Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
Bowie Lazarus
Clicca per ingrandire
Cerca di volare via
Clicca per ingrandire
Due bottoni a simulare occhi fissi
Clicca per ingrandire
Ego - Alter ego
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
HOUSTON
III

CONCERTI

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/17
ANIMAE SILENTES + VORTIKA
MOLIN DE PORTEGNACH - FAVER (TN)

18/11/17
DOMINANCE + CRISALIDE
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

18/11/17
UNMASK + KILLING A CLOUD
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

CRYPTIC WRITINGS - # 49 - Lazarus - David Bowie
08/02/2016 (1263 letture)
Cosa deve essere, per un uomo, avere coscienza della propria fine? Come deve essere, sapere in anticipo e con ragionevole approssimazione, quando avrà fine la propria vita e, soprattutto, come affrontare la cosa? Se l'uomo in questione è anche un artista e, per di più, uno dei più significativi degli ultimi 50 anni, come può gestire una faccenda del genere? La scelta operata da David Bowie non è stata solo e semplicemente l'unica possibile per un essere umano che ha affrontato la propria presenza su questa terra come un gigantesco show basato sulla musica e sulla teatralizzazione dell'interiorità, ma un vero e proprio testamento/opera d'arte. Un lascito andato oltre la semplice affermazione della propria esistenza per i posteri, ma si è fatto vera metabolizzazione, interiorizzazione dell'ineluttabile, del quale Bowie ha addirittura preso il controllo quasi fino alla fine, confezionando un estremo, commovente album. Di tutte le canzoni di quest'ultimo suo lavoro, Lazarus è la più intensa, la più significativa, la più toccante e magnifica, da analizzare necessariamente insieme al video che la riguarda. Perché ogni immagine, ogni nota ed ogni parola pronunciata, hanno un preciso significato

LA STANZA VUOTA
Luce calda, un piccolo armadio in legno che si apre lentamente, all'interno c'è qualcuno o qualcosa, probabilmente l'anima viva dello stesso David nel suo momento più intenso. Una musica basata su un basso ed un sassofono che ricordano gli anni 80 più raffinati (quelli dello stesso Bowie, dei Joy Division), la macchina da presa che sale lentamente inquadrando un uomo disteso su un letto. La figura è scavata, gli occhi coperti da una grezza benda incrociata e sopra, due bottoni a simulare degli occhi. Fissi, inquietanti, senza vita.

Look up here, I’m in heaven
I’ve got scars that can’t be seen
I’ve got drama, can’t be stolen
Everybody knows me now


Guardate qui, Sono in paradiso
Ho cicatrici che non possono essere viste
Ho un dramma, che non può essere rubato
Tutti mi conoscono adesso


Voce sofferta, cosciente di ciò che è inevitabile ed anzi, forse è già interiorizzato, elaborato e considerato come fatto avvenuto. "Sono in paradiso". L'ambientazione del video, tuttavia, suggerisce un luogo di passaggio, una stanza spoglia da ospedale. Paurosa, in una certa misura, nella quale fare un ultimo bilancio, dalla quale lasciare un ultimo messaggio prima di transitare definitivamente oltre e prima che non ci sia più il tempo di farlo. Nonostante la spersonalizzazione del volto, David riesce ugualmente a trasmettere la sua angoscia, il suo smarrimento mentre si aggrappa alle lenzuola, il suo sentirsi come Lazzaro, morto/non morto, già segnato, ma non ancora deceduto del tutto, ancora in grado di tornare; forse. Valutato il tutto alla luce di quanto accaduto e considerando il fatto che David sapeva bene ciò che sarebbe accaduto di lì a pochissimo ed in quali condizioni fisiche doveva essere, a stupire ed a commuovere è l'anelito artistico col quale l'uomo ha affrontato la questione, dipingendo un quadro musicale che già dalle prime pennellate si proponeva come capolavoro. La stanza è vuota, l'uomo solo, ma il fatto stesso che il momento sia incorniciato da un testo ed una musica, rende non solo l'osservazione di un pubblico possibile, ma addirittura data per scontata, cercata. In ogni caso, per quanto il momento della morte possa essere controllato, esorcizzato, condiviso come in questo caso, si è comunque soli con le proprie cicatrici interiori che, in quanto tali, resteranno sempre al riparo da sguardo altrui. Ci sono cose che nessuno può vedere, nonostante i più approfonditi esami medici che hanno analizzato ogni anfratto del fisico del Duca. Tuttavia, per quanto tutto possa essere teatralizzato e reso catartico con l'arte, il momento estremo è comunque privato, unico. La condizione di malato ha costretto l'uomo a momenti in cui è stato inerme, tutti lo conoscono, adesso. Tutti hanno potuto osservare il suo corpo dentro e fuori, rovistarlo, scansionarlo, ma il piano di lettura è duplice. Dato che è lo stesso Bowie a fare della sua morte un dramma (non uno show), sua è anche la volontà di essere conosciuto fino al momento estremo, dopo aver vissuto gli ultimi mesi non solo in una condizione fisica per cui niente poteva essere celato, ma anche per una presumibile tristezza per una condizione di dipendenza da medici e macchinari che lo hanno costretto ad essere studiato in modi, possiamo immaginare, anche poco dignitosi. Basso e sax cuciono la loro nenia di distaccato dolore.

IRRAGGIUNGIBILE. COME UN CELLULARE SUL PAVIMENTO
La camera si allarga, il protagonista lascia sconfortato le lenzuola alle quali si era aggrappato con un gesto di infantile difesa. Una mano accarezza il letto da sotto, Bowie si alza innaturalmente e lentamente. La sua paura aumenta, è nudo dentro.

Look up here, man, I’m in danger
I’ve got nothing left to lose
I’m so high it makes my brain whirl
Dropped my cell phone down below
Ain’t that just like me?


Guarda qui, amico, io sono in pericolo
Non ho più niente da perdere
Sono così sballato che il mio cervello è un vortice
Il mio cellulare è caduto giù
Non mi assomiglia?


La sensazione di essere in pericolo imminente e di non potersi difendere da qualcosa che non si può vedere, che può arrivare da un momento all'altro e trascinarti via, è desolante. Come quella mano che si muove furtiva mentre debole e sotto farmaci, non posso impedirgli di fare ciò che deve: aprire il vaso di Pandora dei ricordi. Niente da perdere, comunque. Solo la visione struggente di ciò che si era e non si può più essere. Ciò che deve accadere ormai accadrà, senza che si possa fare nulla per evitarlo. Mentre la telecamera si muove per assecondare le parole, dando l'idea di un corpo capovolto, fluttuante, David fa probabile riferimento proprio ai farmaci anti tumorali che fanno vorticare il cervello. La similitudine di sé stesso come un cellulare che cade verso il basso, simbolo odierno della nostra esistenza tecnologica e viene lasciato lì, proprio come il corpo terreno del protagonista, ormai incapace di riprenderlo nonostante la ridottissima distanza, è di una poetica contemporanea lancinante.

DANZANDO CON LA MORTE
By the time I got to New York
I was living like a king
Then I used up all my money
I was looking for your ass


Con il tempo ho avuto modo di (andare a) New York
Vivevo come un re
Poi ho usato su tutti i miei soldi
Stavo cercando il tuo culo


Vi è mai capitato, nei momenti più difficoltosi, quando la mente affronta uno stress talmente alto da essere insopportabile, che il vostro cervello abbia elaborato una via di fuga ripescando dalla memoria immagini gioiose, rassicuranti, sedative e ve le abbia trasmesse come un narcotico endovena? Ecco; all'improvviso la mente, e con essa un simulacro di corporeità, torna ai giorni andati. Bowie è in piedi, il volto è liberato dalla maschera della malattia, gli occhi vivi e gioiosi. Indossa un costume "un costume conosciuto, che riporta alla mente tanti ricordi, in quanto è estremamente simile a quello utilizzato per un photo set del ’76, proprio in occasione dell’uscita di Station to Station". (dalla nostra recensione di Blackstar - NdA). Il Duca Bianco accenna passi di danza. Non sono disinvolti, ma la felicità di (credere di) poterli fare bambinesca. Dietro di lui una finestra irradia luce con taglio quasi caravaggesco, un'inquadratura studiata. Non sono i passi fluidi che vorrebbe poter fare, ma li fa, con un sorriso perso su un volto che sente per qualche istante di essere davvero nel 1976. Quando viveva da re ed era il re. Una vita fatta anche di eccessi, in tutti i sensi. Ma è solo illusione, un trucco della mente per non impazzire di paura. Lo stacco della camera mostra David ancora inchiodato al letto, mentre immagina/crede di essere in quella NY che lo ha visto all'apice. Poi le lenzuola vengono gettate via con gesto disperato mentre anche il Bowie danzatore è sopraffatto. Il farmaco mentale perde il suo effetto, la realtà ha il sopravvento, ammesso che la realtà abbia cittadinanza in quel luogo di passaggio.

L'ULTIMO MESSAGGIO DEL MAGGIORE
This way or no way
You know, I'll be free
Just like that bluebird
Now ain't that just like me?
Oh I’ll be free
Just like that bluebird
Oh I’ll be free
Ain’t that just like me


In un modo o nell'altro
Sai, io sarò libero
Proprio come quel sialia
Ora non è proprio come me?
Oh, sarò libero
Proprio così quel sialia
Oh, sarò libero
Non è proprio come me?


Eppure, alla fine un pensiero si fa strada. Fiero e con gioioso. Qualunque cosa succeda, o meglio, quando ciò che deve succedere succederà, io sarò libero come un sialia. L'uccello citato (il bluebird o sialia, in italiano), è un volatile piuttosto raro, simbolo di felicità ed ottimismo. Giunto al momento di congedarsi, l'ultimo messaggio dell'ex Major Tom è di speranza. L'uomo è ancorato al giaciglio senza la forza di alzarsi davvero, ma cerca di volare via mentre il suo alter-ego scrive un messaggio su carta antica. Sembra finalmente aver trovato ciò che aveva da dire, le ultime parole da lasciare, una stilografica in mano a vergare un testo dopo aver trovato l'illuminazione, ambedue sono felici. Poi l'uomo dal passato sembra quasi implodere mentalmente in sé stesso, strisce di luce segnano la sua immagine mentre cerca di muovere passi che non riesce a coordinare, simulacro di corporeità. Il sax lacera l'atmosfera. La vita passata torna nell'armadio buio ed è finita. Con un sorriso convulso, è finita.

L'UOMO CHE CADDE SULLA TERRA. E LA CAMBIO'
Può la morte diventare opera d'arte, mediante un preciso lavoro, per di più condotto contro il tempo e consegnare al mondo un testamento che è sia opera nuova, che rielaborazione del vecchio e della vita stessa? La risposta è un evidente, indiscutibile si, se la morte in questione è quella di David Bowie. Lazarus non è solo una canzone bellissima come pezzo singolo, non è solo un addio/arrivederci in musica e parole, ma un tassello di un'opera completa che non comprende semplicemente Blackstar, l'album che la contiene, ma si spinge molto, molto più in là. Lazarus è anche il titolo di un musical andato in scena off-brodway poco prima del trapasso dell'artista, ispirato al film L'uomo che Cadde sulla Terra del 1976 (non è una coincidenza), del quale vuole essere un sequel. Un sequel nello stile di Bowie, che sposta la comunicazione dal cinema al teatro, che non prevede Bowie in scena e, in realtà, più legato al romanzo di Walter Tevis del 1963 che non alla pellicola. Un'opera che narrava di un alieno il quale cadeva sulla terra e, impossibilitato a ripartire, assumeva il nome Thomas Jerome Newton, diventava membro di questa collettività e scalava posizioni sociali diventando miliardario. Poi la scoperta del suo segreto e il rapimento, gli esperimenti, le umiliazioni che lo svuotano di ogni volontà.

Ho cicatrici che non possono essere viste
Ho un dramma, che non può essere rubato
Tutti mi conoscono adesso


Un diverso, un alieno caduto in un mondo brutale, cattivo, incapace di comprendere il valore dell'unicità e dell'alterità, che alla fine cade nella prostrazione e nel ricordo di un mondo lontano, il suo. Proprio come nel video si ricorda del mondo perduto del re mentre indossa il suo cotume del 76. Tutto si lega, tutto combacia in un enorme mosaico del quale ogni singolo tassello è progettato per funzionare come cellula autonoma, come parte di un tutto e come tutto stesso. Un David Bowie capace di pensare, progettare, disporre, eseguire e completare un quadro d'insieme così grandioso e di fare della sua morte un atto totale e totalizzante mentre già moriva lentamente, ha composto certamente la sua sinfonia più grande e rispettabile. La sua interiorità più profonda regalata al mondo, allo stesso mondo che ha distrutto Newton, che probabilmente non conoscerà mai davvero l'uomo/Bowie né per come è vissuto, né per come è morto. Da artista assoluto, superiore.

Lazzaro di Betania, Lazzaro il resuscitato, Lazzaro il non morto, l'assistito da Dio. Oppure, detto nei panni di Thomas Newton:
"Sono l’uomo che muore ogni giorno, ma non riesce mai a morire".

Bowie, infatti, non morirà mai. Che lo voglia o no.



Supi
Sabato 28 Ottobre 2017, 13.54.58
4
Che personaggio importante per il mondo.
mario
Lunedì 8 Febbraio 2016, 22.04.17
3
Bell'articolo veramente.Sapere dai medici quando suppergiù chiuderemo per sempre gli occhi deve essesre terribile, e nel frattempo tribolare con l'assunzione di farmaci dagli effetti collaterali non proprio simpatici, non si è mai preparati a una cosa del genere, lui ha voluto essere artista fino dipingendo le sue sensazioni interiori, esprimendole con immagini, con movimenti con la mimica, con la musica e in simbolismi più o meno velati, con un sensibilità ed espressività uniche, ricordo quando in un concerto volle esprimere la sua sensibilità recitando a viva voce il padre nostro col pubblico in favore dei malati di aids, comunque anche Lazzaro alla fine ha trovato la pace, è risorto doppiamente per mano divina sulla terra, e risorto a nuova e splendente vita in cielo, proprio dove è ora L''anima di Bowie.RIP.
Dani3121
Lunedì 8 Febbraio 2016, 17.47.11
2
Complimenti. Immenso Bowie.
Markus
Lunedì 8 Febbraio 2016, 9.25.27
1
Bell'articolo,complimenti.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Esemplare di Sailia
Clicca per ingrandire
Il musical
Clicca per ingrandire
L'uomo che cadde sulla Terra
Clicca per ingrandire
Scrive un messaggio su carta antica
Clicca per ingrandire
Strisce di luce che segnano la sua immagine
ARTICOLI
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]