Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Nile
Vile Nilotic Rites
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

13/12/19
DEEP AS OCEAN
Crossing Parallels

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
ISRATHOUM
Arrows from Below

13/12/19
HALPHAS
The Infernal Path Into Oblivion

13/12/19
IN OBSCURITY REVEALED
Glorious Impurity

CONCERTI

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN (ANNULLATO!)
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

13/12/19
GLI ATROCI
ALCHEMICA MUCIS CLUB - BOLOGNA

13/12/19
NATIONAL SUICIDE + TERBIOCIDE
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

14/12/19
JINJER + GUESTS (SOLD OUT!)
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

14/12/19
KNOCKED LOOSE + GUESTS
CS RIVOLTA - MARGHERA (VE)

14/12/19
LEAVES` EYES + SIRENIA + FOREVER STILL + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

14/12/19
FOLKSTONE
DRUSO - RANICA (BG)

14/12/19
SAIL AWAY + ALLUME
ROCK HEAT - AREZZO

SONISPHERE - Arena Fiera Milano, Rho (MI), 08/06/2013
12/06/2013 (5209 letture)
Grande, grandissima era l’attesa per il passaggio in Italia degli Iron Maiden, e forte la speranza che non venisse rovinato tutto da una location per molti versi inadeguata. Fortunatamente il ricordo che rimarrà di questa giornata sarà quello di una band in forma smagliante nonostante gli anni che passano, capace di sovrastare qualunque altro nome sulla scena con prestazioni sempre oltre le più rosee aspettative. Ma il Sonisphere non fa parlare solo di loro: i Megadeth sono l’altra grande band in scaletta, una band in declino negli ultimi anni e non certo in grado di farsi valere per come noi tutti la conoscevamo. Dave Mustaine non è più il giovincello che era una volta e con tutta probabilità la senilità gli sta giocando un brutto scherzo, ma la speranza è almeno quella di riascoltare i grandi pezzi del passato e dimenticare tutto in fretta con un headbanging sfrenato. Presenti in quel di Rho anche gli statunitensi Mastodon, autori di un ultimo lavoro un po’ diverso dai precedenti a fronte di una discografia davvero di valore. Come non parlare poi dei tanto criticati Ghost, la cui proposta musicale ed il cui atteggiamento scenico lascia interdetti molti fan del settore; la curiosità di sentirli e vederli dal vivo è quindi davvero tanta. Il primo pomeriggio si rivela sostanzioso seppur poco allettante dal punto di vista dell’importanza delle altre band, ma, come vedremo, quelle dei Voodoo Six, degli Zico Chain e degli Amphitrium sono state tutt’altro che delle fugaci e noiose esibizioni.
Per meglio comprendere il livello di organizzazione di questo Sonisphere italiano e per capire quale soluzione di viaggio sia la più comoda a fronte delle spese da sostenere e delle varie comodità o scomodità relative alla strada da percorrere, abbiamo deciso di proporvi diverse alternative nei resoconti di Massimo Patrucco ‘Matocc’, di Arturo Zancato ‘Flight 666’ e di Diego Trubia ‘Er Trucido’.

VIAGGIO IN AUTO ED ARRIVO IN METROPOLITANA
Folgorati da una provvidenziale idea che ci farà risparmiare un bel po’ di soldini, partiamo in mattinata alla volta dell’Arena Fiera Milano e percorriamo i circa 80 km che ci separano dalla location prendendo la Statale Vigevanese, per noi comodissima; all’altezza di Abbiategrasso ci immettiamo sulla Tangenziale Ovest, ma contrariamente agli anni passati non usciamo a Monza/Pero/Mazzo di Rho, bensì all’uscita precedente, la Milano-Gallaratese: questo ci permette di parcheggiare in pochissimi minuti di fronte alla stazione della metropolitana Molino Dorino dove lasciamo l’auto. Imboccato il sottopasso di fronte all’entrata, ci dirigiamo a piedi verso Pero e presto troviamo una panetteria dove compriamo pizza e focaccia -buone ed economiche- che fino a stasera rappresenteranno il nostro unico pasto. Tornati sui nostri passi acquistiamo in stazione i biglietti della metro sia per l’andata che per il ritorno (al costo di € 1,55 cadauno) e, una volta preso il treno, con due sole fermate siamo arrivati; quando riemergiamo in superficie siamo praticamente nel mezzo della coda dell’unico ingresso del concerto. I cancelli si aprono con il solito ritardo -anche se invero abbastanza contenuto- e una volta che li abbiamo superati, il mio amico Pafio ed io, essendo in possesso del Gold Ticket, veniamo indirizzati verso una seconda entrata parallela a quella del Regular Ticket, dove ci viene consegnato il braccialetto che dà diritto ad entrare nel pit di fronte al palco. Consapevoli del probabile odio da parte di coloro che, in quanto più numerosi, stanno facendo la fila al cancelletto Regular entriamo quindi all’Arena Fiera, pronti ad affrontare una giornata di sole e musica...
Massimo Patrucco ‘Matocc’

VIAGGIO IN AUTO, PARCHEGGIO NELL’ARENA FIERA E PRIME IMPRESSIONI
Per l’edizione 2013 del Sonisphere decidiamo di prendercela con comodo, vista la poca distanza che ci separa da Rho Fiera Milano (circa un’ora in autostrada) e il non certo entusiasmante lotto di band che si esibiranno prima degli Iron Maiden. In possesso del Regular Ticket -già questo con un prezzo non proprio ridotto, motivo per cui il Gold Ticket ho preferito lasciarlo ad altri- parto alla volta del milanese in compagnia di altre quattro persone intorno alle ore 13. I cancelli si sarebbero aperti alle 12, ma valeva la pena fare un buon pranzo prima di partire piuttosto che mangiare qualcosa di poco sostanzioso una volta arrivati sul posto. L’odissea del pre-concerto (meno significativa di quella del post-concerto) ha inizio quando, preso posto in un parcheggio all’interno della Fiera, dopo vari percorsi a zigzag in cui svariate altre persone sembravano capirci ben poco, e pagata la lauta quota fissa giornaliera di 15 €, ci accingiamo a percorrere i chilometri -non pochi- che separano la zona parking dall’ingresso del festival. Va detto che i parcheggi erano disposti su gran parte del percorso, ma restava in ogni caso da fare una camminata probatoria e a dir poco inutile. Passati anche gli irrisori controlli (“Togliete il tappo alle bottiglie e aprite gli zaini”, salvo farci entrare senza aver minimamente guardato all’interno di questi ultimi dove c’erano ovviamente delle bottigliette d’acqua e ovviamente col tappo), l’area concerti è stata la prima sensazione positiva della giornata: d’accordo, l’asfalto non era allettante, ma lo spazio sembrava gestito adeguatamente e le docce a getto continuo erano un vero toccasana per i momenti più caldi della giornata. Uno sguardo ai soliti prezzi da festival (5 € una birra media, 4 € una manciata di patatine fritte, 2 € una bottiglietta d’acqua nemmeno fredda, e così via...) e l’attenzione viene calamitata dal palco, imponente e promettente nonostante il contrasto con la triste e cementosa area di Rho.
Arturo Zancato ‘Flight 666’

AMPHITRIUM
Arrivo nel piazzale dell’Arena che gli svizzeri Amphitrium sono già sul palco e hanno appena iniziato a suonare, e noto che l’audio è tutt’altro che ottimale; troppo preponderanti i bassi dei subwoofer, e purtroppo il problema non rimarrà un episodio isolato, anzi... Il cantante Evil S.A.M. è un ragazzo molto affabile che dimostra subito di saper intrattenere il pubblico con battute e simpatici siparietti, ma quando deve tirar fuori la voce lo fa in maniera più che degna. La band propone un black/death molto aggressivo che accende presto gli entusiasmi dei metalkids: dopo pochissimi brani qualcuno del pubblico richiede One More Scar e prima dell’esecuzione il singer aggiunge che proprio questa sarebbe stata la prossima canzone della scaletta a chiudere lo show, ma ecco un piccolo fuori programma: il cantante scherza sul fatto che il batterista Gianka ha suonato con tanta foga da aver terminato il set in anticipo sui tempi e così la band ha spazio per un ulteriore brano. Dopo un breve consulto, i cinque decidono di concludere il proprio show con Deliria - To Go Astray, tratta dall’album Scarsache.
La band ci sa fare e grazie alla propria esperienza non ha mostrato alcuna “ansia da palcoscenico”, divertendosi e divertendo i presenti con una bella quanto breve prestazione. Complimenti e alla prossima!

ZICO CHAIN
Freschi della pubblicazione del nuovo album The Devil in Your Heart, salgono ora sulle assi del palco meneghino i londinesi Zico Chain, fautori di un hard rock che sfocia in un metal non troppo spinto. Il primo a palesarsi è il corpulento Oli Middleton, il quale prende posto sullo sgabello della batteria, seguito presto dagli altri compagni. Il cantante/bassista Chris Glithero dirige il trio in maniera capace (nonostante sembri lamentare qualche piccolo problema alla propria spia) e dopo alcuni pezzi passa lo strumento al roadie della band -che tra l’altro se la cava molto bene- per poter interagire maggiormente col pubblico, il quale si dimostra abbastanza partecipe (o nel peggiore dei casi indifferente) agli incitamenti degli inglesi; così, tra una Case File e una Where Would You Rather Be?, il set scorre indenne senza lasciare sensazioni particolari né in positivo né in negativo, ma si può senz’altro affermare che la band ha fatto il suo quanto a impegno. Insomma, non è stato affatto il “disastro annunciato” che ci si poteva aspettare e alla fine della mezz’ora a loro disposizione gli Zico Chain lasciano il palco tra gli applausi.

VOODOO SIX
È ora il turno dei Voodoo Six, infatti durante il cambio palco viene issata una scenografia a tema bellico raffigurante un esercito di zombie armati di chitarra, la quale ripropone la copertina del nuovo disco della band Songs to Invade Countries To. Appena gli inglesi attaccano a suonare, il salto di qualità rispetto alle precedenti band appare evidente: il singer Luke Purdie, abbigliato in maniera assai sobria (t-shirt e jeans), dimostra che quando si è in grado di fare il proprio mestiere non sono obbligatori chissà quali orpelli o atteggiamenti eccessivi, mentre il duo Chris Jones/Matt Pearce (quest’ultimo indossa una maglietta dei Lynyrd Skynyrd che me lo rende subito simpatico) sciorinano assoli e riff in quantità fin dall’opener Falling Knives. Pure la sezione ritmica sa il fatto suo, pur senza strafare e badando invece al sodo la prestazione risulta pressoché perfetta: in particolare, il bassista Tony Newton sembra in gran forma, fa avanti e indietro incitando continuamente il sempre più numeroso pubblico che non si fa certo pregare. Dal canto suo, il batterista Joe Lazarus, seppur tramite un drumming abbastanza lineare consono alla proposta del quintetto, non perde un colpo e imprime la giusta dinamicità alle canzoni, come dimostra ad esempio l’esecuzione della buonissima Sink or Swim.
L’hard rock dei Voodoo Six è davvero coinvolgente nella sua “grezza semplicità”, non apparendo in alcun modo fuori luogo in un contesto come quello del Sonisphere, ma anzi riscontrando il favore della platea, cosa che li fa risultare come il gruppo più applaudito ed entusiasmante fino a questo momento. Sicuramente una prestazione ottima che, seppur inficiata dai suoni non propriamente ideali (com’è purtroppo consuetudine per i cosiddetti gruppi-spalla) ci ha permesso di apprezzare una band di grandi professionisti: bravissimi davvero. E ora spazio ai Ghost...

GHOST
È metà pomeriggio, il sole, seppur un po’ coperto, scalda il pubblico del Sonisphere. Non è proprio l’atmosfera ideale per un concerto di questo tipo, ma la musica scelta in apertura, ovvero Masked Ball di Jocelyn Pook (il pezzo che si può sentire nel film Eyes Wide Shut di Stanley Kubrick), ci introduce adeguatamente a quella che è la proposta dei Ghost. Il loro heavy rock, difatti, è oscuro e volutamente tenebroso, ben coadiuvato da una presenza scenica che sa il fatto suo, seppur non sia poca quella fetta di pubblico che continuamente grida loro di tornare a casa o di andare a lavorare, definendoli buffoni e condendo il tutto con qualche sonora bestemmia di circostanza. Ma, ad onor del vero, la band sa stare sul palco, gestisce bene il tempo a propria disposizione e suona con impegno e dedizione, tra l’altro brani affatto trascurabili. Lo stesso Papa Emeritus II, con la sua sola presenza, riesce a calamitare gli occhi e l’attenzione di tutti su di sé. Nei cinquanta minuti della loro esibizione i Ghost ci propongono canzoni interessanti come Per Aspera ad Inferi, Elizabeth, Year Zero, Ritual e Monstrance Clock, non mancando di coinvolgere il pubblico in più di un’occasione. Ciò che un po’ manca è però proprio l’impatto che ci si aspetta di avere da una band di questo tipo, un po’ più di movimento sul palco e canzoni più varie avrebbero portato ad una valutazione ancora migliore; probabilmente l’orario ha inficiato non poco sul risultato finale. A fine esibizione i pareri sono, ancora una volta, contrastanti, tra chi si sente sollevato che il concerto sia finalmente concluso e chi invece non vede l’ora di approfondire la conoscenza di questa strana band svedese che tanto fa parlare di sé.
Ma non c’è più tempo per le novità, di qui a poco tocca ai Mastodon fare il loro ingresso sul palco del Sonisphere.

SETLIST GHOST
Intro: Masked Ball (Jocelyn Pook’s Song)
1. Infestissumam
2. Per Aspera ad Inferi
3. Con Clavi Con Dio
4. Prime Mover
5. Elizabeth
6. Stand by Him
7. Death Knell
8. Year Zero
9. Ritual
---Encore---
10. Monstrance Clock



MASTODON
Tra l’esibizione dei Ghost e quella dei Mastodon ho il tempo di dare un’occhiata al secondo stage, nel quale i Rezophonic tengono un piccolo set, con Cristina Scabbia presente. Giusto una piacevole mezz’ora in attesa che sul palco principale sia tutto pronto.
I Mastodon sono pronti ad iniziare il loro show e da parte mia c’è molta curiosità dato che è la prima volta che li vedo dal vivo. Curiosità purtroppo spazzata via dai suoni che sin dalla prima traccia, Black Tongue, appaiono pessimi: le chitarre sono coperte dal resto, con le frequenze basse che dominano. La situazione non migliora neanche con la successiva Crystal Skull (unico estratto da Blood Mountain in una scaletta che vede la forte presenza di brani dall’ultimo The Hunter), i fraseggi di chitarra rimangono nascosti e su tutto domina una certa confusione. Almeno il vocione di Troy Sanders è udibile ed il bassista è anche l’unico del gruppo che mostra un po’ più di verve sul palco. Inutile dire che i pezzi più veloci che avrebbero potuto avere maggior tiro risultano i più confusionari, come successo per Spectrelight e Blood and Thunder, mentre in quelli più calmi la situazione si fa meno caotica, ma per l’appunto non possono essere il traino di un live. A tutto questo va aggiunta una Curl of the Burl suonata decisamente sottotono ed ecco che la fine dello show dei Mastodon si rivela quasi un sollievo, cosa che sinceramente non mi sarei mai aspettato di dire.
Non so quanto la band possa essersi resa conto di quello che è successo, ma ovviamente a loro in questo non possono essere date colpe specifiche, dato che comunque hanno suonato la loro scaletta in maniera professionale. Difficile però giudicarli a causa della pessima uscita del suono, a questo punto spero di vederli un’altra volta in condizioni migliori.

SETLIST MASTODON
1. Black Tongue
2. Crystal Skull
3. Dry Bone Valley
4. Thickening
5. Octopus Has No Friends
6. Blasteroid
7. Crack the Skye
8. Spectrelight
9. Curl of the Burl
10. Blood and Thunder
11. The Sparrow



MEGADETH
Corsi e ricorsi storici, ecco cosa ho pensato la settimana prima di questo concerto. Perché, come nel 1999, i Megadeth sono stati chiamati a far da spalla agli Iron Maiden dopo aver pubblicato un lavoro molto discusso (e, parere personale, discutibile): all’epoca fu Risk, oggi è Super Collider. Diciamo che poi la presenza (seppur solo in parte e registrata) di Prince of Darkness come introduzione non fa che rimandare a quello, ma non di sole congetture si giudica un concerto.
Dopo l’intro a cui ho appena accennato, l’apertura della setlist è affidata a Trust: i suoni paiono meno peggio di quelli dei Mastodon, anche se le chitarre continuano ad essere penalizzate (sarà un po’ il leit-motiv della giornata questo) e la cassa rimanda un fastidioso gracchiare. Ovviamente tutte le orecchie erano rivolte a lui, MegaDave: ce l’avrebbe fatta a cantare? La risposta è un po’ difficile darla, dato che la sua voce è palesemente carica di effetto per sopperire ad eventuali magagne e nei cori viene aiutato (e talvolta coperto) da Ellefson e Broderick. Dopo un inizio tranquillo ecco che viene subito presentato un gradito classico, Hangar 18, per la gioia del pubblico nonostante i problemi audio. I Megadeth si presentano in questo tour con tre schermi alle loro spalle che mostrano immagini estratte dai loro videoclip oppure in qualche modo correlate, trovata visivamente carina ma che a livello scenico non è che sia un granché, anzi tendono a distrarre. Dopo la “sabbathiana” Kingmaker ed una She-Wolf totalmente senza mordente arriva il momento di A Tout Le Monde, che per l’occasione vede Cristina Scabbia dei Lacuna Coil alla voce, come nella versione presente su United Abominations. Sono voci completamente diverse fra di loro, ma è imbarazzante la differenza di resa vocale tra Cristina e Mustaine. Detto questo, la scaletta continua con quella che dovrebbe essere una celebrazione di Countdown to Extinction, ma in realtà viene eseguita solo la titletrack e Sweating Bullets, tagli dovuti alla durata del set ovviamente, che fanno però rabbia vedendo che subito dopo c’è stato spazio per l’orrida titletrack dell’ultimo disco, la cover dei Thin Lizzy e Public Enemy No. 1 del precedente TH1RT3EN. Un trio di canzoni senza mordente, che vengono almeno compensate con la tripletta finale, ma anche qui la band si limita a fare il compitino e comunque sa tutto di già visto, con Vic Rattlehead che fa la sua comparsa durante Peace Sells, la solita mimica durante la parte parlata di Holy Wars e le solite presentazioni. Alla fine, con il sottofondo di Silent Scorn, i Megadeth salutano il pubblico, mentre appaiono sui tre schermi i volti ed i nomi dei quattro (ma non erano già stati presentati?) e parte in sottofondo My Way versione Sid Vicious.
Posso dirlo? Prestazione deludente quella dei Megadeth. Passino i suoni insufficienti per i quali non possono avere colpe specifiche, passi anche la scaletta che da un punto di vista prettamente promozionale può essere capita, ma una prova così priva d’incisività non è contemplabile da parte di musicisti esperti e navigati. Dispiace usare parole dure perché qui c’è la storia che parla, ma spettacoli così spompati e privi di tiro, sorretti solamente da una certa dose di mestiere, potranno accontentare qualcuno, ma non certo il sottoscritto.
Per la cronaca, nessuna foto di Clint Eastwood è stata mostrata durante il concerto.

SETLIST MEGADETH
Intro: Prince of Darkness
1. Trust
2. Hangar 18
3. Kingmaker
4. She-Wolf
5. A Tout Le Monde (feat. Cristina Scabbia)
6. Countdown to Extinction
7. Sweating Bullets
8. Public Enemy No. 1
9. Super Collider
10. Cold Sweat (Thin Lizzy cover)
11. Symphony of Destruction
12. Peace Sells
13. Holy Wars... The Punishment Due



IRON MAIDEN
Sono circa le 21 quando dalle casse si sente partire Doctor Doctor, la famosa canzone degli UFO ormai adottata dai Maiden come intro dei loro concerti. Bastano pochi istanti ed il pubblico è già in visibilio; quando poi i primi versi di Moonchild introducono le quasi due ore di setlist che ci avrebbero aspettato, sembra che non ci sia persona in tutto il Sonisphere che non li sappia praticamente a memoria. Il boato raggiunge il suo apice quando fanno il loro ingresso i Maiden, che con un’energia fuori dal comune spazzano via qualunque cosa sentita in quella giornata. In un’atmosfera che ha dell’epico, Moonchild fa tornare indietro nel tempo molti di coloro che con certi album ci sono cresciuti, ascoltandoli e riascoltandoli fino allo sfinimento. Can I Play with Madness è la canzone ideale per far cantare ancora di più i presenti, mentre The Prisoner si rivela un pezzo davvero sopra le righe sentito dal vivo. Già da subito si capisce che però la serata sarebbe stata in piccolissima parte sminuita da dei suoni non ancora perfetti, migliori senz’altro di quelli delle altre band della giornata, ma non in grado di rendere veramente giustizia a quella che è la musica degli Iron Maiden. Un esempio? Quando arrivi a non sentire bene la voce di Bruce Dickinson, per via di rimbombi vari o di strumenti non bene calibrati tra loro, con un volume generale spesso troppo basso, non c’è altro da dire. Va detto che la mia posizione non era proprio la migliore, dato che mi trovavo non di fronte al palco, bensì spostato di molto sul lato sinistro, con qualche difficoltà nel vedere bene i tanti sfondi che la band, come di consueto, cambiava di canzone in canzone. Fortunatamente, pian piano i suoni sembravano migliorare e per fine concerto erano forse più accettabili. La scaletta, ricca di brani ormai passati alla storia, continua con 2 Minutes to Midnight, che dal vivo dispone sempre di un’energia immensa, la lunga ma apprezzata Afraid to Shoot Strangers, che ci fa rilassare per qualche minuto (almeno durante la parte iniziale), The Trooper e The Number of the Beast, di cui ormai non si può che ribadire l’importanza e la magnificenza che sanno assumere in un contesto live. In tutto questo, ovviamente, c’è spazio per i famosi cambi d’abito di Dickinson (leggendario quello da soldato inglese con tanto di bandiera tenuta in mano durante The Trooper), gli assoli di Dave Murray e Adrian Smith, la grinta di uno Steve Harris che non sembra essere invecchiato di un solo giorno rispetto agli anni Ottanta, e la presenza altrettanto significativa di Janick Gers, continuamente alle prese con movimenti che solo lui sa come fanno a non stancarlo, per non parlare di quando lancia in aria la propria chitarra (prendendola sempre al volo) e dell’energia che da solo supera quella sprigionata da Ghost, Mastodon e Megadeth messi assieme. L’invisibile Nicko McBrain, nascosto dietro ad una batteria sempre più imponente, non manca ovviamente di farsi sentire con le sue rullate e i suoi colpi sempre precisi, avvicinato tra l’altro spesso da Bruce Dickinson, che si diverte ancora come un bambino ad andare presso la batteria e suonare a mani nude i piatti o magari a cercare di distrarre il giocoso ma professionale batterista. E vogliamo tralasciare l’immagine del singer britannico che si arrampica sul traliccio alla sinistra del palco e incita il pubblico tenendosi aggrappato da là sopra? Tra fiamme e fuochi d’artificio non manca infine di presenziare nemmeno il nostro Eddie, icona della band inglese, nelle sue varie incarnazioni, rinnovate per questo Maiden England Tour. Indimenticabile l’enorme Eddie relegato sullo sfondo che riprende esattamente quello del magnifico artwork di Seventh Son of a Seventh Son, così come rimarrà un piacevole e divertito ricordo la pettinatura di Dickinson, che in un paio di canzoni ha aggiunto un ciuffo davanti ai propri capelli, salvo ritrovarsi nei brani seguenti con una pettinatura degna del miglior trattamento di elettroshock. Suonate per l’occasione anche Phantom of the Opera, sempre devastante, la trascinante Run to the Hills, la stupenda Wasted Years (che gli stessi Maiden, all’epoca, vedevano come un pezzo commerciale), The Clairvoyant, immancabile per questo tour, e le quasi conclusive Fear of the Dark, durante la quale salivano letteralmente i brividi lungo le braccia, ed Iron Maiden, con i numerosi incitamenti da parte del singer britannico a cantare per lui. Breve pausa e poi il gran finale: Aces High, con tanto di discorso di Churchill in apertura e immagini che lo riguardavano trasmesse dai maxischermi, The Evil That Men Do e Running Free, ideale conclusione di un concerto magnifico oltre ogni più rosea aspettativa.
La durata finale non è stata di due ore piene come ci si aspettava, bensì di un’ora e tre quarti circa, ma questa è l’unica altra pecca oltre a dei suoni non perfetti. La band tutta ha sciorinato una prestazione da 10 e lode, tornando a casa sicuramente soddisfatta e conquistando del tutto i presenti, dal primo all’ultimo, dal fan più sfegatato a quello più occasionale. Un pubblico composto da quasi 40.000 persone che hanno certo contribuito a rendere ancora più indimenticabile la serata.

SETLIST IRON MAIDEN
Intro: Doctor Doctor (UFO song)
1. Moonchild
2. Can I Play with Madness
3. The Prisoner
4. 2 Minutes to Midnight
5. Afraid to Shoot Strangers
6. The Trooper
7. The Number of the Beast
8. Phantom of the Opera
9. Run to the Hills
10. Wasted Years
11. Seventh Son of a Seventh Son
12. The Clairvoyant
13. Fear of the Dark
14. Iron Maiden
---Encore---
15. (intro: Churchill's Speech) Aces High
16. The Evil That Men Do
17. Running Free


RITORNO IN METROPOLITANA E RIENTRO IN AUTO
Finito lo spettacolo degli headliner Iron Maiden io ed il mio amico -insieme al resto della folla, ovviamente- ci dirigiamo verso l’uscita entrando in metropolitana già muniti di biglietto (saltiamo così la coda che si è formata nei pressi dei distributori automatici di ticket) e dopo una breve attesa prendiamo il primo treno disponibile; in meno di cinque minuti stiamo scendendo alla stazione e ci rechiamo verso l’area di sosta dove avevamo parcheggiato poco più di dodici ore prima: costo totale € 4,10 contro i 15 € del parking della Fiera! La cosa che ci stupisce è che siamo davvero in pochi reduci dal concerto; ok, sicuramente qualcuno deve ancora arrivare con le corse successive della metro, ma l’impressione è che il parcheggio sia proprio vuoto. Niente coda per uscire quindi, abbiamo tutto il tempo per prendercela comoda e darci una bella rinfrescata prima di ripercorrere al contrario lo stesso itinerario dell’andata; all’1:15 circa stiamo mangiando e bevendo tranquillamente (in realtà sembriamo due lupi affamati) seduti in un pub della nostra città, raccontando le sensazioni della giornata agli amici. Bella mossa!
Massimo Patrucco ‘Matocc’

RITORNO AL PARCHEGGIO E RIENTRO IN AUTO
Il ritorno verso il parcheggio del Sonisphere è stato a dir poco snervante per i più: immaginatevi l’immensa folla dei presenti che deve per forza di cose uscire da un unico cancello largo non più di 4-5 metri, tra chi spinge magari involontariamente e chi giustamente se la prende con gli organizzatori. Se il concerto è finito poco prima delle 23, era già quasi mezzanotte quando siamo riusciti a circumnavigare il punto critico e liberarci della gran parte della folla. Ora di raggiungere il parcheggio, mezzanotte era ormai passata e il peggio doveva ancora venire. Nell’intricata disposizione dei parcheggi della fiera, sembrava ci fosse un’unica uscita aperta per tutte quelle migliaia di macchine che dovevano andar via. Dopo una buona mezz’ora di attesa a motore spento in una coda infinita, vediamo accendersi uno spiraglio di speranza nelle sembianze di una seconda via di “fuga”, e non ci vuole molto per decidere di girarsi e andare verso l’altra uscita. Percorso un ulteriore tratto che stretto è dir poco arriviamo finalmente all’entrata dell’autostrada e sono ormai passate due ore dalla fine del concerto. Per fortuna che l’area del milanese resterà ora alle nostre spalle.
A conti fatti, è stata un’esperienza che mi sentirei di rivivere, ma solo ed esclusivamente a costo di un concerto come quello tenuto dagli Iron Maiden. Prima di tornare all’Arena Fiera Milano di Rho spero passerà molto tempo, dopotutto sembra che anche i grandi nomi non abbiano tanta voglia di andarci (si veda il recente annullamento dell’unica data italiana dei Black Sabbath).
Arturo Zancato ‘Flight 666’

Report di Amphitrium, Zico Chain e Voodoo Six a cura di Massimo Patrucco ‘Matocc’;
Report di Mastodon e Megadeth a cura di Diego Trubia ‘Er Trucido’;
Report di Ghost e Iron Maiden a cura di Arturo Zancato ‘Flight 666’;
Foto a cura di Pafio
.



Er Trucido
Domenica 21 Luglio 2013, 20.56.43
125
Certo me ne rendo conto, io molte volte usa la tattica mixer, ma evidentemente quella è stata una giornata storta
Elluis
Domenica 21 Luglio 2013, 20.52.46
124
@Trucido si l'ho letto il report, ma quello che ho scritto nel mio precedente post rimane cmq valido: tra l'altro nei festival open air così grandi, la possibilità di un suono non buono purtroppo è maggiore, data la grande area che l'impianto deve "servire".
Er Trucido
Domenica 21 Luglio 2013, 20.28.41
123
@Elluis: purtroppo io ero a fianco al mixer ed i suoni erano quelli che leggi nel report Mastodon e Megadeth. Quando non va, non va
Dario
Domenica 21 Luglio 2013, 17.58.24
122
Buono a sapersi
Elluis
Domenica 21 Luglio 2013, 17.49.11
121
Ricordate ragazzi che la posizione migliore per sentire un concerto è accanto alla regia di sala (dove c'è il mixer audio e la consolle luci), perchè da lì il fonico regola tutto il suono che si diffonde nel locale dove ci si trova. Stare tra le prime file quindi va bene se si vuole vedere l'artista da vicino, ma non è detto che sia sempre una buona posizione per sentire al meglio il suono (anche se di regola dovrebbe essere così)
Ste
Domenica 21 Luglio 2013, 16.59.48
120
Sì concordo con te, mi avevano detto che da lontano questi problemi di audio non c'erano, ma t'assicuro che dvanti era davvero pessimo!! Non nascondo che Afraid.. e Fear OF the Dark sono le canzoni che ho apprezato di più dell'intera setlist
dario
Domenica 21 Luglio 2013, 16.51.56
119
@ste: io ho visto solo gli iron e non ero nelle prime file, anzi ero mooolto più indietro, ma non ho notato tutti questi problemi di audio. Forse la distanza ha influito in positivo. Sinceramente m'aspettavo anch'io Infinite dreams, e un pò di delusione ha serpeggiato tra il pubblico. Anche se ti faccio notare che hanno suonato Afraid ...e Fear of the dark, e quest'ultima da brividi. Sono venuto solo la sera, ma l'organizzazione mi è parsa buona. ciao
Ste
Domenica 21 Luglio 2013, 15.21.10
118
La performance -quella dei Maiden- è stata impeccabile sotto tutti i profili, eccetto per l'audio veramente mediocre (almeno per me ch'ero in prima-seconda fila) a volte la voce di Bruce non si sentiva... detto ciò rimango rammaricato in quanto questo concerto doveva essere celebrativo al loro settimo disco e non celebrativo verso la loro carriera degli '80 e primi '90, mi spiego: PERCHE' cavolo NON HANNO FATTO INFINITE DREAMS?? ero venuto quasi principalmente per sentrirla appunto perchè sarei stato certo che l'avrebbero fatta, invece no..delusione, altra delusione è una scaletta davvero da "best of", nel senso dopo poco mi sembrava d'essere in mezzo a un gigantesco karaoche in cui i fan spadroneggiano o addirittura vorrebbero soverchiare gli stessi musicisti, tutti snno fin troppo bene le canzoni ( che almeno per me) data la tracklist mi è parso che tutti sapessero che cosa sarebbe successo da lì a fine concerto..insomma prevedibile e assai privo di sorpesa, almeno nella scelta delle canzoni...che so metterci per lì'occasione canzoni meno note ( o da tempo lasciate in panchina): tipo..facciamo tho...strange in the strange land, Judas My Guide (magari..na volta tanto..) ma senza essere troppo ostinati bastava che mettessero una Revelation al posto dell'arci nota The Trooper..finisco: un pò di varietà in più nn avrebbe guastato così è troppo facile strappar consensi e ottenere un facile successo, tutto troppo da copione, per me. Indubbio che si stato un bel concerto. Per il reto aggiungo che il SONISPHERE Non mi ha affatto soddispfatto. Se tornassi indietro il biglietto NON lo prenderei, sebbene ci siano stati gli Iron, perchè il bill era assolutamente osceno, si salvano solo il gruppo d'apertura e i Vodoo Six, gli altri , inclusi i Megadeth, sono da lasciare, non per perizia tecnica o altro , ma per un audio assolutamente pessimo; i Mastodont in questo caso hanno dato un aperformance orriibile che non consiglierei neanche a un gabber..mi sembrava di essere a un rave party!! si sentivano solo i bassi e la batteria,,,pessimo..per non parlare dei Ghost con i quali a momenti mi isciavo addosso per la noia, ma capisco che forse non era il contesto adatto per ascoltarli..i Megadeth invece hanno avuto anche loro una distinta performance, ma l'audio anche qui ha rovinato molto del concerto; la voce di Dave a poco non la sentivo, per non dire del bellissimo assolo di Holy Wars che se va bene l'avrò udito per metà si e metà no.. Un festival pessimo, un festival DEVE aver un buon audio, e questo non ce l'aveva affatto, capisco per un momento o un disguido tecnico, ma che ciò si protragga sino agli headliner è davvero brutto. Personalmete a tutto il festival come voto darei un 5, neanche la sufficienza perchè non la merita, in fatto di organizzazione e altro è ok, 7 (ma la storia delle bottigliette aperte è una vera stronzata), per il bill scelto alla bene e alla meglio 6 -..come media verrebbe un sei risicato..ci sta ma il prossimo anno per i festival volgerò lo sguardo altrove dal Sonisphere o dal Gods...saluti.
Brindish
Lunedì 24 Giugno 2013, 15.45.25
117
Era la prima volta che vedevo gli Iron Maiden dal vivo. A questo punto spero assolutamente che non sia l'ultima. Che spettacolo!!! Una scaletta mostruosa, ed è valsa la pena rimanere senza voce alla fine della serata, mamma mia. Nel complesso, sono soddisfatto di tutta la giornata: pubblico in qualche modo sempre partecipe, tanto caldo prevedibile (ma preferibile alla pioggia) ma alla fine sopportato. E' vero che c'erano in alcune parti problemi di audio, ma mi è parso fossero molto evidenti solo con la grancassa dei Ghost. Degli altri gruppi in scaletta, sono contento di aver visto anche i Megadeth, i Mastodon mi sono sembrati cofusionari nel senso che non si capiva quando finiva una canzone e cominciava un'altra (ma magari perchè non li conosco bene), i Ghost non mi hanno detto molto, nè in positivo nè in negativo, dandomi l'impressione di giocarsela più sulla presenza scenica che sulla musica effettiva, mentre ho apprezzato molto i Voodoo Six, sia come brani che come coinvolgimento del pubblico. Ma aspettavo soprattutto i Maiden, e quindi me ne sono tornato a casa felice come una Pasqua!
Theo
Sabato 15 Giugno 2013, 11.53.29
116
@Samba, @Metal Maniac, @Andy: Grazie ragazzi, grazie, troppo gentili
Arrraya
Sabato 15 Giugno 2013, 0.47.51
115
Fabio78@ e la chiami unica pecca?
freedom
Sabato 15 Giugno 2013, 0.30.46
114
E' il tuo udito ad essersi abbassato...succede anche a me.
FABIO78
Sabato 15 Giugno 2013, 0.02.00
113
I MAIDEN semplicemente spettacolari!!!ottime le altre band i megadeth un po' sotto tono..l unica pecca sto cazzo di italia che organizza festival su parcheggi d asfalto a luglio con 30 cessi chimici su 40000 persone prezzi assurdi per bere o mangiare qualcosa e parcheggiare etc etc e poi mi ricordo che vent anni fa mi fischiavano le orecchi 2 giorni dopo un concerto..o hanno abbassato i volumi o sto diventando sordo...bho..spero la prima...cmq UP THE IRONS FOREVER!!!
Macca
Venerdì 14 Giugno 2013, 14.58.13
112
Concordo sui Mastodon, è veramente un peccato...a Imola nel 2011 accadde più o meno la stessa cosa, con un scaletta spettacolo peraltro. Mi piacciono un casino e una volta o l'altra vorrei vedere in una data come headliner, o quantomeno con i suoni ben fatti e una setlist un pò più lunga.
AL
Venerdì 14 Giugno 2013, 14.52.37
111
@freedom: pensa me che li conoscevo poco... ho cercato di ascoltarli la prima volta anni fa, ebbene a rho era la quarta volta.. niente da fare.. purtroppo mi perseguitano, quando sanno che ho comprato il biglietto, si aggiungono al bill... per me lo fanno apposta, bastardi
freedom
Venerdì 14 Giugno 2013, 14.41.51
110
Non è la prima volta che sento qualcuno lamentarsi dei Mastodon in sede live. Io stesso li ho visti tempo fa', con grande entusiasmo devo dire, e in parole povere: non ho capito un cazzo di quello che suonavano. E i brani li conoscevo, e anche bene...
supercollidertistimo
Venerdì 14 Giugno 2013, 14.33.32
109
Perche' pensare che il commento di supercollider sia trollaggio o frutto della demenza? Io la vedo piuttosto come una cruciale critica alla mentalità' dell'uomo post-moderno e al consumismo?
AL
Venerdì 14 Giugno 2013, 14.25.15
108
anche io e mia moglie abbiamo speso praticamente 200 euro per il sonisphere. è molto ok. il fatto qui è che abbiamo deciso di fare un "investimento", nel senso che per i Maiden con questa scaletta per noi era imperdibile. ovvio che non avrei speso lo stesso per vedere altre band. per me alla fine si riduce a una questione di priorità..Maiden con pezzi recenti non ci saremmo venuti di sicuro. sicuramente l'organizzazione poteva chiamare qualche gruppo supporto migliore. ma ho anche letto qui sotto che certe band sono cmq piaciute. quindi anche qui è questione di gusti personali.
Macca
Venerdì 14 Giugno 2013, 14.12.31
107
Samba@ tranquillo anche se non fosse stato un troll sarebbe stato un pò mongoloide comunque con quell'affermazione...quindi in effetti ci stava
Sambalzalzal
Venerdì 14 Giugno 2013, 10.41.37
106
Macca@ hai ragione! purtroppo ho capito solo in un secondo tempo che avevo semplicemente avuto a che fare con un povero mongoloide!
Macca
Venerdì 14 Giugno 2013, 10.39.05
105
Lambru@ commento 77 letto solo ora: la similitudine tra madonne e pallottole è speciale
Macca
Venerdì 14 Giugno 2013, 10.27.31
104
Samba@ credo che il discorso dei megadeAth sia trollaggio, inutile che le persone intelligenti abbiano travasi di bile per questo Arrraya@ io trovo che il tuo discorso abbia senso, ma se lo estendiamo a tutto allora a livello di principio non dovremmo neanche più comprare il pane!! Poi ovvio che il pane si compra perchè serve per vivere mentre i Maiden no, ma allora io preferisco fare altre rinunce (tipo una cena fuori o cose del genere) piuttosto che perdermi un concerto che mi piace. Sono compromessi, ne facciamo tutti i giorni per vivere decentemente senza rinunciare a quello che amiamo. Poi se c'è chi accetta passivamente eh vabbè, suo diritto essere pirla
Andy '71
Venerdì 14 Giugno 2013, 8.01.59
103
Theo@Ahahahahhahaah!Grande!hai fatto un sunto geniale dei miei commenti,perfetto ed essenziale!
l'Accademico
Venerdì 14 Giugno 2013, 1.30.51
102
...ero sotto la torretta del mixer principale, neanche 60 metri. Di scena c'era il Big Four. Un centinaio di persone riprendevano il concerto con le loro belle macchinette con schermo da 3,5'', anzi no, riprendevano il MAXISCHERMO sul palco. L'asfalto rovente, il sole, tutto ci martoriava da mezzogiorno, e non è retorico chiamarlo di fuoco. Incurante l'organizzazione ASSENTE, stipava gente come fosse bestiame. Sfido chiunque a muoversi da quella bolgia-posizione anche per recuperare una fottuta bottiglietta d'acqua a 10 euro... PUOI MORIRE DISIDRATATO, pura follia. PURA FOLLIA. Questo ho pensato tutto il tempo, mentre panzoni metallari dalla stempiatura imbarazzante si susseguivano tutto il tempo sculettando sul palco a suon di nulla, il tipico nulla zanzaroso dei concerti metal andati a male, salvo poi nei cameriri attenderli Bach e un buon cioccolatino kinder. Che ha detto spompati? Era la mia prima volta, mea culpa. Ora so. Era anche la mia ultima volta all'Area Fiera Rho e simili.
Sambalzalzal
Venerdì 14 Giugno 2013, 0.09.19
101
Theo@ ahahahahahahahahah affilato ed essenziale nel giudizio! Non potevi spiegare meglio la situazione!
Metal Maniac
Giovedì 13 Giugno 2013, 23.29.52
100
ah ah ah, bella questa theo! (parole sante le tue però...)
Theo
Giovedì 13 Giugno 2013, 22.20.54
99
Io leggo qua sotto di gente che testualmente dice: "grazie Iron per averci regalato una giornata incredibile ecc.."... Ragazzi, regalato un cazzo.
LAMBRUSCORE
Giovedì 13 Giugno 2013, 21.52.33
98
@Vichingo, non parlare di gatti dai....da troppo tempo ne girano di magrissimi, dalle mie parti.....
Metal Maniac
Giovedì 13 Giugno 2013, 21.39.03
97
sì comunque alla fine è inutile girarci intorno... resta il fatto che i megadeAth senza LOMBARDO non hanno più ragione di esistere e devono sciogliersi... ah ah ah!!! grande supercollider!!!
Arrraya
Giovedì 13 Giugno 2013, 21.28.41
96
Esatto SV@ un ragazzo di vent'anni non capisce la differenza, e gli strozzini questo lo sanno e li massacrano in modo impietoso. Sanno che sono proprio i ragazzi piu giovani quelli da spennare e questo se vogliamo è spaventoso perchè un ventenne nasce in questa normalità ed è piu facile che l'accetti, seppur a malincuore, ma in maniera diversa da i piu grandicelli. io ho rinunciato a tante cose in questi anni, troppe, ma togliermi la gioia di un megaevento è stato troppo. Alla fine questi che organizzano stanno dentro il sistema e sbranano allo stesso modo come questa europa del cazzo
SEVENTH SON
Giovedì 13 Giugno 2013, 21.18.52
95
posti migliori ci sono in italia ma quando ci sono................ leggete qui [EDIT: niente link su Metallized] nel 2000 in questo parco ho visto i Saxon e Dio quando organizzavano il BikerFest ora il nulla....................
Sambalzalzal
Giovedì 13 Giugno 2013, 21.17.20
94
E' anche vero che pestavano molto di più con Jorg Michael (a proposito, ma che fine ha fatto!?!?) ma con Lombardo??? e dai su....
nerkiopiteco
Giovedì 13 Giugno 2013, 21.14.53
93
vabbè Sambalzalzal che c'è di male, pure io preferisco i metasladeth con lombardo
Sambalzalzal
Giovedì 13 Giugno 2013, 21.02.45
92
boh, veramente. uno che ti dice che i megadeAth erano meglio quando c'era Lombardo dimmi tu che rispondere!
il vichingo
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.57.26
91
Sì sì ho visto, ed infatti non hai idea di che risate mi sto facendo... fra poco mi scoppia la milza
Sambalzalzal
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.55.14
90
Vichingo@ ma guarda roba dell'altro mondo, perlamadonna! vai qualche commento indietro!
il vichingo
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.52.33
89
@Samba: ti ha morso il gatto?
S.V.
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.52.15
88
che poi, permettetemi questo commento OT, ma si parla di tutto, di crisi, di inflazione, disoccupazione e non ci viene mai detto "SIAMO NELLA MERDA DAL 2002, PERCHE' CON L'EURO TUTTO E' AUMENTATO DEL DOPPIO. " Ecco spiegate quindi crisi, disoccupazione, inflazione ecc...Ci parlano di conseguenze mascherando al realtà, la fonte, La fonte di tutti questi mali è l'euro. Detto questo ribadisco che 70 euro è un prezzo da strozzini, poi ne me ne frega un cazzo se gli Slayer da soli li pago 45 euro, vorrà dire che non mi faccio nè uno nè l'altro. Se tutti accettiamo questi luridi compromessi di sti strozzini continuiamo ad alimentare questi prezzi. ragionate in lire e ditemi se per un cono gelato quando vi chiedono 2 euro non sarebbe da tirarglielo in faccia. 4 mila lire un gelato...Solo che queste cose chi è sopra i trenta o oltre le vive pensando alla lira, gli altri non possono capire, perchè uuno che ora ha 22 anni, con l'antrata dell'euro ne aveva 11! E che cosa vuoi che capisca di sto discorso?
Sambalzalzal
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.50.30
87
mo che fai, me vuoi menà? ma perché non la piantate di intervenire per scrivere stronzate quando nemmeno capite il senso dei discorsi che uno fa?
il vichingo
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.48.16
86
Quoto i commenti di Lambrusco ed Arraya, verità sacrosanta ed inopinabile.
nerkiopiteco
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.45.54
85
Elluis dimentichi un particolare, che ai 60 euro vanno aggiunti i 10 di prevendita e che parliamo di un biglietto REGULAR!!! io co 60 euro mi sono visto in prima fila Saxon, Motorhead e Judas Priest, e non erano 3 differenti concerti......... e qui parliamo pure di due band che vengono in Italia praticamente tutti gli anni!!
Elluis
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.45.48
84
@Arrraya e infatti io ho parlato di inflazione galoppante e urlante proprio per questo motivo: l'euro è stato una mazzata sui denti per qualunque cittadino europeo entrato nell'euro dal 2002: io ho parlato con tedeschi, belgi, spagnoli e irlandesi e tutti mi hanno detto che economicamente è stata una legnata per la questione dei prezzi; hanno fatto bene inglesi e danesi a non far passare il referendum per entrare nell'euro. @S.V. io parlavo di gruppi mainstream nel senso che Iron Maiden, Metallica o AC/DC per es. ti riempiono uno stadio da 60.000 persone anche se ci sono solo loro con una band di supporto, i Saxon o i Motorhead non arrivano a questi numeri: se poi parliamo di importanza come gruppi storici quello è tutto un altro discorso.
Sambalzalzal
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.45.04
83
Bebè 91@ Si
LAMBRUSCORE
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.44.50
82
Ancora d'accordo con Arrraya, aggiungo purtroppo che....beato chi prende ancora quei soldi lì....dove abito io si sta cercando di ridurre tutto, tipo far lavorare la gente senza pagarla, con la scusa dei lavori socialmente utili -ai comuni, ovvio- retribuendo con un pasto al giorno....LAVORARE PER UN PIATTO DI PASTA, MI SONO SPIEGATO???
jek
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.25.05
81
Una cosa che mi fa incazzare leggendo l'ultimi due pezzi del report, quello sul ritorno a casa. iIl fatto è che una volta quando andavo ai concerti a Milano, mi prendevo il mio bel treno, scendevo in centrale, mi predevo la mia bella metropolitana e finito il concerto me ne tornavo a casa col mio bel treno. Ora dopo le le 23.20 circa non partono più treni da Milano centrale. Un bel progresso del cazzo, complimenti a Moretti e alla sua cazzo di alta velocità.
Bebè 91
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.22.51
80
Commento 56: bene, é il mio primo concerto hai qualche problema?
Arrraya
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.20.03
79
Boh, non so voi, ma riuscite a godervi un concerto sapendo che avete speso 350 euro tra biglietto,viaggio, mangiare, dormire ecc. sapendo che i mesi successivi questa spesa sarà un peso notevole? Ecco come la società allarga la forbice e come taglia le teste, anche partendo da queste cose ludiche
Arrraya
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.14.32
78
Elluis@ il paragone tra Euro e Lira va fatto perchè non so se lo sapete, ma gli stipendi italiani in base al costo della vita sono fermi a un decennio fa, quindi le cose aumentano ma il potere d'acquisto è calato. il ragionamento di S.V. lo condivido anche perchè proprio dimenticando questo ce l'hanno messa in culo.
LAMBRUSCORE
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.11.18
77
Ragazzi, per me è giusto il discorso del cambio lira / euro, anche dopo 11 anni, chi ci rimette è sempre chi tira fuori i soldi, quindi anche le band, i promoters, le zoccole, ecc...tutti i cittadini hanno subito danni con l'euro, chi ci guadagna sono parlamentari e banche, poche balle, ricordo ancora nel mio paese, quando si passò dal bianchino a 1000 lire ad 1 euro, le madonne credo volassero peggio delle pallottole in una sparatoria tra gangsters.....
Arrraya
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.10.30
76
Macca@ come ho scritto millenni fa su queste pagine, non è un problema di festival italiano o meno, è un problema che siamo nella merda e pensare ad un evento (con questi prezzi nell'ambito del disastro economico mondiale) del genere, fa pensare. é strozzinaggio, pratica presente ovunque del resto. Il mio rammarico è che mi risulta ormai impossibile assistere a qualcosa senza dover piangere i mesi successivi... quindi, a me meraviglia invece questa accettazione passiva tipo...vabbè...pazienza
S.V.
Giovedì 13 Giugno 2013, 20.01.42
75
Ma infatti tralasciando il discorso lira, io cmq ho parlato di euro. Se il terzo giorno di quel gods non aveva band mainstream allora siamo a posto, già solo Saxon e Motorhead facevano la giornata. Poi vabbè, che gli Iron siano ancora più famosi non vuol dir nulla, parliamo comunque di band che hanno fatto la storia del metal e io Motorhead e Saxon non li metto miolto sotto i maiden. Io l'ho detto, non pretendevo costasse 40 euro, ma 55 era il prezzo giusto, non di più, non un euro in più, perchè tutto quello che veniva prima Megadeth e Maiden era molto discutibile. A questo punto, se dovevo sborsare 70 euri, mi mettevano anche gli Slayer dentro, non li facevano suonare sempre a Milano 10 giorni dopo. Ma tanto è chiaro, al fanboy dei Maiden va bene spendere anche 200 euro perchè sono i Maiden, e i promoter mica erano scemi a metterli nel calderone gli Slayer, mica potevano guadagnare una volta sola...
The Sentinel
Giovedì 13 Giugno 2013, 19.59.36
74
Dimenticavo: ottima selezione di pezzi dall'impianto principale rispetto alla merda insignificante che mettono di solito a concerti grossi e piccoli prima dell'inizio e tra le varie esibizioni, invece l'altro giorno tanta roba bella d'annata di grupponi soprattutto prima dei Maiden: Purple, Whitesnake e tanti altri...
pelvio
Giovedì 13 Giugno 2013, 19.59.22
73
Comunque il castello di Vigevano ad esempio e' una gran location! Magari i Maiden non ci stanno pero' e' figo!
milk bebè '99
Giovedì 13 Giugno 2013, 19.58.52
72
comunque grandi i mastodont e i ghosts
milk bebè '99
Giovedì 13 Giugno 2013, 19.56.38
71
un litro di latte costa 1,70 porco mondo, quando la mia mamma mi abbevera a 0 euro
brainfucker
Giovedì 13 Giugno 2013, 19.56.13
70
65 euro non mi sembrano tantissimo..stiamo parlando cmq di due colossi del metal e due band che stanno scalando la vetta eh
Elluis
Giovedì 13 Giugno 2013, 19.45.59
69
@SV ma che ragionamenti fai ??? Prima di tutto la lira italiana è una moneta estinta 12 anni fa, e nel frattempo tra il cambio svantaggioso con l'euro e l'inflazione galoppante e urlante, si deve ragionare su parametri della vita completamente diversi di quando c'era la lira, quindi a che serve fare paragoni del genere ?? Seconda cosa, te credo che il Gods di Collegno costava 40€, non aveva neanche una band grossa (intendo del calibro di Iron Maiden, Metallica, Judas ecc.) e l'unica giornata decente era la terza come hai detto giustamente con Motorhead, Saxon, Soulfly ecc., quindi non capisco perchè andavano bene i 40€ del Gods, e invece non andavano bene i 70€ del Sonisphere con 2 band mainstream. Se fossi andato a vedere un normale concerto degli Iron da soli, quanto pensi che avresti pagato il biglietto ??
Macca
Giovedì 13 Giugno 2013, 19.21.35
68
nerkiopiteco@ ahahahaha
nerkiopiteco
Giovedì 13 Giugno 2013, 19.11.24
67
@SV adesso con 45 euro ti fai SOLO gli Slayer.....
SV
Giovedì 13 Giugno 2013, 19.07.30
66
beh se mi permettete...non sono i 2 euro dell'acqua, ma i 70 euro del regular ticket che, vista la scaletta non esaltante, non ci stanno proprio. A mio avviso il biglietto doveva arrivare a massimo, ma proprio massimo 55 euro, cioè 110 mila lire. Dite che non bastavano? Ricordo solo che nel 2010 si fece il Gods Of Metal a Collegno (TO) e il terzo giorno ti potevi vedere per 40 euro tra gli altri Anvil, Saxon, Cannibal Corpse, Soulfly, Devin Townsend e MOTORHEAD. Eppure tutti si lamentarono anche in quel caso per la scaletta dei gruppi e altro! Qui invece va bene per un gruppo e mezzo validi in scaletta pagare 70 euro?
sky7209
Giovedì 13 Giugno 2013, 19.06.09
65
comunque mi spiace dirlo ma solita organizzazione Italiana......buoni gruppi ma posto e contorno veramente penosi. Ma noi che siamo tanto esterofili copiare una volta come si organizza veramente un festival dalla Germania no eh?
Andy '71
Giovedì 13 Giugno 2013, 18.54.13
64
Samba@Concordo in pieno,ma di cosa cazzo stiamo parlando?Non c'è sordo o cieco,più di quello che non vuol nè sentire,nè vedere.Parole al vento.....
Macca
Giovedì 13 Giugno 2013, 18.40.14
63
Io invece ho l'impressione che tanti qui si attacchino alle cose più improbabili...2 € una bottiglietta d'acqua li costa anche allo stadio, alle feste di paese con i fuochi d'artificio, in un bar di periferia la paghi 1 € se ti va bene. All'estero è lo stesso, al Sonis di Getafe l'acqua costava uguale: di cosa stiamo parlando?! I grandi concerti/festival sono eventi che portano grandi masse, sulle quali i commercianti lucrano e pure con gli interessi, succede da tutte le parti e sarà anche scorretto ma purtroppo è la norma!
Gabriele
Giovedì 13 Giugno 2013, 17.54.14
62
..... premetto che al Sonisphere non c' ero per cause lavorative ma... avendo visto i Maiden live almeno.... boh... 20/25 volte... (Diego ci siamo coi numeri) la mia riflessione è semplicemente questa... perchè proporre ATSS, FOTD, 2MTM(immancabile purtroppo) e lasciar fuori come da scaletta quasi obbligata Infinite dreams, HBTN, Killers e Still life? Assolutamente non più complicate da reggere rispetto a quelle suonate.... Grande onore come sempre ai Maiden, ma sarei tornato a casa con parecchio amaro in bocca... (non Jeger....)
dario
Giovedì 13 Giugno 2013, 17.53.50
61
Io ho visto solo gli Iron e ritengo che ancora oggi siano la miglior band , almeno dal vivo. Scenografie spettacolari ; Bruce con una voce ancora pazzesca ; A. Smith con i suoi soli sempre precisi e di tanto tantissimo gusto ; Harris che non si risparmia un secondo. Non mi sono accorto che i suoni non erano ben calibrati, anzi commentando il concerto successivamente ho detto il contrario. Comunque se c'era qualcosa da questo punto di vista, secondo me era di lieve entità. Risentire il seventh son tour dell'88 ( tranne qualche brano da FOTD ) dopo 25 anni è stata un'emozione grandissima che stavolta ho vissuto insieme a mia moglie, NON metallara. La ringrazio pubblicamente di esserci stata anche lei, in quanto ci tenevo proprio (-:
Arrraya
Giovedì 13 Giugno 2013, 17.38.20
60
SV@ come darti torto? Personalmente con me ci sta pure di mezzo il mare quindi evito pure di fare i conti, Del resto sia i Maiden sia i Megadeth non mi spingono a fare una follia del genere dal momento che li ho visti piu volte negli anni passati, per cui ci vorrebbe un evento veramente speciale (per me) per farmi spendere quelle cifre. che tristezza....2 euro una bottiglietta di acqua pisciata? neanche a lourdes
Matocc
Giovedì 13 Giugno 2013, 17.16.37
59
ah, troppo contento di aver ascoltato live Afraid to Shoot Strangers, la mia preferita di FOTD (al quale sono molto affezionato!)
The Sentinel
Giovedì 13 Giugno 2013, 16.48.07
58
Gruppi: i primi persi, i 2 dopo classico hard rock/metal commercialotto che sembra un po' tutto uguale anche tra band diverse e a me personalmente non dicono cmq nulla, i Ghost abbastanza ridicoli (e parlo solo dell'aspetto musicale eh) e iper-sopravvalutati da molti anche a vedere il coinvolgimento dell'altro giorno (è proprio vero che i metallari seguono più le trovate sceniche -nemmeno originali tra l'altro ormai- e le tematiche-cliché ecc. che la musica e i musicisti in sé, sennò non si spiega) e la loro posizione in scaletta ecc., i Mastodon come al solito dal vivo non si capisce un cazzo (non era la prima volta che li beccavo quindi non può essere un caso) e cmq a me non dicono una sega nemmeno in studio, Megadeth buona scaletta e un Mustaine più che decente anche sui pezzi vecchi con le linee più alte e particolari, considerando quello che avevo sentito negli ultimi anni guardando video live vari su YT sono più che soddisfatto...Maiden, va beh, nemmeno perdere tempo a scrivere, sempre la miglior band al mondo su un palco per repertorio, bravura e carisma musicisti, scenografie ecc.
SV
Giovedì 13 Giugno 2013, 16.45.43
57
Volevo andare per i Maiden e anche Megadeth va, ma 69 euro il regular ticket, per me e fidanzata, fanno 140 euro quasi, più il parcheggio e l'autostrada...Insomma per i Maiden 200 euro avremmo speso. E sono 400.000 delle vecchie care lire! Ragazzi, va bene i Maiden, va bene tutto, ma io per guadagnare 400.000 lire devo sgobbare mezzo mese quasi. Quindi con rammarico abbiamo rinunciato. Non è tanto che non li avremmo avuti, è una questione di principio e di dare il giusto valore alle cose. I Maiden valgono molto, ma questo è un latrocinio.
Sambalzalzal
Giovedì 13 Giugno 2013, 16.43.12
56
Ahahahahahah vabè dopo questa le ho sentite veramente tutte! a me onestamente da tanti commenti sembra che questo del sonisphere sia stato il primo concerto per parecchie persone. Se è così inutile fare polemiche, davvero!
Bebè 91
Giovedì 13 Giugno 2013, 16.43.03
55
Concerto spettacolare quello dei Maiden! Non si può dire lo stesso dei Megadeth e dei Mastodont! Concordo perfettamente con quest'articolo, penosi. PS: Se ne approfittano di brutto i venditori d'acqua minerale! DUE EURO A BOTTGLIETTA! Si può? Al supermercato si paga trentacinque centesimi!
The Sentinel
Giovedì 13 Giugno 2013, 16.41.28
54
Non ho ancora letto nulla (nemmeno so se lo farò, tanto non mi serve, visto che c'ero e quindi ho osservato da me e già tratto le mie conclusioni, non ho bisogno di quelle di altri, che siano la maggioranza o l'estrema minoranza), ma per me miglior festival di quelle dimensioni o anche molto meno a cui abbia assistito in quasi 20 anni ormai, sia come vivibilità (grazie a tutti gli ingenui che l'hanno preso in prevendita pagando quasi 10 euro in più, per la prima volta e ancora in orario "di punta" -l'13:00 o poco più- non ho fatto alcuna fila alla cassa biglietti, era praticamente deserta) che tutto il resto a parte i relativi problemi di suono a tratti, compreso il tempo assolutamente perfetto col sole che veniva spessissimo coperto da nuvole non permettendo di far alzare la temperatura più di tanto né di scottare troppo la gente (c'erano cmq ampi spazi per ripararsi, dal "portico" dov'era anche il tourbus Red Bull a vari altri degli stand e non) e le mitiche doccette continue tattiche.
Elluis
Giovedì 13 Giugno 2013, 16.19.46
53
Hahaha o forse deve solo cambiare spacciatore hahahah
Metal Maniac
Giovedì 13 Giugno 2013, 16.15.31
52
l'utente supercollider ha alzato un po' il gomito!
Elluis
Giovedì 13 Giugno 2013, 15.46.20
51
Lombardo ?? Megadeth (e non Megadeath) ?? Ma che stai dicendo ????
supercollider
Giovedì 13 Giugno 2013, 15.29.13
50
Senza lombardo i megadeath si dovrebbero solo sciogliere
Arrraya
Giovedì 13 Giugno 2013, 15.03.21
49
Certo Mattoc@ il mio appunto non era certo rivolto a te, ci mancherebbe, ma a tutto quello che ci è piovuto addosso in questi anni, il tuo discorso è logico allo stato attuale delle cose
toni
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.54.51
48
ho saltato questo concerto per gravi problemi familiari sigh dai video che mi hanno mandato i miei amici non mi sembrava un suono cattivo, e mi hanno detto che anche i megadeth hanno spaccato. capisco la polemica sui prezzi, 60 € il biglietto alle porte (se non vuoi farti derubare da esorbitanti diritti di prevendita, + del 10%!!!!) è elevato per una scaletta così eterogenea
brainfucker
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.52.56
47
fa ridere il fatto che dickinson dopo 30 anni di acuti daccia ancora saltare i timpani mentre mustaine ormai rantola più che cantare..peccato per l'esibizione dei mastodon mentre non capirò mai l'odio feroce per i ghost..come se fossero gli unici a fare musica già sentita e a truccarsi..bah
paolo
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.51.38
46
@Elluis: secondo me è ovvio che uno non cerca di farsi spennare ma è la mentalità di fondo che non va...cercare di spremere come un limone all'impossibile tutti. Ci potrebbe stare SOLO se allora dall'altra parte mi garantisci un Bill con la b maiuscola, un suono e un' organizzazione perfetti. Secondo me non "noleggiano" uno stadio per eventi metal perchè potrebbe costare troppo. Comunque è l'ultima volta che vado a un festival lì. Anno prossimo: Hellfest o qualche altro festival ESTERO!!! Emigrare pure per la musica..il colmo dei colmi
AL
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.49.42
45
il bere e il mangiare costava qualcosina in più di una normale festa di paese, dove la birra costa cmq 4 euro e i panini pure.. almeno a bergamo. sono d'accordo con Matocc che non era un furto. io poi i panini me li sono portati da casa. e moltissimi altri han fatto così. per il parcheggio si potevano evitare i 15 eurini. i veri furti sono le magliette originali a 30 euro e la prevendita del 15% sul prezzo del bigietto...
Macca
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.49.32
44
Arrraya@ ma allora non è più una questione di festival metal o di Live Nation ma di entrata nell'Euro, perchè non bisognerebbe pagare neanche un litro di latte 1,70 €...
Matocc
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.49.24
43
@ Arrraya: fin lì siamo d'accordo, dicevo solo che in un pub anziché € 5 viene 4 (che anche per me è troppo, ma questo è un altro discorso...)
fanculo
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.47.56
42
grandissimo concerto dei maiden.. x il resto davvero poca roba.. i megadeth si sono salvati con 2 o 3 canzoni . x me è stato un concerto stupendo ,ma grazie solo a i miei amati maiden.. grazie steve ,grazie bruce,grazie a tutti!
Arrraya
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.41.22
41
Quei prezzi non sarebbero esagerati se gli stipendi non fossero ancorati a quelli di 15 anni fa, pagare 5 euro un panino sarebbe stato come pagarlo 10000 lire ma con lo stipendio maggiore, e a memoria un panino a 10000 lire non me lo ricordo, ma vabbè, non credo che sia solo un problema di un arena per un concerto, ma intanto ci si abitua a tutto.
Matocc
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.28.59
40
@ Andy '71 : scusa eh, ma se non sono nomi grossi i Mastodon e soprattutto i Megadeth... aggiunti ai Maiden non mi sembra una cifra esorbitante, visto i prezzi delle date di questi nomi nei loro tour singoli. poi io sono piemontese, non so da voi ma da me in qualunque pub un panino costa € 4, se al festival costava 5 non mi sembra un furto esagerato, la birra invece dovrebbero farla pagare un po' meno
Arrraya
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.23.19
39
Berlusca ha quote in Mediaworld cosi come ce le ha in Lidl (guarda caso tedesca pure lei) e in tanti altri marchi operanti in italia, altrimenti spiegatemi come fanno ad aprire come funghi in tutta italia...
Macca
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.19.30
38
Andy '71@ è una strada che non è affatto percorribile quella che suggerisci. A scuola non riuscivi a convincere neanche 25 persone a scioperare tutte insieme, e come penseresti di convincere 25.000 o più persone a boicottare la Live??? E' un pò il discorso "se tutti non andassimo in macchina faremmo abbassare alle compagnie petrolifere il prezzo della benzina", bello nella teoria ma non ha speranza. L'unica è che a furia di ricevere calci in culo dalle band (vedi Black Sabbath) la live si dia una svegliata.
Elluis
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.14.24
37
Non voglio fare l'avvocato del Diavolo, però soprattutto per chi viene da Milano o dintorni la soluzione per evitare di pagare quei maledetti 15€ di parcheggio c'è, in fondo @Matocc in maniera semplicissima ha pagato un terzo di quella somma evitando anche qualsiasi coda in auto. In aggiunta a questo @Painkiller ha dimostrato che si può tranquillamente portare il cibo da casa, quindi in fondo basta ingegnarsi un attimo per evitare di farsi spennare come dei polli.
Andy '71
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.01.53
36
Painkiller@Hai fatto benissimo a portarti da mangiare e bere,ma la mia incazzatura deriva dai costi esorbitanti e dal non avere un alternativa,e in italia non c'è!Già pagare 60 euro più 16 di parcheggio,diciamola tutta solo per i Maiden,a me piacciono i Ghost.ma facciamo finta,i Mastodon cazzo avessero imbroccato un live nella loro carriera dove cantassero bene,i Mega,lasciamo perdere,e poi gli sconosciuti,da bill assolutamente non all'altezza quanto meno per la cifra richiesta,poi non posso neanche azzardarmi ad avere fame,se no,oltre a dei baracchini putridi,anche cari come il veleno,idem per bere......Non esiste ripeto,ma per nessuna band al mondo mi farei fottere a stà maniera,l'unica strada percorribile,e anche per altre cose,e possiamo deciderla noi,è che se tutti non ci andassero,forse qualcuno si farebbe qualche domanda.....
Elluis
Giovedì 13 Giugno 2013, 14.00.02
35
@Matocc infatti non c'entra niente, Mediaworld fa parte di un gruppo tedesco, la Media Markt, facente parte a sua volta di una holding che comprende tra gli altri Saturn e la Metro. Quindi Berlusca stavolta non c'entra una cippa.
Matocc
Giovedì 13 Giugno 2013, 13.43.42
34
@ Arrraya: scusa ma cosa c'entra il berlusca con MW? mica è Mediaset!
Arrraya
Giovedì 13 Giugno 2013, 13.27.52
33
Mediaworld??? il berlusca si pappa pure i soldi dei metallari....dai dai, chiudiamo tutto, o bruciamo sta nazione del cazzo o è meglio scappare, anche in Colombia, Bulgaria,Mongolia...basta con ste zecche
Arrraya
Giovedì 13 Giugno 2013, 13.25.55
32
Ho appena letto le date del tour Sudamericano dei Black Sabbath, ebbene: Stadi,parchi,fori, chi piu ne ha piu ne metta. Gli stadi in Italia sono per Vasco Rossi e gente simile, per chi garantisce il sold out da spartire poi nel magna magna. Eppure la cifra di 35/40000 unità sembra quella massima che si possa raggiungere in Italia per quanto riguarda l'audience metal...ma da anni è cosi, sembra il tetto massimo, mentre in Sudamerica sembra ci sia un entusiasmo e un seguito differente e quindi maggiore, e non credo che in Colombia stiano meglio di noi. Ripeto: stadi e parchi in sudamerica e qui una mazza, anche se ricordo i Maiden all'olimpico di Roma o i Metallica e i Guns'n'roses al Delle Alpi a Torino. Boh, mi sto pure stancando di parlarne di tutta questa merda
gianmarco
Giovedì 13 Giugno 2013, 13.03.07
31
ci sono andato in pullman con lo staff del Machete Fest , fantastico .
Matocc
Giovedì 13 Giugno 2013, 11.46.40
30
@ pelvio: MediaWorld si è barbato € 4 di commissioni? l'anno scorso da me ne prendeva solo 1 (avevo chiesto per curiosità) mamma mia! purtroppo i suoni sono stati peggiori rispetto ad altri concerti visti a Rho. io ero in 3° fila centrale sotto il palco e i Megadeth, Dave compreso, mi sono sembrati meglio e più in forma che al Big 4 del 2011 e sono contento che la Scabbia sia salita sul palco per ATLM, chissà quando capiterà più! i Ghost non mi dicono nulla (avevo dei ragazzini dietro che erano letteralmente impazziti per loro) e quanto ai Mastodon spero di riuscire a vederli un giorno con dei suoni decenti...per i Maiden che dire? 3° volta che li vedo e non ne ho mai abbastanza, Bruce è IL frontman per antonomasia. ps David Ellefson mi ha lanciato il suo plettro (targato Super Collider ah ah!) se avesse saputo che nella rece gli ho dato l'insufficienza magari lo riavrebbe voluto indietro
il vichingo
Giovedì 13 Giugno 2013, 10.54.34
29
*al riparo, dannata tastiera...
il vichingo
Giovedì 13 Giugno 2013, 10.52.01
28
Sarei venuto per i Maiden che hanno suonato (quasi) tutti i miei pezzi preferiti ma con questi gruppi spalla, a questi prezzi e con le qui citate condizioni ho passato senza mezza esitazione, il fondoschiena preferisco tenerlo al riparlo if you know what i mean.
AL
Giovedì 13 Giugno 2013, 10.47.18
27
@nerkio: 5 euro l'uno. il vantaggio è vantare un credito verso l'amato cugino... che me l'ha ripagato così! io di solito ai festival mi porto le birre (che finiscono presto perchè poi si scaldano e fan schifo..). effettivamente la bottiglietta è un'ottima idea.. e cmq neanche io ho trovato code all'arrivo o al ritorno.. i parcheggi sono verso l'uscita..ti devi fare un bel pezzo a piedi..
Macca
Giovedì 13 Giugno 2013, 10.36.45
26
Sono d'accordo con AL@ (tranne che per i Mastodon che adoro e per i Ghost che mi divertono). Nerkiopiteco@ io circa alle 2 ero già a Genova (mi sono pure fermato a Dorno nel tragitto) e non ho trovato code, blocchi stradali nè mostri pelosi per entrare in l'autostrada
nerkiopiteco
Giovedì 13 Giugno 2013, 10.34.46
25
@AL non sono MAI troppi per curiosità quanto costavano? io di solito mi porto la bottiglietta già pronta da casa
AL
Giovedì 13 Giugno 2013, 10.33.26
24
...non mi ero accorto che i megadeth hanno suonato cold sweat.... ! troppi whisky e coca .. lo stand della JD è stata la vera rovina del festival....!!!
nerkiopiteco
Giovedì 13 Giugno 2013, 10.27.22
23
Dai primi commenti letti pensavo fosse stato un disastro, invece il report mi è sembrato tutto sommato soddisfacente; i problemi più grossi e costanti sono viabilità e prezzi, però ecco basta studiarsi un piano di battaglia (parcheggiare due fermate prima del RHO) e comprarsi da mangiare fuori (ringrazio per il report, ottima guida per il futuro). Mi fa ridere la storia delle 2 ore per arrivare in autostrada, vorrei andare dalla squadra di architetti ed ingegneri che hanno progettato quel posto per stringergli la mano. Certi concerti li faranno sempre in questi posti, in qualche modo devono pur giustificare ed utilizzare certe strutture. Ciò che il fan non può fare purtroppo è risolvere il problema prezzo del biglietto, bill e impianti audio, anche se gli altri anni 0 problemi: io di solito prime file centrali, ma comunque anche spostandomi per andare nei vari stand sempre avuta la percezione di un'ottima acustica, anche a Imola; anzi l'unica volta che ho riscontrato seri problemi di audio in un grande concerto, momentanei per fortuna, solo a La Cubierta di Madrid Può capitare che salti la corrente, qualche intoppo, ma problemi durante tutta la giornata non sono ammissibili, sembra non siano stati così gravi, però ecco la prossima volta stiano attenti, anche perché potrei esserci pure io
AL
Giovedì 13 Giugno 2013, 10.18.59
22
Maiden stratosferici e professionali come pochi. Megadeth imprecisi e impagliati. scaletta mediocre; (hangar 18 non l'avevo riconosciuta all'inizio). Ghost e Masoton non mi piacciono.punto. non infierisco. Location: l'asfalto è pessimo è vero ma quoto i commenti di Painkiller. non c'è alternativa. l'ultimo prato che mi ricordo è stato il GOM a bologna. non sono d'accordo con chi dice niente concerti piuttosto che questi. col cazzo! io a rho ci andrò ancora perchè mi piace il metal e i concerti metal! altrimenti dove vado? in svezia? in germania? io mi sono divertito. poi ognuno è libero di spendere i propri soldi come vuole.
Painkiller
Giovedì 13 Giugno 2013, 10.04.12
21
@Andy: mi sono portato l'acqua e delle ottime piadine da casa, nessun furto, nessuna spesa per queste cose in loco. @Andy & Samba: sul suono infatti mi lamento per QUEST'ANNO, gli anni scorsi non è stato affatto male, e per i gruppi più importanti praticamente perfetto. E sì.....hail to England!!! Londra e Birmingham mi aspettano!!!
Macca
Giovedì 13 Giugno 2013, 10.01.34
20
E' il terzo Sonisphere a cui partecipo (dopo Imola 2011 e Madrid 2012) e mi sono divertito un botto. L'Arena Fiera Milano non mi è parsa questo "macello", non più dell'autodromo Dino Ferrari (più stretto e senza spazi d'ombra). Del resto per ospitare eventi così grandi credo che in Italia si fatichi abbastanza ad avere le concessioni per sfruttare gli stadi e altre strutture considerate più "prestigiose", quantomeno per eventi metal che a parte pochissimi grandi nomi non tirano certo come uno Springsteen o, ahimè, Ligabue e Vasco Rossi. Io mi sono divertito, Ghost e Mastodon li ho apprezzati nonostante suoni mal calibrati (visti 4 volte i Mastodon e hanno SEMPRE avuto suoni del cazzo in quanto studiati per headliner con caratteristiche diverse dalle loro, che sono abbastanza particolari), Megadeth per metà ho dormito (nel vero senso della parola, sdraiato con testa sullo zaino) e i Maiden li ho trovati spettacolari...e la voce di Bruce l'ho sentita piuttosto bene! Probabile che non ci capisca un cazzo o che senta le voci, però è certo che ho meno pretese di tanti altri che frequentano questo sito.
Sambalzalzal
Giovedì 13 Giugno 2013, 9.37.04
19
No, aspetta Painkiller@ io appunto avevo fatto il paragone con Piazza San Giovanni per i Maiden, perché quella di certo non è una location che può definirsi adatta. Io parlavo della professionalità di gestire eventi tipo questo. Se uno ci spende soldi con attrezzature di prima qualità e addetti ai lavori con le contropalle allora riesci a far suonare pure i Metallica del concerto sulla Piazza Rossa nella sala di un oratorio! Il problema qui è che io sono certo che chi ha organizzato abbia preso strumentazione e personale di quint'ordine per risparmiare. Ovviamente i risultati si sono visti. Sulla location poi ognuno la vede a modo suo. A me in teoria non fregherebbe nulla di arrostirmi sull'asfalto o disidratarmi se la musica pompa. Certo è che se l'acustica fa schifo e devo pure soffrire allora se ne andassero tutti affanculo. Ah per l'altro intervento: fai benissimo a portare la famiglia fuori!!! Per i piccolini è fondamentale vedere sin da subito che ciò che succede in Italia NON è come le cose in realtà dovrebbero andare. non parlo solo di musica ovviamente.
Andy '71
Giovedì 13 Giugno 2013, 9.34.57
18
Painkiller@E allora io dico,meglio che non ci siano concerti del genere,se in palio per vedere la tua band del cuore devi farti derubare,devi morire di fame,sete,e farti prendere per il culo,e soprattutto non sentire nemmeno una mazza,io credo che ci debba essere un limite a tutto,no?
anvil
Giovedì 13 Giugno 2013, 9.32.02
17
Però quello che dice Painkiller post12 è vero l anno scorso io ero presente al concerto dei ManOwaR e i suoni per tutto il giorno sono stati perfetti , per non parlare del impianto che si sono portati i ManOwaR potenza e suono perfetti .
Painkiller
Giovedì 13 Giugno 2013, 9.24.14
16
E BASTA CON STA STORIA DELLA LOCATION: NEL NORD ITALIA NON ESISTE UN POSTO ALL'APERTO, COL PRATO, CHE NON SI UNO STADIO E CHE SIA LONTANO DALLE ABITAZIONI, CHE POSSA OSPITARE 40.000 PERSONE!!! PARCO DI MONZA? IMPOSSIBILE, LO HANNO FATTO, TUTTI I MONZESI SI SONO LAMENTATI PER IL VOLUME. SAN SIRO? SUL SERIO? VI ASPETTATE CHE DIANO LA DISPONIBILITA' DI SAN SIRO PER UN CONCERTO METAL? STADIO BRIANTEO DI MONZA? CI HANNO PROVATO LO SCORSO ANNO, COSì COME IN PASSATO CON MICKAEL JACKSON. I MONZESI SI LAMENTANO, LA VIABILITA' E' PEGGIO DI QUELLA INTORNO ALLA FIERA. LA MIA NON VUOLE ESSERE UNA POLEMICA MA UNA DISCUSSIONE APERTA. DICIAMOCELO, I SINDACI SONO SEMPRE MENO DISPOSTI A DARE GLI STADI PER I CONCERTI, FIGURIAMOCI SE METAL (CHI SI RICORDA METALLICA/GUNS/SOUNDGARDEN A TORINO???)
anvil
Giovedì 13 Giugno 2013, 9.21.17
15
Quoto Sambalzalzal ; va bè essere fans ma farsi derubare no!
Riccardo
Giovedì 13 Giugno 2013, 9.20.49
14
Ho visto i Maiden in mezzo alla calca con mio figlio di 15 anni che è tornato entusiasta: mi spiace, ma non potevo pretendere di più...!
Andy '71
Giovedì 13 Giugno 2013, 9.20.18
13
Ma io dico,se ti senti,a ragione preso per il culo e derubato,per quale cazzo di motivo ci vai a questi festival?Io da anni li boicotto e non ci vado,farmi derubare,affamare e assetare ed essere trattato come un pecorone .no grazie!Si fottano,da me questi personaggi non avranno mai un euro!Svegliatevi!Se no,dopo lamentarsi,serve a poco!
Painkiller
Giovedì 13 Giugno 2013, 9.19.11
12
Cercherò di essere sintetico: Grandissima prestazione dei Maiden, i Megadeth li ho trovati spompati (li ho visti tante volte, l'ultima al Priest Feast e spaccavano di brutto), Broderick mi è sembrato moooolto impreciso. I Mastodon non li conoscevo ma la loro proposta mi è parsa identica a mille altre band sul pianeta, e così i Voodoo six. I Ghost invece mi sono piaciuti, al di là della presenza scenica, mostrando di saperci fare con gli strumenti. SUONO: Pessimo per quasi tutte le band, MANCANTE (e non mi riferisco solo al volume) durante l'esibizione dei Maiden, nel senso che mancavano due canali e le chitarre ritmiche non si sentivano proprio. X TUTTI COLORO CHE CRITICANO I SUONI DANDO LA COLPA ALLA LOCATION: Lo scorso anno i Guns n'Roses, Within temptation etc...hanno goduto di suoni ottimi e di volume adeguato. Lo stesso si può dire di Judas/Whitesnake/Mr.Big nel 2011. Si sentiva benissimo e senza intoppi, ad alto volume. Quindi la location non c'entra un cavolo. Negli scorsi anni solo le prime band, come avviene OVUNQUE, non hanno goduto di sound adeguato, ma spesso è stato sistemato in corso di esibizione (penso ad Epica, Europe e Crdle of Filth, Seb.Bach...negli ultimi due anni).
Vitadathrasher
Giovedì 13 Giugno 2013, 9.05.46
11
Io non ci sono stato e di certo questi eventi li boicotterò sicuramente, non mi piace essere trattato come lo stereotipo di metallaro fattone da macello.....Inoltre se i suoni sono stati pessimi come dite è intollerabile e di certo lascia proprio l'amaro in bocca, specialmente con band di questo calibro e a questi prezzi.
Celtic Warrior
Giovedì 13 Giugno 2013, 8.59.40
10
Il concerto dei Maiden ha richiamato un gran numero di "metallari doc e non" , compreso famiglie con prole al seguito , in un clima festoso e esaltante. Grazie Iron Maiden di averci regalato questa bellissima giornata di musica di altissimo livello e uno spettacolo come al solito favoloso , sul resto pienamente d' accordo con i recensori , ottimo report.
Sambalzalzal
Giovedì 13 Giugno 2013, 8.35.34
9
Beh, insomma Emigrante@ con tutto il rispetto, Mustaine pare il nonno paraplegico di Hetfield ultimamente. Io penso che a tante persone piaccia farsi trattare male/prendere per il culo/farsi derubare. Non trovo altre spiegazioni. Non sono stato al Sonisphere ma ho visto i Maiden tante volte negli anni e non ho mai, dico MAI sentito nessuno lamentarsi dei suoni. Nè mai io personalmente li ho mai visti in condizioni non professionali. neanche quando suonarono a Rm a Piazza San Giovanni per la festa del primo Maggio nel 1993 (che di certo non è un'arena) ci furono problemi di sound di sorta. Capisco la passione per la musica e magari vedere per la prima volta la propria band preferita ma i soldi, specie di questi tempi, teneteveli in tasca, non regalateli a gente che con l'organizzazione di concerti fatti bene non ha un cazzo a che fare. Ricordo che mesi fa quando si iniziò a parlare del Sonisphere ci furono tante persone (me compreso) che erano dubbiose su come sarebbe potuto andare questo evento per una serie di motivi fondati. Altri ne presero le difese. Beh... spero tanta gente abbia tratto le proprie conclusioni.
paolo
Giovedì 13 Giugno 2013, 8.26.05
8
io mi dico: è possibile spendere 70 euro per stare in un posto così PESSIMO? Acusticamente è penoso, poi sul cemento, parcheggi a prezzi assurdi (QUINDICI EURO.......), birra pure.---Giornata da dimenticare--- W solo gli Iron che spero di vedere in altra sede, il resto non merita di essere commentato. Grande stima ai Black sabbath che non suoneranno lì
emigrante
Giovedì 13 Giugno 2013, 8.19.25
7
mi sa che in sta arena di Rho o non si faranno piu concerti o la gente diserterà a manetta...vedendo anche il bill che insomma..rispetto ai bill esteri non è all'altezza. @vitadathrasher: beh, gli iron maiden meritano 20 anni dopo di essere ancora lì a spaccare e non fanno pena..ben altra fine si puo dire abbiano fatto i megadeth rispetto a 20 anni fa..o i metallica
Vitadathrasher
Giovedì 13 Giugno 2013, 8.13.14
6
Non so come mai, ma quando vedo queste foto provo un po di pena.....nella mia mente ho le loro facce viste più di 20anni fa e rivederle ora....
l'Accademico
Giovedì 13 Giugno 2013, 2.16.25
5
Arena Fiera Milano Rho è un posto per macelleria umana. Un posto dove stipare gente e basta. Se ne strafottono dello spettacolo immondo che arriva al pubblico che in media paga 70 euro per non vedere e non sentire un CAZZO. Ci sono stato una volta e MAI PIU' quel posto mi rivedrà il mio culo. Invito tutti a disertare i concerti fatti in quella Arena disumana. L'audio farà sempre schifo, la visuale anche, per l'asfalto, nessun commento. Ho ancora una dignità da non considerarmi un cane, coma probabilmente mi considarano gli organizzatori. MAI PIU'.
pelvio
Giovedì 13 Giugno 2013, 2.00.32
4
Non e' giusto pagare 73 euro (9 di prevendita piu altri 4 da Mediaworld) e avere suoni pietosi (le casse sparavano talmente poco che i suoni cambiavano con il cambiare del vento). Batteria in distorsione, GRAVE non avere acceso i maxischermi per i Megadeth. GRAVE avere un palco e maxischermi piu bassi del solito. Io sono 1, 83 e non vedevo una pippa nemmeno in punta dei piedi. GRAVI i prezzi di parcheggio e cibo, GRAVE la location. Ma un cavolo di prato mai??? Mal di schiena per un giorno. Grandi Maiden e Megadeth assenti. (Broderick ha suonato molto male. Diverse le cappelle).
Damy 71
Giovedì 13 Giugno 2013, 1.54.01
3
Anche a me i Megadeth non sono dispiaciuti, non sono quelli che ho visto al Palatrussardi assieme ai Corrosion Of Conformity (1995?), ma in miglioramento rispetto agli ultimi concerti italiani. Per i Maiden cosa dire se non che live sono incredibilmente costanti, per loro voto 10!
Giacomo
Giovedì 13 Giugno 2013, 0.18.58
2
Felicissimo di esserci stato! Sono d'accordo con quanto detto sui ghost, che se la sono cavata egregiamente nonostante orario e difficoltà varie, ma secondo me i Megadeth sono stati ok, nulla di straordinario ma nemmeno inascoltabili, considerato che l audio faceva pena.. E Mustaine mi è sembrato nettamente migliorato con la voce.. Questa è la mia onestissima opinione!
Metal4ever90
Giovedì 13 Giugno 2013, 0.14.41
1
Mio primo concerto dei Maiden..... Cazzoooo, sono strafelice di essermeli finalmente visti. Mamma mia che che show, i Maiden sono sempre fantastici, energici e inesauribili; mi sono sgolato come non mai a cantare tutti i loro vecchi classici, ad ogni inizio canzone avevo i brividi. Grazie Maiden! Parlando un po' del pre- grande show: i Megadeth a dire il vero non mi sono dispiaciuti tantissimo, anche se lo show che vidi a Roma nel 2011 era cento volte meglio, vero che comunque Dave non ha più voce; concordo con la brutta resa sonora dei Mastodon, ma nonostante tutto mi sono piaciuti parecchio, li rivedrò senz'altro se mi capita l'occasione; i Ghost li ho trovati curiosi, ma dopo venti minuti già mi annoiavano, preferibili vederseli al crepuscolo.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina dell'evento
ARTICOLI
29/07/2016
Live Report
SONISPHERE
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 24/07/2016
08/06/2015
Live Report
SONISPHERE
Arena Mediolanum Forum, Assago (MI), 02/06/2015
06/07/2014
Live Report
SONISPHERE
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 01/07/2014
12/06/2013
Live Report
SONISPHERE
Arena Fiera Milano, Rho (MI), 08/06/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]