Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
HALESTORM
Reimagined

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

CONCERTI

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

12/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

THE POODLES - La differenza sta nei dettagli
18/04/2015 (1401 letture)
Fenrir: Ciao ragazzi e benvenuti su Metallized! Prima di tutto come state? Siete eccitati per l’uscita del vostro nuovo album?
Jakob: Ciao Cristiano! Qua stiamo alla grande, non c’è niente di meglio del momento in cui si rilascia un album! E’ sempre grandioso rilasciare nuovo materiale e questo è anche importante per il feeling tra noi membri del gruppo, in modo tale da non far diventare tutto una routine. Speriamo che questo grande album e la collaborazione con la Gain/Sony ci porti su nuovi territori e consolidi ed espanda le nostre ambizioni in quanto a concerti dal vivo e posti dove andare in tour.

Fenrir: Quali sono le vostre sensazioni riguardo Devil in Details?
Jakob: Siamo molto felici ed eccitati! Grandi speranze e grandi aspettative!

Fenrir: Il vostro stile è sempre stato caratterizzato dalla grandiosa produzione e dall’ottimo songwriting. Come lavorate sui pezzi? E’ difficile raggiungere standard così elevati?
Jakob: Grazie mille! E’ nostra intenzione avere queste qualità e scrivendo molte canzoni inevitabilmente si spera di diventare bravi a farlo, un po’ come nel calcio o cose del genere. Ci vuole esercizio! Sono ormai dieci anni che siamo on the road e abbiamo alle spalle 6 album in studio, 1 DVD e un live album, che non sono esattamente poca cosa. Ci piace lavorare duro e quando non siamo on tour io scrivo musica, quindi non è una sorpresa che c’è sempre materiale per gli album successivi, normalmente abbiamo 30/40 canzoni tra cui scegliere e solo 12/13 finiscono su un album... Adoro essere parte di questo processo e il modo migliore per me per non perdere il ritmo è non chiudere mai la porta al processo creativo. A volte quando rifletti sul numero di pezzi che hai rilasciato ti sembra incredibile. Credo che parte di questo accada grazie al duro e talentuoso lavoro di Mr. Valentin. E nonostante facciamo per la maggior parte hard rock di stampo classico è sempre un nostro obiettivo quello di avere un sound fresco ed innovativo che resista al tempo e non perda di vitalità dopo poco tempo. Trovo che uno dei segreti sia usare sonorità più organiche possibili ed anche usare senza esagerazione le moderne tecnologie ed effetti.

Fenrir: Avete impiegato molto tempo per registrare l’album?
Jakob: No questa volta abbiamo speso qualcosa come otto settimane in studio, cosa che è quasi un record per noi. Mats Valentin è come il quinto componente del gruppo ed è sempre vicino all’azione ed agli sviluppi dell’album. E’ il mio mentore e uno dei miei migliori amici. Ci piace un sacco lavorare assieme e socializzare.

Fenrir: Cosa possono aspettarsi I fan da questo Devil in The Details? Specialmente pensando che arriva dopo il magnifico Tour De Force.
Jakob: Nient’altro che il meglio, sempre, in ogni caso.

Fenrir: Perchè avete scelto tale titolo?
Jakob: Il significato di "Devil in the details" è che la differenza tra qualcosa di buono e qualcosa di grandioso sta nei dettagli. E’ come dire “the secret is in the sauce”. Il titolo riflette la nostra passione e dedizione alla musica, davvero. Che bisogna prestare attenzione alle piccole cose per farle per bene e persino dopo il cinquantesimo ascolto è possibile scoprire nuovi dettagli. Lo sappiamo per esperienza dopo così tanti anni nel business, ed è un po’ un modo di onorare il nostro modo di fare musica. In più suona figo, o no?

Fenrir: La vostra musica suona molto elegante ma allo stesso tempo è pesante e catchy. E’ difficile trovare equilibrio tra questi stili?
Jakob: A dire il vero no, raramente ci pensiamo su nel momento in cui scriviamo i pezzi, differentemente da quando li si ascolta dove è più facile scovare questi dettagli. Abbiamo sempre avuto un debole per il magnifico e spesso usiamo l’aggettivo “epico” per descrivere la nostra musica. Penso derivi da una certa idea di sound ma anche perché crediamo che la nostra musica abbia importanza ed abbia il potere di avere un effetto positivo sulla vita delle persone, così come le band che ci hanno influenzato hanno avuto un effetto sulle nostre vite.

Fenrir: Una cosa che adoro di voi è la vostra capacità di rilasciare hit che riescono addirittura a scalare le charts (cosa non facile di questi tempi). Vi sareste mai immaginati tutto questo successo quando avete cominciato?
Jakob: Ci aspettavamo molto successo, ma guardandomi indietro è abbastanza impressionante quanto siamo riusciti a guadagnarne, quindi diciamo che non siamo sorpresi ma siamo molto grati.

Fenrir: Chi sono le maggiori ispirazioni dei Poodles per quanto riguarda la musica ed il look?
Jakob: Ogni musicista fa fatica nel dare un genere alla musica che suona e noi non facciamo eccezione, dato che siamo stati influenzati dai giganti che ci hanno preceduto, tutti di generi diversi, e noi stessi ci definiamo un gruppo di gloriosa e fiera tradizione rock’n roll. Viviamo in un momento in cui possiamo trarre ispirazioni da ogni direzione e mescolare tutte queste diversità con le nostre esperienze di vita e con I nostri sentimenti. Il genere con cui possiamo essere etichettati puo’ essere quello dell’heavy metal, ma le idee e le influenze sono molto più ampie.

Fenrir: Come ben sapete la Svezia si è rivelata un paradiso terrestre in quanto a hard rock ed AOR negli ultimo anni, almeno vista da quaggiù in Italia.Per quanto ne sappiate, c’è un motivo per questo “hard rock revival”?
Jakob: Perché siamo stati un paese prosperoso per lungo tempo e abbiamo lunghi e noiosi inverni. Puoi fare una tra tre cose: bere (molto), giocare a hockey o formare una band hard rock. Scegline una, o accoppiane un paio. Se combini il bere con una delle altre due, sicuramente non funzionerà. Alcuni giocano ad hockey e suonano in un gruppo, ma alla fine la musica ne esce sempre come vincitrice. Penso che questo sia quanto di più vicino alla verità che tu possa ottenere. Ma vorrei anche aggiungere che il genere che hai menzionato permette una grandissima varietà di sound, cosa da cui i gruppi svedesi riescono a trarre vantaggio, così come facciamo noi! Se vuoi suonare in un gruppo questo è lo sbocco migliore, è così oggi come lo era 30 anni fa.

Fenrir: Ascoltate altri gruppi Scandinavi simili a voi? Quali sono quelli che preferite? ?
Jakob:Penso che abbiamo un sacco di bella musica in Svezia, mi piace ascoltare gruppi come Flowerkings, Opeth, Skintrade, Heat e Europe .

Fenrir: Vi piace andare in tour? Quali sono i migliori e i peggiori (se ce ne sono) momenti che ricordate?
Jakob:Beh, i Poodles sono un gruppo che viaggia da dieci anni ormai e adoriamo andare in tour, suonare ed incontrare i nostri fan. Dopo quasi ogni show che facciamo c’è una signing session in modo tale da conoscere e salutare I fan. Ricordi... Troppi per menzionarli tutti.

Fenrir: Cosa avete in mente per il futuro dei Poodles?
Jakob: Stiamo per fare un piccolo tour da due settimane in aprile e poi parteciperemo ad alcuni festival durante l’estate, dopodichè faremo un tour vero e proprio in ottobre quindi se volete vedere un concerto bombastico ed elettrizzante dei Poodles quest’anno avrete grandi possibilità se vivete in Europa; tutte le informazioni comunque sono sempre sulla nostra pagina facebook.

Fenrir: Sarà possibile vedervi per qualche data qua in Italia?
Jakob: Stiamo negoziando ed organizzando tutto proprio in questo momento, quindi speriamo di poter portare qualche buona notizia riguardo un tour in Italia al più presto!

Fenrir: L’intervista è finita, grazie mille per il vostro tempo! Spero di vedervi presto, non vedo l’ora.
Jakob:Grazie a te, non vediamo l’ora di tornare in Italia appena possibile.



andy usurper
Lunedì 4 Maggio 2015, 7.12.46
3
Band di qualità assoluta e superiore di molto alla media,però coi 2ultimi dischi stanno perdendo molto lo smalto e la freschezza compositiva che li contraddistingueva,spero che si riprendano al più presto ,o mi sa che li perderemo,ed è un peccato assoluto!
Mauror20
Domenica 19 Aprile 2015, 18.24.08
2
Li ho persi di vista , band di simpaticoni forse l' immagine troppo legata agli anni 80.Dischi piacevoli,ho avuto modo di vederli onstage quando aprirono agli Hammerfal
Beastman
Sabato 18 Aprile 2015, 10.02.21
1
Gruppo di qualità superiore, di cui forse in pochi si sono davvero accorti.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
RECENSIONI
90
93
70
ARTICOLI
18/04/2015
Intervista
THE POODLES
La differenza sta nei dettagli
11/10/07
Intervista
THE POODLES
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]