Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Bergtatt, da un'illustrazione di Andreas Fyrileiv
Clicca per ingrandire
La cover del disco
Clicca per ingrandire
La line-up dell'epoca
Clicca per ingrandire
Un estratto dal booklet di Bergtatt, con il testo del quinto capitolo
Clicca per ingrandire
La band, oggi
Clicca per ingrandire
La cover di Terrestrials, ultima fatica della band
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

26/11/17
MESS EXCESS + AENIGMA
RIFF CLUB - PRATO

27/11/17
MASTODON
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

CRYPTIC WRITINGS - # 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
18/04/2015 (1965 letture)
Pensare agli Ulver contemporanei, quelli di release come Messe I.X-VI.X e Terrestrials e ad essi confrontare una produzione black metal potrebbe sembrare ad alcuni, specialmente a coloro i quali si sono avvicinati alla band in un passato recente, un paragone con poco senso. Eppure, chi ha avuto la costanza di seguire il combo scandinavo lungo la propria lunga discografia, sa bene che da qui è partito tutto. Da una manciata di brani pubblicati in diverse fasi seppur in rapida successione, lungo alcuni degli anni chiave di questo genere in terra norvegese. Eppure, nonostante la presenza ingombrante di diversi nomi che in quegli anni seppero fare la storia (del black, ma anche di loro stessi), gli Ulver seppero ritagliarsi immediatamente una nicchia propria, privilegiata, discostandosi nettamente soprattutto nelle tematiche. Infatti, al posto di tentare la fortuna percorrendo la già affollatissima via dell’anti cristianesimo, la band decise di concentrarsi maggiormente su un aspetto più tradizionale, storico, popolare e folk della Norvegia, pur mantenendo per quanto possibile un’adesione al genere di riferimento. Il risultato è senza dubbio sorprendente, soprattutto se si pensa che, nel 1995, i componenti della band si aggiravano tutti sui vent’anni scarsi. Una volontà di voler fare la differenza, con uno stile proprio e lungi dall’essere conformista, che la band ha mantenuto e ancora dimostra di saper seguire, nonostante i cambiamenti di approccio e di scenario musicale.

CAPITEL V: BERGTATT - IND I FJELDKAMRENE

Così come lo strumentale di quest’album è stato ammirato da più generazioni di appassionati (di musica metal ma non solo) per la sua peculiarità, anche a livello contenutistico questo full-length di debutto si configura come una voce fuori dal coro. Come del resto in tutti i testi di Bergtatt, infatti, anche in questo capitolo finale l’ispirazione nella scrittura dei testi è, come ammesso dalla stessa band, largamente proveniente dall’epoca del regno di Danimarca-Norvegia, stato che tra il 1536 e il 1814 ha mantenuto uniti questi due paesi e le loro rispettive colonie. Se da un lato, dunque, la letteratura dell’epoca, combinata con una componente di folklore e superstizione medievali, ha fatto da chiara ispirazione nella creazione della storia che fa da filo rosso a questa release, ad essa è anche dovuta la scelta nel registro linguistico dei testi dell’album: non si tratta, infatti, di norvegese moderno, bensì di una lingua che non è altro che l’adattamento norvegese del danese, lingua ufficiale del regno, soprattutto nello scritto. Ecco quindi un contenuto che può sembrare (ed è) scritto in un norvegese obsoleto, quello che dal 1879 verrà comunemente chiamato riksmål, sviluppatosi, trasformatosi e standardizzatosi nei decenni fino all’acquisizione, nel 1907, dell’ortografia ufficiale del norvegese bokmål, ancora oggi la forma della lingua scritta più utilizzata in Norvegia.
Conclusa questa analisi preliminare, spostiamoci sul contenuto del testo. Nel precedente capitolo, Capitel IV: Een Stemme locker, la storia si era interrotta nel momento in cui la ragazza, tentata dalla voce dello spirito della montagna che nella boscaglia la circonda, confusa si interroga su cosa fare: seguire la voce che, con invitanti promesse, la vuole portare nell’ignota oscurità, oppure tentare di opporre resistenza, sola, nel buio della foresta?
La risposta, cruda, arriva fin dalle prime linee del quinto capitolo: la voce ha vinto sulla ragazza, che l’ha seguita, ritrovandosi rapidamente imprigionata e ad essa assoggettata, debole ed inerme, sulla via di quella montagna il cui spirito non le lascerà scampo, sulla via per quelle fjeldkamrene di cui già anticipava il titolo. Nessuna pietà, nessun rispetto, nessuna compassione le sono garantiti. Inoltre, si scopre che non è l’unica a condividere questo destino, come a far presagire che la tremenda sete di sangue della montagna faccia fatica ad essere appagata:

Pigen bad for sig
Det maatte ey hende hiælpe
Oc med det een nye Pige de røfvede
Foer med hende som de vilde
Oc ey som de skulde


La ragazza supplicò per la sua liberazione
non servì a nulla
E con lei rapirono anche un’altra ragazza
L’usarono a loro piacimento
e non come avrebbero dovuto


Il percorso da prigioniera della ragazza in un ambiente cupo e completamente sconosciuto continua: giunge al cospetto di un’imponente casa delle ombre, gelida come il restante paesaggio invernale già nell’iniziale Capitel I : I Troldskog Faren Vild. È ormai chiaro che nulla di ciò che di positivo la voce aveva promesso, si avvererà:

Til der, hvor Skyggernes Huus hun saae
Saa kolde oc evigblaae


Fino là, dove vide la casa delle ombre
Così fredda e dal blu eterno


Ecco la resa finale, il crudele destino della ragazza si compie. Lo spietato ed inumano spirito della montagna la afferra, la ingloba a sé, la fa sua senza pietà. Il sacrificio è compiuto, sulla montagna e la foresta tutta cala di nuovo la notte, coprendo la violenza di ciò che è appena accaduto e, come è facilmente immaginabile, preparando la trappola per la prossima vittima. Per la ragazza, non rimane pressoché più nulla da fare:

Fjeldet tog hende ind
Til sit haarde Graabergkind
Igien herskede Natten dend sorte
Oc nu er hun borte...


La montagna la condusse
fino alla sua granitica grigia guancia
La nera notte ritornò a regnare
ed ora lei è persa per sempre


Con un ultimo sforzo, con un finale quanto inutile colpo di reni, la ragazza cerca disperatamente di urlare, nella vana speranza che qualcuno o qualcosa possa interrompere questo rituale di morte e venire in suo soccorso, strappandola dalle fauci della montagna, da un destino certo e segnato. Ma ogni tentativo cade nel vuoto, la ragazza era e rimane lontana da tutti, sola. La disumanizzazione si fa completa, ella viene spogliata di tutte le sue caratteristiche umane e diventa solida, grigia, gelida pietra:

Hun skriger med sidste Pust aff siin Stemme
Een Epoche vi aldrig vil glemme
- Een forstened Krop


Gridò con l’ultimo filo di voce rimasto
Un momento che non dimenticheremo mai
- un corpo che si tramuta in pietra


Come il sole aveva saputo velocemente scomparire in Capitel II : Soelen Gaaer Bag Aase Need, lasciando sola la ragazza, come la notte era nuovamente, rapidamente calata subito dopo il suo sacrificio, come se nulla fosse accaduto, ecco approssimarsi a grandi passi anche l’alba di un nuovo giorno, il quale anch’esso, impassibile ed incurante di quanto appena accaduto, fa gradualmente la sua apparizione nella scena:

…Maanen er borte
Ocsaa Stiernerne ere sluknede


La luna è sparita
E anche le stele si sono spente


Amara e scorata è la chiusa di questa lunga storia. Laggiù, tra le montagne del nord, tra le gelide selve e gli oscuri pendii, laggiù nel cuore della natura più ignota, la montagna, rimane solidamente lì, con la sua sete di sangue, con il suo desiderio di morte, in attesa di nuove vittime da allietare con le sue voci fatue ed ammalianti e con cui poter giocare fino alla morte:

Hu! det regner og det blæs;
For langt nord i Fjellom
Djupt under Hellom
Der leikar det...


Oh! Piove e tira vento;
Nel lontano nord delle montagne
Nel profondo dei pendii
Laggiù loro giocano…


Si conclude qui il lungo viaggio di Bergtatt, prima parte di quel trittico black metal (di recente ricomparso sotto forma di un nuovo box set in edizione limitata, dal titolo Trolsk Sortmetall 1993-1997, a cura di Century Media) che con Kveldssanger e Nattens Madrigal - Aatte Hymne til Ulven i Manden (terzo in ordine di pubblicazione, ma composto subito dopo lo stesso Bergtatt e rimasto ‘nel cassetto’ fino al 1997, quando sempre Century Media ne decise finalmente l’uscita), ha saputo mantenere alto il nome degli Ulver, nonostante gli anni e, soprattutto, tutto quanto di più diverso la band di Kristoffer Rygg e soci abbiano voluto affrontare, sperimentare e pubblicare lungo più di due decenni di carriera. Come già detto, quanto proposto al giorno d’oggi dai “Lupi di Oslo” è davvero molto distante da quanto Bergtatt sia capace di raccontare e comunicare, ma ciò non significa che quest’album non sia in grado di ispirare e trasmettere ancora molto, sia ai nostalgici del periodo d’oro del black metal norvegese, sia a tutti coloro i quali, negli anni, ne sono rimasti stregati. Un ascolto che rimane, nonostante i vent’anni alle spalle, essenziale e ancora fortemente consigliato.



Mickey
Lunedì 20 Aprile 2015, 15.19.42
3
Un album che è uno dei miei punti cardine, mi ha fatto piacere leggere un crypric wrirings a proposito.
Cerberus
Lunedì 20 Aprile 2015, 10.47.03
2
Certamente il mio preferito della band, anche se ha poco senso mettere i loro album a confronto. Il finale acustico del cap V poi mi ha fatto venire i lacrimoni più di una volta! A chi è appassionato del tema dei testi consiglio le fiabe di Asbjørnsen e Moe, che sono meno crude ma danno una buona prospettiva sul folklore norvegese ottocentesco.
.:alekos:.
Lunedì 20 Aprile 2015, 8.57.40
1
Articolo particolare e molto interessante, dal quale si intuisce la profonda passione per l'universo culturale (e naturale) a cui si riferisce. Grazie per i molteplici spunti di riflessione suscitati.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Panorama sulle montagne norvegesi
Clicca per ingrandire
Il massiccio Trollveggen, muro dei troll
Clicca per ingrandire
'Ekko', del pittore Theodor Kittelsen, dove appare il viso di una montagna
Clicca per ingrandire
La cover del box set Trolsk Sortmetall 1993-1997
Clicca per ingrandire
Bergtatt, nel booklet di Trolsk Sortmetall
ARTICOLI
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]