Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
WOLFHEART
Constellation of the Black Light

28/09/18
RIVERSIDE
Wasteland

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
ANAAL NATHRAKH
A New Kind Of Horror

28/09/18
EVILON
Leviathan

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

LA STORIA DEI MOTORHEAD - La Recensione
27/09/2012 (4656 letture)
Quando si parla dei Motorhead, è difficile scindere l'idea del gruppo dalla persona di Lemmy, tanto le due entità sono strettamente connaturate, con la seconda che identifica la prima in maniera spesso esaustiva. Il problema di questa situazione è che la straripante personalità di Lemmy ed il suo placido carisma tendono, suo malgrado, a catturare tutta l'attenzione dei media, spingendo involontariamente verso il fondo tutto il resto. Non mancano sul mercato prodotti editoriali che parlano sia del bassista che del gruppo, ma tutti soffrono -si fa per dire- della stessa impostazione. Dovendo descrivere La Storia Dei Motörhead di Joel McIver (giornalista esperto di biografie di artisti metal dal lungo curriculum nel settore), non si può fare a meno di notare come anche questo libro non sia in parte esente dallo stesso ipotetico difetto; si tratta di una situazione semplicemente inevitabile e tutto sommato non spiacevole, dato che la gran parte di quello che i Motorhead, a dispetto del titolo, riguardano il periodo precedente alla fondazione della band. Immagino sia inevitabile introdurre il personaggio Lemmy e la sua storia, per capire come si arrivò alla prima incarnazione del gruppo che tutti conosciamo, ma funzionano solo come preambolo al resto. Se invece volete approfondire quegli anni, allora vi consiglio vivamente La Sottile Linea Bianca, autobiografia di Lemmy che in quanto tale è molto più completa, ed è scritta con larga profusione di quell'umorismo britannico che rende la lettura più che piacevole. A questo proposito, anche La Storia Dei Motorhead si fa leggere in maniera scorrevole, ma essendo un prodotto più tipicamente giornalistico, è per forza di cose più didascalico.

Per ciò che attiene invece alla parte dedicata alla storia del gruppo -ovviamente ben più corposa- si notano essenzialmente due cose. La prima è che finalmente vengono fuori anche i punti di vista degli altri musicisti (anche se non mancano lacune, come la liquidazione in pochissime righe e senza dichiarazioni da parte sua, di Pete Gill), che forniscono un quadro più completo delle dinamiche interne ed esterne alla band nel corso degli anni; la seconda è che viene dato ampio spazio al Lemmy uomo, che sia quando parla di situazioni musicali o quando si riferisce questioni non connesse al mondo della musica, lo fa sempre esprimendo un proprio punto di vista, condivisibile o meno, derivante dal suo essere un lettore onnivoro e costante, desideroso di sapere e di imparare, ed in grado di trasmettere bene le nozioni apprese leggendo e di elaborare la propria immagine del mondo. Anche questo, a pensarci bene, non è troppo comune. Edificante poi, l'immagine che viene fuori delle case discografiche, talvolta assolutamente non interessate alla musica, ma solo al guadagno del momento, talaltra semplicemente inette. Interessanti, inoltre, le molte note dedicate alla genesi dello Snaggletooth (per i neofiti: il simbolo del gruppo), e sul modo di lavorare del suo autore Joe Petagno, artista di alto livello. Affascinanti anche le sedici pagine centrali dedicate alle foto in bianco e nero che riassumono gran parte della storia dei Motorhead. Dal punto di vista prettamente editoriale poi, nessuna pecca si può rilevare, al di là di una data sbagliata nella didascalia di una foto (quella in alto a pagina 7), che non può riferisi all'82, in quanto la formazione presente è quella a quattro elementi. Buona impaginazione, nessun refuso, discografia della band e fonti delle citazioni in coda.

Non è sfizioso e divertente come La Sottile Linea Bianca, (peraltro poco elegantemente citato in senso negativo in un dei capitoli finali), al quale tutto sommato aggiunge poco a dispetto del suo focalizzarsi sul gruppo, ma è ben fatto e si fa leggere con piacere senza promettere meno di ciò che mantiene, al contrario di alcuni prodotti editoriali con ben poca sostanza.

RIFERIMENTI
Titolo: La Storia dei Motörhead (titolo originale: Overkill - The Untold Story of Motorhead)
Autore: Joel McIver
Traduttore: Fabio Bernabei
Copertina: Eugenio Monti
Pagine: 256, oltre 16 di foto
Cod. ISBN 978-88-96131-39-8
Prezzo: 20,00 Euro
Editore: Tsunami Edizioni



Sambalzalzal
Sabato 29 Settembre 2012, 20.06.22
15
Ragazzi, invece di comperare il libro fate come ha fatto lui per tutta la vita: speed e jack daniel's! Poi il resto viene da se!
Raven
Sabato 29 Settembre 2012, 18.55.50
14
E se restassimo IT?
d.r.i.
Sabato 29 Settembre 2012, 17.58.40
13
Cavolo io ogni post chiedo di Billo e mi sto preoccupando anche io....speriamo sia in Brasile nella giuria di miss Culetto
Ian "Morphine Child"
Sabato 29 Settembre 2012, 17.27.05
12
Un bel librozzo da avere in una piccola biblioteca metal insieme ai tanti che stanno uscendo in questo periodo
Sambalzalzal
Sabato 29 Settembre 2012, 16.36.22
11
Radamanthis@ effettivamente sono almeno due mesi che non lo vedo più qui in giro... o ha rapinato una banca ed è passato a miglior vita in sud america o ha messo incinta qualcuna!!! Gli auguro la prima delle mie ipotesi!!!
Radamanthis
Sabato 29 Settembre 2012, 15.34.26
10
Ma qualcuno ha info su Billorock? Io mi sto preoccupando...
Raven
Venerdì 28 Settembre 2012, 20.44.57
9
Jek, non rimborso nulla, sia chiaro . Rada, ci sta che un certo gruppo possa non piacere a qualcuno, anche se la maggioranza dice il contrario.
Radamanthis
Venerdì 28 Settembre 2012, 20.40.19
8
Una band che non mi ha mai detto nulla di che. Lemmy è certamente un mito del rock, una vera leggenda ma più che come musicista o cantante direi come personaggio! Musicalmente la band non mi ha mai preso più di tanto e tantomeno il timbro vocale di Lemmy. Sarò certo una voce fuori dal coro in questo sito ma proprio i Motorhead non mi piacciono. Di loro ho un cofanetto motlo ben fatto (Stone deaf forever con i migliori brani dal 75 al 2002+ bonus disc live 78 - 99) ma neppure le loro hits (a parte la leggendaria Ace of spades) mi han mai preso più di tanto!
jek
Venerdì 28 Settembre 2012, 20.20.20
7
Mi fido di Raven e domani lo acquisto !!
Raven
Venerdì 28 Settembre 2012, 17.53.35
6
Già, Bisognerebbe che qualcuno scrivesse un libro sull'argomento.
CauldronBorn
Venerdì 28 Settembre 2012, 17.37.35
5
Grandi, questo ce l'ho!! Quoto zio Raven sulla parte delle case discografiche, una delle parti più interessanti anche se lo spaccato che ne fa emergere Lemmy è un po deprimente e fa capire che già all'epoca le major...
Master Killer
Venerdì 28 Settembre 2012, 15.07.06
4
Oh Cavolo ecco il libro che c'era la feltrinelli la settimana fa.. me lo volevo comprare insieme alla biografia di Mustaine....!!!
hm is the law
Venerdì 28 Settembre 2012, 8.54.02
3
Interessante me lo procurerò. Anche io ho letto La Sottile Linea Bianca veramente bello.
Raven
Venerdì 28 Settembre 2012, 8.15.05
2
Quello che aggiunge è una più approfondita immagine del Lemmy extra musicale e molte dichiarazioni degli altri musicisti. In particolare quelle di Dee. Anche le dinamiche con le case discografiche sono interessanti. Molto è già noto.
Er Trucido
Venerdì 28 Settembre 2012, 0.02.32
1
Eh io ho già La Sottile Linea Bianca, sono combattuto. Si che dei Motorhead mi piace più o meno tutto, però se non aggiunge molto rimane in attesa
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La copertina del libro
ARTICOLI
27/09/2012
Articolo
LA STORIA DEI MOTORHEAD
La Recensione
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]