Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Blind Guardian Twilight Orchestra
Legacy of the Dark Lands
Demo

Clepsydra
The Gap
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/01/20
NECROPSY
Xiatus (EP)

24/01/20
JORN
Heavy Rock Radio II: Executing The Classics

24/01/20
DIRTY SHIRLEY
Dirty Shirley

24/01/20
WOLFPAKK
Nature Strikes Back

24/01/20
PYOGENESIS
A Silent Soul Screams Loud

24/01/20
CUERO
Tiempo Despues - Reissue

24/01/20
AETHYRICK
Gnosis

24/01/20
BLASPHEMER
The Sixth Hour

24/01/20
LAST FRONTIER
Aether (Equivalent Exchange)

24/01/20
COLOSSO
Apocalypse

CONCERTI

18/01/20
BRVMAK
CIRCOLO CULTURALE HAPPY DAYS - NAPOLI

18/01/20
CANNABIS CORPSE + WITHERED
PIPPO STAGE - BOLZANO

18/01/20
CANDLEMASS
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

18/01/20
MELECHESH + W.E.B + SELVANS
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

18/01/20
SCALA MERCALLI + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

18/01/20
NUCLEAR ABOMINATIONS FEST
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

18/01/20
SLABBER + BLACK THUNDER
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

23/01/20
TEMPERANCE
LEGEND CLUB - MILANO

24/01/20
SUNN O)))
ORION - CIAMPINO (ROMA)

24/01/20
TEMPERANCE
ASTRO CLUB - FONTANAFREDDA (PN)

MASTODON + DEAD CITY RUINS - Atlantico, Roma, 27/06/2012
02/07/2012 (3300 letture)
Attendevo con ansia di rivedere i Mastodon esibirsi in concerto, visto che la precedente volta che mi era capitato di assistere ad un loro show erano stati fortemente penalizzati da un’acustica a dir poco pessima (vedasi il live report relativo). Non potevo di certo mancare, quindi, alla data romana del 27 giugno 2012 prevista all’Atlantico Live (ex Palacisalfa) nell’ambito della rassegna musicale dell'estate romana denominata Roma Live Festival 2012, vista anche la presenza come band di supporto dei francesi Gojira freschi della pubblicazione del nuovo disco L'Enfant Sauvage. Purtroppo questa formazione a poche settimane dall’evento e probabilmente per motivi meramente economici ha preferito suonare allo O2 Academy Islington a Londra deludendo di fatto molti fan che avevano in precedenza acquistato il biglietto a 25,00 euro (più prevendita) anche per ammirare la loro performance. A questa prima delusione, purtroppo, ne devo aggiungere altre che hanno reso meno memorabile la serata: il concerto doveva iniziare alle ore 21,00 ed, invece, si sono dovute attendere le ore 22,00 passate tra le proteste giustificate della platea. Ad una certo punto sono saliti sul palco i componenti di una band (si è capito solo che erano australiani) sconosciuta a tutti che non si è degnata nemmeno di presentarsi (in tanti, infatti, pensavano erroneamente addirittura fossero i Gojira!): solo il giorno prima della pubblicazione del presente live report, tramite il mio amico Lorenzo ho saputo che si trattava dei Dead City Ruins. Hanno suonato per 45 minuti proponendo un hard rock energico, ma non del tutto convincente. Il bello è che dopo solo due pezzi se ne sono andati e sembrava che la loro performance fosse finita (qualche problema organizzativo c’è stato sicuramente) suscitando l’ironia e l’ilarità dei circa 300 presenti; un falso allarme perché dopo qualche fischio sono ritornati a suonare la loro musica. Buona la prova del singer, il cui enorme tatuaggio sul fianco sinistro non poteva di certo passare inosservato, un vero e proprio animale da palcoscenico che ha cercato, a tratti riuscendovi egregiamente, di coinvolgere il pubblico fino a cantare in mezzo alla gente. Non male il continuo headbanging posto in essere da tutto il gruppo. Di certo, però, ciò che si ricorderà saranno i due brani conclusivi se non altro perché allietati dalla presenza di due attraenti ragazze -una bionda e l’altra mora- più nude che vestite, che si muovevano sinuosamente mettendo in mostra le loro grazie. Certo che se doveva essere un’occasione per promuoverli è andata completamente persa. Mi chiedo cosa ci voleva a fare un annuncio preliminare per far capire a tutti chi fossero? Mah, contenti loro!

Dopo un veloce cambio di palco alle 23,00 è iniziato finalmente lo spettacolo degli attesi Mastodon. Il combo di Atlanta ha sciorinato un’ora è mezza di magistrale heavy con le consuete inclinazioni progressivo/psichedeliche che è stata seguita con grande trasporto specie nei pochi pezzi tratti dal trittico Leviathan, Blood Mountain e Crack the Skye. Era d’altra parte ovvio che sarebbero state privilegiate le tracce dell’ultimo lavoro The Hunter, un album controverso, più orientato verso l’hard rock e considerato dalla maggioranza del pubblico e della critica come il meno riuscito della loro intera discografia. Aver, però, deciso di eseguire tutto il full lenght omettendo capolavori quali Megalodon, Acqua Dementia e Ghost of Karelia, tanto per citarne tre che avrei gradito, mi è sembrata una decisione non del tutto riuscita e poco gradita ai presenti. Di positivo c’è da dire che le composizioni di The Hunter eseguite dal vivo rendono meglio, essendo munite di un piglio più intrigante e deciso. Tuttavia le canzoni più apprezzate sono state Hand of Stone, Crystall Skull, Crack The Skye, Iron Tusk e la micidiale Blood And Thunder, perla di Leviathan, che ha scatenato un pogo infernale. Mi ha colpito il drumming potente e preciso di Brann Dailor che alla fine dello spettacolo è rimasto da solo sul palco a ringraziare ancora i presenti. Da applausi la prova del singer e bassista Troy Sanders, mentre i due chitarristi hanno svolto egregiamente il loro compito rimanendo staticamente sul palco in un modo a mio avviso troppo distaccato. Alla fine, comunque, si tratta di dettagli, ciò che è importante e aver ammirato in azione una delle formazioni migliori e più innovative degli ultimi anni in campo metal. L’acustica non è stata soddisfacente in quanto si sentiva troppo il suono del basso e troppo poco quello delle chitarre.

Peccato per gli inconvenienti summenzionati e per il poco pubblico presente; mi rivolgo in merito a chi si lamentava a ragione che negli anni passati a Roma si svolgevano pochi concerti: dall’inizio dell’anno ne ho già visti otto e spesso i vari artisti hanno suonato di fronte ad un’esigua platea. Non credo ci sia bisogno di aggiungere altro se non che gli assenti hanno sempre torto.

SETLIST MASTODON
Black Tongue
Hand Of Stone
Crystal Skull
Dry Bone Valley
Thickening
The Hunter
Octopus Has No Friends
Stargasm
Blasteroid
Crack the Skye
All the Heavy Lifting
Spectrelight
Curl of the Burl
Bedazzled Fingernails
Iron Tusk
March of the Fire Ants
Blood And Thunder
The Sparrow
Creature Lives



Daniele
Mercoledì 4 Luglio 2012, 0.19.57
11
Certo che per quelli che volevano vedere i Gojira,sarà stata una grossa delusione. Mi meraviglia ,il fatto che c'erano solo 300 persone al concerto ,veramente poche purtroppo. Leggendo la scaletta del concerto,dall'ultimo album,che tra l'altro adoro,credo che Spectrelight dal vivo,me la sarei goduta alla grande. Sarà per la prossima volta.
Greatest_tiz
Martedì 3 Luglio 2012, 20.59.28
10
@Brainfucker: Credo perchè c'è molta ignoranza musicale e quindi chi non conosce il gruppo non fà neanche il minimo tentativo di provare.. Poi 25e di ticket non aiutano! Mentre altri penso perchè non amano tutti i gruppi che passano di qui e altri invece li conoscono ma hanno dei pregiudizi..
brainfucker
Martedì 3 Luglio 2012, 20.24.42
9
come mai nella capitale c'è questa poca affluenza ai concerti?
hm is the law
Martedì 3 Luglio 2012, 12.53.50
8
@ FrOm ThE BeGiNnInG: grazie sei gentile!
hm is the law
Martedì 3 Luglio 2012, 12.52.46
7
@ blackstar: è stato un piacere conoscerti; @ Flag Of Hate: su The Hunter la penso come te per cui il mio disappunto sul fatto che hanno deciso di suonarlo tutto è comprensibile; sula questione Gojira non c'è l'ho tanto con loro che, comunque, non vanno di certo applauditi, ma con l'organizzazione che non ha fatto adeguata informazione non considerando che a qualcuno poteva girare le scatole di ritrovarsi una band sconosciuta; @ Greatest_tiz: eh certo @ Lorenzo: potevi vederti il concerto al posto dei aspettare fuori
blackstar
Martedì 3 Luglio 2012, 12.29.25
6
E' stato un bellissimo concerto, Mastodon eccezionali, nulla da dire(fossero stati più puntuali lo avrei apprezzato di più). Qualche ora prima del concerto io e miei amici abbiamo incrociato Brent Hinds, e mi sembrava piuttosto scoglionato....magari è stata quella la causa del ritardo. Un saluto al recensore con cui ho avuto il piacere di chiaccherare prima del concerto
Flag Of Hate
Martedì 3 Luglio 2012, 11.12.05
5
Da ammiratore dei Gojira duole dire che il loro comportamento mi è sembrato molto inelegante (eufemismo), la gente ha pagato dei bei soldi anche per loro e si trova davanti dei mister nessuno dalla terra dei koala? Mah, non mi pare una cosa carina, che l'abbiano decisa loro o il management, 25 euro al giorno d'oggi sono tanti, ok spenderli per due ottime bands, ma così vuol dire dare 25 sacchi a 1 ottima band + 1 band da oratorio, e non va bene. Per quel che riguarda i Mastodon, ottima realtà, ma nemmeno io sarei andato a vedermeli, sono uno dei pochi che il disco nuovo proprio non riesce a digerirlo, la genialità degli ultimi 3 è ridotta a lumicino. Spero che non proseguano per quella strada.
Greatest_tiz
Martedì 3 Luglio 2012, 10.07.44
4
La parte "migliore" dell'esibizione dei Dead City Ruins: la presenza delle 2 ragazze sul palco! Ahaha...
Lorenzo
Martedì 3 Luglio 2012, 9.53.53
3
Ma do cristo stavano quelle 2 gnocche ao???? potevi chiamare ahahahaha noi stavamo fuori cavolo XD Per il resto confermo tutto soprattutto per l'assenza ingiustificata (forse l'unica è quella del prezzo) del pubblico!
FrOm ThE BeGiNnInG
Martedì 3 Luglio 2012, 0.57.50
2
Ottimo report Fabio!! Come sempre!!
hm is the law
Martedì 3 Luglio 2012, 0.56.06
1
Grazie Lorenzo per aver svelato il mistero della band sconosciuta!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina del tour americano in supporto a 'The Hunter'
ARTICOLI
02/07/2012
Live Report
MASTODON + DEAD CITY RUINS
Atlantico, Roma, 27/06/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]