Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/09/20
DIESANERA
Grudge

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
TRIDENT
North

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

02/10/20
SALTATIO MORTIS
Fur Immer Frei

02/10/20
MYGRAIN
V

02/10/20
SHIBALBA
Nekrologie Sinistrae (Orchestral Noise Opus I)

CONCERTI

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

STRAMONIO - Parla Cris Zanvettor
01/11/2002 (2453 letture)

Risponde alle domande il bassista CRIS ZANVETTOR.

1. Allora CRIS cominciamo con una breve presentazione degli STRAMONIO: come siete arrivati, dagli esordi, a questo stupendo MOTHER INVENTION?

R: Dopo la dipartita dell’ intera sezione ritmica dai Trilogy Suite, band dove militavano precedentemente Nicola, Luca e Federico, nel Febbraio ’97 vengono contattati il batterista Roberto de Cesero e il sottoscritto per dar vita al progetto Stramonio; Dopo un anno di composizione viene registrato il primo demo-CD, quel “Awake the Jester demo ‘98” che impressionò gli addetti ai lavori portandoci diritti alla firma del contratto per la nostrana Northwind Records. Nel Febbraio 2000 gli Stramonio esordiscono con il full-lenght Seasons of Imagination che permette alla band di farsi conoscere anche oltre confine e di ottenere ottimi consensi da parte della stampa internazionale; Nella primavera 2002, dopo la realizzazione di un nuovo demo-CD “Letters from Home”, arriva il contratto per la prestigiosa Frontiers Records e finalmente, dopo due anni di attesa, viene pubblicato nel Luglio 2002 il secondo album “Mother Invention”…il resto è storia recente…

2. MOTHER INVENTION oltre che per una decisa evoluzione si caratterizza per il cambio di etichetta dalla NORTHWIND alla FRONTIERS; pensi che l’ approdo ad un etichetta così ambiziosa abbia in qualche modo costituito una spinta ad osare di più? Quali sono le vostre aspettative in tal senso?

R: Il passaggio dalla Northwind alla Frontiers fa parte del processo evolutivo che da sempre ha caratterizzato gli Stramonio; ringrazieremo sempre Mauro della Northwind per averci dato la possibilità di decollare ma, una volta spiccato il volo, avevamo bisogno di qualcuno che ci permettesse di sostenerci e, meglio ancora, di volare lontano…e la Frontiers è arrivata proprio al momento giusto! La mentalità di questa etichetta è quella di ottenere sempre il 100% dai propri gruppi e questo è un po’ quello che vorrebbero tutti i musicisti, noi compresi. Comunque in nessuno dei due casi siamo stati “spinti” verso direzioni prestabilite…abbiamo osato di più per nostra iniziativa…e abbiamo avuto ragione!

3. Come giudichi oggi un disco come SEASONS OF IMAGINATION? Secondo te qual è il brano di quel disco a cui ancora oggi siete più legati? [Io azzardo THE SONG OF THE HARVEST FLY]

R: Seasons lo ritengo un grandissimo album che sicuramente non ha ancora riscosso il successo che merita ma grazie a Mother arriverà comunque a darci grosse soddisfazioni in futuro; E’ stata la nostra prima vera esperienza professionale e rimarrà una tappa fondamentale nella nostra carriera. Dal punto di vista musicale sicuramente i due episodi più importanti sono Ashes in the Wind e The Song of the Harvest Fly che sono stati gli ultimi brani composti prima di entrare in studio ed evidenziano maggior maturità nella composizione; Noi le consideriamo da sempre un ponte tra Seasons e Mother! Comunque non dimenticheremo mai Awake the Jester che è stato il primo brano composto dagli Stramonio e I Swim in the Air…l’ elogio alla pazzia!!!

4. I brani del disco sono tutti stupendi, ma mi piacerebbe tu mi parlassi più approfonditamente di APPOINTMENT WITH LIFE, SNOW CRYSTAL e IN MY EYES, anche da un punto di vista testuale…

R: Appointement with Life è a mio avviso il brano più riuscito dell’ intero lavoro in quanto in soli cinque minuti siamo riusciti a condensare tutto quello che generalmente nel progressive si esprime in almeno quindici minuti…potenza, atmosfera, melodia, tecnica, dinamica, estemporaneità il tutto dosato in maniera perfetta! Tornando alla domanda precedente, forse questo brano potrebbe rappresentare il ponte tra Mother Invention e il suo successore…
Snow Crystal invece è la song che più rappresenta il nostro stile, una canzone in continua evoluzione, imprevedibile, divertente da suonare e soprattutto da ascoltare; un brano che sicuramente non uscirà mai dal nostro repertorio.
In my Eyes, pur essendo un brano lungo si mantiene sempre su coordinate prestabilite per esplodere poi in uno dei ritornelli più accattivanti del disco; Mi diverte molto quando la suono dal vivo perché dopo la devastante parte introduttiva tutti si aspettano chissà che cosa invece…ecco il ritorno della melodia!
I testi di questi brani sono molto profondi e parlano di esperienze vissute, della realtà che ci circonda, delle nostre speranze e del nostro modo di vedere la vita…
Il testo di Appointement with Life si basa sull’ importanza degli stimoli che ci aiutano ad affrontare la vita; L’ arrivo di qualcuno o qualcosa d’ importante spesso genera una condizione che esalta all’ inverosimile la nostra indole creativa portandoci a traguardi che fino a poco prima sembravano irraggiungibili; Gli stimoli sentimentali, spirituali, materiali e di qualsivoglia altra natura sono indispensabili per crescere e creare!
In Snow Crystal ho voluto parlare del processo evolutivo che regola la nostra esistenza; Giorno dopo giorno tutti noi cerchiamo di migliorare la nostra condizione ma i miglioramenti sono così impercettibili che spesso non ci accorgiamo di quello che stiamo facendo e di quello che sta succedendo intorno a noi…dopo un lungo cammino, passo dopo passo, ci voltiamo indietro e ci spaventiamo vedendo tutto quello che abbiamo costruito e che ora ci darà grosse soddisfazioni…piccoli cristalli di neve che scendono quasi con paura di far male ma una volta riuniti formano una coltre di neve che ricopre anche le strutture più imponenti…
In my Eyes: I sogni nascosti nei meandri della mente vengono proiettati attraverso i nostri occhi nella realtà e se vogliamo possono materializzarsi! Il “sogno ad occhi aperti” non appartiene ai deboli che rimarranno tali ma ai deboli che vogliono diventare forti!

5. Qual è stata la molla che vi ha spinto a creare questo crogiuolo di influenze? In brani come SNOW CRYSTAL o ANTARTIC OASIS si potrebbero citare mille influenze diverse, ma alla fine emerge un sound unicamente “stramoniano”.

R: Infatti, come hai ben capito, a differenza della maggioranza delle prog-metal bands attuali per noi la formula PROGMETAL = HEAVY METAL + VIRTUOSISMO + TASTIERE non esiste (il mio messaggio è rivolto anche e soprattutto a bands di un certo calibro) ed è per questo che concepiamo il progressive semplicemente come un punto d’ incontro tra vari generi, tra i quali il metal…logicamente il metal ricopre un ruolo molto importante nella nostra musica dato che questo è il genere con il quale siamo cresciuti ed è rimasto profondamente radicato in noi; La nostra curiosità però ci ha spinti anche verso altri lidi ed è per questo che ci sappiamo destreggiare anche in situazioni molto lontane dalle nostre radici. Questa sicuramente è la caratteristica che ci rende così particolari e determina il nostro stile!

6. Ci sono stati dei dischi che nella composizione di questa opera vi hanno fatto da guida “spirituale”?

R: Tutta la musica e i suoni che abbiamo ascoltato fin da bambini ci hanno portato a questi risultati, nessun disco in particolare; più che dalla musica degli altri preferiamo attingere dai loro atteggiamenti nei confronti della musica per accrescere la nostra professionalità e quindi curare il rapporto con il pubblico, con i media e con il mercato…

7. Ma questo disco non vi fa un po’ paura? Mi spiego: con MOTHER avete raggiunto la maturità musicale ed uno stile personale, il tutto in un disco assolutamente coinvolgente e pregno di melodie uniche. Insomma, non avete il timore di non riuscire ad andare oltre un disco talmente bello?

R: Anche dopo l’ uscita di Seasons of Imagination spesso ci hanno rivolto questa domanda ed io, da buon intenditore, ho sempre risposto dicendo che il vino più invecchia e più diventa buono…a parte gli scherzi, siamo consapevoli del nostro potenziale e siamo altrettanto consapevoli del fatto che continuando di questo passo sicuramente raggiungeremo traguardi ancora più alti e soddisferemo ancora di più i nostri fans! Sarebbe drammatico se dopo due dischi avessimo già detto tutto ma non preoccupatevi, la nostra fantasia è in continuo fermento e tra non molto potrete constatare quello che vi ho appena detto tradotto in musica…

8. Un' altra caratteristica di MOTHER è la compattezza del sound; emerge (soprattutto a livello di sezione ritmica) un affiatamento assai elevato: a ciò corrisponde un analogo legame d’ amicizia tra voi della band? Come presenteresti, se dovessi farlo con al massimo due parole, i tuoi compagni come persone e musicisti?

R: Per questo dobbiamo ringraziare la Frontiers che ci ha permesso di passare un lungo periodo in studio e quindi di lavorare con la massima tranquillità e soprattutto Marino De Angeli dei Majestic Studio per averci messo a disposizione il meglio della strumentazione nonché la sua esperienza sia come musicista che come tecnico. Lavorando in queste condizioni puoi ottenere risultati molto superiori alle aspettative visto che hai il tempo di curare i minimi dettagli.
Per quanto riguarda l’ affiatamento siamo sempre stati dell’ idea che per accrescere il feeling dal vivo o in fase compositiva sia indispensabile essere legati anche in ambito non-musicale e, pur abitando lontani gli uni dagli altri, spesso e volentieri ci riuniamo per stare un po’ insieme davanti a un buon piatto e, ancora meglio, un buon bicchiere…se dovessi spendere due aggettivi per i miei compagni d’ avventura userei umili come persone e geniali come musicisti.

9. Per l’ attività live vuoi aggiornare i nostri lettori sulle vostre date imminenti?

R: Ora abbiamo in programma numerose date ma si tratta di concerti più o meno “ordinari” che toccheranno locali della zona triveneta e che ci permetteranno di affinare l’ intesa on stage in vista delle importanti trasferte previste per i primi mesi dell’ anno dove porteremo la nostra musica in alcuni locali ben più blasonati del centro-nord ma non voglio sbilanciarmi di più finché tutto non sarà confermato. Comunque se volete fare qualche chilometro per venire ad ascoltarci queste sono le date già in programma:
16/11 UTOPIA Cirvoi (BL)
07/12 COUNTRY STAR Albignasego (PD)
13/12 LA BAITA San Vendemiano (TV)
27/12 SCOTADEO Vittorio V.to (TV)
03/01 IL RISTORO Oriago di Mira (VE)
04/01 GOTO Forno di Zoldo (BL)
10/01 CASA ROSSA Mel (BL)
18/01 INSOMNIA Fossona (PD)
06/02 LA TAVERNA Vittorio V.to (TV)

10. Penso valga la pena di spendere due parole sul vostro sito…

R: Ringrazio Marco, il nostro webmaster, per il lavoro che sta curando per noi in rete. Devo riconoscere che internet è un’ ottimo strumento per la promozione del gruppo a livello planetario e inoltre ci permette di soddisfare le richieste dei nostri nuovi fans che, dopo averci conosciuti con Mother Invention, non sono riusciti ad avere e ascoltare anche il debut Seasons of Imagination perché irreperibile! Beh, nel nostro sito potete scaricare alcuni Mp3 e sfruttare il book-CD per ordinare il disco on-line. Mi raccomando www.stramonio.com !!!

11. Okay CRIS, ti ringrazio per l’ attenzione e faccio a te e agli STRAMONIO i migliori auguri per un futuro pieno di soddisfazioni, ve lo meritate. Ti lascio lo spazio finale per dire ciò che vuoi ai lettori di METALLIZED!

R: Ringrazio Davide e tutto lo staff di METALLIZED per lo spazio che ci è stato concesso e per averci dato la possibilità di far arrivare la nostra proposta a nuovi appassionati.
Speriamo di avere molte soddisfazioni nel futuro ma soprattutto speriamo di soddisfare VOI ascoltatori con la nostra musica e con i nostri concerti!
CIAO!!!




IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Stramonio
RECENSIONI
ARTICOLI
01/11/2002
Intervista
STRAMONIO
Parla Cris Zanvettor
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]