Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
WHITE DOG
White Dog

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

WILLIAM STRAVATO - Viagrande Studios, Viagrande (CT), 14/04/2013
19/04/2013 (2224 letture)
CONTORNO (E) SOSTANZA
Non è usuale che la location di un certo evento acquisisca una rilevanza autonoma all'interno della cronaca di un evento come una clinic e, a dirla tutta, non è usuale in generale se non in termini in massima parte negativi. Quando questo accade, di solito il cronista è costretto a rilevare situazioni improbabili in cui la gente è stipata in posti ben oltre il limite della decenza e privi dei servizi essenziali, mentre quando si tratta di parlarne bene ci si riferisce quasi sempre ad eventi in terra straniera, più che in Italia. Questa volta però, oltre all'evento in sé che ovviamente non può e non deve passare in secondo piano essendo il soggetto di queste righe, non posso fare a meno di scrivere qualcosa in merito, trattandosi di una piacevolissima sorpresa per di più inserita in un contesto insospettabile, un piccolo paesino di 6000 anime ai piedi dell'Etna.

CATTEDRALE SOTTO IL VULCANO
Dopo aver ingaggiato una furibonda lotta contro i paesani, i quali hanno fieramente negato fino allo stremo di conoscere l'esistenza dell'enorme struttura che ospitava l'evento, riusciamo infine a raggiungerla (era a circa 300 mt. dall'ultimo che aveva negato di conoscerla) e rimaniamo letteralmente stupefatti. Dopo averla infatti scambiata per un plesso scolastico, ci rendiamo invece conto che l'intera costruzione è dedicata alla arti e non è esattamente una piccola cosa. Si tratta di una grandissima costruzione (9000 mq.) inizialmente concepita come scuola di ballo professionale, ma utilizzabile per una moltitudine di iniziative artistiche, posta tra l'Etna ed il mare in posizione geograficamente fantastica. Questa è costituita da un grosso corpo centrale a due elevazioni che nel grande atrio presenta un caffè letterario palesemente concepito da un architetto attento al design e la biglietteria con uffici annessi, mentre a sinistra si trova un capiente auditorium coperto. Al secondo piano una serie di aule didattiche attrezzate, in una delle quali si è tenuta la clinic. Di fianco al corpo centrale sorge un secondo edificio per ospitare permanentemente gli allievi dei vari corsi con annessi e connessi; all'interno della prima struttura troviamo infine un laboratorio da 900 mq. Al di fuori un ulteriore auditorium scoperto ed ampissimi spazi verdi. Una situazione logistica incredibile se comparata al nulla che esiste in zona e che può essere utilizzata come scuola per le arti, concerti, balletti, iniziative cinematografiche, tavole rotonde e chi più ne ha più ne metta. Semplicemente incredibile.

LEGATO A STRAVATO
Come spesso accade in questi casi ed a dispetto del curriculum del musicista chiamato a tenere la clinic (per chi non lo sapesse, uno dei più quotati chitarristi fusion disponibili su piazza), il pubblico ha risposto in maniera che definire molto contenuta è eufemistico, ciò però non ha impedito a Stravato di tenere la sua lezione come previsto ed a chi è intervenuto di osservarlo all'opera mentre utilizzava e spiegava certe tecniche ed anche di divertirsi più del solito, visto l'ambiente forzatamente molto intimo, traendone il relativo profitto. Dopo esserci cotti al sole di Sicilia osservando la cima innevata dell'Etna, saliamo al secondo piano per assistere alla clinic di William Stravato. L'inizio del tutto è molto "easy", con William che esegue un paio di pezzi dal vivo su base registrata, per poi iniziare la discussione vera e propria. La lezione si è incentrata sull'uso di alcune tecniche -in particolare il suo famoso "legato"- tipiche della chitarra elettrica (hammer on, tapping, alcune scale, etc.), ma in particolare sul gusto per la ricerca della giusta dimensione delle esecuzioni. Stravato non ha trascurato di parlare anche dell'approccio alla chitarra dei tanti maestri con in quali ha suonato e/o studiato, come l'amato Allan Holdsworth, Scott Henderson (in comune con lui la preferenza per gli spostamenti orizzontali sulla tastiera e la predilezione per le composizioni e le esecuzioni più istintive), Guthrie Govan, Brett Garsed, Mike Stern, Michael Angelo Batio e Frank Gambale. La sua recente scoperta del country e la dimostrazione delle sue difficili tecniche esecutive vicine allo shred e la spiegazione di alcuni concetti riguardanti la profondità del suono, lo sviluppo di certi riff nella costruzione di un pezzo, la scelta della giusta scalatura della muta e la ricerca del giusto action (settaggio dell'altezza delle corde) in relazione allo strumento usato ed alle tecniche impiegate ha completato il tutto. L'esecuzione di qualche altro pezzo "live" ha coronato un pomeriggio ancora una volta incentrato su un concetto che si ripete praticamente sempre quando si ha occasione di parlare con professionisti affermati in possesso di grande tecnica: si può essere dotatissimi, dominare in maniera eccellente la varie tecniche esistenti, ma il vero musicista punta sul gusto, sulle note "giuste" all'interno di una certa composizione, che non necessariamente sono sempre le più tecniche, le più veloci e le più difficili da eseguire. Un concetto non chiaro a tutti, aggiungo io.

INTERVISTE AL TRAMONTO
Il pomeriggio termina mentre il sole tramonta su un apatico Etna e come di prammatica con autografi sui CD, risate, foto ricordo, ulteriori considerazioni sulla musica e soprattutto, per quanto ci concerne, con una intervista che avrete modo di leggere più in là. Come accade spessissimo -per non dire sempre- in questi casi, quando si parla con musicisti di alto livello il metal entra sempre nella discussione, ma per sapere come e quanto dovrete attendere la pubblicazione dell'intervista.

Foto di Saverio Micali.



Third Eye
Sabato 20 Aprile 2013, 16.02.57
6
Fra l'altro me lo ricordavo con i capelli lunghi e ricci... comunque spero che la scoperta del country non abbia influenzato oltremodo il suo stile!
Raven
Sabato 20 Aprile 2013, 15.47.55
5
Anch'io ho CyberTones. Nell'intervista si parlerà anche del suo odierno approccio alla composizione.
Third Eye
Sabato 20 Aprile 2013, 15.41.14
4
In passato ho avuto modo di ascoltare due suoi lavori “Survivor” e “CyberTones”, poi, però l’ho perso di vista. Ricordo di averne apprezzato molto la tecnica e un po’ meno le capacità compositive, comunque fa piacere che sia ancora del giro e che si proponga al pubblico nostrano.
Raven
Sabato 20 Aprile 2013, 14.42.34
3
Si è parlato anche di quel disco
therox68
Sabato 20 Aprile 2013, 14.09.32
2
Grande Stravato, il suo disco in coppia con Salvatore Russo l'ho divorato. Quanto ad essere il miglior chitarrista italiano fusion io farei un altro nome ma William è un grande comunque.
Jimi The Ghost
Sabato 20 Aprile 2013, 12.24.54
1
Io direi che, allo stato dell'arte, è il migliore chitarrista fusion sulla piazza, in virtù anche del fatto che è un bravo insegnante di didattica per lo stile, anche se in questo senso apprezzo Gambale. Stravato è sicuramente di Livello notevole. Più spazio a questi artisti. Più spazio.Ottimo. Jimi TG
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina dell'evento
RECENSIONI
ARTICOLI
04/05/2013
Intervista
WILLIAM STRAVATO
Dal metal alla fusion
19/04/2013
Live Report
WILLIAM STRAVATO
Viagrande Studios, Viagrande (CT), 14/04/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]