Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
il flyer con le date italiane
Clicca per ingrandire
il palco visto dall'alto
Clicca per ingrandire
Dj Joe Letz
Clicca per ingrandire
Dj Joe Letz
Clicca per ingrandire
Dj Joe Letz + visual
Clicca per ingrandire
I Rammstein
Clicca per ingrandire
Till in pelliccia
Clicca per ingrandire
Till
Clicca per ingrandire
Un cuoco molto particolare...
Clicca per ingrandire
Un Flake che bolle in pentola...
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

RAMMSTEIN + DJ JOE LETZ - Unipol Arena, Bologna, 26/04/2013
01/05/2013 (3630 letture)

LA FINE DI UN'ATTESA
26 aprile 2013: una data che aspettavo da troppo tempo, dopo aver ricevuto a sorpresa il mio biglietto come regalo di Natale, con cinque mesi di anticipo per ovvie ragioni (e meno male, visto che c'è stato il sold out!).

Dopo una classica notte da nerd, mi sveglio non proprio in forma ed ovviamente in ritardo, così inizio di corsa a preparare le cose da portare (o meglio, a gettarle a casaccio nella borsa), scegliere i vestiti, lavarmi, cucinare, fare un paio di lavoretti domestici e precipitarmi alla fermata dell'autobus per raggiungere i miei compagni di avventura. Quando finalmente siamo riuniti, alle 15:30 partiamo alla volta dell'Unipol Arena. Nonostante i rallentamenti all'uscita della tangenziale per Casalecchio, riusciamo ad arrivare alla meta per le 17, in tempo per mangiare al centro commerciale lì accanto.
Alle 18:30 finalmente entriamo e prendiamo posto in piccionaia alla sinistra del palco, posizione a me sfavorevole per l'acustica e la resa fotografica ma, va bé, ringrazio il fatto di essere lì (sebbene a caro prezzo). Ci sono già centinaia di persone, tra cui tanti aficionados tedeschi, e non ho potuto fare a meno di notare una grande differenza d'età all'interno del pubblico; ciò che però mi ha stupita particolarmente è stata la presenza di molte famiglie, con figli più o meno grandi (o addirittura bambini!). Ma adesso addentriamoci nel live.

DJ JOE LETZ
Alle 20 precise ecco arrivare alla consolle DJ Joe Letz, attuale batterista dei Combichrist, che per più di mezz'ora ci intrattiene con i remix in chiave dubstep delle canzoni più famose dei Rammstein come Du Hast, Sonne e Mein Teil. Il pubblico apprezza e balla, ma giustamente vuole di più, tanto che ad un certo punto lo stesso Letz urlerà "Fuck the dj, we want Rammstein!". Così, il tempo di un ultimo remix e lascia il palco ai protagonisti della serata.

RAMMSTEIN
Trascorsa mezz'ora da quando Letz ha lasciato il palco, si spengono le luci e partono varie esplosioni provocate dai colpi di batteria di Christoph “Doom” Schneider. Di lì a poco il sipario viene alzato ed ecco apparire i Rammstein, con un inedito Till Lindemann biondo platino e in pelliccia rosa, che sale da una piattaforma mentre dietro le tastiere Christian “Doctor Flake” Lorenz, in tutina luccicante simil-spaziale, cammina su un tapis roulant. La formazione non perde tempo e inizia subito con Ich Tu Dir Weh, brano di apertura di Liebe Ist Fur Alle Da, e ogni colpo di batteria di Doom fa partire fuochi d'artificio. Dopo questo pezzo si torna indietro al primo album con Wollt Ihr Das Bett In Flammen Sehen? e partono le prime fiamme dal palco, protagoniste indiscusse per tutto il resto dello show. Lo stesso discorso vale per Keine Lust, Sehnsucht e Asche Zu Asche. I pezzi vengono eseguiti di stecca uno dietro l'altro, senza alcuna stonatura (talmente bene che ci viene il dubbio che stiano suonando in playback) e tra di essi non c'è spazio per il dialogo col pubblico, solo una fredda esecuzione di una scaletta (peraltro già nota a tutti) che comunque riesce a far esaltare le folle.

Dopo Asche Zu Asche tocca a Feuer Frei! scaldare l'arena (in tutti i sensi): qui Till, dopo aver mollato una testata a Flake, va ad imboscarsi sotto il palco e riemerge con un lanciafiamme, col quale sparerà in aria accompagnato dai due chitarristi Richard Kruspe e Paul Landers: sembrano quasi dei Pokémon con i lanciafiamme al livello della bocca!
Cantante e tastierista sono i personaggi principali dello spettacolo per tutta la sua durata, relegando gli altri membri ad un ruolo secondario: Kruspe e Landers aiutano con la coreografia infuocata e dirigono i cori ai lati del palco, mentre Doom e il bassista Oliver Riedel hanno la sola funzione di accompagnamento musicale.

Dopo il Bang! Bang! ci attende un finale col botto: ancora una volta Till sparisce sotto il palco, riemergendo vestito da cuoco horror, munito di microfono/coltellaccio e trascinando un pentolone gigante con Flake all'interno. E' l'inconfondibile scenografia di Mein Teil, la stessa identica del passato, e anche qui Till prenderà il lanciafiamme per spararlo sotto la pentola, così da far saltare fuori il tastierista cotto e mangiato con dei petardi addosso.

Dopo lo sketch, la band si ricompone ed esegue l'unica ballad della serata, Ohne Dich, provocando un'ondata di commozione (che, confesso, ha colpito anche la sottoscritta). Finita la parte romantica, si torna alle fiamme con Wiener Blut e Du Riechst So Gut (dove spunta un arco infuocato), ma il nuovo momento clou arriva con la successiva Benzin, quando Till entra in scena con una pompa di benzina dal cui pistone escono fiamme. Durante il brano, come nei precedenti live, si vede salire un ragazzo incappucciato (uno stuntman) che viene preso a fiammate dal cantante e corre per tutto il palco a mo' di torcia umana, prima di essere preso dalla security che gli scarica addosso il contenuto di un estintore. Dopo Benzin tocca alla marcia Links 2-3-4 far esaltare l'uditorio, ma è ancora niente in confronto al cavallo di battaglia che segue: Du Hast provoca il delirio puro in zona parterre, alimentato dalle fiamme delle chitarre di Kruspe e Landers, nonché da quelle onnipresenti dal palco.

A questo punto, con Bück Dich, arriva l'immancabile teatrino di Till che trascina al guinzaglio un Flake seminudo verso una piattaforma che si eleva sul pubblico; da qui, strappa le mutande al tastierista (lasciandogli le terga al vento) e lo inchiappetta con il classico pene finto che spruzzerà sul pubblico.
Finito il siparietto ci avviamo verso la fine, con un altro pezzo forte quale è Ich Will: nuovo delirio, ancora fiammate; finito anche questo i Rammstein lasciano il palco per poi tornare ed eseguire un encore di tre brani.

Ad aprire la tripletta è una versione ninna-nanna di Mein Herz Brennt, eseguita solo da Till e Flake (dietro un vero pianoforte), che crea un'atmosfera quasi più intima, destinata però a durare solo quei pochi minuti. Finito il brano, si sente il pubblico urlare numeri, segno che è la volta di un nuovo brano storico che è Sonne: per l'appunto dall'alto scende il “sole”, un'enorme croce infuocata col logo della band che illumina a giorno l'arena e tutta la gente impegnata in un enorme head-banging collettivo.
Finito il pezzo, arriviamo al brano conclusivo che è Pussy, in cui Till aziona una piattaforma con un cannone da schiuma a forma di pene gigante (rigorosamente rivolto alla folla), il tutto accompagnato da coriandoli argentati sparati dal palco. A questo punto, è l'ora dei saluti (“Grazie Italia, siete grandi!”), lo show è finito (o meglio, scivolato) e ce ne andiamo, non prima di essere passati dallo stand del merchandise.


LATO B DELLA LUNA (punto di vista esterno)
Nel 2013 è possibile accertare suddetto fatto: presenziare ad un concerto dei Rammstein è come assistere ad un balletto messo in piedi a Domenica In o ad un concerto di una qualsiasi pop-star (che si chiami Madonna, Katy Perry o pinco pallino poco cambia). La lingua tedesca che sempre li ha contraddistinti non è stata una limitazione negli anni, ha accresciuto la loro aura di intoccabili, al limite dell’integralismo. Portare in scena un baraccone di tale dimensione è lodevole e guai a negare il contrario,un motivo ci sarà della sua comparsa nel globo terracqueo. Le vendite hanno influito e la popolarità se la sono guadagnata sul campo, volenti o nolenti. Tutto il carrozzone si muove per un solo fine, né più né meno: deliziare la cornea, spesso assopita dal tran tran quotidiano.
Guardando il palco si ha una percezione distante da quella che dovrebbe essere presente all'interno di un qualsiasi concerto di musica “estrema”. Infatti i chitarristi si muovo quasi telecomandati, non tardano a posizionarsi nel luogo prestabilito e le movenze sono le stesse per entrambi, un gioco di specchi che compiace entrambi i lati del palazzetto. Una coreografia ripetuta nei minimi dettagli, vedasi veline. Probabilmente sto disquisendo di aria fritta, uno spettacolo destinato ad essere un compiacimento per sé stessi, più che per gli altri. I ruggiti delle hits che li hanno portati in vetta alle classifiche vengono eseguiti senza mordente e la famosa "pacca" è un ricordo lontano. Eco in una valle sperduta, poiché sbagliare dopo tutti questi anni Ich Will ha del clamoroso!

Perché, c’è dunque da chiedersi, andare a sperperare i propri averi per fantocci che simulano sé stessi, cercando di auto convincersi che han ancora vent'anni? Almeno i gruppi storici del metal non perdono tempo in fronzoli tanto banali quanto spocchiosi. Se per voi ha ancora senso vedere due uomini che simulano scene sessuali nel 2013 scegliete voi, YouPorn è a portata di click ed è molto più veritiero!
In definitiva uno show di plastica confezionato alla perfezione. Se di musica si parla ancora, qui se n'è persa traccia, confermando il fatto che più si inizia a guadagnare più la passione va a scemare.

SETLIST RAMMSTEIN

1. Ich Tu Dir Weh
2. Wollt Ihr Das Bett In Flammen Sehen?
3. Keine Lust
4. Sehnsucht
5. Asche Zu Asche
6. Feuer Frei!
7. Mein Teil
8. Ohne dich
9. Wiener Blut
10. Du Riechst So Gut
11. Benzin
12. Links 2-3-4
13. Du Hast
14. Rammstein intro/Bück Dich
15. Ich will

---Encore---

16. Mein Herz Brennt (versione pianoforte)
17. Sonne
18. Pussy


Inizio e parte centrale a cura di Guendalina Truden “Morganne91”
Conclusioni e foto dal parterre a cura di Andrea Poletti “Ad Astra”
Foto dall'alto a cura di Denis Montanari



il vichingo
Sabato 18 Maggio 2013, 21.10.22
35
Bellissima l'introduzione "come vi permettete di insultare i Rammstein", sembra quasi si deva avere il permesso scritto di Papa Francesco o dieci diplomi al conservatorio per poterlo fare. Comunque ha ragione Elluis, brutta cosa il fanboysmo. Mi è capitato di leggere commenti di bociasse che deliravano sul Metalcore definendo additittura i Bring me sto cazzo la migliore band Metal di sempre, della serie si è alzato Ronnie James dalla tomba per prenderli a calci mentre DeMaio li sodomizza al grido di Fighting the world. Brutta cosa... il fanboysmo.
brainfucker
Sabato 18 Maggio 2013, 19.40.45
34
non insultate più i ramstain brutti falliti!!vi faccio chiudere!mio cugggino lavora alla polizia postale!!non osate più avere gusti diversi dai miei!!till..sodomizzami con passione ti prego!!
CauldronBorn
Sabato 18 Maggio 2013, 19.15.31
33
"Da oggi farò in modo che la gente boicotti metallized" cazzo chi sei, un sindaco, il membro del cda di qualche lobby potentissima, un masone (cit.)?
Elluis
Sabato 18 Maggio 2013, 18.44.07
32
Che brutta roba il fan-boyismo così estremo, fa sembrare chi scrive solo un povero idiota, senza nessuna altra argomentazione che vomitare insulti contro il primo che osa accennare un commento sulle sue band preferite. Brutta roba il fan-boyismo !!
Lizard
Sabato 18 Maggio 2013, 18.35.20
31
Io non ho letto nessun insulto. Anzi, qua c'è un report tutt'altro che partigiano e una critica argomentata. Che poi è quello che deve fare un sito di informazione. Si può condividere o meno, ma non c'è niente di insultante. Tu invece arrivi qui, fai la tua sparata e offendi gratuitamente persone che non conosci. Chi è il fallito?
RAMMFEUER
Sabato 18 Maggio 2013, 18.12.30
30
Ma come vi permettete di insultare i Rammstein? TRA TUTTA LA MERDA CHE C'E' IN GIRO NELL'AMBIENTE METAL, VOI INSULTATE I RAMMSTEIN? Da oggi farò in modo che la gente boicotti Metallized, siete dei falliti.
Diego
Mercoledì 8 Maggio 2013, 10.14.16
29
Quoto totalmente i commenti 27 e 28 di Maynard ed Alessandro...
Alessandro
Martedì 7 Maggio 2013, 10.42.56
28
1. I Rammstein sono sempre stati così, hanno sempre offerto uno spettacolo del genere, non si scopre certo adesso no? Quindi si sapeva cosa si andava a vedere. Questo articolo avrebbe anche potuto essere scritto il giorno prima del concerto...mi sa tanto di opinione preventiva. 2. Il recendsore in questione avrebbe preferito uno spettacolo esclusivamente musicale, senza alcun orpello scenico?!? Per me è un'aggiunta...e onestamente preferisco spendere 60€ per uno spettacolo visivo OLTRE che musicale; piuttosto che la stessa cifre per un concerto fatto esclusivamente di musica. O no? 3. La parte musicale c'è stata eccome. La cosiddetta pacca è arrivata, e anche forte. Probabilmente il concerto è stato visto in tribuna col culo appoggiato sulla sedia...io ero in mezzo e la gente è impazzita, credimi. Han fatto un'ora e mezza...ok, poco...ma una canzone dietro l'altra, senza neanche parlare...a sto punto era meglio tirarla lunga facendo mille assoli di batteria e di chitarra? 4. Hanno pezzato l'iniziio di Ich Will?!? I Metallica, gli Iron, i Manowar non sbagliano mai?!?! è un concerto, mica un cd! Adesso stiamo anche qui ad analizzare accuratamente ogni singola nota, per avvalorare la tesi del gruppo di plastica senza passione...non ho parole. 5. "Almeno i gruppi storici del metal non perdono tempo in fronzoli tanto banali quanto spocchiosi..." Vorrei vedere se il recensore direbbe lo stesso a un concerto dei Kiss...Quando esce Eddie dei Maiden però son tutti contenti, no?!? 6. Il fatto che i movimenti siano sincronizzati è vero. Ma è una cosa necessaria. Con tutti quegli effetti pirotecnici, non si possono permettere di sbagliare neanche di un centimetro.
Maynard
Martedì 7 Maggio 2013, 2.41.01
27
Premetto che io ADORO questo sito per moltissimi motivi; primi fra questi l'assoluta apertura mentale a generi diversi fra loro (a volte agli antipodi) e la competenza musicale nonché "storica" di molti autori di recensioni, report ed articoli vari. Ammetto anche che, nonostante io mi diletti, come hobby, nella stesura di recensioni e report per altre testate passo su questo sito gran parte del mio tempo libero "virtuale". Questa volta, ahimè, sento però di dover criticare il contenuto di parte di questo report, non perché non accetti la critica negativa su un concerto (al quale ero presente ed ho trovato fantastico!) ma per i modi canzonatori e semplicistici con i quali tale critica viene espressa. Non penso, infatti, che renda giustizia ad un gruppo come i Rammstein che ha fatto, volente o nolente, la Storia di un certo tipo di musica pesante negli ultimi venti anni ,venire accostati alle Veline o ad un balletto di Domenica In. Capisco l'iperbole, ma mi sembra eccessiva.Inoltre direi che nel concerto di musica ce ne è stata parecchia e anche molto ben suonata (come al solito); unica pecca il calo di voce di Till da Du Hast in poi che penso, però, sia dovuto ad un qualche problema transitorio visto che a Barcellona ha urlato come un ossesso per tutto l'act. Vi saluto chiedendo scusa per questo sfogo che, ripeto, non vuol essere una critica al vostro operato, ma solo una tiratina d'orecchio ad un vostro redattore che stavolta, come si dice dalle mie parti, "ha un po' caato fori dar vaso".
Der Reiter
Lunedì 6 Maggio 2013, 15.14.09
26
ma quell'energumeno di till al posto che intimare "PIEGATI! TE LO ORDINO!" al povero flake perchè non lo fa con una bella pupa? e che diamine...
Gobbo
Lunedì 6 Maggio 2013, 14.27.18
25
Che spettacolo!!!
BILLOROCK fci
Lunedì 6 Maggio 2013, 14.06.34
24
uuuuhhhh Grandi rammstein, in effetti non mi dispiacerebbe vederli on stage.... RRRein..RRRaus....
Raven
Venerdì 3 Maggio 2013, 10.20.35
23
E' bello quando la gente critica argomentando come viene fatto nei pezzi, stimola veramente il dibattito e lo scambio culturale,
Mitra65
Venerdì 3 Maggio 2013, 9.59.52
22
La parte finale di questo report è pietosa
miguel
Giovedì 2 Maggio 2013, 21.11.38
21
Con la prima parte sono anche abbastanza d'accordo, per il lato b... Chi va ad un concerto dei Rammstein ci va per vedere il loro spettacolo di luci/fuochi/ messinscene e musiche marziali quadrate, certo ora il tutto è meno spontaneo e più preparato, ma comunque di grande effetto e con una gran dose di (auto)ironia da parte della band. Poi se ci si lamenta perchè non viene messo in primo piano la musica, forse si è sbagliato qualcosa,i Rammstein non sono i Dream Theater o gli Opeth, sono una sorta di versione futuristica dei Kiss mescolati ad Alice Cooper e Marilyn Manson. E questi ultimi tre mica li vai a vedere per la musica..
Beast
Giovedì 2 Maggio 2013, 12.35.20
20
Se per "lato B della luna" si intende il culo allora ci sta vista la gran cagata. Non ho nemmeno capito se era una critica o una sparata fine a sé stessa o cosa. Per quanto riguarda la mancanza di passione o di contatto con il pubblico io penso che parlino di più le canzoni dei discorsi (spesso inutili) che spezzano il ritmo del concerto.
Diego
Giovedì 2 Maggio 2013, 10.09.25
19
Io c'ero ed ero uno di quelli che ha portato la famiglia intera! I miei figli di 10 e 13 anni hanno cantato tutto il concerto e fatto headbanging più di me... Io credo che i Rammstein siano un gruppo che crea adepti incalliti o denigratori, non c'è via di mezzo. Anche nella mia cerchia di amici ho quelli che impazziscono per loro e quelli che li definiscono crucchi pagliacci. Io faccio parte dei primi e non concordo sullo show di plastica preconfezionato. Lo ro sono così dall'inizio, il loro show si basa non solom sulla musica ma su tutte quelle scenette che ci propongono da anni ma che i fans vogliono sempre vedere. Non parliamo poi dei movimenti "telecomandati", visto che grandi metal band del passato facevano lo stesso. A maggior ragione lo fanno loro che devono stare attenti a dove si posizionano sul palco causa fuochi ed esplosioni... Io ero presente anche a Verona e non ho sentito maggior "tiro" rispetto a Bologna, anzi, e se devo dirla tutta non sono neanche daccordo con chi ha visto Till in difficoltà....
Gesu
Giovedì 2 Maggio 2013, 9.52.01
18
Concerto della madonna, pochii cazzi...ah la cornea nn c'entra con la vista...E la retina
Gesu
Giovedì 2 Maggio 2013, 9.51.58
17
Concerto della madonna, pochii cazzi...ah la cornea nn c'entra con la vista...E la retina
Anathema
Mercoledì 1 Maggio 2013, 18.34.52
16
Morganne91 sorry..faccio mea culpa non mi ero dato della doppia firma sul report...quindi tutto quello detto lo rigiro pari pari sul tuo "collega"
piggod
Mercoledì 1 Maggio 2013, 17.42.13
15
Qualcuno mi spiega come mai in Italia il biglietto in Italia costava 75 Euro e in Slovenia 40,50 Euro (senza costi aggiuntivi - stato ieri, ho il biglietto con il prezzo stampato sopra). A Codroipo (UD), così come a Roma il prezzo è di 63,25 (più diritti di prevedndita), il parterre a Lubiana era 39 virgola qualcosa (senza costi aggiuntivi). Qualcuno mi sa spiegare il perché di una differenza talmente drastica? Tornando allo show, dal punto di vista dello spettacolo puro è pazzesco, tanto che tutto il resto passa in secondo piano.
Aelfwine
Mercoledì 1 Maggio 2013, 17.24.21
14
Sono d'accordo col punto di vista di Morganne, percepisco meno passione e più mestiere. Sono contento per chi si diverte a vedere questi show, cosa che io non farei, a prescindere dal prezzo. Se ripenso al Live aus Berlin, nonostante gli anni passati, mi vengono i brividi! Bellissimo, e soprattutto sincero... a differenza di quello che fanno oggi. @FGFG: infatti anche Tim Burton si sta trasformando in un pezzo di plastica sterile, anno dopo anno.
Morganne91
Mercoledì 1 Maggio 2013, 17.13.04
13
@Anathema vorrei mettere in chiaro un paio di punti: 1) seguo i Rammstein da quando ho iniziato ad ascoltare metal, sono uno dei capisaldi della mia vita e sapevo benissimo che quello sarebbe stato uno spettacolo musicale che non un vero e proprio concerto 2) sono ben felice che siano stati spesi per me 75€ di biglietto, soldi ben spesi visto che comprendono tutto l'allestimento scenografico (e infatti sono tornata a casa completamente sgolata per quanto mi sono divertita, fra qualche anno potrei anche rifarlo) 3) il report l'abbiamo scritto in 2 e io non mi sono occupata della parte critica. Detto questo, da fan dei tedeschi, dico che è andata molto bene, ma poteva andare meglio perchè essendo stata la prima volta che li vedevo live mi aspettavo un minimo di dialogo in più col pubblico, solo perchè porti una megascenografia non vuol dire che non puoi proferire parola e quindi fissarti rigidamente sulla scaletta prestabilita (e comunque l'inserimento di qualche brano in più avrebbe potuto solo fare bene, ad es. Mein Land, anche se è nuova)... ma pazienza i Rammstein sono i Rammstein no? quindi non si può dissentire..... vabbè....
denis montanari
Mercoledì 1 Maggio 2013, 16.45.06
12
vorrei dire la mia sulla questione... imparzialmente parlando (ed io sono imparziale perchè non sono uno che muore per i rammstein ma semplicemente li apprezza molto), è pur vero che i rammstein fanno lo stesso identico spettacolo da anni, e che effettivamente cambiare gli effetti pirotecnici con altri diversi e nuovi farebbe del bene, per dare sorpresa al pubblico che così facendo non sa cosa aspettarsi ed è tutto a sorpresa, un po come andare al cinema a vedere un nuovo film, rispetto ad uno che hai visto già 10 volte.... però è anche vero che se io personalmente offrissi un certo tipo di servizio, e ne guadagno il massimo (facendo soldout), non me la sentirei neanche io di cambiare il mio servizio, rischiando che le modifiche non piacciano ai miei clienti.... in particolare i rammstein che ormai sono anche anzianotti, e direi che quello che fanno è già esagerato per loro.... immaginatevi till che per fare un numero nuovo si mette un lanciafiamme dietro al culo per simulare una scoreggia potente, ma la punta troppo in basso e si da fuoco ai pantaloni... e comunque ormai sono già da tempo in quella fase che si può definire di culto, come uno dei migliori cult movie.... sarebbe come vedere un remake del miglio verde (e nessuno vorrebbe vederlo), questo ai fan più sfegatati potrebbe non piacere.... in sostanza sono giuste entrambe le opinioni, quindi non c'è motivo di litigare... la cosa giusta è limitarsi semplicemente a dire la propria opinione e non infamare quelle altrui... per la questione del prezzo del biglietto non capisco dove sta il problema, come ho detto prima, se io so che il mio servizio è apprezzato e tutti lo vogliono a qualunque costo, se mi va metto il prezzo che mi pare per guadagnarne il più possibile, io faccio il barista, e se aprissi un bar in centro a milano con il miglior caffè se so che la gente vuole a tutti i costi il mio lo faccio pagare anche 5 euro a tazza, e in centro a milano questo è più o meno il prezzo base... nel caso dei rammstein è giustificato dallo spettacolo pirotecnico in se che è molto costoso, quindi a regola loro non ci guadagnano neanche tanto..... non infamateli.... per gli utenti che hanno letto il report vorrei far notare che è stato diviso in due parti perchè è stato fatto da due persone diverse, con due opinioni differenti.... siate sicuri di rivolgervi al giusto reporter mentre commentate....
hm is the law
Mercoledì 1 Maggio 2013, 15.49.59
11
Non vedo l'ora di vedere i Rammstein all'opera a Roma, è una vita che aspetto questo concerto!
Theo
Mercoledì 1 Maggio 2013, 15.00.31
10
@Anathema: Gli altri gruppi offrono MUSICA, i Rammstein dal vivo offrono altro.
Anathema
Mercoledì 1 Maggio 2013, 14.57.56
9
Cara Morganne91...scusa la franchezza? ma per una recensione di questo tipo francamente potevi rispiarmiarti di scrivere. Ma che siamo matti? ma non sapevi come era uno show dei Rammstein? Tutto quello che c'era era esattamente tutto quello che li ha resi famosi e che la gente si aspettava. Musicalmente non c'era la pacca?..ma quando mai... io ero fronte mixer e sembrava stesse cadendo il palazzetto. (tra laltro divertentissime le facce di alcuni pompieri beccati durante il concerto quasi scioccati da quello che stava accadendo). Concerto di plastica finchè vuoi ma questo è il marchio di fabbrica dei Rammstein ed è per questo che son stato ben felice di spendere i miei 60 € di biglietto...Ma stiamo scherzando? ma dove vivi? hai idea di quanto costi mettere in piedi uno show di questo tipo?...vogliamo parlare sennò dei tanti gruppi che si fan pagare 30/40 € per non dire di più per offrire semplicemente..un concerto? ...I Rammstein non vendono un concerto..vendono uno spettacolo probabilmente unico al mondo. I tuoi commenti denotano solo il tuo non apprezzare quanto offrono sia musicalmente che visivamente..starsene a casa no è?
aurelia somogyi
Mercoledì 1 Maggio 2013, 14.48.58
8
Certamente capisco le critiche e descrizioni anche negativi contro il Rammstein ,pero una cosa da dire che un gruppo originale e se cambiassero modo di essere e metodo non sarebbero Rammstein,bisogna accettare il gruppi come sono e interprettare come un spettacolo non come esempio di vita o far somigliare di un sito come un sito hard.Il gruppo rammstein e composto di 6 UOMINI e certamente non si puo aspettare Madonna in palcoscenico che comunque anche lei ne fa dell gesti e balletti "strani" ,quindi smettiamo di fare pezzi ,ratoppamenti,sull un gruppo che sono nati come sono, comparsi sull palcoscenico dell tutto il mondo e da anno 95-96.E devono rimanere nella loro originalita...PS...e questo concerto e era greatest hits,e il concerto dell disco "libe ist fur alle da" e molto piu bello ,che poi in italia hanno fatto solo una data e era a verona.
uruk
Mercoledì 1 Maggio 2013, 14.41.21
7
mi reputo un fan die hard dei rammstein, visti a Ginevra 4-5 anni fa ed a villafranca.. per alcuni motivi personali mi sono perso questa data. Che dire, io farei solo leva su un punto, ho letto di "band che si ripete" e che è rimasta fossilizzata... ma a me pare alquanto errato. Non si può prendere come metro di paragone per l'evoluzione di una band, il loro show LIVE, assemblare e metter su uno show di quel calibro, essenzialmente è pauroso. Non si può pretendere che cambino spettacolo ogni anno... è impensabile. L'evoluzione di una band la si vede in studio e li, miei cari, i rammstein rimangono intoccabili perchè, secondo il mio modesto parere, hanno dato alle stampe albums sempre variegati, sempre bestiali, sempre diversi, a partire dalle tinte elettroniche, passando per quelle più warm rock di un rosenrot.... quindi, per me, rimangono nell'olimpo di band che non ha mai sbagliato nulla.
blackpearl89
Mercoledì 1 Maggio 2013, 14.25.39
6
sono convinta che se i Rammstein dovessero cambiare il loro modo di esibirsi perdonatemi ma non sarebbero più gli stessi allora perchè parlare di show di plastica? chi li segue...chi li va a vedere è consapevole di ciò che offrono. Se cambiassero sarebbero tutti a lamentarsi "non sono più quelli di una volta" vorrei vedere altre band affrontare lo stesso show ...studiato? vorrei vedere voi a stare su un palco dove partono fiamme o quant altro non avreste anche voi le movenze telecomandate? io sono pienamente soddisfatta di ciò che ho visto e sentito
FGFG
Mercoledì 1 Maggio 2013, 13.54.39
5
Show plasticoso, studiato, finto al punto giusto quasi al limite del ridicolo, ma bello e soprattutto divertente, divertente, divertente! Chi va a vedere i Rammstein non può lamentarsi di nulla, propongono esattamente quello che li ha resi famosi, farsi illusioni che non siano la stessa band di sempre è, appunto, un'illusione. Lamentarsi sul fatto che i Rammstein del 2013 ripetano sé stessi, è un po' come lamentarsi dell'ultimo film di Tim Burton. Sono sempre loro! Hanno un trademark, e il prodotto è sempre eccellente. Se non ti piace la plastica, non andare ad un loro concerto
Selenia
Mercoledì 1 Maggio 2013, 13.04.07
4
Visti anche io a Villafranca di Verona quasi tre anni fa con i Combichrist, è stato uno show incredibile! Come giustamente è stato detto il prezzo è conforme allo spettacolo che poi viene offerto durante il live, quindi una persona che acquista il biglietto deve essere ponta ad accettarne il costo. Certo, è altrettanto vero che una volta visti difficilmente me la sentirei di replicare, proprio perché propongono sempre le stesso tipo di spettacolo..
vascomistaisulcazzo
Mercoledì 1 Maggio 2013, 12.51.35
3
Li ho visti ad un festival 3 anni fa e mi sono divertito genuinamente ma negli stessi giorni ho visto Slayer, Pearl Jam, Alice in Chains, Faith No More, Paul Weller e decine di altri gruppi e ho avuto l'impressione che la musica è un'altra cosa rispetto a quello che confezionano i tedeschi. Andrebbero visti almeno una volta nella vita? certamente, ma non per 60€
Giasse
Mercoledì 1 Maggio 2013, 12.39.57
2
Aggiungo un'altra considerazione. Lo show di Dj Letz, nonostante abbia contribuito ad aumentare l'iperbolica autoreferenzialita' della serata, e' servito a scaldare gli animi anche se la perfezione sarebbe stata quella di dare continuita' ai 2 spettacoli. Se lo aspettavano un po' tutti ma non e' accaduto, lasciando un'abbondante 20ina di minuti vuota...
Giasse
Mercoledì 1 Maggio 2013, 12.33.57
1
C'ero. Il carrozzone in perfetto stile Domenica In (o Formula 1 o Moto GP se vi piace di piu) fa parte dei Rammstein da almeno 15 anni, quindi chiunque li affronti al prezzo di 50/60 euro e' pronto a digerirlo. La vera disquisizione potrebbe vertere sul compiacimento ad affrontare lo stesso identico spettacolo (peraltro parecchio ridimensionato in "volume di fuoco") da parte di chi come me ha abbondantemente superato la puberta'... Detto questo io mi sono divertito, in modo semplice e scanzonato nonche' privo di aspettative artistiche. Nb: Till non ce la fa piu'! Avra' cantato bene si e no 3 strofe!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Fuoco e fiamme...
Clicca per ingrandire
Tutti al centro (o quasi)
Clicca per ingrandire
Sodomizzazione di Flake
Clicca per ingrandire
Primo saluto
Clicca per ingrandire
Till e Flake
Clicca per ingrandire
da un altro punto di vista...
Clicca per ingrandire
Il cazzocannone
Clicca per ingrandire
Coriandoli
Clicca per ingrandire
Saluto finale
ARTICOLI
01/05/2013
Live Report
RAMMSTEIN + DJ JOE LETZ
Unipol Arena, Bologna, 26/04/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]