Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Mayhem
Daemon
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
ABYTHEON
The Mists Of Ithriel

15/11/19
BOMBUS
Vulture Culture

15/11/19
DENNER`S INFERNO
In Amber

15/11/19
THE PINEAPPLE THIEF
Hold Our Fire (live album)

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
DESPISED ICON
Purgatory

15/11/19
CYHRA
Letters To Myself

15/11/19
TRIBULATION
Alive & Dead At Södra Teatern

15/11/19
TULUS
Evil 1999

CONCERTI

15/11/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
LEGEND CLUB - MILANO

15/11/19
RIVAL SONS + GUEST TBA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

15/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

15/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
SCUUM - PESCARA

15/11/19
ARCANA OPERA + GUESTS
THE FACTORY - CASTEL D'AZZANO (VR)

16/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
FIRST FLOOR CLUB - NAPOLI

16/11/19
ASPHYX + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

16/11/19
THE 69 EYES
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

16/11/19
AD NOCTEM FEST
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTERS - ROVELLASCA (CO)

16/11/19
DEWFALL + VETRARNOTT
METAL SYMPOSIUM - MOCAMBO LIVE CLUB - SANTERAMO IN COLLE (BA)

KISKE/SOMERVILLE - Siamo attori su un palcoscenico
27/06/2015 (2149 letture)
Cosa accade se si mettono assieme due dei cantanti più dotati della scena rock e metal? Semplice, si dà vita ai Kiske/Somerville, intrigante collaborazione fra due assi del microfono, che ha già prodotto due album. Proprio al fine di sapere qualcosa di più sull’ultimo lavoro e sul progetto in generale, abbiamo raggiunto la cordiale e simpatica una delle band più ingiustamente sottovalutate della storia del rock. Ciò nonostante, con una decisione che ha fatto Amanda Somerville.

Barry: Ciao e benvenuta su Metallized! Quante interviste hai già sostenuto per la promozione di questo album?
Amanda: Wow, tante! Non le ho contate, ma tante!

Barry: Prima domanda: come è nata questa esperienza musicale e che aspettative nutrivate agli inizi?
Amanda: La decisione di mettere assieme questo duo è stata di Serafino Perugino, padrone e dirigente della Frontiers Records. Ha dato incarico a Mat Sinner di produrre l’album e di trovare un partner ideale per Michael, così Mat ha chiamato me. Dopo aver ascoltato alcuni demo, sono stata davvero elettrizzata all’idea di esser la seconda metà del duo! Il primo album ed i conseguenti video musicali sono stati grandi esperienze da registrare e filmare e penso che abbiano posto delle basi positive per il secondo lavoro.

Barry: Sono trascorsi cinque anni dalla pubblicazione del vostro primo album; ne sei ancora soddisfatta? Come mai ci avete fatto aspettare tanto per il nuovo lavoro?
Amanda: Sono sicuramente soddisfatta di quel lavoro, ma sono anche felice che siamo cresciuti entrambi e che siamo molto più “squadra”ora di quanto non fossimo all’epoca. So che è passato un po’ di tempo fra i due album, ma c’era poco da fare al riguardo: siamo tutti talmente impegnati che è stato necessario parecchio tempo per coordinarci al fine di comporre i brani, registrare ed incontrarci per realizzare i video. In questo campo è da considerarsi un lusso e mi considero fortunata nell’avere avuto così tanti “problemi” ad organizzarmi per trovar tempo assieme agli altri ragazzi coinvolti!

Barry: Cosa vi ha portato a scegliere il titolo City of Heores e questo artwork incentrato sulla lotta fra Angeli e Demoni?
Amanda: Non è stata una mia decisione, ma penso che City of Heroes rappresenti perfettamente l’album, oltre a rappresentare un titolo edificante. L’artwork si sposa bene con molti dei temi ricorrenti nei brani, in particolare quello di affrontare il tuo lato oscuro ed abbracciare la luce.

Barry: Come hai lavorato per comporre la musica per questo album?
Amanda: Nel precedente album c’erano tre miei brani, in questo invece c’è la sola Breaking Neptune, che ho scritto assieme a mio marito. Avrei potuto avere più miei brani su questo lavoro se solo non avessi consegnato i miei demo troppo tardi! Ero così dannatamente occupata in quel periodo, inoltre Mat e Michael avevano già scritto tanti brani grandiosi, quindi non c’era una oggettiva necessità di ulteriore materiale. Tuttavia, anche sui loro pezzi ho lavorato su alcune melodie vocali, su alcuni testi e sulla divisione dei ruoli. Per me conta molto intervenire anche a quel livello.

Barry: E cosa, invece, ti ha ispirato dal punto di vista lirico?
Amanda: Traggo sempre ispirazione dalla vita quotidiana, in particolar modo dalle relazioni interpersonali. A volte parto da un sogno o da una scena cui ho assistito. Breaking Neptune, ad esempio, è un brano abbastanza personale e piuttosto esoterico: sono del segno dei Pesci ed uno dei pianeti dominanti per il mio segno è appunto Nettuno. Riguarda, fondamentalmente, una sorta di lotta emotiva contro qualcuno che stava provando a fare del suo meglio per farmi del male.

Barry: Parliamo ora del processo di registrazione: come avete lavorato? Avete registrato le vostre parti separatamente o assieme?
Amanda: Abbiamo registrato le nostre parti nei nostri studi, ma ci siamo comunque tenuti in contatto attraverso mail e telefono, per parlare delle canzoni.

Barry: Penso che City of Heroes sia più coeso rispetto al vostro precedente lavoro. Dal punto di vista dell’ascoltatore, si percepisce un maggiore feeling fra i membri della band. Sei d’accordo con me?
Amanda: Sì, assolutamente! Aver lavorato assieme su più di un album, in diversi video ed aver fatto un tour assieme con gli Avantasia ci ha permesso di conoscerci molto bene, sia dal punto di vista personale che professionale. Abbiamo lavorato separatamente su progetti comuni come gli Aina e, appunto, gli Avantasia prima di incontrarci di persona nel 2010 per la prima volta, al fine di realizzare il video di Silence. Ho anche fatto un commento al riguardo nel video che realizzammo come making of e puoi vedere benissimo la confusione di Michael: non aveva idea che fossi stata io a cantare su The Silver Maiden degli Aina e si era sempre chiesto di chi si trattasse! E’ stato divertente vedere la reazione alla No, aspetta…eri tu?!?! di Michael!

Barry: La musica è solitamente scritta e “concepita” per un solo cantante. Nel vostro caso, invece, musica, melodie ed armonie scaturiscono da due voci principali. Puoi dirci qualcosa al riguardo?
Amanda: E’ molto divertente giocare con le varie caratteristiche delle melodie e delle nostre voci. Penso che le nostre tonalità si sposino davvero bene, quindi è una bella tela quella che dipingiamo cantando assieme. A volte logicamente non è semplice mettere assieme i pezzi, ma è davvero molto appagante, specie quando ascolti il risultato finale per la prima volta!

Barry: Quando cantate, qualcuno di voi cerca di adattare il proprio stile a quello dell’altro? Che genere di sensazioni provate nell’ascoltare l’altrui lavoro ed approccio?
Amanda: No, penso che siamo entrambi molto forti nei nostri ruoli di cantante e che le nostre voci si sposino talmente bene da rendere superflua la necessità che qualcuno adatti il proprio stile all’altro. Nessuno di noi si tira indietro, nessuno di noi ha bisogno di “trattenersi” ed è uno dei molti aspetti grandiosi del progetto. Cantiamo entrambi in modo naturale e come siamo abituati, ma è divertente suonare assieme ed ascoltare il modo in cui rendiamo assieme.

Barry: Molti dei brani che cantate sono scritti da altri musicisti. Ti sei divertita nel cantarli? Si sposano bene alla taa idea di musica?
Amanda: Sì, mi sono molto divertita nel cantarli ed è sempre una bella sfida trovar me stessa nel brano, oltre al suono della canzone in sé, per cantarla in modo convincente. Ho bisogno, di mio, di applicare la canzone alla mia vita personale ed alle mie vicende per relazionarmi ad essa prima di poterla cantare, perché penso che si debba credere a ciò che stai cantando. In un certo senso, siamo come attori su un palcoscenico e credo che il mio approccio sia molto simile al tipo di preparazione che svolge un buon attore, quando deve immedesimarsi in un determinato ruolo; è lo stesso tipo di metodo che adotto io quando canto qualcosa che non ho personalmente scritto.

Barry: Ci sarà mai la possibilità di vedervi dal vivo?
Amanda: Sono sicura che potrete vedermi dal vivo in molti modi, come solista, con i Trillium o gli Avantasia; per quanto riguarda i Kiske/Somerville, mi piacerebbe molto presentare le nostre canzoni ad un pubblico dal vivo un giorno! Tuttavia, al momento non ci sono piani per un nostro tour o qualcosa del genere, semplicemente perché abbiamo un mare di impegni ed i nostri tempi liberi non coincidono. Michael ha gli Unisonic ed io un album solista cui sto lavorando, nonché un nuovo album dei Trillium in cantiere subito dopo, unito a tutte le apparizioni come ospite in altri gruppi cui sto lavorando, allo scrivere canzoni, all’esercitarmi…ma chissà, mai dire mai!

Barry: Grazie mille per il tuo tempo. Sentiti libera di aggiungere qualcosa o di salutare i vostri fan italiani.
Amanda: Grazie per il vostro interesse ed il vostro supporto! Lo apprezzo molto e spero di tornare nella vostra bella Italia molto presto!



xXx
Sabato 27 Giugno 2015, 15.29.03
5
ognuno ha le sue speranze...eh eh
Steelminded
Sabato 27 Giugno 2015, 15.25.00
4
Io spero che Paul day torni negli iron... Eheheh
xXx
Sabato 27 Giugno 2015, 14.06.45
3
io sxo che kiske torni semplicemente negli helloween........
Prometheus
Sabato 27 Giugno 2015, 13.58.43
2
Io spero vivamente che Amanda smetta di perdere tempo con un progetto che sta tirando fuori una caterva di cose banali. Piuttosto, perché si sbriga col nuovo album dei Trillium? E magari anche col terzo album solista pop/jazz? E perché non promuove l'ultimo bellissimo album degli HDK (che spero recensirete? Capisco che la collaborazione con Kiske le dà visibilità, però fatta così non ha molto senso.
Radamanthis
Sabato 27 Giugno 2015, 10.27.59
1
E brava Amanda! Secondo disco migliore del primo anche se non mi ha fatto impazzire la produzione e il missaggio delle voci. Detto ciò spero che il progetto continui perchè per me è sempre un piacere ascoltare cantare Kiske, indipendentemente se negli Unisonic, negli Avantasia o questo progetto (o altri) anche se il sogno si sa quale sia...Let the pumpkin'fly free!!!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Amanda
RECENSIONI
50
ARTICOLI
27/06/2015
Intervista
KISKE/SOMERVILLE
Siamo attori su un palcoscenico
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]