Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
Live in Germany 1986
Clicca per ingrandire
Monsters of Rock 1991
Clicca per ingrandire
Tutti pazzi
Clicca per ingrandire
Vecchia locandina
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

CRYPTIC WRITINGS - # 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
05/09/2015 (2096 letture)
E' facile associare l'hardcore ed i generi limitrofi ad una "ignoranza" espressiva che, fondendosi con un tipo di proposta musicale crudissima, incolta, furente e mediata nell'arco di pochi secondi tramite pezzi corti e violenti, sia limitata a poche frasi incazzate urlate nelle orecchie degl ascoltatori. Capita molto spesso, però, che dietro quelle grida sguiate, si nasconda un messaggio importante e sentito. Frasi di ribellione, a volte solo scritte con l'intento di definire un "noi" ed un "loro" con i quali non ci si vuol confondere, altre addirittura romantiche e con una loro profondità. Una delle band che meglio ha saputo fondere l'aggressività iconoclasta dell'hardcore/punk con la voglia e la capacità di dire qualcosa che andasse oltre il "noi non siamo come voi" e giungere persino a momenti di riuscito intimismo, sono indubbiamente stati i Negazione, dei quali analizzeremo La Vittoria Della Sconfitta.

LO SPIRITO DELLA VITTORIA
Tra i gruppi HC/punk che maggiormente hanno contribuito all'affermazione di una certa scena italiana, sconfinando con grande fortuna anche in Europa ed oltreoceano, producendo come spin off postumo anche dei professionisti affermati oggi appartenenti ad altre realtà del mondo delle sette note, i piemontesi Negazione sono senza dubbio alcuno da annoverare tra i più rappresentativi, secondi forse soltanto ai Raw Power. Figli di quella Torino degli anni 70 la cui vita era regolata attimo per attimo dai ritmi della fabbrica, nella quale semplicemente uscire la sera durante la settimana era visto come un gesto profondamente sconveniente, che solo un sovversivo non inquadrato e soprattutto non inquadrabile nelle logiche della vita sotto l'ala del Lingotto poteva pensare di fare, i Negazione si posero fieramente "contro", sia quando cantavano di situazioni al limite del romantico, sia quando, come in questo caso, non solo non si nascondevano dietro musica e parole di comodo, ma rivendicavano la sconfitta conseguente a certe scelte come autentica vittoria. La loro opera più importante, Lo Spirito Continua, data 1986 e per un vero e proprio approfondimento circa il disco nel suo complesso, vi rimando alla recensione firmata dalla nostra Mara Zanetti "Unia". In questa sede, invece, ci focalizzeremo sul testo di una delle canzoni più belle -per quanto il termine "belle" possa essere adatto ad una musicalità così ruvida- contenute da quell'album, ossia La Vittoria Della Sconfitta, uno degli urli di libertà più sentiti degli anni 80, un'autentica Negazione dell'obbligo di omologazione imperante.

Non sprecare parole e sorrisi per me
io conosco già la fine del libro
non mi serve addolcire il dolore
perché io ho perso
ho già scelto la sconfitta
la vittoria della sconfitta


Non importa. Non importa affatto sapere che la scelta fatta, quella di essere contro ed in ogni caso fuori dagli schemi consolidati di una società che produce i suoi membri con lo stampino e dosi massicce di perbenismo di facciata, sia perdente in partenza. Il fatto di conoscere già la fine del cammino, inevitabilmente perdente, non ha importanza alcuna e non richiede consolazione. La consapevolezza iniziale del prezzo da pagare è già un potente edulcorante sia del dolore, inteso come parte inevitabile del gioco e quasi positivo in quanto testimone della bontà della posizione assunta, che della sconfitta già scritta. Ed anche questa non solo è qualcosa di ineluttabile, ma addirittura auspicabile, perché essere fuori dalle logiche della condiscendenza, del benaltrismo, di quella politica del guadagno che già nel 1986 sembrava aver toccato livelli inimmaginabili, mentre era ancora in grado di raggiungere vette di fangosità al di là del concepibile, dell'aderenza agli schemi ingabbianti di una società già scavata dal verme che oggi l'ha praticamente digerita interamente, è una vittoria che nessuno che di quegli schemi è parte integrante può sperare di capire. Una vera vittoria della sconfitta, per chi è in grado di intenderlo.

Quante volte ancora mi mostrerete
che questo posto non è il mio
in ogni istante, ad ogni occhiata
in ogni pensiero, ad ogni azione
sempre, fino a quando creperò
davanti a qualche vostro palazzo
in ginocchio, con il corpo distrutto
ma con la mente attiva
perché l'odio rimane


Una società falsa e cosciente di esserlo, che non può di conseguenza accettare le deviazioni dalla "retta via" e chi quei sentieri scova e percorre, non mancando mai di farglielo notare. E quando i richiami a rientrare nei ranghi non sortiscono l'effetto sperato, allora la mossa da fare è isolare, additare, screditare, allontanare. Se qualcuno non si adegua all'andazzo, deve essere posto fuori dal recinto dove il gregge si muove in apatica sicurezza, al fine di evitare il contagio. Questo posto non è tuo, non fa per te, tu non fai per noi e non mancheremo mai di farti notare quanto sei fuori luogo, fino al momento estremo. Solo, con i segni della lotta e della sconfitta apparentemente evidenti, ma in realtà non domato, fieramente capace di lottare per mutare la sconfitta in vittoria. Non col corpo, non a pugni, ma con le idee, con la mente, col virus della ribellione che sopravvive in latenza, alimentato da quell'odio per l'apparenza che lo nutre e lo tiene in vita. Anche oltre la morte del simbionte che lo ospita.

Quando mi chiedete perché
mi fate ancora più schifo
io odio la vostra ipocrisia
io voglio e non chiedo perché
conosco già la risposta
troppe volte il bello diventa brutto
troppe volte soffro, troppe volte
Non sprecare sorrisi e parole per me


Ed anche i momenti di apparente interessamento per il diverso, sono in realtà falsi come il resto, mascherando solo il tentativo di sottolineare ancor di più quanto la diversità sia sgradita e, contemporaneamente, così compiere opera di auto-rassicurazione ed auto-affermazione per chi, appartenendo a quel risiko sociale di schizofrenica passività dell'essere, non possiede i mezzi mentali per prendere atto e per analizzare la possibilità di un'esistenza autonoma, senza qualcosa da succhiare dal capezzolo del politico di turno, del capo ufficio che ti vessa, del boss che ti controlla, della fabbrica che ti nutre scaricando la tensione interna creando nemici tra i diversi, inevitabilmente più deboli. In quel momento l'odio è ancora più profondo, più nero, sottolineando ancora ed a fuoco la diversità della visione della vita tra chi pensa e chi crede di farlo. La condizione del libero pensatore, però, non provoca quell'anestesia totale della mente, quella lobotomizzazione del'Id che gli altri subiscono o addirittura cercano. La visione delle brutture non è quindi risparmiata, non è mediata da niente, provocando sofferenza e struggimento, ma anche consapevolezza e vita vera, vissuta. Non perdete quindi tempo a commiserare questa gente, la strada da loro scelta è inaugurata da un cartello che indica un senso unico, invertire la marcia o semplicemente svoltare ad un incrocio è loro impossibile.

BRUCIA DI SOLE
Come tutto ciò che "brucia di vita", anche i Negazione descrissero una parabola tutto sommato relativamente breve -nove anni- e, incapaci di evolversi in formazione stabile con batterista fisso, implosero sotto il peso del loro successo underground, della fine di quella voglia di fare sacrifici estremi per la musica e dei rapporti interpersonali. In un certo senso era una storia già scritta, come quasi tutte quelle riguardanti l'HC/punk, genere così urticante da essere forse poco adatto a generare gruppi di lungo corso (ovviamente le eccezioni non mancano) e parole così meditate da sopravvivere al tempo. I Negazione, però, sono sopravvissuti a loro stessi, alle mode ed al cambio epocale di mentalità che ha reso obsoleto e quasi fastidioso chi decide di non far ammuffire le proprie sinapsi davanti ai programmi di Carlo Conti o di Antonio Ricci. Sempre in attesa del Giorno del Sole, se mai verrà. Ma tanto non importa, quel che conta è attenderlo, vivi e senzienti.



ignis
Venerdì 13 Gennaio 2017, 18.10.42
43
Confermo quanto detto da jo-lunch al #38 (riguardo al negozio; sulla bellezza della Torino di oggi non concordo pienamente). Erano proprio dei bei tempi, ricchi di stimoli e di una particolare 'effervescenza'!
F2mad
Mercoledì 26 Ottobre 2016, 12.13.56
42
Ho il vinile comprato nel 1986 ........è ho detto tutto!!!! H/C
iano"sonofodin"
Domenica 13 Settembre 2015, 20.13.05
41
Ricordo di avere conosciuto questo gruppo Hc italiano, in un piccolo atlante musicale della Giunti 'hardcore. Purtroppo l'hc/punk non viene tanto seguito in Italia come lo è in America che è una sorta di heavy/metal melodico...
Masterburner
Mercoledì 9 Settembre 2015, 10.46.12
40
Comunque viva l'HC italiano degli anni 80, un movimento musicale e culturale che è stato una vera punta di diamante di cui dobbiamo andare fieri. A quando un articolo sui Wretched?
Masterburner
Mercoledì 9 Settembre 2015, 10.39.56
39
Ho trovato i Negazione sempre un pò 'indigesti', non nego di preferire gli Indigesti!
jo-lunch
Mercoledì 9 Settembre 2015, 7.44.00
38
Io da Rock & Folk ci andavo già nella preistoria, quando era un buco di negozio e non ho mai visto alcun ubriaco o gente che faceva casino; ci vado ancora adesso (dopo vari cambi di negozio) e mi fa piacere rivedere le stesse facce e, anche se tutto è ormai cambiato, non posso negare che lì dentro si respira sempre una certa aria d'antan e ogni tanto si sente anche un po' di nostalgia. In quegli anni la tecnologia era lontana mille anni luce e la musica si ascoltava in maniera diversa. Oggi Torino è una città bellissima, piena di vita e multiculturale, ma non posso negare che una volta rappresentava uno dei poli musicali (parlo di grandi concerti) più importanti d'Italia, mentre adesso, ahimè, è relegata ad un ruolo di pura comparsa. Chi vive a Torino non può negare questa verità.
Metal Shock
Mercoledì 9 Settembre 2015, 1.35.07
37
Per Sicktadone: "..quella Torino che si incontrava da Rock`n`Folk per guardare i dischi" ahahaha si come no. Quattro s.....i dentro e venti fuori di solito a fare casino ed ubriacarsi. Io ho vissuto quegli anni e tutta sta bella gente non l`ho vista!!!
black brains
Mercoledì 9 Settembre 2015, 0.31.52
36
nella canzone quando arriva alla frase: perché l'odio rimaneee... con quell'urlo alla fine è qualcosa di meraviglioso
metallo
Martedì 8 Settembre 2015, 21.54.15
35
Non credo che Ramazzotti e Venditti centrino molto, fanno pop, non metal o punk che sia, e inoltre credo e spero di jon sbagliarmi, che anche tra punk e metal non e' che ci sia stata sempre tutta questa unione fraterna, anzi; il problema a mio parere che persiste tuttora e' che in Italia e' sempre mancata una cultura musicale seria.
DRAGO
Martedì 8 Settembre 2015, 21.07.12
34
troppe poche di band cosi ce ne sono state in italia ! a quanto pare gli italiani preferivano ramazotti o venditti. che coglioni.
metallo
Martedì 8 Settembre 2015, 19.51.58
33
Si @Raven recepito, ma volevo precisare una volta per tutte, pur non conoscendo quel gruppo, certamente sapevo che fosse un gruppo punk tra quelli citati da Lele, li ho citati in quel post in modo scherzoso con funzione di doppio senso, pensavo si fosse capito, evidentemente qualcuno non ci e' arrivato a capirlo.Per me chiusa qui.
Raven
Martedì 8 Settembre 2015, 18.41.12
32
Non roviniamo la discussione, grazie.
metallo
Martedì 8 Settembre 2015, 15.33.27
31
questo per scherzare, ma se hai detto sul serio , qui se c'e' un ritardato quello sei tu.
metallo
Martedì 8 Settembre 2015, 15.30.57
30
No @Simo e' il tuo cervello che va a scoppio ritardato ahahah
simo
Martedì 8 Settembre 2015, 12.32.57
29
Metallo é ritardato ahah
Arrraya
Martedì 8 Settembre 2015, 11.23.28
28
Ops, ignoravo l'esistenza. Stasera li cercherò.
d.r.i.
Martedì 8 Settembre 2015, 11.09.10
27
Grande Raven, bellissimo CW su un testo da ricordare sempre ogni volta che si affronta qualcosa! Qui ho ritrovato lo spirito ribelle di mio nonno che diceva "insulti e complimenti accettali solo da chi stimi, il resto è un suono nell'aria!"
Raven
Martedì 8 Settembre 2015, 7.31.56
26
Sin Cities. C'è anche Torino.
Raven
Martedì 8 Settembre 2015, 7.30.42
25
Ma li abbiamo. E' la serie Sin City
Arrraya
Lunedì 7 Settembre 2015, 21.43.52
24
Tempo fa sul tubo vidi un documentario sulla scena hardcore Torinese, periodo anni '90. Nessun accenno ai Negazione che facevano parte dell'onda ottantiana, peccato. Comunque Torino sfornò ottime band anche nel Metal, non sto a citarle tutte perchè erano diverse. Si poteva definirla una scena in piena regola. Sarebbe bello fare degli special "Cittadini" sulle scene anni 80/90.
Raven
Lunedì 7 Settembre 2015, 17.07.46
23
Grazie a tutti.
Sicktadone
Lunedì 7 Settembre 2015, 16.55.08
22
Cito un nostro lettore: "A chi dice che a Torino, tolta la Fiat, non resta nulla, dico ascoltate Negazione e Nerorgasmo, e capirete quella Torino che non aveva negli ideali la Giuventus o la Fiat, quella Torino che passava dalla biblioteca al centro sociale con scioltezza, quella Torino che si incontrava a Rock & Folk per guardare i dischi". Un ottimo lavoro Francesco, i testi di questi gruppi troppo spesso vengono presi sotto gamba, mentre sono stati una realtà irripetibile!
metallo
Domenica 6 Settembre 2015, 15.51.43
21
#italiano,#Raw Power, scusate colps di questo scatorcio di tablet.
metallo
Domenica 6 Settembre 2015, 15.49.04
20
Ahah incuriosito dal nome Indigesti, sono andato ad ascoltare qualcosa di loro, scusatemi ma l'avevo detto che di punk mastico poco, solo qualche nome iraliano come i Raw Powere e qualcuno famoso straniero americano e inglese e neanche troppo approfondito, , e' da pochissimo che ascolto punk e hardcore, specialmemte dopo delusioni in campo metal, detto questo ho appunto ascoltsto qualcosa di loro sul tubo e sono bravi davvero, bisogna ammettero il Piemonte e Torinomha sfornato dei bei gruppi, oh poi visto che siamo in tema di nomi bizzarri avrei citato tra l'elenco di Lele anche i Blue Vomit,di certo non indigesti e di certo non provocano cio' che e' scrityo nel loro nome, niente male anche loro, poi vabbe' anche io ho 3 o 4 nomi ma questa volta esteri, che uno manco ci crederebbe che esistono, da bannaggio sicuro, ma si sa la fantasi nel dare nome ai gruppi non ha limiti
LAMBRUSCORE
Domenica 6 Settembre 2015, 13.27.45
19
Commento n.7 da incorniciare, ahaha, mi viene in mente un gruppo delle mie parti, non so se esistano ancora, si chiamavano come una bestemmia, meglio che non li nomino, se no vengo bannato....
Hellion
Domenica 6 Settembre 2015, 13.06.25
18
Certe volte capita che un'intera epopea, una vita, un periodo, un appartenere a qualcosa di irripetibile, nel bene e nel male sia dipinto in una sola frase, capace di gettare luce e ombre su momenti che se non vissuti personalmente sono davvero difficili da comprendere.... "Figli di quella Torino degli anni 70 la cui vita era regolata attimo per attimo dai ritmi della fabbrica, nella quale semplicemente uscire la sera durante la settimana era visto come un gesto profondamente sconveniente, che solo un sovversivo non inquadrato e soprattutto non inquadrabile nelle logiche della vita sotto l'ala del Lingotto poteva pensare di fare....".
metallo
Domenica 6 Settembre 2015, 9.25.39
17
@Lele perfetto finalmente ci siamo capiti , questione di "Negazione", eheh
Lele 12 *DiAnno
Domenica 6 Settembre 2015, 9.15.24
16
@metallo, adesso ho capito. Scrivo troppo convoluto, quelle frasi con tre negazioni non + non + nulla... Riscrivo così: la scena HC nostrana era largamente superiore a quelle degli altri paesi, eventualmente erano gli stranieri ad avere quacosa da invidiarci.
metallo
Domenica 6 Settembre 2015, 9.07.33
15
A mio avviso per quel poco di punk che ho ascoltato, per quanto riguarda i testi se la cavano bene , si difendono bene a me pare, certo ci sono gruppi stranieri superoiri , sicuramente, ma la qualita' dei negazione mi sembra fuori discussione, su youtube ho letto apprezzamenti anche di persone straniere.
Lele 12 *DiAnno
Domenica 6 Settembre 2015, 8.57.53
14
@metallo, certo, ribalto la prospettiva. Se parliamo di H/C non sono i gruppi italiani a non avere nulla da invidiare agli stranieri, ma eventualmente saranno (forse) i migliori tra gli stranieri a non avere nulla da invidiarci. Pensavo si capisse il senso...
metallo
Domenica 6 Settembre 2015, 8.52.37
13
Scusami e', ma non mi hai detto che ribalti quello che ho detto al 2?
Lele 12 *DiAnno
Domenica 6 Settembre 2015, 8.45.46
12
@metallo, perdonami, ma dove avrei scritto che hanno qualcosa che non va?
metallo
Domenica 6 Settembre 2015, 8.26.48
11
@Raven grazie della precisazione l'ho gia' detto mokte volte cge non sono un esperto pero'@ Lele non hai risposto alla mia domanda, cosa hanno che non va i Negazione?
Lele 12 *DiAnno
Domenica 6 Settembre 2015, 8.11.59
10
Grazie @Raven, non sapevo come rispondere ...
Raven
Domenica 6 Settembre 2015, 8.08.49
9
Indigesti è il nome di una band
metallo
Domenica 6 Settembre 2015, 7.48.34
8
Voglio dire la maggior parte della critica giudica ad esempio Lo Spirito continua tra i migliorinalbum italiani di quel periodo e tra i vertici del del genere punk rock hardcore, che cosa hanno i loro testi e la loro musica che fai fatica a deglutire!?Ti va di sherzare o cas'altro!?
metallo
Domenica 6 Settembre 2015, 7.42.28
7
Non conosco la maggior parte dei gruppi da te citati, non sono ferrato per il punk hardcore, non e' propriamente il mio genere, spiegaci perche' ti sarebbero indigesti,.....poi se lo dici tu che sei un esperto.....c'e' da crederci .....o no!?
Lele 12 *DiAnno
Domenica 6 Settembre 2015, 1.47.19
6
@metallo, ribalto quello che scrivi: questo, al limite, è uno dei casi in cui possono essere gli stranieri a non avere nulla da invidiarci. Raw Power, Negazione, Indigesti, Peggio Punx, Kin@, Impact, CCM, Wretched, Franti (anche se non di stretta osservanza H/C) ... e a ricordarli tutti ci vorrebbe un libro ...
Arrraya
Sabato 5 Settembre 2015, 22.06.40
5
Bisognerebbe fare un CW anche per gli altri album, split e demo compresi. Poesia urbana, Hardcore Punk , miscelati e portati al massimo livello. Ho ancora il vinile di "Wild Bunch", la raccolta dei loro demo.
LAMBRUSCORE
Sabato 5 Settembre 2015, 18.12.21
4
Per chi come me ha vissuto quegli anni incredibili,- ero un ragazzino- davvero un grande articolo, poi mi fa piacere che tante persone apprezzino i testi e la musica anche a distanza di anni....
Unia
Sabato 5 Settembre 2015, 17.52.19
3
Uno dei testi più belli del gruppo. Grazie Fabrizio e grazie Francesco.
metallo
Sabato 5 Settembre 2015, 15.20.56
2
Confesso la mia ignoranza in ambito hardcore punk, questo gruppo lo sto approfondendo, ma devo dire che questo e' proprio un gran gruppo, che nulla ha da invidiare ai gruppi del settore stranieri, e lo testimoniano la bella ritmica e i bellissimi testi, un mix travolgente.
Selenia
Sabato 5 Settembre 2015, 10.43.19
1
Ti entrano dentro in maniera tagliente come solo l'hardcore sa fare, risvegliano il senso di rabbia e di rivalsa ma allo stesso tempo ti lasciano con la delusione di constatare con amarezza lo schifo che ti circonda. Davvero un gruppo incredibile, grazie Raven per questo articolo!!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Negazione e Declino
Clicca per ingrandire
Lo spirito continua
Clicca per ingrandire
EP 85
Clicca per ingrandire
Mathieu-Zazzo
Clicca per ingrandire
Fabrizio Fiegl
ARTICOLI
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]