Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Therion
Beloved Antichrist
Demo

Millennium
Awakening
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/02/18
CHRIS BAY
Chasing The Sun

23/02/18
ARMORED DAWN
Barbarians In Black

23/02/18
DRIVE BY WIRE
Spellbound

23/02/18
CHRONIC HATE
The Worst Form of Life

23/02/18
KILLING GANDHI
Aspirations of Failure

23/02/18
OBLIVION (FRA)
Resilience

23/02/18
TENGGER CAVALRY
Cian Bi

23/02/18
THUNDERMOTHER
Thundermother

23/02/18
REVERTIGO
ReVertigo

23/02/18
APOSTLE OF SOLITUDE
From Gold To Ash

CONCERTI

23/02/18
ANGEL WITCH + ANGEL MARTYR + FORGED IN BLOOD + URAL
ALCHEMICA CLUB - BOLOGNA

23/02/18
NILE + TERRORIZER + GUESTS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

23/02/18
HIEROPHANT
NOVAK - SCORZE' (VE)

23/02/18
TURBOCHARGED + VIOLENTOR + THE RADSTER
CELLAR THEORY - NAPOLI

23/02/18
HOPELESS + QUMA + SILENCE PREVAILS
POP EX-LAVANDERIE RAMONE - TORINO

23/02/18
BURIAN + ULFHEDNAR + AMRAAM + CRUELTY FORCE
FUCKSIA - ROMA

23/02/18
SAILING TO NOWHERE
ARCI LA FRECCIA - APRILIA

23/02/18
JOHN PALMUTE + DECLAPIDE + NOORADRENALINA
SHABBA CLUB - CANTU' (CO)

24/02/18
ANGEL WITCH + ANGEL MARTYR + FORGED IN BLOOD
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

24/02/18
VUUR + GUESTS TBA
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

DONNE ROCCIOSE - # 29 - Elize Ryd
22/12/2015 (2001 letture)
Nel corso delle ventotto puntate precedenti (a proposito: grazie per il successo che avete tributato alla rubrica), la serie Donne Rocciose si è occupata delle più svariate figure di donna nel mondo del rock. Tutto questo passando da mostri sacri come Patti Smith a vecchie glorie del metal come Kate De Lombaert, ad esponenti moderne quali Otep Shamaya e tantissime altre, trattando vari stili musicali ed altrettanto diversi tipi di donna. Quella posta stavolta sotto la nostra lente d’ingrandimento è un’esponente dell’ala più leggera del metal, tanto da essere considerata da alcuni fuori dal recinto, per così dire. A prescindere dalle distinzioni di genere, però, Elize Ryd è un personaggio che ha ottenuto un grosso successo che non si limita solo alla musica. È lei, dunque, la “numero 29”.

DANCING DISNEY
Lo abbiamo detto più volte e non possiamo che ribadirlo ancora: la famiglia d’origine incide moltissimo nelle scelte e nel futuro di ogni individuo. Anche nel caso di Elize Ryd, immancabilmente, l’assunto viene ulteriormente confermato dalla realtà. I genitori della ragazza sono musicisti e cambiano spesso residenza, così lei comincia a cantare già all’età di tre anni seguendo le orme delle sorella maggiore (anche lei oggi è cantante e ballerina di professione), per esordire in pubblico solo un anno dopo. Crescendo, assorbe fin dalla più tenera età influenze punk, heavy, operistiche e, immancabilmente, anche quelle provenienti dalle colonne sonore della Disney. I suoi punti fermi, tuttavia, sono Agneta e Annifrid degli Abba e Freddie Mercury con i Queen. Come per molti ragazzi della sua età, un’altra fonte di ispirazione sono i video di MTV, dai quali apprende delle “gesta” di David Bowie, Madonna, Michael Jackson e tanti altri. La decisione cosciente di diventare una cantante-ballerina, però, la prende dopo che una tata decide di farla stare buona facendole vedere il film musicale The Sound of Music con Julie Andrews e Christopher Plummer, noto in Italia col titolo Tutti Insieme Appassionatamente. La prima svolta della sua carriera avviene a tredici anni, quando partecipa ad un talent che si tiene in quel di Gothenburg al quale si iscrive risultando la più giovane partecipante. Il premio in palio è un contratto discografico ed Elize vince la competizione, ma il regolamento impone che il vincitore abbia almeno quindici anni per riscuotere la prebenda. In compenso ottiene una borsa di studio come “cantante più promettente” ed un ingaggio in Brödupploppet, un musical che ottiene un buon successo, tanto da essere replicato ben settantasei volte presso la Exercishuset, grosso e storico edificio della città, generalmente destinato a manifestazioni sportive giovanili. Già all’età di sedici anni, però, è attiva quale corista fissa per uno studio di registrazione professionale, finendo così su tantissimi dischi. Da notare anche la sua presenza nelle Trinity, un gruppo tutto al femminile presente al Volvo Trucks Event. Una seconda borsa di studio le giunge nel 2003. Nei successivi due anni entra nel giro del metal partecipando al terzo ed al quarto album dei Falconer, poi le collaborazioni con Dreamland (Fade Away) e Dragonland (Astronomy) lanciano la sua carriera, nonostante un provino fallito come nuova cantante dei Nightwish. Curiosamente, poco tempo dopo sostituirà temporaneamente la indisposta Olzon durante un tour nordamericano Kamelot/Nightwish. Intanto, nel 2004 entra nei ranghi della Performing Arts School dove poi si laurea e, nel 2007, dopo aver studiato in maniera intensiva canto, danza e recitazione, interpreta la parte della protagonista nell’allestimento dell’opera Sweet Charity al Lorensbergsteatern. Sempre dal 2007, lavora per due anni al Cabaret Lorensberg e poi, tra il 2009 ed il 2011 nell’allestimento di On Stage, come ballerina e cantante. Comincia anche una lunga e fruttuosa collaborazione con i Kamelot. In questo periodo stringe amicizia sempre più profonda con Jake dei Dreamland e Olof Mörck dei Dragonland, fatto che si rivelerà importantissimo.

AVE MAROON
Insieme, cominciano a registrare del materiale solista di Elize e scrivono canzoni per il Melodifestivalen. Questo nucleo di musicisti si unisce al cantante Andreas Solveström nel progetto Avalanche, composto da elementi di spicco del “giro” di Gothenburg con l’obiettivo di mettere in piedi una all stars band, ma il successo ottenuto su MySpace (sembrano passati mille anni da quando lo usavamo tutti, eh?) li spinge ad allargare la formazione a sestetto. Nascono gli Amaranthe. Il debutto della nuova band riscuote un ottimo successo, soprattutto a causa di un serie di pezzi in un certo modo ruffiani e di facile presa, mediati al pubblico dalla voce di Elize, il cui timbro tendente al pop risulta far da efficace ed avvincente contrasto ai riff più duri, almeno per un certo tipo di pubblico. Non è infatti un caso che alcuni si riferiscano alla band etichettandoli come “dance metal”, forse in maniera eccessiva. Che sia pop mascherato da metal, metal svilito dal pop o qualsiasi altra cosa vogliate, sta di fatto che Amaranthe ottiene l’attenzione di tutti i mezzi di informazione più diffusi, giornali compresi (siamo in nord europa, non dimentichiamolo) e si piazza al numero 84 della classifica mondiale di Spotify. Classifica generale, si badi bene, non metal. I due singoli estratti diventano dischi d’oro e la band riceve il Bandit Rock Awards. Il successivo The Nexus esce nel 2013 e ottiene anch’esso un buon riscontro di vendite, pur ricevendo critiche negative per il suo essere una semplice ripetizione del cliché del primo album, ma meno ispirato. Massive Addictive del 2014 è una sostanziale conferma dei pregi e dei difetti fin lì evidenziati dal gruppo, con la voce della Ryd sempre più adatta allo scopo e qualche piccolo aggiustamento nella musica. Anche in questo caso il lavoro diventa disco d’oro. Durante il corso delle sua ancor giovane, ma intensa carriera, oltre ad aver lavorato con i Kamelot, Elize Ryd ha collaborato con Timo Tolkki, Tony Kakko in Raskasta Joulua e Karmaflow OST (Rock Opera Videogame) Tomas Wallin, Marco Hietala (Ave Maria su YLE TV 1), Renegade Five, Smash Into Pieces, Takida, Docker’s Guild, Alexey Soloviev, Nergard e Gus G. Inoltre, ha partecipato allo show televisivo della TV svedese Så ska det låta nel 2014 e nel 2015 si è esibita al Melodifestivalen col cantante d’opera Rickard Söderberg. Da segnalare anche il suo lavoro come testimonial per gli spot televisivi di una notissima marca relativi ad una linea di prodotti per la cura della pelle, nel quale appare anche Adam Levine dei Maroon 5.

LA RYD? CHIEDA AL PORTIERE
Appassionata di immersioni, attrice e ballerina professionista con relativi vantaggi nelle apparizioni nei video, fidanzata dal 2008 con Joel Gistedt, giocatore professionista di hockey su ghiaccio nel ruolo di portiere, Elize Ryd è anche autrice, tanto che nel prossimo futuro è atteso un suo album solista. Attenta all’esteriorità quel che basta per trarne vantaggio come nel caso dello spot prima richiamato, senza svendersi più di tanto (“Faccio del mio meglio per apparire il più gradevole possibile, perché so che l’aspetto è qualcosa che la gente nota subito. Per mia fortuna ho sempre incontrato persone che hanno saputo valutare di più la bellezza interiore che quella esteriore.”), la Ryd possiede un timbro chiaro, pulito e versatile. Questo, risulta adatto a coprire un range che parte dal pop vero e proprio e giunge fino al metal (?) proposto con gli Amaranthe, con qualche incursione nel symphonic. Per capire esattamente quali siano le sue più vere inclinazioni, però, dovremo probabilmente attendere quell’album solista al quale accennavamo in precedenza, ma è probabile che il prodotto finale sia qualcosa a cavallo tra il pop-rock più raffinato ed il rock-metal più amichevole, anche se questa -lo sottolineo- è solo una mia speculazione personale. A prescindere da questo, Elize Ryd è un ennesimo esempio di artista nordeuropea che si muove sulla linea di confine tra il metal ed altri generi, sicura di sé (clamorosa la sua polemica pubblica con un hater che le aveva rivolto vari commenti sessisti e venne sputtanato in rete dalla stessa Ryd, fino a costringerlo a cancellare il suo profilo), molto bene inserita nei meccanismi del biz ed operante in una realtà sociale molto favorevole, come probabilmente in Italia non sarà mai possibile vedere per le note questioni storico-culturali, col solo, parzialissimo esempio di Cristina Scabbia. Del resto si sa, in nord Europa tutti sono profeti in patria.



chaosgoat
Domenica 4 Giugno 2017, 5.26.34
5
e figuriamoci se non lo era
stonefox
Sabato 14 Gennaio 2017, 4.33.30
4
@legalizedrugsandmurder, tecnicamente lei è abbastanza penosa come cantante
legalizedrugsandmurder
Giovedì 12 Gennaio 2017, 3.32.43
3
band a mio avviso assolutamente penosa. A parte la bella ragazza non hanno altro. Oltretutto mi sembra anche abbastanza mediocre come cantante
Raven
Domenica 27 Dicembre 2015, 18.11.27
2
Non so, definirla solo una turnista di talento è forse riduttivo, ma credo che si deva aspettare un suo lavoro solista per inquadrala meglio.
HeroOfSand_14
Mercoledì 23 Dicembre 2015, 20.26.40
1
Non sapevo fosse lei a cantare su Astronomy dei Dragonland, uno dei migliori dischi power degli ultimi 15 anni per quanto mi riguarda! E li interpreta benissimo i pezzi in cui partecipa, d'altronde non sarà una cantante con un'impostazione metal ma il suo dovere nel pop/pop rock lo fa benissimo. Degli Amaranthe ho apprezzato il primo album, originale e gradevole, poi si sono spenti. Delle sue collaborazioni direi che con i Kamelot si è inserita bene, e quando ha dovuto sostituire Anette nel tour dei Nightwish è stata brava, vedo Elize come un brava turnista ma a cui manca un qualcosa per farla piacere a molti fans della musica dura. Il suo timbro a me piace ma mi rendo conto che esistono cantanti mille volte migliori nel genere..
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
ARTICOLI
07/02/2018
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 41 - Dolores O'Riordan, l'inquietudine di vivere
11/12/2017
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 40 - Debbie Harry
29/08/2017
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 39 - Diamanda Galas
22/05/2017
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 38 - Sabina Classen
28/02/2017
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 37 - Lisa Dominique
07/01/2017
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 36 - The Great Kat
29/10/2016
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 35 - Suzi Quatro
28/09/2016
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 34 - Chiara Malvestiti
12/08/2016
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 33 - Anneke van Giersbergen
09/06/2016
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 32 - Cadaveria
02/04/2016
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 31 - Poison Ivy
23/01/2016
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 30 - Kelly Johnson
22/12/2015
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 29 - Elize Ryd
05/11/2015
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 28 - Lzzy Hale
26/09/2015
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 27 - Liv Kristine
28/08/2015
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 26 - Marcela Bovio
25/07/2015
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 25 - Tarja Turunen
23/06/2015
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 24 - Otep Shamaya
25/04/2015
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 23 - Sharon den Adel
22/03/2015
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 22 - Jinx Dawson
25/02/2015
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 21 - Patricia Morrison
20/01/2015
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 20 - Kate De Lombaert
19/12/2014
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 19 - Veronica Freeman
20/11/2014
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 18 - Leather Leone
18/10/2014
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 17 - Floor Jansen
02/09/2014
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 16 - Simone Simons
02/08/2014
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 15 - Cristina Scabbia
02/05/2014
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 14 - Angela Gossow
09/04/2014
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 13 - Nina Hagen
06/01/2014
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 12 - Siouxsie Sioux
20/12/2013
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 11 - Grace Slick
27/11/2013
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 10 - Morgana
13/11/2013
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 9 - Jan Kuehnemund
30/09/2013
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 8 - Doro Pesch
12/09/2013
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 7 - Ann Boleyn
05/08/2013
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 6 - Lita Ford
14/05/2013
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 5 - Betsy Bitch
21/04/2013
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 4 - Lee Aaron
07/04/2013
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 3 - Joan Baez
26/03/2012
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 0 - Wendy O. Williams
08/08/2010
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 2 - Janis Joplin
25/07/2010
Articolo
DONNE ROCCIOSE
# 1 - Patti Smith
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]