Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

GHOSTRIDER - Fine della corsa?
11/06/2012 (1725 letture)
Per quei pochi che non lo sapessero, Ghostrider è il nome della formazione musicale che, ad inizio anni 80, diede origine agli ancora attivissimi Necrodeath. Recentemente la band si è riformata, guidata dall'inossidabile batteria di Peso: in vista dell'imminente partecipazione al Sun Valley In Metal, abbiamo rivolto qualche domanda via mail alla band, e con nostra sorpresa abbiamo scoperto che questa sarà probabilmente l'ultima data dei Ghostrider per un bel pezzo...

Khaine: Ciao ragazzi, bentornati sulle nostre pagine e grazie per la disponibilità di quest’intervista!
Peso: Grazie a te per il supporto e per il tempo che dedichi sempre con grande passione alla buona musica e ai miei progetti!

Khaine: E’ passato più di un anno da quando avete messo sul mercato il vostro disco di ritorno. Cos’è successo in questi mesi?
Peso: Tutto è successo molto in fretta: siamo partiti da una bella proposta della FOAD Records per una ristampa su vinile del vecchio demo e per la produzione di un nuovo cd che riproponesse vecchie canzoni unite a nuove composizioni; c'è stato molto entusiasmo all’inizio, ma poi qualcosa si è inceppato e, con nostra grande delusione, abbiamo dovuto "allontanare" il chitarrista, anche se in realtà era lui che si era veramente allontanato da noi nei mesi successivi all' uscita del cd, ma senza abbandonare la band. Visto che odio le lunghe agonie, ho dato io un taglio secco alla situazione, che stava diventando imbarazzante e patetica...

Khaine: Ora quindi come vi state organizzando? State magari scrivendo nuova musica per un nuovo album o EP?
Peso: In seguito a questa decisione il gruppo si è praticamente fermato in una sorte di limbo, e con l'aiuto del buon Pier (Gonella, chitarrista dei Necrodeath, ndr) alla chitarra come sostituto momentaneo della situazione abbiamo tenuto fede a tutti gli impegni presi, incluso questo probabilmente ultimo festival in Trentino che dovremo affrontare tra poco, per cui la seconda risposta viene da sé: è chiaro che non stiamo scrivendo nulla di nuovo...
Helvete: Chiuderemo i nostri impegni live con il Sun Valley festival, non sappiamo cosa faremo in futuro e se porteremo avanti i Ghostrider, sicuramente non ci fermeremo come musicisti e va da sé che se ci sarà ancora l’entusiasmo giusto tra di noi potremmo riprendere a scrivere nuova musica.

Khaine: Siete in tre eppure, dal vivo, fate un bel casino! Ciononostante, sul palco non sentite la mancanza di una seconda chitarra?
Peso: Sento la mancanza di gente motivata e seria. Per fortuna nei Necrodeath, nonostante l’età e gli impegni extramusicali che tutti hanno, c’è sempre un grande entusiasmo e tutti sanno gestire molto bene il proprio ruolo, ma nelle mie esperienze al di fuori della mia band di sempre... devo dire che c'è un bel giro di casi umani veramente difficile da gestire, ed io sono sempre meno tollerante. Pregare la gente per venire a fare le prove onde evitare di fare figure patetiche dal vivo non rientra più nelle mie caratteristiche di buona volontà. Detto ciò, sono comunque molto contento di come sta andando coi Necrodeath, stiamo girando in questi giorni un nuovo video clip, abbiamo sempre entusiasmo nel fare le cose e siamo sempre molto attivi, per cui pazienza se il progetto Ghostrider non ha funzionato come si sperava: la mia priorità sono sempre e comunque i Necrodeath!
Helvete: Quando abbiamo riformato la band è stata da subito voluta la presenza di una sola chitarra, anche perché il nostro è un genere di metal piuttosto grezzo, semplice ed diretto, quindi non ci serve una seconda chitarra, basta saperne suonare bene una!

Khaine: Avete mai pensato di registrarvi live al fine di realizzare un live album o DVD?
Helvete: No, non ci interessa per ora fare dvd o live album, anche perché queste cose sanno molto di “celebrativo” e non è il nostro caso.

Khaine: Qual'è il concerto che ricordate più piacevolmente, da quando vi siete riformati? Ricordate che io sono venuto a vedervi fino a Somma Lombardo, partendo da Vicenza eh…
Helvete: Beh, ti ringrazio per esserti fatto parecchi kilometri, spero ti sia divertito! Comunque il festival di Somma Lombardo è stato un pò fuori dai nostri “standard”, infatti l’ideale per noi è suonare in piccoli club dove hai il contatto diretto con il pubblico. Mi piace sentire l’energia delle persone mentre suono, mi dà una carica incredibile, quindi in un festival con palchi grandi e pubblico distante risulta tutto più freddo e meccanico, questo non vuol dire che non ci si diverta, ma il feeling è sicuramente diverso. I concerti che comunque mi sono rimasti più nel cuore sono sicuramente i primi dopo il ritorno sulle scene. Abbiamo fatto due live in Finlandia davanti ad un pubblico scatenato, avevamo parecchio entusiasmo e riuscire a portare la nostra musica fuori dall’Italia è stato molto emozionante.

Khaine: A breve parteciperete all’edizione 2012 del Sun Valley In Metal, a Gallio (VI): un giorno ci siete voi ed il giorno dopo i Necrodeath, non vi fa un effetto un po’ strano?
Peso: No, nessun effetto se devo dirti la verità, anzi siamo contenti di partecipare, i ragazzi del Sun Valley ci hanno già ospitato in qualche edizione passata e si sono dimostrati con noi sempre dei signori, ospitali e competenti! Per i Ghostrider non sarà comunque un addio ufficiale, diciamo che dopo questo evento prenderemo un periodo di "stand by" e sarà poi il tempo a darci una risposta. Sia io che Helvete non abbiamo fretta, per cui staremo a vedere, sicuramente ora non è il momento giusto da parte nostra di cercare un chitarrista fisso. Se avessimo l'energia giusta per cercarlo, l’avremmo già fatto.

Khaine: Sempre a proposito del Sun Valley, esclusi un paio di nomi tutte le band partecipanti sono italiane: pensate che l’assenza di un “big” straniero possa penalizzare il festival? O credete che, in un contesto come il nostro, si possa “rischiare” appoggiandosi al meglio che il metal italiano possa dare?
Helvete: Penso che la scelta di portare molte band italiane sia sicuramente da premiare! Credo che ci sarà un buon seguito, anche perché è da parecchi anni che non si organizzano festival del genere, per spingere i nostri musicisti. In ogni caso sarà un festival che lascerà il segno, quindi non bisogna perderlo!

Khaine: E’ recentissima la notizia che un gruppo di cittadini di Gallio abbia tentato di boicottare il Sun Valley con una raccolta firme, accusando il festival di essere portatore di violenza e droga (non scherzo, è successo davvero). A parte il caso analogo, ma comunque molto più grave, del Sikelian Hell Fest (che ha coinvolto i Necrodeath, costretti a stare a casa per evitare ulteriori disagi), cosa avete da dire in merito a questa vicenda?
Helvete: Penso che ci sia gente molto ignorante al mondo, che parla e agisce prima ancora di conoscere chi ha di fronte. Purtroppo questi bigotti del cazzo non hanno niente di meglio da fare che diventare i paladini del perbenismo, rompendo le palle a chi, con sudore e tanto lavoro, si fa il culo per organizzare un festival musicale del genere. Ne ho sentite e vissute tante di situazioni come questa, anche i Ghostrider qualche mese fa sono stati sbattuti su un quotidiano ligure con appellativi poco edificanti… beh, che dire a tutte queste persone se non… Vaffanculo!

Khaine: Domanda a bruciapelo: datemi tre nomi di band italiane da ascoltare, a beneficio dei nostri Lettori (possibilmente nomi emergenti, non consolidati come Extrema, Necrodeath o altri).
Helvete: Dynabyte ed Anthems of Steel, ma i miei preferiti sono gli Story of Jade... fantastici dal vivo!

Khaine: Quali saranno le prossime mosse dei Ghostrider?
Peso: Chiaramente la news negativa che ti ho dato all’inizio intervista non potevi saperla, per cui è chiaro che la prossima mossa per ora non ci sarà, anche perche attualmente oltre ad essere sempre impegnato coi Necrodeath (stiamo iniziando a comporre già qualcosina post Idiosyncrasy) ho ripreso a studiare fortemente la batteria, cosa che non facevo da tanto tempo in quanto ultimamente ho dedicato il mio tempo libero alla composizione delle ultime produzioni Necrodeath. Ho bisogno invece ora di fare un passo indietro e riprendere sotto controllo il mio strumento, in quanto da quando sono entrato a far parte del Modern Music Institute come insegnante, devo allinearmi coi programmi didattici coordinati da Ricky Turco, che sono a livello di eccellenza soprattutto per quanto riguarda il programma del corso avanzato e master. Per cui sia per quest’anno che per il prossimo queste saranno le mie priorità, ergo i Ghostrider rimarranno come detto prima in un limbo che verrà gestito in un senso o nell’altro più avanti.

Khaine: L’intervista è conclusa. Vi va di lasciare un messaggio per i nostri metallizzati Lettori?
Peso: Grazie per l’attenzione a tutti quanti, vi aspettiamo in Trentino per la duplice data Ghostrider e Necrodeath e a tutti gli altri appuntamenti live Necrodeath che seguiranno... grazie ancora a te per il supporto!
Helvete: Questo è il nostro sito, l’unico esistente dove poter trovare info sul passato e futuro dei Ghostrider: www.myspace.com/ghostriderweb. Grazie a te Nicola per la chiacchierata e soprattutto grazie a tutti i Metallizzati che ci hanno supportato fin ora!



IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Ghostrider: fine della corsa o pausa di riflessione?
RECENSIONI
ARTICOLI
11/06/2012
Intervista
GHOSTRIDER
Fine della corsa?
18/07/2011
Live Report
KALEDON + GHOSTRIDER
Campo Sportivo, Somma Lombardo (VA), 15/07/2011
13/01/2011
Intervista
GHOSTRIDER
Fantasmi dal passato
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]