Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Sons Of Apollo
MMXX
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/01/20
LORDI
Killection

31/01/20
CANIS DIRUS
Independence to the Beast

31/01/20
NATTVERD
Styggdom

31/01/20
GARY MOORE
Live In London

31/01/20
MOON REVERIE
Moon Reverie

31/01/20
RAVENWORD
Transcendence

31/01/20
SERIOUS BLACK
Suite 226

31/01/20
HOUNDS
Warrior of Sun

31/01/20
SECRET ALLIANCE
Solar Warden

31/01/20
MONOLITHE
Okta Khora

CONCERTI

28/01/20
IMMINENCE + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

28/01/20
SABATON + APOCALYPTICA + AMARANTHE
ALCATRAZ - MILANO

31/01/20
NOVERIA + METHODICA
TRAFFIC CLUB - ROMA

01/02/20
METAL PUNK FEST
CSO PEDRO - PADOVA

01/02/20
INCITE
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

01/02/20
EXTREMA
CRAZY BULL - GENOVA

01/02/20
CORAM LETHE
1001 - COLLE VAL D'ELSA (SI)

01/02/20
HIDEOUS DIVINITY + GUESTS
EKIDNA - CARPI (MO)

02/02/20
GLORYHAMMER + NEKROGOBLIKON + WIND ROSE
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
THE DARKNESS + DZ DEATHRAYS
ALCATRAZ - MILANO

MY DYING BRIDE - Siamo una vera doom band!
08/10/2012 (4354 letture)
In prossimità della nuova release A Map Of All Our Failure ho incontrato Lena Abé, bassista dei doomster albionici per estorcerle qualche news. A Milano, nella sala di un noto hotel, ci siamo anche scambiati pareri sul presente della band. A voi il risultato di questa chiacchierata.

Giasse: Ciao Lena. The Bargest O’Withby sembra non aver risentito dell’esperienza di Evinta, con suoni e strutture molto più simili ai primi album della band, mentre invece questo nuovo episodio contiene sicuramente ambientazioni più importanti. Quanto l’esperienza dell’album orchestrale ha inciso nella composizione di A Map Of All Our Failure?
Lena: Evinta è un lavoro che i My Dying Bride avevano in programma da molto tempo e che ha impegnato tutti a lungo. In realtà, come sapete, non è un disco propriamente mydyingbridiano bensì una rilavorazione dell’intera discografia in chiave orchestrale che non può essere paragonato a nulla, né a The Bargest O’Withby, né al nuovo A Map Of All Our Failure.

Giasse: Quali sono i link con il passato e quali le sperimentazioni che avete voluto inserire in questo nuovo album?
Lena: Abbiamo preso dal passato tutti i nostri suoni caratteristici per rielaborarli in modo più organico. La registrazione è stata molto più “fisica” e fedele, proprio per riportare il sound a quello degli inizi, ossia potente e grezzo seppur con una veste moderna.

Giasse: Se la domanda fosse stata fatta a me io avrei detto che da un lato il guitarism è rimasto eccezionalmente armonizzato e dall’altro la voce di Aaron sembra ingentilita e sicuramente più allineata alla sezione strumentale, ad esempio con un uso più massiccio di sovraincisioni. Tu che ne pensi di questi due temi?
Lena: Strana domanda la tua. Le partiture sono state studiate come sempre, con Andy che provvede alle melodie in single-notes e Hamish che si preoccupa della ritmica. Tutto è armonizzato con le nostre solite “regole”, che prevedono anche un notevole impiego del mio strumento (basso, ndr) che nei momenti in cui Andy prescinde dai power-chords deve sostenere l’intera jam assieme alla batteria. Il risultato che hai potuto ascoltare enfatizza effettivamente la restituzione chitarristica, ragion per cui le vocals, oltre alla parte narrativa e al growl di sempre, sviluppano anche un cantato accessibile e melodico.

Giasse: Non so se avete già scelto il singolo su cui puntare. A me piace molto A Tapestry Scorned. Pensate di utilizzarla per un video o comunque per la promozione di A Map Of All Our Failure?
Lena: Il singolo sarà The Poorest Walts e avrà anche un video ambientato in un manicomio. La scelta è stata difficile: qualcuno voleva Kneel Till Doomsday, qualcuno A Tapestry Scorned e qualcun altro Hail Odysseus. Alla fine abbiamo scelto The Poorest Walts perché è il brano che meglio si adatta all’idea di video che abbiamo, anche in chiave promozionale. Ti immagini realizzare un video basato sul testo di Hail Odysseus?

Giasse: In realtà non ho ancora avuto tra le mani i testi dei brani, ma ti credo sulla parola!
Lena: Probabilmente realizzeremo anche il video di A Map Of All Our Failure nella primavera del 2013.

Giasse: La tracklist contiene brani vari, non tutti lentissimi come Like A Perpetua Funeral o la titletrack, che forse sono i più “doom” in senso stretto. Nel 2012 vi definireste ancora una doom band?
Lena: Sicuramente questo nuovo album conferma i My Dying Bride come doom band. In A Map Of All Our Failure troverete infatti molto “doom” e molta “morte”. L’album è estremo, profondo, lento e agonizzante e le chitarre sono parecchio heavy: sì, ne sono certa, siamo proprio una doom-band!

Giasse: Da For Lies I Sire è tornato in formazione un tastierista che si occupa anche di suonare il violino. Come sfrutterete questa cosa in sede live? Macgowan userà le keys o il violino?
Lena: Dal vivo Shaun suona entrambi gli strumenti: in alcuni brani è davvero molto impegnato, tant’è che gli tocca abbandonare la tastiera qualche attimo prima, per poter prendere per tempo il violino (risate, ndr). Comunque, nonostante la difficoltà, lui è davvero molto bravo e preciso.

Giasse: Dopo la release date di A Map Of All Our Failure intraprenderete un tour europeo con cui sarete anche in Italia. Chi avete scelto per accompagnarvi in questo giro?
Lena: Con noi ci saranno i Talanas. Sono un po’ diversi dai My Dying Bride, ma sono una buonissima band ed il mix può essere vincente. Non vedo l’ora di iniziare il tour!

Giasse: Qual’è la “Map Of Failure” dei My Dying Bride? In cosa sentite di aver fallito in questi anni?
Lena: Per noi il fallimento è un modo di sentire qualcosa, non un concetto assoluto. È un fardello che ci portiamo dietro da anni: una specie di spada di Damocle. La stessa title-track è basata sul concetto di “nulla”, di “niente”. Ed è la percezione di questo “nulla” che crea disagio e tristezza. Tutto l’album conferisce queste sensazioni, così come l’artwork.

Giasse: Ok, grazie Lena. Ci vedremo al concerto di dicembre.
Lena: Ti aspetto! Un saluto a tutti.



brainfucker
Martedì 9 Ottobre 2012, 20.51.57
4
nana tutta tana
Metal3K
Martedì 9 Ottobre 2012, 9.29.49
3
"L’album è estremo, profondo, lento e agonizzante e le chitarre sono parecchio heavy": che appetitose anticipazioni! L'idea di un ingentilimento della voce di Aaron non mi entusiasma, ma non affievolisce le aspettative che da sempre mi accompagnano prima di ogni nuova uscita di questi "mostri sacri". Ah, ottima intervista!
Gasta
Martedì 9 Ottobre 2012, 0.57.03
2
La Sposa Moribonda ♥ Ci vediamo a dicembre PS. i due pezzi che sono stati diffusi (Kneel till doomsday e Hail Odysseus) promettono molto bene.
Ad Astra
Lunedì 8 Ottobre 2012, 20.21.48
1
bella intervista... davveo, spero di poter ascoltare il disco a breve... vorrei dire qualcosa sulla foto ma.... ma....
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
My Dying Bride, foto di gruppo
RECENSIONI
65
80
90
78
72
85
80
86
70
77
75
75
94
92
72
ARTICOLI
14/10/2015
Intervista
MY DYING BRIDE
Sentire la tristezza
08/10/2012
Intervista
MY DYING BRIDE
Siamo una vera doom band!
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]