Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
A Grounding In Numbers
Clicca per ingrandire
ALT
Clicca per ingrandire
Godbluff
Clicca per ingrandire
Il trio in azione
Clicca per ingrandire
Foto ricordo - David Jackson, Guy Evans, Peter Hammill, Judge Smith e Hugh Banto
Clicca per ingrandire
Van Der Graaf Generator nel 1975...
Clicca per ingrandire
...e nel 2009!
Clicca per ingrandire
Il libro sulla band, ad opera di Paolo Carnelli
Clicca per ingrandire
La formazione a tre
Clicca per ingrandire
Tempus fugit
Clicca per ingrandire
Live at the Paradiso
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

LEGENDS OF ROCK - # 25 - Van Der Graaf Generator, seconda parte
21/06/2013 (3531 letture)
(continua da qui)

Un labile tentativo di far risorgere il generatore senza Hammill fu posto in essere da Maurizio Salvadori, ma il progetto naufragò presto. Peter, nel frattempo, collaborò con Le Orme scrivendo i testi dell’edizione inglese di Felona e Sorona (uscì con il titolo Felona & Sorona) ed intraprese un’apprezzabile carriera solista (aveva già pubblicato nel 1971 l’album Fool’s Mate). L’artista seguì, però, direttrici musicali differenti rispetto allo stile dei Van Der Graaf Generator e per tale motivo, almeno inizialmente, fu poco apprezzato da noi dove i fan attendevano con trepidazione una reunion. Un segno inequivocabile dei buoni rapporti intercorrenti tra Hammill e gli ex compagni è comunque dimostrato dal fatto che collaborarono tutti alla stesura dei suoi dischi Chameleon in the Shadow of the Night (1973), The Silent Corner and the Empty Stage (1974) e Nadir's Big Chance (1975). David Jackson, invece, dopo aver partecipato alla registrazione dei brani Serenesse e Oratore contenuti nel secondo lavoro di Alan Sorrenti Come un vecchio incensiere all’alba di un villaggio deserto (1973), suonò con il musicista napoletano nel tour a supporto del platter. Nel 1974 Banton, Evans e Jackson, coadiuvati da Nic Potter, Ced Curtis e Pietro Messina, si riunirono per registrare lo strumentale The Long Hello. Il vinile, non un granché a dire il vero anche per problemi di masterizzazione, venne rilasciato solo in Italia ed ebbe positivi riscontri: fu una scelta davvero azzeccata visto l’indefesso amore nutrito dai ragazzi italiani nei confronti dei Van Der Graaf Generator. Alla fine anche l’ostinato introverso Hammill, confortato anche dal successo ottenuto con la ristampa di The Aerosol Grey Machine, si convinse che era giunto il momento di far risorgere il vecchio monicker: i tempi erano ormai maturi ed il miracolo accadde. I quattro cercarono la giusta concentrazione isolati in una casa di campagna a Norton Canon nei pressi di Hereford e gettarono le basi per il quinto full lenght di inediti. Dopo una tournée estiva denominata Van Der Graaf Generator Reunion Tour (dieci le date in Italia), nell’ottobre 1975 viene finalmente rilasciato Godbluff. Il disco, munito di una cover minimalista in contrapposizione a quelle surreali curate da Paul Whitehead e del famoso logo ideato da John Pasche, contiene una musica diversa rispetto al passato, una scelta che fece storcere il naso ai puristi del prog. Siamo al cospetto, infatti, di un songwriting più elettrico, cupo ed essenziale, scevro oltretutto delle classiche aperture psichedeliche e di sovraincisioni. Il nuovo corso era stato anticipato durante le precedenti esibizioni live: molti classici, tra i quali Killer, erano stati accantonati in favore dei controversi brani estrapolati da Godbluff e di alcuni pezzi di Hammill del suo repertorio solista. Sublime al di la di ogni ragionevole dubbio la mutevole ed ipnotica (anche divertente ad un certo punto) The Sleepwalkers con una prestazione vocale di Peter ai limiti della perfezione.
Seguirono altri show in Italia dove si verificarono incidenti dovuti per lo più alla pretesa in voga in quel periodo di voler assistere ai concerti senza pagare il biglietto. L’epilogo è triste perché, all’indomani dello spettacolo tenutosi il 1 dicembre 1975 a Roma presso il Palasport dell’Eur di fronte a oltre 15.000 spettatori, ignoti rubarono il camion con a bordo tutta la strumentazione. Dietro al gesto forse una motivazione politica visto che il concerto era stato organizzato dal movimento extraparlamentare di sinistra Avanguardia Operaia. La conseguenza? Una mesta e ingloriosa fine del tour. Nell’aprile 1976 esce Still Life, un lavoro maturo, più lineare e pacato rispetto a Godbluff. La stampa italiana lo giudicò negativamente per l’eccessiva morbidezza e verbosità. In realtà è un’autentica gemma musicale e la title track ammalia con il suo incedere inquietante affidato alla voce e all’organo, per poi esplodere in astrusi arabeschi sonori pregni di disperazione. Il pathos della sezione finale è da brividi.

Nello stesso anno registrarono il poco ispirato World Record e le cose andarono peggio. Si tratta di un disco che riverbera in pieno i seri problemi personali del momento di Hammill trasudando esacerbato pessimismo. Si tenta in sostanza di recuperare le atmosfere di Godbluff senza, tuttavia, riuscirci. I quasi 21 minuti di Meurglys III (The Songwriter's Guild) costituiscono, tuttavia, uno degli apici dell’intera produzione del generatore.
Segui un mastodontico tour che toccò anche l’America, ma alla fine del 1976 Hugh Banton lasciò la band e nel gennaio seguente anche Jackson se ne andrà. Hammill non si perse d’animo e con una line up che comprendeva Nic Potter al basso, Guy Evans alle pelli, Peter Hammill alla voce, tastiere e chitarre e Graham Smith al violino produsse nel settembre 1977 il discreto The Quiet Zone/The Pleasure Dome con il monicker Van Der Graaf escludendo, quindi, Generator. Per la precisione nella tracce The Sphinx in the Face e The Sphinx Returns compare il sax di Jackson. La magia di un tempo è, però, ormai tramontata: il combo inglese si scioglie per l’ennesima volta nel 1978 lasciando ai fan il doppio live Vital, registrato il 16 gennaio 1978 al Marquee Club di Londra e pubblicato nel luglio dello stesso anno. Hammill tra alti e bassi proseguirà la sua carriera solista. Il 13 luglio 1980 suonò nell’incantevole location romana di Castel Sant’Angelo aprendo al reggae di Peter Tosh. I 30.000 spettatori non gradirono la sua performance e venne sonoramente fischiato, d’altra parte l’accoppiata era davvero improponibile! Nel 1982 esce Time Vaults, una raccolta di inediti registrati dal 1972 al 1975 dai Van Der Graaf Generator. Dopo aver suonato tutti insieme in tre occasioni -nel 1991 alla festa del quarantesimo compleanno della moglie di David Jackson, il 3 novembre 1996 durante un concerto di Hammill e Evans alla Union Chapel (eseguirono Lemmings (Including Cog)) e il 20 febbraio 2003 alla Queen Elizabeth Hall di Londra (il pezzo prescelto fu Still Life), si cominciò a pensare seriamente all’ennesima reunion. Il ritorno è sontuoso: il doppio album Present del 2005 contiene ben sedici brani con suoni distorti, assolo di sax, atmosfere epicheggianti e addirittura un’ora di jam session; un diluvio di suoni a tratti accattivante, altre volte, però, un po’ troppo dispersivo. Al disco seguì un tour di successo che toccò anche l’Italia con date a Milano, Roma, Taormina e Gardone Riviera. Jackson, tra lo stupore generale, lascia la band (nel 2007 confluirà negli Osanna) e il generatore si riduce ad un trio che continua ad andare avanti. Verranno realizzati tre nuovi lavori di apprezzabile fattura compositiva: Trisector (2008), A Grounding in Numbers (2011) e lo strumentale ALT dell’anno scorso. Ascoltare questi lavori privi del sax di Jackson fa un certo effetto, ma innegabilmente la musica conserva quell’affascinante veste umbratile e ha il pregio di distanziarsi oculatamente dal progressive targato anni ’70 presentandosi alle nuove generazioni in una veste meno nostalgica e più avanguardistica. Concludo con queste parole di Hammill che personalmente condivido in pieno: La line up in trio è anni luce avanti rispetto al gruppo del 2005. Ora siamo una band attuale (anche se un po’ stagionata!), mentre prima tendevamo a guardare un po’ troppo al nostro passato. Chissà cosa ci riserveranno ancora in futuro! Immensi Van Der Graaf Generator, per sempre nel mio cuore!
Un ringraziamento speciale va al mio amico e scrittore Paolo Carnelli, autore del libro Van Der Graaf Generator – La Biografia Italiana, edito dalla case editrice Arcana per i suoi preziosi suggerimenti.

DISCOGRAFIA

Album in studio
1969 - The Aerosol Grey Machine
1970 - The Least We Can Do Is Wave To Each Other
1970 - H to He, Who Am the Only One
1971 - Pawn Hearts
1975 - Godbluff
1976 - Still Life
1976 - World Record
1977 - The Quiet Zone/The Pleasure Dome
1982 - Time Vaults
2005 - Present
2008 - Trisector
2011 - A Grounding in Numbers
2012 - ALT


Album live
1978 - Vital
1994 - Maida Vale
2007 - Real Time
2009 - Live at the Paradiso



Mrs.Sands
Venerdì 28 Giugno 2013, 8.06.02
14
Evviva la sollecitudine! Aspettavo questa seconda parte. L'ho letta tutto d'un fiato. Appassionante!!! Grazie ancora Fabio
Sambalzalzal
Lunedì 24 Giugno 2013, 8.56.32
13
Già all'epoca l'Italia sugli scudi per quanto riguarda i comportamenti civili e "politici"... per i greci "l'arte di governare/vivere in città" per noi sarebbe e sarebbe stato meglio che tanta gente se ne fosse rimasta a zappare la terra in campagna! Un vero peccato che alla fine ci sia andata a rimettere una band di simile portata... tre giorni fa, motivato dalle cose scritte qui su Metallized ho trovato e preso Still Life e lo trovo veramente bello!!! Adesso piano piano me li faccio tutti!
Andy '71 vecchio
Lunedì 24 Giugno 2013, 7.44.42
12
Caro Fabio "Hm is the law"Complimenti davvero,hai raccontato sapientemente la storia di questa meravigliosa band,pilastro imprescindibile del Prog!Grandissimo!
hm is the law
Domenica 23 Giugno 2013, 20.05.53
11
Si cerca di dare sempre il massimo per voi lettori, spinti dalla comune passione per la musica.
Le Marquis de Fremont
Domenica 23 Giugno 2013, 12.40.46
10
Non conoscevo quegli episodi legati agli incidenti per questioni politiche o non, al furto del camion con gli strumenti (non era successo anche al Rovescio della Medaglia?) e mi dispiace che la loro grandissima musica sia stata strumentalizzata. Questo "mark 2" dei VDGG è effettivamente inferiore al primo ma siamo sempre su livelli altissimi e alcuni episodi come The Undercover Man, The Sleepwalker, Pilgrims, la struggente My Room e il Medley su Vital, sono assolutamente splendidi e carichi di grandissime emozioni. Diciamo che i VDGG si sono spostati verso i solo di Hammill, come sound in generale, perdendo un po' del pathos e della tensione emotiva del primi quattro album. Grazie comunque a Monsieur Hm is the Law e concordo con Monsieur Raven in pieno: qui siamo su un frangente di assoluta eccellenza di questo sito. Complimenti.
hm is the law
Sabato 22 Giugno 2013, 10.09.41
9
@ PaolaG.: grazie
PaolaG.
Sabato 22 Giugno 2013, 9.28.03
8
Considero da sempre i VDGG uno dei più solidi pilastri del Prog, ed è forse il gruppo che ho ascoltato di più in assoluto negli anni '70. Come tante altre bands, in genere quelle in cui primeggia un leader in particolare, hanno avuto varie vicissitudini personali e lavorative, che a mio avviso servono comunque per la "crescita" dell'opera artistica e delle scelte musicali dei singoli musicisti. Purtroppo non ho avuto l'occasione di ascoltarli live. Solo recentemente ho ascoltato Dave Jackson (personaggio unico al mondo: che dire quando suona 2 sax contemporaneamente ? ) ormai perfettamente integrato con gli Osanna ed ho avuto occasione di sentire la versione inglese di Felona e Sorona dalle Orme, con testi di Peter Hammill. Ringrazio Fabio per la bella biografia che mi sarà utile per conoscere alcuni momenti della band che negli anni non sono riuscita a seguire. Auguro a tutti, musicisti, scrittori, cultori del prog un buon proseguimento della musica !!!
ayreon
Venerdì 21 Giugno 2013, 15.33.46
7
gran bella bio per una grande band,sei stato bravo e stringato nel parlare di tutte le loro grandi tappe
Metal4ever90
Venerdì 21 Giugno 2013, 15.10.20
6
Conosco solo l'immenso "Pawn Hearts", ma provvederò al più presto ad approfondire questo storico combo inglese. Bello l'articolo!
hm is the law
Venerdì 21 Giugno 2013, 14.57.59
5
@ Ocean (fu Zarathustra): Hammill ha prodotto una corposa discografia
Ocean (fu Zarathustra)
Venerdì 21 Giugno 2013, 13.28.29
4
Very beautiful. Invece di quel "buco" tra scioglimento e reunion che mi dici? Hanno combinato qualcosa di interessante lontano dal Generatore?
Raven
Venerdì 21 Giugno 2013, 13.27.42
3
Sono generalmente molto ritroso ad intervenire sugli scritti dei miei colleghi per fare degli elogi, al fine di non prestarmi a strumentalizzazioni degli stessi. In questo caso però, non posso esimermi dal sottolineare pubblicamente come questi due articoli possano essere classificati tra i fiori all'occhiello del nostro sito e sperare che abbiano la diffusione che meritano.
Valereds
Venerdì 21 Giugno 2013, 11.42.50
2
Ottimo lavoro!!! Come sempre!!!!
Mitra65
Venerdì 21 Giugno 2013, 10.38.38
1
Grande band, grande articolo!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Maida Vale
Clicca per ingrandire
Present
Clicca per ingrandire
Real Time
Clicca per ingrandire
Still Life
Clicca per ingrandire
The Long Hello
Clicca per ingrandire
The Quiet Zone - The Pleasure Dome
Clicca per ingrandire
Time Vaults
Clicca per ingrandire
Trisector
Clicca per ingrandire
Van Der Graaf Generator live
Clicca per ingrandire
Vital
Clicca per ingrandire
World Record
ARTICOLI
04/09/2017
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 41 - David Bowie, Parte terza
12/06/2017
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 40 - David Bowie, parte seconda
07/03/2017
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 39 - David Bowie, parte prima
12/07/2016
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 38 - Atomic Rooster
14/06/2016
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 37 - High Tide
19/02/2015
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 36 - Scorpions, parte seconda
10/02/2015
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 35 - Scorpions, parte prima
11/11/2014
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 34 - Black Widow
16/08/2014
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 33 - Dick Wagner
28/04/2014
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 32 - Lou Reed, prima parte
20/10/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 31 - Il Rovescio della Medaglia
02/10/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 30 - Queen, terza parte
27/09/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 29 - Queen, seconda parte
23/09/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 28 - Queen, prima parte
12/08/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 27 - Gentle Giant, seconda parte
24/07/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 26 - Gentle Giant, prima parte
21/06/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 25 - Van Der Graaf Generator, seconda parte
06/06/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 24 - Van Der Graaf Generator, prima parte
13/03/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 23 - Thin Lizzy
30/07/2012
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 22 - Rory Gallagher
28/06/2012
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 21 - Tommy Bolin
19/09/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 20 - Pink Floyd, seconda parte
17/09/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 19 - Pink Floyd, prima parte
23/08/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 18 - Ramones, seconda parte
01/08/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 17 - Ramones, prima parte
12/06/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 16 - Yes, seconda parte
23/05/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 15 - Yes, prima parte
05/04/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 14 - Genesis, seconda parte
28/03/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 13 - Genesis, prima parte
14/02/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 12 - Deep Purple, seconda parte
04/02/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 11 - Deep Purple, prima parte
21/01/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 10 - Syd Barrett
15/11/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 9 - Jethro Tull, seconda parte
02/11/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 8 - Jethro Tull, prima parte
15/10/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 7 - Frank Zappa, seconda parte
06/10/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 6 - Frank Zappa, prima parte
28/05/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 5 - Black Sabbath, seconda parte
22/05/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 4 - Black Sabbath, prima parte
18/04/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 3 - Led Zeppelin, seconda parte
26/03/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 2 - Led Zeppelin, prima parte
16/02/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 1 - Jimi Hendrix
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]