Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
The Metallized Observer
Clicca per ingrandire
Slayer
Clicca per ingrandire
Dave Lombardo
Clicca per ingrandire
Jon Dette
Clicca per ingrandire
Bill Steer
Clicca per ingrandire
Anvil oggi
Clicca per ingrandire
Anvil nel 1981
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/05/17
BLEED AGAIN
Momentum

05/05/17
ECHOTIME
Side

05/05/17
SEVEN KINGDOMS
Decennium

05/05/17
HATE
Tremendum

05/05/17
SIDEBURN
#Eight

05/05/17
FROM OCEANS TO AUTUMN
Ether/Return to Earth

05/05/17
GLASS MIND
Dodecaedro

05/05/17
DOYLE
Doyle II: As We Die

05/05/17
EISREGEN
Fleischfilm

12/05/17
SABBATH ASSEMBLY
Rites of Passage

CONCERTI

29/04/17
TEMPERANCE
TEATRO SOCIALE - ALBA (CN)

29/04/17
ONSLAUGHT + HOUR OF PENANCE + THE FORESHADOWING + altri
BARBARA DISCO LAB - CATANIA

29/04/17
NEID + MACARIA + VILEMASS
ISTANBUL CAFE' - SQUINZANO (LE)

29/04/17
METALZONE
ART ROCK CAFE' - IMOLA

29/04/17
MACHETE FEST
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

30/04/17
SUNDAY HARDCORE MASSACRE FEST
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

03/05/17
DREAM THEATER
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA - ROMA

04/05/17
HORNA + KURGAALL + VERATRUM + ETERNAL SAMHAIN
ORANGE TAVERNA ITALICA - PESCARA

05/05/17
DREAM THEATER
TEATRO VERDI - FIRENZE

05/05/17
HORNA + KURGAALL + VERATRUM + ETERNAL SAMHAIN
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

THE METALLIZED OBSERVER - # 2 - L'occhio della webzine
27/02/2013 (2185 letture)
GLI SLAYER A PEZZI: DAVE LOMBARDO ESTROMESSO DAL TOUR AUSTRALIANO!
E' inevitabile parlarne: il ciclone mediatico che si è scatenato attorno agli Slayer porta la band californiana anche sotto i riflettori di Metallized, perché fare chiarezza è più che necessario. Per l'ennesima volta è scontro tra i thrashers di Los Angeles ed il tentacolare drummer Dave Lombardo, la macchina di devastazione che ha da sempre caratterizzato la micidiale forza d'urto del quartetto americano: il motivo, manco a dirlo, è di natura economica. Il comunicato di Dave Lombardo è eloquente, in tal senso: 'L’anno scorso ho scoperto che il 90 % dei ricavati del tour è andato dedotto per varie spese, incluse quelle per il management, ed a noi è rimasto il 10% da dividere. Secondo me non era questo il modo di occuparsi degli affari del gruppo in maniera corretta. Ho provato a dirlo agli altri membri del gruppo ed io e Tom abbiamo assunto dei revisori dei conti per far luce sulle spese, ma mi hanno impedito di accedere alle informazioni dettagliate sui documenti. Lo scorso lunedì ero seduto con Kerry e Tom a pianificare il tour in Australia e ho proposto un nuovo modello di business per la band che ci avrebbe tutelato e ci avrebbe permesso di fare del nostro meglio, ovvero suonare per i fan. Kerry però ha messo in chiaro che non era interessato ad eventuali cambiamenti ed ha detto che se non ero d’accordo su questo punto, avrebbe trovato un altro batterista. Giovedì sono arrivato alle prove il primo pomeriggio, ma Kerry non è venuto. Alle 18,24 ho ricevuto una mail dai miei avvocati che mi avvisava del fatto che ero stato rimpiazzato per le date australiane. Spero di risolvere questi problemi ed ancora una volta mi scuso con tutti i nostri fan australiani che hanno speso i loro soldi aspettandosi di vedere tre dei membri originali degli Slayer'. Pronta e diretta, la replica della band -che istantaneamente ha ingaggiato Jon Dette- non si è fatta attendere: 'Gli Slayer confermano che Jon Dette suonerà la batteria con la band durante il tour australiano che inizierà Sabato 23 febbraio a Brisbane. Riguardo a quanto postato da Dave Lombardo su Facebook, gli Slayer non concordano con Mr. Lombardo circa la sostanza e la cronologia degli eventi, eccetto il fatto che Mr. Lombardo ha raggiunto la band solo una settimana prima della partenza per l’Australia per presentare una sua lista di nuove condizioni per il suo ingaggio, contrarie a quelle precedentemente concordate. La band non è stata in grado di trovare un accordo circa queste nuove condizioni in così poco tempo prima della partenza per l’Australia. Ci sarebbe altro da dire rispetto a quanto esposto da Mr. Lombardo, ma per rispetto verso di lui, non aggiungeremo ulteriori commenti. Gli Slayer ringraziano i fan australiani per la loro comprensione circa questo sfortunato e tardivo cambiamento e contano di vederli durante i prossimi show'. L'incidente diplomatico, con tutta probabilità, è più grave di quel che vogliono farci credere; non c'entra il discorso soldi o non soldi, in realtà: nessuno suona o lavora per fini ideologici, non raccontiamoci favole. Quello che stupisce è la tempistica repentina con la quale si sono svolte le cose: in questo momento, infatti, gli Slayer hanno già iniziato il suddetto tour australiano, con Dette alle pelli. E' la fine della tanto sospirata reunion, quella che iniziò con l'avvento del nuovo millennio e permise a fans vecchi e nuovi di ammirare i killer losangelini nella line-up classica, dopo un decennio senza Lombardo. Difficile ipotizzare come si evolverà la faccenda, ma ancor più difficile è immaginarsi Lombardo ancora negli Slayer dopo questa rottura: i soldi possono tutto, è vero, ma con quali facce gli interessati potrebbero tornare nuovamente a trattare, a lavorare? Tirarsi fuori da un tour degli Slayer non è una questione semplice, del tipo 'Ah, ok amico, toveremo un sostituto, tranquillo': Kerry King sarà andato su tutte le furie. Non è la prima volta che Lombardo entra in disaccordo coi suoi compagni, a torto o a ragione: la prima volta accadde dopo la pubblicazione di Reign In Blood, quando la presenza in tour della sua ragazza Theresa era malvista dagli altri musicisti; ritornato alla base appena un anno dopo, Lombardo se ne andò ancora nel 1992, dopo Seasons In The Abyss, per dedicarsi ad altri progetti. Prima del suo ritorno, inizialmente come turnista e poi in pianta stabile (2001), ai tamburi si sedette Paul Bostaph dei Forbidden, con cui furono incisi tre album di inediti ed uno di cover. Jon Dette, già attivo on the road con Anthrax e Testament, tuttavia, non è un volto nuovo in casa Slayer: nel 1996 sostituì Bostaph nelle date dal vivo, per permettergli di concentrarsi su un progetto parallelo. Da ricordare, oltretutto, che i thrasher sono ancora privi del contributo di Jeff Hanneman, assente dal palco ormai da diverso tempo e a tempo ancora indeterminato. RIFERIMENTI: Dave Lombardo non ci sarà nel tour in Australia, la band risponde a Dave Lombardo

CARCASS: IL NUOVO FULL LENGTH RICORDERA' NECROTICISM ED HEARTWORK!
A consolare gli appassionati di musica dura ci pensano i Carcass, del cui come-back in studio avevamo già parlato negli approfondimenti dei mesi scorsi; impegnato al momento con gli Angel Witch, i suoi idoli di ragazzino, il chitarrista Bill Steer si è recentemente sbottonato a proposito dell'attesissimo disco di ritorno, affermando che 'la maggior parte del materiale ricorda il periodo di inizio anni novanta, ‘Heartwork’ e ‘Necroticism’, mentre un paio di pezzi sono più sullo stile dei primi dischi ed uno ricorda l’ultimo'. Insomma, ce ne sarà per tutti i gusti: le premesse sono ottime, perché stando a queste succulente anticipazioni il nuovo disco dovrebbe essere orientato principalmente ai due migliori capitoli della saga Carcass, e contenere addirittura una vecchia scintilla in stile grindcore: tutti i vari periodi artistici del combo inglese verranno quindi rivisitati in chiave odierna, ed il risultato potrebbe essere interessante; gli ammiratori dell'act britannico, probabilmente, staranno già sbavando. Steer non è stato parco di parole, ed ha spiegato che il full length dovrebbe uscire in settembre, anche se il sogno sarebbe pubblicarlo in estate; non sono ancora pronti titolo e artwork di copertina, mentre ben sette label sarebbero interessati al lavoro, che ha visto lo stesso Steer nelle vesti di compositore principale: un solo brano conterrebbe riff di Jeff Walker, che invece ha scritto tutti i testi, concentrandosi su argomenti sociali, politici e di critica più o meno velata alla scena metal contemporanea. Per la prima volta dai tempi di Necroticism, inoltre, Steer canterà alcune linee vocali; l'assenza di Michael Ammott è stata giustificata dai troppi impegni degli Arch Enemy, ma il biondo axeman ha spiegato che non sussistono problemi personali con il rosso compagno di Angela Gossow. Dopo la pubblicazione del disco, i Carcass suoneranno in alcuni festival continentali.

ANVIL, SODOM E MEGADETH: VECCHIE GLORIE PRONTE AL RITORNO IN PISTA
Anche gli amanti dell'heavy più grezzo e vitaminico possono regalarsi qualche sogno inconfessabile: stando alle parole del batterista Robb Reiner, i canadesi Anvil starebbero pensando ad un tour commemorativo dei primi tre album, da eseguirsi rigorosamente con la line-up dell'epoca: resta da valutare la fattibilità della cosa, anche e soprattutto in funzione della condizione fisica da accertare di Ian Dickson (basso) e Dave Allison (chitarra). L'act di Toronto, attivo dal 1981 e sempre capitanato dall'immarcescibile Steve 'Lips' Kudlow, ad oggi ha rilasciato quattordici studio album: i primi tre, quelli che verrebbero omaggiati in questa operazione-nostalgia, sarebbero i seminali Hard'N'Heavy (1981), Forged in Fire (1983) e soprattutto Metal On Metal, risalente al 1982. Il nuovo Hope In Hell dovrebbe essere pubblicato a fine maggio, a due anni dal precedente Juggernaut of Justice. Restando in temi di nuovi dischi e vecchie band: i teutonici Sodom hanno annunciato per fine aprile il loro Epitome Of Torture, mentre i Megadeth hanno anticipato che sarà Super Collider il titolo del nuovo full length. Al di là del titolo discutibile e dei ripetuti video dallo studio con cui Mustaine e soci stanno mettendo a dura prova le nostre resistenze, la band californiana ha lanciato un'iniziativa piacevole e interessante: i fans sono infatti stati invitati ad esprimere il loro parere via Facebook riguardo la scelta di un ipotetico cantante ospite con cui collaborare per una canzone sul disco. Il nome più affascinante, manco a dirlo, è uno e solo uno: James Alan Hetfield, con cui l'ascia di guerra è stata seppellita ormai da tempo. Sarebbe emozionante sentire Hetfield su un disco dei Megadeth, così come sarebbe storico poter udire di nuovo Megadave su un disco dei Quattro Cavalieri. RIFERIMENTI: Anvil: pensano ad un tour celebrativo dei primi tre dischi.

METALLICA: ARMI NON CONVENZIONALI; OVERKILL: CORAGGIO BOBBY
A proposito di Cavalieri, non passa mese senza che i Metallica facciano parlare di sé. La solita notizia extra-musicale, il solito gossip che diventa pretesto per scatenare vespai: il soldato americano che nel 2011 uccise Osama Bin Laden avrebbe dichiarato che i corpi speciali a cui appartiene usavano la musica dei Four Horsemen (e quella dei Demon Hunter) per ammorbidire i prigionieri prima degli interrogatori; il soggetto in questione ha aggiunto che la band californiana non ha apprezzato tale mossa, invitando i militari a non utilizzare la sua musica, in quanto desiderosa di non supportare la violenza. Fin qui tutto liscio, non fosse che la quasi totale unanimità dei commenti a favore dei Metallica (cosa che non riuscivano ad ottenere da tempi remoti); la questione si infittisce, però, quando gli stessi Metallica hanno dichiarato di non aver mai chiesto ai militari di non utilizzare le loro canzoni, smentendo così chi li aveva elogiati per l'intervento anti-violenza. Fermo restando che più che una notizia questa è una curiosità, resta da capire a che pro i soldati a stelle e strisce abbiano rilasciato tale affermazione: forse per fare un pò di pubblicità ad una band da loro amata, i Demon Hunter per l'appunto? Concludiamo questo approfondimento mensile con una sorta di bollettino medico, riguardante il muscolosissimo singer degli Overkill, ovvero Bobby Ellsworth: il thrasher americano è stato colpito da una polmonite, e di conseguenza la sua band ha dovuto interrompere il tour al fianco dei colossali Testament. Fortunatamente questo disguido non è neanche lontanamente paragonabile all'ictus che nel 2002 rischiò di toglierlo definitivamente di mezzo: a Blitz vanno tutti i nostri auguri di immediata guarigione. RIFERIMENTI: Metallica: false le speculazioni dei militari, Overkill: polmonite per Bobby Ellsworth



jek
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 20.24.51
25
Piano piano gli operai dell'Heavy Metal duro e puro, gli Anvil sfornano un nuovo disco e si preparano a festeggiare con un tour celebrativo trent'anni e più di onorata carriera. Della seria barra dritta avanti tutta. Dei grandi.
brainfucker
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 15.30.38
24
"james hatfield canta come un vecchio uomo stanco"(cit. sempre necessaria).ben ti sta bobby!così impari a cantare senza neanche una sciarpina al collo!
freedom
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 14.56.04
23
"opere d'arte contemporanea"...sorry.
freedom
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 14.53.47
22
Beh non è che gli Slayer facciano sempre lo stesso disco, direi piuttosto che le loro sperimentazioni siano state meno brusche di quelle dei Metallica e, cosa più importante, hanno sempre mantenuto il loro classico atteggiamento da duri e incazzati metallari, cosa che i Metallica hanno praticamente rinnegato nell'era Load/Reload, motivo questo di tanto odio nei loro confronti. Cioè questi sono passati da "Kill'em All" con tanto di martello insanguinato, a Load con le opere d'arte contemporanee in copetina e le collaborazioni con Lou Reed...il metallaro così s'incazza. Comunque condivido il pensiero di waste of air commento 13.
Yuda
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 14.52.59
21
Dave lombardo per quanto lo stimo sono anchio batterista e sempre stato molto attaccato ai soldi piu' degli altri membri e avra chiesto piu' soldi per lui e gli han dato il ben servito
vitadathrasher
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 14.47.20
20
Le band citate, chi più chi meno, fanno girare milioni di dollari, e il sound non lo decidono solo gli slayer o i metallica: Un disco pensato per essere "duro" dai componenti di una band, in fase di mixing può diventare roba da radio pop se il manager decide che deve passare un certo tipo di musica.....Un esempio è God Hate Us all mixato al limite della saturazione per strizzare l'occhio al numetal, in auge in quel periodo. Lo stesso fu per i metallica con il black album (che amo tra l'altro). O gli Europe che in the final countdown Norum si è visto potare e abbassare tutte le parti di chitarra e se ne andò. Quello che voglio dire è che le band non hanno il pieno controllo sul proprio lavoro ma spesso è il mercato che lo decide, tramite produttori manager ecc. perchè lo scopo finale è intercettare il potenziale compratore: ovvero dollaroni sonanti......E quelli che si presentano ai fan con slogan di purezza sono solo dei venditori.....
il vichingo
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 14.36.57
19
I Metallica sono dei venduti del cazzo, gli Slayer sono puri che più TrVe di così non si può, il Metal è morto nel 1989 e non dimenticatevi mai che gli Iron Maiden non fanno un disco degno del loro nome del 1988!.... (ovviamente sto scherzando).
BILLOROCK fci.
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 14.07.03
18
per quanto mi riguarda la dicitura che le band "fanno lo stesso disco" mi pare una forzatura soggettiva, ad esempio gli AC/DC band che conosco bene, vengono da taluni tacciati di monotonia e stessi riff da 30 anni, per me non è così, loro hanno trovato una ricetta vincente e l'hannop portata avanti nel tempo. in merito alla delusioni che taluni hanno nei confronti delle proprie band, io ci andrei piano, dopo anni e anni manterenere elevati standard di originalità non è facile per un cazzo, è molto più facile reinventarsi o mettersi in gioco dopo anni di assenza, vedasi Black sabbath...
Undercover
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 13.57.51
17
Gian, ma ci mancherebbe lo sai da tempo Comunque se ascolti sul tubo i pezzi di "Reign In Blood" e poi passi a quell di "Diabolous In Musica" ti ritrovi ad ascoltare prima thrash arrembante, poi sonorità contaminate nu metal che sono state smerdate da mezzo mondo, più netto di così il cambio non poteva essere "Divine Intervention" per molti aspetti è il più dinamico fra i dischi degli Slayer, il drumming di Bostaph è sicuramente superiore per ciò che concerne quel punto di vista rispetto a quello di Lombardo e quel disco n'è la prova.
waste of air
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 13.51.39
16
@undeecover: grazie del rispetto, ma io in materia sono ignorante! Non ho una visione ampia della discografia degli slayer e mi sono basato più sul sentito dire e sul poco che ho sentito! Quindi in questo senso chiedo scusa, forse avrei dovuto scrivere stesso genere!
Painkiller
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 13.48.17
15
Non voglio entrare nella polemica. Dico solo che se uscirà un disco a nome slayer spero sia un grande disco. Gli ultimi due sono stati inferiori alle mie aspettative. Lo stesso vale per i Metallica, spero in un grande album, l'ultimo che mi è piaciuto davvero è stato a.j.f.a. Sulla collaborazione tra Megadeth e Hetfield francamente la troverei ottima, per l'amarcord che genera e perchè in studio hetfield mi piace ancora abbastanza quando canta. Ma soprattutto...spero che il grande Bobby si riprenda in fretta, nessuno è come lui su un palco.
Undercover
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 13.33.57
14
Gli Slayer fanno lo stesso disco da sempre? Detta da chiunque sarebbe già una stronzata, scritto da te Gian è impresentabile proprio, proprio te che ritengo sia uno che ne capisce e parecchio di musica, non mi puoi dire che gli Slayer facciano lo stesso disco da sempre, cioè "Show No Mercy" è uguale a "Reign In Blood" che a sua volta ti sembra uguale a "Divine Intervention" o "Diabolous In Musica"? Che abbiano un trademark fondamentale per il metal è distinguibilissimo ci sta, che facciano lo stesso disco da sempre, cristo no. Poi io sono uno di quelli che critica l'ultimo perché secondo me è davvero brutto e che si siano fossilizzati soprattutto con il rientro di Lombardo è evidente, ma la tua affermazione è per non dire del tutto falsa, diciamo fuorviante. Non è così.
waste of air
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 13.24.52
13
@freedom: guarda, non ascoltando nè l'uno nè l'altro vedo la cosa da esterno, e credo che quella che tu chiami coerenza da molti sia vista come una cosa fondamentale per una band. Poi ovvio, se si mette in gioco una band piccola fa meno scalpore! Per mettersi in gioco intendo cambi di genere, evoluzioni, involuzioni o comunque suonare in maniera diversa dagli inizi. Poi ovviamente più hai successo più hai fans, e più hai fans più hai critiche; scatta anche come dici una componente di rosicamento non indifferente, che credo sarebbe sicuramente scattata anche nel caso reload e st.anger fossero stati dei capolavori. Quindi se ti fossilizzi su ciò che ti ha dato il successo sei sempre in una botte di ferro anche se fai un disco di merda; in caso contrario patibolo sempre e comunque.
Celtic Warrior
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 13.20.04
12
Ringrazio the thrasher per l articolo, in modo particolare per aver parlato dei mitici ANVIL che sicuramente mi rivedrò molto volentieri , per quanto riguarda i metallica altra band da me preferita facciano un pò quel cavolo che vogliono ..... comunque dal vivo sono ancora ottimi e ripropongono sempre i primi album più qualche pezzo dei nuovi album, perchè è questo quello che il popolo metalloso vuole .
LAMBRUSCORE
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 13.19.33
11
Se a qualcuno interessa -ma a chi cas interessa quello che dici, semo- l'ultimo disco dei Metallica che ho comprato è stato il Black album, appena uscito, poi venduto ad un mio amico, no anzi, dopo 2 o 3 anni un doppio live bootleg -spero tarocco, non so devo controllare- così almeno ho dato da mangiare a qualcuno messo peggio di me - o forse meglio, booo- per gli Slayer, l'ultimo è stato proprio l'ultimo, quasi mai ascoltato, di sicuro di dischi non gliene compro più, al massimo spero di rivederli live per la quarta volta, tanto sono alla fine anche loro....
Sonny
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 13.08.10
10
Se fossi sotto interrogatorio mi basterebbe sentire venti secondi di ReLoad per sputtanare il mondo intero scherzi a parte, condivido in parte il pensiero di Freedom, anche a me volte infastidisce che si parli dei Metallica usando determinati toni quando con band come gli Slayer ed i Motörhead si faccia finta di nulla solamente perché non hanno lo stesso risvolto mediatico. Ovviamente non è una critica ai gruppi, sono a loro devoto a livelli biblici...
BILLOROCK fci.
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 12.54.18
9
beh qui si rischia la web rissa, dal mio punto di vista i Metallica sono decisamente più mainstream e di conseguenza cè il rischio di vederli al gran gaà degli oscar (d'altronde per certi personaggi certi inviti devono essere accettati per forza) ma tornando a noi, non sono d'accordo sul fatto che si siano innovati, per me non hanno mai variato lo stile, e l'unica volta che si sono pericolosamente messi in gioco hanno preso schiaffi da tutti. per me invece innovarsi va bene, ma stravolgere troppo non va bene, esempi: gli Iron suonano lo stesso sound da 30 anni?? bene mi sembra che abbiano sempre successo, gli Ac/dc monotini?? bene, piacciono ancora, invece ricordo che quando i Queen tentarono di tramutarsi con Hot space, presero legnate anche loro, o i recenti korn, da band tosta a pop dancer della domenica! Gli Slayer non sono certo puri o immacolati, ma dobbiamo tenere conto degli anni, dopo anni di album la fantasia vien meno, e quando essa vien meno anche la coesione cala.....
freedom
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 12.17.44
8
Sono dei duri perché sono più coerenti? La coerenza è per gli imbecilli...
freedom
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 12.03.20
7
Cioè?
waste of air
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 12.00.37
6
@freedom: gli slayer fanno lo stesso disco da sempre, i metallica si sono sempre (nel bene e nel male) messi in gioco. Credo che la differenza stia tutta qua..
Sambalzalzal
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 12.00.27
5
Sono d'accordo in tutto con quanto detto da Freedom@ non riesco veramente a capire come mai si vengano a creare dei miti inattaccabili mentre altre persone vengano messe continuamente alla gogna. Ah, per la cronaca, quando venne chiesto ad Araya anni fa se a loro come Slayer sarebbe piaciuto comporre un album come il Black, la risposta fu "Fuck yeah". Più chiaro di così. A certi livelli è l'invidia che muove le persone e non la difesa del nobile ideale musicale. Tutte queste bands cominciarono a suonare col semplice intento di diventare famose. Ci sono riuscite in tante ma in poche hanno fatto veramente fortuna. Si può contestare ai Metallica tante cose ma perlomeno hanno sempre dato prova di essere dei professionisti e non delle vecchie da telenovelas argentina anni 60' con botte e risposta portate avanti sul net o con lettere mandate da un avvocato all'altro. Hanno perso due membri storici: uno è morto e l'altro è uscito di propria volontà. Vogliamo parlare di come si sono risolte le cose in altre bands come Megadeth e Slayer? Insomma...
freedom
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 11.43.52
4
Niente di tutto ciò mi stupisce, solo mi fa incazzare che gli Slayer vengano sempre considerati dei "puri", mentre Lar$ e i Metallica dei ricconi schifosi che pensano solo al profitto. CAZZATE. Tutte e ripeto TUTTE le band metal del pianeta venderebbero la madre per essere al posto di Lars e soci...la differenza sta nel fatto che i Metallica ci sono riusciti mentre gli altri no. Questi qui si parlano tramite avvocati, altro che "true metal"! Le band underground si atteggiano a duri e puri e difensori della causa solo perché di soldi non ne hanno e non ne avranno, vorrei vedere chi tra noi sarebbe disposto a chiudere un occhio su una perdita da milioni di dollari...col cazzo! Lars si è ritrovato a capo della band metal più famosa della storia, ed ha dimostrato di sapere il fatto suo, tant'è vero che sono ancora lì a collezionare sold out e dischi d'oro in giro per il pianeta. Io le chiamo palle quadrate queste.
LAMBRUSCORE
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 11.15.06
3
Per me erano più coerenti nomi tipo Emerson Lake & Palmer, Crosby Stills Nash & Young, (tra i più famosi) nel senso che avevano band coi nomi dei musicisti , invece di cacciare e riprendere vari artisti, poi dalle mie parti c'era il G3 (non quello che conoscete tutti) , ma Gioiello, Geo & Gigion (tutti morti purtoppo....)
AL
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 9.11.47
2
dai Bobby torna più in forma che mai! quando ho letto che non stava bene ho pensato subito al peggio, visto il passato..
vitadathrasher
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 8.21.18
1
Non credo che l'uscita di Lombardo fosse così improvvisa, credo che ci fossero come minimo delle avvisaglie per essersi già premuniti con Dette. Anche perchè nella storia degli slayer il battitore libero è sempre stato il batterista. E diciamola tutta, il musicista vero, completo, da session è Lombardo. E se ha in mente altri progetti posso capirlo....In fondo la situazione della band non è neppure tra le migliori a giudicare da varie dichiarazioni dei componenti, in più ci sono di mezzo motivi finanziari....la frittata è fatta.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Dave Mustaine
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Bobby Ellsworth
Clicca per ingrandire
La formazione storica dei Carcass
Clicca per ingrandire
Sodom
Clicca per ingrandire
Robb Reiner
ARTICOLI
30/12/2014
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 22 - L'occhio della webzine
30/10/2014
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 21 - L'occhio della webzine
01/09/2014
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 20 - L'occhio della webzine
30/07/2014
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
#19 - L'occhio della webzine
02/06/2014
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 18 - L'occhio della webzine
28/04/2014
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 17 - L'occhio della webzine
30/03/2014
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 16 - L’occhio della webzine
27/02/2014
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 15 - L'occhio della webzine
30/01/2014
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 14 - L'occhio della webzine
02/01/2014
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 13 - L'occhio della webzine, Speciale 2013
29/12/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 12 - L'occhio della webzine
29/11/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 11 - L'occhio della webzine
29/10/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 10 - L'occhio della webzine
28/09/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 9 - L'occhio della webzine
30/08/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 8 - L'occhio della webzine
29/07/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 7 - L'occhio della webzine
28/06/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 6 - L'occhio della webzine
30/05/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 5 - L'occhio della webzine
29/04/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 4 - L'occhio della webzine
30/03/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 3 - L'occhio della webzine
27/02/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 2 - L'occhio della webzine
29/01/2013
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 1 - L'occhio della webzine
29/12/2012
Articolo
THE METALLIZED OBSERVER
# 0 - L'occhio della webzine
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]