Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Legends of Rock 26, Gentle Giant
Clicca per ingrandire
Simon Dupree and the Big Sound
Clicca per ingrandire
La cover del singolo 'Kites'
Clicca per ingrandire
Il 45 giri di 'Kites'
Clicca per ingrandire
Without Reservations
Clicca per ingrandire
Gentle Giant
Clicca per ingrandire
Acquiring the Taste
Clicca per ingrandire
Three Friends
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

26/11/17
MESS EXCESS + AENIGMA
RIFF CLUB - PRATO

27/11/17
MASTODON
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

LEGENDS OF ROCK - # 26 - Gentle Giant, prima parte
24/07/2013 (4396 letture)
I Gentle Giant rappresentano una delle migliori espressioni del rock progressivo britannico degli anni settanta avendo sviluppato una ricerca sonora complessa ed in minima parte associabile a quella dei conterranei King Crimson e Yes. La loro musica miscela in un mirabile caleidoscopio sonoro rock, jazz, psichedelia, atmosfere medioevali, folk celtico, classica e melodia; un crossover originale e di grande impatto. Da evidenziare il taglio culturale delle liriche considerati, ad esempio, i riferimenti letterari a Rabelais, Camus, Byron e Shakespeare.

La band si formò nel 1970 attorno ai fratelli Derek, Phil e Ray Shulman, originari di Glasgow e cresciuti a Portsmouth. Il padre era un trombettista jazz che li influenzò ad abbracciare la passione per la musica. L’abitazione dove vivevano era letteralmente invasa da strumenti di ogni sorta che impararono a suonare con bravura. Entrarono presto negli Howling Wolves, una formazione dedita al rhythm’n’blues. Successivamente il nome verrà modificato in The Road Runners e, infine, nel 1966 in Simon Dupree And The Big Sound sotto l’egida del produttore John King. La line up era così composta: Simon Dupree (altri non è che Derek Shulman) alla voce, Phil Shulman ai fiati, Ray Shulman alla chitarra, Eric Hine alle tastiere, Pete O’Flaherty al basso e Tony Ransley alla batteria. Il gruppo sottoscrisse un contratto discografico con la Parlophone Records e pubblicò alcuni singoli tra cui Kites/Like The Sun Like The Fire (1967) che raggiunse la nona posizione nelle charts britanniche e l’enigmatico As ‘The Moles’ (lato A: We Are The Moles, Part 1/lato B: We Are the Moles, Part 2), pubblicato nel 1968 stranamente sotto falso nome. L’unico album prodotto fu Without Reservation del 1969 registrato negli studi di Abbey Roads. Una curiosità che merita di essere menzionata riguarda la sostituzione per un breve periodo di tempo nel 1968 di Eric Hine con Reginald Dwight che in seguito diventerà famoso come Elton John. Il drummer Tony Ransley l’anno seguente abbandonò il progetto e al suo posto fu reclutato Martin Smith che ritroveremo nel prosieguo della nostra storia. Il genere proposto dai Simon Dupree And The Big Sound era piuttosto confuso ed abbracciava beat, psichedelia, soul, gospel e rhythm’n’blues.
Gli Shulman non erano assolutamente soddisfatti dei risultati ottenuti e decisero così di fondare un’altra formazione che si ispirasse alla nuova direttrice disegnata dall’avveniristico In The Court Of The Crimson King dei King Crimson, il disco che nel 1969 cambiò il modo di interpretare il rock. Nel marzo del 1970 nacquero ufficialmente i Gentle Giant. Il monicker fu un’idea dell’amico e produttore Gerry Bron nell’intendimento di esaltare la fusione di due diverse tipologie di musica: da una lato quella potente ed elettrica e dall’altro quella più melodica e acustica. La formazione all’epoca della registrazione dell’omonimo debut album, avvenuta nel successivo mese di agosto ai Trident Studios di Londra, era la seguente (notate la pletora di strumenti utilizzati per la stesura del disco!): Gary Green (chitarra/cori), Kerry Minnear (pianoforte/organo/mellotron/basso/sintetizzatore/vibrafono/marimba/violoncello/percussioni/voce solista/cori), Derek Shulman (voce solista/cori/basso), Phil Shulman (sax alto e tenore/tromba/flauto dritto/voce solista/cori), Ray Shulman (basso/violino/chitarra/percussioni/cori) e Martin Smith (batteria/percussioni). L’opera, prodotta da Tony Visconti e pubblicata dalla casa discografica Vertigo il 27 novembre 1970, viene considerata una delle migliori nell’ambito del rock progressivo anglosassone. La sua durata complessiva è soli 36 minuti e 53 secondi, peculiarità che verrà conservata per tutta la carriera in contrasto con la megalomania posta in essere da altri complessi progressive. La famosissima cover fu disegnata da George Underwood e ritrae un gigante buono che nelle sue mani accoglie i sei membri della band. Gentle Giant dispone di un intreccio musicale superbo e raffinato. Notevole l’uso dei cori elemento distintivo dei Gentle Giant. Il full length non fu, però, apprezzato in madrepatria e la rivista specializzata Melody Maker lo definì severamente pretenzioso e stucchevole. Le composizioni hanno una struttura versatile e sono tra le più conosciute; spiccano la dinamica opener Giant -caratterizzata da una convincente parte strumentale centrale-, la ballata barocca Funny Ways -un must eseguito spesso nelle esibizioni live-, l’incantevole mini suite divisa in tre parti Nothing At All e la conclusiva The Queen -una personale rivisitazione dell’inno nazionale inglese. Nel 1971 il gruppo tenne alcuni concerti in Europa ed in Italia si esibirono la prima volta a Novara. Nello stesso anno sfornarono il secondo platter Acquiring The Taste registrato nei londinesi Advision Studios & A.I.R. Studios. Si tratta di un lavoro più sperimentale e scevro di qualsivoglia contaminazione commerciale, teso all’ambizioso obiettivo di oltrepassare le convenzionali barriere della musica rock. Lo scopo, peraltro, è esplicitamente dichiarato nelle note interne:

Il nostro obiettivo è di espandere le frontiere della popular music, a rischio di diventare molto impopolari. Abbiamo registrato ogni composizione con un solo pensiero: che sia unica, avventurosa ed affascinante.

In un certo qual modo si può affermare che quanto proposto in Gentle Giant viene reiterato in una visione più vasta, più dispersiva e pretenziosa; un’articolata alchimia di suoni, una vera e propria ginnastica per la mente! Tra i brani meritano una citazione quelli più lunghi: Pantagruel's Nativity che dispone di un’architettura fluida con in evidenza l’inconfondibile Moog e la chitarra elettrica (le liriche sono attinenti al contenuto del romanzo sulle vicende di due giganti Gargantua e Pantagruele di François Rabelais) e Plain Truth, che invece, ha un andamento più orientato al rock ed è contraddistinta da un superbo basso, il violino di Ray Shulman e la chitarra di Gary Green. Piccola chicca: nel pezzo estremamente elaborato Edge Of Twilight c’è un momento in cui vengono riprese le prime quattro note del già citato brano The Queen. L’ambigua cover sembra l’esaltazione di un cunnilingus, in realtà la lingua sta gustando un’albicocca e lo si scopre aprendo la gatefold sleeve. Il significato è metaforico: Phil Schulman ha, infatti, esplicitamente ammesso che Acquiring The Taste è dedicato all’assurda politica dell’industria musicale che bada ai proventi commerciali a scapito della qualità. La lingua della copertina, pertanto, appartiene a chi lecca il culo ai discografici accettando ogni sorta di compromesso per raggiungere il successo. Il 1972 sarà un anno fondamentale per la band grazie alla pubblicazione in regime di autoproduzione di due album brillanti tra gli apici dell’intera produzione dei Gentle Giant: Three Friends e Octopus. Il primo, con alle pelli la new entry Malcolm Mortimore, è un concept dedicato al tema dell’amicizia che, almeno in parte, tende ad allontanarsi dalle astrusità del predecessore in favore di una maggiore e più proficua immediatezza. Le vendite andarono decisamente bene anche per l’eccelso livello di canzoni come Peel The Paint, Mister Class and Quality? e la title track. Il secondo vede un ennesimo cambio alla batteria con l’innesto di John Weathers subentrato a seguito di un infortunio occorso a Mortimore. La cover europea disegnata da Roger Dean ritrae un enorme polpo, ma in realtà Octopus si riferisce alle otto opere musicali dell’album (dal latino octo opus). Il sound si distacca dalla pomposità sinfonica del passato abbracciando altri stili quali l’hard rock, sia pure velatamente, in The Advent of Panurge (traccia che riprende la tematica di Pantagruel's Nativity) e la musica antica in Raconteur Troubadour. Sugli scudi anche l’avvolgente ballata Think of Me With Kindness. Eccellenti le articolate linee vocali in Knots che si ispira all’omonima raccolta di poesie dello psicologo scozzese Ronald David Laing.

Il combo si è ormai affermato e lo dimostra il fatto che in quell’anno furono ingaggiati per aprire gli show dei Jethro Tull. Tra gennaio e febbraio suonarono in mezza Europa. Il 2 febbraio si esibirono a Bologna ed accadde l’inverosimile: finito il concerto furono acclamati dalla folla per un bis che fu esaudito. I fan, tuttavia, non erano contenti e volevano ancora la band sul palco per un nuovo bis. Troppo, davvero troppo per Ian Anderson che andò letteralmente su tutte le furie. Pretese, infatti, una modifica contrattuale che prevedeva l’impossibilità per i Gentle Giant di eseguire bis. Come si dice a Roma aveva rosicato de brutto! Quest’episodio è una testimonianza dell’enorme popolarità in Italia della band dei fratelli Shulmann: incredibile considerato il taglio artistico estremamente ricercato e colto della loro musica.



Le Marquis de Fremont
Giovedì 1 Agosto 2013, 12.39.25
22
Merci Monsieur Ayreon per l'ultimo post e sono assolutamente d'accordo con lei. I Gentle Giant vanno ascoltati con attenzione ad assimilati poco a poco. Forse sono meno emozionanti nel profondo dei Van Der Graaf Generator e la musica è in generale meno accattivante dei King Crimson. Ma hanno di pezzi di una bellezza minimale fatti da costruzioni complesse, piccole gemme incastonate tra di loro. Questa prima parte della discografia da avere assolutamente. Qualcuno ha detto Camel? Well, magari! Ma intanto tra Atra Vetosus e Summoning, ascoltiamo anche i Gentle Giant. A matter of Acquiring the Taste...
ayreon
Sabato 27 Luglio 2013, 18.48.04
21
dal doppio antologico "Edge of twilight" ecco le parole conclusive scritte nel booklet : If you are new to GG,welcome ! you've never heard anything else like them before.As you listen,be patient;the music can be acquired taste.Don't expect to master th music in a single listening and walk away snapping your fingers.It may take several listenings for the full power and the glory of GG reaches you.But it will be time well spent.C'è da agiungere altro? non credo
TheRamones-Fan
Sabato 27 Luglio 2013, 18.23.46
20
Figuriamoci, sono il primo a cui serve questo approfondimento sui Gentle Giant.
Hm is the law
Sabato 27 Luglio 2013, 8.13.27
19
Ok soffermiamoci sui Gentle Giant adesso che c'e' molto da dire e da scoprire specie per i piu' giovani
ayreon
Venerdì 26 Luglio 2013, 20.05.20
18
i camel faranno un tour prima di fine anno visto che Latimer si è ripreso dai malanni,peccato che non passino di qui
TheRamones-Fan
Venerdì 26 Luglio 2013, 18.11.02
17
Scusate il maiuscolo, ma un articolo su di loro sarebbe il massimo, anche perché sui Camel ci sono un'infinità di cose da scrivere, anche riguardo ai progetti di Bardens prima di entrare nel gruppo.
TheRamones-Fan
Venerdì 26 Luglio 2013, 18.00.54
16
CAMEL, ASSOULUTAMENTE!!!
hm is the law
Venerdì 26 Luglio 2013, 15.33.30
15
@ ayreon: sto ancora pensando alla prossima puntata del legends of rock mmmmhhhh Camel chissà
ayreon
Venerdì 26 Luglio 2013, 14.54.38
14
chiedo scusa per quello che ho scritto sul boss,ma davanti ad un articolo sui GG mi sono trovato (cosi' come per i VAndergraaf) piacevolente lusingato.I giant cosi' come i Camel li conoscono davvero in pochi,ed è un peccato,detto questo mi scuso ancora.
hm is the law
Venerdì 26 Luglio 2013, 9.08.28
13
Grazie a tutti in generale dei complimenti! @ Bloody Karma: non è uno gnomo è un gigante buono; @ Mitra65: hai centrato ewsattamente il problema, sono stato sottovalutati a fronte di una perizia tennica eccelsa; @ ayreon: grazie per l'intervento, ma la frecciatina su Springsteen te la potevi rispartmiare, oltretutto questo è il posto meno adatto se hai qualcoda da dirmi fallo sul report del'artista; @ Suilver: ti ha già risposto raven, metallari cha amano il prog ce ne sono a iosa fidati!
Andy '71 vecchio
Giovedì 25 Luglio 2013, 17.57.27
12
Uno dei gruppi più importanti ma snobbati da molti della storia del prog.......Immensi!Grazie Ayreon per la dritta!
ayreon
Giovedì 25 Luglio 2013, 17.07.31
11
a Veruno (borgomanero ) il 6 settembre Galahad, Soul secret, Mirrormaze e Neal Morse come headliner,7 settembre Haken,Elora flash,la coscienza di zeno e 3 friends (gentle giant )headliner. 8 settembre con Curved air,Moon sfari,Psycho praxis e Alan sorrenti da headliner.TUTTO GRATIS,diffondete ,dobbiamo essere in tanti
Raven
Giovedì 25 Luglio 2013, 11.45.50
10
Credo che tu conosca pochi veri metallari.
Silver
Giovedì 25 Luglio 2013, 11.33.58
9
che figata siete i primi metallari che vedo apprezzare questo grandioso gruppo, normalmente quando dico che sono il mio gruppo prog dei 70 preferito partono le prese per il culo.... Seguite il consiglio di Luigi e guardatevi il concerto sulla tele tedesca, ho rimandato indietro un po' di volte per convincermi che Minnear stesse suonando effettivamente quello che sentivo. Sottovalutati e snobbati dalla massa ma IMMENSI grazie 100000000 ad Ayreon per l'info! ci vediamo all' arena di Veruno
Steve
Mercoledì 24 Luglio 2013, 21.40.26
8
Grandissimo gruppo della serie quando la musica e' arte pura
Luigi
Mercoledì 24 Luglio 2013, 21.00.02
7
Consiglio a tutti di andare sul tubo e di cercare l'esibizione della band in una tv inglese se non sbaglio... una vera chicca!!
ayreon
Mercoledì 24 Luglio 2013, 17.26.04
6
e se non sbaglio nel vinile di "giant for a day " l cover è una maschera che se viene ritagliata te la indossi
Bloody Karma
Mercoledì 24 Luglio 2013, 16.27.29
5
stupendi e la copertina con la faccia dello gnomo è una delle mie preferite...
ayreon
Mercoledì 24 Luglio 2013, 14.24.19
4
dopo le sviolinate su springsteen,finalmente si parla di musica.Premesso che il primo sabato di settembre a Veruno (Borgomanero ) ci saranno gratis i Three friends (alcuni dei membri dei GG), i GG incarnarono al meglio la definizione di prog rock. Tutti grandi cantanti e polistrumentisti,canzoni articolate e complesse,multivocalità eccezionali,un patrimonio che fortunatamente negli anni 90 è stato ereditato da Echolyn e Spock's beard.Grazie per questa retrospettiva,i GG se la meritano tutta.Comunque su youtube ci sono dei bei live trasmessi dalla tv tedesca,anch'io ho il rammarico di non averli mai visti ,se non vado errato Derek Shulman come scopritore di talenti ha portato al successo gente come Dream theater e bonjovi
FromTheBeginning
Mercoledì 24 Luglio 2013, 14.16.48
3
Grandi musicisti,ottimi e raffinati interpreti,inimitabili perchè unici nella loro originalità. Ingiustamente e incomprensibilmente sottovalutati nell'ottica del panorama progressive,di cui,a mio parere,rappresentano la porzione più fantasiosa e intrigante. Bell'articolo appassionante,attendo la seconda parte. Grazie Fabio
precision88
Mercoledì 24 Luglio 2013, 10.45.01
2
Uno dei gruppi più forti della storia! La prima volta che vidi un loro video non ho toccato il basso per più di una settimana. La cosa strabiliante non è tanto la tecnica individuale, che già di per se è impressionante, ma la quantità di strumenti che suonavano e come cantavano tutti quanti... Il grosso rimpianto è non averli mai potuti vedere live
Mitra65
Mercoledì 24 Luglio 2013, 9.42.52
1
Li considero uno dei gruppi più importanti del rock progressivo, forse un po' sottovalutati. Bell'articolo.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Octopus
Clicca per ingrandire
Derek Schulman
Clicca per ingrandire
Gary Green
Clicca per ingrandire
Gentle Giant
Clicca per ingrandire
Gentle Giant
Clicca per ingrandire
Gentle Giant in action
Clicca per ingrandire
Dal vivo
Clicca per ingrandire
Ray Schulman al violino
ARTICOLI
04/09/2017
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 41 - David Bowie, Parte terza
12/06/2017
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 40 - David Bowie, parte seconda
07/03/2017
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 39 - David Bowie, parte prima
12/07/2016
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 38 - Atomic Rooster
14/06/2016
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 37 - High Tide
19/02/2015
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 36 - Scorpions, parte seconda
10/02/2015
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 35 - Scorpions, parte prima
11/11/2014
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 34 - Black Widow
16/08/2014
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 33 - Dick Wagner
28/04/2014
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 32 - Lou Reed, prima parte
20/10/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 31 - Il Rovescio della Medaglia
02/10/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 30 - Queen, terza parte
27/09/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 29 - Queen, seconda parte
23/09/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 28 - Queen, prima parte
12/08/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 27 - Gentle Giant, seconda parte
24/07/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 26 - Gentle Giant, prima parte
21/06/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 25 - Van Der Graaf Generator, seconda parte
06/06/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 24 - Van Der Graaf Generator, prima parte
13/03/2013
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 23 - Thin Lizzy
30/07/2012
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 22 - Rory Gallagher
28/06/2012
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 21 - Tommy Bolin
19/09/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 20 - Pink Floyd, seconda parte
17/09/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 19 - Pink Floyd, prima parte
23/08/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 18 - Ramones, seconda parte
01/08/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 17 - Ramones, prima parte
12/06/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 16 - Yes, seconda parte
23/05/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 15 - Yes, prima parte
05/04/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 14 - Genesis, seconda parte
28/03/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 13 - Genesis, prima parte
14/02/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 12 - Deep Purple, seconda parte
04/02/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 11 - Deep Purple, prima parte
21/01/2011
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 10 - Syd Barrett
15/11/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 9 - Jethro Tull, seconda parte
02/11/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 8 - Jethro Tull, prima parte
15/10/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 7 - Frank Zappa, seconda parte
06/10/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 6 - Frank Zappa, prima parte
28/05/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 5 - Black Sabbath, seconda parte
22/05/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 4 - Black Sabbath, prima parte
18/04/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 3 - Led Zeppelin, seconda parte
26/03/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 2 - Led Zeppelin, prima parte
16/02/2010
Articolo
LEGENDS OF ROCK
# 1 - Jimi Hendrix
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]