Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/10/18
SACRAL RAGE
Beyond Celestial Echoes

19/10/18
ARCTURUS
Sideshow Symphonies

19/10/18
NORTHWARD
Northward

19/10/18
SOULFLY
Ritual

19/10/18
HATESPHERE
Reduced To Flesh

19/10/18
SILENT BULLET THEORY
Divine Ways of Chaos

19/10/18
WHITE WIDDOW
Victory

19/10/18
VALDUR
Goat Of Iniquity

19/10/18
SALIVA
10 Lives

19/10/18
LANDMVRKS
Fantasy

CONCERTI

17/10/18
TARJA + STRATOVARIUS
ALCATRAZ - MILANO

17/10/18
LUCIFER
VINILE - BASSANO DEL GRAPPA (VI)

17/10/18
CARNIVAL OF FLESH + RABID + DANNATI
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

18/10/18
CALIGULA`S HORSE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
TAAKE + BÖLZER + SLEGEST
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

19/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

19/10/18
INJURY + VEXOVOID + BROWBEAT
LA TENDA - MODENA

19/10/18
CARCHARODON + KURT RUSSHELL + GREENPHETAMINE
L'ANGELO AZZURRO CLUB - GENOVA

19/10/18
CRYING STEEL + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

SINE QUA NON - # 4 - 'Rock Until You Drop' e 'Black Metal'
26/07/2013 (5094 letture)
Quarta puntata di Sine Qua Non, la rubrica dedicata alla riscoperta non tanto dei dischi trattati, dei quali abbiamo già le normali recensioni inserite nel nostro data base, ma piuttosto dei motivi che li hanno resi così importanti per la storia del metal. Perché il tempo passa, i gusti cambiano ed altrettanto le mode che influenzano il modo di intendere la musica, edulcorando così l'impatto sul pubblico contemporaneo dei dischi più vecchi. Tutto questo però, non deve indurre alla loro sottovalutazione per questioni di suono o di non perfetta conoscenza degli snodi musicali che hanno condotto ai nostri giorni. Il far sì che ciò non accada è proprio la "mission" di questa serie di articoli, ed al fine di continuare sulla nostra strada, anche stavolta vi (ri)proponiamo due autentiche pietre miliari talvolta colpevolmente sottovalutate.

RAVEN: ROCK UNTIL YOU DROP
Come sempre, le parole fondamentali per giungere ad una valutazione corretta di una certa opera, ma soprattutto per comprendere come e quanto la stessa si vada ad incastrare nel flusso storico di un certo periodo mutandone per sempre lo scorrere, sono sempre le stesse: contestualizzazione e storicizzazione. E' solo contestualizzando un disco (ma il discorso è in linea di principio valido per un libro, un quadro, un film od una qualsiasi altra forma d'arte, se effettivamente importante) e storicizzandolo dopo il trascorrere di un periodo congruo dalla sua apparsa sulla scena, che si può comprenderne l'importanza al di là di quanto fatto "in diretta", dato che è impossibile valutare il tutto senza il giusto distacco, condizione che solo il tempo può offrire.
Nel caso di Rock Until You Drop, il suo irrompere letteralmente sul mercato in un anno come il 1981, denso di fermenti nuovi, germi innovativi e pulsioni irrefrenabili condensati nella sigla N.W.O.B.H.M., fu assolutamente fondamentale per posare il primo mattone di un genere che di lì a poco sarebbe stato codificato e strutturato da altri, per poi muovere alla conquista del mondo: il thrash. Questo al di là delle loro intenzioni, delle loro velleità e di quanto effettivamente il thrash stesso se ne sia reso conto ed abbia o non abbia tenuto in considerazione i Raven. Perché se andiamo ad analizzare il contenuto di questo disco, ci accorgiamo che questi microsolchi trasudano letteralmente di quella furia primigenia, muscolare, alcolica, ingenua, infantile, di quegli improvvisi stop'n'go e di quelle aperture melodiche, unite ad un cantato sporco, folle, luciferino che una volta incanalato, governato e sviluppato avrebbe portato al thrash vero e proprio. Certo, scordatevi le chitarre taglienti dei primi Metallica, ma la descrizione delle qualità di Rock Until You Drop non è forse sovrapponibile a quella del loro esordio? "Athletic Rock"; sudore, dedizione, velocità, odore di birra rovesciata sul pavimento, pazzia, sfrontatezza, voglia di spaccare tutto, sentirsi vivi per tutto questo ed aver voglia di rifarlo mentre il mal di testa della sbornia non è ancora passato del tutto, questo è Rock Until You Drop. Lo è adesso e lo era mille volte di più nel 1981, quando nessuno lo aveva mai fatto così prima di loro. Ed anche se magari è solo perchè dopo trentadue anni possiamo voltarci indietro e valutare tutto questo col giusto distacco, mentre probabilmente la stragrandissima maggioranza dei gruppi thrash si rifaceva ad altri modelli, spessissimo più vecchi, questo non gli sottrae nulla in termini di importanza per la storia del rock.

VENOM: BLACK METAL
Nel caso di Black Metal invece, è necessario risalire ancora più indietro rispetto all'anno di uscita, almeno al periodo 77/78. In quel biennio il mondo del rock aveva subito una delle trasformazioni più radicali della storia della musica, con l'azzeramento quasi totale dei voli pindarici e delle raffinate architetture del progressive che sembrava esalare i suoi ultimi respiri (salvo cadere invece in una catalessi dalla quale si sarebbe poi risvegliato), ucciso dallo sfregio permanente del punk da un lato e da una voglia di disimpegno assoluto dopo le spasmodiche tensioni degli anni precedenti dall'altro. Da quel tentato omicidio musicale, anch'egli apparentemente destinato a morire in culla, sarebbero nate due conseguenze: lo spianare il terreno per la trionfale cavalcata dei figli degeneri dell'hard rock, rivitalizzatisi nel gioioso imporsi della N.W.O.B.H.M. e il lasciare ai margini del campo di battaglia degli orfani dei suoni più brutali dell'hardcore/punk, legati a Discharge, GBH e compagnia. Black Metal si pose immediatamente come disco in grado di riempire quello spazio, creando un trait d'union tra due mondi affini, ma separati dagli eventi, che si guardavano stupidamente un po' in cagnesco, con i fans del metal dei primi anni '80 che osservavano un po' schifati quei rozzi musicanti hardcore privi di tecnica e capacità (e voglia) di armonizzare le chitarre da un lato, e questi ultimi che invece trovavano troppo melodici, sdolcinati, tamarri e soprattutto superficialmente privi di una certa attitudine "raw" (anche politica) i primi, per non parlare delle profonde divergenze estetiche, anche loro importanti all'epoca. Il punto d'incontro tra queste due galassie musicali apparentemente destinate al conflitto perenne furono i Venom, il disco del compattamento Black Metal. Da lì in poi nulla poteva essere più uguale, l'estremo nel metal aveva ora un ariete, una testa di ponte, preparandosi così ad attraversare i neri cancelli di Mordor della musica per dare il via ad una invasione che avrebbe prodotto innumerevoli feudi di creativa brutalità. Da questo punto zero sarebbero poi fiorite numerose specie di sudici fiori musicali che ancora oggi producono frutti che siamo abituati a considerare consueti, ma che senza quell'oscuro genitore, non sarebbero mai nati o lo avrebbero fatto dopo, inevitabilmente diversi.

UN FIUME DI MUSICA
A distanza di pochi mesi l'uno dall'altro e -non dimentichiamolo- a distanza di pochi metri l'uno dall'altro, visto che la provenienza geografica delle due band è la stessa, Raven e Venom produssero due dischi diversissimi, ma altrettanto importanti. Opere furenti, magmatiche, ribollenti di una gioiosa rabbia schizoide il primo, di oltraggioso e maligna blasfemia il secondo, che rimescolarono le carte in un modo che solo in seguito sarebbe stato compiutamente valutato. Oggi siamo abituati alla normalità dell'estremo (una contraddizione in termini, se volete), ma niente succede per caso e nulla si crea dal nulla. Basta osservare, risalire, rintracciare, interpretare, per accorgersi che tutto fluisce come un fiume che talvolta scorre placidamente, talaltra imbocca un tratto di pericolosissime rapide spumeggianti che una volta superate, presentano un corso d'acqua apparentemente nuovo, ma che sgorga sempre dalla stessa sorgente.



Sambalzalzal
Sabato 27 Luglio 2013, 12.23.52
9
Grandi bands, grandi albums, c'è poco da dire, quegli anni furono fucina veramente della storia con la S titanica davanti! Bellissima chiusura dell'articolo... spero che tanti giovani possano risalire piano piano a quella sorgente che tanto ha dato per meglio capire le origini di ciò che ascoltano oggi!
Andy '71 vecchio
Sabato 27 Luglio 2013, 8.42.24
8
Due band spettacolari e basilari!Ai Venom andò molto meglio come riconoscimenti ecc.,i Raven son sempre rimasti una band culto,ma che dischi e che live!Fantastici!
blackie
Venerdì 26 Luglio 2013, 23.33.32
7
ho capito ti ringrazio per le info.io li seguo da tanto tempo e fino al live inferno erano micidiali.non hanno mai raggiunto il successo sperato quindi,peccato perche ameno nel primo periodo se lo sarebbero meritato, sono una grande band.i venom sicuramente hanno avuto piu impatto anche visivo oltre ad inventare un genere ce da dire che nonostante la poca tecnica sono stati dei geni!comunque che tempi...
Raven
Venerdì 26 Luglio 2013, 22.30.40
6
Si, intendevo i Raven. Certamente il successo commerciale arrise molto più ai Venom, mentre i primi restarono più un fenomeno di nicchia, per quanto all'epoca ci fossero meno barriere mentali. Il mio nick -che mi porto appresso da allora- è proprio un omaggio ad una band outsider che rimane ancora sottovalutata.
blackie
Venerdì 26 Luglio 2013, 22.25.49
5
per discretamente famosa intendi i raven dell epoca?non ho mai capito se ebbero successo commerciale (fino al 1985)oppure rimasero un cult band.da quando seguo il metal dal 1988 non ho mai sentito nominare i raven nel olimpo dei grandi anzi spesso dimenticati dai piu,al contrario i venom pur non arrivando piu alle vette dei primi album sono rimasti famosi fino ad oggi.
Raven
Venerdì 26 Luglio 2013, 22.14.50
4
Vale per tutto Jek, specialmente però per l'arte. interessante il paragone Darkness/Raven sulla vocalità. La band era discretamente famosa, ma non di primissimo piano.
jek
Venerdì 26 Luglio 2013, 21.17.33
3
Ottima accoppiata Raven (il nostro Raven) due dischi stupendi, che, come ricordato, vanno "contestualizzati" nel tempo per capire la carica eversiva e innovativa. Ricordi sublimi....
ZAGOR
Venerdì 26 Luglio 2013, 16.04.05
2
complimenti per questo amarcord metallico,sono d'accordo con blackie aggiungendo che comunque le due chitarre come quelle di mantas e gallagher non erano cosi' male anzi! poi ultimamente ho riascoltato il primo dei the darkness e la voce del singer hawkins mi ricorda troppo la 'cornacchia' gallagher dei raven e ...come e' piccolo il mondo!a voi lascio giudicare
blackie
Venerdì 26 Luglio 2013, 2.08.08
1
che bello questo articolo complimenti.i 2 vinili in questione sono veri masterpiece i venom fecero storia con un album fantastico nel suo genere,i raven un piccolo gioiello che non ha tempo,quello che non ho mai capito come mai i raven non hanno goduto di tanta considerazione (come i venom ad esempio)all epoca non so quanto erano famosi ma comunque sono un gruppo troppo sottovalutato!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Sine Qua Non # 4
ARTICOLI
07/10/2018
Articolo
SINE QUA NON
# 27 - 'Draconian Times' e 'Down'
12/06/2018
Articolo
SINE QUA NON
# 26 - 'Horrified' e 'Scum'
18/03/2018
Articolo
SINE QUA NON
# 25 - 'In the Court of the Crimson King' e 'Gentle Giant'
30/01/2018
Articolo
SINE QUA NON
# 24 - 'Epicus Doomicus Metallicus' e 'Born Too Late'
12/11/2017
Articolo
SINE QUA NON
# 23 - 'British Steel' e 'Ace of Spades'
24/07/2017
Articolo
SINE QUA NON
# 22 - 'Selling England By the Pound' e 'Misplaced Childhood'
08/05/2017
Articolo
SINE QUA NON
# 21 - 'La Masquerade Infernale' e 'Themes From William Blake's the Marriage of Heaven and Hell'
16/04/2017
Articolo
SINE QUA NON
# 20 - ’Left Hand Path’ e ’Under a Funeral Moon’
21/01/2017
Articolo
SINE QUA NON
# 19 - 'The Gallery' e 'The Jester Race'
05/12/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 18 - 'Vincebus Eruptum' e 'Lucifer's Friend'
10/09/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 17 - ‘Angel Witch’ e ‘Iron Maiden’
24/07/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 16 - ’Sacrifice’ e ’Kingdom Come’
28/06/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 15 - 'Altars of Madness' e 'Left Hand Path'
24/05/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 14 - ‘Black Sabbath’ e ‘Sea Shanties’
06/04/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 13 - 'Morbid Tales' e 'Sign of the Hammer'
03/01/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 12 - 'On Stage' e 'Rock City'
18/09/2015
Articolo
SINE QUA NON
# 11 - 'Melissa' e 'Deliver Us'
18/08/2015
Articolo
SINE QUA NON
# 10 - 'Io Sono Nato Libero' e 'Zarathustra'
16/07/2015
Articolo
SINE QUA NON
# 9 - 'Seven Churches' e 'Reign in Blood'
19/06/2015
Articolo
SINE QUA NON
# 8 - 'Time Does Not Heal' e 'Arise'
05/05/2015
Articolo
SINE QUA NON
# 7 - 'Apocalyptic Raids' e 'Bathory'
10/10/2014
Articolo
SINE QUA NON
# 6 - ‘Restless and Wild’ e ‘Heavy Metal Maniac'
26/04/2014
Articolo
SINE QUA NON
# 5 - 'Van Halen' e 'Disillusion'
26/07/2013
Articolo
SINE QUA NON
# 4 - 'Rock Until You Drop' e 'Black Metal'
16/03/2013
Articolo
SINE QUA NON
# 3 - 'Holy Diver' e 'Operation:Mindcrime'
03/09/2012
Articolo
SINE QUA NON
# 2 - 'Kill 'em All' e 'Powerslave'
21/08/2012
Articolo
SINE QUA NON
# 1 - 'The Number Of The Beast' e 'Master Of Puppets'
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]