Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
CRYPTIC WRITINGS: # 56 - Wintersun - Time
Clicca per ingrandire
Zenone
Clicca per ingrandire
Platone
Clicca per ingrandire
Kant
Clicca per ingrandire
Bergson
Clicca per ingrandire
La copertina di Time I
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

CRYPTIC WRITINGS - # 56 - Time - Wintersun
22/09/2016 (682 letture)
Il tempo che scorre è sempre stato un tema “caro” all’uomo, il quale fin dai tempi antichi ha sempre cercato un modo per comprenderlo, affrontarlo o fuggirlo. Sta di fatto che ancora nessuno ha trovato il mondo di essere esente dalle conseguenze che esso comporta, intrappolato come l’umanità tutta nel suo vortice dal quale non vi è scampo alcuno. Ovviamente un tema di questo calibro non è passato inosservato all’arte, la quale, attraverso le sue svariate forme, lo ha rappresentato nelle sue diverse sfumature. In queste righe andremo ad affrontare questa tematica attraverso i versi di Time dei finlandesi Wintersun.

TIME
A partire dal giorno in cui viene al mondo, l’uomo viene letteralmente scaraventato nel vortice del tempo dal quale verrà trascinato per tutto il corso della sua vita, fino al giorno della sua morte. Il tempo è stato fin dall’antica Grecia oggetto di grandi dibattiti, partendo dai paradossi di Zenone, fino a Platone, il quale affermava che il tempo è un’ “immagine immobile dell’eternità”. Facendo poi un salto temporale non indifferente arriviamo a Kant, il quale rivoluzionò il metodo filosofico arrivando a ritenere il tempo come il senso interno delle cose attraverso il quale l’uomo, rendendosi conto del suo scorrere, è capace di percepire il mondo sensibile e gli oggetti. Giungendo in epoca moderna il filosofo che si occupò maggiormente del concetto di tempo fu Bergson, il quale distinse fra tempo della fisica e tempo della coscienza: il primo misurabile, reversibile e oggettivo, mentre il secondo impercettibile, irreversibile e assolutamente soggettivo. Tuttavia, al di là delle diverse concezioni del tempo, il suo scorrere è forse la sfumatura che più ci tocca e la band di Jari Mäenpää nella titletrack del loro secondo album Time I, uscito del 2012, ci presenta una concezione drastica e disperata dalla quale l’uomo non può che rassegnarsi e ricordare i momenti passati.

Darkness and frost are starting to reach
The heart of this land with a cold disease
Sleep now for a while before the storm awakes
And one day it will reward you for the burden of wait
The roots go deep into the frozen dead ground
Listen to the land of snow, it makes no sound
For ages searching the warmth of the sun
If it never finds me, I can die as one


Oscurità e gelo stanno iniziando a raggiungere
Il cuore di questa terra con una fredda malattia
Dormi ora per un po’ prima che la tempesta si desti
E un giorno ti premierà per il peso dell’attesa
Le radici scendono in profondità nel gelato e morto terreno
Ascolta la terra della neve, non produce alcun rumore
Cercando per anni il calore del Sole
Se mai mi troverà, potrò morire in quel momento


Dopo i due minuti scarsi della strumentale Darkness And Frost, Time inizia dove il brano precedente ci aveva lasciato, incalzando con un elegante crescendo che viene interrotto da un urlo del singer della band il quale poco dopo inizia a declamare i suoi versi attraverso uno scream personale e corposo. I versi proposti suonano premonitori, come se qualcosa di terribile stesse per accadere, come se una terribile verità stesse per essere svelata. Verità dalla quale l’uomo non può fuggire e non può ignorare.

Time will go on and we are drifting away in the night
I’ve been searching so long, but I will find you even if it takes my whole life
But tonight I feel so alone and I know that you are forever gone
Oh time, don´t fade away when I need you here, oh please don´t leave me now


Il tempo va avanti e noi ci allontaniamo nella notte
Sono alla ricerca da tanto, ma ti troverò anche se mi dovesse portar via la mia intera vita
Ma questa notte mi sento così solo e so che tu te ne sei andato per sempre
Oh tempo, non svanire lontano quando ho bisogno di averti quo, oh ti prego non abbandonarmi ora


Questa volta i versi sono cantanti in voce pulita, trascinante e malinconica come non mai. Vaghiamo in un mondo troppo grande per noi nel quale ci imbattiamo in troppi limiti e impedimenti combattendo spesso contro il tempo, il quale scorre imperterrito e inarrestabile davanti a noi. Viviamo passando ogni giorno della nostra vista aspettando o rincorrendo qualcosa che mai riusciremo ad avere, ma di cui abbiamo disperato bisogno per andare avanti, giorno dopo giorno, scontrandoci la morsa del tempo contro la quale combattiamo come dei titani: consci di non poter aver altro se non la sconfitta. In ogni caso al tempo non chiediamo più di tanto, ma semplicemente di stare dalla nostra parte nei momenti del bisogno, ma d’altronde la razza umana per cosa esiste se non per soffrire?

TIME!
Time! Fades away!
When time fades away!
And I’ll never be the same

Time! Time! Time! Time!


Tempo!
Tempo! Svanisce!
Quando il tempo svanisce!
E io non sarò mai lo stesso

Tempo! Tempo! Tempo! Tempo!


Seguono quindi disperate urla che invocano il tempo, ormai unica cosa con cui l’uomo si deve misurare fino alla sua ultima ora.

You want so much from me - I feel nothing but grief and despair
How can I make you feel again - All my dreams are just visions I can´t bear
You want something that I can´t give - I cannot keep living in this bitter dream
And I don´t care anymore
It feels like my life is ending


Tu pretendi troppo da me - Non sento nulla se non dolore e disperazione
Come riesco a farti sentire ancora - Tutti i miei sogni sono solo visioni che non posso sopportare
Tu vuoi qualcosa che non posso darti - Io non posso continuare a vivere in questo triste sogno
E non mi importa più
È come se la mia vita stesse finendo


Il tempo ci chiede troppo, non possiamo resistere tanto a lungo ai suoi continui colpi di ascia, riusciamo ad andare avanti, ma siamo ridotti sempre di più a brandelli e tutto quello che proviamo non è altro che dolore e disperazione verso tutto in quanto il tempo divora tutto ciò che abbiamo costruito, ogni nostro desiderio e ci pone davanti delle scadenze in tutto ciò che vogliamo fare. Il peggior strumento di tortura. Arriva un momento in cui crolliamo, in cui il tempo rende dolorosi anche i nostri più grandi sogni e continua a pretendere il meglio da noi stessi. L’unica via di fuga è drastica e triste: l’indifferenza. Abbandonare tutto ciò che abbiamo di più caro per impedire al tempo di farci male con le sue gelide sferzate e aspettare la morte, ma in fondo quando abbandoniamo tutto quello a cui teniamo, non siamo già morti? Ad ognuno la sua scelta, ma qualunque essa sia non sarà priva di sofferenze.

Oh, another year gone by
But nothing has changed in my life
And time goes on forever and ever
And it waits for no one


Oh, un altro anno è andato
Ma nulla è cambiato nella mia vita
E il tempo è andato avanti per sempre
E non aspetta nessuno


Gli anni passano e sempre di più ci rendiamo conto di non essere cambiati se non di poco, di essere sempre gli stessi e di affrontare le cose bene o male sempre alla stessa maniera e guardando nel nostro passato ci tornano in mente tutti i momenti vissuti fino ad ora, belli o brutti che siano, e capiamo che quei momenti non saranno più nostri e che di essi non ci è rimasto altro che il ricordo, come il folle genio Edgar Allan Poe scrisse in sui racconto dal nome Morella:

Gli anni; gli anni possono passare, ma il ricordo di quell’ora non passerà mai!

Ma d’altro canto nonostante noi ci teniamo ben stretti dentro di noi i ricordi, prima o poi il tempo si prenderà anche quelli perché esso va avanti, niente può fermalo e la cosa peggiore e che non guarda in faccia a nessuno: avanza come un uragano, portando con sé tutto ciò che trova, senza aspettare nessuno. Quindi anche la nostra memoria è messa a dura prova da esso, anche lei deve resistere contro gli orologi, le clessidre e le meridiane. Orologi che si sciolgono come i nostri ricordi nel tempo sono i soggetti che più saltano all’occhio nel celebre dipinto del surrealista Salvador Dalì chiamato La Persistenza della Memoria. La mollezza degli orologi quindi si riferisce alla fragilità e alla vulnerabilità della memoria umana e dell’uomo al tempo stesso. Il pittore d’altronde definisce il tempo come “la dimensione delirante e surrealista per eccellenza” nella quale l’uomo non può far altro che perdersi ed impazzire.

La canzone termina con disperate invocazioni al tempo e al suo continuo ed incessante “svanire lontano”, dopo quasi otto minuti da brivido e si chiude in modo lento e pacato, come la quiete sopraggiunta dopo la tempesta.

Time fades away
And I fade away
And I´ll never be the same
TIME! Fades away!
When time fades away!
And I´ll never feel the same
And I fade away!
When time fades away!
And I´ll never feel the same.


Il tempo svanisce
E io svanisco
E non sarò più lo stesso
Tempo! Svanisce!
Quando il tempo svanisce!
E io non mi sentirò mai lo stesso
E io svanisco!
Quando il tempo svanisce!
E io non mi sentirò mai lo stesso.


Arrivati alla fine di questi meravigliosi versi cosa resta da fare? La risposta più plausibile sembra essere che bisogna vivere cercando di portare con sé più ricordi possibili, in modo tale da riuscire ad avere qualcosa anche quando il tempo ci avrà portato via tutto. Ricordare quei momenti di cui si è sperato che non finissero mai, momenti che il tempo ha portato via solo fisicamente ma che ognuno continuerà a portare dentro di sé.

Potrei dunque dire a quell’attimo: "Fermati dunque, sei così bello!"
(J. W. Goethe, Faust)



Cristiano Elros
Giovedì 6 Ottobre 2016, 0.05.21
2
Bell'articolo e bella canzone dei Wintersun con un testo davvero davvero emozionante e malinconico.
Mandrake
Sabato 24 Settembre 2016, 21.31.35
1
Una delle più belle canzoni di tutti i tempi. Ad ogni ascolto sembra sempre di ascoltarla per la prima volta. Senza "tempo" .
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Jari Mäenpää
Clicca per ingrandire
Edgar Allan Poe
Clicca per ingrandire
Salvador Dalì
Clicca per ingrandire
I Wintersun
Clicca per ingrandire
Il Faust di Goethe
Clicca per ingrandire
La band in live
ARTICOLI
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]