, grazie delle bellissime perle, a me emozionano ancora esattamente come ai tempi
ObscureSolstice
Mercoledì 15 Agosto 2018, 21.39.32
133
Oppure prima dei Maiden? dove sono questi dischi sopra la riga di Paolo DiAnno? Era un ragazzino, hanno preso uno sconosciuto e non e' stata una scelta del tutto giusta altrimenti sarebbe durato e lo tenevano. Non c'e' poi molto da capire. Come anche in futuro sarebbe durato negli Architecs of Chaoz. Avere personalità nei piccoli palchi da esordienti? in 4 metri x 4 che ci vuole. Ma lucignolo tu questa personalità dopo i Maiden la ritrovi? Pensaci bene...
lucignolo
Mercoledì 15 Agosto 2018, 21.22.41
132
Obscure hai detto bene,non è in grado.Ad alcune persone la vita riserva questo,il tempo poi è relativo,poco o tanto cambierebbe poco,Bruce è un grande professionista e Di Anno uno che non lo sarebbe mai stato.Quando ascolto i Maiden sento questa differenza,tutto qui/solo questo.
ObscureSolstice
Mercoledì 15 Agosto 2018, 21.03.18
131
@TheRealThing: ti do ragione su tutto a quello hai detto sotto, ma per me è sempre IL PIÙ GRANDE BLUFF DI TUTTO IL METAL. La valutazione su un cantante si dà dall'inizio alla fine, non bastano i due dischi con canzoni superlative fatte dallo zio Harris nei primi anni 80 quando era appena ragazzino. Non se ne erano accorti che era peggio di quel che sembrava. Vogliamo tirarla fuori questa lunghissima discografia dopo i Maiden di questo grande "artista"? Ahaha..ma non se l'è più calcolato di striscio nessuno, neanche per un duetto o una mini collaborazione, non e' in grado..altrimenti sarebbe diventato qualcuno automaticamente, il tempo ce l'ha avuto. È una sorta di Willcock ma meno deludente
TheRealThing
Mercoledì 15 Agosto 2018, 20.56.15
130
Sisi ma guarda, sulla voce non ti dico nulla perché è un opinione soggettiva, ma in quanto a carisma Dickinson ne sprizza da tutti i pori
lisablack
Mercoledì 15 Agosto 2018, 20.52.15
129
È solo una mia opinione..che Bruce tiene bene il palco, me ne sono accorta
TheRealThing
Mercoledì 15 Agosto 2018, 20.47.10
128
Adesso non esageriamo neanche dall' altra parte però, dai...la voce vabbè, ma il carisma dai...Bruce salta sul palco e tiene le platee come nessuno sa fare
lisablack
Mercoledì 15 Agosto 2018, 20.44.46
127
Aveva personalità e una voce, per me, migliore di Bruce..
TheRealThing
Mercoledì 15 Agosto 2018, 20.35.06
126
Obscure adesso non esageriamo...certo non è Bruce sicuramente... però neanche così pessimo, dai...ha dato il suo contributo a quelle due perle
ObscureSolstice
Mercoledì 15 Agosto 2018, 20.20.20
125
Paul DiAnno e' il più grand bluff di tutto il metal
TheRealThing
Mercoledì 15 Agosto 2018, 19.43.26
124
Sì forse hai ragione...o anche allo stesso Dickinson, che ha sfornato due dischi davvero belli come Chemical Wedding e Accident Of Birth
tino
Mercoledì 15 Agosto 2018, 19.32.12
123
si ma mustaine è un musicista virtuoso, un compositore, uno che ha creato il suo gruppo, di anno un cantante, uno che ha bisogno di un gruppo che lo spalleggi, sono due esempi un po' distanti. Io paragonerei un di anno a ozzy e a dio, rende più l'idea di dove ha fallito paul
TheRealThing
Mercoledì 15 Agosto 2018, 19.23.09
122
Prendi ad esempio un Mustaine a caso, che per sregolatezza e storia personale può essere accostato a Di Anno...ecco, per quanto fosse completamente fuori di testa, ha saputo reagire e creare alcuni degli album più iconici e importanti del genere...penso che con questo esempio di aver completamente chiarito la mia idea
TheRealThing
Mercoledì 15 Agosto 2018, 19.20.28
121
Per me, come per la stragrande maggioranza, TNOTB, Piece Of Mine, Powerslave, Somewhere In Time e SOASS sono delle autentiche perle, mi sembra ingiusto non considerarle tali per un mero gusto personale...poi c'è anche da considerare il fatto che Paul non è stato in grado di costruirsi una carriera solista degna...
lucignolo
Mercoledì 15 Agosto 2018, 18.43.07
120
lo so che avete ragione,come so anche che professionalità e sregolatezza (quella vera,non quella precotta per il mercato) non vanno daccordo,purtroppo ci sono anche persone più fragili di altri che magari in questa vita non sanno gestirsi,a questo mondo ci vuole anche furbizia (come avrebbe detto la mi poera nonna),però la professionalità se ha dato buoni/ottimi lavori non ha mai dato "perle" o come volete chiamarle,quelle cose speciali,che sembra durino un eternità e invece sono già finite.Amen,cazzo.
TheRealThing
Mercoledì 15 Agosto 2018, 18.25.48
119
Io penso che senza Bruce probabilmente non si sarebbero mai staccati dai canoni NWOBHM e non avrebbero forgiato gli altri 5 capolavori, che, gusti personali, sono andati oltre e hanno creato il Maiden sound (per me l'espressione vocale di un pezzo come Revelations, ad esempio, è di un altro pianeta... però continuiamo a rientrare nel de gustibus, quindi non fa testo ahaha)
tino
Mercoledì 15 Agosto 2018, 18.23.23
118
Se non è riuscito nell'intento di farsi una carriera solista come ozzy o dio o di costruirsi un gruppo su misura come coverdale, la colpa non è di harris e nemmeno di bruce, evidentemente al di là del talento e degli abusi mancava una vera e propria forza di volontà, il tempo ce l'ha avuto, parliamo di un ragazzo al top a vent'anni in un momento storico che sfornava artisti a ripetizione, quindi evidentemente non è un artista completo ma uno che ha bisogno di essere guidato , il suo carattere ribelle glielo ha impedito ed è rimasto un idolo per nostalgici, peccato, l'ho sempre amato e l'ho anche supportato andandolo a vedere qualche volta da solista ma meno che bruce c'è, e che bruce
TheRealThing
Mercoledì 15 Agosto 2018, 18.21.27
117
Ben poco cosa intendi dire ? Se un cantante come Bruce è ben poco... allora Paul cos'era ? Senza offesa per lui...ma oggettivamente siamo su 2 galassie ben distinte...
lucignolo
Mercoledì 15 Agosto 2018, 18.02.56
116
Alla fine è la professionalità che paga,così gira il mondo,e DiAnno non è l'unico esempio,però resta sempre l'amaro in bocca...non so se sia giusto che il mondo giri così.E' vero che i gusti sono gusti ma al netto della professionalità e della tecnica ai maiden (e ad Harris) è rimasto ben poco.questa è solo una mia impressione,ci mancherebbe altro.
TheRealThing
Mercoledì 15 Agosto 2018, 16.29.34
115
Al netto dei gusti personali, bisogna essere in grado di guardare la realtà in maniera oggettiva... grazie a Di Anno per quello che ha fatto nei primi 2 album, e ci mancherebbe...ma è grazie a un grandissimo professionista come Dickinson se sono diventati quello che sono e soprattutto se al giorno d'oggi possono ancora continuare a mettere in piedi spettacoli di un livello qualitativo così alto...ripeto, i gusti sono legittimi, per carità, ma i fatti parlano chiaro...
Vitadathrasher
Mercoledì 15 Agosto 2018, 16.21.26
114
Zio harris vuole solo fedeli scudieri, e senza troppi eccessi. Ed ha pure ragione, per mandare avanti una band per tutti questi anni ci vuole gente cò i capo. Inoltre son convinto che con bruce sono diventati quello che sono anche e sopprattutto grazie a lui. Oggi con paul sarebbero tipo i judas, che suonano a Firenze prima dei sevencazzosichiamano.
lucignolo
Mercoledì 15 Agosto 2018, 9.43.22
113
certe persone pagano il loro destino,non saprei che altro dire,quando lo riascolto in Charlotte the harlot mi salgono i brividi,oggi come allora,ho cercato notizie recenti in rete,ultimamente sembra sia scomparso,spero solo scomparso.Forse ha perso molto,ma ci ha regalato anche qualcosa di speciale che sopravviverà alle sue e nostre miserie umane.buona fortuna e un grazie enorme.
ObscureSolstice
Lunedì 1 Maggio 2017, 15.53.45
112
ha iniziato bene e ha finito ancora meglio troppo presto. Ci mancherebbe che nel 1980 non avesse una voce con un bel tiro, aveva appena iniziato...
lisablack
Giovedì 30 Marzo 2017, 21.11.13
111
Hai ragione, in quel Live era grandioso..che tempi!
Silvia
Giovedì 30 Marzo 2017, 21.03.49
110
@lisablack, anch'io decisamente, non so se si era capito 😅! Hai visto nel Live at Ruskin Arms (1980) che voce tira fuori? Non é improbabile che se fosse rimasto avrebbero fatto grandi cose comunque (al netto degli eccessi e la mancanza di professionalità, ovvio)
lisablack
Giovedì 30 Marzo 2017, 19.41.09
109
Mah..guarda, io lo preferisco quasi quasi a Dickinson e penso che fosse rimasto nei Maiden, chissà cosa sarebbe successo..peccato perché era all'epoca, un frontman con personalità e voce.
Silvia
Giovedì 30 Marzo 2017, 18.53.31
108
Bell'articolo, che dipinge proprio la sua personalità. Come ho detto in tanti altri post mi piaceva tantissimo, quando avevo 16 anni e forse anche meno ero una super fan degli Iron Maiden e volevo essere come lui, era il mio mito! Una voce unica, con quel timbro caldo, pulito ma il modo di cantare aggressivo e ruvido. Ancora oggi è una delle mie voci preferite e sul web ho potuto vedere bootlegs in cui mi sono resa conto anche di che frontman fosse e di quale talento avesse dal vivo, senza editing e fronzoli. Peccato x come si è ridotto, anche se ascoltare le sue interviste è uno spasso, sembra un tipo diretto che non si fa sconti 😅
Philosopher3185
Giovedì 16 Luglio 2015, 23.31.38
107
Aggiungo un utlima cosa:era troppo figo con gli stivali neri,i pantaloni di pelle e la camicia bianca con il colletto alzato..sembrava un giovane e moderno conte Dracula! aveva stile!
Philosopher3185
Giovedì 16 Luglio 2015, 23.29.58
106
Piu' passa il tempo,e piu' sto rivalutando quest'uomo..avra' tutti i difetti che volete,ma è un tipo sincero,schietto,che dice cio' che pensa,uno che potrebbe tirarsela a mille,e invece mi sembra sempre che sia una persona umile e disponibile verso i fan...Dickinson sara' anche superiore,tralasciando il fatto che come persona mi sta un po' antipatico,ma Di anno aveva un anima esistenzialista ai maiden che dopo è venuta mancare..poi personalmente ho sempre provato simpatia,per questi personaggi genuini che sono braccati dal loro lato oscuro e combattono contro tante difficiolta'..sono a loro modo eroi romantici...
HMF LucaR16
Martedì 2 Dicembre 2014, 23.15.45
105
I primi due album con i Maiden sono, in mia opinione, i due migliori della loro carriera, e quando li canta Bruce in live... No. Di Anno era perfetto e lo adoro come cantnte, lo ritengo superiore a Bruce, perché anche lui i suoi acuti li ha fatti doverosamente. Peccato che abbia dissolto il talento in droghe alcool, sennò poteva dientare uno dei migliori di sempre in ambito Heavy. Un vero peccato.
paolone
Sabato 29 Novembre 2014, 1.20.59
104
sotto scivono gigi d'alessio superiore a dickinson..a dickinson no, ma all'ultimo di anno assolutamente si....so cantare meglio io sotto la doccia
paolone
Sabato 29 Novembre 2014, 1.18.43
103
l'ho visto dalvivo 2 volte..10 anni fa e l'anno scorso...UNO SFACELO DI UOMO e una merda assoluta di cantante..voce distrutta!!! Ho ltto che è finitodentro perchè falso invalido..che LOSER!
stranger in a strange land
Sabato 16 Agosto 2014, 1.24.00
102
Letta la polemica sommessamente rinnovo l'invito a una dieta varia, che spazi dalla fiorentina al sarago, passando - perché no - per l'hamburger e la sardina. È una metafora, s' intende ; D
ObscureSolstice
Martedì 12 Agosto 2014, 2.03.15
101
I primi 2 album li amo soprattutto per il suono e la produzione sporca, dove si sente che erano gli inizi dove hanno registrato quegli album con pochi soldi, dove c'è un sound caldo che avvolge, ruvido, quasi echeggiante come nella favolosa Strange World da mozzare il fiato. Va bene che la voce di Paul è graffiante, calda...ma quello che in pochi hanno detto è proprio la produzione e il suono che è così e io amo le produzioni vecchio stile, vissute, che trasudano sudore, dove sono legato molto al primo soprattutto. Quelle canzoni sono tutte dei capolavori dalla prima all'ultima, ha segnato la storia del metal perché le caratteristiche compositive presenti in quest'album, nemmeno in quelli dei veterani Judas Priest si erano mai ascoltate!
Sambalzalzal
Martedì 12 Agosto 2014, 1.52.03
100
Ci metterei la firma Painkiller@ comunque è vero, certe cazzate ultimamente proprio a livello esponenziale!
Painkiller
Martedì 12 Agosto 2014, 0.30.48
99
Sarà il caldo che dà alla testa o un'epidemia che ha trasformato i minions di cattivissimo me in un'orda di troll ubriachi ma da qualche settimana ovunque giri sul sito ti trovi a discutere della teoria della relatività del capolavoro, dell'inesistenza delle pietre miliari e della crescita delle orecchie quadre che ti permettono di capire finalmente che fino ad oggi il metal non è esistito e che sei stato prigioniero nell'area 51. Urge registrazione obbligatoria con chip sottocutaneo
dario
Lunedì 11 Agosto 2014, 23.16.42
98
Alan ha scatenato tutto, ma non si è più fatto sentire. Peccato, delle opinioni così lungimiranti...
Gigi lo sciocco
Lunedì 11 Agosto 2014, 23.14.10
97
Io continuo a pensare che colui che ha iniziato tutto sto discorso di Dickinson peggio addirittura di bayley non avesse cinquant'anni ne fosse serio. Voleva provocare e pare proprio che ci sia riuscito. Non ha senso stare a perdere più di tanto tempo.
Sambalzalzal
Lunedì 11 Agosto 2014, 21.41.45
96
SNEITNAM@ purtroppo la cosa che dici è stata il via agli altri commenti assurdi. faccio mea culpa anche io perché è probabile che non avrei dovuto dare corda a cose simili ma è anche vero che sempre più saltano fuori commenti che sono veramente assurdi e fuori di ogni logica. DiAnno nei primi due albums è stato mostruoso. Dickinson avrebbe fatto altrettanto? Non credo proprio, ma dopo, DiAnno non avrebbe mai potuto eguagliare Dickinson alla stessa maniera! Quello che dico io, su una carriera di una band EPOCALE, la differenza la fanno solo due albums? Dickinson è veramente un incompetente? una mano sulla coscienza per favore ragazzi. BIos@ non ce l'ho con te però ti sei posto veramente male, non centra nulla col difendere Dickinson credimi, li ho bastonati in più occasioni e anche io mi sono preso per questo le mie belle legnate!
spiderman
Lunedì 11 Agosto 2014, 21.35.00
95
@hj si puo' discutere di tutto, tranne che dire che Bruce con il suo timbro non dica niente, perche' e' assolutamente falso.
hj
Lunedì 11 Agosto 2014, 21.24.12
94
Spider@ concordo con quello che dici però non scordiamoci che Paul è peggiorato per motivi di autodistruzione, ma è anche vero che ai piani alti ci andava pure lui, ad esempio in killers, purgatory, Twilight zone...è ovvio che se facciamo un sunto delle carriere Dickinson-andrews finirebbe come Germania -brasile, ma tecnicamente, almeno sui primi 4lavori dei Maiden se ne può discutere
SNEITNAM
Lunedì 11 Agosto 2014, 21.20.03
93
Mi permetto di intromettermi perchè è da dire una cosa. Vero che i toni poi si sono molto scaldati e ognuno indubbiamente ha le sue colpe ma la scintilla l'ha gettata il classico personaggio che secondo me si infiltra solo per generare orde di commenti in cui poi ci si ritrova a scannarsi l'uno contro l'altro. E questo alla fine non porta mai a niente. Uno che esordisce scrivendo che gli ha fatto addirittura schifo vedere i Maiden con Dickinson e che Bruce non ha un cazzo di voce è meglio lasciarlo perdere perchè se a 50 anni uno veramente ragiona in questa maniera non va assolutamente considerato. Tanto alla fine il valore di un cantante come Bruce Dickinson rimane anche senza tutto questo scannarsi a vicenda. Per me sono stati tutti e due due ottimi cantanti ma quando ascolto Live After Death specialmente in pezzi come Aces High e Run to the Hills Bruce è da pelle d'oca
spiderman
Lunedì 11 Agosto 2014, 21.13.33
92
@Bios cappellata non mi sembra un offesa, pero' se sei cosi' delicato mi scuso, a difendere La Scabbia ero quasi solo, avevo quasi tutti contro, solo per aver detto che mi piacciono di piu' British Steel, Defender, e Screaming, di Painkiller quasi mi sbranano, mi sembri un po delicatuccio, ariscusa dunque, pero' hai rotto le scatole a dire fan boy, io non sono mai stato fan boy di nessuno, percio' piantala di etchettarmi fan boy.Non e' poi che hai detto mi pice o non mi piace, e li son gusti, e non ci metto bocca, ma hai detto che il timbro di Bruce non trasmette niente e questo non e' vero nel modo piu' assoluto, ma lo hai mai ascoltato Powerslave o Piece of Mind? Misa' di no , li Bruce con le sue corde vocali non solo prende l'ascensore e arrivaai piani alti, dove Di Anno non arrivera' mai, ma ci arriva con acutezza, potenza e intensita' interpretativo-espressiva cui il monocorde Paul rimarra' sempre ai piani bassi sforzandosi fino a diventare stitico per raggiungere quei livelli, le linee vocali di bruce hanno sempre interpretato alla perfezioni tematica ,songwriting e scrittura dei brani, Di Anno appena uscito dai Maiden invece ha " interpretato" in modo ridicolo", solo la falsa copia di se stesso, se era bravo con la voce e con i primi maiden lo era per quel ruolo doveva dimostrarlo e non lo ha fatto.Poi di voci "particolari", se proprio devo valutarle ottime mi sposto su nomi come Roy Kan e Tommy Karewick, e non su Axl che tra l' altro fa hard rock e non metal, specialmente nei live fa pena da sembrare un gallo castrato.Lo ripeto non sono mai stato un fan boy di nessuno, non lo ripetro' piu' in seguito.
BIoS
Lunedì 11 Agosto 2014, 21.09.06
91
Sambalzalzaò: Io mi pongo da dito in culo? Io nel mio primo post sono stato chiaro, conciso e civile. Ed ho espresso un concetto anche facile da capire. TU hai risposto che dovevo andarmi a far fare le pippe da qualcun altro perchè da solo non sono capace. TU hai scritto che di musica non capisco un cazzo. TU. TU sei quello che si pone da dito in culo perchè SECONDO TE, un altro fanboy ritardato, io ho offeso Bruce Dickinson. Che peraltro non è vero. Non ho mai scritto che è scarso e non mi sognerei mai di farlo, dioc**e, ma leggete o fate apposta?? No, siete proprio indietro di vostro.
hj
Lunedì 11 Agosto 2014, 21.01.28
90
A me sinceramente di chi ha torto o ragione non interessa, ognuno ha le sue idee, non mi piacciono i modi con i quali queste idee vengono contestate, quindi ho manifestato la mia solidarietà a blos, chiusa la questione niente di personale
Lizard
Lunedì 11 Agosto 2014, 21.00.14
89
Uhm... io invece non sono molto d'accordo che un'impostazione lirica comprima la personalità e l'espressivita' del canto. O meglio, è vero che padroneggiare quella tecnica in maniera sufficiente richiede talmente tanto studio e applicazione che poi si rischia di dimenticare la parte più espressiva, ma dire che poi tutti finiscono per assomigliarsi è falso in senso assoluto. Il canto moderno richiede sicuramente una tecnica inferiore e addirittura sono permesse e tollerate imperfezioni del canto come stonature, soffiati, grida, etc etc come mezzi espressivi. Detto questo, io amo Paul Di Anno nei primi album dei Maiden, perché è perfetto per quella musica, molto più di quanto lo sia Dickinson. D'altra parte, da The Number of the Beast in poi anche la musica dei Maiden è cambiata e quel cambiamento è stato possibile solo grazie alla voce di Dickinson e avrebbe funzionato solo con lui. Di Anno semplicemente non sarebbe stato adatto. E anche questa è espressività, per me.
Sambalzalzal
Lunedì 11 Agosto 2014, 20.57.18
88
HJ@ il branco lascialo perdere, sono in modi in cui vengono dette alcune cose. Non si può liquidare la carriera di una band ed un cantante che è il cantante per eccellenza per il parere di un fra cazzo da Velletri che "sa come cantare". Paul DiAnno è stato un grande nei primi due album, poi è caduto. I Maiden sono andati avanti e Dickinson ha fatto la storia. Se a me non piace una band la lascio perdere, nemmeno mi preoccupo di chi ci canta o altro. Qua invece pare ci siano parsone che anche amando solo Paul abbiano continuato a seguire la band solo per lamentarsene. E' Normale? Questo, Poi altra cosa, DiAnno sarebbe riuscito a fare qualcosa tipo il World Slavery Tour o Somewhere in TIme O Seventh Son Of A seventh Son? No ovviamente, altrimenti li avrebbe fatti, invece non è riuscito a fare un cazzo. Ragazzi, parliamoci chiaro, se uno è un bravo musicista non ha bisogno del badante, non ha bisogno di Harris, fa grandi cose ugualmente. DiAnno ci è riuscito? meditate cazzo.
hj
Lunedì 11 Agosto 2014, 20.36.41
87
Sinceramente sto dalla parte di blos@, ma non per aver sostenuto la tesi della scarsità di Dickinson, bensì perché trovo di cattivo gusto attaccare a mo di branco le voci di dissenso, anche se all'apparenza possono sembrare eresie. Io non sono un cantante pertanto non posso parlare di tecnica, però è anche vero che l'espressività, il timbro, il calore ruvido, della voce del primo Paul erano doti più uniche che rare.
Sambalzalzal
Lunedì 11 Agosto 2014, 20.20.15
86
BIoS@ A me se tu ti incazzi non frega niente. Lascia stare gli isterismi da ragazzina sedicenne. Come a nessuno frega nulla se mi incazzo io qua sul sito. Se ti poni da dito in culo i responsi sono questi. Poi per il resto l'invito ad iscriverti nel forum è sempre valido. "Se poi a te e agli altri fanboy dei Maiden piacciono tanto i gruppi clone con le voci intercambiabili fra loro, cavoli tuoi" Hai iniziato così. Se sei borderline cazzi tuoi.
BIoS
Lunedì 11 Agosto 2014, 20.01.45
85
@ Sambalzalzal: IO MI PONGO IN MODO SIMILE?? IO?? Guarda che io qui non ho fatto una benemerito sega di niente. Io. Io ho solamente provato a spiegare una cosa, visto che avevate appena mangiato la faccia ad uno che aveva detto che Dickinson non gli piaceva. Io ho solo provato a spiegare perchè oggettivamente c'è gente a cui può non piacere. Poi TU e quell'altro siete quelli che si sono infervorati e hanno cominciato a parlare di "cappellate", di "farsi fare le pippe da qualcun'altro". Sei tu che ti poni, non io, e per questo mi hai fatto incazzare. TU hai cominciato ad attaccare, senza nessuna motivazione valida e senza minimamente provare ad argomentare la ragione secondo cui per te io posso o no avere torto, semplicemente dicendo che le mie sono "cazzate". Io non ho attaccato nè difeso nessuno. HAI FATTO TUTTO TE. @ spiderman. Non mi risulta oltretutto di aver mai scritto che Di Anno sia un miglior frontman rispetto a Dickinson, nè che sappia cantare meglio di lui, o che abbia una maggiore estensione. Quindi evidentemente significa che non sapete neanche leggere quello che c'è scritto. Detto questo, saluti, fanboy dei Maiden, io in questo articolo non ci commento più. Ciao ciao.
Sambalzalzal
Lunedì 11 Agosto 2014, 19.38.29
84
Pardon Trucido@
Er Trucido
Lunedì 11 Agosto 2014, 19.27.56
83
Ragazzi abbassiamo i toni per piacere, non mi pare il caso di esagerare finendo nell'insulto.
Sambalzalzal
Lunedì 11 Agosto 2014, 18.19.47
82
Ma poi basta veramente co ste stronzate, ma che cazzo. Pare che uno ha a che fare sempre co gente di 10 anni. "Senò mi incazzo" mavaffanculo va.
spiderman
Lunedì 11 Agosto 2014, 17.47.51
81
Qui si delira sul serio, parla di personalita', ma se ultimamente soprattutto invece di cantare scoreggia, e deve portare a spasso la sua trippa con la cariola per quanto gli pesa.Dickinson ha fatto cose egregie anche da solista al di fuori dei Maiden, mentre di Anno non ha fatto un cazzo, inoltre DiAnno, Axl, e Lawless hanno una cosa chr li accomuna, hanno un vocal range che fa ridete i polli se paragonato a quello di Dickinson, che raggiunge la bellezza di una estensione di 4 ottave, qusri sono dati di fatto inconfutabili,roba che loro se la sognano.Non scherziamo per piaccere, basta sparare cazzate a raffica.
Sambalzalzal
Lunedì 11 Agosto 2014, 17.43.04
80
BIoS@ Senti, sai cantare, sono contento per te. Che hai risolto nella vita? ti incazzi? bene, vieni sul forum, contattami in privato almeno magari stavolta qualche vaffanculo nella vita reale te lo prendi veramente. Se non qualche schiaffone, perché se ti poni in modo simile prima o poi vedrai che la guancia arrossata te la prendi. Sei un fallito e basta. I Maiden non li ascolto più da anni, se ci tieni a saperlo ma certe cazzate sono da pisciarci sopra e basta. Ripeto, ma chi te lo fa fare a metterti in mostra con stronzate simili. Sai cantare? Bene. Sti cazzi.
madaverodavero?
Lunedì 11 Agosto 2014, 17.33.01
79
Ho le" zuite" in giardino, i peli nelle orecchie, il latte alle ginocchia, e l'orchite galoppante. E tu no! Adesso m'è venuto pure il mal di pancia. Un altro frustrato che "sa cantare" ma non combina 'na cippa e non gli resta che vomitare sentenze per riabilitarsi agli occhi del mondo... e s'incazza pure!!!
the Thrasher
Lunedì 11 Agosto 2014, 17.26.17
78
A questo punto visto che le spacci come 'verità assolute' e dati di fatto mi piacerebbe conoscere la definizione di 'interessante' e la definizione di 'personalità', questa magnifica parola che vuol dire tutto e niente.
BIoS
Lunedì 11 Agosto 2014, 17.06.49
77
No. Io so cantare. Io conosco la tecnica. Tu forse no a quanto pare. Ribadisco, perchè veramente con voi fanboy dei Maiden è impossibile creare discussioni intelligenti, il fatto che nel cantare impostato si perda espressività è innegabile. E basta. E' come il cantato lirico. Stessa cosa. Tutti i cazzo di tenore del mondo suonano praticamente uguali tra loro. E tutti i cazzo di contralto del mondo suonano uguali tra loro. Eccetera. Ed è così. Punto. Poi i gusti sono gusti, e a me dei gusti non me ne frega un cazzo. A te può piacere. Ad altri può non piacere. Ma sul fatto che la voce di Dickinson sia meno particolare e meno interessante di quella che aveva Di Anno non si discute, questo sei TU che lo sai bene. E adesso veramente basta che senò mi incazzo anche. Saluti.
Sambalzalzal
Lunedì 11 Agosto 2014, 16.55.56
76
Punto un par de palle BIoS@ Se a te non piace è un conto, assolutizzare la cosa è una cazzata e tu questo lo sai bene, altro che dato di fatto. Dato di fatto di chi tra le altre cose? Ripeto, ma piantatela di dire cazzate, ma chi ve lo fa fare.
BIoS
Lunedì 11 Agosto 2014, 16.30.03
75
A livello timbrico Dickinson non trasmette niente. Come James La Brie dei Dream Theater, come il già da te citato Michael Kiske, e come tutti gli altri cantanti di tutti gli altri gruppi heavy e power del mondo, che sembrano fottute copie carbone gli uni degli altri. Il cantato pulito, come tutte le voci impostate, è poco espressivo e poco personale. E non lo dico io per trolleggiare, è semplicemente un dato di fatto. Se poi a te e agli altri fanboy dei Maiden piacciono tanto i gruppi clone con le voci intercambiabili fra loro, cavoli tuoi. Io preferisco la gente che ha un suo stile. Ripeto, non si può criticare la tecnica di un cantante del genere, però è molto facile intuire perché ci può essere gente a cui non piace. Di Anno la personalita ce l'aveva. Dickinson no. Punto.
Sambalzalzal
Lunedì 11 Agosto 2014, 16.26.52
74
Ragazzi, andateve a fa na pippa va! Oppure pagate qualcuna e fatevela fa nel caso non sappiate come fare! Sicuramente, nel caso siate seri per davvero, di musica non capite veramente un cazzo.
spiderman
Lunedì 11 Agosto 2014, 16.12.51
73
Ecco ci mancava pure quello che diceva una cappellata simile"A livello di timbro di voce non trasmette niente". Ma andate a trolleggiare da qualche alta parte.Basta con le stronzate ecchecavolo.
BIoS
Lunedì 11 Agosto 2014, 15.54.12
72
Obbiettivamente, comunque, è vero che Dickinson è uno dei tipici cantanti fenomeno, tecnicamente molto bravo, e che però a livello di timbro non trasmette niente. Ha la classica voce pulita, innocua, che fa il suo dovere e poi però non rimane impressa e non fa mai risaltare un bel niente in nessuna occasione. Oltretutto immagino che il termine "afono" sia stato usato perchè in effetti il modo in cui canta è quasi aspirato e quindi dà spesso l'impressione di sfiatare. Ci sono centinaia di cantanti come lui. Da tutte le parti. Solo qui in zona dove abito io abbiamo due diverse coverband degli Iron ed entrambe hanno cantanti che cantano UGUALE al Dickinson vero. Piattume ed anonimità massimi livelli. Solo tecnica e basta. Anche io preferirei di gran lunga una voce più memorabile. Poi ripeto. Dire che sia scarso è una cazzata enorme. Però fra lui, un Blackie Lawless o un Axl Rose ad esempio, Dickinson è quello che ne esce frantumato e con le ossa rotte. Perchè gli altri hanno la tecnica ma poi hanno anche la personalità ed il carisma nel timbro. Lui no.
spiderman
Lunedì 11 Agosto 2014, 15.08.17
71
Cooosaaaaaaaa!? Gigi D'Alessio superiore a Dickinson ? Cioe' superiore ad uno dei cantanti che e' nell'olimpo del metal insieme a nomi come Dio, Halford, Tate, e Kiske ? Io ammetto che nei miei commenti possa aver detto qualche cavolata in questa Webzine, ma sono giovane, credo che l'eta' sia uno scherzo, lo voglio sperare, altrimenti davvero l'eta' gioca brutti scherzi( e ci metto pure il sole d'Agosto),roba simile le mie orecchie non l'avevano mai sentita, mai udita , questa e' una stratosfrica balla, una vera e propria CAZZATA megagalattica.
Sambalzalzal
Lunedì 11 Agosto 2014, 7.51.26
70
Alan@ se ammetti di non avere 50 anni e passa magari potresti avere la possibilità di redimerti! Sai quale è la parte che mi sfugge? Segui la band dall'inizio, due albums con DiAnno e poi hai continuato per 10 anni e passa a sorbirti un cantante afono come Dickinson? Ma chi te l'ha fatto fare. Comunque più anni passano e più sento dire veramente delle STRONZATE apocalittiche!!!!
dario
Lunedì 11 Agosto 2014, 4.59.30
69
Adesso pure Gigi D'alessio !! Alan hai oltrepassato ogni limite...ahahahah
Alan
Domenica 10 Agosto 2014, 21.28.49
68
Non dico che Bailey ha fatto la storia,per me l'importante era che andasse via dickinson,sarebbe andato bene anche Gigi D'Alessio per sostituirlo.Anch'io ho visto Blaze a Pesaro con gli Iron (ne infamia ne gloria).Se qualcuno si ritiene offeso delle mie opinioni chiedo scusa.
hj
Domenica 10 Agosto 2014, 14.55.41
67
Sicuramente Steve è uno che rischia con i cantanti non prendendo delle fotocopie come hanno fatto ad esempio judas, queensryche o accept. Comunque sono d'accordo con il paragone culinario, erano e sono due voci e soprattutto due uomini diversi
EvilEvil
Domenica 10 Agosto 2014, 14.52.39
66
@Vitadatrasher: è evidente che è un problema di età, vedrai che a cinquant'anni la penseremo esattamente come lui! Con l'età e con i capelli bianchi si diventa saggi, è matematico.
spiderman
Domenica 10 Agosto 2014, 14.45.59
65
Chi e' la fiorentina? E chi e' il sarago arrosto? (piu' offensivo), sinceramente non l' ho capito quel commento ahahah
Michele "Axoras"
Domenica 10 Agosto 2014, 14.32.16
64
Un plauso al commento #63 .... grazie
stranger in a strange land
Domenica 10 Agosto 2014, 14.07.55
63
Paragonare i due è praticamente impossibile. Un po' come confrontare una fiorentina e un sarago arrosto (scegliete voi quale dei sapori si attaglia all'uno o all'altro). Timbro, registro, estensione e "intenzione" interpretativa completamente diversi. Entrambi perfetti per i periodi maideniani rispettivi. Bailey in questo menu lo paragonerei a un hamburger o una sardina. Buoni, per carità, ma di ben altro livello rispetto alle prime due pietanze...
Vitadathrasher
Domenica 10 Agosto 2014, 13.26.23
62
Vabbè che siamo in agosto e si cazzeggia più volentieri.....ma leggere certe cose.....le posso capire dette da un pischello ma da un 50enne.....
hj
Domenica 10 Agosto 2014, 11.24.12
61
Un afono soprannominato sirena da allarme aereo...
Sambalzalzal
Domenica 10 Agosto 2014, 8.51.30
60
Vabbè dopo questa posso dire di averle sentite tutte. Bruce Dickinson afono. Gli Iron Maiden che migliorano con Bayley. Delirio.
ObscureSolstice
Sabato 9 Agosto 2014, 19.36.44
59
@Alan: Ora vuoi vedere che Bayley è meglio di Bruce Dickinson e ha fatto lui la storia...
dario
Sabato 9 Agosto 2014, 18.24.13
58
Quoto Gigi lo sceicco: con Bailey il punto più basso dei Maiden.
hj
Sabato 9 Agosto 2014, 18.19.14
57
Di anno è stato un grande all'inizio, ora nell'età della maturità va bene per le operazioni nostalgia. Dickinson è stato un grande all'inizio ed è un grande anche ora nell'età della maturità. Ogni confronto secondo me è comunque inutile in quanto sono stati due grandi cantanti per la più grande metal band ma sono stati e sono due voci e due persone completamente diverse. Comunque due giganti.
Gigi lo sciocco
Sabato 9 Agosto 2014, 18.04.09
56
Si può dire quello che si vuole di Dickinson, può non piacere, lo si può trovare ripetitivo, ma non si può di certo dire che non ha un cazzo di voce!!!...i Maiden con Bailey li ho visti dal vivo nel 95 a Pordenone e lasciamo perdere (tra l'altro nei dischi in studio era pure stonato e non poco!!!). Quella di DiAnno è stata comunque la voce perfetta per i primi 2 album.
dario
Sabato 9 Agosto 2014, 17.31.31
55
Paul e Bruce sono totalmente diversi sia vocalmente che come frontman. Entrambi dei grandi a loro modo, anche se sul palco Dickinson ha qualcosa in più. Non voglio sminuire Paul che come ho detto e' un grande, ma dal punto di vista "scenografico" Dickinson e' un animale da palcoscenico , con una grandissima voce ancora oggi ...altroché .
spiderman
Sabato 9 Agosto 2014, 17.30.03
54
Il timbro, la tessitura vocale, e il vocal-range di Dickinson Paul DiAnno se li e' sempre sognati come incubi la notte, visto che ha sempre avuto una voce monocorde e non variata, e potenti ruvide piu'della sua ne' e' pieno il metal,bravo nei primi slbum con i Maiden,ma poi il meyal ha prodotto di meglio di lui, inoltre non arrrivera' mai agli acuti e alla potenza interpretativa-espressiva della voce di dickinson, per non parlare della aglilita' e presenza scenica, mi dispiace ma in un ipotetico confronto,pur con tutto il rispetto per Di Anno,Dickinson ne esce vincitore.
Alan
Sabato 9 Agosto 2014, 15.46.15
53
Ma stiamo scherzando?Paragonare il grandissimo PAUL a quell'afono di bruce? Ma provate ad ascoltarvi bene "Murders in the rue morgue"nelle due versioni,Paul gli caga in testa a quello là.Ho più di 50 anni ,ho visto gli Iron nell'81,dopo li ho visti qualche volta con Bruce e mi hanno fatto schifo.Solo con Bailey si erano un pò ripresi.Paul aveva della grinta da vendere,quell'altro corre solo sul palco ma non ha un cazzo di voce.Lo so adesso Lui sembra vecchio e disfatto ma l'amerò sempre,ha rappresentato tanto per me e i miei amici.Voce fantastica
Matteo
Giovedì 10 Luglio 2014, 21.23.14
52
Un mostro coi Maiden, un idiota nel resto della sua vita. Dice bene chi lo accusa di aver gettato il suo talento: in Iron Maiden e Killers è stupefacente, e anche il Maiden Japan, qualità abbastanza bassa a parte, è una vera perla. Purtroppo c'è da dire che la sua voce era troppo sex/drugs/rock'n'roll per quello che i Maiden avrebbero fatto in seguito (me lo vedo a cantare Hallowed be thy name), e in questo senso il canto più "operistico" (come dice Paul) di Bruce è stato sicuramente azzeccato, specie in unione all'amore per le composizioni prog-oriented tanto amate da Harris (ok, Paul ha cantato Phantom of the opera, ma non penso se la sarebbe cavata altrettanto bene su To tame a land/Rime of the ancient mariner, lasciando perdere per pietà le parti di SIT e SSOASS).
Enomis
Venerdì 2 Maggio 2014, 18.59.24
51
Un grandissimo al tempo dei Maiden, i primi due album sono vere e proprie perle; tuttavia oggi gli anni d'oro se ne sono andati, e con essi il DiAnno che amavo. Negli anni ha buttato via la sua voce e maturato un complesso d'inferiorità nei confronti della sua ex-band, ovviamente negato... Se dichiari di odiare tutto ciò che gli Irons hanno fatto dopo lo split con te, perchè chiami un tuo tour "The Beast in the East", facendo riferimento a The Number of the Beast, probabilmente l'album più conosciuto dell'allora quintetto inglese, e dunque sfruttandone la popolarità? Perchè abbassarti al livello dei poser che ai tuoi concerti urlano il nome di Dickinson, prendendo ad insultare loro e attribuendo alle loro madri mestieri innominabili, facendo continuare il tutto per 10 minuti? Purtroppo, almeno per come la vedo io, sia sul profilo tecnico che su quello etico DiAnno ora non vale la metà di ciò che è stato in passato.
Gianluca
Lunedì 17 Febbraio 2014, 20.44.53
50
Lo dico francamente: non ho mai amato i Maiden con Dickinson. Non li reggo. Anche ascoltando dischi storici della band come "The Number of the Beast" o "Live after Death", mi fermo sempre a metà. Ma i Maiden con Paul Di Anno erano diversi. Stravedo per quei due album e sono alla perenne ricerca di bootleg di quella formazione. Ho visto due volte Pual Di Anno dal vivo e elatrettante volte i maiden con Dickinson. Non c'è stato paragone, pur esibendosi il primo di fronte a 50 persone e i secondi in uno stadio. E' stato un grande, ribelle nel nome (scegliere un nome d'arte italiano in una Inghilterra da sempre razzista nei confronti degli italiani, denota palle e coraggio), nell look (l'unico dei maiden ad aver indossato abiti di pelle), nella voce (rabbiosa, cavernosa, urlante e molto altro). Ho recentemente comprato il suo disco con i KILLERS (MURDER ONE) e mi è piaciuto un sacco. Al contrario de dischi con Dickinson, non riuscivo a toglierlo dal piatto. UN GRANDE!!!
videoklip
Sabato 4 Gennaio 2014, 10.30.34
49
Un grande del metal vera rabbia feroce con anima punk nella sua voce,la sua sfortuna non aver trovato un band adeguata alla sua voce dpo lo split coi maiden,rispetto vabbè, ma che senso ha oggi sputtanarsi così?.è la falsa copia di se stesso.Della serie "lassa perde".
Philosopher3185
Venerdì 27 Dicembre 2013, 14.23.13
48
Si puo' dire molte cose di lui,ma è indubbio che senza la sua voce da angelo perduta,il suo carisma da teppista ecc,i maiden forse,non sarebbero quello che sono oggi.Bruce Dickinson ha portato cultura e potenza nei maiden,ma quella ferocia stradaiola se ne è andata con di anno...peccato che non abbia saputo trovare delle band di un certo livello perché nei battlezone,ci sono 2 o 3 pezzi davvero notevoli e di anno canta in modo davvero strepitoso.
dario
Domenica 19 Maggio 2013, 1.34.35
47
Di anno e Bruce : due miti dell'heavy metal diametralmente opposti. Il primo voce graffiante , sporca, anche se non molto potente e aspetto da ribelle. Il secondo con una forte personalità e con una voce potente ed di estensione notevole. Io adoro entrambi, inutile discutere su chi era il migliore, a loro modo lo erano entrambi.
Vitadathrasher
Domenica 19 Maggio 2013, 0.30.29
46
Con di'anno erano un altro tipo di maiden, ne meglio ne peggio dell'era bruce.d, solo diversi. Sicuramente per il genere bruce ha reso la band monumentale, una band heavy a tutto tondo e per tutti i palati.
iron
Domenica 19 Maggio 2013, 0.12.13
45
e a me i maiden moderni piacciono
iron
Sabato 18 Maggio 2013, 23.09.08
44
io vidi di'anno coi maiden nel 1978 e rimasi stupefatto da una tale aggressività e grinta,i primi 2 album,grezzi e allo stesso tempo perfetti saranno sempre i migliori,la voce di di'anno è incredibile,peccato che abbia avuto discussioni coi maiden,lui era e sarà il mio singer preferito x quanto riguarda la voce,bruce è sempre un mostro sacro invincibile,ma nn ha quei toni grezzi di di'anno,tuttavia bruce ha dei toni alti e acuti e x questo i maiden sn cambiati
BILLOROCK fci.
Venerdì 18 Maggio 2012, 13.38.59
43
" just sixteen pick up a truck.... out money, out of luck....i got no place to call my own.. hit the gas and here i come.... im running free , im running free yeah... "
metalmania
Martedì 15 Maggio 2012, 13.23.04
42
Un grandissimo,come sono grandissimi i 2 primi capolavori dei maiden!!!!!L'ho rivisto con piacere qualche hanno fa a genova e sentirlo dal vivo cantare i pezzi dei maiden beh x un 47enne come me e'stato bellissimo!
Northcross1
Lunedì 14 Maggio 2012, 19.53.26
41
@HEROofsand: concordo in questo sito ci sono persone che amano il power... E per fortuna
HeroOfSand_14
Lunedì 14 Maggio 2012, 14.20.12
40
Bene, immaginavo che non ero l'unico amante del power (assieme al buon Radamanthis!) in questo sito! Attendiamo con ansia
Sambalzalzal
Domenica 13 Maggio 2012, 16.38.33
39
il vichingo@ a quanto pare in terra teutonica, se non sbaglio, ancora non ha preso piede il discorso delle biografie, eppure ci sarebbero bei personaggi che potrebbero raccontarne delle belle su quello che era la scena metal degli 80' da quelle parti!
Northcross1
Domenica 13 Maggio 2012, 15.58.31
38
Concordo con rada... Nulla contro Di Anno ma l'era Dickinson è tutt altra cosa... Secondo il mio modesto parere. Poi i Maiden sono i Maiden ho quasi tutti gli album e sono fantastici. Comunque mi unisco al coro di quelli che vogliono articoli su Kiske, Hansi, Timo, il Legend Hansen ecc... Ci conto
il vichingo
Domenica 13 Maggio 2012, 14.54.14
37
Ma anche un articolo su Hansen o Hansi Kursch non sarebbe male
Radamanthis
Domenica 13 Maggio 2012, 14.52.34
36
Articolo su Kiske....per favore...
the Thrasher
Domenica 13 Maggio 2012, 14.39.25
35
@NHeroOfSand_14: potrebbe essere un'idea, un giorno chissà...
HeroOfSand_14
Domenica 13 Maggio 2012, 13.53.39
34
2 album LEGGENDARI: "Charlot the Harlot show me your leg, Charlot the Harlot take me to bed, Charlot the Harlot let me see love, Charlot the Harlot let me see blooood!"! Rino, sarebbe bello se facessi anche un articolo su un artista del power metal a tua scelta, visto che se ne parla poco (biografie e aneddoti intendo)! Penso che non sarei l'unico interessato ad un articolo ben fatto sui vari Kiske, Sammet, Hansen, Angra ecc ecc..
Sambalzalzal
Sabato 12 Maggio 2012, 21.15.26
33
Arrraya@ Sai, che cmq a questa cosa non avevo pensato. probabile che a pezzo prolisso e annodato quindi corrisponda una voce che non ci azzecca niente.Continuo a ripetere che la pecca è di harris... se lasciasse potere decisionale a dickinson/smith in fatto di composizione è quasi certo che i risultati sarebbero migliori.per quanto riguarda il life after death sapevo che tutte le tracce di cantato erano state "riregistrate" perchè non si sentivano bene. Io avevo letto da qualche parte che la sua voce con il tempo era andata incontro ad un alzamento di ottave (se così si dice, non sono un esperto) ma di preciso non so. non penso dickinson sia uno che pratichi scienze canore a livello di studio, quindi penso sia a livello genetico... sarebbe interessante scoprire di cosa si tratta.
Arrraya
Sabato 12 Maggio 2012, 20.37.12
32
Sono i pezzi che canta degli ultimi album che non funzionano
Arrraya
Sabato 12 Maggio 2012, 20.34.35
31
Per me è solo una questione di pezzi. Ascoltatevi il live all' Ullevi stadium in Svezia nel 2005, con una scaletta improntata sui primi album, e poi ascoltatevi il download per promuovere "A Matter..." , un abisso.Io credo che la qualità dei pezzi ad influenzarci sui singoli componenti della band.Dal punto di vista della voce di Dickinson, non è che "life After Death" fosse cantato benissimo, con quelle note alte monocorde. A me sembra che lui ora canti in maniera leggermente diversa , forse con una tonalità differente (Se qualcuno ne sa qualcosa ce lo dica) e forse canta meglio (in sede live) ora che nel periodo '86/'92.
Sambalzalzal
Sabato 12 Maggio 2012, 19.23.46
30
Argo@ esattamente, avevo detto anche io la stessa cosa... tantopiù che ci sono dei bei pezzi che dal vivo non hanno mai suonato. purtroppo è triste pensare che bands che hanno scritto le pagine più importanti di un'epoca musicale non siano più in grado o abbiano difficoltà ad inventare pezzi incisivi oggi ma è un dato di fatto. Se facessero una cosa tipo World Slavery tour 2 mi ci butterei a capofitto!
Argo
Sabato 12 Maggio 2012, 18.46.50
29
Riguardo il discorso delle idee finite... penso che un gruppo, o il leader di un gruppo, in questo caso Harris, dopo quasi 40 anni di attività, le idee migliori le abbia ormai finite da moooooolti anni... non farei più dischi in studio, ma solo tour, magari proponendo un album intero, o magari uno veramente bello sarebbe uno con tutte le title track dei 15 album + encore di classici, questa idea ai Maiden non è mai venuta!
Sambalzalzal
Sabato 12 Maggio 2012, 17.29.08
28
Argo@si, ovvio il discorso dell'età, ci mancherebbe ed è ancora uno dei cantanti migliori in circolazione. non era tanto quello il mio appunto. Il fatto è che "canta meglio" nei suoi album solisti che nelle canzoni dei maiden (gusti personali ovviamente). Per il discorso relativo ai maiden è come se da un certo punto in poi avessero deciso per qualche motivo di ripetere in serie canzoni tipo rhyme of the ancient mariner senza avvicinarcisi qualitativamente... ryhme all'epoca fece scalpore x i contenuti e la durata, oggi le composizioni sono una legnata nelle palle! Credo che si punti molto alla complessità quando le idee per creare dei veri cavalli da battaglia siano finite.
Argo
Sabato 12 Maggio 2012, 15.00.32
27
La voce di Bruce in questi anni è andata mano a mano perdendo di profondità, come è naturale che sia visto che le corde vocali visto il passare degli anni. E' questo il primo effetto che mi fa quando lo ascolto ora, fino a Seventh Son lui cantava, dopo quel disco ha cominciato a gracchiare, ora invece canta e anche se riesce ad arrivare veramente in alto, la voce si è come "seccata", perdendo molta profondità. Dopo 30 anni e passa di livelli di canto al limite, direi che è più che ovvio, grande Bruce!
Sambalzalzal
Sabato 12 Maggio 2012, 10.45.36
26
Arrraya@ certo, il discorso che fai tu a livello di atmosfere non fa una piega ed è ovvio che con dickinson alla voce probabilmente i primi due album non sarebbero suonati così "brumosi" come li ha cantati di anno... Io parlavo di chi voleva paragonare i due ad ogni costo. Concordo pienamente anche quando dici che l'ultimo periodo è deludente... personalmente penso che dovrebbero semplicemente essere attivi come band live e magari riproporre albums interi come stanno facendo i Metallica in questi periodi. Le nuove composizioni le trovo prolisse e veramente noiose. Anche la voce di dickinson è andata incontro ad un qualche tipo di strano mutamento... canta solo su livelli alti ed a volte risulta veramente fastidiosa. Parlando poi di blaze... con i wolfsbane era una furia! Purtroppo con i maiden si trovò a che fare con reggimi musicali che poco avevano a che fare con la sua ugola...
Argo
Sabato 12 Maggio 2012, 9.30.25
25
Ho già riletto l'articolo soprastante 3-4 volte, e più lo leggo più mi rendo conto di quanto Paul sia un benemerito coglione, un teppistello da quattro soldi che sicuramente era a suo agio nelle zone critiche di Londra negli anni di passaggio tra i 70 e 80, non avrebbe mai avuto la forza di portare i Maiden ai vertici come ha fatto Bruce. Fate così: guardatevi il film "This is England", poi immaginatevi Paul come uno dei teppistelli che fanno parte del film...
jek
Sabato 12 Maggio 2012, 9.23.23
24
Qua non si tratta per me dire chi, tra Bruce e Paul è il migliore. La storia e la classe dice Bruce e per me è fuori discussione, ma bisogna giudicare l'interpretazione che fa DiAnno in quei primi due dischi degli Iron, una voce perfetta per quel sound in quel periodo storico del Metal, poi sicuramente il salto di qualità lo fanno con Bruce, ma ripeto quei primi due dischi .....
Arrraya
Venerdì 11 Maggio 2012, 22.36.54
23
Per quanto riguarda Di Anno in senso stretto devo dire che la band che lo supporta in Italia mi ha deluso la volta che ho avuto modo di vedere Paul.Ad ogni modo ascoltare quei pezzi cantati dal primo vocalist (un po fuori forma a dire il vero) è sempre meglio di qualsiasi ciarpame di metal fighetto "oddio mi sono appena fatto lo shampoo guardate che bello che sono" odierno.
Arrraya
Venerdì 11 Maggio 2012, 22.33.07
22
Per farla breve: Primi due album: 10 - Periodo "Number...Seventh": 9,8 - "No Prayer...Fear" : 7 di stima - Periodo Bailey: 4/5 e non certo per colpa del pur buon Blaze che con i Wolfsbane era tutt'altra cosa - Periodo post Reunion: Molti bassi e pochi alti, quindi un 6 per il mestiere,un 4 per la creatività,8 per i pur sempre ottimi live, ma in definitiva deludenti.
Arrraya
Venerdì 11 Maggio 2012, 22.25.10
21
Io non ne farei una discussione sulle qualità vocali di DiAnno e Dickinson; chi come me predilige leggermente di più il periodo '80-'81 con DiAnno , lo fa per il semplice fatto che i primi due album sono i Maiden migliori in termini di Heavy Metal per come lo intendo io (opinione personale e quindi opinabile per carità), Aldilà delle qualità dei due cantanti, quei pezzi rappresentano ancora oggi il motivo per cui sono qua ancora appassionato di musica.Poteva essere Dickinson il vocalist originale di quei dischi, per me cambiava poco. "Murders in the rue Morgue" suona fresca ancora oggi, a differenza dei polpettoni degli ultimi 15/20 anni, che avevano la muffa gia dopo pochi mesi dall'uscita. Un "Another Life" suonerà sempre bella pimpante con il suo spirito Metal Punk,Il suono grezzo del primo omonimo sarà sempre meglio di qualsiasi produzione recente per il semplice fatto che sono i pezzi ad essere belli e non è certo la produzione eccelsa della maggior parte delle uscite odierne che può far capitare il contrario.La nebbia che mi sale dal pavimento ogni volta che "Transylvania" cede il passo a "Strange World" è vera, e quando apro la finestra sono in pieno Est end Londinese. I delay delle chitarre mi suscitano ancora le stesse emozioni, e questo aldilà delle doti vocali dei due, proprio perchè ad essere vincenti sono i brani epocali. Tutto questo senza dover per forza sminuire in maniera Manicheistica i lavori successivi post Killers o post Seventh Son successivamente.
Sambalzalzal
Venerdì 11 Maggio 2012, 22.24.59
20
il vichingo@dici bene! Giusto giorni fa riascoltavo i Samson del festival di Reading... già allora Dickinson stava un passo avanti... poi con gli album che tu sottolinei si arriva penso al massimo del songwriting... dubito di anno sarebbe mai riuscito a scrivere un pezzo come the rhyme of the ancient mariner. Cmq, ripeto, impossibile fare paragoni per ovvi motivii. Se paul è stato il cantante giusto x i primi due album, dickinson è quello che li ha definitivamente consacrati a ciò che sono oggi. comunque per la cronaca, il mio album preferito è Piece of Mind!!!
il vichingo
Venerdì 11 Maggio 2012, 22.11.19
19
Al folle che sminuisce Bruce consiglio l'ascolto intensivo di Powerslave e e Seventh Son. Si scherza eh, ma per quanto mi riguarda Dickinson è su un altro pianeta rispetto a DiAnno!
ObscureSolstice
Venerdì 11 Maggio 2012, 22.05.36
18
Chi sminuisce l'era Dickinson non sa quello che dice. Come chi sminuisce l'era Di'Anno. Sono sempre gli Iron Maiden, anche se uno magari è durato di più dell'altro artisticamente e Di'Anno è durato 2 anni
Sambalzalzal
Venerdì 11 Maggio 2012, 22.02.14
17
Ai Maiden ne ho sempre dette di cotte e di crude (parlando del discorso di band mangia soldi) ma onestamente non li ho mai insultati dicendo che gli album migliori erano i primi due con Di Anno! Fandonie, come direbbe qualcuno!Pensate ad una cosa: The World Slavery Tour con Di Anno! Sarebbe spirato dopo i primi quaranta minuti del primo concerto... e non è soggettiva come cosa. Il paragone tra i due cantanti di ieri e di oggi non reggerà mai!
il vichingo
Venerdì 11 Maggio 2012, 20.52.18
16
Signore Iddio ho visto la foto di DiAnno in "borghese"... il vecchiotto di quasi 80 anni che mi abita di fronte ha un'aria più arzilla
Argo
Venerdì 11 Maggio 2012, 20.48.03
15
Come si fa a dire che gli anni 80 con Dickinson non facciano parte della storia? Con quei 5 album siamo arrivati ad un livello di canzoni incredibile, io posso capire del tutto chi sia affezionato a Paul, ma non si può sminuire il resto con Bruce, anzi...
Radamanthis
Venerdì 11 Maggio 2012, 20.45.30
14
Precisando...trascinato al concerto con la promessa di birre gratis...e così fu...
Radamanthis
Venerdì 11 Maggio 2012, 20.43.36
13
Ah ah...no dai, non sto muovendo una crociata contro Di Anno...mi sta solo sul cazzo... in modo simpatico (ascolto volentieri i primi due dei Maiden e ho visto pure un concerto di Di Anno con i Chilren of the damned...) ma per favore...non provate neanche lontanamente a paragonarlo alla Sirena Dickinson...
il vichingo
Venerdì 11 Maggio 2012, 20.37.29
12
Eheheeh, l'insofferenza di Rada per il povero diAnno sta diventando leggendaria
BILLOROCK fci.
Venerdì 11 Maggio 2012, 20.36.11
11
beh, Paul Di anno o Dickinson, Bon scott o Bryan Johnson penso siano tra le più grandi dispute di sempre, nel senso che ognuno preferisce uno e non sopporta l altro, specialmente i fan accaniti, io degli iron più che Paul ho apprezzato i primi due dischi non tanto per Di Anno ma proprio per quel suond grezzo e rock n roll, ma apprezzo anche album con dickinso, quali number of beast e altri, mentre degli ac dc, apprezzo tutti e due i cantanti in quanto per me sono vocalmente identici forse la voce di Scott era più nasale, ma per dio che album fantastici che cantano... w RINOOOOOOOOOOO
jek
Venerdì 11 Maggio 2012, 20.20.50
10
Come ho già avuto modo di dire, amando i primi due dischi dei Maiden ed avendoli visti dal vivo con DiAnno, lo metto tra i grandi del Metal. Il dopo non entrerà nella storia ma quei due dischi.... Sicuramente era giusto dedicargli una biografia, bravo Rino.
Radamanthis
Venerdì 11 Maggio 2012, 18.35.29
9
Hola Billo....no, dai, l'odio è altra cosa...è solo che...uff uff, l'ho già scritto miriadi di volte il perchè non lo reggo...
BILLOROCK fci.
Venerdì 11 Maggio 2012, 18.23.38
8
ih ih proprio odio a pelle eh ?? mitico Rada !!
Radamanthis
Venerdì 11 Maggio 2012, 18.20.41
7
Ah, tanto per precisare...insopportabile post Maiden anche se dei dischi dei Maiden l'era Dickinson la reputo nettamente superiore (e forse anche quella Blaze...) ma questo va a gusti...
Radamanthis
Venerdì 11 Maggio 2012, 18.16.17
6
Insopportabile ecc ecc...vedasi ogni mio post su news di tale personaggio...ripeto solo: INSOPPORTABILE!
Argo
Venerdì 11 Maggio 2012, 18.01.11
5
Con tutto il rispetto che posso avere per questo cantante, preferisco di gran lunga i successivi 5 album con Bruce, anche se Killers è qualcosa di meraviglioso.
BILLOROCK fci.
Venerdì 11 Maggio 2012, 17.20.18
4
Beh che dire, la sua voce era tipicamente rock n roll difatti adoro i pri i due degli Iron, però si sparato ad un piede da solo, si è rovinato con le sue mani...
LAMBRUSCORE
Venerdì 11 Maggio 2012, 11.18.06
3
Vedendo la foto "in borghese" mi vien da dire: a parte il bastone (mancheranno pochi anni) e la giacca (non ne ho neanche una) sembro proprio io.....e sono più giovane di lui (comincio a preoccuparmi sul serio....)
Nightblast
Venerdì 11 Maggio 2012, 10.37.59
2
Personaggio unico, contaddittorio, energico e di indubbio carisma. Dotato di una voce punkeggiante che caratterizzò quei due primi capolavori targati Iron Maiden. Di Anno è la chiara testimonianza di come un artista possa rovinarsi con lòe proprie mani. Dopo esser stato cacciato dai Maiden, come tutti sappiamo, la sua carriera ha conosciuto una continua parabola discenzionale causata dai soliti eccessi che lo hanno accompagnato nel corso degli anni. Tra uscite inutili (chi ricorda gli Iron Men, con Stratton) ed uscite abbastanza valide, ha sempre continuato, purtroppo, a vivere all'ombra del suo grande passato, cosa che pur spettandogli di diritto, non si può negare sia abbastanza triste. Proporre set list incentrate per il 70% sui brani di Iron Maiden e Killers, e il fatto di farsi accompagnare da scadentissime tribute band della Vergine di Ferro, di sicuro mette in luce un artista conscio dei suoi limiti che per campare deve pur aggrapparsi a qualcosa. Ha contriibuito a creare l'Heavy Metal, ma il più grande contributo lo ha dato alla sua autodistruzione. Peccato
nerchiopiteco
Venerdì 11 Maggio 2012, 10.01.26
1
Essendo il primo album il mio preferito dei maiden non posso che avere profondissima ammirazione per Di'Anno; purtroppo dopo l'addio non è riuscito a mettere in piedi un progetto stabile e duraturo, ma non credo perchè preferisse campare di rendita con le vecchie canzoni maidiane come a tutti piace raccontare, semplicemente non è stato capace a fare il leader (e come poteva esserlo visti i precedenti e l'addio forzato...). Complimenti a Rino per l'articolo, non era facile scrivere, al di là della semplice biografia, di un personaggio così discusso ; unico pelo nell'uovo: il fatto che a distanza di anni uno cambi idea non lo ritengo necessariamente incoerenza, anzi nella maggior parte dei casi la si potrebbe definire una maturazione, o comunque mi sarei preoccupato se l'avesse fatto a distanza di 5 minuti
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Paul Di'Anno
RECENSIONI
72
80
81
81
90
s.v.
s.v.
69
53
90
69
81
75
71
99
86
85
99
80
90
95
83
85
92
96
ARTICOLI
22/06/2018
Live Report
FIRENZE ROCKS - IRON MAIDEN + GUESTS
Visarno Arena, Firenze, 16/06/2018
27/07/2016
Live Report
IRON MAIDEN + THE RAVEN AGE
Lisbona/Assago (MI), 11-22/07/2016
24/01/2015
Articolo
IRON MAIDEN
757 Stranger in the... Maiden - La logistica della Bestia
14/03/2013
Articolo
IRON MAIDEN
Run to the Hills: In Memory of Clive Burr
11/05/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Paul Di'Anno, la biografia
13/04/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Nicko McBrain, la biografia
19/03/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Janick Gers, la biografia
18/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 4
11/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Dave Murray, la biografia
01/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 3
24/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Adrian Smith, la biografia
14/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 2
08/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Steve Harris, la biografia
04/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 1
23/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN DALLA A ALLA Z
La recensione
06/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Bruce Dickinson, la biografia
20/04/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Nel nome di Eddie
07/01/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Le Origini Del Mito - Lettura, analisi e critica
20/08/2010
Articolo
IRON MAIDEN
Sia santificato il loro nome
14/02/2008
Editoriale
IRON MAIDEN!
Vinci 2 t-shirt esclusive
03/07/2007
Live Report
IRON MAIDEN + MOTORHEAD + MACHINE HEAD
Stadio Olimpico, Roma, 20/06/2007
22/03/2003
Articolo
IRON MAIDEN
La biografia
10/10/2002
Articolo
IRON MAIDEN
Le interviste del Rock in Rio
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]