Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Therion
Beloved Antichrist
Demo

Millennium
Awakening
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/02/18
REACH
The Great Divine

21/02/18
CANDLE
The Keeper/s Curse

23/02/18
TENGGER CAVALRY
Cian Bi

23/02/18
REVERTIGO
ReVertigo

23/02/18
DESTROYER 666
Call of the Wild

23/02/18
OBLIVION (FRA)
Resilience

23/02/18
TWILIGHT`S EMBRACE
Penance

23/02/18
NEW HORIZONS
Inner Dislocation

23/02/18
USURPRESS
Interregnum

23/02/18
UNRULY CHILD
Unhinged: Live In Milan

CONCERTI

20/02/18
RHAPSODY + BEAST IN BLACK
ALCATRAZ - MILANO

21/02/18
TURBOCHARGED + VIOLENTOR
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

21/02/18
HIGHLY SUSPECT
ALCATRAZ - MILANO

22/02/18
ANGEL WITCH + ANGEL MARTYR + SØNDAG
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/02/18
TURBOCHARGED + VIOLENTOR
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

23/02/18
ANGEL WITCH + ANGEL MARTYR + FORGED IN BLOOD + URAL
ALCHEMICA CLUB - BOLOGNA

23/02/18
NILE + TERRORIZER + GUESTS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

23/02/18
HIEROPHANT
NOVAK - SCORZE' (VE)

23/02/18
TURBOCHARGED + VIOLENTOR + THE RADSTER
CELLAR THEORY - NAPOLI

23/02/18
HOPELESS + QUMA + SILENCE PREVAILS
POP EX-LAVANDERIE RAMONE - TORINO

HOLLYBLOOD - # 12 - The Crow (Il Corvo)
14/07/2016 (1833 letture)
"Un tempo la gente era convinta che quando qualcuno moriva un corvo portava la sua anima nella Terra dei Morti. A volte, però, accadevano cose talmente orribili, tristi e dolorose, che l'anima non poteva riposare... così a volte -ma solo a volte- il corvo riportava indietro l'anima, perché rimettesse le cose a posto..."

CULT MOVIE
Diretto da Alex Proyas, The Crow lasciò un segno indelebile nella cultura degli anni '90 diventando immediatamente un cult grazie all'aura di film maledetto che lo permeò al momento della sua uscita.

Detroit, 30 ottobre (la Notte del Diavolo) un corvo si aggira per la città teatro di disordini e violenze fino a volare verso un inquietante palazzo. La polizia è sulla scena di un crimine efferato: il giovane musicista rock Eric Draven (Brandon Lee) viene ucciso alla vigilia del matrimonio da quattro balordi penetrati nel suo appartamento -T-Bird, Tin Tin, Funboy e Skank- e anche la fidanzata Shelly Webster (Sofia Shinas), brutalmente picchiata e violentata sotto i suoi occhi, non sopravviverà a tanto orrore morendo successivamente in ospedale. I due giovani vengono pianti in modo particolare dalla giovanissima Sarah, una loro amica figlia di una tossicodipendente che aveva trovato nella coppia la famiglia che le mancava: prima di morire, Shelly raccomanda al sergente Darryl Albrecht di incaricare Eric -del quale non conosce il destino- di badare alla ragazzina, cosa che farà il poliziotto instaurando con lei un rapporto di amicizia. Un anno esatto dopo questo terribile crimine i delinquenti -al servizio del crudele Top Dollar- sono ancora in libertà e si divertono in maniera discutibile nella notte che precede Halloween appiccando, come fanno molti altri malviventi, incendi in giro per la città. Ora lo stesso corvo si posa su una lapide del cimitero, quella di Draven, proprio mentre Sarah ha posato un mazzo di fiori per gli amici scomparsi; quella notte Eric torna in vita, si reca nel suo ex appartamento e attraverso una serie di dolorosi flashback rivive l'orrore di un anno prima. Capisce così che il corvo gli ha dato una seconda possibilità e, truccatosi come una maschera che aveva in casa e indossati abiti neri, decide di dare inizio alla priopria vendetta. Attraverso gli occhi del corvo -con il quale è in simbiosi- il protagonista trova Tin-Tin, appena uscito dal banco di pegni dell'avido Gideon, e lo uccide: quindi si reca nel negozio per recuperare l'anello di fidanzamento e spaventa il proprietario, bruciando il locale e risparmiando l'uomo perché possa raccontare ai tre superstiti che sta giungendo la loro ora. Eric è invulnerabile, le pallottole e le coltellate non possono ucciderlo e nulla può distrarlo dalla sua missione: dopo essersi rivelato alla piccola Sarah e al sergente Albrecht il non-morto sistema altri due membri della gang. Top Dollar insieme alla sorella/amante Myca interroga -prima di ucciderlo- Gideon, il quale racconta ciò che ha visto, e successivamente anche un terrorizzato Skank gli parla del fantasma di Draven: si scopre che Top Dollar aveva incaricato i suoi uomini di spaventare la coppia di fidanzati in quanto voleva mettere le mani sullo stabile in cui abitavano, ma la situazione era degenerata. Il boss ha organizzato un summit con la malavita cittadina a cui però partecipa anche Draven, il quale reclama Skank ricevendo per tutta risposta chili e chili di piombo; ma nulla può fermare il nostro eroe che dopo aver ucciso molti degli intervenuti in una memorabile sparatoria può finalmente completare la sua vendetta. Dopo essersi diretto quindi al cimitero per morire nuovamente, Eric si congeda da Sarah, ma Myca -che ha compreso il potere derivante dal corvo- con la complicità del fratello fa rapire la ragazzina e attira Eric in una trappola: l'animale viene ferito, Draven ha perso i suoi poteri e sta per soccombere nello scontro col malvagio Top Dollar, ma l'intervento in extremis di Albrecht lo salva. Myca cerca di impadronirsi del corvo, ma questo la attacca accecandola e la ragazza cade nella tromba delle scale della chiesa in cui era stato teso il tranello morendo. Quindi Eric affronta in duello Top Dollar -che si fa scudo della ragazzina- sui tetti della chiesa, questi lo ferisce e si prepara a finirlo ma Draven toccandolo gli trasmette grazie ai suoi poteri tutte le 30 ore di sofferenza di Shelly; ciò stordisce il cattivo che precipita infilzandosi su un gargoyle. Ora è davvero finita, Eric può ricongiungersi con la sua amata e trovare finalmente la pace, mentre il corvo tiene si posa sulla lapida per lasciare cadere dal becco l'anello tra le mani di Sarah.

Con una Detroit che sa molto di Gotham City, ambientazioni dark, effetti e inquadrature volutamente d'impatto il film sembra -è- una fiaba nera: le scenografie ricordano un fumetto perché in realtà The Crow nasce proprio su carta. Creato da James O'Barr nel 1988 dopo aver perso la moglie in un incidente, egli concepì il personaggio di Eric Draven rifacendosi anche a una terribile notizia di cronaca dell'epoca (due fidanzati erano stati uccisi per un anello di pochissimo valore). Ci sono alcune piccole differenze tra il fumetto e la pellicola (ad esempio la coppia viene uccisa mentre si trova in auto, anziché Shelly è Eric a finire in ospedale e inoltre è un poeta invece che un musicista) ma lo spirito della storia è rispettato in maniera più che opportuna.

THE CROW O.S.T.
Tra i molti pregi di The Crow bisogna includere anche la colonna sonora, un gioiellino che non avrebbe potuto trovare miglior vetrina del nostro sito: essa è infatti costituita di brani appartenenti a moltissime band presenti in database quali The Cure, Pantera, Stone Temple Pilots, Helmet, Rage Against the Machine e Rollins Band. La cover dei Poison Idea The Badge -pezzo dei Pantera incluso anche nella raccolta dei texani Reinventing Hell- ha un'intro e un'outro che è sì un dialogo estrapolato da una pellicola, ma non di questa: si tratta infatti di uno spezzone di Taxi Driver, la scena in cui De Niro/Travis compie una strage nell'appartamento in cui si prostituisce Iris/Jodie Foster. L'opener Burn (dei Cure) rappresenta a suo modo una piccola curiosità: O'Barr, infatti, rivelò che tra le altre cose fu anche la loro musica a ispirarlo nella creazione del fumetto, mentre Milquetoast degli Helmet qui diventa Milktoast. Ecco la tracklist del disco:
1. Burn - The Cure
2. Golgotha Tenement Blues - Machines of Loving Grace
3. Big Empty - Stone Temple Pilots
4. Dead Souls - Nine Inch Nails
5. Darkness - Rage Against the Machine
6. Color Me Once - Violent Femmes
7. Ghostrider - Rollins Band
8. Milktoast - Helmet
9. The Badge - Pantera
10. Slip Slide Melting - For Love Not Lisa
11. After the Flesh - My Life with the Thrill Kill Kult
12. Snakedriver - The Jesus and Mary Chain
13. Time Baby III - Medicine
14. It Can't Rain All the Time - Jane Siberry


LA MORTE DI UN UOMO, LA NASCITA DI UN MITO
Figlio d'arte (il padre è l'icona Bruce Lee) Brandon è l'attore perfetto per interpretare Eric Draven: bello, fisico asciutto e movenze atletiche, il ragazzo nei Nineties sembra pronto al grande salto nel mondo dello spettacolo; ma il destino ha deciso diversamente e quello che accadde sul set aumenterà ancor più l'interesse del pubblico verso la pellicola. Mancano pochissimi giorni al termine delle riprese e si girano le scene dei flashback di Draven: a causa di una disattenzione dello staff, l'arma con cui Michael Massee/Funboy spara a Lee, seppur caricata a salve, contiene nella canna un proiettile vero che colpisce lo sfortunato ragazzo al ventre. Inutili i soccorsi e la corsa in ospedale, Brandon muore il 31 marzo 1993 lasciando la troupe incredula, col relativo abbandono di alcuni attori e la conseguente depressione dell'incolpevole Massee. Il film venne terminato grazie alle controfigure e al montaggio digitale, cosa che ne raddoppiò i costi ma al botteghino The Crow ebbe un successo clamoroso, proiettando la stella del povero Brandon Lee nel firmamento di celluloide per l'eternità.

"Non può piovere per sempre..."



lisablack
Martedì 26 Luglio 2016, 23.08.08
11
Per me questo è un capolavoro, film davvero storico, l'ho visto al cinema e ho pianto tutta la sera. Atmosfere coinvolgenti, la colonna sonora invece mi piace ma di questo film mi colpisce di più la trama stessa, la grandiosa interpretazione di Brandon Lee, e certe frasi che mi toccano davvero il cuore. Cult moovie degli anni 90 per eccellenza!
Sambalzalzal
Sabato 16 Luglio 2016, 16.06.47
10
Per quanto riguarda la colonna sonora nel film personalmente salvo solo Burn, avrebbero dovuto affidare le atmosfere ad altra gente, per i miei gusti sarebbe andata sicuramente meglio ma del resto sempre secondo me in 1 su 10 film solitamente ci azzeccano e riescono a mettere d'accordo tutti
Argo
Sabato 16 Luglio 2016, 12.17.00
9
Gran film, visto al cinema all'epoca. Ho sempre amato il film (di gran lunga migliore del fumetto, pur essendo un divoratore di fumetti). Ho sempre apprezzato il film per quello che è, e ho sempre digerito poco il discorso sulla colonna sonora. La frase migliore del film e della cinematografia in generale (anche se presa dal fumetto) è: "Madre è l'altro nome di Dio sulle labbra e sui cuori dei nostri figli".
Marco 75
Sabato 16 Luglio 2016, 11.00.55
8
Ad essere sinceri Il Corvo per me fu una mezza delusione. Lo attendevo con ansia, perché all'epoca mi ero visto tutti i film di Brandon Lee e l'aura di film maledetto mi aveva incuriosito e quindi mi aspettavo molto da questa pellicola. A parte qualche sequenza e le atmosfere dark (che però sembravano riciclate dal Batman di Tim Burton) mi lasciò perplesso, mi sembrò un'opera riuscita solo a metà. Però consumai letteralmente la colonna sonora.
Sambalzalzal
Sabato 16 Luglio 2016, 10.16.08
7
Ricordo che avevo avuto per le mani il fumetto, quando vidi il film rimasi a bocca aperta, non avrebbero potuto far meglio! L'ho rivisto un paio di mesi fa e mi ha fatto vivere le stesse sensazioni della prima volta. Destino tragico e beffardo quello di BL... grazie a questo film raggiunse l'apice ma anche la sua fine. Avevo letto che qualcuno voleva girare un remake... spero davvero di no...
Rob Fleming
Venerdì 15 Luglio 2016, 18.50.26
6
Vorrei rivederlo oggi. All'epoca mi rapì letteralmente; con una colonna sonora da brividi. E poi, dai, la frase "Non può piovere per sempre..." è degna di entrare nelle frasi immortali della cinematografia
Testamatta ride
Venerdì 15 Luglio 2016, 17.53.45
5
Film importantissimo per quelli della mia generazione (1979). Colonna sonora strepitosa con tre vette: la strepitosa Burn dei Cure, Dead Souls dei Joy Division resa ancora più bella nella versione dei Nine Inch Nails e soprattutto, secondo me, Color me once dei Violent Femmes, una vera gemma.
HeroOfSand_14
Venerdì 15 Luglio 2016, 17.42.29
4
Capolavoro, atmosfera, musica e recitazione da brividi. Brandon Lee pazzesco nell'interpretare questo dannato, e la regia in generale è particolare e ricca. Finale commovente, per un vero cult della storia del cinema.
InvictuSteele
Venerdì 15 Luglio 2016, 17.42.22
3
Lo conosco a memoria, visto milioni di volte. da ragazzino era il mio film preferito e infatti uno dei primi cd acquistati fu proprio la colonna sonora del film che conteneva ottimi brani di alternative rock. Questo film è un cult assoluto!
galilee
Venerdì 15 Luglio 2016, 10.43.32
2
Film leggendario. Trasuda rock come nessun altro. Lo vidi due volte di seguito al cinema.
Metal Shock
Venerdì 15 Luglio 2016, 7.44.33
1
Film cult, l`ho visto tre volte. Il montaggio finale , a causa di scene girate ma non incluse nel film, non e` il massimo, ma resta un`opera unica con una colonna sonora da urlo. La scena di Brandon che corre sui tetti con sottofondo dei N.I.N. e` la mia preferita, ma in tutto il film le musiche accompagnano alla grande le scene. Se non fosse morto Lee sarebbe diventato una star con questo film, ma ora e` nel mito di Hollywood e del cinema, assieme al ben piu` famoso padre.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina
ARTICOLI
24/01/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 15 - It
14/01/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 14 - The Witch - A New England Folktale
26/10/2017
Articolo
HOLLYBLOOD
# 13 - Un autunno di sangue
14/07/2016
Articolo
HOLLYBLOOD
# 12 - The Crow (Il Corvo)
28/09/2014
Articolo
HOLLYBLOOD
# 11 - Il ritorno della rubrica dell'orrore
19/04/2013
Articolo
HOLLYBLOOD
# 10 - Le Streghe di Salem - Anteprima
29/12/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 9 - Viaggio nelle pellicole horror degli ultimi 10 anni
11/09/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 8 - La Casa (The Evil Dead)
15/08/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 7 - Splice
16/07/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 6 - Benvenuti a Zombieland
16/06/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 5 - Saw VI
15/05/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 4 - Iron Man 2
16/04/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 3 - Gamer
21/03/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 2 - Legion
17/02/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 1 - Paranormal Activity
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]