Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dirge
Lost Empyrean
Demo

In Autumn
Greyerg
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
IN SHADOWS AND DUST
Enlightened By Darkness

23/12/18
ICE WAR
Manifest Destiny

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

23/12/18
BOLTHORN
Across the Human Path

24/12/18
BEATEN TO DEATH
Agronomicon

30/12/18
FERAL
Flesh for Funerals Eternal

04/01/19
LEGION OF THE DAMNED
Slaves Of The Shadow Realm

CONCERTI

18/12/18
A PERFECT CIRCLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/12/18
A PERFECT CIRCLE
PALALOTTOMATICA - ROMA

21/12/18
METHEDRAS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

21/12/18
SPLEEN FLIPPER
OFFICINE SONORE - VERCELLI

21/12/18
AMTHRYA + DANNATI + EFYD
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

22/12/18
METHEDRAS
L'ANGELO AZZURRO - GENOVA

22/12/18
NANOWAR OF STEEL
EXENZIA DER CLUB - PRATO

22/12/18
DEWFALL + FYRNIR
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

22/12/18
NATIONAL SUICIDE + ADVERSOR + UNORTHODOX
THE FACTORY - VERONA

22/12/18
PARMA METALHEADZ FESTIVAL
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

LORDI + REVERSE GRIP + COLLATERAL DAMAGE - New Age Club, Roncade (TV), 20/04/2013
26/04/2013 (2094 letture)
Faccio la tessera, pago il biglietto (26 euro in cassa) ed eccomi al New Age Club, da sempre uno dei punti di ritrovo più frequentati dai metallari del Veneto e non solo. Questa volta si tratta di omaggiare i mitici Lordi; ero particolarmente curioso di verificare l’affluenza in zona e di come si sarebbero comportati i finlandesi su un palco tutto sommato piccino come quello del New Age.

COLLATERAL DAMAGE
All’entrata vengo accolto dalla visione del come sempre nutritissimo negozio di merchandising e dal suono della band di apertura, che ha già iniziato a suonare da circa cinque minuti. Si tratta dei Collateral Damage, band italiana originaria di Vasanello (VT). Se non fosse bastato l’aspetto, le sonorità della band confermano che si tratta di un gruppo hard’n’heavy che si richiama direttamente ai grandi nomi degli anni Ottanta (vedi ad esempio Judas Priest e Motley Crue). Il locale non si è ancora riempito e la maggior parte del pubblico è ancora concentrata sulla birra, così la band non riscuote troppi consensi se non qualche applauso; d’altronde, anche se ben fatte, le loro canzoni sembrano talvolta avvicinarsi un po’ troppo al semplice manierismo e così non mi sorprende che il pubblico dia le maggiori risposte quando i Collateral Damage eseguono la cover di un classico come Rebel Yell.

REVERSE GRIP
È poi il turno dei Reverse Grip, band in arrivo da Toronto e abbastanza simile alla precedente in quanto a sonorità. L’aspetto della band sembra ricalcato da un mix di Guns N’ Roses e Black Label Society. Il cantante, in particolare, sembra davvero voler scimmiottare Axl Rose, riuscendoci più o meno bene (anche se dotato di un’ugola inferiore al leader dei Guns dei tempi andati). La band riesce a coinvolgere più spettatori, sarà per la prossimità dell’arrivo dei Lordi oppure perché sa come muoversi su un palco e risultare accattivante; nel frattempo, il New Age sta iniziando a riempirsi davvero e il gruppo ne approfitta per pubblicizzare più volte il proprio nuovo album, Hunger For Chaos. Tutto sommato, comunque, neanche i Reverse Grip lasciano più di tanto il segno e nessuno si lamenta quando annunciano l’abbandono del palco e l’arrivo sempre più prossimo della band che tutti attendono, i Lordi.

LORDI
Dopo il sound check e una lunga attesa arriva infine il momento più atteso: sulle note inquietanti di SCG6 i mostri calcano il palco e si fanno vedere agli occhi dei loro fan. C’è poco da dire sulla loro estetica, sono proprio uguali agli orripilanti musicisti che si vedono nei video ufficiali (con la differenza di Mr. Lordi, che esibisce una pancia davvero imponente!). Il New Age è stato più o meno riempito (anche se di certo non è stracolmo come l’ho visto in altre occasioni) e lo show può iniziare.

Trattandosi di un tour promozionale, i Lordi propongono quasi per intero il nuovo album To Beast Or Not To Beast, inserendo ovviamente anche una gran quantità di classici di sempre sicuro effetto. In ogni caso il pubblico risponde ottimamente anche alle nuove tracce e non solo ai vecchi cavalli di battaglia; dei nuovi pezzi, in particolare, quelli più potenti e coinvolgenti da un punto di vista live si rivelano essere We're Not Bad for the Kids (We're Worse) e la divertente I’m the Best. Impossibile parlare però solo della musica: i Lordi sono uno di quei gruppi in cui il contorno è importante quanto la portata principale. Oltre agli imponenti e perfetti costumi scenici, sono da evidenziare le trovate che i finlandesi hanno escogitato per rendere davvero speciali e spassosi i propri live. Oltre ai dialoghi con il pubblico (alcuni davvero divertenti e irriverenti: "questa canzone è stata scritta dal mio scrittore preferito, ovvero io"), Mr. Lordi riesce a intrattenerlo anche con i più svariati espedienti: un fucile spara fumo che punta ripetutamente sugli spettatori, l’ingresso casuale di altri mostriciattoli sul palco, il bassista Ox che in un momento di pausa finge di decapitare un membro dello staff con la mannaia, lo spiegamento delle enormi ali da pipistrello, l’agitare l’imponente ascia demoniaca e il teschio infuocato e anche il banalissimo lancio di coriandoli rendono lo spettacolo divertentissimo e inimitabile. Fino all’apoteosi: verso la fine del concerto alcuni membri dello staff irrompono sul palco per vestire Mr. Lordi come una Miss Lordi, con coroncina d’argento, fascia e mazzo di fiori che poi lancerà al pubblico. L’apice del concerto è raggiunto durante l’esecuzione di Hard Rock Hallelujah: il pubblico è in visibilio. La chiusura del concerto è affidata a Would You Love A Monsterman, altro pezzo forte dei finlandesi. Fatti ringraziamenti e lanci di bacchette e plettri di rito un ottimo concerto è infine concluso.

Unico neo della serata, la qualità sonora, a tratti tutto fuorché soddisfacente, e un volume eccessivamente alto, come troppe altre serate al New Age, tanto che insieme ad un mio amico verso la fine del concerto mi sono dovuto ritirare dalle prime file per le orecchie ormai doloranti.

SETLIST LORDI

1. SCG6
2. We're Not Bad For The Kids (We're Worse)
3. Bringing Back the Balls to Rock
4. The Riff
5. Who's Your Daddy?
6. Girls Go Chopping
7. Blood Red Sandman
8. Schizo Doll
9. ZombieRawkMachine
10. This Is Heavy Metal
11. Something Wicked This Way Comes
12. It Snows in Hell
13. Supermonstars
14. Im' The Best
15. Bring It On
16. Happy New Fear
17. They Only Come Out at Night
18. I Luv Ugly
19. Devil Is a Loser

Encore
20. Hulking Dynamo

Encore 2
21. Hard Rock Hallelujah
22. Sincerly Whit Love
23. Would You Love a Monsterman?


CREDITS
Un ringraziamento a Stefania Bronca per le foto.



maurilio
Domenica 28 Aprile 2013, 20.24.25
3
Fossi in te risparmierei e dirotterei su altro. Io ho Get Heavy e prende solo polvere da un bel pó. All´inizio le canzoni sono anche piacevoli ma stufano dopo i primi 4 ascolti perché troppo semplici e banali.
BILLOROCK fci
Venerdì 26 Aprile 2013, 20.07.26
2
Girassero più soldi mi comprerei un pò di loro dischi...
zerba
Venerdì 26 Aprile 2013, 1.58.47
1
presente anch'io, ottimo concerto ma un'acustica insufficiente
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Locandina
ARTICOLI
26/04/2013
Live Report
LORDI + REVERSE GRIP + COLLATERAL DAMAGE
New Age Club, Roncade (TV), 20/04/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]