Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
GOLGATA
Tempel

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

04/12/20
HYRGAL
Fin de Règne

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
MAGIC DANCE
Remnants

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

06/12/20
BORKNAGAR + SAOR + CAN BARDD
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

11/12/20
NANOWAR OF STEEL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

H.E.A.T - Tearing Down the World!!
18/06/2014 (3361 letture)
Dopo il successo dei precedenti tre dischi gli svedesi H.e.a.t, portavoce dell’AOR moderno, tornano sulle scene con la loro nuova fatica in studio, Tearing Down The Walls . Proprio in vista dell’uscita del disco e della data italiana tenutasi il 9 maggio a Romagnano Sesia, lo staff di Metallized ha deciso di intervistare un membro della band per qualche piccola domanda sul nuovo disco e sulla loro musica in generale. Abbiamo avuto l’occasione di parlare con Jona Tee, il tastierista del gruppo. Questo è ciò che è stato detto, a voi la lettura!

The Spaceman: Salve ragazzi, bentornati su Metallized. Dovreste essere a casa quando riceverete questa intervista! Iniziamo a parlare del vostro nuovo album, Tearing Down The Walls, che è appena uscito. Personalmente penso che sia un lavoro fantastico, siete soddisfatti del risultato, soprattutto se paragonato ai precedenti album?
Jona Tee: Ciao! Grazie molte, siamo davvero entusiasti del risultato! Credo che con il precedente Address The Nation sia stato fatto centro, toccando le giuste corde e con Tearing Down The Walls il tutto sia stato sviluppato ancor di più.

The Spaceman: H.e.a.t nel 2008, Freedom Rock nel 2010, Address The Nation nel 2012 e per finire Tearing Down The Walls nel 2014. Sembra quasi che sia una vostra “routine” rilasciare un album ogni due anni. Come fate a tenere questo ritmo e come sono cambiate le cose nel tempo? Le registrazione del vostro ultimo lavoro sono andate esattamente come volevate?
Jona Tee: Non abbiamo mai davvero pianificato di fa uscire un disco ogni due anni ma credo che si stia rivelando come un ottimo schema per noi. Abbiamo abbastanza tempo sia per il tour che per scrivere nuovo materiale. Le registrazioni sono state fantastiche! Abbiamo trascorso 5 magnifiche settimane negli Studio Bohus con Tobias Lindell.

The Spaceman: La vostra musica segue il filone A.O.R. ma, secondo me, il risultato è molto più innovativo se paragonato a molte altre band che suonano lo stesso genere. Quali sono state le novità che avete voluto inserire nel vostro sound e in questo ultimo lavoro?
Jona Tee: Per questo disco abbiamo semplicemente scritto ciò che volevamo, cercando di non farci spaventare dal provare nuove cose. Si possono vedere molti stili differenti in Tearing: dal lineare heavy melodico di Point Of No Return a Shoot Of Redemption con la sua carica blues e i ritornelli che diventano quasi degli inni fino alle ballate piano e voce come All The Nights.

The Spaceman: Per quanto riguarda il sound, in Tearing Down The Walls si nota un minore apporto di tastiere e ballate. Come mai questa particolare scelta? Definireste il vostro nuovo album come “più pesante” in riferimento al precedente Address The Nation?
Jona Tee: Ciò che abbiamo fatto è stato concentrarci maggiormente su un suono basato sulla chitarra e probabilmente io sono quello che è stato più attivo in questo senso (ed è abbastanza strano per un tastierista). Le tastiere sono realizzate più attraverso l’organo e gli archi piuttosto che i grandi tappeti sonori usati in precedenza. Nonostante tutto sono ancora presenti ancora in un paio di pezzi!

The Spaceman: Paragonando questo disco ai precedenti ho notato dei rimandi ai The Ark. È una mia impressione o questa band vi ha ispirato e influenzato?
Jona Tee: Personalmente non li ho mai ascoltati molto ma, come si suol dire, non puoi mai sapere cosa ti passa per la testa!

The Spaceman: Cambiamo argomento. Il vostro secondo chitarrista Dave Dalone ha lasciato la band nel Luglio del 2013. Se non ti dispiace ti andrebbe di raccontarci le motivazioni che lo hanno spinto a prendere questa decisione? Si è trattato di problemi precedenti che non potevano essere risolti? Avete deciso insieme che la band poteva andar bene anche con cinque membri piuttosto che con sei?
Jona Tee: Dalone opera in modi misteriosi (ride). No seriamente, non credo che volesse procedere nella stessa direzione presa dal resto della band ed ha iniziato a dimostrarlo, così ne abbiamo parlato a fondo e questo lo ha portato a lasciare la band. Nessun rancore, sono cose che succedono.

The Spaceman: Tu e la tua band state riscontrando un grande successo. So che avete ricevuto un caloroso benvenuto durante la data italiana dai vostri fan nostrani. Cosa ne pensate del pubblico e dell’Italia?
Jona Tee: Gesù! Che show quello di Romagnano Sesia. Siamo stati accolti da un tempo stupendo, una location fantastica ed un pubblico meraviglioso! Quando tutta la folla, su Tearing Down The Walls, ha tirato fuori dei palloncini gialli e blu è stato così travolgente che abbiamo fermato la canzone per vedere cosa stesse succedendo, davvero fantastico!

The Spaceman: Avete suonato con grandi band come Alice Cooper, Thin Lizzy e Edguy. Vorreste condividere il palco con altri artisti famosi? Se si, quali?
Jona Tee: Vorrei andare in tour con gli Iron Maiden! Sarebbe un sogno che diventa realtà!

The Spaceman: Dalla fine degli anni ’90 la scena musicale svedese è cresciuta a dismisura. Cosa ne pensi? Ci sono band particolarmente valide?
Jona Tee: Abbiamo molte grandi band provenienti dalla Svezia. Ci sono gli Hardcore Superstar, gli In Flames e gli Hammerfall per nominarne alcune. Abbiamo anche band più recenti molto valide, come Dynazty ed Eclipse!

The Spaceman: Domanda scontata, lo so: quali sono i dischi che vi hanno più colpito e formato, guidandovi ed aiutandovi per farvi arrivare al vostro livello musicale? Quali sono le band che vi hanno ispirato?
Jona Tee: Ho ascoltato un mucchio di heavy metal classico e power metal quand’ero più giovane, come Iron Maiden, Black Sabbath, Helloween ecc. Poi ho iniziato ad avvicinarmi a cose più melodiche come Europe e AOR.

The Spaceman: Cosa fanno gli H.e.a.t quando non suonano? Passate del tempo insieme anche dopo la fine del tour?
Jona Tee: Certo! Ci incontriamo, proviamo e usciamo insieme come qualsiasi altro gruppo di amici!

The Spaceman: Se doveste dare un consiglio fondamentale ad una band emergente che si sta affacciando sulla scena musicale attuale, quale sarebbe?
Jona Tee: Lavorate sodo e suonate duramente!

The Spaceman: È tutto! Grazie mille per quest’intervista. Congratulazioni per il vostro nuovo fantastico lavoro. Speriamo di rivedervi presto in Italia. Vorreste aggiungere altri saluti ai lettori di Metallized?
Jona Tee: Assolutamente, amico! Grazie a voi per tutto il vostro supporto e a te anche se non ci siamo conosciuti di persona, non vediamo l’ora di potervi rivedere al più presto!



AlinoSky
Mercoledì 18 Giugno 2014, 12.41.32
1
miglior band hard rock di questo secolo
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
H.e.a.t, la cover di Rino Gissi
RECENSIONI
74
82
87
83
80
ARTICOLI
04/12/2014
Live Report
H.E.A.T + SHERLOCK BROTHERS
29/11/2014, Rock Planet, Pinarella di Cervia (RA)
18/06/2014
Intervista
H.E.A.T
Tearing Down the World!!
14/05/2014
Live Report
H.E.A.T + SUPERCHARGER + BAD BONES
Rock’n’Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 09/05/2014
26/05/2012
Intervista
H.E.A.T
La forza degli Eighties
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]