Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Eyehategod
A History of Nomadic Behavior
Demo

Sunnata
Burning in Heaven, Melting on Earth
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/04/21
ABIGORUM
Vergessene Stille

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
ENDSEEKER
Mount Carcass

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

LA POLEMICA - # 9 - Il fenomeno del rosik tra le metal band italiane
25/12/2012 (4640 letture)
rosicare v. tr. [lat. *rosicare, der. di rodere (part. pass. rosus) «rodere»] (io rósico, tu rósichi, ecc.). –

1. Sinon. region. e meno com. rosicchiare, in senso proprio: il cane stava rosicando un osso; sradicavo una barbabietola e la rosicavo terrosa (Slataper).

2. fig., scherz. Mangiare, guadagnare; com. solo nel prov. chi non risica non rosica, non si ottiene nulla, non si ha successo senza rischiare.

3. intr. (aus. avere), region. Rodersi, consumarsi per la gelosia, l’invidia: i tifosi hanno rosicato perché la squadra avversaria ha vinto lo scudetto.

[cfr.
Treccani.it]

4. Dei musicisti metal hanno rosicato perchè qualche redattore li ha criticati in fase di recensione o live report.
[cfr. Nicola Strangis "Khaine", Metallized.it]


Chi ci segue da tempo sa che noi di Metallized, di tanto in tanto, cerchiamo di approfondire tematiche che, pur essendo contigue alla musica metal, raramente trovano spazio nelle recensioni, nelle interviste, nei live report o nelle news. Con la serie La Polemica abbiamo l'opportunità di affrontare questi argomenti e di esporre il punto di vista di chi vive il metal da "questa parte" della barricata: un'angolazione privilegiata, perchè il nostro essere degli scribacchini ci espone a tutta una serie di eventi che probabilmente sfuggono alla maggioranza dei lettori, almeno con un certo grado di dettaglio. Tra questi c'è anche il particolarissimo fenomeno del rosik, una specie di patologia psichica che affligge molte band heavy metal italiane, sia che si tratti di musicisti navigati che di dilettanti, e che si manifesta ogni qual volta l'operato dei suddetti venga in qualche modo criticato o non ottenga il riconoscimento che gli stessi si aspettano quando ricevono una recensione. Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire di chi e di cosa stiamo parlando...

THE ROSIK IDENTITY
I dati in mio possesso rivelano chiaramente che il rosik, su Metallized.it, esprime una caratteristica tutta italiana: nonostante il nostro sito riceva parecchie visite dall'estero (presumibilmente dalle stesse band che recensiamo, considerata l'incidenza che translate.google.com ha tra i nostri referal), in quasi cinque anni di permanenza sulla webzine non ho mai visto né sentito un musicista straniero lamentarsi di una bocciatura. Mai un commento, mai una mail, mai una lagna neanche da parte dei promoter. Certo, per avere un quadro più chiaro della situazione dovrei poter parlare con chi gestisce qualche sito metal straniero ma, per quel che posso testimoniare io, il rosik è un fatto tutto tricolore.
Nello specifico, i soggetti coinvolti sono di diverso tipo, dato che -come anticipato- abbiamo visto rosikare band alle prime armi ma anche esperti professionisti, sia sulle nostre pagine che tramite i social network (chi ha detto Facebook?). Quanto alla provenienza geografica, non siamo in grado di tracciare una linea di discrimine: il rosik è democratico e colpisce indistintamente i siciliani come i friulani, i lombardi come i laziali, ecc. ecc.
C'è anche da rilevare che la quantità di rosik di solito è inversamente proporzionale al livello di notorietà di una band, nel senso che tanto più un gruppo è sconosciuto, quanto più sarà alta la quota di rosik che eventualmente si percepirà in fase di commento alla recensione o all'articolo.
Infine, è bene sottolineare che chi rosika di solito non lo fa da solo, ma con l'aiuto di amici, conoscenti, parenti, fidanzate e, nei casi più assurdi, persino di dissimulati utenti del sito (gente che commenta regolarmente su Metallized come normali lettori ma che, all'atto della recensione del proprio gruppo, anzichè astenersi dall'intervenire finge di essere esterna alla band, applicando tutte le tecniche comunicative tipiche dei rosikatori). Situazioni, queste, che si ripetono uguali a se stesse con ogni occasione utile.

Proprio parlando dei contesti in cui si verificano questi episodi, partiamo considerando il fatto che nessuno rosika quando si parla bene di lui. Ciò che causa il rosik può essere quindi una critica negativa (la classica bocciatura) ma anche una non completamente positiva, e la reazione del musicista che rosika dipende esattamente da queste condizioni; nel primo caso ci è successo di leggere commenti atti a demolire completamente l'opinione del recensore, forse perchè si ritiene che una recensione negativa su un portale autorevole come Metallized.it possa creare un danno all'immagine della band (sempre che la band un'immagine ce l'abbia, ovviamente), senza rendersi conto che i lettori non sono degli imbecilli e che, di fronte a certi comportamenti antipatici, non possono che trarre una conclusione negativa sul grado di maturità di queste persone. Nel secondo caso abbiamo invece riscontrato che gli interessati, non completamente soddisfatti del precario giudizio ricevuto o di alcune affermazioni del redattore, celermente intervengono nel tentativo di rettificare le poche critiche espresse. Naturalmente con l'aiuto di parenti, amici ed ammiratori vari.

DE ROSIKARUM NATURA
In poche parole, un rosikatore è una persona che non riesce ad accettare il fatto che qualcuno di autorevole non apprezza (in tutto o in parte) il proprio lavoro; temendo di subire un danno all'immagine (?), il rosikatore fa di tutto pur di cambiare l'ordine delle cose, perciò, per dare maggior risalto alla propria voce ed in mancanza di un'autentica base di fan, è persino disposto a coinvolgere i propri affetti (parenti ed amici) in questa b-u-f-f-o-n-a-t-a, cercando di far credere a tutti di avere uno stuolo di ammiratori pronti a dimostrare l'incapacità critica del redattore. Non solo rosikatore, quindi, ma anche vigliacco. E non solo vigliacco, ma anche maleducato, perchè se Metallized.it dà l'opportunità a tutti di replicare o scrivere commenti, per giunta senza il bisogno di essere registrati sul sito, imbastendo questa sceneggiata si abusa dell'ospitalità della testata.
E poi non solo maleducato, ma anche stupido, perchè queste recite (prontamente smascherate dai nostri redattori e sempre più spesso anche dai lettori) fanno molto male alla reputazione della band, dato che chi legge (che è anche un consumatore, non ce lo dimentichiamo!) giustamente si può sentire preso in giro. Un buon gruppo non ha bisogno di questi mezzucci per far parlare di sè. Non so voi, ma io gente come i Metallica, gli Iron Maiden, i Motorhead e mille altri non me li immagino proprio a fare 'ste figure da cioccolatino. Ma si sa, un rosikatore è prima di tutto una persona che manca di umiltà: da lui non ci si può aspettare che impari qualcosa da chi ha avuto successo.

MASTERS OF ROSIK
Da redattore devo comunque ammettere che, nonostante mi caschino le braccia ogni volta che assisto a manifestazioni di rosik, certe cose un po' mi divertono.
Cioè, ho visto dei rosikatori comportarsi ai limiti dello stalking, compiendo atti di vera e propria investigazione sulla vita privata dei redattori (nei confini delle informazioni disponibili su internet, naturalmente) al fine di dimostrare che il recensore non era in grado di parlare del proprio disco.
Abbiamo ricevuto messaggi in cui ci si chiedeva di riascoltare l'album sotto una prospettiva diversa perchè quella da noi adottata era sbagliata.
Qualcuno, dopo una bocciatura secca, ha raccolto manualmente tutti gli indirizzi e-mail dei membri di Metallized.it (siamo in 60!) ed ha chiesto a ciascuno di noi di fare una seconda recensione oltre a quella già pubblicata, dal momento che il redattore originario non aveva capito nulla della propria arte.
Siamo persino stati minacciati di andare incontro ad azioni legali se non avessimo accettato di cancellare alcune recensioni non gradite!
Delle rosikate su Facebook, poi, non voglio parlare (quello non è uno spazio di nostra competenza), eppure non posso fare a meno di ricordare il caso di quegli importanti musicisti rock/metal italiani che, sul proprio profilo Facebook ufficiale, hanno spacciato il commento di un normale lettore per una news di Metallized.it (ovviamente, allo scopo di delegittimare la nostra testata che, solo pochi giorni prima, non si era mostrata entusiasta dell'ultimo lavoro in studio della band).

Insomma, di rosikate ne abbiamo viste e sentite a iosa. Potrei andare avanti, ma preferisco fermarmi in attesa di scoprire cosa ci riserverà la magia del rosik in futuro. Perchè ormai abbiamo capito che questo problema continuerà a verificarsi con una certa regolarità: ciò che è importante, però, è che si sappia che noi non ci faremo mai intimorire. Per certi versi, tutto questo ci incoraggia a proseguire nella nostra direzione. A discapito di quel che dice chi rosika...

"L'invidia è una specie di lode"
(John Gay, Favole, 1727)



Alessandro Bevivino
Lunedì 2 Settembre 2013, 17.13.46
37
Se se, bell'articolo. Cassius di Budda, sto rosicando come una BESTIA perchè non sono riuscito a vendere una copia del mio MERAVIGLIOSO STUPENDO ALBUM da voi recensito ad uno sconosciuto in una piazzola autostradale. Sto tizio non capisce una sega, si trova un artista come ME davanti e non lo riconosce. E' colpa vostra. Hahahaha.
Tizi1970
Lunedì 2 Settembre 2013, 9.17.46
36
E' proprio vero Mi ricordo di quando una certa band di supporto ad un noto gruppo (non faccio nomi...) subì alcune osservazioni circa lo svolgimento del loro concerto e si scatenò un flame. Finirono con l'ammettere tutte le critiche...che figura di.... Una volta, nei teatri tiravano la verdura e le uova marce. Si dovrebbe tornare a quei tempi...
Marko
Mercoledì 2 Gennaio 2013, 15.44.19
35
Io credo che nel momento in cui una band invia il proprio lavoro per una recensione,debba essere pronta ad accettare qualsiasi critica,se non si è disposti a mettersi in gioco,inutile chiedere delle recensioni.A volte capita anche gente che "scrive" su alcune web zine delle recensioni assurde dimostrando di non conoscere il genere in questione,lessi recensori che etichettarono un album Doom come un lavoro sulla scia degli Slayer e dei Testament,non è chiaramente il caso di Metallized,ma,anche in quelle situazioni credo stia alle band stesse scegliere di puntare sulla qualità più che sulla quantità,inutile fare avere il proprio lavoro a canali che non trattano determinati generi,specialmente se si suonano generi di "nicchia".Io almeno la vedo così.
Golem
Mercoledì 2 Gennaio 2013, 14.05.51
34
Una band non dovrebbe mai discutere una recensione, o quasi mai. Dico quasi perché se il proprio lavoro viene recensito ad esempio da chi palesemente non ha le competenze per farlo, le palle girano e vorticosamente...ogni capra può dare un parere, ma se il suo scarso parere non è esposto sulla sua paginetta di facebook ma in una recensione, può davvero fare danno. In ogni caso credo che come i musicisti non dovrebbero rendersela se il proprio lavoro viene criticato, lo stesso dovrebbe fare il recensore nel momento in cui qualcuno critica il suo di lavoro. In fondo chi suona sa che verrà ascoltato da gente che giudicherà e così deve fare chi scrive
Raven
Giovedì 27 Dicembre 2012, 15.31.33
33
Infatti il nostro standard prevede assolutamente lo sviluppo di una argomentazione a sostegno della propria valutazione. Poi la si può condividere o meno, ma l'espressione di una precisa posizione è parte integrante ed essenziale di una recensione seria.
Sambalzalzal
Giovedì 27 Dicembre 2012, 14.49.35
32
Mah CauldronBorn@ anche questo è vero... ricordo che anni fa tanta acredine nelle recensioni non c'era. E' anche vero che pure i recensori sono comuni esseri umani che probabilmente a forza di recensire bands di dubbia qualità per giorni, settimane, mesi ed anni alla fine sbottano con la classica goccia che colma il vaso ma a volte veramente più che recensioni sembra di leggere resoconti personali motivati da chissà quali torti ricevuti dalla band in questione. Non è come dici tu il caso di Metallized ma veramente a volte mi trovo davanti a recensioni che non dicono nulla sul prodotto, non citano neanche i titoli delle canzoni... allora a quel punto la domanda è: perchè farle?
CauldronBorn
Giovedì 27 Dicembre 2012, 14.40.33
31
Comunque sul tema ci sarebbe anche da guardare l'altra faccia della medaglia. Esistono anche alcuni redattori con deliri di onniscienza che usano toni molto provocatori, se non proprio beceri, nei giudizi. Non è assolutamente il caso di Metallized dove fino ad ora ho letto solo rece equilibrate, o almeno ben argomentate, però esistono anche altre realtà. La recensione della band famosa tipo di sei righe, dove il succo è "sono vent'anni che suonano, i vecchi classici sono un'altra cosa, ormai hanno rotto i coglioni" è una mancanza di rispetto per chi legge e non è d'aiuto a nessuno. E se ne trovano a iosa in rete di questo tipo. Senza dimenticare poi la posizione vantaggiosa di chi scrive, è sempre più semplice disfare piuttosto che costruire. Per come la vedo, la recensione deve essere d'aiuto alle persone per dare un quadro generale delle caratteristiche dell'album che intendono acquistare, poi vengono le impressioni e i pareri.
Khaine
Giovedì 27 Dicembre 2012, 12.38.41
30
@ Mickelozzo @ Flag of Hate: grazie della segnalazione, è chiaramente un refuso
Sambalzalzal
Giovedì 27 Dicembre 2012, 11.49.38
29
fatto sta Mickelozzo@ che in entrambi i casi con una mentalità del genere non si va lontano! I fatti ce lo dimostrano!
Mickelozzo
Giovedì 27 Dicembre 2012, 11.45.17
28
"C'è anche da rilevare che la quantità di rosik di solito è direttamente proporzionale al livello di notorietà di una band, nel senso che tanto più un gruppo è sconosciuto, quanto più sarà alta la quota di rosik [...]" secondo me invece il rosik di solito è INVERSAMENTE proporzionale alla fama della band, nel senso che più il gruppo è sconosciuto, più aumenta la suscettibilità e di conseguenza il fattore rosicamento.. Quoto Flag of Hate. La frase espressa nell'articolo e` sbagliata, ci vorrebbe una correzione...
Sambalzalzal
Giovedì 27 Dicembre 2012, 9.13.03
27
Mah Vitadathrasher@ per quanto riguarda tante bands, alcune anche purtroppo abbastanza note nel nostro panorama BLEC, io penso che il rosik sia legato al fatto che sono arrivate ad un certo punto grazie a cose che con la musica di per sè non centrano poi così tanto e si sentono punzecchiate nei punti dolenti quando qualcuno lo fa notare in un modo o nell'altro. Che poi è un bel controsenso nel senso (scusate il gioco di parole) che suonando un tipo di musica "underground" e fuori da certi schemi uno dovrebbe fregarsene di opinioni e giudizi... è qua che viene fuori con brutalità il vero approccio alla musica che hanno certi individui...
Vitadathrasher
Mercoledì 26 Dicembre 2012, 20.44.50
26
Io sono dell'idea che chi rosica è colui che ha una stima incondizionata per il proprio lavoro e non ha metro di paragone con i lavori che valgono, come spesso succede nelle band di pischelli. Un musicista di buon senso che ha una minima cultura musicale anche nell'ascoltare i lavori altrui, si rende conto dei propri limiti. Detto questo, se mi fate una pessima recensione al mio prossimo disco vi rompo il c.....
vecchio peccatore
Mercoledì 26 Dicembre 2012, 20.16.51
25
Concordo con te, Flag!
Flag Of Hate
Mercoledì 26 Dicembre 2012, 16.54.41
24
"C'è anche da rilevare che la quantità di rosik di solito è direttamente proporzionale al livello di notorietà di una band, nel senso che tanto più un gruppo è sconosciuto, quanto più sarà alta la quota di rosik [...]" secondo me invece il rosik di solito è INVERSAMENTE proporzionale alla fama della band, nel senso che più il gruppo è sconosciuto, più aumenta la suscettibilità e di conseguenza il fattore rosicamento... le rosicate più grosse me le ricordo sotto le rece degli album autoprodotti. Ammetto che le attendo con ansia, è sempre divertente veder gente che scade nel ridicolo.
pedro
Mercoledì 26 Dicembre 2012, 15.03.23
23
per me è la cipolla
vecchio peccatore
Mercoledì 26 Dicembre 2012, 11.59.58
22
Ah a proposito, odio quelli che difendono la band dell'amichetto dicendo "comunque danno emozioni"... E' vero che nella musica sono quelle che contano, ma non esistono solo le emozioni piacevoli! Alcuni dischi mi danno emozioni forti, sì, ma per forti intendo lanciare il computer giù dalla finestra
Lord_of_all_fevers
Martedì 25 Dicembre 2012, 18.31.20
21
va be, quante risate ci ha regalato la recensione di metal maniac attack dei megahera... se non sbaglio sono stati cancellati anche alcuni commenti perchè troppo esagerati
Delirious Nomad
Martedì 25 Dicembre 2012, 18.29.07
20
Quando Khaine si toglie qualche sassolino dalla scarpa... Stavamo tentando di fare l'enciclopedia del rosik sul forum, elencando le più assurde discussioni del sito, se qualcuno vuole contribuire si chiama "putiferi nelle recensioni" (extra musica).
Benji
Martedì 25 Dicembre 2012, 16.38.15
19
appoggio pienamente tutti i redattori di metallized..... siete grandi ragazzi continuate cosi
Theo
Martedì 25 Dicembre 2012, 16.06.47
18
Il rosik migliore con parenti e amici rimane quello dei Sans Papier o degli Aevum!
Khaine
Martedì 25 Dicembre 2012, 15.57.14
17
Ad onor del vero in quel caso la band fu correttissima, o almeno così ci parve. Comunque auguri a tutti!
Lupus In Fabula
Martedì 25 Dicembre 2012, 15.48.09
16
No Love At All - Sadica Realtà: esempio perfetto di rosik, la gente non sa proprio accettare le critiche
conte mascetti
Martedì 25 Dicembre 2012, 15.13.47
15
Fantastico quello delle azioni legali. Auguri a tutti voi. Buon natale. Un abbraccio.
Il Perseverante
Martedì 25 Dicembre 2012, 12.08.27
14
Bell'articolo! Pensiamo a supportare e meno a rosicare ! auguri a tutta la popolazione di metallized!
Raven
Martedì 25 Dicembre 2012, 12.06.23
13
T-Rex, ti assicuro che nessuno pretende di essere Dio, e se leggi i commenti dei recensori ti accorgerai che è così.
T-REX
Martedì 25 Dicembre 2012, 11.47.22
12
Concordo con quanto scritto, ma anche chi fa la recensione non deve avere la pretesa di essere un dio e che la sua è l'unica verità ed essere immune a critiche. Poi vabeh.....fare denunce perchè ti hanno stroncato un album è ridicolo, evidentemente certa gente vuole fare la prima donna
Babbo Warrior
Martedì 25 Dicembre 2012, 11.38.53
11
ahahahahahahah Santakiller..bella idea , così se ci bocciano l autoprodotto sai come rosichiamooo !!! Stay Metal
Selenia
Martedì 25 Dicembre 2012, 11.36.19
10
Ottimo articolo, come sempre il nostro personalissimo modo di augurare un buon Natale a tutti i rosikoni. Auguri anche a tutti voi qui sotto ragazzi!
Santakiller
Martedì 25 Dicembre 2012, 11.27.50
9
Babbo warrior, Natalambru e Santakiller, potremmo tranquillamente mettere su una band di Christmas Metal . Ah, non é ancora l'ora di pranzo e già non sopporto le canzoncine di Natale, ora con la scusa di prendere il vino scendo in auto e mi ascolto winter songs di Halford. Get into the spiriiiiit, raise your spirit, raise your spirit hiiigh! \m/
Theo
Martedì 25 Dicembre 2012, 11.23.07
8
Ragazzi buon natale a tutti! Redazione e commentatori!
Theo
Martedì 25 Dicembre 2012, 11.22.37
7
"Siamo persino stati minacciati di andare incontro ad azioni legali se non avessimo accettato di cancellare alcune recensioni non gradite!" MA LOOOOOOOOL!!! Cazzo fanno?? Ahahahahah! Che imbarazzo certa gente!
Babbo Warrior
Martedì 25 Dicembre 2012, 11.14.22
6
Articolo da incorniciare , concordo con Santakiller ; quello pure nella recensione dei Destruction con il nome di osburne ha fatto irritare molti utenti , allegria metallosi !!!!!!
vecchio peccatore
Martedì 25 Dicembre 2012, 10.33.02
5
Ho cliccato invia per sbaglio, il messaggio continua: imparate l'umiltà, voi che rosicate. Posso capire che non sia bello sentir parlar male di una propria opera, però bisognerebbe pensare a due cose, nel caso: tanto per iniziare, perché è stata stroncata, secondo, cosa fare per migliorare. E soprattutto, non bisognerebbe prenderla troppo sul serio, come se fosse chissà quale offesa personale! Insomma, non è che bisogna piacere per forza, se sei veramente bravo non è un recensore che per gusti personali ti stronca a rovinarti l'immagine (che immagine, poi, se sei magari un gruppo sconosciuto?). Ottimo articolo Khaine, condivido e buon natale a tutti!
vecchio peccatore
Martedì 25 Dicembre 2012, 10.29.35
4
A me i rosiconi patetici che vedo nei commenti delle recensioni fanno sempre spanciare dalle risate, quando poi intervengono parenti o amici è il massimo.
NATALANALAMBRU
Martedì 25 Dicembre 2012, 10.09.32
3
Sì Santakiller, la cosa migliore è (quasi) sempre berci sopra, oh, anch'io a volte faccio critiche, anzi molti dicono che rompo proprio i coglioni,haha.....però le accetto anche (a volte con l'accetta, grrrrrr....)
Santakiller
Martedì 25 Dicembre 2012, 9.05.30
2
Buongiorno e buon natale! Si si, bella pratica il Rosik, per di più selvaggio! Mi ha già rotto i maroni il Rosik di Antonio Metal sulla rece dei kamelot, immagino la pazienza quotidiana che dovete mettere in conto, anche con qualche utente che, in disaccordo con voi non spiega le sue legittime ragioni ma critica e basta...beh, beviamoci su!
NATALAMBRU
Martedì 25 Dicembre 2012, 8.58.36
1
Bell' articolo, mi ha fatto sorridere il fatto dell'azione legale minacciata da qualcuno, la stessa cosa capitava anche anni fa su diverse riviste del settore, ne ricordo una in particolare, in cui una band (di cui non ricordo il nome) aveva scritto all'autore di una stroncatura, che tramite il proprio manager (vaaai siete importanti) aveva avviato una pratica legale per denunciare questa rivista, haha.....
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Il rosik: una caratteristica tutta italiana?
ARTICOLI
11/03/2021
Articolo
LA POLEMICA
# 13 La musica nell’epoca del corona-virus
03/08/2019
Articolo
LA POLEMICA
# 12 - Chi vuole davvero gli ologrammi nel metal?
16/08/2013
Articolo
LA POLEMICA
# 11 - La Coerenza
24/01/2013
Articolo
LA POLEMICA
# 10 - Ristampe, rimasterizzazioni e rimasugli
25/12/2012
Articolo
LA POLEMICA
# 9 - Il fenomeno del rosik tra le metal band italiane
15/09/2012
Articolo
LA POLEMICA
# 8 - Che cos'è davvero il supporto?
23/05/2012
Articolo
LA POLEMICA
# 7 - Il Pay to play
25/12/2011
Articolo
LA POLEMICA
# 6 - Female fronted metal che?
08/10/2011
Articolo
LA POLEMICA
# 5 - Quelli che... i concerti me li vedo sul tubo
23/07/2010
Articolo
LA POLEMICA
# 4 - La caduta del mercato
09/07/2010
Articolo
LA POLEMICA
# 3 - Quando il metal non era un business
22/01/2010
Articolo
LA POLEMICA
# 2: L'utilità della Cover oggi
15/01/2010
Articolo
LA POLEMICA
# 1: Il download non è un diritto, l'acquisto non è un dovere
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]