Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

CONCERTI

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

DOMINHATE - A tu per tu con Alex
12/01/2015 (1544 letture)
Dopo aver recensito molto positivamente il debutto Towards the Light, abbiamo contatto i pordenonesi Dominhate per un’intervista utile a presentare meglio la band e il disco. Buona lettura!

Kriegsphilosophie: Ciao ragazzi e benvenuti su Metallized! Inizio con il farvi i complimenti per il debutto, e vi chiedo di presentare il gruppo ai Nostri lettori.
Alex: Ciao Marco e grazie per i complimenti. Il gruppo nasce nel 2008 dalle ceneri degli Esequie, in cui suonavamo io e Steve, voce e basso. L'impronta ai tempi era molto thrash/death, ma dopo l'ingresso di Slippy alla batteria abbiamo ripreso in mano tutti i pezzi, ne abbiamo composti di nuovi, e ci siamo dedicati totalmente a suonare death metal. Sentivamo tuttavia il bisogno di avere una seconda chitarra per allargare il ventaglio di possibilità a livello espressivo, e con l'ingresso di Jesus la line up è finalmente completa.

Kriegsphilosophie: Come si è svolto il processo di scrittura dell’album?
Alex: In realtà è una cosa molto naturale. Non abbiamo pensato troppo, semplicemente ci troviamo in sala prove e suoniamo, le canzoni si scrivono letteralmente da sole.

Kriegsphilosophie: Come si è svolto il processo di scrittura dell’album?
Alex: La produzione è stata una parte molto importante in quanto i pezzi contenuti nell'album sono stati composti in differenti periodi della nostra vita, e sono quindi stilisticamente diversi tra di loro. Avevamo bisogno di una produzione che riuscisse a farli convivere all'interno di una stessa opera. Blackie del VRS Studio ha avuto un ruolo decisivo in questo. Le registrazioni per vari motivi sono durate mesi, lui ha avuto modo di conoscerci e noi di conoscere lui. Si è instaurato un ottimo rapporto e abbiamo lavorato al meglio, se di lavoro si può parlare.

Kriegsphilosophie: Il vostro disco verrà messo sul mercato dalla The Spew Records, una sotto etichetta della Punishment 18 Records che da qualche anno si sta dimostrando molto attiva in ambito underground. Come siete entrati in contatto con loro? Vi trovate bene?
Alex: Siamo entrati in contatto con i ragazzi della Punishment 18 in fiera del disco a Pordenone. Due anni fa io e Steve stavamo cercando qualcuno che producesse l'album, e abbiamo lasciato una copia del master e i nostri contatti a Corrado. A gennaio ci siamo reincontrati in fiera e scambiando due parole si è offerto di produrre il disco, noi ovviamente abbiamo accettato subito. Ci siamo subito trovati molto bene, Corrado e gli altri ragazzi lavorano in modo incredibilmente serio e professionale, e noi cercavamo proprio questo.

Kriegsphilosophie: Essendo un appassionato d’arte, mi è piaciuta moltissimo la copertina (realizzata da Daniele Lupidi). C’è qualche significato dietro? Devo dire che rappresenta in modo molto efficace l’atmosfera che si respira durante l’ascolto del disco.
Alex: L'immagine è la rappresentazione perfetta di quello che cerchiamo di esprimere a livello concettuale. Lupidi ha saputo riportare su tela ciò che musicalmente l'album dovrebbe trasmettere.

Kriegsphilosophie: E per quanto riguarda I testi invece? Purtroppo non siamo stati in grado di leggerli (il promo conteneva solo le tracce audio), ma vorreste parlarci un po’ dei temi trattati e da cosa traete ispirazione?
Alex: Per quanto riguarda i testi se ne occupa completamente Steve. I testi vengono scritti di getto, e solo successivamente adattati al pezzo. Non trattiamo di un unico argomento ma cerchiamo di prendere l'ispirazione da qualsiasi cosa.

Kriegsphilosophie: Entrando più nel merito dei brani invece, come ho detto nella recensione, The First Seed è in assoluto uno dei pezzi migliori del disco, perché avete dimostrato di essere capaci anche nel gestire ritmiche nettamente più lente e controllate; possiamo considerarlo come un "esperimento" o avete intenzione, in futuro, di concentrarvi un po’ di più su qualcosa di simile?
Alex: Non si tratta di un esperimento, anzi. Abbiamo dei pezzi che registreremo a breve più lenti e più, se mi passi il termine, oscuri. Ci siamo concentrati di più sulla creazione di un'ambiente sonoro che coinvolgesse noi e l'ascoltatore, piuttosto che puntare su tecnicismi o sulla velocità a tutti i costi.

Kriegsphilosophie: Passiamo ora ad una domanda che fanno praticamente tutti: cosa ne pensate di internet e dei vantaggi/svantaggi che porta ad un gruppo fresco di pubblicazione come il vostro?
Alex: Internet offre visibilità, e come gruppo che ha appena pubblicato un album ovviamente approfittiamo di questa opportunità, anche se c'è il rovescio della medaglia. Oramai la tecnologia per registrare dei pezzi è alla portata di tutti, e le uscite ogni mese sono molto numerose ed accessibili a tutti, la cosa è diventata più "fredda". La curiosità di scoprire e conoscere un gruppo nel profondo sta' piano piano svanendo, purtroppo.

Kriegsphilosophie: Per quanto riguarda l’attività live, che cosa potete dirci? Avete già fissato alcune date? Molti gruppi estremi italiani sono molto richiesti (e apprezzati) all’estero; puntate a fare qualche data anche oltre confine?
Alex: Per il momento abbiamo solo una data confermata qui in provincia di Pordenone con i Pentothal Sodium e i Nuclear Aggressor. Il nostro obbiettivo è quello di avere la possibilità di esibirci anche all'estero, vedremo il prossimo anno se ne avremo la possibilità.

Kriegsphilosophie: Cosa consigliereste a chi -come sicuramente tanti lettori- forma un gruppo e punta a raggiungere l’agognato traguardo del debut album? Ve lo chiedo perché, nonostante siate attivi dal 2008 (considerando i vari cambi di formazione che vi avranno rallentato sicuramente), solo oggi riuscite a pubblicare il debut album; l’impressione è quella che, a differenza di alcuni gruppi che nel giro di neanche un anno pubblicano il disco, voi vi siate presi tutto il tempo necessario a realizzare un prodotto che vi soddisfacesse al 100%, mettendo così da parte la fretta che colpisce tante band esordienti.
Alex: In effetti varie cose ci hanno rallentato, ma hai completamente ragione. Prima di registrare abbiamo ripreso in mano i pezzi decine e decine di volte, noi cambiavamo e le canzoni cambiavano con noi, fino ad arrivare al punto di essere completamente soddisfatti. Quello che posso consigliare è di non avere fretta, c'è un momento per ogni cosa. Non bisogna scendere a compromessi con se stessi quando si lavora su un album e di essere il più personali possibile, che non vuol dire essere necessariamente originali, vuol dire semplicemente mettere del tuo in quello che fai.

Kriegsphilosophie: Bene ragazzi, l’intervista finisce qui; vi ringrazio per il tempo concessoci e vi invito ad utilizzare questo spazio per salutare e convincere i nostri lettori ad ascoltare Towards the Light!
Alex: Grazie a voi per averci dedicato questo spazio, e grazie alle persone che da tempo ci seguono e ci supportano. Sentitevi liberi di mettervi in contatto con la band per qualsiasi informazione, anche attraverso la nostra pagina facebook.



Andy Thrasher
Lunedì 12 Gennaio 2015, 18.58.38
2
Kriegsphilosophie ma io ti conosco! Cmq grandi i DominHate
Umulamahri
Lunedì 12 Gennaio 2015, 0.30.37
1
Interessante...
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
DOMINHATE
RECENSIONI
73
ARTICOLI
12/01/2015
Intervista
DOMINHATE
A tu per tu con Alex
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]