Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Fatal Portrait - Marduk
Clicca per ingrandire
I Marduk agli esordi
Clicca per ingrandire
Dark Endless
Clicca per ingrandire
Opus Nocturne
Clicca per ingrandire
Legion
Clicca per ingrandire
Panzer Division Marduk
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

CONCERTI

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

FATAL PORTRAIT - # 23 - Marduk
26/09/2016 (1099 letture)
Irriverenti, violenti e blasfemi. I Marduk, fin dai loro esordi, risalenti agli inizi degli anni Novanta, furono in grado di farsi riconoscere all’interno di quella nascente scena che oggi viene catalogata come la Second Wave of Black Metal. Non provenienti dalla terra del black metal per antonomasia, ma bensì dalla vicina Svezia, patria degli indimenticabili Bathory, i nostri anno dopo anno riuscirono sempre di più a scalare l’Olimpo del metallo nero, o meglio a discendere in profondità nelle viscere dell’inferno più oscuro, sfornando album che entreranno nella storia del genere, nonostante i diversi cambi di line-up avvenuti durante tutto il corso della loro più che ventennale carriera. Ora bando alle ciance e lasciate che venga introdotta la mostruosità della band “più violenta e blasfema mai esistita”, riportando le parole del chitarrista fondatore Morgan Steinmeyer Håkansson, attraverso quindici capolavori della loro discografia.

1. Departure From The Mortals
Già presente nella prima demo del 1991, non passata inosservata grazie al suo artwork raffigurante una donna senza veli intenta a masturbarsi con un crocifisso, e ripresentata nel full-length di esordio un anno dopo, Dark Endless, si apre con un lento riff in crescendo che poco dopo esplode, accompagnato da un blast beat da paura, in un riff fulmineo, lancinante e violento. Fa quasi male. Lo scream di Andreas "Dread" Axelsson è diretto e marcio e in questo caso è deputato in appena due versi e due ritornelli a declamare morte. Il brano, come d’altronde tutto l’album, puzza di death metal, influenza che il gruppo svedese andrà progressivamente a lasciarsi alle spalle, già dal successivo Those Of The Unlight, pubblicato nel 1993. Il biglietto da visita, intanto, colpisce nel segno.

2. Burn My Coffin
Oscurità, dolore, morte. A volte queste tre tematiche così tanto affini all’uomo vengono usurpate e perdono il loro profondo significato. I Marduk riescono però sempre a coniugarle alla perfezione, unendole fra di loro senza sminuirle singolarmente. Queste sono appunto il cuore di Burn My Coffin, quinta traccia di Those Of The Unlight. Un riffing dal quale la band prenderà spunto per i lavori futuri, un drumming marziale, le irreali e strazianti urla di Joakim Af Gravf, un assolo a metà fra la melodia e la distorsione e una rallentata parte finale fanno sì che questo sia uno dei brani più rappresentativi del periodo pre-Legion, con il quale i nostri iniziano la loro discesa agli inferi.

3. Deme Quaden Thyrane
1994. Anno entrato nella storia del black metal. Anno che ha visto band quali Mayhem, Darkthrone, Satyricon, Burzum e Gorgoroth marchiare a sangue il metal estremo. Anno in cui anche gli stessi Marduk si rendono protagonisti, pubblicando Opus Nocturne, album storico della formazione scandinava e più in generale del genere che esso rappresenta, ma che non riuscì però a spiccare forse a causa delle contemporanee -e più che note- produzioni norvegesi. All’interno di questo particolare platter, ecco Deme Quaden Thyrane. Il brano inizia con un lento e soffocato riff al quale seguiranno batteria e basso, con Joakim Af Gravf che, questa volta, inizia a cantare in voce pulita, quasi a voler narrare le gesta del protagonista della composizione, Vlad III di Valacchia, meglio conosciuto come Conte Dracula. Violentissimi riff si susseguono uno dopo l’altro, progressivamente sempre più feroci, accompagnati da un blast beat a dir poco sopraffino. I Marduk presenteranno questa canzone in una versione ancora più fredda e annichilente in Nightwing, con alla voce però Legion, entrato in formazione col successivo Heaven Shall Burn...When We Are Gathered, dato alle stampe nel 1996.

4. The Black Tormentor Of Satan
Questa composizione si apre in medias res ed è caratterizzata da un riff principale e dal blast beat che si caratterizzano per due, istantanei aspetti: sono infatti entrambi tremendamente claustrofobici e al fulmicotone. La prova vocale di Legion è paurosa: uno scream grezzo, violento, marcio, in grado di colpire immediatamente l’ascoltatore e ad offrire ai Marduk quella dose di personalità che permetterà loro di spiccare sulla scena internazionale. Questo brano anticipa inoltre i canoni che i nostri manterranno durante quasi tutto il periodo con tale frontman, salvo qualche caso sporadico: canzoni violenti, tiratissime e dalle tematiche che oscillano dal satanismo alla guerra, dall’oscurità alla violenza, il tutto declamato dallo scream del singer, mai noioso, nonostante non brilli per varietà.

5. Dracul Va Domni Din Nou In Transilvania
Sempre parlando di Dracula e delle sue diavolerie, il quartetto di Norrköping sceglie questa volta di utilizzare una canzone dalle ritmiche rallentate, non che questo la renda meno cattiva delle altre. Anzi. Riffing lento e monolitico, batteria che accelera solo sporadicamente attraverso la doppia cassa e uno scream che richiede una descrizione tutta per sé: per quanto lo si possa definire "cattivo" e "annichilente" non lo si può comprendere fino a quando non lo si ascolta più volte per assimilarlo al meglio. Cotanta mostruosità non è approcciabile in tempi brevi e si rivela all'ascoltatore sempre di più ogni volta che la si ascolta. Sicuramente poche formazioni militanti nel 1996 presentavano una voce altrettanto cruda e maligna e tale caratteristica non passò dunque inosservata, diventando al contrario un punto di riferimento ed ispirazione negli anni successivi.

6. Panzer Division Marduk
Nel 1999, a seguito della pubblicazione di Nightwing, avviene la svolta che permetterà ai Marduk di scrivere una delle pagine più spietate del black metal. Sotto la Osmose Production, in cui i nostri militano dal 1993, viene pubblicato Panzer Division Marduk. In appena mezz’ora, gli svedesi confezionano otto pezzi caratterizzati da una violenza spregiudicata. Ogni brano è una fucilata, un colpo di cannone. L’album è un carro armato che avanza inarrestabile, proprio come rivelato già dall’artwork. Ed è proprio la titletrack a racchiuderne tutta l'essenza. È schifosamente esagerata. Dopo urla e spari iniziali, ogni strumento crea infatti un muro del suono impenetrabile: la chitarra è velocissima, una dannata lama forgiata nei più osceni meandri dell’animo umano; il drumming ormai lo conosciamo, c’è poco da dire riguardo la sua magnificenza. Ma è Legion qui a dettare legge: con il suo scream più irruento che mai ci sbatte in faccia tutta la brutalità della guerra e tutto ciò che la riguarda, senza tralasciare l’odio verso il cristianesimo e verso la razza umana. I versi finali recitano:

Panzer division Marduk continues its triumphant crusade
Against christianity and your worthless humanity


L’odio verso il cristianesimo è stato e sarà un tema caro al gruppo, anche all’interno stesso di questo album. Il primo verso suona quasi profetico: nessuno è ancora riuscito a fermare la Panzer Division Marduk. Essa, con i suoi rappresentanti e seguaci, continua la sua crociata, album dopo album, urla dopo urla, inarrestabile.

7. Christraping Black Metal
Il titolo parla da solo, inutile girarci intorno. Il testo è l’apoteosi della violenza mardukiana e blasfemo come pochi, comprensibile anche solo osservando l’artwork prodotto per questa canzone, che venne poi stampato su migliaia di felpe, magliette e gadget vari, raffigurante un demone femminile intento a praticare sesso orale con il figlio di Dio crocifisso, raggiungendo l’apice del sacrilego, alla pari con il testo di Jesus Christ…Sodomized, presente nel successivo La Grande Danse Macabre. La traccia non si distacca più di tanto dagli altri brani dell’album, di primo impatto tutti simili fra loro, ma sicuro rappresenta una tappa obbligatoria della discografia degli svedesi in quanto racchiude al meglio il già citato intento iniziale del chitarrista fondatore: creare la band più violenta e blasfema di sempre. Inoltre, ad arricchirre il tutto, durante gli ultimi secondi della canzone viene riportata la frase presente nel film L’Esorcista, recitata dalla bambina posseduta proprio durante l’esorcismo: “Your mother sucks cocks in Hell”.

8. La Grande Danse Macabre
Dopo il capitolo riguardante il “sangue”, rappresentato da Nightwing, e dopo quello sulla “guerra”, narrato in Panzer Division Marduk, il gruppo chiude il trittico con quello riguardante la “morte”. La Grande Danse Macabre, titletrack dell’album, è una traccia più marziale e più rallentata delle altre fino ad ora presentate ma anche la più lunga, con i suoi otto minuti abbondanti recupera la tradizione di brani come Dracul Va Domni Din Nou In Transilvania, senza però forse quella sfacciataggine e immediatezza che lo caratterizzava. La canzone racchiude inoltre gli unici versi in svedese mai scritti dalla band, declamati, o meglio sbraitati, dall’ormai più che celebre Legion, quasi in chiusura. Tale stile maggiormente rallentato verrà ripreso soprattutto con l’arrivo di Mortuus, avvenuto in seguito all’abbandono di Legion, che preferì dedicarsi alla famiglia. Erik le tue urla non saranno mai dimenticate, mai.

9. Life’s Emblem
Dopo il citato abbandono di Legion avvenuto dopo la pubblicazione di World Funeral, Morganrecluta Hans Daniel Rostén, in arte Mortuus. Il suo scream, per quanto meno spietato e diretto, risulta più corposo e versatile, tant’è che col tempo permetterà ai Marduk di lanciarsi in diverse sperimentazioni, uscendo un po’ dai canoni in cui si erano infossati. Plague Angel rappresenta infatti un punto di passaggio e di cambiamento. L’album infatti si può classificare come una fusione fra i classici canoni del gruppo e il novello vocalist. Fra le tracce di questo album spicca su tutte Life’s Emblem. I riff alla Panzer Division sono accompagnati dalla cupa e distorta voce del nuovo singer che non fa sentire per nulla la mancanza di quello precedente, dimostrando così come la band fosse uscita indenne dall'abbandono di Legion e avesse ancora molto da dire, senza necessariamente dover abbassare il tiro. Questo cambio ai vertici appare dunque come una ondata di aria fresca, che permette al combo scandinavo di ripartire più forte che mai.

10. Limbs Of Worship
Mortuus già dal secondo album in casa Marduk è perfettamente integrato fra le fila del plotone. Rom 5:12 risulta quindi un capolavoro grazie ai suoi brani abbastanza diversificati fra loro che non trasmettono mai noia all’ascoltatore. Limbs Of Worship è distorsione pura, dalla voce alla batteria, passando da riff minimalisti accompagnati ad un basso che si ritaglia la sua sporca parte come mai si era visto prima, andando a creare passaggi quasi ibridati con il death metal.

11. Accuser/Opposer
Oltre ai classici pezzi veloci e violenti, Rom 5:12 presenta due tracce più lente rispetto alle altre. Tale approccio era già stato sperimentato con il nuovo singer in Plague Angel nella traccia Perish In Flames e verrà riproposto diverse volte nel corso degli album successivi, ma in questo full-length i Marduk raggiungono un alto livello con brani quali Imago Mortis e Accuser/Opposer. Quest’ultimo è un vero e proprio capolavoro. Si apre con la formula dell’esorcismo recitata in latino, mentre la chitarra entra prepotentemente, gelida e premonitrice. Segue la batteria lenta e marziale, con il basso che accompagna e amalgama il tutto. La voce di Mortuus esplode poi in un urlo distorto, in perfetto sincrono con il riffing. I versi iniziano ad essere declamati e di fronte ai nostri occhi c’è orrore, puro orrore. La traccia non lascia scampo nonostante i suoi tempi per nulla estremi e viene inoltre arricchita dalla partecipazione di AA. Nemtheanga, degli irlandesi Primordial, intento ad affiancare il frontman degli svedesi durante l’intera durata della canzone, che va infine a chiudersi con canti gregoriani ed aulici versi ecclesiastici.

12. Funeral Dawn
Un lentissimo avanzare funereo da inizio a questa bellissima canzone, per certi versi piuttosto vicina al doom, genere ai quali i nostri si accostano abbastanza con Wormwood, uno degli episodi meno classici e più sperimentali, ma anche uno dei più malati e controversi, della loro carriera. Questa composizione rimane sul suo slow-tempo per tutta la sua durata, interrompendosi verso la metà per lasciare spazio ad un duetto fra lo scream di Mortuus e il basso di Devo. La chitarra è granitica, la batteria è marziale e il solito malato, distorto ed irruento scream si ritaglia tutta la sua parte senza mai annoiare, nonostante il brano possa apparire leggermente monotono per certi versi, ma forse è proprio questo che lo rende magnifico, tanto che non è facile dimenticare l'urlo Funeral Dawn!, che si andrà ad depositare dritto nella mente dell'ascoltatore, divorandola giorno dopo giorno e ascolto dopo ascolto.

13. Into Utter Madness
“Dentro un’assoluta follia”. Nessun titolo sarebbe stato più azzeccato per una traccia del genere. Dopo qualche secondo la batteria apre le danze tenendo altissimi i ritmi, che non rallentano mai, non lasciando scampo. La chitarra gioca quasi -solo per il momento- un ruolo “secondario”, sopraffatta sia dalla batteria che dal basso, ormai colonna portante del gruppo.

Enter now - the joyous light
That shall lead you into darkness
Into Utter Madness - and into "out of reach"
...and your name shall be "Without"


Mortuus declama questi versi con uno scream quasi pacato, chitarra e batteria rallentano mentre il basso rimane a fare il suo sporco lavoro di sottofondo. Quest’ultimo e la batteria lasciano spazio alla chitarra lasciata sola prima della tempesta. Quanto segue è un putiferio. Un blast beat fulmineo, un riff lancinante quasi melodico di pochissime note, mentre il frontman vomita tutta la sua la sua cattiveria sul microfono. La chitarra stride, sembra soffrire e chiedere aiuto, ma l’ascoltatore è oramai intrappolato nel vortice creato dalla canzone. Non c’è via di fuga. Riprendono i versi sempre accompagnati da tempi velocissimi e urla strazianti. Il tutto suona premonitore. Il singer sbraita come non mai, la chitarra è di nuovo lasciata sola ma presto verrà seguita da una batteria chirurgica mentre continua il suo riff folle. Il basso si fa sentire sempre di più e diventerà poi protagonista della chiusura della traccia. Into Utter Madness lascia l’ascoltatore sudato e turbato. Pura follia musicale.

14. Temple Of Decay
Addentrandoci sempre progressivamente nella discografia più recente, ci imbattiamo in Serpent Sermon col quale i nostri abbandonano le tematiche belliche o medievaleggianti tanto amate e qualsiasi sperimentalismo, lasciando posto a brani classici riguardanti satanismo e pura blasferia. Fra le dieci tracks, più una bonus, che compongono il platter, emerge Temple Of Decay. Questa rappresenta sicuramente il coronamento di quello stile rallentato di cui già tanto si già è detto. L’atmosfera creata dalle sei corde e dalla lenta batteria è lugubre e apocalittica, mentre la prestazione vocale di Mortuus conferisce ancora meglio queste caratteristiche al pezzo. Il tutto, liriche comprese, lasciano senza speranza, scaraventando l’uomo nella più profonda decadenza e dannazione, nella quale i Marduk ci accompagnano dal 1990.

15. Thousand-Fold Death
Il tema della guerra è sempre stato caro a Morgan Steinmeyer Håkansson, il quale è stato spesso in grado di confezionare versi pieni di violenza e cattiveria, come se esse fossero le sue principali personali muse ispiratrici. A distanza di anni dal famigerato Panzer Division Marduk, difatti, il combo porta alla luce un altro album totalmente incentrato sulla guerra: Frontschwein. A chiudere i cinquantadue minuti di pura violenza bellica, ecco questa Thousand-Fold Death, brano che sfiora i quattro minuti, ma che conserva tutta la brutalità proposta dai Marduk negli anni. Le liriche scelte per questa composizione, fruibili al meglio dopo un’attenta lettura, spaziano tra i temi più brutali, narrando di morte, di genocidio, di armi, di aerei che bombardano, del suono delle mitragliatrici e di città che diventano tombe. Il tutto va così a creare immagini terribili nella mente dell’ascoltatore, più di quanto un qualsiasi film o documentario di guerra possa fare. Tutta la cattiveria umana racchiusa in nemmeno quattro minuti. Che dire del comparto musicale? Meravigliosamente osceno. La canzone esplode subito, accompagnata dalla viva sensazione che ogni strumento sia alimentato al vetriolo. I riff sono proiettili che entrano nella pelle, il blast beat, più veloce che mai, si mantiene su ritmi altissimi, ricordando -non a caso- la precisione chirurgica di una mitragliatrice. In questo pezzo anche Mortuus stesso fa paura, gridando per tutta la durata della canzone, tenendo perfettamente testa ai tempi dettati dalla batteria ed offrendo dunque una prestazione sopraffina. Dopo un po’, la voce si interrompe per lasciare spazio alla chitarra, ma anche la sei corde "fa male", tutto il brano fa male. È impossibile non provare dolore. A metà la canzone rallenta quanto basta, ma non abbastanza per lasciare riprendere fiato. La chitarra torna a stridere e il bombardamento ricomincia. Non c’è scampo da tutta questa violenza. Quando la traccia termina la sensazione è quella di essere stati nel peggior inferno bellico, straziati e stravolti. Superfluo dire che questa prova dimostra che, nonostante la lunga carriera, la band non abbia mai abbassato la propria potenza di fuoco.

Tirando le somme, i Marduk sono sempre stati capaci di confezionare lavori di alto calibro, conciliando innovazione e tradizione, sapendosi alla bisogna migliorare e rinnovare, senza mai fallire. Un gruppo che rientra di diritto fra le più grandi realtà del black metal made in Sweden, e che di certo ancora oggi sembra prefiggersi lo stesso e già citato obbiettivo scelto all'atto della sua fondazione. Un "capitolo" obbligatorio, dunque, per qualsiasi persona ami definirsi blackster, ma anche un intrigante punto di partenza per chi non abbia ancora voluto approfondire questo genere così strettamente connesso ai meandri più oscuri dell’animo umano.

La leggenda narra che, quando Dead dei Mayhem venne trovato cadavere dopo il suo suicidio da Euronymous, quest’ultimo abbia preso parti del suo cranio e le abbia spedite a musicisti all’epoca militanti in diverse formazioni che egli riteneva promettenti e degne di nota, e che il chitarrista Morgan Steinmeyer Håkansson fosse proprio uno di questi. Forse Euronymous aveva già previsto tutto.



Fabio Yaaaaaaaahhhhhh
Lunedì 3 Ottobre 2016, 19.46.06
9
Estremi pure per gli standard del Black.Devastanti con Legion,violentissimi pure con Mortuus.Tra tutti i gruppi che ho ascoltato forse quello che si avvicina di più all'apocalisse in musica.Oltre ai due capolavori storici,metto al terzo posto "Opus Nocturne",che ha avuto solo la sfiga di uscire lo stesso anno di "Transilvanian Hunger" ma che comunque è un'esaltazione dell'oscurità.Da geni inserire "Materialized in stone"a metà album come a voler illudere l'acoltatore che ci sia uno spiraglio di calma in mezzo alla devastazione e la dolore che pervadono l'album.Molto ma molto buono anche Panzer Division Marduk ma non lo sceglierei tra gli album per rappresentare la band.Canzoni migliori "Black Tormentor of Satan" e "Dracul Va Domni Din Nu in Transilvania".Forse mai più nessuno come loro
terzo menati
Giovedì 29 Settembre 2016, 18.28.07
8
I marduk stanno al Black come i cannibal stanno al Death: Violentissimi e bravissimi a suonare. Li ho cominciati a sentire con nightwing dove a parte slay secondo me sono notevoli i pezzi più rallentati o.marziali. La mia preferita del gruppo sicuramente deme quaden, sia prima versione opus nocturne che seconda. Poi sicuramente da citare baptism by fire da panzer e world funeral. Dell'era mortuus avrei citato Steel inferno, con video incluso....e la recente serpent sermon dove c'è una buona dose di melodia. L'ultimo lo devo ancora ascoltare, tranne la Title track che è sulla falsariga del precedente serpent sermon
Doomale
Giovedì 29 Settembre 2016, 17.46.46
7
Effettivamente un anno memorabile....come anche i due precedenti! Cmq grandissimi Marduk, anche io preferisco il periodo Legion o Joackim..ma forse perche' ci sono cresciuto. Ma loro ad onor del vero si sono tenuti su livelli elevatissimi pure con Mortuus! Avessero avuto tutti la loro ispirazione...o la sua dato che il mastermind e' sempre stato Morgan..avremmo avuto piu capolavori pure dagli altri!
lisablack
Giovedì 29 Settembre 2016, 17.26.56
6
Doomale, infatti a me piacciono di più i Marduk dei primi album, anche Nightwing era molto bello. Anch'io conosco a memoria Heaven Shall burn..aah! Che anno il 96! Uscivano Nemesis Divina, Moon in the Scorpio..che anno per il Black!
Doomale
Giovedì 29 Settembre 2016, 15.39.06
5
@Lisa, quel disco (Heaven shall burn) l'ho letteralmente scartavetrato a forza di ascolti.. Anche per me uno dei miei loro preferiti..se non il.. Insieme a Opus e Those. Pensa che a distanza di tutti questi anni ricordo ancora quasi tutti i testi a memoria...quasi pero'! Vidi anche il tour all'epoca con i Gehenna e i Mysticum mi pare....grandissimi!
lisablack
Giovedì 29 Settembre 2016, 13.33.02
4
Li adoravo..Heaven Shall burn per me album "storico". Panzar invece mi è piaciuto ma non così tanto. Bell'articolo, brani miei preferiti Legion, Sulphur Souls, Slay the Nazarene..
the wanderer
Giovedì 29 Settembre 2016, 13.00.01
3
Grandi Marduk, vedo l'assenza di World Funeral, a mio avviso uno dei dischi più belli dell'era Legion!!!!
Buried Alive
Lunedì 26 Settembre 2016, 22.46.01
2
Attualmente e da almeno 15-20 i migliori tra i big del black metal, con Mortuus poi sono rinati a nuova vita (o morte?).
Doomale
Lunedì 26 Settembre 2016, 9.08.41
1
Una delle migliori band Black ancora oggi in circolazione, senza dubbio. Ottimi tutti i brani da te scelti, ma The Black tormentor of Satan rimarra' sempre tra le mie glorie, assieme a Deme Quaden Thyrane. Accuser / Opposer per il nuovo corso Mortuus.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La Grande Danse Macabre
Clicca per ingrandire
Mortuus
Clicca per ingrandire
Plague Angel
Clicca per ingrandire
Rom 5:12
Clicca per ingrandire
Frontschwein
Clicca per ingrandire
I Marduk oggi
ARTICOLI
20/11/2017
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 31 - Satyricon
24/10/2017
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 30 - Moonspell
02/10/2017
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 29 - Emperor
08/09/2017
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 28 - Agalloch
19/06/2017
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 27 - Dimmu Borgir
07/06/2017
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 26 - The Cult
23/03/2017
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 25 - Bathory
30/10/2016
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 24 - Helloween
26/09/2016
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 23 - Marduk
17/06/2016
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 22 - Tool
29/04/2016
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 21 - Immortal
28/03/2016
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 20 - Pantera
01/03/2016
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 19 - Sepultura
17/02/2016
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 18 - Kreator
21/01/2016
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 17 - Savatage
19/01/2016
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 16 - Deep Purple
20/11/2015
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 15 - Megadeth
03/11/2015
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 14 - Mercyful Fate
20/10/2015
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 13 - Kiss
09/10/2015
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 12 - Led Zeppelin
23/02/2015
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 11 - Scorpions
30/12/2014
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 10 - Guns N` Roses
25/11/2014
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 9 - Queen
27/10/2014
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 8 - AC/DC
22/08/2014
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 7 - Motorhead
18/03/2014
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 6 - Metallica
16/02/2014
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 5 - Manowar
21/11/2013
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 4 - Death
23/10/2013
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 3 - Judas Priest
07/10/2013
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 2 - Slayer
04/09/2013
Articolo
FATAL PORTRAIT
# 1 - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]