Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ulcerate
Stare Into Death And Be Still
Demo

Stone Rebel
Spirits on the Sky
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
MORS PRINCIPIUM EST
Seven

23/10/20
OVTRENOIR
Fields of Fire

23/10/20
LEAVES` EYES
The Last Viking

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
DEMONICAL
World Domination

CONCERTI

20/10/20
STEF BURNS LEAGUE
BRAVO CAFFE' - BOLOGNA

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

BLIND GUARDIAN - # 2 - La biografia
19/09/2012 (3962 letture)
Lontano, meno cruento, ma sempre avvertibile: l’eco delle spade incrociate da prodi guerrieri non stentava a placarsi, nonostante nel corso di quell’epico 1995 i Blind Guardian avessero rilasciato un colpo inarrivabile ed irripetibile, una zampata -Imaginations from the Other Side- che concentrava ed esaltava tutti gli elementi tipici di un sound tipico e maestoso: potenza, velocità, tecnica, trame elaborate, enfasi, drammaticità, sfumature leggendarie, striature medievali. Il combo di Krefeld aveva raggiunto la propria maturità. Notevole era stata l’evoluzione stilistica, partita dai primi studio-album, terremotanti e classici manifesti del più classico speed-power tedesco (peraltro debitori di parecchie influenze targate Helloween, quelli di Walls of Jericho per intenderci), e giunta ad uno stile ricco, imponente e del tutto originale. Eppure la storia era giunta tutt’altro che al termine, e avrebbe conosciuto ancora dei capitoli avvincenti. L’act mitteleuropeo torna a farsi sentire nel 1996, con un prodotto per i fans più affezionati come The Forgotten Tales, il quale conteneva vecchi pezzi ri-arrangiati, versioni acustiche o sinfoniche di brani precedenti e cover atipiche di band come Queen (da sempre tra le massime influenze dei Nostri e omaggiati con la dolce Spread Your Wings), Uriah Heep e Beach Boys (proprio quelli di Barbara Ann e Surfin’ USA); in realtà, al contrario delle parole entusiastiche della band, i brani propri che vennero rivisitati non sembravano realmente migliori degli originali, e pertanto questa compilation restava soltanto un assaggio rispetto alla portata succulenta che stava per giungere in tavola. Dopo un notevole lasso di tempo, nel 1998 venne rilasciato Nightfall in Middle Earth, ambizioso concept-album sul Silmarillion di Tolkien. Sin dai primissimi ascolti apparve evidente il motivo per cui i cinque tedeschi avevano impiegato così tanto tempo per realizzare questo gioiello: il disco prevedeva una lunga tracklist, nella quale ogni pezzo rappresentava un tassello narrativo, preceduto dalla relativa intro; rispetto al passato, gli arrangiamenti erano sempre più sofisticati, la vecchia velocità ultra-speed lasciava prevalentemente terreno alla melodia e anche la tradizionale potenza tipica dei Bardi veniva mitigata in ossequio di trame più curate, meno telluriche. Era un prodotto raffinato, aperto dall’ottima Into the Storm, sontuosa alternanza di forza e armonia, e impreziosito dalla struggente ed epica Nightfall: pathos alle stelle, intensità, cori, ogni nota ad incastrarsi magistralmente in un tessuto da brividi. Vampate di energia come Blood Tears rispolverano in parte l’antica furia rapida dei tedeschi, ma il vero gioiello del platter era Mirror Mirror, un autentico classico del quintetto di Krefeld: riff prestanti si alternano ad altri più melodici, cori copiosi ne riempiono ogni istante, fraseggi di chitarra folk-oriented conferiscono al disco l’ennesima sterzata verso una stupenda ambientazione fantasy medievale. Risvolti struggenti si rincorrono e fanno capolino in episodi drammatici come Noldor, mentre un’aurea positiva aleggia in Time Stands Still. Pur rappresentando il più drastico cambio di stile intrapreso dai Blind Guardian, Nightfall in Middle Earth era un altro disco meraviglioso, destinato a fare la storia del power metal. L’intelligenza e la crescita tecnica dei musicisti ha portato un songwriting più ricercato, evitando la ripetizione speculare di dischi già pubblicati e proponendo invece un valido passo avanti, nel quale la melodia, i cori e certi arrangiamenti sinfonici prendevano il ruolo centrale che, in passato, era stato proprio di velocità e potenza; era una svolta ragionata e affatto commerciale, perché le strutture complesse e dense di particolari, sfumature e dettagli tecnici che avevano caratterizzato le releases precedenti non venivano abbandonati, ma anzi resi più sottili ed evidenti, merito del chitarrismo fluido e fine di André Olbrich e Marcus Siepen. Fu da questo disco che Hansi Kürsch si dedicò soltanto al microfono, lasciando il basso a Oliver Holzwarth, sia in studio che dal vivo: una scelta saggia, da parte del singer, il quale preferì concentrarsi soltanto sul suo ruolo principale, ammettendo anche i propri limiti con le quattro corde. La lista di musicisti complementari, abbastanza nutrita, ben lascia comprendere la cura maniacale e la mole di lavoro che stava dietro a questo disco: vennero utilizzati un tastierista, un pianista, un suonatore di flauto, quattro voci addizionali e due narratori, per sessantacinque minuti di musica qualitativamente elevata, nuovamente destinata a lasciare solchi significativi.

A questo dispiego considerevole di tempo ed energia seguì una pausa di alcuni anni, nei quali la band rimase avvolta in un sostanziale silenzio. Iniziavano a circolare voci riguardo la volontà di creare un disco interamente orchestrale, che sarebbero state rimandate molto a lungo e soltanto nel 2002 i Blind Guardian tornarono sul mercato con l’ennesimo grande disco: A Night at the Opera, un cospicuo concentrato di pezzi lunghissimi, ultra elaborati e sorretti da campali e pompose orchestrazioni, cori imponenti ed un cantato spesso e volentieri quasi operistico. Il sound tipico del combo tedesco, quadrato e potente era facilmente avvertibile, ma al contempo si aveva la sensazione di un cambiamento profondo: il vecchio speed-power che aveva consacrato la band lasciava prevalentemente spazio alle melodie ariose, molto positive e agli arrangiamenti più articolati, solenni, segnando uno stacco sensibile anche dallo stile drammatico di Nightfall. Curiosamente, il titolo riprendeva quello del celebratissimo album dei Queen datato 1975; la band inglese era una nota influenza dei Bardi di Krefeld e molti critici punzecchiarono Hansi Kürsch, tacciando la sua formazione di scarsa modestia. In realtà i Blind Guardian volevano soltanto rimarcare la natura quasi operistica del loro disco, il quale era contraddistinto da un numero costante di orchestrazioni sintetizzate, senza certo voler scomodare paragoni con la Regina. Sebbene il disco ricevette commenti contrastanti -anche a causa della difficoltà a riproporre dal vivo brani così complessi, in quanto dotati di cori e orchestrazioni fondamentali per la riuscita stessa delle canzoni- A Night at the Opera era ricco di episodi significativi e trascinanti come Precious Jerusalem, Battlefield, Under the Ice (nella quale era possibile imbattersi in alcune accelerazioni degne dei tempi d’oro), la gioiosa Wait for an Answer, la medievaleggiante The Soulforged o la lunghissima And Then There Was Silence, che sfiorava il quarto d’ora di durata. Da un lato ci fu chi criticò la band, accusandola di delirio di onnipotenza, mentre dall’altro ci fu chi considerò quest’opera un capolavoro colossale, degno di figurare al fianco dei sei masterpieces che lo avevano preceduto. La verità, come sempre, sta nel mezzo: A Night at the Opera era un ottimo album, dotato di momenti memorabili ma forse non del tutto all’altezza dei vecchi classici; è collocabile un gradino sotto i suoi predecessori, ma resta un prodotto che tante altre band neanche si sognano. In più di un’intervista, Hansi Kürsch ha voluto sottolineare che pur mantenendo un sound riconoscibile, la sua band ha sempre mantenuto un costante percorso evolutivo: 'È ovvio che ci sia gente che storce il naso ad ogni minima variazione sul tema, del resto penso sia normale che un gruppo giunto al settimo o all’ottavo disco abbia sviluppato uno zoccolo duro di fans legati al suono classico, che reagisce male alle sperimentazioni e a tutto quello che differisce dallo stile dei dischi precedenti. Ma è un fatto secondario, i Blind Guardian sono sempre cambiati disco dopo disco e difatti un nostro stile ‘classico’ non esiste, come non esiste un nostro album che sia uguale ad un altro, fatta eccezione forse solo per i primi due, ma solo in parte. È tutto un processo: pensa a Valhalla, che oggi è uno dei pezzi più vecchi che facciamo on stage ed è molto lineare. Quando l’abbiamo composta era forse il brano più articolato che avevamo, e nel tempo è stato raggiunto e superato da altri, ma resta un nostro classico. Su A Night at the Opera abbiamo forse fatto il passo più lungo di quello che volevamo, con armonie e passaggi che non possono essere riproposti dal vivo in maniera efficace a meno di non ricorrere a basi registrate o cose simili, e questo non lo vogliamo, assolutamente'.

Innumerevoli le citazioni letterarie e non solo, presenti nelle liriche: Precious Jerusalem si rifà a Jesus Christ Superstar, uno dei dischi preferiti da Kürsch, mentre Battlefield è ispirata all’Hildebrandenlied e Under the Ice alle vicende narrate nell’Iliade, in particolare quelle relative alla caduta di Troia e alla figura di Cassandra; in The Maiden and the Minstrel Knight si racconta la storia d’amore tra Tristano e Isotta, Wait for an Answer si appoggia su Il Ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde e The Soulforged tratta di un personaggio della saga Dragonlance (Raistilin), scelto dai fans tramite un sondaggio sul sito internet della band. Compaiono addirittura le figure di Galileo Galilei e Friedrich Nietzsche in Age of False Innocence (incentrata sulla persecuzione del primo) e Punishment Divine (che tratta la pazzia che colse il secondo negli ultimi anni di vita), mentre Sadly Sings Destiny si ricollega al vecchio capolavoro Another Holy War in quanto focalizzata sulla figura di Gesù Cristo, ed in particolare sul suo martirio. Le annate successive furono caratterizzate da un’intensa attività live e dall’uscita di alcuni documenti on the road, nei quali si evince la trascinante passione del pubblico e il sorprendente contributo corale apportato dai fans durante le canzoni: Live, un doppio CD uscito nel 2003, ripercorreva gli episodi più avvincenti della discografia dei Bardi, mentre Imaginations Through the Looking Glass, il primo DVD del Guardiano Cieco, immortalò l’immenso Blind Guardian Open Air, un festival da loro organizzato e tenutosi a Coburgo nel 2004. Purtroppo, nel 2005 iniziarono a sorgere alcuni problemi personali tra il drummer Thomen Stauch ed il resto della band: il batterista lasciò dopo tanti anni e fondò i Savage Circus, rimpiazzato da Frederik Ehmke. Con la formazione rinnovata ed una nuova casa discografica, la Nuclear Blast in luogo della Virgin, i Bardi tornarono in studio e nel settembre 2006 rilasciarono il loro ottavo disco, A Twisth in the Myth, per la prima volta trainato non da uno ma da ben due singoli: Fly e l’ottima Another Stranger Me. Il disco è un’evoluzione naturale che abbraccia tutti gli stili intrapresi dai Blind Guardian nel corso della loro carriera: non è pomposo e progressive come l’immediato predecessore, anche se in brani come The Edge emerge comunque la tendenza ad arrangiamenti sofisticati; le care vecchie atmosfere medievali vengono limitate ad alcune melodie e a riff circoscritti, mentre la potenza della sezione rimtica -che pure non è certo devastante e martellante come fino alla prima metà degli anni Novanta- e l’impatto trascinante dei cori e dei refrain risaltano nei brani migliori: Otherland, Turn the Page, la stessa Another Stranger Me. Nel complesso, il prodotto è molto buono ed esaltante, amalgama sfaccettature epiche ad altre ambientazioni più ariose e positive, molto orecchiabili, ed è onorato dalla solita prestazione tecnica eccellente, trame e strutture sempre efficaci e complesse. Si può tranquillamente dire che, fino a questo momento i metallers di Krefeld non abbiano sbagliato un solo colpo, un solo disco; una verginità non comune, tra tante band storiche inesorabilmente avviate al declino.

Le tracce Carry the Blessed Home e Skalds & Shadows furono create per la colonna sonora del film di Uwe Boll, In the Name of the King, una scelta dichiaratamente orientata alla promozione del disco; sempre a proposito di colonne sonore, negli anni successivi venne composta Sacred World per il videogioco Sacred 2: Fallen Angel e poi inserita nel nuovo full length. Questo vide la luce nell’estate del 2010 e si intitolava At the Edge of Time, un album molto complicato sia nelle trame che nell’assimilazione, ma che tuttavia proseguiva sulla scia del precedente, nel tentativo di raggruppare tutte le diverse for-ma che il Guardiano Cieco ha assunto nel corso della sua esistenza. Era stato annunciato dallo stesso Hansi Kürsch come un ritorno alle origini speed-thrash della propria band, ma in realtà chi si aspettava qualcosa alla Follow the Blind è rimasto deluso: il nuovo album era più simile a Twisth in the Myth che a qualsiasi altra releases, anche se apparentemente perdeva un po’ in incisività immediata, suonando vagamente forzato e difficile da assimilare. Non un cattivo album, sia chiaro, ma forse meno convincente di quelli che lo avevano preceduto. Imponente il lavoro svolto in sede di arrangiamento, se si pensa anche alla collaborazione con l’Orchestra di Praga. Per festeggiare i venticinquè anni di carriera, nel 2012 è stato rilasciato un best of contenente alcune canzoni ri-registrate ed alcune rimasterizzate, Memories of a Time to Come, un prodotto eccellente sotto ogni punto di vista. Oggigiorno l’act tedesco riceve alcune critiche inaudite relative all’eccessiva articolazione delle proprie composizioni, ma in una bella intervista del 2009 Hansi ha provveduto fieramente a ricacciare al mittente ogni pregiudizio spiegando: 'Le critiche vanno sempre soppesate, perché col tempo si capisce quali sono quelle costruttive e quelle che non lo sono. Parlando di fans, ognuno ha il diritto di avere la sua opinione e di criticare quello che non gli piace, ma non si può chiedere ad una band di stare ferma per sempre, solo perché un particolare disco è piaciuto molto. A chi ci critica ora chiedo di ascoltarci senza pregiudizi; se proprio la nostra evoluzione non soddisfa qualche vecchio fan mi dispiace, ma non posso farci niente. Ci consideriamo artisti e dobbiamo andare avanti per la nostra strada, perché sentiamo sia quella giusta. Certo, se arrivano critiche creative, da qualcuno che ci conosce o comunque mette in luce cose secondo noi fondate, le affrontiamo, le discutiamo, e cerchiamo di capire che cosa c’è sotto. Ci interessa sapere cosa pensano di noi i nostri fans, questo è chiaro, ma il tempo va avanti e non lo si può fermare. I Blind Guardian di oggi non sono quelli del 1990, e non potrebbero rifare solo i pezzi di allora. Le reazioni del pubblico sono molto importanti per noi, comunque, anche e soprattutto dal vivo. I pezzi di A Night at the Opera, ad esempio, sono molto complicati e dal vivo non hanno funzionato sempre bene, è un dato di fatto ed è qualcosa che ci è stato fatto capire come prima cosa dai nostri fans. Per questo Twist in the Myth è venuto fuori più lineare come disco. Vogliamo comporre canzoni che si possano suonare dal vivo, divertendoci noi sul palco come divertendo il pubblico davanti a noi. Non vogliamo fare cose complicate per forza, ma andare avanti e migliorarci, che non vuole per forza dire aggiungere passaggi difficili in ogni momento'. Il resto è storia recente: la band è impegnata per la stesura di un nuovo disco e per completare il tanto sospirato album solo orchestrale, incentrato su Il Signore degli Anelli; in tutti questi anni, Kürsch ha anche trovato il tempo per dedicarsi ad un progetto parallelo chiamato Demons & Wizards (assieme a Jon Schaffer degli Iced Earth) e facendo delle comparsate su alcune canzoni di band quali Angra, Edguy, Dreamtone, Therion e, soprattutto, Gamma Ray, prestando la propria voce a Farewall, tratta dal capolavoro di Land of the Free. La discografia stupenda che questa leggendaria formazione ci ha regalato è un vero e proprio forziere di meraviglie, magiche ed inestimabili: l’eredità del power metal, il testamento pregiato del perfetto connubio tra la forza straripante della musica dura e le sopraffine armonie ed atmosfere medievali. Forse per fuggire da una realtà deprimente e da una società corrotta, ci piace correre con la mente alle verdeggianti foreste ed ai castelli imponenti, alle lande fantastiche popolate da strane creature e alle polverose battagli tra cavalieri; in ogni caso, nonostante tutto, il clangore delle spade e il suono degli zoccoli di qualche poderoso destriero continua ancora ad echeggiare, e lo farà ancora molto molto a lungo, grazie alla meravigliosa Poesia di questi Bardi contemporanei.



Screamforme77
Lunedì 1 Ottobre 2012, 18.00.18
16
Il motivo per cui Nightfall è il mio loro album preferito sta nel fatto che considero il 90% delle canzoni di quel platter sullo stesso livello, tanto da non sapere quale sia la mia preferita fra quel lotto.Mentre la mia preferita in assoluto è The Bard's song The Hobbit: trovo che abbia un intensità emotiva irragiungibile !
Franky1117
Lunedì 24 Settembre 2012, 4.11.11
15
per quanto mi riguarda il miglior gruppo power di sempre (anche se dare etichette non mi è mai piaciuto) e in generale una grande band davvero con uno stile unico e inconfondibile; strepitoso anche a night at the opera (uno dei dischi che amo di più in assoluto, veramente unico, sembra davvero un musical metal, con apice and then there was silence), dopo sempre ottimi ma non più eccezionali, comprensiibilmente (gli ultimi due dischi sono buoni ma non ispirati come i precedenti, ma ad avercene di album così...)
Unia
Domenica 23 Settembre 2012, 1.35.44
14
Una bella biografia. I Blind Guardian sono mitici, otto ogni punto di vista (tranne i capelli di Kursch, oggi...). A Night at the Opera, a mio avviso, è eccellente, d'altra parte, come sottolinea lo stesso Hansi: "Le critiche vanno sempre soppesate...", è comprensibile. Spero in un probabile live
Master
Sabato 22 Settembre 2012, 17.59.30
13
per me le omologhe sono time stands still e and then there was silence! e sono tra le mie preferite in assoluto!
Matteo
Venerdì 21 Settembre 2012, 19.12.55
12
Ma sono l'unico a considerare "Thorn" da Nightfall e "Sadly sings Destiny" da ANATO tra le migliori canzoni dei rispettivi album e dei bardi in generale?
HeroOfSand_14
Venerdì 21 Settembre 2012, 14.58.11
11
@sambalzalzal: ci sta, è un parere tuo, che non condivido. Ho espresso i miei pensieri, e comunque da fan dei Bardi dico solo che a me basterebbero anche solo i testi venuti dopo IFTOS per dire che hanno sfornato altri capolavori, su tutti appunto Nighfall. Se poi ci aggiungiamo melodie ancora epiche, anche se meno tirate e potenti, e una dose di tecnica che non è mai calata, mi trovo di fronte ad album di uno spessore elevato, l'unico forse che fatico a digerire è ANATO, Twist in the Myth mi è piaciucchiato, ATEOT un signor lavoro per essere stato prodotto nel 2010!
Sambalzalzal
Giovedì 20 Settembre 2012, 20.39.45
10
io come ho già detto e motivato nell'altro articolo credo che IFTOS sia stato l'ultimo album "metal" dei BG... inutile nascondersi dietro ad un capello dicendo che Nightfall sia stato il fiore all'occhiello della band solo per la tiritera relativa alla saga di Tolkien... avevano già perso mordente e parecchio anche. Ciò che è venuto dopo a mio avviso sono stati solo album fillers nell'attesa di un'ispirazione che ancora deve arrivare. Altrimenti il tanto sospirato nuovo album sarebbe già arrivato. Io spero che arrivi per i tempi pronosticati e che abbia il mordente del passato, altrimenti la vedo molto male. Cmq bellissimo articolo!!! Le mie sono considerazioni personali e premetto che non voglio ergermi a detentore di nessuna verità ma le sensazioni che provai con Immaginations non sono riuscito mai più a provarle con gli albums seguenti. Ai BG se potessero leggere queste righe chiederei una cosa "Che cazzo state a fa!?!??"
enry
Giovedì 20 Settembre 2012, 20.27.12
9
La dico semplice: per me A Night è una colossale rottura di palle, benchè lo troverete sul mio scaffale. Mi è piaciuto poco anche A Twist mentre l'ultimo lo trovo buono, ma senza troppi entusiasmi. La doppietta che ha elevato i BG da buona band a grande band è ovviamente Imaginations e Nightfall ( per me il secondo anche meglio del primo ), anche se Tales e Somewhere erano già due ottimi lavori. Bella biografia, complimenti a Rino.
Flag Of Hate
Giovedì 20 Settembre 2012, 18.46.18
8
Io vado un attimino contro corrente, "ANITO" secondo me rimane il punto più basso della discografia dei Bardi, nonchè l'unico disco che non trovereste sul mio scaffale. Proprio non riesce ad emozionarmi. "ATITM" mi è piaciuto, contiene bei momenti, e anche l'ultimo è ben riuscito. Devo anche aggiungere che del famoso album solo orchestrale me ne importa meno di zero Bell'articolo Rino, come la prima parte.
the Thrasher
Giovedì 20 Settembre 2012, 16.04.01
7
@HeroOfSand_14: grazie dei complimenti!!! al massimo potrei insegnare un pò di storia del metal, ma ho le mie lacune pure li bisogna ammetterlo
HeroOfSand_14
Giovedì 20 Settembre 2012, 15.53.59
6
Come detto nell altro articolo, non sono il mio gruppo preferito,ed alcune canzoni proprio non riesco ad assimilarle per la loro complessità, ma ho sempre in mente un aggettivo solo per descriverli: UNICI. Non ci sono gruppi come loro, nessun gruppo mi da le sensazioni di essere indietro nel tempo come fanno loro. le parole che hai usato, Rino, per descrivere l'atmosfera rendono molto bene l'idea, e mi portano in quei tempi passati, con Past And Future Secret come sottofondo. Epici e unici, inimitabili. Li avrei voluti come maestri di storia (magari affiancati da te, Rino, vedendo come scrivi ), inegnandomi il medioevo visto dall'ottica dei menestrelli. Grazie di esistere, BG!
il vichingo
Giovedì 20 Settembre 2012, 14.09.56
5
Come ho scritto nel precedente articolo anch'io, come Rada, non riesco a digerire A Twist in the Shit, fatta eccezione per un paio di canzoni veramente belle. A Night at The Opera viene "asfaltato" da tutta la produzione precedente dei Blind Guardian, ma lo trovo ugualmente un disco molto buono (And then there was silence è da brividi). Concordo con Painkiller, ottimo lavoro che rende giustizia alla discografia dei BG "post-IFTOS"
the Thrasher
Giovedì 20 Settembre 2012, 14.05.06
4
grazie a te per i complimenti, Radamanthis !
Radamanthis
Giovedì 20 Settembre 2012, 13.48.06
3
L'unico disco che difficilmente digerisco dei BG è A twist in the myth, l'ultimo mi piace molto così come A night at the opera che pur non essendo dischi all'altezza di Nightfall o Inagination non possono assolutamente essere paragonati a qualsivoglia uscita power di qualsivoglia band...BG immensi, grazie a Rino per il bell'articolo!
the Thrasher
Giovedì 20 Settembre 2012, 13.24.33
2
grazie Painkiller, faccio del mio meglio per mettere luce a quanti più elementi di riflessione mi sia possibile! a conti fatti, l'unico loro disco che non mi piace è l'ultimo!
Painkiller
Giovedì 20 Settembre 2012, 10.39.52
1
Bravo Rino, hai dato il giusto risalto ad un argomento ostico quale la produzione post-imaginations. Concordo con te quando scrivi "A Night at the Opera era un ottimo album, dotato di momenti memorabili ma forse non del tutto all’altezza dei vecchi classici; è collocabile un gradino sotto i suoi predecessori, ma resta un prodotto che tante altre band neanche si sognano". Probabilmente questa frase è adattabile a tutto quanto fatto dopo Nightfall, ad oggi il mio preferito di una band mai troppo celebrata.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Blind Guardian
RECENSIONI
80
68
80
86
82
79
97
55
98
85
92
88
80
75
ARTICOLI
26/10/2019
Intervista
BLIND GUARDIAN
A tu per tu con l'album orchestrale
26/05/2017
Intervista
BLIND GUARDIAN
Inarrestabili bardi
10/05/2015
Live Report
BLIND GUARDIAN + ORPHANED LAND
Alcatraz, Milano, 05/05/2015
19/09/2012
Articolo
BLIND GUARDIAN
# 2 - La biografia
07/09/2012
Articolo
BLIND GUARDIAN
# 1 - La biografia
15/09/2011
Intervista
BLIND GUARDIAN
La parola ad André Olbrich
17/10/2010
Live Report
BLIND GUARDIAN
Roma, Atlantico, 12/10/2010
06/11/2006
Live Report
BLIND GUARDIAN
Alcatraz, Milano, 10/10/2006
16/06/2006
Articolo
BLIND GUARDIAN
Lo studio report
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]