Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

08/08/20
STEVE VON TILL
No Wilderness Deep Enough

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

CONCERTI

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

THE GASLIGHT ANTHEM - I musicisti di talento? Ci sono sempre, da qualche parte...
08/12/2012 (1568 letture)
Da poco è uscito il loro ultimo album, intitolato Handwritten, e si tratta del quarto in sei anni. I The Gaslight Anthem sembrano quindi aver molto da dire, così siamo andati a scambiare qualche parola con il bassista Alex Levine, che mi accoglie timidamente con il cappuccio della felpa tirato sulla testa.

Unknown Danger: Ciao Alex, come stai?
Alex Levine: Bene, bene, ho appena fatto una doccia.

Unknown Danger: Voi venite dal New Jersey, e vogliamo farvi sapere che dopo l'uragano Sandy siamo ancora più vicini a voi e alle vostre famiglie.
Alex: Grazie. Io sono nato a New York. Stiamo ancora cercando di comprendere cosa sia successo.

Unknown Danger: Come sta andando il vostro tour da headliner fino ad ora?
Alex: Alla grande! Abbiamo ancora tre concerti, e ne abbiamo fatti circa diciassette, diciotto, quindi il tour è quasi alla fine. Dopodiché ci prenderemo due settimane di riposo e poi saremo ancora in tour per altre tre settimane.

Unknown Danger: Durante gli ultimi anni hai avuto l'occasione di suonare sia in America che in Europa. Quali credi siano le differenze tra il pubblico americano e quello europeo?
Alex: Penso che le differenze più grandi si notino d'estate, durante i festivals qui in Europa, perché qui si tratta più di una cultura rispetto a quello che potrebbe essere solamente un rock show in America. Penso che sia la differenza maggiore nelle persone qui; non è che apprezzino la musica più che in America, ma forse la prendono più seriamente. E ci sono differenze tra i fan. A volte ci capita di trovare un pubblico molto energico, altre volte una folla che potrebbe ascoltare il concerto seduta.

Unknown Danger: Il vostro ultimo album, Handwritten, è uscito il 23 luglio per Mercury Records. Avete descritto Handwritten come una lettera destinata...
Alex: Ai nostri fans.

Unknown Danger: Sì, a chiunque lo ascolti.
Alex: Certo, di sicuro è un'affermazione corretta, per i fans.

Unknown Danger: Questa premessa ha avuto un ruolo importante nell'ispirazione per il nuovo disco?
Alex: Sì, direi di sì. Abbiamo tutti guardato questo album in un modo diverso rispetto agli album passati. Per questo sicuramente eravamo pronti, era il momento giusto per noi per creare un disco adatto ad una major label; eravamo finalmente pronti credo. Tutti noi siamo stati ispirati da molte cose per questo disco ma credo che l'obiettivo principale fosse solo di fare quello che volevamo, più o meno. In realtà non ci abbiamo pensato troppo, è semplicemente successo. È stato spontaneo.

Unknown Danger: Durante la registrazione di Handwritten avete lavorato con Brendan O'Brien. Quanto è stato importante per voi collaborare con qualcuno che ha lavorato per Bruce Springsteen, Pearl Jam e molti altri?
Alex: Questo è un altro sogno diventato realtà, di cui siamo stati parte durante gli ultimi anni. Solamente lavorare in quel tipo di studio, insieme a Brendan e insieme all'idea che accompagna qualcuno come Brendan O'Brien, è come se fosse tutto su un altro livello, a cui non pensavi di poter arrivare. É decisamente speciale, e ci piacerebbe fare con lui il prossimo album.

Unknown Danger: Quindi pensi che il nuovo disco sia veramente un passo in avanti, posto in relazione con il vostro passato?
Alex: Certo, sembra che ovunque suoniamo ci sia una buona risposta alle canzoni. Lo definirei piuttosto cool. Sì, credo ci sia una reazione positiva al disco.

Unknown Danger: Recentemente avete diffuso un video per la canzone Here Comes My Man. Potresti dirci come mai avete scelto questo brano e quale parte avete avuto nella stesura della trama?
Alex: Benny, il nostro batterista, ha avuto l'idea e ha collaborato per Here Comes My Man con il regista che si era occupato anche del video di Handwritten; quindi avevamo praticamente il 100% del controllo sull'aspetto creativo. Quando abbiamo scritto e registrato questa canzone sentivamo che fosse senza dubbio una delle migliori sul disco; poteva essere adatta per un video e per essere un singolo. Ad essere onesti, credo che sia il brano più mainstream, e probabilmente l'abbiamo scelto per questo.

Unknown Danger: Nel 2011 Brian ha formato The Horrible Crowes con Ian Perkins. Che significato ha avuto questo progetto per il resto della band?
Alex: È stata una buona cosa perché Brian ha potuto focalizzare le proprie energie su qualcos'altro, e tutti noi abbiamo iniziato a prestare attenzione ad altro, accanto alla band; poi siamo tornati indietro al nostro gruppo e credo che fossimo rigenerati e concentrati. Tutti avevano bisogno di un periodo di pausa. Penso che sia stata decisamente una esperienza positiva per tutta la band e arrivata al momento giusto.

Unknown Danger: Pensi che questa esperienza abbia portato qualcosa di nuovo ai Gaslight Anthem?
Alex: Sì, sì. Brian quando scrive si occupa dei testi e credo che abbia avuto l'opportunità di dire delle cose che probabilmente non avrebbero funzionato per questa band.

Unknown Danger: Che cosa ne pensi della scena musicale internazionale dei nostri giorni? Pensi che l'industria musicale stia aiutando i musicisti di talento oppure al contrario stia costruendo difficoltà ed ostacoli?
Alex: Ci sono sempre musicisti di talento da qualche parte. Per band come la nostra, gli strumenti quali twitter e utube possono tornare utili. Al contrario, come hai detto, troviamo le case discografiche che stanno cercando di sopravvivere e non possono fare veramente molto per le band. Non saprei, credo ci sia definitivamente qualcosa da cambiare per far funzionare le cose, onestamente, perché niente sta funzionando come dovrebbe.

Unknown Danger: Ok Alex, abbiamo finito. Grazie mille per essere stato con noi.
Alex: Grazie a te.

Unknown Danger: C'è qualcos'altro che vorresti dire ai vostri fans?
Alex: Grazie di ascoltare la nostra musica.



conte mascetti
Martedì 11 Dicembre 2012, 0.04.43
1
uno dei gruppi che attualmente mi entusiasmano molto.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Frammento dell'artwork di 'Handwritten'
ARTICOLI
08/12/2012
Intervista
THE GASLIGHT ANTHEM
I musicisti di talento? Ci sono sempre, da qualche parte...
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]