Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
Ness da ragazzino
Clicca per ingrandire
Mike Ness da giovane
Clicca per ingrandire
Mike Ness
Clicca per ingrandire
Ness in azione
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

26/11/17
MESS EXCESS + AENIGMA
RIFF CLUB - PRATO

27/11/17
MASTODON
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

CRYPTIC WRITINGS - # 34 - Lost Child - Social Distortion
20/02/2014 (2941 letture)
Punk vuol dire divertimento e ribellione, con conseguente trattamento di argomenti spinosi e tematiche delicate, legate al sociale e alle difficoltà quotidiane, soprattutto in riferimento agli ascoltatori più giovani. Punk è tuttavia un termine che va assai stretto ai Social Distortion, californiani di Orange County che avevano esordito nel 1983 con l'impertinente Mommy's Little Monster; già il secondo lavoro, Prison Bound, si dimostra completamente diverso, più melodico, riflessivo e malinconico, intriso di sfumature quasi da saloon, elementi r'n'r e lontani echi western, che valgono alla creatura di Mike Ness, mente, voce e chitarra, l'etichettatura di 'cowpunk'. Ma Prison Bound esce nel 1988, cinque anni dopo il debut: nel mezzo, l'abisso, vissuto in prima persona dal giovane Ness, piombato nell'incubo della tossicodipendenza e sballottato da un centro di riabilitazione all'altro. E' un Mike Ness diverso, quello che nel 1988 scrive Prison Bound: più maturo, smaliziato e sensibile a tematiche quanto mai profonde e attuali ancora oggi, figlie del disagio giovanile e di tanti problemi che si imbattono nell'irto percorso dell'adolescenza. Come nel caso di Lost Child, ultima canzone del disco e pezzo molto sottovalutato dalla critica, dai fan e dagli stessi Social Distortion, che raramente lo eseguono dal vivo.

Il brano è musicalmente semplice e lineare, poggia su un riffing diretto e relativamente aggressivo, ma anche molto malinconico, così come la lunga e tiepida sezione solista. Ness canta con tono pacato, quasi rilassato e con tono fortemente melodico, addirittura compassato se vogliamo, risultando però molto coinvolgente nelle linee vocali ed intenso nell'interpretazione. Quella cantata da Ness è la storia comune di tanti ragazzini ai quali la Società moderna non dà la giusta importanza, la giusta attenzione; ci si nasconde dietro valori e appigli morali come la famiglia e la religione, che però spesso non riescono più a soddisfare le esigenze delle nuove generazioni: il lavoro risucchia le energie dei genitori, la religione diventa quasi una maschera sotto la quale omologare i comportamenti senza dare il giusto spazio all'ego e agli impulsi che pulsano in ogni ragazzo. Ness vive questa realtà direttamente dal suo interno (nel 1988 ha 26 anni ma è ancora a stretto contatto con i giovanissimi, anche considerando l'età media molto bassa del suo pubblico) e racconta le tristi vicende di Johnny, abbandonato dal padre in un'infanzia tutt'altro che facile e costretto a vivere di espedienti che lo portano ad avere qualche grana con la giustizia:

Picked up by the police, only seventeen
What did he do, what did he say?
His father left him as a little boy
His mother turned tricks just to buy his toys


Preso dalla polizia, solo diciassettenne
Che cosa ha fatto, che cosa ha detto?
Suo padre lo lasciò quand'era ragazzino
Sua madre si prostituì solo per comprargli dei giocattoli


E' una storia sentita tante volte, quella dell'adolescente un po’ turbolento che, invece di trovare un equilibrio col tempo, degenera proprio perché non trova nessuno capace di accogliere i suoi tormenti: di fronte alle sue bravate non vede comprensione e aiuto ma soltanto un muro contro muro per nulla costruttivo, che esaspera i suoi problemi e ne amplia i contrasti interiori. Sempre più spesso, nella realtà, le famiglie si trovano nella situazione di dover ricorrere allo psicologo per districare i problemi dei propri pargoli: da un lato si tratta di una scelta lodevole (molto meglio aiutarsi con un professionista piuttosto che creare lacerazioni ulteriori con inutili consigli o rimedi superficiali), ma dall'altro denota proprio l'accentuarsi dell'assenza di dialogo tra figlio e genitore. Nessun ragazzino è cattivo o malvagio, ma è soltanto figlio della realtà che vive sulla propria pelle da bambino; la gente etichetta frivolmente i comportamenti 'insoliti' come atti deprecabili, senza andare a fondo e non accorgendosi che -per dirla con Ness- 'Johnny non era pazzo, era solamente un ragazzo arrabbiato' e quindi desideroso di sfogare la sua naturale forma di rifiuto verso un mondo difficile da accettare anche per gli adulti. Figurarsi per un ragazzino che ha appena scoperto quanto doloroso possa essere vedere mozzate le ali dei propri sogni.

72 hour evaluation
Immediate psychiatric help
But Johnny wasn't crazy
He was just an angry boy


72 ore di analisi
Immediato aiuto psichiatrico
Ma Johnny non era pazzo
Era solamente un ragazzo arrabbiato


Si susseguono i volti, si rincorrono le storie, ma la base è sempre quella, sentita e vista con i propri occhi tante volte: forse ognuno di noi potrebbe portare l'esempio di qualche vecchio amico o compagno di classe segnato talmente dal cinismo della gente da mutare pelle e carattere, fino a ridursi ad uno stato di insensibilità cronico, incapace di legarsi ancora a qualcuno dopo tante pugnalate alle spalle (da parte degli amici più intimi) o tradimenti amorosi. Purtroppo è cosa comune vedere delle aspettative crollare e capita che anche la persona più fidata possa compiere un errore, finendo per deludere e disorientare: a quel punto molti ragazzi decidono di rinunciare alla sofferenza e a legami troppo forti, onde evitare nuovi strappi, nuovi dolori futuri, trovando sfogo maggiore nelle cose materiali (alcol, stupefacenti o espedienti pericolosi) piuttosto che nel dialogo, nel confronto con un amico vero. Ed è, questo, un enorme problema della società moderna,a detta di chi scrive: l'incapacità negli adulti di creare rapporti di amicizia solidi e profondi come quelli dell'adolescenza. Si ha quasi paura ad aprire il proprio cuore e rivelare le proprie debolezze, le proprie paure: si vive in una costante mascherata nella quale ognuno recita un ruolo predefinito, reputando di fatto vergognoso e 'sbagliato' il manifestare il proprio vero 'io' alle persone più vicine. Forse proprio perché sono le altre persone ad essere talmente egoiste da non aver voglia di ascoltare il prossimo e creando dunque un insolvibile labirinto di porte chiuse e sigillate senza soluzione di continuità.

Years later, nothing much has changed
Liquor, drugs and gangs have made him a man
Living in the streets in a world of his own
He stops and watches his heart turn to stone


Un anno è passato, quasi nulla è cambiato
Liquori, droghe e gang hanno fatto di lui un uomo
Vivendo nelle strade in un mondo tutto suo
Si ferma e guarda il suo cuore diventare di pietra


La storia cantata da Mike Ness continua e vede Johnny diventare ormai adulto, una persone importante e che finalmente ha risolto parte dei suoi problemi, trovando -da quel che si può dedurre- soddisfazioni economiche e professionali. Ma questo basta a poter trovare la felicità? Evidentemente no, come potrebbero confermare tanti di noi. Anzi, entrare in una spirale di routine sistematica con poche reali conseguenze appaganti come il mondo del lavoro porta a nuovi dubbi interiori e domande sul senso del nostro passaggio sulla terra; Johnny aveva tutto, forse, eppure ancora lo etichettavano come pazzo. Ma non di pazzia si trattava, bensì di solitudine: quella sensazione desolante che incorre in noi quando ci accorgiamo di avere davvero poche, pochissime persone veramente 'vicine' e di poter ridurre tutte le altre al mero rango di 'conoscenti'. Quando si ha davvero bisogno di una mano, tutte le persone che ti circondavano fino alla sera prima -al pub, al concerto, per strada- sembrano sparire inesorabilmente, così come gli appigli e la speranza. E' quello che succede al nostro Johnny, e Ness lascia intuire che il ragazzo pensa addirittura al suicidio. Un'eventualità che non si sarebbe palesata, se nei tempi addietro Johnny(e con lui quelli come lui) avesse imparato ad 'aprire il proprio cuore', parlare dei propri problemi, dei propri sogni e delle proprie emozioni. Una colpa imputabile non soltanto ai ragazzini, come si diceva sopra, ma proprio alla società incapace di ascoltarli e al cinismo della gente, così cinica da chiudere le porte quando si tratta di dover, semplicemente, ascoltare il grido di aiuto di chi magari ha solo bisogno di un po’ di incoraggiamento.

He's an important person now
He's running with a wayward crowd
But Johnny wasn't crazy
He was just a lonely boy

The pain got too great, an eventual suicide
Fear and anger were trapped deep inside
If only Johnny could have opened up his heart
Then me and Johnny wouldn't never had to part


E' una persona importante adesso
Sta correndo con una folla ribelle
Ma Johnny non era pazzo
Era solo un ragazzo solo

Il dolore era diventato troppo forte, un eventuale suicidio
Paura e rabbia erano intrappolati nel profondo
Se solo Johnny avesse aperto il suo cuore
Allora io e lui non ci saremmo dovuti separare


L'eterno tormento porta Johnny alla decisione più estrema: il suicidio. Anche in questo caso, un triste epilogo di cui leggiamo sempre più spesso sui giornali: adolescenti che decidono di farla finita senza aver la forza di reagire alla delusione amorosa, all'insulto razziale o alla discriminazione sessuale. Purtroppo è triste constatare come il mondo degli adulti tenda a commentare ciò con considerazioni superficiali: 'le nuove generazioni sono costituite da smidollati', 'sono generazioni di buoni a nulla'. Forse è proprio nel pregiudizio e nel voler per forza giudicare con tanta severità che si nasconde la sofferenza di quei ragazzini 'emarginati', che vedono soltanto distacco e menefreghismo del mondo nei loro confronti; parlare di mancanza di spina dorsale è stupido e errato, proprio perché la generazione di adulti che afferma questo, probabilmente, veniva definita allo stesso identico modo da quella che l'ha preceduta. Ness ripete ancora che Johnny non era pazzo, ma questa volta spiega che non era soltanto arrabbiato o solo ma anche spaventato: e questo non lo capiamo, noi adulti, preferendo semplificare il tutto con chiacchiere da bar e conclusioni affrettate sulla stupidità di ragazzini che, invece, vorrebbero soltanto trovare punti di riferimento che evidentemente non siamo capaci di dar loro. Chiamarli 'sfigati' è solo un modo per nascondere le nostre colpe. Quanti Johnny ci saranno ancora? Se lo chiede Mike Ness e ce lo chiediamo anche noi, consapevoli che basterebbe una parola di comprensione, un gesto di affetto e qualche minuto di ascolto in più per aiutare il proprio prossimo.

He's tired of running the vicious circle
He loaded and cocked his .45
But Johnny wasn't crazy
He was just a frightened boy

Oh,
How many Johnnys must there be?
Oh Johnny
How I wish you were here


Stanco di correre in un circolo vizioso
Caricò e puntò la sua .45
Ma Johnny non era pazzo
Era solamente un ragazzo spaventato

Oh, quanti Johnny ci saranno??
Oh Johnny vorrei che fossi qui


Si ringrazia Lorenzo Cardellini "The Spaceman" per la collaborazione



The Thrasher
Sabato 22 Febbraio 2014, 2.06.11
5
Mike Ness non si discute, si ama
The Thrasher
Sabato 22 Febbraio 2014, 2.06.10
4
Mike Ness non si discute, si ama
ricco96
Venerdì 21 Febbraio 2014, 19.51.28
3
Ehehe, del resto Mike Ness non si discute
The Thrasher
Venerdì 21 Febbraio 2014, 15.53.49
2
grazie ricco sapevo che avresti apprezzato
ricco96
Venerdì 21 Febbraio 2014, 15.33.29
1
Complimenti, ottima analsi di un grande testo di una grande canzone di una grande band. Kudos Mike Ness
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Ness
Clicca per ingrandire
Ancora una vecchia foto
Clicca per ingrandire
Social Distortion
Clicca per ingrandire
Prison Bound
ARTICOLI
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]