Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
LEAVES` EYES
The Last Viking

23/10/20
OLD MOTHER HELL
Lord of Demise

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
ANTHEA
Illusion

23/10/20
COEXISTENCE
Collateral Dimension

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

CONCERTI

20/10/20
STEF BURNS LEAGUE
BRAVO CAFFE' - BOLOGNA

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

CHILDREN OF BODOM - Rolling Stone, Milano, 02/01/2006
04/01/2005 (7395 letture)
Children Of Bodom, una delle più famose metal band finlandesi e, oggigiorno, anche una delle più richieste dopo il claudicante procedere della carriera degli Stratovarius, lo scioglimento dei Sentenced, l’altalenanza delle fortune degli Amorphis, la formula pur troppo collaudata degli HIM, e così via. Ma anche il 2 gennaio 2006, a differenza di tutti i loro illustri connazionali, i bambini di Bodom sono riusciti a riempire una grandissima sala da concerti, il Rolling Stone di Milano, e a far esaltare tutti i presenti.

Alexi Laiho è cambiato, questa è la cosa più lampante che ho potuto notare appena le luci soffuse sono cambiate dal blu notte al rosso, e i nostri cinque hanno fatto l’entrata in scena. Un ragazzone pieno di amore per la musica, sempre pronto a suonare i suoi pezzi davanti alla folla… eppure diverso. Maturato, forse. L’antico “wildchild” è mutato in qualcos'altro, un uomo che prende con meno spensieratezza la vita, e che non suona più solo per godimento personale. Si concede molto al pubblico, tocca le mani dei fan delle prime file tra un assolo e l’altro, sorride, sputa, fa battute, il tutto in un’aura di serietà celata benissimo dalla maschera rock and roll che si è creato nel corso degli anni, un mantello di esperienza che gli ha concesso di far perdurare la sua immagine attraverso i concerti e gli album e di costituire anche oggi una divertentissima icona del rock-metal.
Ma il piccolo Alexi non corre più come una volta, appare stanco, si atteggia in maniera più composta (a parte una memorabile rotazione della chitarra di 360 gradi in stile Malmsteen), sembra anche meno allenato con la sua sei corde… addirittura beve la birra a sorsetti! La sua stessa band è diversa, ed è qui che, a mio parere, deve essere individuato il problema. I Children sono cambiati anche “attorno” ad Alexi: non sono più i vecchi compagni di scuola e di bevute, e di esperienze comuni nella fredda patria, e delle prime esperienze live assieme. Non vorrei estremizzare il problema, ma secondo me con l’uscita di Kuoppala e l’inserimento di Latvala qualcosa è cambiato. E’ come se ora Alexi dedicasse più amore al pubblico, piuttosto che ai compagni sul palco. E’ come se i suoi musicisti ora gli fornissero più preparazione tecnica e meno intesa personale.

Detto questo, appare chiaro che il nuovo chitarrista ha una marcia in più e che forse, rispetto alla sua esperienza nei Sinergy, nei Children of Bodom è un musicista addirittura sottovalutato e sottoutilizzato, in proporzione alle sue potenzialità. Grande anche la prova del buon vecchio tastierista Warman, in forte contrasto con le pecche esecutive del batterista Raatikainen (le variazioni di bpm all’interno dei brani erano abbastanza scandalose). La tracklist ha dato molto più rilievo alle ultime uscite della band, in particolare a Hate Crew Deathroll (ed il sempreverde Follow The Reaper), mentre Hatebreeder e Something Wild sono sembrati quasi dei capitoli chiusi, nonostante l’importanza che hanno sempre ricoperto nella loro progressiva fortuna nel music business.
Un applauso va anche al Rolling Stone stesso: il suono era ottimo (superiore alle mie aspettative), lo staff pure (lo stage diving è una brutta gatta da pelare quando è intenso come in questo concerto), e il palco era preparato in maniera eccellente, con tre grandi lettere luminose in stile Lenny Kravitz: COB.

SETLIST CHILDREN OF BODOM
01 Living Dead Beat
02 Sixpounder
03 Silent Night, Bo dom Night
04 Hate Me!
05 We’re Not Gonna Fall
06 Angels Don’t Kill
07 Raatikainen solo
08 Bodom After Midnight + Bodom Beach Terror (medley) + Bodom After Midnight (reprise)
09 Follow The Reaper
10 Needled 24/7
11 Warman + Laiho solo
12 In Your Face
13 Hate Crew Deathroll
14 Are You Dead Yet?
15 Latvala solo

--- Encore ---

16 Lake Bodom
17 Everytime I Die
18 Downfall



Theo
Giovedì 13 Ottobre 2011, 21.33.48
1
Grandi COB, in live magnifici come sempre!!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Children Of Bodom
RECENSIONI
80
79
59
50
61
86
75
85
90
84
94
94
ARTICOLI
29/11/2015
Live Report
CHILDREN OF BODOM + SYLOSIS + HELL`S GUARDIAN
Alcatraz, Milano (MI) , 24/11/2015
12/11/2013
Live Report
CHILDREN OF BODOM + DECAPITATED + MEDEIA
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 08/11/2013
13/01/2006
Intervista
CHILDREN OF BODOM
Parla Janne
04/01/2005
Live Report
CHILDREN OF BODOM
Rolling Stone, Milano, 02/01/2006
18/11/2008
Live Report
SLIPKNOT + MACHINE HEAD + CHILDREN OF BODOM
Palasharp, Milano, 18/11/2008
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]