Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/11/20
Volbeat
Rewind, Replay, Rebound - Live in Deutschland

27/11/20
IN EXTREMO
Kompass Zur Sonne 2CD Extended Edition

27/11/20
MARATHON
Mark Kellys Marathon

27/11/20
ULTIMATIUM
Virtuality

27/11/20
DARKNESS
Over and Out

27/11/20
DIAMOND HEAD
Lightning to the Nations 2020

27/11/20
JADED HEART
Stand Your Ground

27/11/20
WITHIN THE RUINS
Black Heart

27/11/20
CADAVER
Edder & Bile

27/11/20
SVARTGHAST
Perdition

CONCERTI

27/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

ANTHRAX - Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/06/2014
26/06/2014 (2904 letture)
Anthrax, un nome storico del panorama del thrash metal mondiale, uno dei quattro Big Four che hanno scritto la storia di questo genere. Sapere che uno dei gruppi che ha dominato una fase della mia adolescenza, suonava per dei modestissimi € 20 a circa quindici chilometri dalla mia casa, è stato qualcosa che mi ha posto subito in uno status febbrile. Avendolo saputo solo pochi giorni prima del concerto, ho comprato il biglietto veramente al volo, e in maniera altrettanto rapida mi sono organizzato. Prendo il blocco note, la penna, la macchinetta fotografica e le sigarette e, dopo aver mangiato un piatto di pasta in tardo pomeriggio, mi fiondo in macchina verso le 18:35.
La felicità di andare al concerto, tuttavia, viene stroncata in maniera abbastanza brutale da un traffico pazzesco e scopro con immensa meraviglia che la strada che mi evita tutto il caos urbano che porta a Ciampino è chiusa per un incidente. Grazie ad una gestione ottimale delle deviazioni, oltre che ad una prontezza (anch'essa nota, come il traffico di Roma) nel gestire gli incidenti e gli imprevisti, dopo un'ora di macchina, sono a circa dieci minuti da casa. Come se non bastasse, la strada che porta alla felicità è la stessa che porta a Capannelle, dove nella medesima sera al PostePay Rock in Roma ci stanno gli Avenged Sevenfold. Arrivo all'Orion alle 20:15 circa e, tra parcheggio ed entrata, mi perdo il gruppo di spalla, i nostrani Spanking Hour. Durante il cambio palco mi faccio un giretto nel locale: l'Orion Live Club è ordinato e ben gestito ed è presente un guardaroba all'entrata e poco dopo un banco del merchandising che mi fa storcere la bocca immediatamente, con prezzi molto alti e pochissima roba. Fortunatamente, c'è una fantastica area ristoro all'esterno del locale che con prezzi medi mi fornisce un'ottima birra doppio malto per prepararmi al concerto. Numerose sono le magnifiche canzoni che accompagnano il soundcheck all'interno del locale: Metallica, Megadeth, Kiss e molti altri. Ad un certo punto i tecnici spariscono, le luci si spengono e il fumo inizia ad addensarsi nella sala. Un boato generale ne annuncia uno ancora più grande a breve.

ANTHRAX
Dopo l'atmosfera creata dal breve strumentale Worship, gli Anthrax aprono il concerto con quella che a mio avviso è una delle migliori canzoni che abbiano mai scritto e le sue prime note, maligne e velenose, sono inconfondibili. Among the Living infiamma immediatamente l'Orion e alle prime parole fa il suo ingresso Joey Belladonna, come sempre in pantaloni e camicia nera, con il microfono armato d'asta. “Disease! Disease!” il pubblico canta fin dai primissimi momenti la canzone d'apertura, spalleggiando Frank Bello nei cori egregiamente. Seguono immediatamente Caught in a Mosh, Got the Time e Indians, tre grandi classici del gruppo che portano la temperatura del locale a livelli vertiginosi. Il pogo più sfrenato si scatena al centro della sala, e Belladonna interagisce con il pubblico da grande frontman: in Caught in a Mosh gli viene passata una videocamera dal pubblico e, per tutta la seconda metà della canzone, il cantante riprende tutti coloro che sono sotto il palco, il gruppo e sé stesso. Sul finale della canzone addirittura si mette a giocare con la videocamera, facendo finta di lanciala e poi passarla più volte al pubblico, ritraendo il braccio poco dopo. Tutta questa partecipazione fa scatenare la folla ancora di più e rende lo show divertente, oltre che frenetico.
Dopo un'assolo devastante e tecnicissimo sul finale di Indians, fatto di tapping e sweep picking, del nuovo arrivato Jon Donais, le luci si spengono di nuovo. I teli con il logo degli Anthrax lasciano spazio a due nuove immagini, una per Ronnie James Dio e una per Dimebag Darrell. Il frontman incita il pubblico ad alzare le corna al cielo e sulle note di In the End viene commemorata la prematura scomparsa dei due grandi artisti. Dopo un momento, a tratti solenne, la velocità e la violenza torna a fare spettacolo nella sala, con Madhouse, Efilnikufesin (N.F.L.) e Fight 'Em 'Til You Can't. Tutte le canzoni vengono supportate dal pubblico che le canta dall'inizio alla fine e da un Frank Bello che trasmette una carica esplosiva, facendo uno show quasi al pari di quello di Belladonna in quanto a intrattenimento. T.N.T. era la cover che tutti si aspettavano e, invece, con immensa sorpresa Scott Ian tira fuori, direttamente dal loro album d'esordio, Deathrider. Il salto nel passato continua con Medusa, scolpendo nella pietra una setlist veramente leggendaria. Tra un ritornello e l'altro della bellissima I Am the Law, vengono lanciate numerose (e preziosissime) bottigliette d'acqua al pubblico, che le acclama fragorosamente. Stiamo, infatti, ancora contando morti e feriti che si sono lanciati per prenderle al volo. Alla fine della canzone cala il buio totale per un attimo, gli Anthrax spariscono e le luci si riaccendono morbidamente, mostrando il palco vuoto. A gran voce il pubblico richiama i maestri americani del thrash e dopo momenti di spasmodica attesa fanno ritorno per il gran finale. Be All, End All, un brano degli anni d'oro del gruppo e la conclusiva Antisocial (cover del gruppo francese Trust) sono i pezzi da novanta per un finale indimenticabile. Non c'è forma di vita che non canti quello che è diventato negli anni uno dei veri e propri anthem del gruppo.
Alla fine del concerto Scott Ian si rivolge al pubblico dicendo “E ora dite ai vostri amici che non erano qui, cosa hanno perso questa sera!”, facendo dei (veramente poco nascosti) riferimenti a tutti coloro che hanno preferito in quella sera gli Avenged Sevenfold a loro. Il chitarrista è sorridente e spavaldo e il suo atteggiamento scatena gli applausi di tutti, anche del sottoscritto, che non ha mai visto i due gruppi neanche lontanamente comparabili.

L'acustica del locale è stata ottima ed i volumi erano leggermente squilibrati nelle primissime canzoni, nelle quali basso e voce erano un po' troppo sotto gli altri strumenti. Problemi rapidamente risolti dai tecnici che non hanno minimamente influenzato una performance indimenticabile.
Jon Dette sostituisce Charlie Benante in maniera quasi perfetta senza accennare mai neanche ad un leggero cedimento a quei ritmi forsennati. Lo storico duo Frank Bello e Scott Ian crea uno show che sprizza carica da tutti i pori: si muovono, saltano, ballano e cantano. Il nuovo solista Jon Donais, invece, appare più statico rispetto al resto del gruppo, lanciandosi di tanto in tanto a un po' di sano headbanging. La sua staticità, tuttavia, è controbilanciata da una performance professionale e da una tecnica superlativa, che ricorda molto, come approccio sul palco ed eleganza, quella di Chris Broderick (Megadeth). Non nascondo che quando ho comprato il biglietto, un po' di timore di trovare un Joey Belladonna sotto sforzo e acciaccato lo ho avuto. Cantare per tanti anni con un registro vocale così alto in un gruppo del genere non è facile ma il cantante americano è in perfetta forma. Mai mi sarei aspettato una sorpresa del genere: non c'è un momento in cui non interagisce con il pubblico, ride, scherza e raggiunge acuti che mettono i brividi senza alcuno sforzo. Leader indiscusso della serata.

Visto che stiamo nel periodo dei mondiali, così come nello sport, nel metal il sudore è sinonimo di passione ed impegno. Gli allenatori dicono sempre che l'impegno è direttamente proporzionale a quanto siamo sudati e su queste basi è chiaro che, in qualche universo parallelo, Scott Ian e compagnia sono tutti grandissimi allenatori. Questa notte, nell'aria bollente dell'Orion, i grandi del thrash ne hanno perso e ne hanno fatto perdere veramente tanto, regalandoci un concerto veramente unico. Gli Anthrax sembrano non aver mai conosciuto declino e non solo si dimostrano decisamente al pari dei colleghi presenti nei Big Four, ma rispetto ad alcuni anche superiori e decisamente più in forma.

P.s. Vi lascio nelle colonne laterali alcune foto scattate dalla vantaggiosa posizione del sottoscritto. Mi scuso se alcune sono venute leggermente sfocate, ma fare delle foto nel delirio di una prima linea che assomiglia a quella di una battaglia non è stato affatto facile.

SETLIST ANTHRAX
1. Worship
2. Among the Living
3. Caught in a Mosh
4. Got the Time (Joe Jackson cover)
5. Indians
6. In the End
7. Madhouse
8. Efilnikufesin (N.F.L.)
9. Fight 'Em 'Til You Can't
10. Deathrider
11. Medusa
12. I Am the Law
13. Be All, End All
14. Antisocial (Trust cover)



Michele "Axoras"
Mercoledì 17 Settembre 2014, 22.52.02
11
Già. E fanno ancora i buchi per terra mio caro Zeb
Zeb89AceGamer
Mercoledì 17 Settembre 2014, 22.13.36
10
Uddio,questi ancora suonano che mi grinzano le noci.
anthrax fan
Mercoledì 17 Settembre 2014, 12.05.26
9
i miei due cents sulla serata sono visibili su youtube [niente link su Metallized, grazie]5
brainfucker
Venerdì 27 Giugno 2014, 22.06.20
8
tapping e sweep su indians? ok per me è già da eliminare dalla band
evil never dies
Giovedì 26 Giugno 2014, 21.56.39
7
grande serata!!!!
Michele "Axoras"
Giovedì 26 Giugno 2014, 20.55.19
6
Abbiate pazienza, mi sono confuso. A volte capita quando si è tignosi a fare l'analisi del concerto/disco brano per brano. Mi scuso, provvederò a far correggere subito il riferimento !
er colica
Giovedì 26 Giugno 2014, 20.30.05
5
n infatti michele correggi subito l'errore , ci può stare ma correggi te prego!!
Gabriele
Giovedì 26 Giugno 2014, 20.26.59
4
Be all, End all tratta dall' ultimo album.... sigh sigh sob e broff (
Carmine
Giovedì 26 Giugno 2014, 15.25.43
3
Ottimi gli Anthrax come al solito se propongono i pezzi storici, ma mi soffermerei sui Spankin Hour davvero una bella sorpresa peccato che Axoras sia arrivato tardi.
er colica
Giovedì 26 Giugno 2014, 13.02.46
2
o cazzarola mi stavo perdendo il report! comunque bel concerto quasi tutti pezzi storici tranne due canzoni del nuovo disco , il gruppo spalla non l'ho visto bene perché eravamo arrivati mentre già stavano suonando non so nemmeno chi fossero. l'unica cosa che mi rammarica è di non aver trovato il solito banchetto ultra rifornito di roba che è la mia classica meta quando giro per concerti haha vabè fa niente.
venom
Giovedì 26 Giugno 2014, 12.27.39
1
e stata una grandissima sorpresa!non mi aspettavo un gruppo cosi in forma!joey belladonna e stato un vero mattatore cosi come ian e bello,grandissimi!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Anthrax
RECENSIONI
68
58
50
55
84
85
75
90
87
80
ARTICOLI
25/11/2018
Live Report
SLAYER + LAMB OF GOD + ANTHRAX + OBITUARY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 20/11/2018
12/11/2015
Live Report
SLAYER + ANTHRAX + KVELERTAK
Alcatraz, Milano (MI) , 05/11/2015
26/06/2014
Live Report
ANTHRAX
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/06/2014
18/06/2014
Live Report
SLAYER + ANTHRAX
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 15/06/2014
17/07/2011
Articolo
ANTHRAX
Scott Ian, la biografia
09/07/2011
Live Report
THE BIG 4 - METALLICA - SLAYER - MEGADETH - ANTHRAX
Arena Fiera, Rho (MI), 06/07/2011
29/06/2011
Articolo
ANTHRAX
Joey Belladonna, la biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]