Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

A Perfect Circle
Eat the Elephant
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
CIRCLE OF SILENCE
The Crimson Throne

27/04/18
SINK THE SHIP
Persevere

27/04/18
SAATE
The Conjouring

27/04/18
HOMEWRECKER
Hell Is Here Now

27/04/18
WATERCRISIS
Sleeping Sickness

CONCERTI

25/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/04/18
CRASHDIET
LEGEND CLUB - MILANO

26/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/04/18
ENSIFERUM + EX DEO
LIVE CLUB - TREZZO SULL’ADDA (MI)

26/04/18
SPOIL ENGINE + LOSTAIR
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

26/04/18
GOATH + PRISON OF MIRRORS DEVOID OF THOUGHT
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

27/04/18
TEMPERANCE - Release Party
OFFICINE SONORE - VERCELLI

27/04/18
ENSIFERUM + EX DEO - ANNULLATO!
HIROSHIMA MON AMOUR - TORINO

27/04/18
IRON SAVIOR + DRAKKAR + AIRBORN + BLACK PHANTOM
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

DEATH SS - La magia della vita, parla Steve Sylvester
02/06/2013 (6040 letture)
A distanza di sei anni dall'ultimo album, nuova vita scorre nelle blasfeme e misteriose vene dei Death SS, band che è pronta per una nuova 'resurrezione' artistica. Ma lasciamo che siano le parole di Steve Sylvester, leader della formazione ad introdurci al nuovo album...

Selenia: Sembrava che The Seventh Seal fosse l’ultimo album dei Death SS, così come ci avevate convinti che l’orgia finale di Black Mass, durante la vostra esibizione live all’Italian Gods of Metal del 2008, fosse l’ultima immagine che lasciavate, prima di salutarci con un “addio”. Invece, eccovi qui, con un nuovo album dopo circa sette anni dall’ultimo lavoro: cosa vi ha fatto cambiare idea e cosa ha fatto in modo che la resurrezione avvenisse?
Steve Sylvester: Nel 2007 in realtà non avevo mai posto la parola “fine” sul progetto Death SS. Semplicemente dopo aver festeggiato il trentennale dalla fondazione della band e aver pubblicato i 7 sigilli, ho preso una pausa a tempo indeterminato per potermi dedicare ad altri progetti. Sarei tornato alla band solo quando e se avrei avuto qualcosa di veramente valido da proporre, qualcosa che non fosse una continuazione del settimo sigillo ma costituisse in nuovo inizio. Tutto ciò si è poi verificato sei anni dopo ed eccoci qui!

Selenia: Il disco è stato prodotto in maniera indipendente avvalendoti anche dell’esperienza di Freddy Delirio. Non accadeva dai tempi di Black Mass che un vostro disco fosse autoprodotto senza alcun tecnico esterno, come mai questa scelta? Avete incontrato delle difficoltà?
Steve Sylvester: Al contrario! Dopo tanti anni passati negli studi di registrazione accanto a produttori di fama mondiale come Neil Kernon, Sven Conquest o David Shiffman, ho acquisito sufficiente esperienza per poter produrre un disco con le mie sole forze, coadiuvato da un ottimo tecnico del suono come Freddy Delirio. Penso che il risultato e la resa sonora di Resurrection ne siano una chiara dimostrazione.

Selenia: I lunghi tempi di gestazione dell’album sono dovuti proprio a questo volersi cimentare nel do it yourself?
Steve Sylvester: Anche, ma soprattutto, avendo un nostro studio a disposizione, ho voluto prendere la cosa con molta calma, registrando una song alla volta solo quanto tutto era ottimale, senza preoccuparmi di alcuna scadenza e selezionando solo il materiale migliore. Ogni canzone è stata curata ed arrangiata nei minimi dettagli, finché il risultato finale non ci soddisfaceva a pieno. Solo quando abbiamo totalizzato 12 song per noi “perfette” abbiamo pensato di pubblicare un nuovo album.

Selenia: Ciò che mi ha da subito colpita al livello visivo è stata la copertina di Resurrection: devo dire che ho apprezzato tantissimo lo stile fumettistico, sembra quasi la locandina di un horror movie anni ’70. Vuoi raccontarci qualcosa di questo art work e come è stato scelto?
Steve Sylvester: Non è un mistero che io sia sempre stato un grande cultore e collezionista di vecchi fumetti sexy/horror italiani, quei titoli come Jacula, Zora, Cimiteria, Belzeba etc. che circolavano nelle nostre edicole negli anni ’70 ed ’80. Sono riuscito ad entrare in contatto con il maestro Emanuele Taglietti, artefice in quel periodo di tutte le più belle copertine dei succitati fumetti. Ne è nata una bella amicizia che ha portato alla realizzazione delle grafiche del nuovo album, dove la band è ritratta mente “risorge” dall’inferno, accompagnata da uno di quei mitici sexy personaggi, appunto Belzeba.

Selenia: L’album è molto vario ed eterogeneo, sicuramente specchio dei diversi periodi in cui sono stati concepiti i pezzi che lo compongono. Non c’è un sentimento predominante a mio avviso e probabilmente questo rende la release di più difficile assimilazione: pensate che l’aver racchiuso così tante sfumature vi possa in qualche modo penalizzare e possa trasmettere una certa sensazione di disunione?
Steve Sylvester: Non direi. Anche se ogni brano ha una sua precisa identità ed è stato composto con diverse tempistiche, le 12 canzoni sono comunque unite tra loro sia dal duplice concept che le raggruppa tra colonne sonore di films horror e poemi esoterici legati a Crowley, sia dal fatto che anche musicalmente siano state rimixate sotto un’ottica globale finale, che smussasse ogni eventuale differenza di sound ed amalgamasse il tutto in maniera armonica.

Selenia: Il principale filone che lega le varie track, oltre le tematiche esoteriche ed occulte, è che la maggior parte di esse è stata ideata come colonna sonora per film o per serie tv. Partiamo con l’opener Revived, che è stato anche il primo pezzo che avete composto nel 2009, per la puntata de L’Ispettore Coliandro, oramai nota a tutti, per proseguire con The Darkest Night, Eaters, Ogre’s Lullaby, Santa Muerte e Precognition. E’ una nuova strada che pensate di intraprendere, quella di dedicarvi alle soundtrack, o è un puro caso che negli ultimi periodi ci sia stata una concentrazione di tali episodi?
Steve Sylvester: Un po’ entrambe le cose. E’ sicuramente iniziato tutto per caso quando i miei amici Manetti mi hanno chiesto una canzone inedita appositamente per la serie TV. Da lì in poi ho avuto altre richieste fino a ritrovarmi a musicare un intero film. Per me è stata un’esperienza nuova ma sicuramente molto affascinante che spero di poter ripetere anche in futuro.

Selenia: Non è un mistero che siate particolarmente legati alla numerologia o, comunque, a certi simbolismi. Lo dimostra -per rimanere sul presente- la decisione di diffondere il singolo che anticipava l’album, The Darkest Night, il 21 dicembre, notte della famigerata quanto sfatata previsione catastrofista Maya, e di distribuirlo in 666 copie; oppure, l’aver fissato la release date di Resurrection al 6 giugno (6/06/2013 =6/6/6). Non ti ha mai in qualche modo “pesato” questa ricerca ponderata, quasi ossessiva, di ricorsi numerici che, per quanto simbolici, potrebbero in qualche modo risultare limitativi e poco elastici?
Steve Sylvester: No, lo trovo anzi molto divertente! In realtà non sempre alcune date sono state calcolate appositamente. A volte si tratta di vere coincidenze e comunque studiando la numerologia, non è poi tanto difficile trovare una collocazione “magica” ad una precisa data. Anche questo fa parte del nostro essere “Death SS”.

Selenia: Tutti attendono con ansia il vostro ritorno on stage e per il momento l’unica data italiana confermata da headliner è quella del Metal Camp Sicily. Nell’attesa che vengano annunciate ufficialmente le date del tour completo, potete darci qualche anticipazione?
Steve Sylvester: Onestamente al momento non ho molto altro da dire in merito, se non che stiamo allestendo una nuova coreografia e che avremo una nuova agenzia che provvederà a curarci il booking. Da parte mia posso solo assicurarvi che come al solito non ci risparmieremo e cercheremo di offrire, nel limite delle varie situazioni che andremo a trovare, un grande spettacolo degno del nome dei Death SS!

Selenia: Pura curiosità da fan feticista: nelle vostre performance sarete sempre accompagnati dalla splendida Dhalila?
Steve Sylvester: Certo! Dhalila sarà presente on stage con noi, pronta per nuove, incredibili performances!

Selenia: Ultima domanda prima dei saluti finali: in passato hai dichiarato che già all’inizio della vostra carriera musicale, nel ’77, avevi in mente di concludere la prima fase della band con un sigillo, incarnato appunto dal vostro settimo album. Adesso che il primo ciclo vitale dei Death SS si è concluso e che ne avete aperto uno nuovo, come ti poni di fronte al futuro? Hai ancora progetti così a lunga distanza come ai vostri esordi?
Steve Sylvester: Diciamo che al momento mi accontento di vivere alla giornata, inseguendo il “bello” che la magia della vita ti può dare….!

Selenia: Grazie mille Steve, è stato un piacere ed un onore chiacchierare con te!
Steve Sylvester: All The Be(a)st to you all!



NBTV
Mercoledì 5 Giugno 2013, 21.41.21
15
Grazie. Gentili come sempre \m/ Buon lavoro.
Selenia
Lunedì 3 Giugno 2013, 23.30.52
14
@NBTV: nessun problema, figurati! E' che per evitare spam cerchiamo di editare sempre commenti che riportano link esterni. L'evento lo abbiamo comunque già segnalato con un'apposita news e in database nella sezione concerti.
NBTV
Lunedì 3 Giugno 2013, 22.46.30
13
Non lo sapevo. Scusate.
NBTV
Lunedì 3 Giugno 2013, 19.53.27
12
Per chi fosse interessato ecco i dettagli della data Estiva con i Death SS Headliner. [EDIT: Niente link su Metallized, grazie]
pelvio
Lunedì 3 Giugno 2013, 13.11.03
11
Bozo Wolff e Al Denoble sono membri dei Secret Sphere. Bozo e' mio amico e spacca i culi. Non vi deludera'!
Elluis
Lunedì 3 Giugno 2013, 11.42.08
10
@vichingo penso che l'utente del commento 1 intendesse se farlo o no a se stesso, e forse sarebbe meglio che lo facesse.
il vichingo
Lunedì 3 Giugno 2013, 11.19.14
9
Se adesso una band del loro calibro deve spararsi vuol dire che abbiamo già passato la frutta da un pezzo e siamo arrivati all'ammazzacaffè. Suvvia, per la barba di Giove...
Selenia
Lunedì 3 Giugno 2013, 10.49.15
8
confermo la formazione che ha citato Sambalzalzal, il nuovo membro è il batterista Bozo Wolf che è entrato in formazione proprio per questo album.
Bloody Karma
Lunedì 3 Giugno 2013, 10.48.18
7
vediamo un po cosa combinerà il caro Steve...sono proprio curioso
Sambalzalzal
Lunedì 3 Giugno 2013, 10.35.52
6
Questa è quella riportata dal sito ufficiale... Steve Sylvester, Freddy Delirio, Al De Noble, Glenn Strange, Bozo Wolf Il nuovo quindi è Wolf che fa parte della band dal 2012...
Elluis
Lunedì 3 Giugno 2013, 10.27.16
5
Parecchi anni fa mi erano giunte notizie su Steve Minnelli che si era convertito a testimone di Geova o qualcosa del genere, mentre degli altri membri non so più niente, qualcuno sa qual'è la formazione attuale dei Death SS??
Sambalzalzal
Lunedì 3 Giugno 2013, 9.59.52
4
Grande Steve! grandi Death SS!!!
Raven
Lunedì 3 Giugno 2013, 9.58.46
3
Un minimo di rispetto mai? E' proprio così difficile esprimere il dissenso in maniera minimamente educata ed argomentando le proprie posizioni?
Andy \\\'71
Lunedì 3 Giugno 2013, 9.51.57
2
Grandi Death SS e bentornati con un gran bel disco!
Giulio
Lunedì 3 Giugno 2013, 9.35.55
1
Spararsi mai?
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Death SS, particolare dell'artwork di 'Resurrection'
RECENSIONI
81
85
80
83
88
77
75
ARTICOLI
21/01/2014
Intervista
DEATH SS
Un horrorgiastico teatro musicale
28/10/2013
Live Report
DEATH SS
Orion Live, Ciampino (RM), 25/10/2013
02/06/2013
Intervista
DEATH SS
La magia della vita, parla Steve Sylvester
16/12/2006
Intervista
DEATH SS
Parla Steve Sylvester
26/11/2006
Articolo
DEATH SS
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]