Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
U.D.O.
We Are One

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
MEAN STREAK
Eye of the Storm

CONCERTI

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

GORY BLISTER + DARKANE + SADUS - Lo show di Bassano
24/04/2006 (4378 letture)
Grande serata quella alla Gabbia di Bassano: tre nomi importanti della scena estrema internazionale si sono confrontati sul palco di uno degli ultimi ottimi locali metal del Veneto ancora in buona salute. Gli italianissimi Gory Blister, gli svedesi Darkane e, in veste di headliner, gli americani Sadus, hanno dato spettacolo per ben tre ore (tenendo conto anche della band che ha aperto il concerto).

Un ottimo antipasto death viene fornito dai milanesi Gory Blister: metallo violento di purissima scuola americana (con qualche sporadico riferimento nord europeo) ha scaldato l’ambiente in men che non si dica. Notevole l’impatto creato dal quartetto: i Gory Blister sono evidentemente un gruppo navigato, che sa come gestire l’esibizione fino in fondo, e che sa regalare emozioni forti: ottimo il timbro vocale, belli i riff di chitarra (anche se le ritmiche così sature sono difficili da comprendere), potente la resa della sezione ritmica. Canzoni a parte, difficile dimenticare il cantante a petto nudo già dal secondo pezzo, per dare sfoggio delle ore di palestra e della schiena completamente tatuata. Nel bene o nel male, anche questo è spettacolo.
Voto: 80

Partita l’intro orchestrale, nel giro di pochi istanti sono sul palco gli immensi Darkane. La violenza esecutiva, la perizia tecnica, la pulizia sonora sono a livelli che raramente si sentono ad un concerto death metal. I Darkane sono dei grandissimi professionisti, inutile negarlo. Già il sistema utilizzato per la resa live lo dimostra pienamente: canzoni eseguite completamente a click, due semplici V-Amp (“settaggio modern hi-gain, naturalmente”, ci riveleranno a fine concerto) collegati in presa diretta per simulare il suono dei cabinet, casse spia rivolte verso il pubblico. In altri termini, una soluzione geniale per evitare problemi di microfonaggio e di scarsa resa sonora, sia sul palco che per gli astanti. Intuizioni geniali a parte, la band svedese è dotata anche da un punto di vista esecutivo, al punto che spesso è difficile notare la differenza tra la loro interpretazione live e le registrazioni su disco. Peccato soltanto per il volume esterno della voce, davvero troppo basso per essere apprezzato in pieno.
Voto: 95

L’ora è tarda quando infine fanno la loro comparsa sul palco gli storici Sadus, una band simbolo per tutti gli amanti del thrash death di vecchia data, e soprattutto per gli estimatori del ottimo Steve Di Giorgio. Il trio è davvero carico, Di Giorgio come al solito sprizza simpatia per il tricolore da tutti i pori, farfugliando frasi in italiano esattamente come al concerto di Sebastian Bach all’Evolution dello scorso anno. I Sadus possono piacere o non piacere, ma una cosa gli va riconosciuta: per essere un semplice trio (voce-chitarra, basso, batteria), sono uno dei gruppi thrash death della vecchia guardia più efficaci in assoluto, anche dal vivo. Steve tenta addirittura di dividersi nel duplice ruolo di bassista e tastierista (anche se il sottoscritto gli augura di continuare a suonare il basso, considerati i risultati), apportando un ulteriore grado di interesse all’esecuzione. Purtroppo il concerto si è rivelato fin troppo prolisso (soprattutto in rapporto alla durata di quello di Darkane e Gory Blister). Anche buona parte del pubblico vicina al palco sembra aver perso gran parte dell’interesse e della vivacità iniziale, dopo circa un’ora di thrash sì potente, ma anche decisamente monotono e ripetitivo. A prescindere da questo, una cosa comunque è certa: il cantante Darren Travis si è divertito da morire.
Voto: 65



LAMBRUSCORE
Mercoledì 12 Settembre 2012, 8.26.56
2
C'ero anch'io, commento dopo ben 6 anni perchè stavo cercando su un motore di ricerca proprio un report di questo concerto e.... taaac, mi manda dritto a Metallized, haha, comunque ricordo una bella serata, e come scritto dal recensore, sicuramente i migliori erano stati i Darkane.
Vardamir
Lunedì 3 Luglio 2006, 12.31.27
1
Gran bel concerto, io ero in prima fila che mi deprimevo guardando il grande Steve Digiorgio! Complimenti a tutti i gruppi e specialmente ai Sadus che hanno anche dedicato una canzone al grande Chuck...(Freedom)
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Sadus
ARTICOLI
24/04/2006
Live Report
GORY BLISTER + DARKANE + SADUS
Lo show di Bassano
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]