Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Cryptic Writings, River of Deceit
Clicca per ingrandire
La cover originale del singolo
Clicca per ingrandire
Artwork alternativo del singolo
Clicca per ingrandire
La copertina di 'Above'
Clicca per ingrandire
Layne Staley
Clicca per ingrandire
Layne Staley
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

CRYPTIC WRITINGS - # 31 - River of Deceit - Mad Season
24/09/2013 (3385 letture)
SELF DESTRUCTION BLUES
Quando il corpo di Layne Thomas Staley venne ritrovato riverso sul pavimento della propria abitazione, il 19 aprile 2002, erano passate due settimane dalla sua morte. Due settimane nelle quali nessuno aveva avuto sue notizie e nessuno le aveva cercate. D’altra parte, ormai da anni il cantante si era rinchiuso in un mondo di solitudine e abbandono totale e aveva allontanato tutti, a cominciare dalla propria famiglia. Per tutti era diventata ormai un’abitudine non ricevere sue notizie per giorni, settimane o addirittura mesi. In effetti, il campanello d’allarme fu lanciato proprio dalla banca di Staley, che chiamò la madre, Nancy McCallum, per avvisarla che a differenza del solito nessuno ritirava soldi dal conto corrente del figlio da oltre una settimana. La burocrazia veglia su di noi, fredda e implacabile. Il punto è che con Staley ormai da anni il dubbio non era il come o il perché, ma solo il quando. A dire il vero, per il cantante di un gruppo che aveva esordito con un singolo dal titolo We Die Young, la cui storia personale era ben nota a tutti, quel 19 aprile sembrò arrivare paradossalmente quasi fuori tempo, quando Seattle era tornata al suo status di metropoli di secondaria importanza negli States. Tutti sapevano quello che stava accadendo e tutti sapevano che quel momento stava solo tardando. La discesa all’inferno era iniziata anche prima della formazione degli Alice in Chains e affonda le sue radici nell’infanzia del cantante, quando la madre divorziò dal padre e andò a vivere con quello che sarebbe diventato il suo patrigno, del quale per un po' Layne portò anche il nome. Queste le sue dichiarazioni a proposito, rilasciate un anno prima della morte, nel 2001,

Il mio mondo divenne un incubo, attorno a me c’erano soltanto ombre. Ricevetti una chiamata che mi avvisava che mio padre era morto, ma la mia famiglia aveva sempre saputo che lui era da qualche parte facendosi qualunque tipo di droga. Fino a quella chiamata, mi ero sempre chiesto “dov’è mio padre?” Mi sentivo molto triste per lui e mi mancava. E’ uscito dalla mia vita per 15 anni.

Certo la situazione familiare ebbe la sua rilevanza in quella che sarebbe stata la vita di Layne e il fatto di sapere che il padre era un drogato sicuramente ebbe un peso anche nelle scelte di vita compiute, anche per quello che riguarda la musica: l’idea che se un giorno fosse diventato famoso, il padre sarebbe tornato da lui a cercarlo, divenne fortissima nella mente del giovane.
Ma non si può pensare e non sarebbe neanche giusto farlo, che un individuo diventato adulto continui a rinfacciare alle proprie disgraziate esperienze d’infanzia tutte le proprie difficoltà e i propri fallimenti. La verità è che prima o poi con questi fantasmi occorre fare i conti e superarli per condurre una vita libera e indipendente; dovrebbe essere un passaggio all’età adulta che tutti siamo tenuti a compiere. Non si può prescindere dal prendere atto che le nostre scelte sono sì influenzate da quello che abbiamo vissuto, ma in ultima istanza, nostra è la responsabilità di determinare cosa sarà di noi. Di fatto, la scelta di Layne Staley fu quella di seguire l’onda dell’autodistruzione. Una onda che divenne inarrestabile quando l’amata ex-compagna Demri Lara Parrott, morì nell’ottobre del 1996. In quello stesso anno, Staley dichiarò a Rolling Stone:

Le droghe hanno funzionato con me per anni, ora mi si sono ritorte contro. Adesso sto camminando attraverso l’inferno.

Di fatto, da quella data il cantante interruppe i contatti con il mondo esterno, rinchiudendosi sempre di più e dando pochissimi segni della propria esistenza, tanto nella vita degli Alice in Chains, che di fatto furono costretti ad interrompere ogni attività (ma già dal 1994, salvo rare eccezioni, praticamente l’attività live era stata sospesa), quanto nella propria carriera, che si limitò a qualche apparizione su disco e rarissime interviste o uscite pubbliche. Si può quindi dire che se già nel passaggio tra 1994 e 1995 le condizioni fisiche del cantante fossero gravi e preoccupanti, a partire dal 1996 anche lo spirito e l’anima di Staley si arresero definitivamente e le ultime terribili interviste rilasciate nel corso del 2001 (tremenda l’ultima, pubblicata il 20 dicembre di quell’anno, nella quale il cantante rivela i danni prodotti dall’abuso di droga al proprio corpo) non erano che lugubri annunci dell’imminente decesso.
Ci si può chiedere perché amici e parenti, che pure avevano da anni prove evidenti dell’autodistruzione in corso, non abbiano fatto niente per fermare questo processo, ma la verità risiede probabilmente nelle parole di Sean Kinney, batterista degli Alice in Chains:

Ho continuato a tentare di restare in contatto con lui. Tre volte a settimana, come un orologio, lo chiamavo, ma lui non ha mai risposto. Ogni volta che passavo da quelle parti, mi fermavo davanti al suo palazzo urlando per chiamarlo. Anche se fossi entrato nel palazzo, non avrebbe aperto la porta. Avresti potuto telefonare e lui non ti avrebbe risposto. Non potevi semplicemente buttare giù a calci la porta e portarlo via di lì, anche se ho pensato in continuazione di farlo. Ma se qualcuno non vuole aiutare se stesso, cosa, realmente, chiunque altro può fare?

Staley semplicemente non voleva essere aiutato, perfino in extremis. L’ultima persona ad averlo visto in vita fu Mike Starr, ex bassista degli Alice in Chains, che passò a trovarlo per il proprio compleanno, il 4 aprile, ovverosia il giorno precedente la morte del cantante. Le condizioni di Staley erano così preoccupanti che l’amico non voleva lasciarlo in quello stato e insistette fino all’ultimo perché il cantante gli permettesse di chiamare il 911, inutilmente. Tanto che alla fine Starr arrabbiato e preoccupato se ne andò sbattendo la porta, ricevendo poco dopo una telefonata da Staley che lo pregava di non lasciarsi così. Ma la reazione rabbiosa di Layne non lasciava adito a dubbi: se soltanto il bassista avesse provato a toccare il telefono, la loro amicizia sarebbe finita per sempre. Starr seguirà dopo qualche anno l’amico, l’8 marzo 2011 anche lui per overdose, pieno di rimorsi e sensi di colpa per non aver fatto quella telefonata.

RIVER OF DECEIT
Cosa rende un artista diverso da altre persone, che ne condividono il dolore e l’incapacità di far fronte ad esso? L’espressione artistica che nasce e si nutre di quella sofferenza, banalmente. Layne Staley non ha mai fatto mistero del proprio abuso di droga, né della sofferenza che portava dentro, anzi. Se nel primo album degli Alice in Chains (Facelift, 1990), le parole utilizzate da lui e dalla band suonavano come arroganti e decise a buttare in faccia ai benpensanti la condizione della dipendenza, quasi come a voler scandalizzare a tutti i costi chi ascoltava, già col successivo Dirt (1992), la prospettiva si faceva più profonda e drammatica. La tossicodipendenza non era più solo vissuta e divulgata come un atto di ribellione nei confronti della società, ma cominciava a diventare una cosa dannatamente seria e oscura, senza ritorno. C’era ancora spazio per l’autodeterminazione e quasi per l’orgoglio del drogato (Junkhead), ma le ombre cominciavano a calare pesantemente nella vita di Staley, il quale più passava il tempo e più guadagnava spazio proprio nella stesura dei testi della band. Tanto che nei successivi Jar of Flies (EP acustico del 1994) e soprattutto in Alice in Chains (1995, conosciuto anche come Tripod) è lui l’autore principale delle liriche; mai come nell’ultimo album la disperazione e la consapevolezza del proprio degrado fisico e spirituale sono evidenti, coniugandosi in liriche decadenti, paranoiche, quasi allucinate eppure terribilmente sincere e vere.
Alla fine del tour del 1994 di supporto a Jar of Flies, gli Alice in Chains conobbero un pesante momento di crisi. Lo stato di Layne era così evidentemente grave che la band si rese conto di non poter più effettuare lunghi tour e le difficoltà di rapportarsi al cantante divennero tali da rendere ingestibile la situazione per un gruppo che, non dimentichiamocelo, stava vendendo milioni di copie ed era al massimo del proprio successo. La volontà di non rompere con Staley sfociò in un anno di sostanziale stallo, che portò il cantante a ritrovarsi con alcuni amici per la realizzazione di un nuovo progetto. Della partita furono Mike McCready chitarra solista dei Pearl Jam, Barrett Martin batterista di Skin Yard e Screaming Trees ed il bassista John Baker Saunders. Fu proprio McCready ad invitare Staley ad unirsi al gruppo, nella speranza che trovandosi in mezzo a musicisti “sobri” e coinvolto in un progetto concreto, il cantante avrebbe scelto di ripulirsi e tornare anche solo momentaneamente alla realtà. La musica fu composta in una settimana e la registrazione procedette altrettanto velocemente, con Staley che diede il proprio contributo in maniera fondamentale, riuscendo peraltro a completare le parti vocali con grande rapidità. Pochi show di preparazione vennero tenuti e infine il progetto Mad Season vide la luce, con la pubblicazione dell’album Above il 14 marzo del 1995. Nelle registrazioni furono coinvolti anche Brett Eliason, ingegnere del suono dei Pearl Jam, Ann Wilson cantante delle Heart e Mark Lanegan degli Screaming Trees, che divise le parti vocali di un paio di brani con Staley. Il disco ebbe un grande successo e per molti fu un vero piacere sentire e godere dell’interpretazione sofferta eppure così umana e viva di Staley e della band tutta, in un disco che per molti è uno degli ultimi veri capolavori di quella scena e di quegli anni.
Il primo singolo estratto, fu proprio la qui presentata River of Deceit, una ballata struggente e indimenticabile, tipica dell’espressività “grunge”, che si regge quasi interamente sull’interpretazione della band e del cantante, capace di donare ad un brano tutto sommato semplice e ripetitivo, un alone unico e struggente, assolutamente irripetibile. Ascoltata anche a distanza di quasi venti anni, resta dolcissima e sospesa al di fuori del tempo, sarebbe potuta uscire quarant’anni fa come adesso e, dimenticandoci delle parole, tanto la musica quanto la melodia comunicano ancora dolcezza, malinconia e rassegnazione. Ma è nelle parole del cantante, che tutto il peso della consapevolezza di quanto stava avvenendo trova una sua precisa dimensione e dichiarazione ultima: il dolore è anche una scelta. Non si può sempre e soltanto scaricarsi la coscienza accusando qualcun altro o eventi al di sopra di noi: se ci rendiamo incapaci di affrontare i nostri limiti e le nostre sofferenze, ci condanniamo spontaneamente al dolore. Una scelta che, come era nello stile del cantante, diventa anche una rivendicazione, allontanando tanto nelle parole, quanto come abbiamo visto nei fatti, chiunque dal tentativo di intervenire e tentare di porre fine a tutto questo: ho scelto di soffrire, ho scelto di impormi questo dolore. Queste solo le prime parole e questa è anche la chiave di lettura dell’intero brano:

My pain is self-chosen
At least, so The Prophet says
I could either burn
Or cut off my pride and buy some time
A head full of lies is the weight, tied to my waist

The River of Deceit pulls down, oh oh
The only direction we flow is down
Down, oh down (x4)


Il mio dolore è autoinflitto
Almeno, questo è quello che dice il Profeta
Potrei anche bruciare
O tagliare via il mio orgoglio, comprando qualche giorno
Una testa piena di bugie è il peso, legato al mio bacino

Il fiume delle falsità spinge giù, oh oh
L’unica direzione in cui scorriamo è giù
Giù, oh, Giù


Parole più chiare non si potevano scegliere per descrivere la propria condizione: la scelta di arrendersi, di lasciarsi trascinare dal dolore, di credere alle bugie che ci raccontiamo giorno per giorno per accettare la vita che ci siamo imposti. Una scelta che ha un solo sbocco: giù, sempre più giù. Potremmo lottare, allungando di qualche giorno la nostra vita, o al contrario bruciare, per accelerare il decorso, ma siamo affezionati alla nostra sporcizia, alla nostra sofferenza ed è a quella che ci aggrappiamo e lei ci porta giù, sempre più giù

My pain is self-chosen
At least I believe it to be
I could either drown
Or pull off my skin and swim to shore
Now I can grow a beautiful shell for all to see

The River of Deceit pulls down, yeah
The only direction we flow is down
Down, oh down (x4)


Il mio dolore è autoinflitto
O almeno, è quello che io voglio credere
Potrei anche affogare
O spogliarmi della mia pelle e nuotare verso la riva
Ora posso far crescere un bellissimo guscio da mostrare a tutti quanti

Il fiume delle falsità scorre giù, sì
L’unica direzione in cui scorriamo è giù
Giù, oh Giù


Il dolore è una scelta, o almeno, vogliamo credere che lo sia, vogliamo pensare nonostante tutto che siamo noi a determinare questa condizione. Perché potremmo semplicemente affogare o, al contrario, prendere una decisione diversa e cambiare le nostre abitudini e la nostra vita (“toglierci la pelle”, come fosse un travestimento, un vestito) e salvare la nostra esistenza (“nuotare verso la riva”) e invece scegliamo di rimanere dove siamo, fingendo di costruirci attorno un guscio che ci protegga dagli sguardi di chi abbiamo intorno, che si fermerà ad osservare la bellissima conchiglia, ignorando cosa essa celi al proprio interno.

The pain is self-chosen, yeah
Our pain is self-chosen


Il dolore è autoinflitto, sì
Il nostro dolore è autoinflitto.



bob
Giovedì 23 Luglio 2015, 16.00.17
7
Layne Staley è stato e sarà per sempre il più grande artista dagli anni 90 in poi!.r.i.p
HeroOfSand_14
Mercoledì 9 Ottobre 2013, 15.07.51
6
"See my heart I decorate it like a grave" Vabbè non fa parte di questo album, ma il tono e la profondità del testo è simile. Onore a Layne, sempre.
VomitSelf [swan lee]
Martedì 1 Ottobre 2013, 20.31.18
5
cazzo Above...un album che dire che ho consumato è poco..
Arrraya
Mercoledì 25 Settembre 2013, 13.42.06
4
Album da Finestre socchiuse a far entrare le prime luci dell'alba dentro stanze fumose. Musica e testi S.V.
Absynthe
Mercoledì 25 Settembre 2013, 10.39.48
3
Album che, insieme a Temple Of The Dogs e Jar Of Flies, rappresenta la summa della pioggia di Seattle. Capolavori senza tempo. Qui, nello specifico: musica e lyrics che non lasciano spazio a manierismi o banalità; qui c'è solo tanta, triste e genuina, verità. Pochi sanno fare così, figuriamoci meglio!
UNO
Martedì 24 Settembre 2013, 18.23.17
2
Struggente, unica, superba, tristissima, assoluta. We miss you Layne.
Sorath
Martedì 24 Settembre 2013, 16.00.48
1
Che è stato questo album...va beh dai non fatemi pensare che ho troppi ricordi...
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Mad Season
Clicca per ingrandire
Mad Season
Clicca per ingrandire
Mad Season
Clicca per ingrandire
Layne Staley
Clicca per ingrandire
Layne Staley
Clicca per ingrandire
Layne Staley
ARTICOLI
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]